Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 279

Posts Tagged ‘medaglia d’oro’

Medaglia d’Oro del Pontificato assegnata ad Ennio Morricone

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 aprile 2019

Roma Lunedì 15 aprile alle 18.00 i concerti di Roma Sinfonietta e dell’Università di Roma “Tor Vergata” si trasferiscono eccezionalmente nella chiesa di Sant’Agnese in Piazza Navona per un grande evento ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.
Seguirà l’esecuzione di uno dei più grandi capolavori musicali di ogni tempo, la Passione secondo Giovanni di Johann Sebastian Bach, composta per la Settimana Santa del 1724, precisamente per il Venerdì Santo. Quest’opera monumentale – che coinvolge sei cantanti solisti, un coro e un’orchestra di notevoli dimensioni per l’epoca – narra la passione e la morte di Cristo, seguendo in modo sostanzialmente fedele i capitoli 18 e 19 del Vangelo di San Giovanni. Rispetto agli altri Vangeli, quello di Giovanni è più sintetico e meno drammatico: omette infatti molti particolari, tra cui l’agonia nel Getsemani, il bacio di Giuda, il processo davanti al Sinedrio, gli oltraggi subiti in casa del Gran Sacerdote, il suicidio di Giuda, l’interrogatorio da parte di Erode, gli scherni sotto la croce, le tenebre al momento della morte. Inoltre Giovanni è l’unico a parlare della presenza di Maria ai piedi della croce.
Alla narrazione evangelica si aggiungono undici corali e dieci tra ariosi e arie solistiche, che esprimono le reazioni dei fedeli agli eventi narrati, le loro meditazioni e i loro sentimenti. Sono tutte pagine di straordinaria bellezza, che alla drammaticità degli eventi della Passione alternano momenti di riflessione e di preghiera, sempre sotto il segno di una sincera e profonda religiosità. Tutti gli ascoltatori, che siano o non siano credenti, che siano o non siano esperti di musica, non potranno non essere soggiogati da questo supremo capolavoro, che tocca sentimenti e valori universali. Anche qui, come sempre, Bach ricorre alle più complesse tecniche di composizione, ma non esibisce mai la sua scienza musicale, perché le Passioni non erano riservate agli esperti ma erano eseguite nelle chiese davanti all’intera comunità dei fedeli e dovevano giungere al cuore di tutti.
Dirige Fabio Maestri, che nel suo curriculum ha l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, l’Orchestra Filarmonica di Nizza, le orchestre dell’Opera di Roma, del Maggio Musicale Fiorentino, del Teatro San Carlo di Napoli, del Teatro Comunale di Bologna, del Teatro Massimo di Palermo, dei Pomeriggi Musicali di Milano e molte altre. È stato inoltre ospite di importanti festival, quali Festival dei Due Mondi di Spoleto, Ravenna Festival, Festival di Dordrecht (Paesi Bassi) e Biennale di Venezia.
Esperto delle autentiche modalità esecutive della musica barocca, Maestri dirige in quest’occasione l’Orchestra Barocca In Canto, la Corale Amerina e il Coro da Camera Canticum Novum (Maestri del coro Gabriele Catalucci e Fabio Ciofini). Le voci soliste sono quelle di Carlo Putelli (Evangelista), Dario Ciotoli (Cristo), Patrizia Polia (soprano), Elisabetta Pallucchi (contralto), Roberto Mattioni (tenore) e Federico Benetti (basso).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scacchi: l’Italia conquista la medaglia d’oro nella coppa Europa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 marzo 2019

Un seme d’oro, piantato da più di un decennio e coltivato appassionatamente con tanti sacrifici, ha permesso alla massima rappresentativa italiana, composta da cinque giocatori e dal capitano, di aggiudicarsi l’ambito titolo continentale. Per la cronaca, nella fase di qualificazione, l’Italia aveva fortemente rischiato una clamorosa esclusione. In circa 90 anni di storia, esattamente dal 1920, si tratta del trofeo più prestigioso che la bacheca della Federazione italiana sarà chiamata ad ospitare.
La 1ª edizione della Coppa Europa per nazioni, evento organizzato dalla Federazione mondiale, è stato onorato, dopo aver ottenuto la qualificazione dalle fasi preliminari, dalle seguenti nove nazioni: Finlandia, Francia, Germania, Italia, Olanda, Repubblica Ceca, Russia, Spagna e Svezia. Pertanto, ogni nazionale ha disputato otto match.
Il responso finale è stato il seguente: medaglia d’oro all’Italia; medaglia d’argento alla Germania; medaglia di bronzo alla Russia; esclusi dal podio team, tradizionalmente più quotati dell’Italia, come Francia, Spagna ed Olanda. La più deludente è stata sicuramente la Francia che, alla vigilia, partiva nel ristretto lotto delle favorite.
Avendo riportato ben sei vittorie, un pareggio ed una sconfitta, per un totale di 13 punti ottenuti sui 16 disponibili, i nostri bravissimi ragazzi hanno legittimato pienamente questo straordinario successo. Tanto per far capire l’eccezionalità di quanto accaduto, in manifestazioni del genere, l’Italia non è mai andata oltre le due/tre vittorie. A buon ragione, possiamo dire come, negli scacchi, la nostra nazione abbia guadagnato il rispetto che le compete in Europa. Questo, rappresenta una sicura rivincita a ciò che accade nel quotidiano, dove l’Italia viene bistrattata e spesso rappresentata come il fanalino di coda del continente.
La nostra nazionale vedeva schierati nell’ordine: Maurizio Sampieri, Elio Troia, Paolo Salati e Mario Cortigiani. Purtroppo, nel corso della manifestazione, veniva a mancare, a soli 59 anni, Elio Troia; al suo posto veniva chiamato Claudio Cesetti, non schierato inizialmente perché impegnato, con la nazionale, nella spedizione olimpica. Inoltre, da non dimenticare il lavoro oscuro ma prezioso del capitano non giocatore, Salvatore Tramacere. Infatti, anche l’impiego di un capitano non impegnato nel gioco, liberando uno dei cinque giocatori da fastidiosi carichi burocratici, è stata una scelta vincente.
Cannoniere della squadra, con 6 punti, è stato Sampieri seguito da Cesetti/Troia (5,5), Cortigiani (5) e Salati (4).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Pietro Bartolo la mediaglia d’oro Aogo

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 novembre 2016

lampedusaForse non tutti sanno che Pietro Bartolo, conosciuto come il medico di Lampedusa che tante vite umane ha salvato e altrettante ne ha curate, non solo dal punto di vista clinico, è uno specialista ginecologo. Il dottore d’Italia forse più conosciuto al mondo, protagonista di “Fuocoammare”, il film di Gianfranco Rosi Orso d’oro al Festival del cinema di Berlino 2016 e candidato al premio Oscar, nonché autore del libro “Lacrime di sale”, riceverà la Medaglia d’oro AOGOI dalle mani della neo Presidente Elsa Viora, alla presenza del past-President Vito Trojano e del Segretario nazionale Antonio Chiantera, nel corso della cerimonia inaugurale dell’XI Congresso regionale AOGOI Sicilia, che si apre domani a Catania, sino a sabato 5 novembre. Alla premiazione dell’illustre collega saranno presenti i rappresentanti dei ginecologi ospedalieri e del territorio siciliani che, con il coordinamento dei segretari provinciali AOGOI S. Bennici (Agrigento), L. Bonfiglio (Ragusa), A. Bucolo (Siracusa), S. Caudullo (Messina), G. Giannone (Caltanissetta), V. Iannone (Trapani), G. La Ferrera (Enna), R. La Spina (Catania) e dal Segretario regionale Giuseppe Ettore, di recente eletto Vicepresidente nazionale AOGOI, hanno organizzato il congresso, contribuendo a realizzare un programma scientifico che punta a creare un ampio confronto e dibattito per consolidare procedure e terapie innovative in ambito ostetrico e ginecologico.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pavia: medaglia d’oro al MIT di Boston

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 novembre 2009

Medaglia d’oro e “best food oe energy project” per gli studenti dell’Università di Pavia, guidati dal prof. Paolo Magni, che al MIT di Boston hanno partecipato  a iGEM 2009 (International Genetically Engineered Machine), la student competition sulla biologia  sintetica, con un progetto per la produzione di biocarburante a partire dal siero del latte. Il progetto pavese è stato premiato con una medaglia d’oro nell’area food or energy. Spiega da Boston il prof. Magni:  ” Su 103 progetti presentati, la giuria internazionale ha assegnato circa 40 ori, 20 argenti e 24 bronzi. Oltre alla medaglia d’oro, il nostro progetto ha ricevuto un premio speciale della giuria come miglior progetto in assoluto dell’area food or energy. Abbiamo ricevuto complimenti da tutti per le analisi quantitative e di caratterizzazione e per la serietà del lavoro. Qui l’entusiamo mio e dei ragazzi è alle stelle e deriva dalla consapevolezza di avercela messa tutta.”

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »