Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘ministero salute’

Un medico legale al ministero della salute

Posted by fidest press agency su martedì, 5 giugno 2018

«La scelta di una collega, di un medico legale al vertice del ministero per la Salute è un ottimo inizio per il Governo, e, insieme alle pagine sulla Sanità del Contratto di Governo, segno di una politica lungimirante che ha a cuore la Sanità e la Salute dei cittadini».In una nota congiunta, il segretario nazionale e il segretario regionale della Campania del Sismel, il Sindacato degli Specialisti in Medicina Legale, Giovanni Liguori e Maurizio Municino’, rinnovano la «disponibilità dell’organizzazione sindacale a collaborare con il Ministro, con il nuovo Governo e con il Parlamento, in particolare con i colleghi medici Senatori e Deputati, per promuovere una Sanità equa e solidale per tutti i cittadini, rimuovendo le disuguaglianze e sostenendo una gestione sempre più responsabile da parte dei professionisti della salute».
“Va apprezzata”, continua la nota dei vertici del Sindacato degli Specialisti in Medicina Legale,”la scelta quale ministro per là Salute della collega siciliana Giulia Grillo, 43 anni, professione medico legale. È la prima volta che avviene nella storia repubblicana e per la nostra categoria è al tempo stesso motivo di orgoglio e di responsabilità”. Il SIsmel “valuta positivamente anche gli obiettivi del neo-ministro come: ridurre le disuguaglianze di cura e assistenza fra cittadini residenti in diverse aree territoriali e fra cittadini con diverse fasce di reddito”. E ancora: “Concretizzare una sanità pubblica, giusta, efficiente e accessibile attraverso un adeguato finanziamento, una seria programmazione, una revisione della governance farmaceutica, un potenziamento dei servizi di assistenza territoriale, un adeguato piano assunzionale di medio e lungo termine e un aggiornamento dei corsi di Laurea e formazione; realizzare politiche integrate di promozione della salute che sarà intesa come investimento e non più come un costo; creare le condizioni affinché il personale sanitario possa lavorare senza sovraccarico di lavoro e in un clima di serenità e collaborazione riducendo al minimo le logiche clientelari e antimeritocratiche causate dall’ingerenza di varie forme di potere (politico, lobbistico)”.”Tutto questo e molto altro – concludono i vertici del Sismel- dovrà avvenire con la collaborazione di tutti quanti gli attori della sanità che vogliano mettere a disposizione le loro competenze al servizio della collettività avendo a cuore il bene comune sempre al di sopra dell’interesse particolare, di un singolo o di un gruppo di individui”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fertilità e campagna ministero: Dannosa e pericolosa

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

Ministero saluteIl ministero della Sanità promuove la fertilità in età giovanile. Un film sul ventennio del governo di Benito Mussolini nel secolo scorso? No! A.D. 2016. Proprio mentre migliaia di profughi o migranti affollano i mari che raggiungono la nostra penisola cercando aiuto. Proprio mentre l’esplosione demografica nel mondo e’ un pericolo piu’ volte denunciato dall’Onu. Sembra che il nostro ministero della Sanità viva in un fortino chiamato Italia e, visto l’andamento negativo della natalità, abbia deciso, per meglio combattere chi potrebbe assediare questo fortino, di far fare più figli a cui affidargli le baionette del millennio 2000.
Globalizzazione, liberi scambi, internazionalizzazione della economia e della politica del nostro Paese (su cui il nostro capo del Governo sta mettendo molto impegno), politiche di accoglienza per i disperati dei mondi poveri e/o belligeranti… tutto questo non esiste. C’e’ solo il fortino. Manca solo la razza e la stirpe e potremmo dire che è una campagna fascista. Ma non lo è. Perche’ se fosse fascista, almeno avrebbe una logica ideologica (anche se aberrante). Invece e’ solo una campagna ignorante e  altrimenti ci sarebbe anche la malafede a fini di ricerca di consenso elettorale verso i tanti che ancora abboccano a queste impostazioni uterine della crescita di un Paese. Quindi è una campagna dannosa e pericolosa. Sposta il nostro Paese anche nel ridicolo, oltre che contro tutte le politiche di crescita economica, culturale e politica: che sono quelle di un ruolo da svolgere nel contesto internazionale, puntando alla valorizzazione di organismi transnazionali e di superamento di quei confini ottocenteschi e novecenteschi che ci hanno portato morte, distruzione e disperazione.Dobbiamo quindi scoraggiare e non incoraggiare la natalità? Partendo dal presupposto che ogni donna e’ libera di procreare o meno, sperando che non si faccia abbindolare dai vari bonus bebe’ che spuntano come funghi anche nelle amministrazioni locali… Si’! Dobbiamo incoraggiare la decrescita ovunque sia possibile. E qui in Italia e -piu’ in generale- nei cosiddetti Paesi occidentali, dove e’ piu’ semplice comunicarlo e farsi capire, vanno fatte campagne specifiche. L’esatto contrario di cio’ che fa il nostro ministero della Sanita’. Il Pianeta e’ unico, e sulla demografia come sull’ambiente, potremo consegnarlo piu’ decente ai nostri figli solo se ci sforziamo per campagne uniche a livello mondiale. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Novartis e Fondazione Cariplo lanciano BioUpper, l’acceleratore di start up nelle scienze della vita

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

novartis-sede-logo-140207115847_bigNovartis Italia e Fondazione Cariplo hanno presentato oggi presso il Ministero della Salute il progetto BioUpper a sostegno dei giovani talenti che vogliono creare una start up nelle scienze della vita. L’iniziativa è promossa in collaborazione con PoliHub, l’incubatore della Fondazione Politecnico di Milano, e Humanitas, gruppo ospedaliero e avanzata struttura di ricerca.
Alla presentazione hanno partecipato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, l’Head of Region Europe di Novartis Pharma Guido Guidi, il Presidente di Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti e il Consigliere delegato di PoliHub Stefano Mainetti.
BioUpper – nato da una partnership di due anni firmata da Novartis e Fondazione Cariplo – aiuterà i giovani startupper a elaborare, formalizzare e presentare progetti innovativi di prodotto o di processo nel campo delle scienze della vita. I più meritevoli verranno accompagnati in un percorso personalizzato e strutturato che consentirà loro di accedere a risorse, strutture e relazioni in un settore all’avanguardia come quello medico-scientifico. I tre migliori gruppi di lavoro riceveranno inoltre un contributo economico per sviluppare ulteriormente i loro piani.“Con questa iniziativa – ha dichiarato Guido Guidi, Head of Region Europe di Novartis Pharma – vogliamo sostenere la crescita di un settore, quello delle biotecnologie, che è tra i più dinamici e promettenti del panorama scientifico ed economico italiano, contribuendo a colmare il gap tuttora esistente tra l’eccellenza della ricerca nazionale in questo ambito e la sua traduzione in attività imprenditoriali competitive e sostenibili. Il nostro intervento, in partnership con Fondazione Cariplo, PoliHub e Humanitas, è un atto concreto in favore dello sviluppo dell’innovazione nelle bioscienze, che Novartis considera un settore strategico per il futuro del nostro Paese, in linea con gli indirizzi dell’attuale governo, che per la prima volta identifica l’Italia come potenziale hub della farmaceutica europea.”
“La filantropia a sostegno della ricerca scientifica – ha dichiarato Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo – è da tempo una realtà concreta in Italia: in questi venticinque anni la nostra Fondazione ha sostenuto più di 1.500 progetti in questo ambito, con oltre 350 milioni di euro. Non credo vi sia organizzazione filantropica che abbia fatto di più in Italia. Ora stiamo vivendo un nuovo corso sempre più orientato a collaborazioni con chi, nel pubblico e nel privato, ha a cuore la ricerca che abbia anche un fine sociale, con ripercussioni concrete sulle persone che hanno bisogno”.
Da oggi fino al 15 novembre, sul sito http://www.bioupper.com sarà aperto il bando per candidare il proprio progetto negli ambiti delle biotecnologie orientate alle scienze mediche, degli strumenti digitali al servizio della salute e dei dispositivi medicali e dei servizi orientati al paziente o alla sanità. I venti migliori team accederanno a una settimana di formazione, un percorso della durata di cinque giorni che prevede momenti di lezioni frontali alternati a incontri con i principali imprenditori nazionali e internazionali operanti nel settore. Saranno inoltre previste attività individuali e in team con la supervisione di figure professionali competenti, così da approfondire la proposta progettuale e predisporre una presentazione efficace.
Al termine della settimana di formazione, i progetti verranno presentati in una sessione di elevator pitch davanti a una giuria costituita da rappresentanti di Novartis, Fondazione Cariplo, PoliHub, Humanitas e altri esponenti della startup community, che selezionerà fino ad un massimo di dieci progetti per accedere al programma di accelerazione.Il programma di accelerazione, della durata di due mesi, sarà pensato e progettato appositamente sulle specifiche esigenze dei progetti selezionati e consentirà di potenziare le competenze tecniche e le attitudini imprenditoriali e di supportare concretamente i gruppi di lavoro nello sviluppo del proprio progetto d’impresa. Saranno previsti momenti formativi, visite guidate ad aziende e distretti anche esteri, incontri di networking con i principali finanziatori nazionali e internazionali, come per esempio business angel, venture capitalist, piattaforme di crowdfunding o imprenditori di successo. Al termine della fase di accelerazione, ciascun team sarà chiamato a presentare i risultati raggiunti. I tre migliori riceveranno un contributo di 50.000 euro, che permetterà loro di usufruire in modo personalizzato e flessibile di ulteriori consulenze specializzate e di servizi e attività per lo sviluppo del proprio progetto d’impresa, così da facilitare e rendere efficace il percorso di accesso al mercato.
La giuria sarà costituita da soggetti provenienti dal mondo delle imprese, della ricerca, della finanza e delle istituzioni, attivi nello sviluppo di nuove imprese ed esperti nelle aree di supporto all’imprenditorialità: Danny Bar Zohar (Chief Scientific Officer, Novartis Farma Italy), Giovanni Ferrara (Venture Partner, Novartis Venture Fund), Stefano Firpo (Direttore generale per la politica industriale, la competitività e le PMI, Ministero dello Sviluppo Economico), Guido Guidi (Head of Region Europe, Novartis Pharma), Riccardo Luna (Digital Champion, referente per l’Italia dell’Agenda Digitale Europea), Stefano Mainetti (Consigliere Delegato, PoliHub), Carlo Mango (Direttore Area Ricerca Scientifica, Fondazione Cariplo), Alberto Mantovani (Direttore Scientifico, Istituto Clinico Humanitas), Marco Pierotti (Senior Group Leader, Istituto FIRC di Oncologia Molecolare), Diana Saraceni (Founder and Managing Partner, Panakè) e Roberto Scrivo (Capo della Segreteria Tecnica, Ministero della Salute).
L’iniziativa, promossa da Novartis Italia e Fondazione Cariplo, vedrà il supporto di PoliHub, uno dei maggiori incubatori internazionali che vanta una consolidata esperienza nel sostegno di imprese innovative ad alto contenuto tecnologico; mentre il focus sull’ambito scientifico-medicale è garantito dalla collaborazione con l’Istituto Humanitas di Milano, gruppo ospedaliero tra i più innovativi in Italia per la ricerca e riconosciuto a livello internazionale per il suo modello di gestione.
“Quindici anni di esperienza ci hanno permesso di sviluppare conoscenze e competenze distintive nel mondo dell’imprenditoria tecnologica e di essere riconosciuti tra i migliori incubatori internazionali – afferma Stefano Mainetti, Consigliere Delegato di PoliHub – La scelta di PoliHub da parte di Novartis e Fondazione Cariplo quale migliore performing partner per l’iniziativa BioUpper è un’ulteriore conferma dei risultati ottenuti. La nostra natura di hub ci consente di operare con un reale approccio multidisciplinare, unendo le competenze ingegneristiche garantite dal Politecnico di Milano con quelle medico-scientifiche offerte da Humanitas, quale partner specializzato nell’ambito delle scienze della vita.”
L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Salute, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e dalla Conferenza dei Rettori delle Università italiane (CRUI).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riconoscimento dell’Osteopata come Professione Sanitaria Autonoma

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 aprile 2015

Lorenzin beatriceSì è svolto l’incontro, presso il Ministero della Salute, fra il Direttivo del Registro degli Osteopati d’Italia guidato dal Presidente Paola Sciomachen, l’On. Sabrina De Camillis, consulente politico del Ministro Lorenzin e suo delegato, e Rossana Ugenti, Direttore generale delle Professioni sanitarie del Ministero della Salute. All’ordine del giorno la consegna delle 26.000 firme, raccolte da novembre 2014 a oggi, a favore del riconoscimento dell’Osteopata come Professione Sanitaria Autonoma, personalmente dagli osteopati del ROI presso i loro studi e attraverso la petizione online su Change.org. “Il successo della petizione dimostra che la strada del confronto con le istituzioni a favore del Riconoscimento non si basa su interessi particolari di una categoria professionale ma va a colmare una necessità dei cittadini che sempre più si rivolgono alle medicine complementari e alternative per far fronte ai propri bisogni di salute – commenta Paola Sciomachen, Presidente ROI – E’ un fenomeno che non può essere ignorato e che richiede di mettere in campo tutte le necessarie tutele, a partire dalla certezza di affidarsi a professionisti qualificati, correttamente formati e che possano offrire una prestazione sanitaria efficacie nel rispetto delle norme che solo il riconoscimento può garantire. Tutto questo all’interno di un quadro che già ci vede collaborare con medici e sanitari con l’obiettivo comune di migliorare la salute pubblica”.
“Come Ministero della Salute, ha sottolineato l’On. Sabrina De Camillis, alla luce anche dei nuovi indirizzi del CEN, siamo convinti che la regolamentazione della professione di osteopata vada fatta per rispondere a due obiettivi principali: garantire il cittadino che deve avere la certezza, quando ricorre alle cure dell’osteopata, di trovarsi di fronte un professionista con adeguate competenze; impedire che ci sia un attività fatta da chi può fare danni al cittadino e alla professione. E’ in questa direzione che va l’emendamento al DDL Lorenzin sulla riforma delle professioni sanitarie, in discussione nella competente Commissione al Senato”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ripristino Ministero salute

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 maggio 2009

“Il fatto che ci sia l’intenzione di ripristinare un ministero autonomo della Salute è per me motivo di grande soddisfazione”. Lo dice all’ADNKRONOS SALUTE Carlo Lusenti, segretario nazionale dell’Anaao Assomed, commentando l’anticipazione del via libera in Consiglio dei ministri alla nomina del sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio a viceministro alla Salute, e a un provvedimento per lo scorporo dal Welfare del ministero della Salute.”Il ministero della Salute è necessario, a livello internazionale e nazionale. Basti dire che eravamo l’unico Paese a non averlo. E la sua funzione di coordinamento delle Regioni è indispensabile”, prosegue il segretario nazionale dell’Anaao, già molto soddisfatto per le notizie di oggi (sabato ndr) . “Ma lo sarò ancor di più quando verrà annunciato il ripristino del ministero della Salute – assicura – Intanto faccio gli auguri a Ferruccio Fazio, di buon lavoro e di una proficua collaborazione nelle sue nuove vesti di viceministro”. Il ministero della Salute, infatti, “svolge un ruolo insostituibile per affrontare gli urgenti problemi che gravano sul Ssn e che chiedono immediate soluzioni”, prosegue Lusenti. L’Anaao Assomed, che ha sempre manifestato la sua contrarietà all’accorpamento dei ministeri del Lavoro, della salute e delle politiche sociali, “ritiene che il ritorno di un ministero autonomo possa contribuire a garantire al Servizio sanitario nazionale il suo carattere di unitarietà”. In un Paese “in cui le differenze tra i vari servizi sanitari regionali tendono ad ampliarsi, determinando disuguaglianze sempre più evidenti, è sempre più necessario mantenere un organismo che funga da baricentro, per assicurare il coordinamento programmatorio e di salvaguardia dei criteri di uniformità assistenziali – riflette Lusenti – ed evitare pericolose derive che negano il riconoscimento del diritto alla salute su tutto il territorio nazionale. Porgiamo a Ferruccio Fazio, che il Governo ha designato vice ministro alla Salute riconoscendogli un ruolo di maggiore responsabilità – conclude il segretario dell’Anaao – i migliori auguri di buon lavoro, auspicando di proseguire la collaborazione e il confronto basato sul dialogo e nel reciproco rispetto dei ruoli”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »