Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘mestiere’

Com’è cambiato il mestiere del giornalista in mezzo secolo?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 ottobre 2018

Il Sessantotto e la Legge Basaglia. Due eventi storici che, a distanza rispettivamente di 50 e 40 anni, Glocal vuole ricordare con un occhio particolare: quello di chi li ha vissuti dall’interno delle redazioni. La settima edizione del Festival del giornalismo digitale, in programma a Varese dall’8 all’11 novembre, fa un salto nel passato con l’intenzione di guardare a due momenti che hanno cambiato la società per trarne spunti per il futuro. «In mezzo secolo sono cambiati gli strumenti, ma è cambiato anche il modo di raccontare gli eventi», ricorda Marco Giovannelli, ideatore di Glocal e direttore di Varesenews. «Dal passato però possiamo trarre importanti spunti per capire come si è evoluto il mestiere del giornalista; come è cambiato il giornalismo di inchiesta e come alcuni fenomeni hanno modificato il nostro modo di guardare e raccontare i fatti e la società».Tra i 60 eventi in programma nei quattro giorni di festival, due sono dedicati in particolare a questi momenti storici. Con “Liberi tutti: giornalismo d’inchiesta, letteratura e ricerca a 40 anni dalla Legge Basaglia”, il 9 novembre nella Sala Varesevive Glocal affronta la prima ricorrenza. Come è stata raccontata la vita nei “manicomi”? Quanto è stato importante il lavoro dei giornalisti per arrivare alla fine di una legislazione speciale e alla restituzione di diritti ai malati? Le risposte sono affidate ad Alberto Gaino, esperto di cronaca giudiziaria e autore del libro “Il manicomio dei bambini. Storie di istituzionalizzazione” nel quale ricostruisce le storie di alcuni giovanissimi internati a “Villa Azzurra” nella provincia di Torino. Grazie alla cartelle cliniche, Gaino ripercorre la vita di alcuni dei bambini reclusi non perché realmente malati ma perché avevano problemi a scuola o solamente facevano parte di una famiglia troppo numerosa. L’ospedale psichiatrico di Torino è stato nei suoi centocinquant’anni di vita un’immensa “discarica” umana in cui sono state rovesciate, come rifiuti organici, generazioni di uomini e donne, e bambini, tutti vulnerabili. Accanto a Gaino, Isidoro Cioffi, responsabile del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze negli ospedali dell’Asst Sette Laghi, nonché strenuo sostenitore della lotta allo stigma e della rivoluzione culturale introdotta dalla Legge Basaglia. Una legge che «fu scritta per scopi economici, un allegato della legge di bilancio», osserva il medico. «Era legata al contenimento della spesa, troppo elevata. Gli sviluppi, però, sono stati rivoluzionari, hanno sgretolato un muro che ha garantito a tutti pari diritti e dignità».
Nel corso dell’incontro prevista la proiezione di video con le immagini raccolte nell’ex ospedale di Bizzozero poco prima che fosse chiuso e smantellato.Un’intera serata è invece dedicata al “Sessantotto in redazione”. L’8 novembre al teatrino Santuccio, Michele Mezza, Michele Brambilla e Raffaele Fiengo presentano una performance multimediale per incontrare i personaggi e le idee che hanno costruito la società dell’informazione. Attraverso filmati e drammatizzazioni è possibile rivivere il percorso avviato nel 1968 che ha determinato la transizione dai giornali alla rete così come la conosciamo oggi. Come ha detto Mezza in una recente intervista pubblicata sulla rivista Pandora: «Il ‘68, o meglio il ‘64 americano, è il momento in cui la palla di neve del digitale diventa una vera valanga. Il momento che io considero topico è proprio alla fine del ‘64, quando Mario Savio, a Berkeley lancia il movimento del free speech. In pochi mesi, negli stessi posti, le stesse persone, con gli stessi valori, e gli stessi obiettivi, passano dalla mobilitazione anti autoritaria al free software, aprendo una nuova era in cui appunto l’informatica diventa tecnologia di libertà».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il giornalista apprendista stregone

Posted by fidest press agency su domenica, 4 marzo 2018

Ho letto quanto ha scritto Saverio Tommasi “intrufolato per Fanpage.it al Festival del Giornalismo, a Perugia” sulle sue domande sul precariato dei giornalisti e altro. Quello del giornalista è un mestiere che suscita molte perplessità se non altro perché sembra persino anacronistico pensare che per scrivere, almeno per quanto riguarda la possibilità di farlo sulle testate titolate, occorra avere un “patentino”, anzi di due specie, uno per chi si diletta nel giornalismo occasionalmente e chi lo fa per professione. Il primo è nell’albo dei pubblicisti e l’altro in quello dei professionisti, per l’appunto. E qui la prima contraddizione in quanto, spesso, i pubblicisti fanno lo stesso lavoro dei professionisti ma sono trattati diversamente dagli editori sia sotto il profilo economico sia giuridico.
Ma la situazione si presenta complessa, dal punto di vista della libertà di scrivere essendo il giornalista per lo più un dipendente e, d’altra parte, anche i free lance non sempre possono permettersi di veder pubblicati i loro lavori liberamente.
A questo punto la circostanza sembrerebbe “ingessata” in una logica referenziale che assegna al giornalista iscritto in uno dei due albi professionali l’esclusiva di scrivere e a tutti gli altri solo di leggere se non ci fosse oggi il web che ha stravolto questa regola permettendo a chiunque di esprimere la propria opinione, di farla circolare e confrontarla con gli altri navigatori.
Ciò significa che pure il giornalista si sente più libero d’esprimersi senza i lacci e laccioli di un editore se sceglie la via del web.
Azzerata in questo modo la logica e il primato dell’appartenza resta da risolvere un altro problema che è quello del “messaggio” che andando in caduta libera all’attenzione di tutti può inflazionare le notizie, alterarle, mistificarle e renderle vaghe e fuorvianti ed anche provocare un imbarbarimento del linguaggio per l’abuso che si può fare delle parole, storpiandone il significato e quanto altro. In questa fase, di certo, non si può dire solo non importa se non sei giornalista.
E’ importante invece che l’elaborato offra un minimo di documentazione a corredo delle opinioni che si esprimono e di farlo in una forma corretta grammaticalmente se non sintatticamente.
Vi è, poi, l’aspetto economico per chi sceglie di fare a tempo pieno la professione del “comunicatore”. Se si dipende da un editore è ovvio che a pensarci si delega costui ma sul web dove lo notizie sono catturate a titolo gratuito se non si trova un sistema per conciliare la professionalità con l’informazione e lasciarla libera d’esprimersi correremo il rischio che ad organizzare l’informazione e la costruzione delle notizie ci penseranno sempre di più coloro che dispongono di risorse economiche e alla fine sapranno imbrigliare l’intero sistema e la stessa libertà del web in un club esclusivo. E così ritorniamo a capo a dodici. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il mestiere di scrivere/El oficio de escriber

Posted by fidest press agency su martedì, 4 ottobre 2016

madridMadrid Giovedì, 6 ottobre 2016 alle ore 20.00 Calle Mayor, 86 presso l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid e l’ICE – Agenzia Italiana per il Commercio Esteriore, con la collaborazione della Regione Lazio, organizzano la prima edizione di incontri professionali tra editori spagnoli e italiani. All’incontro parteciperanno note case editrici italiane indipendenti come Giulio Perrone Editore, Minimum fax, Nottetempo, Nutrimenti e Tunué. Assisteranno, inoltre, gli scrittori Giuseppe Aloe, Domenico Dara, Francesca Matteoni, Luca Molinari e Marco Peano. Presenterà la giornalista, scrittrice e traduttrice Maria Teresa Carbone. La mattina del 6 ottobre, nel corso degli incontri professionali, gli editori romani,con un proprio autore di punta, si presenteranno agli editori spagnoli. Seguiranno incontri individuali, su prenotazione, tra le case editrici italiane e spagnole. Alle ore 20.00, si terrà nel Salón de Actos dell’IIC, un incontro aperto al pubblico, dal titolo “Il mestiere di scrivere”, con gli autori delle case editrici invitate: Giuseppe Aloe (Giulio Perrone Editore), Domenico Dara (Nutrimenti), Francesca Matteoni (Tunuè), Luca Molinari (Nottetempo) e Marco Peano (Minimum Fax).
Madrid Jueves, 6 de octubre de 2016 a las 20.00 horas Istituto Italiano di Cultura Calle Mayor, 86 El Instituto Italiano de Cultura de Madrid e ICE – Agencia Italiana para el Comercio Exterior on la colaboración de la Región Lazio, organizan la primera edición de encuentros profesionales entre empresas españolas e italianas del sector editorial. Al encuentro participarán relevantes casas editoriales italianas independientes como Giulio Perrone Editore, Minimum fax, Nottetempo, Nutrimenti y Tunué. Además contaremos con la presencia de los escritores Giuseppe Aloe, Domenico Dara, Francesca Matteoni, Luca Molinari y Marco Peano.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

Scuola: rappresentanti di classe

Posted by fidest press agency su sabato, 15 gennaio 2011

Arezzo 15 gennaio 2011 alle ore 10 presso l’Istituto Tecnico Commerciale “Buonarroti” in piazza della Badia 2 nel corso dell’incontro “Rappresentante di classe, il più bel mestiere del mondo”. Orari, qualità della mensa, utilizzo del contributo volontario dei genitori sono solo alcuni degli argomenti più scottanti per chi vive il mondo della scuola. Tutte queste tematiche e molte altre ancora saranno affrontate Un pizzico di normativa, alcuni aneddoti concreti e un ampio dibattito fra i genitori presenti saranno introdotti da Rita Manzani Di Goro, presidente dell’Associazione Genitori A.Ge. Toscana e autrice dei manuali “Come coinvolgere i genitori …e vivere felici” e “Come rappresentare i genitori”, entrambi editi da Bignami.  Questo momento di formazione, che si presenta ormai per la terza volta con cadenza annuale e con grande partecipazione da parte dei genitori, è organizzato dalla Consulta Provinciale dei Genitori di Arezzo e dall’Associazione Genitori A.Ge. Toscana. Entrambe le realtà sono note per il loro sostegno a favore dei genitori impegnati nella scuola, che si concretizza in un costante servizio di consulenza e di aggiornamento. L’occasione si presenta appetibile per tutti coloro, e sono tanti, che dedicano volontariamente il proprio tempo agli organi di partecipazione della scuola, i Consigli di classe e quelli di Circolo e Istituto, per garantire le migliori opportunità di formazione ai nostri figli. L’iniziativa è frutto dell’impegno volontario dei genitori organizzatori e pertanto l’ingresso è libero e del tutto gratuito.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso per rappresentanti di classe

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 novembre 2010

Può sembrare banale, ma fare il rappresentante di classe non lo è affatto. Un ruolo gratuito e difficilissimo, tutto basato sui rapporti interpersonali, che pochi riescono a portare a termine con successo. E neppure la posta in gioco è delle più banali, anzi: solo se il clima è favorevole può realizzarsi la tanto decantata comunità educante, nella quale i giovani apprendono in un clima sereno e favorevole, e di questo il rappresentante di classe è il primo artefice. Sarà mai possibile imparare questo difficile mestiere senza affannarsi tanto? Adesso sì, con i corsi in teleconferenza organizzati dall’A.Ge. Toscana. Ogni mercoledì dalle 18 alle 19 piccoli gruppi di genitori potranno imparare strategie e normativa in diretta con la presidente dell’A.Ge. Toscana Rita Manzani Di Goro, che in questi anni di impegno associativo ha incontrato e formato migliaia di genitori, traendo da questa esperienza il fortunato manuale del rappresentante di classe “Come rappresentare i genitori …e vivere felici”, edito da Bignami, e il successivo “Come coinvolgere i genitori”, che è scaricabile gratuitamente dal sito dell’A.Ge. Toscana http://www.agetoscana.it. Per iscriversi agli incontri in teleconferenza basta scrivere ad agetoscana@age.it indicando i propri recapiti e la scuola di appartenenza. Ciascun aderente riceverà il calendario e le modalità di connessione. Il servizio è gratuito per i soci dell’A.Ge. Toscana; per tutti gli altri partecipanti è prevista una quota di iscrizione di euro 10,00. Per sostenere l’impegno dei genitori a scuola, sul sito dell’A.Ge. Toscana http://www.agetoscana.it sono disponibili anche: Normativa per genitori; Documenti scaricabili; Rubrica di consulenza in ambito scolastico “L’esperto risponde” ; Consulenza su educazione, disagio, dislessia. I più amati, e cliccati, restano comunque il Patto di corresponsabilità scuola-famiglia e il Bilancio delle scuole spiegato ai genitori.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’evoluzione del “mestiere” di consulente

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2010

Milano 30 Giugno 2010 dalle ore 17.30 presso l’Aula De Carli  Politecnico di Milano, via Durando 10,  Lo spunto per l’incontro-dibattito è la recente pubblicazione del libro “Volevo fare il consulente. Mezzo secolo di capitalismo italiano visto da dentro” (edito da Il Sole 24 Ore), di un protagonista del settore: Nino Lo Bianco. Che definisce la consulenza un “affascinante mestiere”, ma che afferma anche che con la crisi che stiamo vivendo “è finita un’epoca” e che sarà indispensabile un “mutamento di paradigma”. Programma dell’incontro: Introduce e coordina Umberto Bertelè – Presidente MIP Politecnico di Milano Partecipano al dibattito Fabio Benasso – Amm. Del. Accenture Italia Nino Lo Bianco – Presidente e Cons. Del. BIP – Business Integration Partners Fernando Napolitano – Senior Vice President e Amm. Del. Booz & Company Italia
Alessandro Pansa – Condirettore Generale Finmeccanica  Chiude il dibattito Gianluca Spina – Direttore MIP Politecnico di Milano

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Uomini alla crisi finale

Posted by fidest press agency su martedì, 23 marzo 2010

Bologna da venerdì 26 a domenica 28 marzo, feriali ore 21, domenica ore 16 Teatro Dehon Via Libia, 59  al Teatro Dehon Pino Ammendola in “Uomini alla crisi finale”, testo e regia di Pino Ammendola. Con: Pino Ammendola, Giorgio Gobbi, Angelo Maggi e la partecipazione di Anna Jimskaya.  “L’eroina della commedia e’ la donna – prosegue Ammendola – ma vi e’ anche un elemento giallo: i tre amici che si ritrovavano in una “garconniere” insieme ad un quarto amico ora misteriosamente scomparso, vanno in questa casa chiusa da molto tempo. Ma trovano la luce accesa, il telefono in funzione… all’improvviso arriva un’avvenente ragazza dell’est, una professionista del mestiere più antico del mondo che sostiene di venire li da tempo per incontrarsi al buio con loro. Quindi c’e’ qualcuno che si spaccia per loro e si accusano a vicenda con situazioni comiche. Ognuno di loro vorrebbe approfittare delle grazie della ragazza ma non sono in grado di farlo per paura, per insicurezza. Risolverà tutto una partita a poker…». Ammendola è sia autore, che attore e doppiatore  “Mi diverto, sono un artigiano e cerco di fare le cose che mi piacciono. Le mie scelte artistiche non sono dettate da un motivo economico”. Web: http://www.teatrodehon.it Prezzo: Intero: 20 Euro Ridotti: 17 Euro (uomini alla crisi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia: Concorso Pm con pochi candidati

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2009

Palermo. “E’ la strategia della tensione che attanaglia l’Italia, e fa sì che non ci sia più nessuno disponibile a fare un mestiere pericoloso come quello del pubblico ministero”. Questo è stato il commento di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, riguardo l’allarmante notizia che su 197 poltrone da Pm, 112 sono rimaste vuote. Questi sono i dati emersi dall’ultimo concorso bandito dal Csm, che doveva riempire i posti vacanti di 96 province, ma che si è rivelato un incredibile termometro della preferenza accordata ad un lavoro come il magistrato . Il record più negativo si registra in Sicilia con 13 poltrone vuote su 14 da occupare. “Il sostituto procuratore è un mestiere troppo scomodo che nessuno vuole più svolgere – ha continuato l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – è normale che i cittadini non si presentino, poiché vince la strategia della tensione e della paura. Incutere timore servirà solo a lasciare un’Italia senza Pm. Una situazione questa che non può migliorare se lo Stato non contribuisce ad accrescere la sicurezza, soprattutto in posti come la Sicilia, dove il pericolo non manca”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La religione in una società che cambia

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2009

Roma 3 ottobre Spazio ex Gil, Largo Ascianghi 5 (Trastevere) Il Salone dell’Editoria Sociale affronta in due dibattiti il tema della religione in una società che cambia. Tra saggio e inchiesta, “Fare il prete non è un mestiere. Una vocazione alla prova” racconta il complesso percorso di chi oggi intraprende la “professione religiosa”. Alla presentazione parteciperanno tra gli altri, Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, il critico letterario Goffredo Fofi e la giornalista e autrice Laura Badaracchi. Lo stesso giorno, nel pomeriggio, si terrà il dibattito “La violenza del Sacro” , organizzato dalla rivista Confronti che affronterà il delicato tema delle guerre di religione nell’attualità a partire dal conflitto in medio oriente. Parteciperanno, tra gli altri, la moderatrice della Tavola Valdese Maria Bonafede e il docente di storia Medioevale presso l’Università di Firenze, Franco Cardini e il teologo Paolo Ricca. L’immigrazione, il lavoro, la solidarietà e l’intervento sociale, il volontariato, l’altra economia e la religione, saranno i temi principali del Primo Salone dell’Editoria Sociale. Dal 2 al 4 ottobre, nello Spazio ex-Gil a Trastevere, 25 espositori, decine di organizzazioni del terzo settore, più di 20 dibattiti con olrte 120 autori e scrittori ospiti, animeranno i tre giorni di salone. Tutto il programma su http://www.editoriasociale.info. L’entrata è libera.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alitalia. Voli Roma-Milano

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 agosto 2009

100% di ritardo nei voli in partenza da Roma Fiumicino per Milano Linate di Martedi 25 Agosto. E’ il record dell’Alitalia. Eppure martedi’ non e’ giornata da bollino nero o rosso e la tratta e’ quella in monopolio alla nostra “compagnia di bandiera”, per privatizzare la quale i contribuenti si sono accollati 3,2 miliardi di euro. Nel frattempo che gli utenti patiscono ritardi e disservizi, si annunciano riunioni fra tutti; per fare cosa non e’ dato di sapere. Forse era utile fare riunioni di lavoro nel mese di Giugno cosi’ da individuare i problemi e trovare soluzioni. Invece si promuovono azioni demagogiche, come quelle messe in campo dall’Alitalia stessa che ha inviato i dirigenti ai check-in o allo smistamento bagagli. Noi siamo del parere che ognuno debba fare, bene, il proprio mestiere e, stando ai servizi resi, non ci sembra che sia cosi’. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XV Film Festival della Lessinia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2009

baldiBosco Chiesanuova (Verona) Attraverso le immagini di una storia d’amore ambientata nella “sua” Valsugana, giovedì 27 agosto, il Film Festival della Lessinia dedicherà uno speciale ricordo al regista Marcello Baldi con la proiezione della sua ultima opera cinematografica Narciso. Dietro i cannoni, davanti ai muli.    Quasi un testamento è, infatti, il film Narciso: la pellicola firmata lo scorso anno da Marcello Baldi, alla camera da presa al fianco del figlio Dario, che ne ha completato il montaggio in seguito all’improvvisa scomparsa del padre. In 93′ la pellicola racconta la storia di Narciso Dal Cason: un uomo di 84 anni nato, cresciuto e vissuto in un villaggio della Valsugana dove ha sempre esercitato il mestiere di malghese. La serata dedicata al regista nato in provincia di Trento nel 1923 inizierà alle 21, presso il Teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova, con la proiezione di Non solo K2… Parte seconda: da Pupille agli Aramei.  Venerdì 28 agosto 2009
Alle 11, in Sala Olimpica, Ricordo di Piero Piazzola. Letture dal libro Sengio Rosso. A seguire, la replica della proiezione di Seralda di Marzio Miliani; per la sezione Altre montagne: De Zeelighen Baiblen (Le Beate Donnette) di Pierangelo Tamiozzo, fiaba popolare sulle fate riproposta in chiave musicale in dialetto vicentino e cimbro.  Al Teatro Vittoria, alle 16, verranno proposte tre pellicole in concorso: Der Jensei, Ein Leben auf der Flucht (Una vita in fuga) di August Pflugfelder (Germania, 2009): la storia del bracconiere Jen e della sua sua ossessione per la caccia, che lo porterà a fuggire lontano dal suo paese e dalla famiglia. A seguire El Buste, di Sergio San Martin, ritratto di un tranquillo ed isolato villaggio sulle montagne spagnole; in chiusura The Urals (Gli Urali) di Oliver Goetzl, viaggio alla scoperta della parte Nord degli Urali, al confine tra Europa e Asia, dove le rocce assumono forme misteriose.I biglietti per le proiezioni sono in prevendita presso l’Ufficio Turistico di Bosco (in Piazza della Chiesa, 34). Telefono 045.6782091.www.filmfestivallessinia.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “mestiere” del giornalista

Posted by fidest press agency su domenica, 9 agosto 2009

Lettera al direttore. Gentile direttore,  non voglio insegnare il mestiere ai giornalisti, e quindi formulo la mia critica in forma interrogativa. Non sarebbe bene che i giornali prima di pubblicare le lettere dei lettori verificassero se non la giustezza del contenuto, perlomeno la giustezza delle notizie riferite? E non sarebbe giusto che ci andassero cauti con i titoli, sì da non avallare le sciocchezze che alle volte i lettori scrivono? Su un noto quotidiano è stata pubblicata una lettera dal titolo: “Berlusconi più etico di sua figlia”, dove viene riferito che Barbara Berlusconi in un’intervista del 5 marzo 2008 su Novella2000 “difendeva nientemeno che graffitari e centri sociali” (cito dalla lettera). E’ falso. L’articolo riferiva il giudizio di Nicolò Cardi, gallerista socio di Barbara Berlusconi. Il lettore che firma la lettera non entra nel merito di ciò che Barbara ha detto riguardo al padre (che importanza ha?), ma fa un confronto tra la moralità del giudizio che le ha falsamente attribuito, e la moralità dei noti comportamenti  del premier, e ne deduce che il genitore è  più «etico» della figlia. Ma si può? (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Giallo” in Villa…

Posted by fidest press agency su martedì, 4 agosto 2009

gialloAl Romantik Hotel Villa Giustinian di Portobuffolè (TV), weekend con delitto il 10 e 11 ottobre 2009 Nel piccolo borgo medievale di Portobuffolè (TV), ai confini tra Veneto e Friuli e a breve distanza da Venezia, l’incantevole  Romantik Hotel Villa Giustinian si trasforma in una scenografia da film giallo, per far vivere agli ospiti un weekend all’insegna della suspence, come nei migliori set cinematografici del genere noir. Nella splendida dimora dei nobili veneziani Giustinian, incorniciata da un grande parco costellato di antiche statue e decorata da fastosi stucchi ed affreschi di scuola del Veronese, per chi desidera un weekend alternativo, per chi si sente un po’ Sherlock Holmes e si perde volentieri tra gli intrighi dei racconti di Agatha Christie e colleghi, “Giallo in Villa” promette di non deludere le aspettative, grazie alla compagnia Delitti & Delitti, che dell’inscenare gialli ha fatto un mestiere. Il resort organizza per il weekend del 10-11 ottobre 2009 un fine settimana “con delitto”, diretto da Nicoletta Fiumara, nel quale sono compresi, oltre al pernottamento, una cena “noir” in enoteca, con la proiezione di un film giallo, e un brunch servito durante i giochi. Inoltre un pomeriggio all’insegna della visita dell’azienda vinicola Tomasella, con degustazione di vini veneti e friulani.  Costo a persona, in camera singola o doppia, a partire da 150 euro. (giallo)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anna Maria Cesarini Sforza: Il mondo fantastico

Posted by fidest press agency su sabato, 6 giugno 2009

mondo fantasticoMalcesine (VR) fino al 25 giugno via Dosso, 10 Studio10arte Dopo aver studiato all’Accademia di Belle Arti di Roma, Anna Maria Cesarini Sforza frequenta negli anni Quaranta gli studi di noti artisti quali Galassi, Campigli.Afro, Capogrossi, Carrà, Consagra,De Chirico,Maccari,Severini e Tamburi, per molti dei quali realizza anche numerosi mosaici. Nel 1945 sposa Pietro Cascella, con il quale continua per un lungo periodo a realizzare opere a mosaico di grande pregio, frutto di un lavoro di grande perizia e maestria, che lei ama definire un mestiere senza tempo, un mestiere di pietra, una geologia domestica.  La sua ricerca e la sua passione artistica ruotano intorno alla combinazione di frammenti: anche i suoi disegni a china, in esposizione a Malcesine fino alla fine di giugno, sono combinazioni di segni, inserti, prospettive che sembrano raccontare pezzi di storie immaginarie, di animali fantastici,di ambienti, paesaggi, architetture e scenari di un mondo di sogno. Un sogno che racconta, con una sorta di -sfacciata- ironia, degli spiriti e dei folletti che ci circondano: in tal modo ogni fonte mitologica ci appare veritiera, reale, vissuta.  Il disegno e’ prezioso, preciso: fantastico nel fantastico. I suoi eroi,, i de’moni, i draghi, gli orchi, le fanciulle, ritornano non come favole dell’infanzia, ma come spettri nostalgici della maturità. Il tratto e’ sicuro, con un tratteggio che ci ricorda le illustrazioni della Divina Commedia di Dore’; un segno prezioso che si avvale d’una grande esperienza che soltanto gli anni e i compagni di -viaggio- le hanno potuto far maturare.  La creatività dell’Artista scaturisce dunque da una miscela dove iconografia popolare e iconografia colta ( come non pensare, nell’utilizzo di raffigurazioni attinte alla storia dell’arte per i suoi collages onirici, ai suoi attenti studi di storia medievale, fino al Concilio di Trento? Dal MedioEvo al Seicento, da Metropolis ai personaggi di cyborg, dalla storia dell’arte alla teologia: tutto cio’ che lei rappresenta mette in circolo citazioni, appunti, flash-back per creare un altro modo di leggere e interpretare la relatà) si incontrano, passando attraverso la proiezione immaginosa del mito, la profezia e l’avvenimento, indicando la mela rossa di Biancaneve e il naso lungo di Pinocchio come segnali che affiancano il percorso delle nostre coscienze. (mondo fantastico)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »