Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘maturazione’

La pittura napoletana dell’Ottocento

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 ottobre 2010

Milano, Galleria Bottegantica, 23 ottobre-23 dicembre 2010 A cura di Enzo Savoia  Le tappe fondamentali di questa grande stagione dell’arte italiana, che vide artisti “napoletani” (abruzzesi e pugliesi, calabresi, campani e siciliani) concorrere con toscani e lombardi, piemontesi e veneti alla maturazione e allo sviluppo di una pittura del “vero”, sono ripercorse nella bella mostra La pittura napoletana dell’Ottocento tra innovazione e internazionalità organizzata dalla galleria Bottegantica, a cura del suo direttore, Enzo Savoia, che avrà luogo nella sede di Milano di via Manzoni 45 dal 23 ottobre al 23 dicembre 2010, e allestita in anteprima in occasione della Biennale Internazionale di Antiquariato di Roma dal 1 al 10 ottobre.    Oltre a sottolineare gli aspetti “innovativi” della pittura napoletana, la rassegna dedica particolare importanza anche alla sua dimensione internazionale, e in particolare a quel filo diretto che legò Napoli a Parigi, grazie alla presenza cospicua dei mercanti francesi di passaggio per la città, che misero sotto contratto molti artisti, invitandoli a soggiornare per lunghi periodi nella capitale francese. Proprio la modernità dello spettacolo offerto da Parigi è la chiave di lettura di molte opere di Giuseppe De Nittis, Federico Rossano, Edoardo Tofano, Francesco “Lord” Mancini, Pietro Scoppetta e Ulisse Caputo che celebrano il ritmo veloce della vita nelle piazze e nei nuovi Boulevards di Haussmann, le corse ippiche a Longchamp, ma anche la bellezza sofisticata – tanto mondana e contemporanea, quanto ideale e immaginaria – delle parigine, protagoniste degli anni ruggenti della Belle Epoque.   A Parigi vissero la loro bohème artistica anche Antonio Mancini e Francesco Paolo Michetti, fautori, una volta fatto ritorno in Italia, di una pittura personalissima, ricca di colore e di effetti luminosi, capace di coniugare le predilette tematiche regionali a un gusto internazionale più elegante e ricercato, molto apprezzata dai collezionisti francesi, come pure da quelli inglesi e americani.
L’esposizione si conclude con un gruppo cospicuo di dipinti di coloro che furono gli indiscussi cantori della terra e del mare partenopeo: Vincenzo Migliaro, Giuseppe Casciaro, Attilio Pratella e Vincenzo Irolli, che con la loro opera traghettarono la pittura napoletana verso il Novecento.
Tra le opere più  rappresentative presenti in mostra, si ricordano: la scenografica Passeggiata davanti Palazzo Ducale di Vincenzo Caprile, datata 1905, in cui tutta l’atmosfera vibra del chiarore soffuso del cielo riflesso dalle acque della laguna veneziana; Alla toeletta, incantevole tela di Ulisse Caputo, che condensa con maestria l’acuta osservazione dell’intimità muliebre con lo studio sottile degli effetti luminosi; nel segno della pittura sfavillante di Mariano Fortuny sono invece le Sirene moderne, seducente capolavoro di Edoardo Dalbono, datato 1874, dal piacevole soggetto e dall’ampio taglio paesaggistico, risolto con una pittura luminosa, ancora in parte debitrice del verismo maturato a Resina; l’enigmatico, quanto elegante Prima del ballo di Giuseppe De Nittis, selezionato per la grande mostra dedicata al pittore di Barletta che si terrà entro fine anno al Petit Palais di Parigi; l’incantevole Bevo la birra di Antonio Mancini, eseguita nel 1888 e documentata in passato nelle prestigiosi collezioni Tessitore, De Angeli, Tesorone, Casciaro e Coppa; la mondana Caccia alla volpe di Francesco “Lord” Mancini; Al mare, luminosa tela eseguita nel 1875 da un giovane, ma professionalmente maturo Federico Rossano, dove già sono portati a felice compimento gli insegnamenti appresi alla “Scuola di Resina”; per concludere, infine, con il toccante L’innamorato timido di Francesco Paolo Michetti, straordinario scrutatore di orizzonti remotissimi, capace di far convivere l’Abruzzo e l’Oriente bizantino, le presunte tradizioni popolari con l’altrettanto presunto ieratismo assoluto.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frutti del bosco: hanno solo il nome!

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 settembre 2010

L’immagine che immediatamente ci viene alla mente, quando a fine di un pranzo ci propongono frutti di bosco, e’ quella bucolica di verdi distese e di boschi incantati. Evidentemente non e’ cosi’ perchè i frutti di bosco del bosco hanno solo il nome. Suggeriti come dessert, sotto forma di macedonia, di crostata, immersi nella panna o con un po’ di succo di limone e miele, i frutti di bosco lusingano la nostra fantasia, e’ difficile negarsi. I lamponi, i mirtilli, i ribes, la mora e l’uva spina (varietà di ribes) si trovano sul mercato tutto l’anno, benchè il loro periodo di maturazione vada da maggio a ottobre. Sono quindi coltivati in serra, specialmente in Germania, Olanda e Polonia, ma anche in Italia, nel Trentino e in Emilia-Romagna, con tutto ciò che comporta una coltivazione forzata: uso di fitormoni, di fertilizzanti. Il nostro consiglio: mangiare i frutti di bosco nella stagione della loro maturazione naturale, questo e’ ancora un periodo buono. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Uve buone ma maturazione un po’ in ritardo

Posted by fidest press agency su martedì, 10 agosto 2010

La produzione delle uve, in Friuli Venezia Giulia, si manterrà ai livelli del 2009, con una buona qualità dei vini grazie anche alle escursioni termiche di questi giorni d’agosto, uno stato fitosanitario della vegetazione altrettanto buono e una richiesta di Prosecco in sensibile crescita. È questo il quadro che emerge raccogliendo i pareri dei responsabili delle cantine di Confcooperative del Friuli Venezia Giulia, distribuite su tutto il territorio regionale e che offrono un quadro rappresentativo della situazione poiché trasformano il 40 per cento delle uve vendemmiate (80 per cento doc): dal Collio alle Grave.Anche dalla Cantina di Casarsa, le previsioni coincidono. «La quantità di uve raccolte sarà più o meno la stessa del 2009 – aggiunge Denis Ius, presidente de La Delizia -. Pure dalle nostre parti non segnaliamo problemi particolari relativi alle grandinate. Dal punto di vista del mercato, invece, in questi ultimi tempi c’è una continua riduzione della richiesta di vini rossi, una tenuta dei bianchi e una significativa crescita del Prosecco».Una diminuzione della produzione di uve a bacca rossa viene segnalata da Mauro Meneghin, direttore della Cantina produttori di Codroipo, da Johnni Turato, direttore della Cantina di Rauscedo e da Luigi Antiga, direttore delle cantine di Sacile e Ramuscello: «L’inverno freddo ha danneggiato sensibilmente parecchi vigneti di Pinot grigio e Merlot e, in modo particolare, i nuovi impianti in cui si è immediatamente provveduto a sostituire le barbatelle». Tutte le cantine, compresa la San Giorgio di San Giorgio alla Richinvelda (presieduta da Claudio Truant), segnalano la forte domanda di Prosecco che, in questo momento, è decisamente l’uva trainante. «Sicuramente è l’uva più pagata – sottolinea Mauro Meneghin -. Infatti, si trattano i grappoli a 0,75-0,90 euro al chilo: in assoluto il prezzo più alto del nostro mercato». A Confcooperative Fvg aderiscono 8 cantine sociali con 2.500 soci, per 5.500 ettari di vigneti, 630mila quintali di uve raccolte, 440mila ettolitri di vino (60 per cento doc), 148 addetti e 64 milioni di euro di fatturato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apertura nuovo spazio espositivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2010

Como, 22 giugno – 12 settembre 2010 alle ore 18 Spazio 2A, Via Diaz 52 Apre un nuovo spazio espositivo, singolare negli intenti e nella presentazione degli artisti. L’avvio avviene con un artista che potremmo definire storico in quanto Alvaro (Molteni) è attivo come pittore da quasi settant’anni, avendo iniziato a dipingere sul finire degli anni Trenta, come dimostra anche l’opera più datata presente in mostra che risale al 1939.
Lo Spazio 2A con questa mostra avvia un percorso di conoscenza del lavoro compiuto da Alvaro, presentando in questa occasione alcuni importanti lavori realizzati tra il 1939 e il 1952, lavori che documentano i momenti della sua maturazione, indicando l’attenzione alla produzione di maestri come De Chirico e Casorati, o, più vicini alla poetica che poi svilupperà nel tempo, come Carla Badiali e Aldo Galli. A questa seguiranno altre mostre dedicate all’artista, che daranno modo al pubblico di approfondire l’evoluzione della sua opera, ancora oggi in continuo sviluppo. L’attenzione alle geometrie e a composizioni di carattere astratto, si inserisce nel filone dell’astrat-tismo che maturò in Italia proprio tra gli anni Trenta e i Quaranta del secolo scorso, ma – come scrive in catalogo Luigi Cavadini – la sperimentazione dell’artista “non si ferma a composizioni in cui, in modi più o meno rigorosi, si dispongono delle figure geometriche, ma si spinge alla costruzione di atmosfere entro cui articolare presenze semplici  e assolute, anticipando da subito quello che sarà poi, qualche decennio dopo, il filone più personale della sua produzione”. E, ancora, Cavadini sottolinea “l’originalità del suo linguaggio espressivo, fatto ora di colori piatti ora di atmosfere, ma sempre valorizzato da una gestione delle luci interne ai colori, che animano l’insieme attribuendo ad esso vibrazioni e suggestioni. “

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La scuola è finita?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2010

Si concludono le lezioni, prendono il via gli esami di licenza media e, fra pochi giorni, gli esami di stato nelle secondarie superiori. Per molti studenti giunge un riposo meritato, per altri sono ore di trepidazione, di ripasso e approfondimento degli ultimi argomenti. Agli studenti che sostengono le prove, e alle famiglie che li affiancano, giungono anche l’augurio e il sostegno dell’A.Ge.: l’esame finale di un percorso di studi è un traguardo importante, segna una maturazione intellettiva, cognitiva e umana. Gli esami vanno affrontati con serietà e impegno, non solo per la ricerca di un risultato e di un premio, ma come verifica di un lungo percorso di crescita. Nello stesso tempo, come avviene da anni, le principali testate giornalistiche hanno anticipato dati sugli scrutini finali nelle scuole italiane, anche a partire da sondaggi effettuati dal MIUR. I dati sono da verificare, e sarebbe prematuro esprimere un giudizio definitivo sul presunto aumento delle bocciature. Pare, infatti, che il 6% degli studenti dell’ultimo anno non sia stato ammesso all’esame di Stato, e che il 13% degli studenti dei primi quattro anni di superiori sia costretto a ripetere l’anno. Si intrecciano e sovrappongono dichiarazioni sulla “serietà” della scuola, introdotta dai provvedimenti regolamentari degli ultimi anni, scuola che, nel contempo, potrebbe e dovrebbe comunque “condonare” allo studente una eventuale insufficienza lieve. Come genitori ribadiamo che la scuola debba bocciare proporzionalmente a quanto sa offrire, alla qualità dei percorsi attivati e del personale docente, all’investimento di tempo e di risorse utilizzate perché ogni studente abbia pari e personalizzate opportunità di crescita, di recupero, di valorizzazione delle sue potenzialità. Dobbiamo chiederci se questi dati sono effetto del miglioramento e dello sviluppo della qualità  che il Ministro stesso ha annunciato alla Nazione presentando i provvedimenti legislativi degli ultimi due anni. Rigore e serietà, a nostro parere, devono essere coniugati ad una pedagogia più efficace, per motivare i giovani allo studio e all’apprendimento . Rigore e serietà  sono possibili se gli alunni in difficoltà oggettive (disabili, stranieri, svantaggiati economicamente e socialmente) sono stati adeguatamente sostenuti con percorsi individualizzati, assai difficili da attuare a fronte delle significative riduzioni di risorse economiche per la scuola. Definire “seria” la scuola solo in riferimento all’indicatore delle bocciature e non ammissioni è, in realtà riconoscerne anche la fragilità, soprattutto quando non ci si chiede dove vadano a finire gli studenti bocciati o non ammessi: in altre classi, ripetendo magari le stesse azioni e rimarcando le stesse difficoltà, oppure “dispersi”, talora “scomparsi”. Perché non chiedere, piuttosto, che, anche con il concorso delle famiglie, si attivino nelle scuole efficaci corsi estivi per gli studenti più in difficoltà? Perché non evidenziare anche le molte eccellenze presenti nelle scuole, le molte buone pratiche di recupero e sostegno diffuse? Senza dubbio è  necessario, nel dibattito pubblico del nostro Paese, restituire dignità  e fiducia alla scuola e alle famiglie. (Davide Guarneri. presidente dell’Associazione Nazionale Genitori)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ponte tra agricoltori e consumatori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 giugno 2010

Firenze 5 giugno in Piazza della Repubblica in occasione del Mercatale della “Guida all’acquisto intelligente e divertente dei prodotti alimentari”. La Camera di Commercio di Firenze punta sulla vendita diretta dei prodotti agricoli. Un volume in distribuzione gratuita con 500 aziende produttrici divise in cinque aree del territorio fiorentino, tradotto in inglese e presto anche un portale web dedicato alla filiera corta in provincia di Firenze. Filiera corta = freschezza, stagionalità del prodotto, assenza di costi aggiuntivi e tipicità del territorio in un colpo solo. In altre parole, si offre al consumatore la possibilità di acquistare un prodotto genuino, senza costi aggiuntivi legati alla distribuzione, al trasporto o alla conservazione, al giusto grado di maturazione e, soprattutto, direttamente dal produttore che, in tal modo, “ci mette la sua faccia”. Sicuramente il miglior marchio di qualità per un acquisto “intelligente” ma anche “divertente”, come recita il titolo di questa guida curata dal Servizio Agricoltura della Camera di Commercio. L’appuntamento per la presentazione e l’offerta in omaggio della guida è nello stand della Camera ospitato per l’occasione durante il mercato dei produttori, il Mercatale di Firenze, in Piazza della Repubblica sabato 5 giugno 2010. In seguito sarà possibile ritirare il volume presso il Servizio Agricoltura della Camera di Commercio, ma anche presso CIA, Coldiretti e Unione Agricoltori di Firenze (maggior informazioni su http://www.fi.camcom.it>servizi>servizi per l’agricoltura). Per il vino di qualità è già operante da tempo con crescente successo il sito internet http://www.florencewine.it

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: “Tra gli Incanti dell’Eden”

Posted by fidest press agency su domenica, 25 aprile 2010

Firenze dal 24 aprile Via Ghibellina 110, Palazzo Borghese presenta “Tra gli Incanti dell’Eden” mostra personale di Vesna Pavan, che può essere considerata un’artista eclettica e completa sotto tutti i punti di vista, in quanto ha attestato la propria attenzione alle tendenze del Life Style contemporaneo, senza escludere tuttavia le influenze della tradizione storico-artistica, influenze che, anzi,  sembrano convergere verso un nodo cruciale di trasformazione odierna, sottolineando, peraltro, magnificamente il concetto di evoluzione dell’arte nel tempo. Dai traguardi raggiunti dall’autrice si desume un’inesorabile decorso della sperimentazione pittorica, che prosegue senza sosta il proprio percorso evolutivo mediante un processo di maturazione artistica radicato nel compimento dell’espressione creativa, quale punto di partenza per future diramazioni del complesso linguaggio artistico.Nell’arte di Vesna Pavan l’impiego del colore possiede persino una funzione terapeutica, di antidoto ai mali dell’esistenza umana, una forma d’arte antidepressiva che ci dona una profonda carica energetica. (Breve stralcio dal Testo tratto dalla monografia di Vesna Pavan, scritta da Sabrina Falzone Critico e storico dell’Arte.)
Vesna Pavan can be considered an eclectic and complete artist from all points of view, since she asserts her attention to the Life Style contemporary tendencies, without excluding, however, the influence of historic and artistic tradition. These influences, seem to converge on a crucial point of the present day transformation underlying, however, the concept of the art evolution across the ages. The goals achieved by the author, show an inexorable course of the pictorial experimentation, which continues its evolution through a process of the artistic maturation rooted in the execution of the creative expression, as the starting point for the future branching of the complex artistic language.In the Vesna Pavan’s art the use of colours has even the therapeutic function, as the antidote for the evils of the human existence, an anti-depressing form of art which gives us a great energy charge.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vendemmia nel Friuli

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 luglio 2009

L’inizio dell’invaiatura  (momento in cui l’uva comincia a cambiare colore) sul Pinot grigio, nella zona dei Colli Orientali del Friuli è previsto tra un mese. Tale situazione si è presentata con un anticipo di 9 giorni rispetto al 2008 ed è quindi possibile calcolare quale sia la data della vendemmia con una discreta precisione. A oggi si può prevedere che, i primi grappoli, verranno raccolti l’ultima settimana di agosto nelle zone più calde e i primi giorni di settembre nelle zone più fresche. Tale previsione è confermata dai dati ottenuti dalle analisi effettuate sulle uve di Pinot grigio, la varietà più precoce coltivata sulle colline friulane, che ha raggiunto una maturazione toccata, l’anno scorso, solo i primi giorni di agosto.   Dai dati storici elaborati dai tecnici del Consorzio di tutela risulta che, mediamente, il numero di grappoli per pianta è in linea con il 2008 su tutte le varietà a eccezione del Merlot che presenta una fertilità maggiore. Per questo motivo il gruppo tecnico ha consigliato di effettuare dei diradamenti selettivi su tale varietà per mantenere l’ottimale equilibrio fisiologico delle piante.  Confortanti sono le previsioni meteo a lungo termine per il periodo vendemmiale (fonte CNR modello previsionale IBIMET) che descrivono una fine di agosto e un settembre mite e poco piovoso.  Dal 2007, il Consorzio dei Colli Orientali offre un servizio di analisi per i propri associati grazie all’utilizzo delle strutture dell’Istituto Tecnico Agrario Statale “Paolino D’Aquileia” di Cividale del Friuli che, da quest’anno, è associato al Consorzio stesso. La collaborazione con l’Istituto prosegue anche per quanto riguarda l’opportunità offerta ad alcuni studenti di effettuare degli stage formativi presso le strutture dei Colli Orientali del Friuli.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »