Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘mcafee’

McAfee and Dell’s Extended Collaboration Protects Consumers as Threat Landscape Continues to Evolve

Posted by fidest press agency su martedì, 8 gennaio 2019

McAfee today announced an extension of its collaboration with Dell to provide pre-installed security software on PCs and laptops globally. Dell Consumer and Small Business customers who purchase a new PC or laptop will have the option to bring McAfee protection to more than just their new Dell computer by installing McAfee cross-device software on their smartphones and tablets, helping secure more devices from the latest threats.Bad actors continue to evolve their approach to accessing sensitive personal data. According to recent McAfee Labs data, 3 to 4 new pieces of malware are identified every second, highlighting the need for customers to use proper security protection to help minimize the risk of having their information compromised and stay one step ahead of the adversaries.
“As cybercriminals’ become more sophisticated and pervasive, it is more important than ever to have active security on devices from the start,” said Terry Hicks, executive vice president, consumer business group, McAfee. “Our extended collaboration with Dell provides users with cross-device security software that helps them protect what matters most.”
“The extension of our collaboration with McAfee underscores our continued commitment to protecting consumers and small businesses as they enjoy all the benefits that today’s technology brings,” said Ray Wah, SVP, Consumer and Small Business Product Group, Dell. “We want our customers to connect with confidence, and McAfee helps us deliver on this vision.”
McAfee cross-device software will come pre-installed on all Dell Inspiron, XPS, Vostro and G-Series laptops globally with a 30-day or 1-year subscription1. Dell Consumer and Small Business customers who purchase Alienware, OptiPlex, Latitude or Precision systems will have the option of adding a 30-day free subscription or purchasing a 1-year subscription.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Report McAfee Labs sulle minacce: settembre 2018

Posted by fidest press agency su sabato, 29 settembre 2018

SANTA CLARA, California. McAfee, azienda leader nella cybersecurity dal dispositivo al cloud, ha recentemente pubblicato il Report McAfee Labs sulle minacce: settembre 2018 che prende in esame la crescita e le tendenze di nuovi malware, ransomware e altre minacce informatiche nel secondo trimestre del 2018. In Q2, McAfee Labs ha visto impennarsi la crescita dei malware volti a guadagnare tramite il ‘mining’ delle criptovalute iniziata nel quarto trimestre del 2017 e proseguita fino alla prima metà del 2018. McAfee ha anche osservato il continuo adattamento del tipo di exploit di vulnerabilità del malware utilizzato nelle epidemie di WannaCry e NotPetya del 2017.Anche se meno comune del ransomware, il malware cryptomining è emerso rapidamente come elemento importante nel panorama delle minacce. Dopo essere cresciuti di circa 400.000 unità nel quarto trimestre 2017, i nuovi campioni di malware criptomining sono aumentati di un sorprendente 629%, assestandosi a oltre 2,9 milioni di campioni nel primo trimestre del 2018. Questa tendenza è proseguita nel secondo trimestre, con una crescita dell’86% dei campioni totali, pari a oltre 2,5 milioni di nuovi campioni. McAfee Labs ha identificato quelli che sembrano essere malware più vecchi, come i ransomware appena riattrezzati con capacità di estrazione mineraria.In alcuni casi, il mining delle criptovalute prende di mira gruppi specifici invece che indirizzarsi a grandi numeri di potenziali vittime. Un ceppo di malware cryptomining ha preso di mira i giocatori su un forum russo ponendosi come una “mod” in grado di migliorare alcuni giochi popolari. I giocatori sono stati indotti a scaricare il software dannoso, che ha continuato a utilizzare le risorse del loro computer a scopo di lucro.Anche se il minning di criptovalute si rivolge principalmente ai PC, sono stati presi di mira anche altri tipi di dispositivi. Ad esempio, gli smartphone Android in Cina e Corea sono stati oggetto del malware ADB.Miner per produrre criptovalute Monero.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New McAfee Survey Finds Parents Ignore Their Own Concerns of Sharing Images of Their Children Online

Posted by fidest press agency su domenica, 26 agosto 2018

Today McAfee, the device-to-cloud cybersecurity company, announced results from its latest survey, The Age of Consent, and found 30% of parents post a photo or video of their child at least once a day on their social media accounts with 12% posting four or more times per day – showing the extent of child exposure on the web. Most parents identified the following concerns associated with sharing images online including pedophilia (49%), stalking (48%), kidnapping (45%) and cyberbullying (31%), but many (58%) don’t even consider if their child would consent to their image being posted online. In fact, 22% of parents think their child is too young to decide whether their image should be shared online, and another 19% think it should always be left up to the parent to decide.However, despite voicing these worries this concern doesn’t translate into action, as many admit to still including children’s personal information and private details in online images. For example, half of the parents surveyed admit that they have or would share a photo of their child in their school uniform despite the risk of giving away personal information. Yet, it’s comforting to see the majority (70%) of parents are only sharing photos of children on private social media accounts. This is certainly a good first step, but there is much more needed to be done to ensure parents are protecting their children’s identity.
While it’s clear that parents are worried about physical risks to their children’s safety, results indicate less concern about the emotional risks. Only 23% of parents are concerned that posting an image of their child online could lead to worry or anxiety, and only 30% considered that their child could be embarrassed by the image. Emotional side effects should not be discounted. According to a survey from ComRes, more than one in four children between 10 and 12 years old feel embarrassed, anxious or worried when their parents post pictures of them online. Interestingly, it appears moms consider the embarrassing side effect more than dads, with 45% of dads assuming their children will get over any embarrassing content compared to just 14% of moms.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

McAfee Acquires the Worldwide Leader in the CASB Market Segment

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 gennaio 2018

californiaSANTA CLARA, Calif. McAfee today announced the completion of its previously announced acquisition of Skyhigh Networks. With the close of this deal, Skyhigh Networks becomes part of the McAfee Cloud Security Business Unit.Skyhigh is an ideal complement to McAfee’s strategy – one focused on building and optimizing mission-critical cybersecurity environments for the future. Skyhigh Networks pioneered the cloud access security broker (CASB) market segment that analysts describe as one of the fastest growing areas of information security investments of the last five years. With this technology, McAfee can now offer a cloud portfolio that addresses the three primary challenges of managing multi-cloud environments—visibility into networks, workloads and data, advanced threat protection and pervasive data protection.“Today’s announcement marks a new milestone for the future of our company,” said Chris Young, chief executive officer, McAfee. “With two industry leaders coming together under one company, we will make cybersecurity an enabler to the transformative power of our digital age. We are focused on securing customers from their devices to the cloud, giving customers access to market-leading capabilities in the architectural control points that matter most.”According to McAfee’s 2017 cloud adoption and security report, Building Trust in a Cloudy Sky, 93% of organizations use some form of cloud services. McAfee cloud security solutions provide visibility, advanced threat protection, and data protection controls across all clouds to secure network traffic, workloads, and data. The multi-cloud security management of Skyhigh Security Cloud (Skyhigh), McAfee Cloud Workload Security (McAfee CWS) and McAfee Virtual Network Security Platform (McAfee vNSP) allows administrators to identify and secure critical cloud resources.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

McAfee Announces Advanced Security for Amazon Web Services

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 agosto 2017

amazonMcAfee today announced a limited time free trial to “test drive” McAfee® Virtual Network Security Platform (McAfee® vNSP) on Amazon Web Services (AWS) for a hands-on experience running advanced security in the public cloud. Unlike other solutions, McAfee vNSP protects at the workload level, eliminating the single point of failure created by other solutions for a whole network segment. As part of the test drive, participants can simulate real-world attack use cases, configure policy and review reporting dashboards. Attendees at the AWS Summit New York can view a demo of the McAfee vNSP test drive at booth 437 in the Javits Center.“AWS covers a lot of ground, such as security of the cloud, but users are still responsible for their security in the cloud—including securing their operating systems, applications and data traffic,” said Shishir Singh, vice president and general manager of the Network Security business unit, McAfee. “While firewall configurations are important, security teams and cloud architects need to address exploit prevention, malware protection and gain visibility into the lateral movement of threats. With McAfee Network Security Platform, users can move beyond the basics to more sophisticated protection of their cloud network.”Advanced malware can reach an organization’s AWS workloads through network traffic, along with cross site scripting, botnets and SQL injection attacks. Deploying infrastructure in the cloud can also open the window for new vulnerabilities that fall under the customer’s responsibility—if one virtual server in AWS is compromised, the malware can potentially roam to other vulnerable servers in the same customer environment. This lateral path is known as “east-west” network traffic, and often represents the majority of communication within virtualized environments.McAfee vNSP has been designed from the ground up to work in highly distributed AWS infrastructure to ease network congestion. Instead of taking a traditional approach, monitoring an entire network segment to effect protection for a single workload, McAfee vNSP protects at the individual workload level. This approach is significantly different from other market solutions, guaranteeing visibility of inter-segment traffic, eliminating a single point of failure for an entire network segment and efficiently using security resources only where directed. The McAfee vNSP solution built specifically for AWS can also be managed from the same console as on-premises McAfee NSP.Development teams can easily integrate security into their application deployment process by using automation frameworks such as Cloud Formation templates, Chef and Puppet to deploy and manage McAfee vNSP in AWS. Network security controls are comprehensive and include inline exploit prevention, with web application protection, zero-day malware detection, and workload isolation through segmentation and east-west attack detection.McAfee vNSP for AWS builds upon McAfee’s commitment to enable advanced security for AWS customers.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Report McAfee Labs evidenzia la redditività del mercato dei dati sanitari rubati

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

santa-claraSanta Clara, California. Intel Security ha diffuso oggi il report McAfee Labs Health Warning, che studia il mercato sommerso dei dati sanitari rubati; fa una comparazione con il mercato relativo al furto di dati nei servizi finanziari; identifica le tendenze del ‘crimine informatico-as-a-service’ nell’ambito dell’assistenza sanitaria ed evidenzia come la criminalità informatica stia prendendo di mira la proprietà intellettuale nelle industrie farmaceutiche e biotecnologiche. La ricerca Intel Security afferma che lo sviluppo del mercato dei dati rubati e le relative competenze di hacking diano segnali di crescita del “business della criminalità informatica” nel settore sanitario.”In un settore in cui la riservatezza e la privacy sono di primaria importanza, la perdita di fiducia potrebbe essere catastrofica per lo sviluppo del settore e le prospettive di successo”, ha commentato Raj Samani, CTO di Intel Security, EMEA. “Data la crescente minaccia per il settore, i costi delle violazioni dei dati dovrebbero essere valutati al pari di una ‘economia informale’ in termini di tempo, denaro, e fiducia – dove la fiducia persa può causare più danni ad individui e aziende rispetto alle perdite economiche.” Intel Security ha rilevato che il prezzo per record di una cartella clinica rubata rimane inferiore al prezzo dei dati finanziari e delle informazioni sui conti correnti, nonostante la sempre maggiore deperibilità dei dati di carte di credito e di debito.
Negli ultimi anni, Intel Security ha osservato come la comunità del crimine informatico abbia esteso il proprio interesse per il furto dei dati al di là dei dati finanziari, interessandosi anche alle cartelle cliniche. Anche se i numeri delle carte di credito e di debito possono essere cancellati e sostituiti rapidamente, ciò non è possibile per le informazioni sanitarie protette (PHI) che non si possono cambiare o bloccare. Questi dati “non deperibili” potrebbero includere cognomi, nomi da nubile delle madri, numeri di previdenza sociale o della pensione, carte di pagamento e dati relativi alle assicurazioni, o gli indirizzi di domicilio dei pazienti. Ma, anche se questa dinamica lasciava presupporre che il prezzo per cartella clinica sarebbe potuto salire in tempi rapidi fino a competere o addirittura eclissare quello dei dati relativi al conto corrente o alle carte di pagamento, la ricerca di Intel Security del 2016 non ha evidenziato un andamento dei prezzi tale da confermare questa congettura. La ricerca di Intel Security ha rilevato come il prezzo medio per dato del settore sanitario sia superiore a quello delle informazioni personali di base, ma comunque inferiore a quello dei dati degli account finanziari personali. Il valore per ogni record di dati di conto corrente varia da 14,00$ a 25,00$ per record, mentre quello relativo alle carte di credito e di debito ruota attorno ai 4,00$ o 5,00$, ma i dati sanitari si fermano a un valore compreso tra 0,03$ e 2,42$. I risultati suggeriscono che i dati finanziari continuano essere più facile da monetizzare rispetto ai dati medici personali, che potrebbero richiedere un investimento che i dati finanziari non richiedono. Al seguito del furto di una cache di cartelle cliniche, è probabile che i criminali informatici debbano analizzare i dati, e forse effettuare analisi incrociando i dati con altri provenienti da diverse fonti prima che la frode sia redditizia e prima di identificare le opportunità effettive di furto, estorsione, o di ricatto. Ne consegue che i dati finanziari rappresentino ancora un modello di crimine informatico più attraente, poiché i criminali possono contare su un ritorno sull’investimento più rapido.
Intel Security ha anche identificato come i criminali informatici sfruttano il mercato ‘cybercrime-as-a-service’ per eseguire i loro attacchi contro le organizzazioni sanitarie. I ricercatori hanno trovato la prova di acquisto e noleggio di kit exploit per compromettere i sistemi ed effettuare violazioni di dati sanitari. In un caso, un criminale informatico non particolarmente abile dal punto di vista tecnico ha acquistato strumenti per poter violare azienda vulnerabile, facendo anche ricorso al supporto tecnico gratuito per orchestrare il suo attacco, e ha poi estratto più di 1.000 cartelle cliniche che secondo il suo service provider criminale potrebbe fruttargli al netto circa 15.564$. I ricercatori hanno osservato inoltre il tentativo dei criminali informatici, attraverso annunci online e sui social media, di reclutare nei loro ranghi addetti del settore e assistenti sanitari in grado di accedere a informazioni preziose.
“Quando una comunità ormai matura di criminali informatici si rivolge a un settore meno preparato, come l’assistenza sanitaria, le organizzazioni all’interno di tale settore tendono a rincorrere mettendo in campo protezione contro le minacce passate, ma non contro quelle attuali o future”, conclude Ferdinando Torazzi, Regional Director Italy & Greece Intel Security.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

McAfee sceglie Dubai per il primo Cyber Defense Center

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2013

McAfee headquarters in Santa Clara, California.

McAfee headquarters in Santa Clara, California. (Photo credit: Wikipedia)

Dubai, Emirati Arabi Uniti – 4 settembre 2013 – McAfee ha annunciato oggi l’apertura a Dubai del proprio primo Cyber Defense Center (CDC) per offrire assistenza in caso di incidenti, valutazioni di sicurezza e formazione per i clienti nella regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa). Il lancio del CDC, il primo di McAfee a livello globale, è arrivato al momento giusto per quest’area geografica, dal momento che lo scorso anno sono state molte le aziende che hanno assistito ad attacchi di grande portata, e si prevede che il CDC sarà un ulteriore strumento per aiutare a proteggere la regione EMEA dalle minacce emergenti che si manifesteranno. I governi della regione hanno investito diffusamente in nuove soluzioni per prevenire e ridurre al minimo l’impatto degli attacchi e il CDC di McAfee sarà un elemento di collaborazione importante con gli attori principalmente interessati a cercare nuovi modi per migliorare la protezione.Il panorama delle minacce in continua evoluzione ha favorito la domanda di servizi di sicurezza sofisticati e sorretti da forti competenze ed esperienza nel mercato EMEA. Il Centro non solo fornirà servizi di intervento di emergenza agli incidenti e di analisi forense di elevata qualità ( supportata dal nuovo laboratorio McAfee di sicurezza forense all’avanguardia basato a Dubai), ma fornirà anche servizi strategici peculiari che differenziano McAfee da altri vendor nella regione, tra cui: informazioni contestuali sulle minacce, analisi informative Open Source, valutazioni per la protezione contro gli attacchi DDos, Analisi forense digitale e delle minacce malware mirate. Un nutrito portafoglio di servizi strategici di McAfee che continuerà a evolvere per rispondere al panorama delle minacce in continua evoluzione e per aiutare i clienti a stare almeno dieci passi avanti rispetto ai ‘cattivi’. Il gruppo CDC si compone di consulenti esperti, con più di 70 anni di esperienza combinata, nel trattamento di risposta agli incidenti sia nel settore pubblico che privato.L’apertura di questo centro rafforza ulteriormente la presenza di McAfee in EMEA e le consente di consigliare alle imprese i modi migliori per proteggere le risorse e massimizzare gli obiettivi di business grazie a una sicurezza robusta ed efficace.Nel corso dell’ultimo anno, è stato rilevato un enorme aumento del malware e degli attacchi mirati alle organizzazioni in EMEA. Per esempio, nel secondo trimestre 2013 in Ucraina e in Bielorussia è stato registrato un aumento dello spam di oltre il 200%. In Medio Oriente, il CDC sta monitorando una famiglia di malware finalizzato a frodi finanziarie e furto di dati, che è molto attivo in paesi come Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Qatar. Molte delle violazioni che sono state osservate negli ultimi mesi sono iniziate con attacchi che eseguono un’azione SQL-injection in siti web e banche dati dei clienti per poi diffondersi in rete a un livello più profondo. E’ stata poi monitorata una crescente attività di gruppi di hacker che stanno prendendo di mira le industrie e i governi, oltre a quelli che si muovono spinti dalla possibilità di guadagno finanziario, motivazioni politiche o per rubare la proprietà intellettuale.
McAfee, società interamente controllata da Intel Corporation (NASDAQ:INTC), consente ad aziende, pubbliche amministrazioni e utenti consumer di usufruire dei vantaggi di Internet in modo sicuro. L’azienda offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi che proteggono sistemi, reti e dispositivi mobili in tutto il mondo. Grazie alla strategia Security Connected, a un approccio innovativo nella creazione di soluzioni sempre più sicuri e all’ineguagliato servizio di Global Threat Intelligence, McAfee è impegnata senza sosta a ricercare nuovi modi per mantenere protetti i propri clienti. http://www.mcafee.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

McAfee ha completato l’acquisizione di NitroSecurity

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2011

McAfee ha completato l’acquisizione della società a capitale privato NitroSecurity, un fornitore di soluzioni SIEM (Security Information and Event Management) di classe enterprise. E’ uno dei leader nel Quadrante Magico di Gartner del 2011 per le soluzioni SIEM e negli ultimi tre anni è stata un partner McAfee® Security Innovation Alliance; inoltre, la soluzione NitroView Enterprise Security Manager (ESM) è già integrata con la piattaforma per la gestione della sicurezza McAfee ePolicy Orchestrator® (McAfee ePO™). Questa acquisizione sottolinea ulteriormente l’impegno di McAfee nel confermarsi l’azienda focalizzata sulla sicurezza in più rapida crescita a livello globale e leader nelle soluzioni per la gestione proattiva di sicurezza e rischio. “Con quest’acquisizione, abbiamo fatto un altro significativo passo in avanti verso il raggiungimento di questi obiettivi.” afferma Stuart McClure, general manager e senior vice president della business unit Risk and Compliance di McAfee, nel blog pubblicato per l’occasione “Riteniamo che la tecnologia NitroSecurity fornirà ai nostri preziosi clienti come lei il più elevato livello di sicurezza e conformità per tutti gli ambienti IT per consentirle di rispondere alle più complesse esigenze in termini di conformità e protezione della sua azienda.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intel completa l’acquisizione di Mcafee

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Santa Clara, Calif.,  McAfee continuerà a sviluppare e vendere prodotti e servizi di sicurezza con il proprio marchio. Intel e McAfee prevedono di introdurre sul mercato i primi frutti della loro partnership strategica entro la fine dell’anno, con l’intento di affrontare la sicurezza e la natura pervasiva delle minacce informatiche in un modo completamente nuovo. In qualità di società interamente controllata da Intel, McAfee fa parte del Software and Services Group di Intel. Il gruppo è diretto da Renée James, senior vice president e general manager di Intel. Il presidente di McAfee, Dave DeWalt, riporterà a James. Intel ha aggiornato le previsioni finanziarie del 1° trimestre 2011 e dell’intero anno 2011, pubblicato il 31 gennaio 2011, riflettendo l’impatto della chiusura della transazione McAfee. Il comunicato stampa, che include le previsioni e i fattori di rischio correlati, sono disponibili all’indirizzo  http://sec.gov/Archives/edgar/ data/50863/ 000005086311000020/exh991.htm.Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell’innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web http://www.intel.it/pressroom e blogs.intel.com   .McAfee, società interamente controllata da Intel Corporation (NASDAQ:INTC), è la principale azienda focalizzata sulle tecnologie di sicurezza. L’azienda offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi che proteggono sistemi e reti in tutto il mondo, consentendo agli utenti di navigare ed effettuare acquisti sul web in modo sicuro. Grazie all’ineguagliata tecnologia McAfee Global Threat Intelligence, McAfee crea soluzioni innovative che proteggono gli utenti consumer, aziende, pubblica amministrazione e service provider consentendo loro di essere conformi alle normative, proteggere i dati, evitare interruzioni delle attività, identificare le vulnerabilità e monitorare e migliorare costantemente la loro sicurezza. McAfee protegge il tuo mondo digitale. Ulteriori informazioni sono disponibili su Internet all’indirizzo:www.mcafee.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le informazioni degli adolescenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2010

McAfee, Inc (NYSE:MFE) la più grande azienda al mondo focalizzata sulle tecnologie di sicurezza, ha commissionato e diffuso una ricerca dal titolo “La vita segreta degli adolescenti” condotta tramite Internet da Harris Interactive nel periodo dal 4 al 17 maggio 2010. Lo studio ha coinvolto 955 giovani americani dai 13 ai 17 anni (includendo 593 teenager dai 13 ai 15 anni e 32 in età compresa dai 16 ai 17) e rivela il comportamento dei teenager americani e l’area di competenza dei genitori. I risultati sono stati suddivisi in base ad età, genere, razza/etnia e altri fattori variabili. I dati complessivi di questa ricerca sono rappresentativi dei ventenni e degli adolescenti, in età compresa dai 10 ai 17 anni. Se ne trae che il:
69% di adolescenti dai 13 ai 17 anni effettua aggiornamenti del proprio stato sui social network divulgando anche la propria posizione esatta
28% dei teenager chatta con persone che non conosce nel mondo offline rivelando alcuni dati personali, quali: 43% il proprio nome, 24% proprio indirizzo email, 18% una foto personale,  12% il numero di cellulare. Le ragazze sono più propense dei ragazzi a chattare con le persone che non conoscono nel mondo offline (32% contro il 24%) e le giovani dai 13 ai 15 anni (16%), che hanno dato una descrizione del loro aspetto fisico, sono di più dei ragazzi della stessa età (7%) che hanno fatto la stessa cosa
“I ragazzi sanno che non devono parlare con gli estranei, è una delle prime cose  che vengono insegnate. Ma online c’è un senso di fiducia e anonimia che permette ai ragazzi di abbassare la guardia”, ha detto Mooney. “ I ragazzi non darebbero mai il loro nome e indirizzo a un estraneo nel mondo reale, per questo è allarmante vedere quanti giovani compiono molte cose online”.
Malgrado le tragedie, il fenomeno del cyber bullismo resta: circa il 50% degli adolescenti non sa come comportarsi se subisce attacchi di questo tipo
14% dei ragazzi tra i 13 e 17 anni ammette di aver preso parte a qualche azione di cyberbullismo nel 2010
22% dice che non saprebbero come comportarsi nel caso fossero vittime di azioni di cyberbullismo
Molti ragazzi accedono al web fuori casa
87% dei giovani utilizza il web da qualsiasi parte, tranne che a casa
54% vi accede dalla casa degli amici o di familiari
30% vi accede tramite il cellulare e il 21% tramite i videogame
23% va online da qualsiasi parte con la rete Wi-fi
I giovani nascondono quello che fanno online
38% dei ragazzi chiude o riduce il browser quando i genitori entrano nella loro stanza
32% cancella la memoria del browser dopo l’utilizzo
55% dei teenager dai 13 ai 17 anni nasconde ciò che fa online ai genitori
Uno su quattro giovani responsabile di aver infettato il Pc di casa
Più di un quarto dei giovani (27%) ha permesso che un virus, uno spyware o altri software infettassero il computer di famiglia
Circa la metà degli adolescenti (46%) ammette di scaricare musica o video da servizi gratuiti, che è ancora peggio che infettare il computer di casa con bachi, virus, ad-ware, spyware o backdoor che permettono alle persone l’accesso al computer
16% dei ragazzi dai 16 ai 17 anni hanno scaricato contenuti vietati ai minori
Per maggiori informazioni sulle soluzioni internet di sicurezza e sui consigli per la famiglia, visitare il sito http://www.mcafee.com/family.
Con sede principale a Santa Clara, California, McAfee Inc., è la principale azienda focalizzata sulle tecnologie di sicurezza. McAfee è costantemente impegnata nella lotta contro le più pericolose minacce alla sicurezza.  http://www.mcafee.com.
Harris Interactive è una delle principali società di ricerche di mercato al mondo, che sfrutta ricerche, tecnologia e fiuto negli affari per trasformare l’intuito in azioni. Conosciuta molto bene per Harris Pool e per i metodi di ricerca particolarmente innovativi, Harris offre competenza in molti settori industriali e conta clienti in più di 215 paesi e territori.  http://www.harrisinteractive.com.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »