Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Posts Tagged ‘metafora’

“I fidanzatini” del XXI secolo

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

renzi-berlusconiIn una recente trasmissione televisiva un ospite invitato dalla conduttricedel programma di commentare l’incontro tra Renzi e Prodi a palazzo Chigi ha visualizzato la situazione raffigurando Renzi che vede Prodi come l’amante intrattenuto per fare un dispetto al “fidanzato” Berlusconi per ripagarlo di qualche sgarbo non noto al volgo. Alla fine i due, Renzi e Berlusconi, riprenderanno con maggior foga ad amoreggiare perché questo appare il destino dei due.
Uscendo dalla metafora mi sembra chiaro che il tutto stia proprio nel patto del Nazareno e che ognuno dei due appare intenzionato a tenere celato il contenuto di là delle scarne notizie che sono state lasciate in pasto ai media.
E se questo è un segreto, e che per taluni appare alquanto inquietante e insidioso per la stessa tenuta del sistema politico italiano, mi sembrano altrettanto legittime le illazioni al riguardo. Per prima cosa è sotto gli occhi di tutti il fatto che si parli sempre meno dei processi che riguardano Berlusconi e appare, inoltre, alquanto strano che quest’ultimo continui ad insistere nel ribadire la sua fedeltà al rispetto degli accordi sulle modifiche alle leggi costituzionali come se si trattasse di un solenne impegno al prezzo pagato a Renzi su un qualcosa di personale e tanto che non esiterà, se necessario, a svendere la sua creatura politica: Forza Italia.
La circostanza più sconcertante è che è proprio la destra storica dalla Meloni a tutti gli altri non si siano resi conto di una realtà già presente venti anni fa con l’alleanza Fini-Berlusconi in quanto quest’ultimo se ne impipava della destra ma che gli era necessaria per la sua ascesa politica-clientelare. Ora con altrettanta disinvoltura può farne a meno se potrà convolare a giuste nozze con il suo partner ideale: Matteo Renzi. D’altra parte l’inciucio a sinistra di Berlusconi c’era già ai tempi del primo governo Prodi con la fronda secessionista di D’Alema, Violante e C. Sotto questo profilo in nome del dio Profitto il caro Silvio è stato più che coerente, direi maledettamente fedele. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Federalismo: 10 motivi per votare no

Posted by fidest press agency su sabato, 5 febbraio 2011

“Non so davvero dove trovino il coraggio di chiamare questa riforma ‘federalismo’. È una definizione blasfema. Mi scorrono davanti agli occhi gli slogan di cui in questi anni i leghisti hanno infarcito la retorica federalista. Prima hanno urlato: ‘Padroni a casa nostra!’ per chiedere maggiore autonomia. Poi è stato il turno del leit motiv “Pago- Vedo-Voto” a significare una richiesta di maggiore responsabilizzazione per gli amministratori: premi per quelli bravi, sanzioni per quelli spreconi. Infine, il capolavoro della metafora tremontiana dell’’albero storto’ della finanza pubblica, da raddrizzare – ci hanno detto – con una riforma che riequilibrasse disparità e disuguaglianze tra i vari territori. Alla fine, la montagna ha partorito un topolino, geneticamente modificato per giunta. Perché è questa la verità: il federalismo che voteremo oggi non ha nulla a che vedere con quegli slogan e con la sacrosanta necessità di dare un assetto federale al sistema della finanza pubblica italiana. È solo un pasticcio, per dieci motivi che elenco sinteticamente.   La riforma determina:  1) più centralismo e più poteri a Roma;  2) minore autonomia per i comuni;  3) minore responsabilizzazione per gli amministratori locali; 4) più tasse per i lavoratori dipendenti; 5) più tasse per i pensionati; 6) più tasse  per le PMI (per intenderci, tutti i proprietari di fabbriche e capannoni pagheranno molto di più); 7) nessuna tassa comunale per gli evasori; 8) disparità intollerabili tra comuni privilegiati e comuni svantaggiati, anche all’interno della stessa Regione (basti pensare a quelli a vocazione turistica, che ne usciranno strafavoriti rispetto agli altri); 9) privilegi per tutti i comuni delle regioni a Statuto speciale; 10) confusione e incertezza normativa: il sistema fiscale diventerà un labirinto entro il quale per il cittadino sarà  impossibile capire dove andranno a finire le sue tasse. Eccoli, i dieci motivi per votare no. Dieci buoni motivi per dire alla Lega: ‘Peccato, vi siete sbagliati. Questo non è federalismo’”. Lo scrive sul sito di TrecentoSessanta Marco Stradiotto, senatore PD e membro della Commissione Bicamerale per l’Attuazione del Federalismo fiscale.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Festivalshow: Liberpool

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 agosto 2009

Lignano Sabbiadoro (UD) 8 agosto – Arena Alpe Adria Ore 21 Ingresso Libero Liberpool, la giovane formazione musicale che sta attualmente riscuotendo grandi consensi radiofonici e televisivi grazie al terzo singolo, Alba nei tuoi occhi, sarà ospite al Festivalshow nella tappa di Lignano Sabbiadoro (UD) insieme a tanto ospiti illustri quali Umberto Tozzi, Angelo Branduardi, Paolo Meneguzzi, Irene Fornaciari, Franco dei Califfi, Daniele Battaglia, i Jalisse e Keyka Espinoza. Il gruppo (già componenti dei Lunapop) si esibirà con Alba nei tuoi occhi, una canzone nata con un’anima acustica, poi rivestita di sonorità elettriche e di archi melodici, una ballata incalzante che racconta di una notte passata in attesa dell’alba, come metafora di un percorso, in cui le difficoltà e i periodi scuri della vita sono una notte buia, fino all’ arrivo di un nuovo giorno, in cui il domani diventa luce, e si fa speranza.  L’alba diventa così il punto di arrivo e di partenza di una nuova avventura così come lo è la realizzazione di questo album per la band e del relativo videoclip che lo accompagna, già in rotazione nei canali musicali Nati e cresciuti nella storica formazione bolognese che ha segnato la storia delle boybands in Italia alla fine degli anni ‘90, Alessandro De Simone e Gabriele Gallassi, batterista e chitarrista del gruppo originario, hanno deciso di tornare assieme e riprovarci col progetto Liberpool, un trio che vede la new entry del percussionista Andrea Capoti, che avevano già conosciuto all’epoca dei tour dei Lunapop. Durante gli anni universitari i tre ragazzi, classe 1980/1981 e tutti laureati, si sono dedicati intensamente alla loro grande passione per la musica, alla ricerca di sonorità e stili sempre più personali, ora confluiti nell’album LP (etichetta Superpartes – distribuzione Edel), con la produzione artistica di Umberto Iervolino.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il bosco sacro

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 maggio 2009

velloMonteriggioni (Siena)  29 maggio 18,30  (e fino al 1 luglio 2009) Castello – Giardino di Piazzetta Fontebranda Il bosco sacro sculture di  Elena Trissino dal Vello d’Oro  a cura di Alessandra Borsetti Venier Interverranno: Bruno Valentini Sindaco del Comune di Monteriggioni Anna Ballero Assessore alla Cultura del Comune di Monteriggioni Alessandra Borsetti Venier curatore ed editore Antonella Natangelo musicista e cantante che si esibirà con l’arpa classica e celtica  Saranno esposte alcune grandi sculture di Elena Trissino dal Vello d’Oro realizzate con tronchi centenari di castagno e una serie di materiali: terra, sabbia, tela, corda, cristallo e specchio. L’autrice ha elaborato vari temi: Il Tempio, Scale della Liberazione, Positivo-Negativo Maschile-Femminile Yin-Yang, La Mente è come il Cristallo, Le Possibilità. Il progetto vuol essere l’invito a una riflessione interiore. Il bosco è inteso come metafora del nostro modo di stare al mondo; infatti per la sua oscurità e le sue profonde radici, è il simbolo dell’inconscio. Nel bosco c’è la vita, quella autentica, intensa, significativa. Se ognuno di noi si avvicina seriamente al proprio intimo può trovare il discernimento utile a capire meglio se stesso e gli altri. Perciò se l’animo si distoglie dalle cose umane e si volge alle piante, agli animali e ai minerali non è affatto un errore, come a volte si sente dire, ma il desiderio di prendere parte a un’esistenza superiore.
Elena Trissino dal Vello d’Oro è nata a Milano dove per anni ha lavorato soprattutto nel campo fotografico. In diversi paesi del mondo ha fatto viaggi di studio e di ricerca musicale e visiva. Insieme a Gabin Dabire ha fondato, a Milano, il “Centro per la divulgazione delle culture africane” organizzando con il Comune e altri Enti diverse manifestazioni come concerti, mostre d’arte, seminari. Il suo percorso artistico si articola tra performance, pittura e scultura, usando materiali prevalentemente naturali come: terra (quella di campo) sabbia, polvere di marmo o di altri minerali, legno, pietra, ferro, bronzo, e metalli vari per le sculture. Inoltre crea anche candele particolari e arredi d’arte. Attualmente vive e lavora in Toscana.  Catalogo: Morgana Edizioni, Euro 10,00 (“Le Scale della Liberazione”, particolare)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »