Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘marocco’

Tamponi per chi entra in Egitto,Tunisia e Marocco

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 agosto 2020

Foad Aodi(Amsi) dichiara: nei prossimi giorni obbligatorio avere un tampone delle ultime 72 ore per chi entra in Egitto ,Tunisia e Marocco Amsi e Umem, Co-mai e UxU ;Rischio mondiale per colpa dei contagi d’importazione ,turismo e apertura delle Scuole .Proponiamo Scuola a Giorni alterni il primo mese. Cosi l’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e l’Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) ,La Comunita del mondo arabo in Italia ( Co-mai) insieme al Movimento Uniti per Unire(UXU) continuano a monitorare e seguire la situazione italiana ,migranti e quella mondiale grazie ai nostri rappresentanti e medici locali e confronti Televisivi giornarieri di continuo ; Ecco le ultime notizie;
1) dal 01.09 obbligatorio avere un tampone (Pcr) delle ultime 72 ore negativo per entrare in Egitto e dal 26.08 per entrare in Tunisia e in vigore anche per il Marocco e nei numerosi paesi a rischio rientro dalle vacanze;
2) aumenta la percentuale dei contagi d’importazione nel mondo e supera il 55%;
3) In Italia la percentuale dei contagi d’importazione supera il 70% concentrato da 15 paesi;
4)si conferma la percentuale del 6% dei migranti e cittadini di origine straniera contagiati in totale tra Luglio e Agosto di cui il 2% migranti irregolari;
5) tanti cittadini di origine straniera arrivano a fare 3 volte il tampone per risultare negativi;
6)la media dell’età di tutti i contagiati ad agosto è 40 anni nel mondo è 35 anni in Italia ;
7)in tanti paesi hanno dovuto richiudere le scuole per colpa di assenza di prevenzione e il rispetto del distanziamento ed i controlli degli studenti asintomatici che hanno contagiato i loro insegnanti;
8)è rafforzata la rete sanitaria e medica dell’Umem e Amsi nei 72 paesi che ci forniscono tutti i giorni dalle ore 09.00-11.00 ultimi aggiornamenti e statistiche e novità locali e mondiali;
9)Stanno aumentano i contagi in Libano per colpa della situazione politica e sanitaria e ci sarà una chiusura di 2 Settimane;
10) i contagi stanno aumentando in Libia per colpa dell’emergenza sanitaria permanente.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs to attend UN conference on migration in Morocco

Posted by fidest press agency su domenica, 9 dicembre 2018

Marrakech, Morocco, on 10-11 December 2018 conference on migration. A European Parliament delegation participates in the UN intergovernmental conference on migration. The delegation, led by Linda McAvan (S&D, UK), will represent the position of the European Parliament at the conference to adopt the UN Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration. From the outset, the Parliament has supported the goals of the 2016 New York Declaration for Refugees and Migrants and the related process as a unique opportunity to establish a global governance regime and to enhance coordination on international migration.
The resolution on 18 April 2018 insists that the compact for migration “should be people-centred and human rights-based, and should provide for long-term, sustainable and comprehensive measures, for the benefit of all parties involved, building on the principle of partnership and strengthened cooperation among countries of origin, transit and destination”. It should protect the most vulnerable (women and children, unaccompanied minors), prevent human rights abuses, and be based on partnership with a broad range of stakeholders, the Parliament stated.The members of the EP delegation are the following:
Linda McAvan (S&D, UK), chair of the development committee and of the EP delegation
Pier Antonio Panzeri (S&D, IT), chair of the human rights committee
Anna Maria Corazza Bildt (EPP, SE), civil liberties committee
Željana Zovko (EPP, HR), development and foreign affairs committees
Cécile Kyenge (S&D, IT), civil liberties and development committees
Elena Valenciano (S&D, ES), foreign affairs and human rights committees
Judith Sargentini (Greens/EFA, NL), civil liberties and development committees
Laura Ferrara (EFDD, IT), civil liberties and human rights committees
Udo Voigt (NI, DE), civil liberties committee
“The Global Compact that will be agreed next week is an important step towards creating an international system to better manage migration and cut the amount of people migrating via dangerous, illegal routes. Whilst a number of EU countries are shamefully refusing to sign the voluntary Compact, the European Parliament’s presence in Marrakesh is a symbol of the EU’s strong support of the UN process,”, said Linda McAvan (S&D, UK) before the delegation left for Marrakesh.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marocco: Itinerari storico-turistici e la sua organizzazione industriale ed economica

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 luglio 2018

Il Marocco, geograficamente parlando, è il territorio che partendo dalla parte africana del Mediterraneo si trova più a ovest. Il Paese, infatti, si stende in gran parte lungo le acque dell’oceano Atlantico da Tangeri fin giù verso il Sahara occidentale.
E’ una regione che conserva inalterata il suo fascino e la sua potenza di attrazione immersa com’è nella dolcezza del suo clima, dalle sfumature da arcobaleno dei suoi tramonti alla luminosità perfetta degli azzurri cieli tersi. Anche il Marocco, come la Tunisia e la Libia, non si dissocia dai segni del suo passato dalla sua capitale Rabat con le mura degli andalusi, la Moschea dell’artigianato, il Museo e la porta degli Andaiai, i giardini e la torre di Hassam, il palazzo reale, le vie e i souks della kasbah. Ma la storia degli antichi fulgori se da una parte ci affascina e ci inebria, dall’altra non deve distrarci da altri aspetti che ci devono far riflettere. Il Marocco e gli altri Paesi della costa occidentale africana come l’Algeria, la Tunisia, la Libia e l’Egitto, hanno in se grandi potenzialità nel turismo, nei commerci e nell’artigianato che vanno utilizzati al meglio ma non “sfruttati”.
Ecco perché s’impone un rapporto diverso tra i paesi dell’Europa meridionale e del Nord essendo dotati di un’organizzazione industriale ed economica più articolata e complessa rispetto a quelli che si presentano oggi sull’opposta sponda dello stesso mare. Prima di tutto per evitare che gli errori degli uni si riversino sugli altri e poi perché s’impari a gestire le proprie ricchezze senza lasciarsi suggestionare o influenzare da quelle “altrui”. Il discorso, ovviamente, riguarda le scelte possibili di strategia imprenditoriale, viste nella loro globalità, e non i modelli messi a punto da un singolo o da gruppi d’imprenditori. Lo stesso vale per quelle logiche che potrebbero portarci a una forma di sviluppo industriale intensivo capace solo di deturpare l’ambiente e di struggere l’artigianato locale senza esaltarlo.
Il primo aspetto è proprio quello di capire che solo dalla “divisione dei compiti”, con l’introduzione di un sistema articolato di relazioni industriali e commerciali e alla diffusione di rapporti culturali e di buon vicinato, è possibile portare a compimento un disegno unitario nell’interesse delle popolazioni amministrate e dell’ambiente.

Posted in Confronti/Your and my opinions, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Saharawi: Corte di Giustizia UE riafferma che il Sahara Occidentale non è parte del Marocco!

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 marzo 2018

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) saluta il verdetto della Corte di Giustizia dell’Unione europea riguardante la disputa sulla validità dell’accordo di pesca tra Unione Europea e Marocco. La Corte europea ha riaffermato che il Sahara Occidentale non è parte del territorio del Marocco. Il verdetto costituisce una netta sconfitta per il Marocco che fin dall’occupazione illegale dell’ex colonia spagnola tenta di far riconoscere alla comunità internazionale il Sahara Occidentale come parte del territorio del Marocco. Per i Saharawi il verdetto invece è una vittoria che pone fine allo sfruttamento ittico davanti alle coste del Sahara Occidentale senza il consenso dei Saharawi. Finora il maggiore beneficiario della pesca davanti alle coste del Sahara Occidentale era proprio l’Unione Europea grazie ad un accordo di pesca siglato con il Marocco. Attualmente i termini dell’accordo, in scadenza per il prossimo 14 luglio 2018, sono oggetto di trattative tra l’Europea e il paese nordafricano.Il verdetto sfavorevole al Marocco non è stata una sorpresa. Già lo scorso 10 gennaio 2018 l’avvocato generale della Corte europea Melchior Wathelet aveva raccomandato di annullare l’accordo di pesca tra UE e Marocco poiché l’accordo includeva la regione del Sahara Occidentale. L’odierno verdetto non annulla l’accordo ma ne limita l’applicazione escludendo di fatto le acque territoriali del Sahara Occidentale.Da anni i Saharawi sono in conflitto con il Marocco per lo sfruttamento delle risorse del Sahara Occidentale occupato. Se per i Saharawi lo sfruttamento delle risorse nella regione è illegale e viola il diritto internazionale, il Marocco, che considera quel territorio proprio, continua invece a sfruttare le risorse senza pagare alcuna forma di risarcimento. Secondo i consulenti legali delle Nazioni Unite, qualunque prelievo di risorse naturali o lo sfruttamento agricolo di un territorio occupato illegalmente deve sottostare a condizioni particolarmente severe. Solitamente lo sfruttamento continuo del territorio occupato è considerato legale solo se il profitto derivante va a beneficio della popolazione tradizionalmente insediata nella regione.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maschilità egemoni e maschilità subalterne in Marocco. Lo sguardo dell’antropologia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Maggio 2017

Roma. Martedì 23 Maggio 2017, ore 15:00 Dipartimento di Scienze Politiche, Sala del Consiglio Via G. Chiabrera 199. Nell’ambito del Master in Antropologia Pubblica (http://antropologiapubblica.org), e in collaborazione con il Dottorato in Scienze Politiche, sezione Studi di genere, si svolgerà il seminario aperto a tutte e tutti di Gianfranco Rebucini, antropologo dell’Ecole des hautes études en sciences sociales-Ehess di Parigi dal titolo Maschilità egemoni e maschilità subalterne in Marocco. Lo sguardo dell’antropologia, frutto di una lunga esperienza di ricerca sul campo. Introduce Michela Fusaschi, Dipartimento di Scienze Politiche; conclude Francesco Pompeo, Dipartimento di Scienze della Formazione. http://antropologiapubblica.org

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il centro che tratterà in Marocco bambini con malattie cardiache congenite

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 dicembre 2016

cardiologiaE’ frutto dell’impegno di una fondazione umanitaria italiana, l’EHC (European Heart for Children) con sede a Nizza presso la Società Europea di Cardiologia, il primo e unico centro che tratterà in Marocco bambini con malattie cardiache congenite, che riguardano ben 5.000 nuovi casi l’anno. L’unità operativa sarà realizzata nel prossimo anno e gli interventi sui piccoli pazienti con equipe formate e strumentazioni di grande livello saranno possibili già nel 2018. L’annuncio in chiusura dei lavori del 77 congresso Sic svoltosi a Roma alla presenza di 2.500 specialisti, sotto la presidenza del prof. Francesco Romeo che ha aderito con entusiasmo al progetto umanitario della Fondazione EHC.
“Ho concepito l’idea di questa Fondazione durante il mio incarico di presidente della Società Europea di Cardiologia – spiega il prof. Roberto Ferrari, direttore della Cardiologia dell’Università di Ferrara e membro del Board di EHC – dal 2009, grazie ai fondi raccolti durante congressi e da singoli benefattori, abbiamo visitato oltre 2100 bambini, quasi 300 quelli operati e salvati, 9 portati in Italia per interventi chirurgici complessi. Grazie a borse di studio, sono stati formati medici e personale sanitario che hanno prestato la loro opera in paesi tormentati come Iraq del Nord, Siria, Tunisia, Haiti, Camerun, Romania, Egitto e Marocco. E proprio in questo paese ora stiamo iniziando la costruzione di una sede nell’ospedale CHU Ibn Rochd di Casablanca, dove, una volta completati i lavori, potremo trattare gratuitamente i bambini affetti da malattie cardiache congenite. Prevediamo 500 interventi l’anno, che diventeranno 1.000 nel tempo.”
Nel board della Fondazione, oltre al prof. Ferrari, alla regista Claudia Florio, al presidente ESC Francisco Pinto e al responsabile del Dipartimento di Cardiologia del prestigioso ospedale Pitiè – Salpetriere di Parigi, Michel Komajda, ora è stato eletto il prof. Francesco Romeo, presidente uscente di SIC. “Con l’entrata del prof. Romeo nella nostra Fondazione – afferma il prof. Ferrari – anche la SIC assume una nuova dimensione: una moderna società scientifica deve occuparsi di portare avanti il proprio ruolo scientifico, educazionale ed organizzativo, ma non deve dimenticare l’aspetto umanitario.” (foto: cardiologia)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rifiuti italiani esportati in Marocco?

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

foto maroccoGreenpeace Italia ha scritto lo scorso 6 luglio una lettera al ministro dell’Ambiente per chiedere chiarimenti sulla natura delle diverse tonnellate di rifiuti italiani che, secondo quanto riportato da diversi media, sarebbero stati trasportati di recente in Marocco. Al momento nessuna risposta ci è pervenuta dal ministro Galletti.Secondo gli accordi internazionali in vigore, l’Italia, in quanto firmataria della Convenzione di Basilea, non può in nessun caso esportare rifiuti pericolosi verso altri Paesi non OCSE. Per esportare tipologie di rifiuti considerati non pericolosi, ovviamente l’Italia ha il dovere di rispettare eventuali divieti contenuti nelle leggi del Paese importatore. Ad esempio, poiché il Marocco ha ratificato il Protocollo di Smirne della Convenzione di Barcellona, le norme di importazione dei rifiuti in questo Paese sono particolarmente severe ed escludono, ad esempio, materiali derivanti dalla raccolta indifferenziata di rifiuti solidi urbani e rifiuti infiammabili come gli pneumatici fuori uso.«Se, come riferito dai media, l’Italia ha davvero esportato in Marocco rifiuti urbani e pneumatici fuori uso, saremmo in presenza di una palese violazione del diritto internazionale», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia. «Il trasporto nel Mediterraneo di rifiuti da incenerire è comunque un grave pericolo per l’ambiente. L’incenerimento di qualsiasi tipo di rifiuti dovrebbe essere vietato, per impedire l’immissione nell’ambiente di sostanze chimiche pericolose che potrebbero avere un grave impatto sulla salute delle persone e sugli ecosistemi», conclude.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’artista Hayat Saidi riceve l’Oscar dell’Arte della Biennale d’Arti Visive di Montecarlo

Posted by fidest press agency su martedì, 29 marzo 2016

Hayat SaidiHayat Saidi1Montecarlo. Hayat Saidi, ambasciatrice dell’arte marocchina in Italia, riceve l’Oscar dell’Arte della Biennale d’Arti Visive di Montecarlo.
Dopo 25 anni di creazione, di esposizioni e di successi in tutto il mondo, la pittrice marocchina Hayat Saidi è stata riconosciuta dai professionisti italiani del settore artistico con questo significativo premio, l’Oscar dell’Arte, assegnatole lo scorso 24 ottobre durante la cerimonia ufficiale da parte di una prestigiosa commissione italiana nel Salon Sincerity di Monte-Carlo Bay. Un traguardo notevole per un’artista che ha contribuito alla promozione dell’arte, favorendo con il Hayat Saidi2suo impegno sociale e culturale lo sviluppo dell’arte contemporanea del Marocco sul territorio internazionale. Non a caso alla scorsa edizione della Biennale di Firenze, Hayat Saidi è stata l’unica rappresentante del Marocco. Ma non è tutto.Ulteriori riconoscimenti per Hayat Saidi in Italia arrivano l’11 dicembre a Roma con il Premio Michelangelo, il 9 gennaio a Firenze con il Premio Leonardo da Vinci e il 29 gennaio il Trofeo Mercurio d’Oro. La pittrice è stata insignita a Milano del titolo di Ambasciatrice dell’arte contemporanea, ha ricevuto il Premio Marco Polo durante la Biennale delle Arti a Venezia, ha vinto il terzo premio del 150 anniversario dell’Unità d’Italia e conseguito il Premio Internazionale della Biennale di Lecce 2010. Inoltre, il suo nome è entrato nell’archivio del Dizionario dell’Arte Larousse Drouot in Francia e nella nota rivista “Arte e Cultura”.Consensi di pubblico e di critica per Hayat Saidi arrivano anche dalla Francia, dagli USA, dalla Slovenia, dal Canada, da Dubai e dal Marocco stesso: l’artista, infatti, è stata riconosciuta come migliore rappresentante del Museum of the Americas, Medaglia di Bronzo all’Accademia Arti, Scienze e Lettere di Parigi, Premio d’onore a Cannes da Martina Picasso, Premio internazionale per il Marocco all’ottavo Trofeo Internazionale Ba-rocco, Ambasciatrice dell’arte marocchina a ARTITA in Slovenia.
Le sue opere appartengono a collezioni private, non soltanto in Italia e in Marocco, ma anche negli USA a Santa Fe.
Hayat Saidi è fondatrice del Women’s Art World, un concetto per la promozione e la valorizzazione della donna artista nel mondo, è anche fondatrice di Art’PMD (Art Peinture Musique et Développement Personnel). (Sabrina Falzone)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU-Morocco Fishing Partnership Agreement comes into force as new four-year Protocol agreed with Madagascar

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

marocco 2The EU’s Fisheries Partnership Agreement with Morocco, agreed last year, has now come into force following official ratification by Morocco. The EU vessels will receive certain fishing rights in Moroccan waters in return for financial assistance by the EU to develop the Moroccan fishery sector. The protocol is the second largest of its kind and belongs to a new generation of fisheries agreements after the reform of the EU Common Fisheries Policy, placing a strong emphasis on environmental sustainability. Elsewhere, the EU and Madagascar initialled a new 4 year-Protocol to the Fisheries Partnership Agreement, the EU’s second largest one in the Indian Ocean. This deal guarantees the continuation of Europe’s fishing operations beyond the expiry at the end of this year.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Export di marmi e graniti italiani nei primi otto mesi del 2011

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 dicembre 2011

Cave di marmo

Image by maurobrock via Flickr

Il risultato delle esportazioni italiane di marmi, graniti, travertini e altre pietre, sia grezzi sia lavorati, si è confermato all’interno di un trend positivo anche nei primi otto mesi del 2011 con un export di 2 milioni e 700 mila tonnellate per un valore di 1 miliardo 81 milioni e 800 mila euro in tutto, con un incremento, rispetto agli stessi mesi del 2010, pari al +4,7% in valore e con un -4,4% in quantità.I dati, su base Istat, sono stati elaborati, dall’ufficio studi dell’Internazionale Marmi e Macchine che, nel commento alle tavole statistiche, sottolinea la necessità di valutare con cautela i risultati statistici in quanto la pausa estiva, in particolare il mese di agosto, influiscono significativamente sui trend.Considerata questa doverosa premessa dalla lettura dettagliata delle tavole statistiche ( in allegato) si rileva che, se ci si limita alle voci più importanti per settore (marmi e graniti in blocchi, lastre e lavorati), appare, per la prima volta nel 2011, segno negativo sui volumi esportati mentre permane il segno “+” nel confronto sui valori. Le oscillazioni dei dati si riflettono soprattutto sui “lavorati”, dove si mantengono positivi i lavorati in granito, mentre faticano un po’ quelli in marmo e travertino mentre nelle esportazioni di blocchi, grezzi e semi grezzi, affiorano le difficoltà dell’area nord africana interessata fin dall’inizio di anno da profondi sconvolgimenti. Da tempo, infatti, la sponda meridionale del Mediterraneo rappresenta un’area molto importante per l’export di marmi, e le recenti vicende politiche e belliche incidono anche sul dato settoriale.
Oltre alla dinamica che tocca le voci relative alle classi più importanti dell’export italiano, è utile considerare anche le aree di mercato che maggiormente interessano il settore italiano delle pietre ornamentali.
L’Unione Europea, con i suoi 348 milioni di euro nei quali si sommano tutte le voci dell’export, presenta un trend migliore della media sia per i dati positivi di Germania e Francia, tra i Paesi più tradizionali, sia per l’export verso Polonia, Ungheria, Slovenia, Slovacchia e Svezia. Nell’Europa non comunitaria, che ha superato i 150 milioni di euro, hanno avuto un ruolo molto significativo la Svizzera con la Federazione Russa seguite dalla Croazia già significativa.
Il calo l’area africana, nel suo insieme, ma particolarmente il Nord Africa (dove l’Italia segna un export di 432.371 tonnellate per un valore di 54.845.562 ), fa prevedere una perdita su base annua è attorno al 25% sui valori e superiore al 27% sui volumi, mentre nell’area restano positivi solo Marocco e Algeria.
Il Nord America ( con gli USA in testa), mantiene il segno “meno”, sia pure per pochi decimali, rispetto al 2010, con 129.561 tonnellate per un valore di 173.594.415 , nonostante presenti un’importante ripresa delle voci di export relative ai blocchi e lastre, sia di marmo che di granito.
Con peso minore, anche se l’area è complessivamente in crescita, il Sud America, con saldo positivo grazie al Brasile, ma è positivo anche il Medio Oriente, per le importazioni di Arabia Saudita, Kuwait e Qatar.
Più complesso e contraddittorio il consuntivo dell’Estremo Oriente, che presenta valori in rialzo ma con volumi in calo per quasi tutte le voci, e soprattutto con tendenze incerte su India e Cina, dove reggono un po’ solo i marmi.
Si conferma contenuto, e positivo solo sui valori, l’export verso l’Oceania, dove l’Australia copre da sola l’intero flusso di materiali italiani verso l’area.
Le importazioni si presentano, nei primi otto mesi del 2011 sostanzialmente stabili: un milione e 200 mila tonnellate per un valore di 284 milioni 855.365 euro, con un calo sensibile per i grezzi di marmi e travertini, compensato da un leggero aumento dei graniti con un dato complessivo che, per il periodo considerato, necessita di una lettura più puntuale possibile solo nei prossimi mesi soprattutto perché il 2011 è profondamente segnato da avvenimenti esterni al settore e al Paese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I giovani a favore del popolo sahrawi

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2011

L’incontro “La rivolta dei giovani nel Sahara Occidentale”, tenutosi al Senato lunedì 24 gennaio 2011, ha messo in evidenza come la forza innovativa dei giovani sahrawi nei territori del Sahara Occidentale occupati dal Marocco, abbia dato alla protesta un orizzonte di speranza.
La discussione, promossa dall’Intergruppo parlamentare di amicizia con il popolo sahrawi e dall’Associazione nazionale di solidarietà con il popolo sahrawi, ha visto la partecipazione delle organizzazioni giovanili, dei partiti politici e del Forum Nazionale dei Giovani.
Al termine dei lavori, il Forum Nazionale dei Giovani ha proposto la costruzione di una rete di organizzazioni giovanili a favore del popolo sahrawi, mettendo a disposizione le proprie forze per portare all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni la questione del rispetto dei diritti umani e dell’autodeterminazione.   L’incontro ha prodotto dei risultati concreti: sono state sollevate le questioni del riconoscimento dello status di rifugiati ai sahrawi, dell’estensione del mandato della missione dei caschi blu dell’Onu presenti nel Sahara Occidentale, e della salvaguardia dei diritti umani della popolazione sahrawi. Inoltre è stato deciso che verranno inviate delegazioni di osservazione nei campi profughi in Algeria e nei territori occupati, mentre un’attenzione particolare verrà data alle discussioni in corso tra l’UE e il Marocco per il rinnovo di un accordo di pesca.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estate low cost in Marocco

Posted by fidest press agency su domenica, 30 Maggio 2010

Al Riad Sable Chaud, dimora di charme con cucina gourmand nel cuore della Medina di Marrakech, tutelata per la sua bellezza dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità: per luglio, agosto e settembre propone pacchetti free liberamente componibili del numero di notti che si desidera,  a partire da 85 €  per pernottamento e prima colazione per 2 persone,  con una serie di omaggi particolari. Chi sceglie 3 notti, ad esempio, ha il transfert gratuito dall’aeroporto, chi 5 o più sarà accolto con una golosa e raffinata cena di benvenuto. Per chi prenoterà il riad in esclusiva per almeno 3 giorni, a 345 € compresa la prima colazione, grande cena marocchina e altre sorprese. Il riad si trova nel cuore della Medina, vicino alla mitica piazza Djema El Fnâa e ai souk traboccanti di merci e profumati di spezie. Tradizionale dimora marocchina arredata con mobili antichi, oggetti d’arte, decorazioni in un sapiente mix fra spunti etnici africani e raffinatezza europea, ha 4 stanze da letto, improntate allo “spirito del Marocco” (non per niente si chiamano Africaine, Oasis, Bédouine, Touareg), profondamente diverse l’una dall’altra ed è apprezzato dai gourmet per la sua eccellente cucina. http://www.riadsablechaud.com,
Marrakech, città  imperiale, capitale del Sud marocchino e perla turistica del Regno, meta trendy del turismo internazionale, è da sempre località cosmopolita amata da viaggiatori, intellettuali, vip. Bastano  3 ore d’aereo dall’Italia e ci si trova immersi nella sua magica atmosfera, fatta di colori e profumi, giardini lussureggianti e grandi piazze,  palazzi principeschi e moschee, folle variopinte e caratteristici mercati a cui si affiancano (in un singolare melting pot) locali di tendenza, eleganti atelier di giovani stilisti, gallerie d’arte, raffinati e modernissimi parchi acquatici con piscine, ristoranti, musica. Marrakech è il punto di partenza ideale per andare alla scoperta dell’ Atlante, dominato dai 4167 m del Toublkal, la cima più alta dell’Africa del Nord (con i suoi splendidi trekking ), delle vallate di Draa (una delle più spettacolari oasi del sud marocchino), delle spettacolari gole di Todra e del Dadés, della Via delle Kasbhe e, ancora più a meridione, di Ouarzazate (la Hollywood del Marocco, set di film quali Laurence d’Arabia e Il Gladiatore ) e del deserto. (riad)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »