Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘michael moore’

Michael Moore: Cinque cose da fare dopo la vittoria di Trump

Posted by fidest press agency su domenica, 13 novembre 2016

trumpdi Michael Moore, da facebook.com
1. Restituire il Partito Democratico al popolo. Ha fallito miseramente.
2. Licenziare chi ha fatto previsioni sbagliate: esperti, profeti, sondaggisti, chiunque del mondo della comunicazione si sia rifiutato di ascoltare o riconoscere cosa stava realmente accadendo. Quegli stessi parolai ora ci diranno che dobbiamo “superare le divisioni” e “unirci”. Diranno ulteriori balle nei giorni a venire. Spegneteli.
3. Ogni membro democratico del Congresso che oggi non si sia svegliato con la voglia di combattere, resistere e ostacolare come hanno fatto i repubblicani con Obama tutti i giorni degli ultimi otto anni, si faccia da parte e lasci il posto a chi è pronto ad arginare la follia che sta per cominciare.
4. Basta dire che siete “scioccati” e “sconvolti”. Dovreste piuttosto dire che avete vissuto in una bolla e non avete fatto attenzione ai vostri fratelli americani più disperati. Per anni sono stati ignorati da entrambi i partiti, la rabbia e la voglia di vendetta contro il sistema non ha fatto che aumentare. Poi è arrivata la star della tv il cui piano era distruggere i partiti, quindi la vittoria di Trump non è una sorpresa. Trattare Trump come fosse uno scherzo non ha fatto che renderlo più forte. E’ una creatura dei media, ma anche una creazione dei media.
5. Hillary ha vinto il voto popolare, ricordatelo a chiunque incontrate. La maggioranza dei votanti l’ha preferita a Trump. Punto e basta. E’ un dato di fatto. L’unico motivo per cui lui è stato eletto presidente è una folle e arcana idea datata diciottesimo secolo e chiamata Collegio elettorale. Finché non la cambiamo, continueremo ad avere presidenti che non abbiamo eletto e che non vogliamo. Viviamo in un Paese dove la maggioranza è d’accordo sul cambiamento in atto, sulla parità di salario fra uomini e donne, sull’educazione libera da debiti. Una maggioranza di cittadini che non vuole invadere altri paesi, vuole un aumento del salario minimo e un sistema sanitario che funzioni, insomma una maggioranza che ha posizioni “liberali”. Ci manca solo la leadership liberale per realizzare tutto questo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Moore indignato per il “momento” italiano

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

“Conosciamo bene il problema che abbiamo in casa e ahimè è trascorso solo poco più di un anno di legislatura”. Con queste parole il vicepresidente dell’Italia dei Diritti Roberto Soldà commenta le dichiarazioni rilasciate dal noto regista di contestazione americano Michael Moore, preso d’assalto dai giornalisti in occasione della prima del suo nuovo film ” Capitalism: a love story” presentato al Festival di Venezia. La celebrità non ha tradito il suo stile, esprimendo chiaramente quanta amarezza provasse nel ritrovare un’Italia ridotta in queste condizioni e chiedendo i motivi per cui un personaggio come Silvio Berlusconi potesse esser stato considerato idoneo dalla maggior parte degli italiani, ad occupare una poltrona del genere. Il vicepresidente aggiunge :”Oramai lo stato di allarme del nostro Paese travalica perfino dai nostri confini. Siamo consapevoli di ciò che passeremo per i prossimi 4 anni anche se spero in scossoni e ripensamenti da parte di tutti coloro che hanno dato il proprio voto all’attuale Premier. “Una soluzione immediata- prosegue Soldà – è poco realizzabile, basti solo pensare alle disastrose condizioni nelle quali stenta l’informazione in Italia continuamente tartassata da ruvide manovre di ridimensionamento”. L’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro conclude: ” Auspico nonostante tutto che il tempo di reazione del popolo sia prossimo ad un intesa comune”.

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »