Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘mercurio’

Codici: amalgama dentale a base di mercurio, un pericolo da scongiurare

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2019

L’Associazione Codici ha depositato presso il Ministero della Salute un’istanza di accesso alle informazioni ambientali in riferimento alle misure amministrative adottate sull’amalgama dentale a base di mercurio. Un tema molto discusso, ma su cui c’è poca chiarezza per quanto riguarda i rischi per la salute che corrono i pazienti in caso di rimozione. Il mercurio, infatti, è altamente tossico per l’organismo umano. “Con l’entrata in vigore del regolamento UE 2017/852 – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – dal gennaio 2019 è stato imposto l’utilizzo dell’amalgama dentale solo in forma incapsulata predosata, vietando l’uso di mercurio in forma libera. Alla luce di questa novità normativa e delle conseguenze per la salute dei consumatori, in alcuni casi ignari dei rischi che possono correre, abbiamo ritenuto doveroso chiedere al Ministero della Salute quali misure amministrative ha adottato per tutelare i pazienti. Il mercurio potrebbe essere metabolizzato a livello della mucosa nasale o dell’apparato bronco-polmonare e la sostanza può diffondersi nell’organismo anche attraverso la dentina, ovvero l’elemento interno al dente, e la polpa dentaria. Anche la corrosione dovuta all’usura delle otturazioni può causare un’ingestione del mercurio. In ultimo è da menzionare l’azione di un batterio presente all’interno del cavo orale, lo Streptococcus mutans, capace di convertire il mercurio in metil-mercurio, sostanza ancora più nociva in grado di rompere le membrane cellulari. La liberazione dei vapori nocivi di questo metallo risulta pericolosa anche per il dentista che sta operando. Oggi il rischio viene evitato grazie ad un sofisticato macchinario necessario alla preparazione del mercurio, che viene triturato in modo da renderlo incapace di liberare tali vapori. Bisogna poi aggiungere che alcuni studi scientifici approfonditi hanno stabilito una relazione tra la tossicità del mercurio e l’insorgere di alcune patologie come artrite, depressione, disabilità nell’apprendimento, Alzheimer, autismo e schizofrenia. Alla luce di un quadro così complesso e delicato – conclude il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – ci sembra doveroso un intervento da parte del Ministero per fare chiarezza, rassicurando pazienti e operatori”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoperto il cuore solido di Mercurio

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 aprile 2019

Mercurio e la Terra sono più simili di quanto si creda. Nonostante le dimensioni siano molto diverse – Mercurio è un terzo del nostro pianeta – le due strutture interne si somigliano: hanno entrambe un nucleo esterno di metallo liquido e un nucleo interno solido.È quanto emerge dallo studio coordinato da Antonio Genova del Dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale della Sapienza e realizzato presso il Goddard Space FIight Center della NASA. Fino a questo momento si sapeva solo che il nucleo di Mercurio rappresenta circa l’85% del volume totale del pianeta e che parte di esso è fluido, ma la vera natura della parte più interna era rimasta sconosciuta.I dati della missione NASA MESSENGER, pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters, hanno permesso di ricostruire la composizione e la struttura interna di questo pianeta. La sonda MESSENGER, che ha sorvolato l’emisfero nord a quote di 200 km nei primi tre anni e di 15-25 nell’ultimo anno, ha orbitato il pianeta da marzo 2011 fino ad aprile 2015, misurando i due parametri riconosciuti dai ricercatori come fondamentali per risalire alle proprietà e dimensioni del nucleo fluido e solido: la rotazione e l’attrazione gravitazionale.Ogni pianeta ruota intorno a un asse, il polo. Mercurio rispetto alla Terra ruota molto più lentamente, con un giorno che equivale a circa 58 giorni terrestri. Le variazioni di questo parametro sono state usate spesso in passato per rivelare indizi sulla struttura interna dei pianeti: nel 2007 sono state evidenziate delle piccole deviazioni nella rotazione di Mercurio, chiamate librazioni, che hanno dimostrato la natura fluida di parte del nucleo.La sola osservazione della rotazione, però, non era sufficiente per conoscere in dettaglio anche la parte più interna. Genova e il suo team hanno quindi registrato come la sonda spaziale accelerasse sotto l’influenza della gravità di Mercurio mentre si avvicinava con ogni orbita vincolando di conseguenza la posizione del polo di Mercurio. Analizzando i dati della rotazione e dell’attrazione gravitazionale, i ricercatori hanno mostrato che il pianeta possiede un cuore interno ampio e solido. In particolare, hanno stimato che la parte di ferro solido (~1000 km) rappresenta circa il 50% dell’intero nucleo (~2000 km), rendendolo simile a quello della Terra (~1200 km) che invece corrisponde al 35% del totale.
La storia di Antonio Genova è quella di un giovane ricercatore partito e ora rientrato nel nostro Paese: una volta terminata la formazione presso il Dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale della Sapienza si è trasferito negli Stati Uniti, ottenendo un contratto dal MIT e proseguendo la sua attività di ricerca al Goddard Space FIight Center della NASA a Greenbelt, con focus sull’esplorazione planetaria dei pianeti Marte e Mercurio.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’UE protegge i cittadini dalla tossicità del mercurio e apre la strada ad un’azione mondiale

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

europa comunitaria2Bruxelles. L’Unione europea ha fatto scattare oggi, presso la sede delle Nazioni Unite, l’entrata in vigore del trattato mondiale volto a ridurre l’esposizione al mercurio.
La ratifica della Convenzione di Minamata sul mercurio conferma il ruolo di primo piano dell’UE nella tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente nel mondo intero.
Su iniziativa dell’UE, il nuovo trattato mondiale sul mercurio, denominato Convenzione di Minamata sul mercurio, è stato negoziato e concluso nel 2013. La politica dell’UE in materia di protezione contro il mercurio è tra le più ambiziose. Tuttavia, poiché tra il 40 e l’80% del mercurio accumulato in Europa proviene da emissioni la cui fonte si trova in altre parti del mondo, è necessario un intervento deciso a livello internazionale per proteggere la salute dei nostri cittadini.
Karmenu Vella, Commissario per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha dichiarato: “Il nuovo trattato mondiale sul mercurio contribuirà a proteggere milioni di persone nel mondo intero dall’esposizione a questi metallo pesante tossico. La ratifica del trattato da parte dell’UE è stata la mossa determinante che ne ha fatto scattare l’entrata in vigore. Si tratta di un grande successo della diplomazia verde dell’UE, che sottolinea l’impegno dell’Europa a favore di azioni decise e concertate a livello internazionale.”
La convenzione di Minamata, dal nome della città in cui si è verificato il peggior caso mai registrato di inquinamento da mercurio, non soltanto rafforzerà le norme ambientali a livello mondiale, ma contribuirà anche a creare condizioni di parità, dato che tutte le principali economie dovranno applicare requisiti ambientali simili a quelli già in vigore nell’UE.
Le donne in stato di gravidanza, i neonati e i bambini sono particolarmente esposti ai rischi derivanti dal mercurio presente nella catena alimentare, e la Convenzione permetterà di diminuire notevolmente la loro esposizione al mercurio a lungo termine, ad esempio vietando l’uso dell’amalgama dentale per queste categorie vulnerabili.
Considerato il ruolo fondamentale svolto dall’UE nei negoziati sulla convenzione di Minamata, il contenuto di quest’ultima è ispirato in ampia misura alla legislazione dell’Unione. Il regolamento sul mercurio stabilisce inoltre norme che consentiranno all’UE di diventare la prima economia senza mercurio. Esso prevede la cessazione di tutti gli usi del mercurio nei processi industriali e il divieto di qualsiasi nuova utilizzazione del mercurio nei prodotti e nell’industria, tranne in caso di necessità conclamata per la protezione della salute e dell’ambiente.
La prima riunione della conferenza delle parti della convenzione di Minamata sul mercurio si terrà dal 24 al 29 settembre 2017 a Ginevra in Svizzera. Il segmento ad alto livello che si riunirà tra il 28 e 29 settembre segnerà l’impegno della comunità internazionale a favore della convenzione di Minamata.
Il mercurio è una sostanza chimica con effetti neurotossici, utilizzato nei processi industriali e in numerosi prodotti come le batterie o i termometri. Il mercurio rilasciato nell’ambiente entra nella catena alimentare dove si accumula, soprattutto nei pesci. L’esposizione a forti dosi di mercurio può provocare danni al cervello, ai polmoni, ai reni e al sistema immunitario.
Negli ultimi venti anni l’UE ha elaborato un ampio corpus legislativo che copre tutti gli aspetti del ciclo di vita del mercurio, dall’estrazione primaria allo smaltimento dei rifiuti, e comprende misure riguardanti gli scambi, i prodotti contenenti mercurio e l’inquinamento da mercurio.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La strada del Mercurio” – Incontro pubblico

Posted by fidest press agency su domenica, 12 giugno 2016

campagna romana4Roma Martedì 14 giugno dalle 15.00 alle 18.00 presso la sala dell’Istituto Santa Maria in Aquiro – Piazza Capranica 72, ore 15-18 Incontro pubblico promosso dal Sen. Francesco Scalia in collaborazione con Amici della Terra. I risultati delle attività di ricerca del dipartimento di Scienza della Terra dell’Università di Firenze condotte nel bacino del Paglia-Tevere fanno emergere una grave situazione di inquinamento da mercurio originata in più di un secolo di estrazione e lavorazione dei minerali di mercurio nel territorio dell’Amiata. Il mercurio percorre ancora oggi la strada dalle sorgenti del Paglia, lungo le pendici dell’Amiata, lungo tutta l’asta Paglia-Tevere, fino al Mar Tirreno. Gli Amici della Terra, ritengono che questa crisi ambientale sia stata finora sottovalutata. Essa richiede il coinvolgimento delle regioni interessate e del Governo per definire tempestivamente una strategia adeguata di intervento di bonifica.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercurio anche in alcuni vaccini

Posted by fidest press agency su domenica, 6 novembre 2011

Mineral mercurio

Image via Wikipedia

Il Thimerosal è un composto contenente etil mercurio usato per prevenire la crescita batterica e fungina in alcuni vaccini inattivati in fiale multidose.È anche utilizzato per la produzione di vaccini specifici, tra i quali alcuni vaccini contro la pertosse (tosse convulsa), come parte del processo di fabbricazione che rende il prodotto sicuro ed efficace. Il Thimerosal è stato usato sin dal 1930 nella fabbricazione anche di altri medicinali. Lo stesso composto è noto come Tiomersale, ovvero mercuriotiolato, etilmercuriotiosalicilato, sodio timerfonato. Lo si può trovare anche nei vaccini per il tetano, difterite e pertosse, epatite A, epatite B e quello per l’influenza e nell’anno 2009, anche in certi vaccini contro l’influenza suina. Negli Stati Uniti l’ente di controllo sui farmaci, l’FDA, già dal ‘99 intimò alle case farmaceutiche che il thimerosal doveva essere eliminato dai vaccini mentre in Italia così come in gran parte del globo continua ad essere uno dei conservanti più utilizzati.La necessità di aggiungere conservanti ai vaccini è data dalla necessità di evitare che alcuni contaminanti possano essere introdotti durante l’uso ripetuto di un flacone multidose anche perché, come è noto, alcune sostanze inibiscono la crescita di batteri e funghi. Le fiale multidose di vaccino sono utilizzate in molti paesi perché richiedono meno spazio nella catena del freddo e consentono meno sprechi, entrambi i quali hanno un impatto significativo sui costi della vaccinazione. In molti paesi, per i vaccini inattivati forniti in fiale multidose, la presenza di un conservante è addirittura un requisito normativo.A dire il vero a suffragio della innocuità del thimerosal vi sarebbe la stessa O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità) che si rifà alle prove scientifiche relative al suo utilizzo come conservante su un vaccino per oltre 10 anni, in particolare attraverso uno studio indipendente da parte del comitato consultivo globale sulla sicurezza dei vaccini. Il comitato ha raggiunto costantemente la stessa conclusione: non c’è nessuna prova che dimostrerebbe che la quantità di Thimerosal utilizzato nei vaccini rappresenti un rischio per la salute. Altri gruppi di esperti (ad esempio l’Istituto di medicina degli Stati Uniti, l’American Academy of Pediatrics, il comitato del Regno Unito sulla sicurezza dei farmaci e l’Agenzia europea per la valutazione dei medicinali) hanno raggiunto conclusioni analoghe.L’OMS ha fatto sapere che praticamente non vi sono alternative alla sostituzione del thimerosal con altri conservanti o all’utilizzo esclusivo di vaccini monodose per due ordini di ragioni.Da una parte attualmente almeno il 64% di tutti i neonati e i bambini di oltre 120 paesi nel mondo sono immunizzati con vaccini multidose contenenti Thimerosal, contro quattro malattie con tassi di mortalità elevata: difterite, tetano, pertosse e Haemophilus influenzae di tipo b, e quindi, l’uso di vaccini contenenti Thimerosal per proteggere contro queste malattie avrebbe evitato la morte di almeno 1.400.000 bambini nel solo 2010.Dall’altra la rimozione completa di Thimerosal dai vaccini richiederebbe conservanti alternativi o l’utilizzo esclusivo di vaccini monodose. Tali alternative comporterebbero costi significativi per lo sviluppo e l’approvazione regolamentare, limitando così la capacità di offrire vaccini a prezzi accessibili.L’uso di fiale multidose è, infatti, il modo più efficiente e conveniente per proteggere le popolazioni con vaccini che hanno bisogno di essere somministrati a un gran numero di persone in un breve lasso di tempo, come ad esempio nelle situazioni epidemiche o pandemiche.Attualmente in Italia sono disponibili solo vaccini combinati senza mercurio (quattro, cinque e presto anche sei vaccini in un’unica iniezione); tali combinazioni contengono i vaccini obbligatori e anche i due vaccini facoltativi antihaemophilus B e antipertossico; esiste, inoltre, il problema, sempre sottovalutato dalle istituzioni sanitarie, del sovraccarico vaccinale dato dai vaccini polivalenti.Se un genitore vuole somministrare al proprio figlio solo i vaccini obbligatori non ha scelta, poiché non esistono antidifto-tetanici e antiepatite B senza mercurio. L’antipolio Sabin e Salk è sempre stata priva di thimerosal.Le rassicurazioni dell’OMS non convincono del tutto Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, il quale ritiene prioritario per il Ministero della Salute, cui sono demandate le politiche generali della Salute e quindi la sicurezza sanitaria dei cittadini in particolare i neonati ed i bambini per i quali sussiste l’obbligo di vaccinazione, non lesinare o ritardare la possibilità di trovare alternative al thimerosal o altri conservanti che comunque in maniera potenziale potrebbero essere lesivi per la salute in quanto contengono un elemento dotato di una tossicità elevata come il mercurio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischi da mercurio odontoiatricio

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

“Stop all’uso irresponsabile del mercurio odontoiatrico presente nelle amalgame dentali; l’uso sconsiderato di questa sostanza, non solo potrebbe apportare danni irreversibili alla salute umana, ma anche all’ambiente”. Così l’On. Scilipoti nel corso del recente incontro del Comitato Regionale Veneto del Forum Nazionale Mercurio Zero che si è tenuto in questi giorni a Montegrotto Terme (PD), organizzato dal Dott. Raimondo Pische. “Gran parte della classe medica – prosegue Scilipoti – non è adeguatamente formata per prevenire i rischi connessi all’uso del mercurio odontoiatrico e per diagnosticarne gli effetti avversi. Per tale ragione, nonostante la mancanza di un consenso scientifico sulla pericolosità dell’amalgama, il suo uso deve essere vietato”. A conclusione dei lavori, l’On. Scilipoti ha illustrato, inoltre, i fondamenti del futuro progetto politico nazionale del MRN (Movimento di Responsabilità Nazionale) nel quale avranno particolare rilievo anche i principi olistici.a.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercurio: donne incinte ad alto rischio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 ottobre 2010

“Il pensiero dell’ecologia profonda è ormai un’esigenza imprescindibile, in una società spesso inconsapevole dei pericoli provenienti dal progresso stesso”. Così l’On. Scilipoti con riferimento all’incontro che si è tenuto a Chioggia, presso la sala Consiliare del Municipio, sul Forum Mercurio Zero. “L’esigenza di abolire, dalle otturazioni, il mercurio contenuto negli amalgami dentali – prosegue Scilipoti (IdV) – è il primo passo da compiere per non compromettere la salute e la qualità di vita delle persone, ma questo da solo non basta, è necessario fare attenzione anche alle problematiche derivate dall’inquinamento dell’ambiente e dall’uso di sostanze e materiali tossici contenute negli alimenti e nei contenitori per conservarli (plastiche, coloranti, additivi etc.)”. Il Dott. Raimondo Pische ha posto l’accento sulla tossicologia del mercurio odontoiatrico e sui danni derivati alla salute dall’uso delle otturazioni in amalgama e soprattutto dalla loro rimozione non protetta nelle donne incinte, evidenziando soprattutto il danno fetale da mercurio per rimozione incongrua. Il Dott. Mario Mauro Mariani ha poi sviluppato il tema dell’inquinamento ambientale e dell’alterazione chimica e organolettica dei cibi. Il Dott. Sante Zanella ha esposto, invece, la correlazione fra i metalli pesanti e le patologie croniche del sistema nervoso. “Il mercurio – conclude Scilipoti – è una tra le sostanze più tossiche in natura, all’interno delle amalgame, utilizzate nelle otturazioni dentali, potrebbe creare dei danni organici irreversibili”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercurio negli amalgami dentali

Posted by fidest press agency su domenica, 26 settembre 2010

“Gli amalgami sono quella miscela utilizzata per le otturazioni dentali costituita da mercurio, argento, rame, stagno e  zinco: tutti metalli potenzialmente tossici per l’organismo umano, in particolare il mercurio, presente al 50% della miscela e certamente lesiva del sistema nervoso centrale ed i reni”. Così l’On. Dott. Scilipoti (IDV), in relazione ai gravi problemi causati dalle otturazioni dentali in amalgama”. “La rimozione protetta degli amalgami dentali, in presenza di un quantitativo esiguo e/o in assenza di sintomatologia specifica  o patologia in atto da riferirsi ad intossicazione da mercurio, potrebbe non rendersi necessaria. Continua il deputato di Italia dei Valori: “Altra problematica che si pone all’attenzione è il mercurio scaricato nell’ambiente, contenuto in scorie di produzione, residui e rifiuti chimici ed industriali. I Ministri dell’Ambiente e della Salute inviino immediatamente ispettori per  un controllo  specifico ed accurato, sia negli studi dentistici, sia nelle industrie chimiche (vedasi quanto sta succedendo a Taranto, dove il legislatore ha aumentato i limiti di tolleranza). “Inoltre, occorre legiferare in modo da far inserire appositi corsi specialistici per odontoiatri, per affrontare la problematica della rimozione degli amalgami e la sostituzione con materiale non tossico”. Conclude l’On. Scilipoti (IDV): “Occorre comunque che gli stessi studi dentistici siano attrezzati con presidi sanitari atti a sostenere la rimozione stessa: per legge dovrebbero essere già istallati i separatori d’amalgama.” (Dott. Giuseppe Cuschera)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arsenico, cromo e mercurio nel porto di Trapani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 luglio 2010

“Il gioco si ripete: per risparmiare sui costi di smaltimento di centinaia di tonnellate di rifiuti tossici, si avvelena il mare”. Così l’On. Scilipoti (IDV), in riferimento ai grossi sacchi contenenti piombo, arsenico, ferro contaminato, alluminio, silicio, nichel, cromo, zinco, rame, mercurio, parcheggiati sul molo del porto industriale di Trapani e in attesa di non si sa cosa. “Già in passato – Continua il deputato di Italia dei Valori –  il territorio e il mare di Trapani sono stati interessati da usi illeciti di cave in disuso e da affondamenti sospetti di navi. Sarebbe opportuno che il Governo obbligasse in modo serio le industrie a creare una tracciabilità documentata e chiara fin dalla previsione della nascita di ogni scoria, con, altrettanto in chiaro, i responsabili (tutti, a cominciare dai funzionari) del procedimento.” Conclude l’On. Scilipoti (IDV): “I politici siciliani, non denunciando, hanno le maggiori responsabilità. Che le Forze dell’Ordine, l’Autorità Giudiziaria e il Ministro dell’Ambiente a non tralascino alcun controllo.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Otturazioni dentali in amalgama

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2010

“Si è riunito, a palazzo Marini, il gruppo di lavoro sugli amalgami dentali, al quale sono intervenuti medici, biologi, rappresentanti di associazioni come AIOB, AMICA, SOSutenti, e altre”. Così l’On. Scilipoti in riferimento al problema delle otturazioni dentali in amalgama.  “Entro pochi giorni il gruppo predisporrà un documento informativo dei rischi connessi all’amalgama dentale per consentire ai cittadini di effettuare scelte consapevoli per la propria salute, visti i rischi che l’uso del mercurio in odontoiatria comporta anche per gli stessi dentisti, gli assistenti alla poltrona e per chi le ha in bocca”. Continua il deputato di Italia dei valori: “Senza dimenticare  l’impatto devastante che il mercurio ha sull’ambiente e sulla salute, per la contaminazione delle acque, dell’aria e dei prodotti di cui ci alimentiamo”. “Il gruppo sostiene la necessità di mettere al bando, quanto prima possibile, questo materiale. La proposta di legge che ho recentemente presentato alla Camera per la messa al bando dell’amalgame – conclude l’On. Scilipoti (IDV) – si pone nella direzione indicata dai Paesi Nordici nella prima conferenza del Programma Ambientale delle Nazioni Unite, che si è tenuta ai primi di giugno a Stoccolma e anticipa quanto proposto all’incontro di Bruxelles sulle strategie comunitarie sul mercurio”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amalgami dentari pericolosi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 aprile 2010

“Si è costituito, a palazzo Marini, un comitato volto  a evidenziare la tossicità delle otturazioni dentarie in amalgama, contenenti mercurio (la sostanza più tossica in natura dopo il plutonio) e, di conseguenza, a bandirne l’uso su territorio nazionale (ed europeo)”. Così l’On. Scilipoti, in riferimento agli amalgami dentari. “È assodato e dimostrato scientificamente da migliaia di pubblicazioni – continua l’On. Scilipoti (IDV) – che l’amalgama e fonte di numerose sindromi e patologie, anche gravi, soprattutto a carico del sistema nevoso centrale, con un carico tossico trasmissibile anche da madre a nascituro. Si evidenzia la necessità di rimuovere le otturazioni in amalgama esclusivamente attraverso un protocollo di rimozione protetta, affinché tale manovra non rappresenti un ulteriore danno per l’organismo dei pazienti già intossicati, o per le persone asintomatiche, oltre che – conclude l’On. Scilipoti –   per gli operatori odontoiatrici, categoria la più esposta per motivi professionali, al pericolo delle intossicazioni da mercurio”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »