Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘minorile’

Riforma totale del sistema della giustizia minorile

Posted by fidest press agency su sabato, 7 luglio 2018

“Sulla giustizia minorile c’è un’omertà che dev’essere eliminata. Per questo, come associazione Verità Altre, e in sinergia con altre realtà associative a livello nazionale, siamo costretti a chiedere un incontro con le Alte Autorità dello Stato e i ministri competenti affinché ci sia una riforma totale del sistema della giustizia minorile. Oggi sono giunte all’associazione le grida disperate di una madre che stiamo seguendo e la comunicazione di un’altra associazione che ci ha informati che un altro minore di due anni che è stato violentemente strappato alla madre. Si tratta di un fenomeno nazionale di cui nessuno parla, chiuso nel recinto del silenzio e della pratica degli incontri protetti vietati per legge. Su questo silenzio lucrano molte realtà coinvolte nell’assistenza, per modo di dire, ai minori affidati a case famiglia, sotto la protezione di assistenti sociali, e di altre figure professionali altrimenti prive di occupazione. Stiamo scrivendo una lettera a tutti i parlamentari affinché si possa fare un incontro istituzionale per scardinare un sistema drammatico che lede i genitori, spesso una delle due parti è la donna, e a volte si trasforma in tragedie vere con figli uccisi e una giustizia che dimostra tutta la sua incapacità nell’affrontare situazioni di emergenza vera. Al centro della sofferenza ci sono i bambini che vengono separati dai genitori con ferite che durano tutta la vita. E’ urgente intervenire affinché non si distrugga il futuro di questi bambini, il cui presente è avvolto nella disperazione nel generale silenzio”. È quanto dichiara il presidente dell’associazione Verità Altre, avv. Carlo Priolo che ha predisposto una lettera ai presidenti e vicepresidenti di Camera e Senato sulla situazione in cui versa la giustizia minorile, e su un caso drammatico che sta avvenendo in questi giorni nell’assenza totale delle autorità competenti. Alcuni numeri: sono 40mila i bambini nelle case famiglia, 20mila gli affidamenti senza ragione, 250mila i genitori, partenti, amici espropriati dall’affetto dei figli, 3 miliardi di euro che vengono versati annualmente alle case famiglia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Povertà minorile in Italia: Illuminiamo il futuro

Posted by fidest press agency su martedì, 15 maggio 2018

Un Paese vietato ai minori, dove quasi 1 milione e trecentomila bambini e ragazzi – il 12,5% del totale, più di 1 su 10 – vivono in povertà assoluta, oltre la metà non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet e più del 40% non fa sport. Ma, soprattutto, un Paese dove i minori non riescono a emanciparsi dalle condizioni di disagio delle loro famiglie e non hanno opportunità educative e spazi per svolgere attività sportive, artistiche e culturali, sebbene siano moltissimi i luoghi abbandonati e inutilizzati che potrebbero invece essere restituiti ai bambini per favorire l’attivazione di percorsi di resilienza, grazie ai quali potrebbero di fatto raddoppiare la possibilità di migliorare le proprie competenze.Dal nuovo rapporto di Save the Children “Nuotare contro corrente. Povertà educativa e resilienza in Italia” – diffuso oggi in occasione del lancio della campagna Illuminiamo il Futuro per il contrasto alla povertà educativa – emerge che i quindicenni che vivono in famiglie disagiate hanno quasi 5 volte in più la probabilità di non superare il livello minimo di competenze sia in matematica che in lettura rispetto ai loro coetanei che vivono in famiglie più benestanti (24% contro 5%). Tuttavia, tra questi minori, spicca una quota di “resilienti”, ragazzi e ragazze che raggiungono ottimi livelli di apprendimento anche provenendo da famiglie in gravi condizioni di disagio. Come favorire la loro resilienza? Uno studio inedito contenuto nel nuovo rapporto di Save the Children dimostra che i fattori che aiutano i ragazzi ad emanciparsi dalle situazioni di disagio sociale ed economico sono l’aver frequentato un asilo nido (+39% di probabilità), una scuola ricca di attività extracurriculari (+127%), dotata di infrastrutture adeguate (+167%) o caratterizzata da relazioni positive tra insegnanti e studenti (+100%). Di contro, per i minori le probabilità di sviluppare percorsi di resilienza si riducono tra il 30% e il 70% se vivono in contesti segnati da alti tassi di criminalità minorile e dispersione scolastica e di quasi due volte se risiedono in aree dove la disoccupazione giovanile è più alta della media nazionale. Il contesto nel quale si cresce, la “comunità educante” che può attivarsi attorno ad un bambino e ad un ragazzo, può avere dunque un ruolo decisivo nella riduzione delle diseguaglianze di origine.
E’ dunque fondamentale investire su questi aspetti per fronteggiare la drammatica condizione di povertà educativa che colpisce i minori in Italia. Nel nostro Paese, infatti, – sono alcuni dati in evidenza nel rapporto di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro – 1 minore di 15 anni su 5 non raggiunge le competenze minime in lettura e in matematica; quasi il 14% dei ragazzi abbandona gli studi prima del tempo; circa la metà degli alunni non usufruisce della mensa a scuola, il tempo pieno è assente da 7 classi delle scuole primarie e da 9 classi delle scuole secondarie su 10, mentre appena 1 bambino su 10 frequenta l’asilo nido o un servizio per la prima infanzia.
Campania, Sicilia, Calabria, Puglia e Molise occupano i primi cinque posti della triste classifica della povertà educativa in Italia, secondo il nuovo indice di povertà educativa (IPE)[2] elaborato dall’Organizzazione. Regioni in cui bambini e i ragazzi sono maggiormente privati delle opportunità necessarie per apprendere, sperimentare e coltivare le proprie capacità, nonché della possibilità di sviluppare percorsi di resilienza necessari per superare ostacoli e condizioni di svantaggio iniziali. A fare da contraltare, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna che si segnalano invece come le aree che offrono maggiori opportunità educative per i minori.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una storia vera di prostituzione minorile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 dicembre 2016

vendutra-da-mia-madreeugenio_franciaA fine gennaio 2017 Eugenio Cardi, romanziere romano, sarà nuovamente in libreria con il suo ottavo romanzo, “VENDUTA DA MIA MADRE”, già uscito in lingua spagnola (VENDIDA POR MI MADRE) nel corso del 2016 in Argentina (De Ciutiis Ediciones, Buenos Aires) e la cui edizione italiana è curata da Profondo Rosso Edizioni (storica casa editrice fondata dai registi Dario Argento e Luigi Cozzi).
VENDUTA DA MIA MADRE è un romanzo liberamente ispirato ad una dura e tragica storia vera di prostituzione infantile, narrata all’autore direttamente dalla persona che l’ha vissuta. Ovviamente i luoghi e le persone descritte nel romanzo sono stati appositamente modificati per tutelare la privacy della persona a cui i fatti narrati nel romanzo sono realmente accaduti.
Lo scenario nel quale si muove il racconto è la spagna franchista, periodo nel quale – in particolar modo nelle campagne interne al Paese – il triste fenomeno dell’abuso dei minori e dell’avviamento degli stessi alla prostituzione da parte dei genitori era purtroppo più comune di quanto si possa credere, in particolar modo in ambiti familiari e sociali estremamente degradati.
Almunda – questo il nome della protagonista del romanzo – al compimento dei suoi 10 anni di età, con modalità molto dure e dirette, viene avviata da sua madre alla prostituzione, incontrando così i propri clienti (perlopiù amici di famiglia) sotto il tetto familiare. Una storia dura e purtroppo di grande attualità.
EUGENIO CARDI, già autore di ulteriori sette romanzi tra i quali il noto IRENE F. DIARIO DI UNA BORDERLINE uscito in quattro lingue e presentato nel febbraio 2016 presso il Senato della Repubblica, laureato in Scienze politiche (indirizzo politico-sociale) presso l’Università degli studi di Perugia, prende spunto spesso per i suoi romanzi da storie di vita vissuta che ha avuto modo di ascoltare lungo il suo prolungato percorso nel mondo del Sociale, fortemente impegnato infatti quale volontario nei settori CARCERI, MINORI IN DIFFICOLTA’ ed IMMIGRAZIONE. (foto: venduta da mia madre, Eugenio_Francia)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

“Sfruttamento minorile: un terribile fenomeno che non decresce”

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 ottobre 2016

parlamento europeo romaRoma Il 10 novembre 2016 alle ore 15,00 presso la Sala Mosaici della sede romana del PARLAMENTO EUROPEO, Via IV novembre n.149, Vi sarà la Conferenza – organizzata da ECPAT ITALIA ONLUS, dal titolo:”Sfruttamento minorile: un terribile fenomeno che non decresce”,nel corso della quale verrà presentato il libro di Eugenio Cardi “Irene F. Diario di una borderline” (Edizioni Profondo Rosso), romanzo di denuncia sociale contro il terribile fenomeno dell’abuso sessuale infantile; nell’ambito della Conferenza si affronterà tale triste fenomeno (che a tutt’oggi è perfettamente ancora vivo e presente nel nostro Paese e si stima coinvolga più di due milioni di persone, di cui per la gran parte di sesso femminile ed in età adolescenziale) da più punti di vista… Molto spesso infatti tale terribile esperienza si rivela come tra le più distruttive per la propria salute psichica, essendo inoltre oramai assolutamente consolidato in psichiatria il nesso tra abuso sessuale infantile e disturbo di personalità.Saranno presenti:
Francesca Puglisi, Senatrice, Responsabile Scuola, Segreteria Nazionale PD
Yasmin Abo Ioha, Segretario Generale ECPAT Italia Onlus
Ilaria Borrelli, attrice, regista, produttore cinematografico
Annalisa Barbier, psicologa e psicoterapeuta
Eugenio Cardi, autore del libro “Irene F. Diario di una borderline”
Modera: Marzia Apice, giornalista Ansa cultura
L’autore del libro: Eugenio Cardi, autore romano di otto romanzi (dei quali la gran parte tradotti e pubblicati all’Estero tra Argentina, Canada, Francia e Spagna) è laureato in Scienze Politiche (indirizzo politico-sociale) ed ha un trascorso alle spalle più che ventennale nel mondo della solidarietà e del volontariato, in particolare negli ambiti Carceri, Minori ed Immigrazione.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale contro il Lavoro minorile

Posted by fidest press agency su domenica, 8 giugno 2014

child_labourRoma giovedì 12 giugno 2014 p.v. dalle ore 10.00 presso la Sala Livatino del Ministero della Giustizia (Via Arenula 70, 1° piano) a Roma, si terrà una conferenza stampa di presentazione dei dati preliminari della nuova indagine di Save the Children sul lavoro precoce e il rischio di devianza minorile. L’iniziativa è in collaborazione con il Ministero della Giustizia-Dipartimento per la Giustizia Minorile. Alla conferenza parteciperà Andrea Orlando Ministro della Giustizia. Interverranno: Valerio Neri Direttore Generale Save the Children Italia, Raffaela Milano Direttore Programmi Italia Europa Save the Children Italia, Katia Scannavini e Francesca Arancio Esperte ricercatrici Save the Children Italia, Furio Rosati dell’ Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), un rappresentante del Dipartimento per la Giustizia Minorile.
Save the Children opera da anni in Italia e nel mondo per garantire a bambini e adolescenti opportunità di crescita e sviluppo e prevenire il rischio di sfruttamento e violenza. In questo contesto si colloca la prima indagine nazionale sul lavoro minorile, realizzata nel 2013 da Save the Children e l’associazione Bruno Trentin allo scopo di iniziare a colmare un annoso vuoto di dati ed evidenze in materia.
L’indagine 2014 sul lavoro minorile – che sarà presentata giovedì 12 giugno – ha inteso in particolare approfondire il rapporto tra il lavoro precoce e il coinvolgimento dei minori in circuiti illegali e anche la percezione che del lavoro hanno i ragazzi e le ragazze all’interno del circuito penale: se sia considerato uno strumento positivo, in un’ottica “rieducativa” e di emancipazione da comportamenti illegali e devianti.
La ricerca si basa su questionari somministrati a 900 minori nel circuito penale, focus group con operatori, una ricerca partecipata e interviste approfondite di alcuni ragazzi con esperienze di lavoro minorile e attualmente nel circuito della giustizia minorile. Durante la conferenza stampa saranno riportate alcune testimonianze di minori che hanno lavorato in età precoce.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prostituzione minorile a Cosenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2011

Di fronte al quadro agghiacciante dell’infanzia violata che emerge dall’ indagine condotta a Corigliano Calabro, Save the Children annuncia l’intenzione di costituirsi come parte civile nel conseguente procedimento giudiziario. Oggi infatti, i carabinieri hanno arrestato a Corigliano Calabro otto persone accusate, a vario titolo, di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile. Secondo quanto emerso dalle indagini gli arrestati avrebbero fatto prostituire,  in un contesto di forte degrado sociale, ragazze dall’età di dodici anni, facendole incontrare con uomini di età compresa tra i 50 e i 70 anni forniti di consistente disponibilità economica. Con la costituzione di parte civile, Save the Children avrà la possibilità di far valere l’interesse collettivo della tutela dei minori. “Esprimiamo il nostro apprezzamento per l’azione investigativa condotta dal Comando provinciale dei Carabinieri e dai sostituti procuratori Vallefuoco e Quaranta” dichiara Raffaela Milano, Responsabile dei Programmi Italia e Europa di Save the Children Italia. “Allo stesso tempo, la scelta di Save the Children di costituirsi parte civile esprime tutta la nostra preoccupazione per un fenomeno, quello dello sfruttamento sessuale dei minori che, anche se spesso “invisibile”,  in realtà è diffuso sul territorio.” Si stima che siano almeno 1.500 i minori in Italia costretti a prostituirsi e vittime di tratta. “E’ fondamentale rafforzare le realtà territoriali che operano in questo ambito,  a partire dai servizi sociali e dalle unità di strada” prosegue Raffaela Milano “per intervenire tempestivamente, assicurando alla giustizia i responsabili di questi crimini odiosi e, allo stesso tempo, prendendo in cura le vittime. E’ anche  necessario che nelle comunità locali si diffonda la consapevolezza dell’esistenza di questi fenomeni, per tenere gli occhi aperti su situazioni a rischio e intervenire in tempo.”

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lampedusa: emigrazione minorile

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 marzo 2011

Lampedusa, minori: Save the Children, necessario proseguire senza sosta con i trasferimenti dei minori non accompagnati  trasferiti i primi 83 mentre è stata destinata ai minori a Lampedusa anche la Casa della Fraternità Sono 83 i minori non accompagnati trasferiti stamattina da Lampedusa verso comunità per minori sul territorio nazionale. Sull’isola ne restano quindi 231, di cui circa 30 arrivati nella notte. Oggi alcuni di essi sono stati trasferiti presso la Casa della Fraternità di Lampedusa. “E’ importante che si sia iniziato a dar seguito ai trasferimenti come sollecitato da Save the Children. E’ ora indispensabile proseguire senza sosta per collocare i minori in strutture di accoglienza con standard adeguati, tenendo conto dell’assoluta precarietà dell’attuale collocazione sull’isola di Lampedusa. Save the Children torna a sollecitare l’attivazione di una rete nazionale di accoglienza per questi minori, che ne garantisca il rapido collocamento e che possa contare su un fondo dedicato, nell’ambito degli stanziamenti riservati all’emergenza. Ricordiamo che secondo la legislazione i minori non accompagnati sono inespellibili  e c’è l’obbligo per il paese d’accoglienza di farsene carico”, dichiara Raffaella Milano, Responsabile dei Programmi Italia-Europa di Save the Children. Sono 5 gli operatori di Save the Children che, nell’ambito del Progetto Praesidium, sono impegnati a Lampedusa a fornire ai minori in arrivo – sia non accompagnati che accompagnati – informazioni, supporto legale, mediazione culturale.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sovraffollamento carcere minorile

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 novembre 2010

Bologna. “Le agitazioni sindacali che hanno coinvolto di recente il carcere di Pratello, rientrano in un clima di penalizzazione che il nostro governo porta avanti ostacolando la sopravvivenza di numerose strutture pubbliche e private. La Regione non appoggia di certo questo comportamento e forse per tale motivo, l’Emilia Romagna, è sfavorita in maggior misura”. Dure le parole del responsabile per la provincia di Bologna dell’Italia dei Diritti, Marcello De Giorgio, nell’esprime il suo parere in merito al grido di allarme lanciato dai rappresentati dei lavoratori della polizia penitenziaria del carcere minorile bolognese, a causa della condizione di sovraffollamento della struttura e dell’enorme mole di lavoro a carico degli esigui dipendenti. Molti detenuti sono infatti costretti a dormire a terra in quanto non ci sono più posti letto, e gli agenti di polizia si sono visti revocare ferie e permessi per non lasciare la gestione priva di personale. “Se il centrodestra non intende promuovere un’inversione di tendenza – incalza l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro –, problemi come quello sorto nella struttura del Pratello, si intensificheranno ancor di più. Mi chiedo se gli eccessivi disagi dei reclusi minorenni non faciliteranno episodi ben più gravi, penso ad esempio ai suicidi. Non mi stupirebbe tutto questo, purtroppo negli altri penitenziari dove i detenuti sono maggiorenni, tragedie del genere sono all’ordine del giorno”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impegni su piaga prostituzione minorile

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2010

“La prostituzione minorile in Italia è una piaga sociale e culturale. Chiedo un impegno deciso per contrastarla da parte di tutti i ministri competenti su questa materia”.  È quanto chiede Andrea Sarubbi (Pd) annunciando la presentazione di un’interrogazione parlamentare sul tema al presidente del Consiglio ed ai ministri dell’Istruzione e della Pari opportunità. “Centinaia di ragazze provenienti dall’estero, illuse da un’aspettativa di vita migliore, finiscono in un meccanismo di sfruttamento del quale sono vittime. Ma di altrettanta gravità è la deriva culturale – alimentata da diffusi programmi televisivi così come da notizie di cronaca sempre più frequenti che vedono coinvolti personaggi delle istituzioni – che rende l’idea dell’utilizzo a fini di lucro del proprio corpo un’opzione possibile, accettabile ed ormai quasi accettata, anche da fasce di popolazione giovane e giovanissime. Il problema – conclude – non è purtroppo legato solo a qualche noto personaggio pubblico, ma ha assunto i connotati di una vera emergenza sociale. Il governo agisca immediatamente”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia minorile

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

“Questo governo, oltre a fare a pezzi la giustizia, per plasmarla a misura del suo premier, sta procedendo anche alla distruzione di uno dei settori che rappresenta per il nostro paese motivo di orgoglio, quello della giustizia minorile”. Così, in una nota, Federico Palomba (IdV), vicepresidente della commissione Giustizia alla Camera, dopo la risposta del ministro Alfano ad una sua interrogazione in merito. “Il ministro Alfano ha detto una cosa gravissima – spiega Palomba – ha confermato che sta procedendo allo smembramento del personale della giustizia minorile, per dissolverne le preziosissime risorse in altri settori dell’organizzazione giudiziaria e nell’amministrazione penitenziaria. “Ciò significa – aggiunge Palomba – che si disperderanno professionalità di quello che è il fiore all’occhiello del settore della giustizia, si disgregherà una struttura di grandissima efficienza che si distingue per l’altissimo livello di qualificazione. Il tutto, senza realizzare un solo euro di risparmio”. “Il ministro Alfano – conclude Palomba – dà così prova di grande insensibilità e totale inaffidabilità, visto che solo poco tempo fa aveva assicurato che non avrebbe mai consentito che la giustizia minorile venisse smembrata. Questa rappresenta l’ennesima indecenza da parte di un governo che a tutto pensa tranne che agli interessi della società, perché, con lo smembramento di questo settore, si andrà anche a compromettere il recupero dei minori. Si fermi finché è in tempo: la giustizia minorile è tutt’altro che una giustizia minore”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavoro minorile

Posted by fidest press agency su domenica, 15 agosto 2010

Povertà e mancato o scarso accesso all’istruzione, alla base del lavoro precoce e dello sfruttamento lavorativo di milioni di bambini Circa 165 milioni i minori lavoratori, di cui moltissimi impiegati in lavori pericolosi: quasi 6 milioni i bambini costretti a lavorare per ripagare un debito, quasi 2 milioni coinvolti nella prostituzione e pornografia Una povertà sempre più diffusa unita alla difficoltà o impossibilità di andare a scuola e ricevere un’istruzione adeguata. Sono alcune delle principali cause del coinvolgimento e sfruttamento di milioni di bambini e bambine nel lavoro minorile*. Un fenomeno che si può combattere e sradicare agendo su più livelli: con incisive politiche e interventi di riduzione della povertà, assicurando adeguata protezione ai minori vittime di sfruttamento lavorativo, garantendo ai minori costretti a lavorare accesso ad un’educazione flessibile e gratuita che permetta loro di affrancarsi dalla condizione di sfruttamento e di costruirsi un futuro diverso. E’ quanto sostiene e raccomanda Save the Children, la più grande organizzazione internazionale indipendente per la difesa e promozione dei diritti dei bambini alla vigilia della Giornata mondiale contro il lavoro minorile. “La povertà è spesso la causa principale del lavoro dei minori ed è chiaro come molti giovani siano costretti a lavorare per contribuire al loro sostegno e a quello della propria famiglia”, commenta Fosca Nomis, Responsabile Campagne e Advocacy di Save the Children Italia. “A ciò si aggiunge l’impossibilità di accedere ad un’istruzione scolastica adeguata. In molti casi i ragazzi e le ragazze finiscono con il lavorare perché non ci sono scuole da frequentare o perché il sistema educativo non è di qualità e in grado di dare risposte alle loro necessità di sopravvivenza”. “E’ assolutamente necessario rendere i sistemi scolastici flessibili, accessibili e gratuiti. In questo modo”, commenta ancora Fosca Nomis, “molti ragazzi saranno messi nelle condizioni di frequentare la scuola e,. grazie all’istruzione, di costruirsi una prospettiva di vita diversa e migliore”. Si stima che siano 165 milioni fra i 5 e i 14 anni i minori lavoratori. Molti di essi sono coinvolti in lavori pericolosi e nocivi. In particolare decine di milioni di bambini lavorano nei campi, spesso esposti al rischio derivante dai pesticidi. 5,7 milioni sono forzati al lavoro per estinguere un debito (bonded labour), 1,8 milioni sono coinvolti nel giro della prostituzione e della pornografia, circa 1,2 milioni sono vittime del traffico di minori. 250.000, di cui il 40% bambine, sono impiegati come bambini-soldato. Molti altri ragazzi in età lavorativa subiscono ogni giorno violenze sul posto di lavoro, commesse per lo più dai loro datori di lavoro o colleghi. Anche in Italia vi sono bambini e adolescenti coinvolti in gravi forme di lavoro coatto, come la tratta a scopo di sfruttamento sessuale. A tutela di questi bambini, è necessario prima di tutto perseguire coloro che li sfruttano. Quindi promuovere e prevedere programmi di protezione, recupero e riabilitazione che diano aiuto e supporto ai minori che sono sfruttati e ridotti in schivitù.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disagio minorile

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2010

Dal mese di marzo l’Associazione “Progetto Famiglia Affido” ha dato il via ai tirocini formativi per volontari che hanno scelto di impegnarsi ad accompagnare bambini e ragazzi in difficoltà.  Non solo formazione, ma una vera e propria esperienza sul campo, quella promossa dall’iniziativa “Animainfanzia” dell’Ass. Progetto Famiglia Affido. L’iniziativa è stata proposta nell’ambito dei Bandi di idee 2009 “Legami di sensibilità – Sodalis CSV Salerno e si prefigge di colmare il frequente divario fra la formazione teorica e l’impegno pratico nell’ambito del volontariato. L’Associazione, inoltre, attraverso Animainfanzia, intende formare volontari mediante esperienze di “solidarietà di gruppo” e sviluppare in questo modo, nelle zone interessate alla promozione del progetto, modelli innovativi di intervento a favore dei minori. Alla base di questa azione formativa c’è la grave necessità di attivare forme di prevenzione al disagio minorile e familiare, purtroppo molto diffuse in Campania.   L’iniziativa sarà promossa nella Provincia di Salerno. Oltre al Capoluogo saranno interessate, infatti, la zona del Picentino, della Piana del Sele, dell’agro nocerino, della costiera amalfitana e di Cava de’ Tirreni. Animainfanzia si avvale della partnership delle associazioni locali e, nello specifico dell’Associazione Genitori Insieme, delle caritas diocesane, dei comuni e delle scuole che operano sul territorio.  La presenza di questi enti è di fondamentale importanza soprattutto nella prima fase del progetto che prevede una campagna di sensibilizzazione per reclutare gli aspiranti volontari.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contro sfruttamento del lavoro minorile

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2010

Roma 9 giugno alle ore 16.00, Sala Aldo Modo presso la Farnesina conferenza stampa in occasione del 12 giugno, Giornata Mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile. L’iniziativa è organizzata dal Cesvi e Ministero Affari Esteri, per rilanciare l’attenzione e l’impegno a favore dei diritti dei minori, troppo spesso vittime di sfruttamento non solo all’estero ma anche nel nostro Paese. All’incontro saranno presenti il Ministro degli Esteri on. Franco Frattini, Elisabetta Belloni Direttore DGCS, Giangi Milesi, presidente di Cesvi, Furio Rosati, Progetto Understanding Children’s work (iniziativa ILO, UNICEF e Banca Mondiale -sostenuta dalla Cooperazione Italiana- che presenterà il nuovo rapporto Joining Forces against child labour), Vincenzo Spadafora, presidente di Unicef Italia e un rappresentante del PIDIDA.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »