Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘migratori’

I flussi migratori e gli errori del PD pagati dagli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

migranti«Dopo aver riempito l’Italia di immigrati clandestini oggi il Pd arriva in aula e sostanzialmente ammette di aver sbagliato tutto e che avevamo ragione noi “pericolosi populisti”. Fratelli d’Italia ha scelto di astenersi sull’iniziativa in Libia perché la missione ha dei contorni troppo poco chiari per poter dare un voto favorevole ma volevamo comunque dare un voto di incoraggiamento al governo perché per la prima volta ammette che bisogna bloccare i flussi migratori». È quanto ha dichiarato a margine del voto in aula il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni sulla relazione che autorizza la partecipazione dell’Italia alla missione internazionale in supporto alla Guardia costiera Libica.Il leader di FdI ha poi risposto a una domanda sulle ONG: «Penso sia scandaloso il comportamento di alcune organizzazioni non governative, che scelgono di non accettare alcune regole molto blande che il governo prova a concordare con loro. Penso che non si possa consentire a chiunque di favoreggiare l’immigrazione clandestina e che se queste ONG si comportano cosi si debbano sequestrare le loro navi e denunciare i loro equipaggi, perché quello è fiancheggiamento dell’immigrazione clandestina».

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello: gestione flussi migratori

Posted by fidest press agency su martedì, 17 gennaio 2017

migrantes“Sulla gestione dei flussi migratori deve essere spazzata via l’ipocrisia, ecco perché facciamo appello al nuovo Ministro dell’Interno Minniti. Questa materia ormai drammatica richiede serietà. Non ci si possono impiegare 12 mesi per dire se un immigrato ha diritto all’asilo o no e poi consentire altri due anni di soggiorno in attesa dell’esito del ricorso. Dobbiamo fare ogni sforzo per dare questa risposta in 12 giorni, impedire i ricorsi e rimpatriare tutti coloro che non fuggono da guerre e persecuzioni”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli intervistato da Intelligonews diretto da Fabio Torriero. “In secondo luogo – ha aggiunto- noi dobbiamo e vogliamo ospitare tutti coloro che fuggono dalle guerre e riteniamo che l’Europa debba fare altrettanto. In questa gara di solidarietà dobbiamo dare priorità alle donne e ai bambini. Tutti coloro i quali vengono invece in Italia per ragioni di carattere economico, che fuggono da un altro dramma che è quello della povertà, devono essere rimandati in Africa e aiutati a casa loro perché non esiste alcuna possibilità di accogliere i 10 milioni di africani che si vorrebbero trasferire entro un anno in Italia e in altri paesi europei”. “Queste le linee guida che chiediamo al governo di far proprie contenute nella mozione che si discuterà alla Camera dei deputati”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

COP21: tabella di marcia del Parlamento in vista della Conferenza UN di Parigi sul clima

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

parlamento europeoIl Parlamento ha richiesto mercoledì all’UE e ai suoi Stati membri di raggiungere un accordo, durante la COP21 di Parigi, su un taglio del 40% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 e un aumento progressivo degli impegni finanziari per le politiche climatiche. Inoltre, i deputati chiedono che i settori del trasporto aereo e marittimo adottino provvedimenti per limitare le loro emissioni entro la fine del 2016.
Dopo la votazione in Aula, il relatore Gilles Pargneaux (S&D, FR) ha dichiarato che “siamo confrontati alla lotta del secolo. Se non riusciremo a evitare che il riscaldamento globale superi i 2°C entro la fine del secolo, assisteremo sempre più a fenomeni di siccità, inondazioni, scioglimento dei ghiacciai e scomparsa di terreno coltivabile. Il cambiamento climatico sarà anche una delle cause dell’aumento dei problemi migratori”.Nella risoluzione, che conferisce il mandato per la delegazione del Parlamento alla COP21 – la conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite che si terrà a Parigi – i deputati invitano l’UE a chiedere:
una riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas serra
un obiettivo di efficienza energetica del 40%
un obiettivo del 30% entro il 2030 per le energie rinnovabili.
La risoluzione invita a un rilancio generale della politica UE sul clima, in linea con l’impegno dell’UE di ridurre dell’80-95% le sue emissioni di gas serra entro il 2050, rispetto ai livelli del 1990.Per i deputati, il Protocollo 2015 dovrebbe:
· essere giuridicamente vincolante
· puntare a eliminare progressivamente le emissioni globali di carbonio entro il 2050 o poco oltre, in modo da mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C
· se necessario, prevedere che i lavori inizino nel 2016 per elaborare misure di riduzione supplementari
· prevedere periodi di impegno quinquennali quale soluzione più appropriata per evitare che i risultati siano modesti.
Il Parlamento invita l’UE e i suoi Stati membri a concordare una tabella di marcia per incrementare i finanziamenti, così da raggiungere l’obiettivo complessivo di 100 miliardi di dollari l’anno entro il 2020. In aggiunta, propone di destinare alcune quote di emissione nell’ambito dello Schema di commercio delle emissioni (ETS) come fonti aggiuntive di finanziamenti per le politiche climatiche, così come i profitti derivanti dalle misure UE e internazionali sulle emissioni prodotte dai trasporti aerei e marittimi.
Il Parlamento evidenzia che tra i settori che generano più emissioni di gas serra, quello dei trasporti si posiziona al secondo posto e invita, pertanto, tutte le parti presenti alla COP21 a lavorare con l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) e l’Organizzazione marittima internazionale (IMO), per adottare misure che consentano di ridurre le emissioni entro la fine del 2016.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Flussi migratori nei mari del Sud

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

sud_est_asia700L’UNHCR accoglie con favore l’annuncio odierno dei ministri degli Esteri di Malaysia, Indonesia e Thailandia con cui si impegnano a risolvere il problema delle migliaia di rifugiati e migranti bloccati in barca nella Baia del Bengala e al largo delle coste del sud-est asiatico. Tale annuncio rappresenta un importante primo passo nella ricerca di soluzioni al problema ed è fondamentale per garantire il salvataggio di vite umane.Ora è necessario che queste persone vengano fatte sbarcare con la massima urgenza e senza indugi e che vengano garantiti assistenza medica e pronto soccorso per tutti coloro che ne hanno bisogno. Ci auguriamo che tali interventi vengano portati avanti senza alcun ritardo. L’Agenzia concorda con i Ministri sulla necessità di ulteriori interventi in futuro, mirati, tra le altre cose, ad affrontate le cause profonde di questo fenomeno. Sarà necessario tenere adeguatamente conto delle esigenze delle persone bisognose di protezione internazionale. Come in altre regioni del mondo, al centro di grandi flussi migratori via mare, i paesi della regione dovranno lavorare insieme per affrontare il problema in maniera significativa ed efficace.
L’UNHCR stesso è disponibile a lavorare con i paesi della regione per trovare soluzioni alla grave situazione in cui versano queste persone. Tali soluzioni potrebbero includere anche il rimpatrio volontario delle persone nei loro paesi d’origine, non appena le condizioni lo consentiranno.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi flussi migratori

Posted by fidest press agency su sabato, 17 gennaio 2015

FCO 312 - Nigeria Travel Advice Ed2 [WEB]L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) esprime forte preoccupazione per i rimpatri dal Niger alla Nigeria di centinaia di rifugiati, rimpatri avvenuti il 14 gennaio nel contesto di un’operazione congiunta organizzata dal Governatore dello Stato di Borno in Nigeria e dalle autorità in Niger. Secondo le informazioni ricevute dall’UNHCR, i rifugiati sono stati trasportati in 9 autobus a Maiduguri, la capitale dello Stato di Borno in Nigeria. Altri 11 autobus sono attualmente parcheggiati nella città di Gagamari nella regione di Diffa in Niger, in attesa di trasportare altri rifugiati in Nigeria. Considerate le condizioni di insicurezza presenti nello Stato di Borno e i recenti attacchi dei ribelli, l’UNHCR esprime preoccupazione per la natura di questi ritorni e ha chiesto alle autorità di fermare l’operazione fino a quando non vi saranno garanzie adeguate e un accordo giuridico condiviso tra Nigeria, Niger e UNHCR.
I rifugiati in fuga dal brutale conflitto nel nord-est della Nigeria continuano ad arrivare in Niger e Ciad, raccontando storie strazianti di morte e distruzione. I team dell’UNHCR hanno riferito che i rifugiati hanno raccontato l’estrema violenza che hanno subito o di cui sono stati testimoni durante gli attacchi contro la città di Baga il 3 e il 7 gennaio. Una donna, che è scappata da Baga con i suoi cinque figli e il marito, ha detto di aver visto i ribelli che correvano con le proprie auto sopra donne e bambini, che sparavano alle persone e che usavano i coltelli per tagliare la gola delle persone in strada. Si stima che a Baga ci siano stati centinaia di morti. La famiglia terrorizzata è riuscita a fuggire nottetempo, prima di raggiungere Maiduguri, da dove hanno preso un autobus per il Niger.
Complessivamente, circa 13.000 rifugiati nigeriani sono arrivati in Ciad occidentale dall’inizio di questo mese, quando sono iniziati gli attacchi a Baga. Fino a questo momento l’UNHCR e la Commissione governativa nazionale per l’accoglienza e il reinserimento di rifugiati e rimpatriati (CNARR) hanno registrato oltre 6.000 rifugiati. Ogni giorno continuano ad arrivare decine di rifugiati, molti dei quali in canoa sul Lago Ciad in direzione di aree come Ngouboua e Bagasola, circa 450 chilometri a nord-ovest della capitale ciadiana N’Djamena. Considerato anche l’ultimo afflusso, sono circa 16.000 i rifugiati nigeriani che sono arrivati in Ciad dal maggio 2013. L’UNHCR esprime preoccupazione per la possibilità che i rifugiati provenienti da Baga e dalla zona circostante abbiano scelto di fuggire attraverso il lago in Ciad, in quanto ciò potrebbe indicare che la rotta via terra verso il Niger sarebbe bloccata dai ribelli.
I team dell’UNHCR in Ciad hanno riferito di aver identificato 104 minori non accompagnati, che sono stati separati dalle loro famiglie mentre fuggivano dagli attentati di Baga. Sono stati collocati in famiglie affidatarie in attesa di ricongiungersi con la propria.
Allo stesso tempo, l’UNCHR ha avviato il trasferimento alla volta del sito di recente apertura di Dar Es Salam, nei pressi di Bagasola, di circa 2.000 rifugiati che erano rimasti bloccati sulle isole del Lago Ciad di Koulfoua e Kangalam,. Il sito, che ospita attualmente circa 1.600 rifugiati, si trova a 70 chilometri dal confine con la Nigeria e sarà in grado di ospitare fino a 15.000 persone.
Gli attacchi di Baga hanno spinto circa 572 persone a fuggire verso la regione di Diffa in Niger: alcuni di essi hanno attraversato il Ciad prima di raggiungere il Niger.
Da quando nel maggio 2013 è stato dichiarato lo stato di emergenza negli Stati di Adamawa, Borno e Yobe nel nord-est della Nigeria, si stima che 153.000 persone siano fuggite nei paesi limitrofi. Ad oggi, l’UNHCR ha registrato oltre 37.000 rifugiati nigeriani in Camerun, circa 16.000 persone sono arrivate in Ciad, e le autorità in Niger stimano che più di 100.000 persone – sia rifugiati nigeriani e che cittadini del Niger – siano arrivate dal nord-est della Nigeria devastato dalla guerra. Nel solo 2015, la violenza ha provocato l’esodo di 19.000 persone.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Flussi migratori e crisi economica

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 dicembre 2010

Milano – 17 dicembre 2010 – Università Bocconi  Il convegno “Flussi migratori e crisi economica: questioni globali e riflessi locali”, organizzato dalla Fondazione Franceschi il 17 dicembre presso l’Università Bocconi,  affronta l’immigrazione in questa  prospettiva, con l’obiettivo di offrire – gratuitamente – un momento di riflessione e di confronto a esperti, amministratori, studenti universitari e alla cittadinanza.  La giornata si aprirà con relazioni di taglio più generale, allo scopo di tracciare il quadro mondiale dell’immigrazione,  per poi soffermarsi sui singoli casi-Paese, tra cui l’Italia. Ai lavori partecipano studiosi di chiara fama, italiani ed esteri (si veda programma). E’ inoltre prevista una Tavola rotonda che approfondirà il rapporto tra flussi migratori e orientamenti socio-culturali in Europa. Il convegno prosegue nel pomeriggio con approfondimenti e case-history a cura del Network Roberto Franceschi, che avvia così i suoi lavori. Il Network, nato nel 2010, è composto da giovani studiosi attivi in Italia e all’estero, che negli anni scorsi hanno conseguito il Premio Franceschi. Questa “rete di saperi” di alto livello svolgerà attività di studio nel campo della multimedialità e offrirà un supporto continuativo di counseling e tutoraggio alla popolazione universitaria.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutilazione genitali femminili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 settembre 2010

Roma 27 settembre alle ore 11.00 presso la sede del Partito Radicale (via di Torre Argentina 76), una tavola rotonda dal titolo “La messa al bando universale delle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF): un obiettivo a portata di mano.” Organizzata da Pace Senza Giustizia.  Non c’è Pace Senza Giustizia è da lungo tempo impegnata al fianco delle attiviste arabe e africane nella lotta alle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF), una pratica tradizionale antichissima che colpisce 27 Paesi africani più lo Yemen, oltre che Europa e Nord America per via dei flussi migratori che hanno avuto l’effetto di “importare” il fenomeno da noi.  Oggi siamo prossimi ad un risultato di grande successo. La messa al bando universale delle MGF con una Risoluzione ad hoc della prossima Assemblea Generale delle Nazioni Unite è davvero un obiettivo possibile.
Interverranno, tra gli altri, Elisabetta Belloni, Direttore Generale della DG per la Cooperazione allo Sviluppo, Mariam Lamizana, Presidente del Comitato Inter-Africano contro le pratiche tradizionali (CIA),  Ndèye Soukèye Gueye, Direttrice del Dipartimento della Famiglia, Ministero della Famiglia, Senegal,  Khady Koita, Fondatrice e Presidente dell’Associazione La Palabre, Senegal, e Marie Rose Sawadogo,  Segretaria del Comitato Nazionale di lotta contro la pratica dell’escissione, Burkina Faso. Questo incontro sarà l’occasione per conoscere coloro che nei vari Paesi si occupano a tempo pieno di creare le condizioni affinché nessun’altra bambina o ragazza debba più subire questa pratica, per condividere quanto è stato fatto in tutti questi anni e cosa c’è ancora da fare per raggiungere l’obiettivo finale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Africa-Italia. Scenari migratori

Posted by fidest press agency su martedì, 6 luglio 2010

Roma, venerdì 16 luglio 2010, ore 11.00 Sala Conferenze Banca Monte Paschi Siena Via Minghetti 30/A (Piazza Colonna) Presentazione Rapporto dell’équipe del “Dossier Statistico Immigrazione” Caritas/Migrantesa seguito del viaggio-studi in Africa. Si tratta di un Progetto co-finanziato dall’Unione Europea Ministero dell’Interno Dipartimento per le libertà Civili e l’Immigrazione Direzione Centrale per le Politiche dell’Immigrazione e dell’Asilo Il volume verrà distribuito gratuitamente ai partecipanti. Ne parleranno il Prefetto Angelo Malandrino, Min. Interno, Direttore Centrale Politiche Immigrazione e Asilo S.E. José Eduardo Barbosa, Ambasciatore di Capo Verde in Italia “Scenari africani e migrazioni”. Segue la  Proiezione video realizzato da Antonia e Riccardo Moro
La Presentazione del Rapporto sarà tenuta da Maria Paola Nanni, Redazione Centrale “Dossier Statistico Immigrazione” Domande e risposte sul continente africano Gli interrogativi della base Le posizioni di Caritas e Migrantes. Seguono: Victor Emeka Okeadu, Consigliere aggiunto al Comune di Roma per l’Africa, Sthephen Emejuru,  Mediatore del Forum per l’Intercultura, P. Claudio Crimi, Già missionario in Africa – Centro Acse, Sac. Denis Kibangu Malonda, Ufficio Migrantes diocesi di Tivoli, Mons. Enrico Feroci, Direttore Caritas diocesana di Roma, Mons. Vittorio Nozza, Direttore Caritas Italiana Conclusioni P. Giulio Albanese, direttore della rivista Popoli e Missione Coordinamento di Franco Pittau  Dossier Statistico Immigrazione Caritas/Migrantes

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »