Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘mobile banking’

Mobile banking: la trasformazione delle reti è un fattore chiave

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 gennaio 2018

SmartphoneDi Peter Konings, Director Products EMEA di Verizon Enterprise Solutions. Nell’attuale era digitale, i clienti sono abituati ad avere un approccio incentrato sul massiccio utilizzo degli smartphone nella loro quotidianità e auspicano, anche per il Banking, di poter usufruire dei medesimi servizi. Per le banche, questo rappresenta un passaggio necessario per consentire la crescente economia delle app sulla quale contano gli utenti. Servizi e applicazioni cloud permettono alle istituzioni finanziarie di venire incontro alle esigenze del cliente e forniscono solidi servizi tra una moltitudine di dispositivi e location diverse. Oggi giorno, i clienti utilizzano apposite app per accedere al proprio conto corrente e richiedere prestiti da remoto. Tuttavia, per consentire alle app prestazioni efficienti e coinvolgere i clienti, la connessione risulta essere di fondamentale importanza per garantire velocità, sicurezza e affidabilità, necessarie per gestire il crescente volume di dati sensibili quotidianamente raccolti e trasmessi dalle banche.
I network tradizionali funzionavano bene quando la domanda di mercato delle aziende era meno dinamica, oggi invece il business deve essere flessibile ed innovativo. Molto spesso le applicazioni non sono scalabili in modo abbastanza veloce, per questo i cicli di deployment possono diventare lunghi e scomodi. Queste nuove applicazioni cloud-based devono essere collocate all’esterno delle reti interne tradizionali precedentemente utilizzate, e richiedono un modello di network maggiormente flessibile.La risposta risiede nelle architetture Software-Defined Networking (SDN), come le software-defined wide area networks (SD-WAN), che supportano le aziende nella trasformazione delle proprie reti fisiche in reti virtuali on-demand. La struttura di queste architetture di rete sta consentendo alle banche di creare dei network sempre più attivi, veloci e flessibili rispetto al passato, essenzialmente rinforzando i loro servizi mobile e cloud-based e permettendo, quindi, ai clienti di usufruire dei servizi senza alcuna interruzione.Se il trasferimento di pagamenti con i servizi mobile è più veloce, il tempo di attesa per le applicazioni di pagamento tramite carta di credito è ridotto e sono supportate perfino le nuove applicazioni di AR (Argumented Reality) e VR (Virtual Reality), l’applicazione di SDN consente inoltre ai network di regolarsi automaticamente nei momenti di elevato traffico per permettere ai servizi di mobile banking di essere al riparo da problematiche e crash. Dato che queste tecnologie sono basate sui software piuttosto che sugli hardware, il network è in grado automaticamente di regolarsi a seconda dei diversi volumi di traffico. Un esempio concreto a tal riguardo, concerne l’automatizzazione della capacità di una rete bancaria durante i primi cinque giorni del mese, tipiche giornate di picco di traffico dovute al pagamento della rate dei mutui e dei canoni d’affitto, quando i pagamenti vengono normalmente trasferiti dai clienti alle istituzioni finanziarie e ai proprietari degli immobili.Le reti software-defined possono, inoltre, supportare più efficientemente l’aumento di traffico in una sezione specifica, senza compromettere o ritardare le funzioni di base come l’emissione di un bonifico o l’aggiornamento di account. Anche laddove fosse necessaria una accelerazione del network o una maggiore ampiezza di banda, le banche non devono più attendere il supporto di un tecnico che richiederebbe giorni o settimane. Al contrario, lo stesso sistema di automazione intelligente incorporato nel software della rete assegna priorità alle applicazioni più importanti, prevenendo possibili congestioni del traffico e creando una rete più dinamica e flessibile. Questo sistema di automazione consente alle reti di essere costantemente aggiornate e migliorate attraverso gli aggiornamenti software quando necessario, riducendo il bisogno di complessi aggiornamenti dell’hardware e consentendo il supporto di applicazioni all’avanguardia. Questa architettura flessibile consente, inoltre, alle banche di rispondere per tempo alle ultime minacce di malware e di costruire preventivamente forti misure di sicurezza per proteggere le informazioni bancarie sensibili dei propri clienti e le risorse corporate a livello di rete.Le istituzioni finanziarie, prima di iniziare l’aggiornamento del network tramite SDN, dovrebbero definire i loro obiettivi e decidere chiaramente quale traguardo raggiungere. Questo consentirà alle banche di esprimere efficacemente le loro richieste al loro team IT, e assicurare un allineamento tra le necessità di business ed il supporto informatico. In questo momento, è decisivo intraprendere i corretti investimenti nelle infrastrutture di rete, dato che grazie agli efficienti aggiornamenti basati sui software, le reti odierne dureranno più a lungo rispetto a quelle hardware degli anni o dei decenni scorsi.
Infine, una rete solida e flessibile migliora enormemente le funzioni delle tecnologie cloud-based che supportano i servizi di mobile banking sui quali, dipendenti e clienti, fanno affidamento per le proprie esigenze. Investire nella trasformazione digitale delle reti, rappresenta un passaggio di fondamentale importanza per supportare il cambiamento di approccio del cliente nei confronti della banca. L’inaugurazione della banca del futuro comincia con l’applicazione delle reti appropriate per supportare non solo la tecnologia di oggi ma, soprattutto, le innovative applicazioni tecnologiche che saranno presenti in futuro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Indagine Internazionale ING Bank sul mobile banking

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2016

SmartphoneIl 39% degli italiani in possesso di dispositivi mobili utilizza oggi i servizi bancari mobile, gestendo il proprio denaro tramite smartphone o tablet, un dato in crescita rispetto al 36% dello scorso anno. Tra questi il 75% afferma che l’utilizzo dei nuovi canali è in grado di migliorare la gestione delle proprie finanze.
È quanto emerge dalI’Indagine Internazionale ING sul Mobile Banking 2016 condotta da ING Bank su un campione di circa 15.000 risparmiatori in 15 Paesi in cui ING Bank è presente.
L’Italia si conferma al di sotto della media europea pari al 47%, mentre spiccano tra i Paesi che maggiormente utilizzano il mobile banking l’Olanda (63%), il Regno Unito (55%), Lussemburgo (52%) seguiti dalla Spagna (51%) e Austria (50%).
Tuttavia spicca tra gli italiani la forte propensione a passare al mobile banking nei prossimi 12 mesi: il 24% dei connazionali si dichiara infatti interessata passare ai servizi bancari digitali tramite smartphone e tablet nei prossimi 12 mesi, contro la media europea del 16% e il 10% di Australia e USA.La stragrande maggioranza di chi ha scelto di adottare il mobile banking ritiene che abbia cambiato in meglio il modo in cui gestisce il denaro: lo pensa il 75% degli italiani e il 71% degli europei. Relativamente ai benefici percepiti con il mobile banking il dato italiano, insieme a quello di Romania (72%), Polonia (75%) e Turchia (85%) si colloca al di sopra della media europea, ferma al 71%, a testimonianza che proprio i Paesi meno sviluppati lato online banking stanno progressivamente comprendendone i vantaggi.“La prima forma di risparmio è il controllo delle proprie risorse e la consapevolezza delle spese – commenta Sergio Rossi, Head of Marketing & Customer Centricity e Chief Innovation Officer di ING Bank Italia – Il mobile banking sta aumentando questa consapevolezza, con il 75% dei risparmiatori intervistati che si sente più “padrone” delle proprie finanze personali (50%), oppure è più puntuale nei pagamenti (23%), fino anche a risparmiare di più (21%). In ING parliamo di people empowerment, il processo con cui cerchiamo di rendere le persone sempre più autonome nella gestione delle proprie risorse economiche. Un esempio sono i nostri Financially Fit Test, un’alternativa semplice e immediata a complessi e sofisticati strumenti per il monitoraggio delle proprie finanze: brevi test di auto-consapevolezza finanziaria seguiti da suggerimenti e consigli immediati su come migliorarsi”.
Insieme alle abitudini dei consumatori cambiano anche i metodi di pagamento a loro disposizione: in Italia, infatti, il 66% del campione dichiara di aver usato molto meno contante durante l’ultimo anno e il 61% si dichiara propenso ad utilizzare molto di più i pagamenti tramite smartphone. Anche prendendo in esame nuove forme di pagamento come i bitcoin, gli italiani sembrano essere molto positivi, e nel 48% dei casi li considerano la nuova frontiera dei pagamenti. Molto più cauta la visione europea che registra percentuali del 33%.
Nonostante la facilità (45%) e la velocità (53%) riscontrate, prevale comunque un certo scetticismo nei confronti delle app di pagamento di operatori non bancari: il 75% degli intervistati ha, infatti, affermato di fidarsi più delle banche che dei gruppi come Google e Apple o dei social media, che comunque registrato un incremento significativo nell’ultimo anno: 16% complessivo rispetto al 9% dello scorso anno.
ING è un’istituzione finanziaria globale di origine olandese che offre prodotti bancari in più di 40 Paesi, con oltre 35 milioni di clienti e oltre 52.000 dipendenti. In Italia ING Bank è presente dal 1979 con la Divisione Wholesale Banking che offre servizi e finanziamenti a grandi imprese ed enti, e dal 2001 con la Divisione Retail ING DIRECT, la banca diretta leader in Italia per numero di clienti (oltre 1.000.000), la cui mission è quella di offrire a famiglie e risparmiatori prodotti semplici e trasparenti a condizioni economiche competitive. ING DIRECT propone oggi in Italia una gamma di prodotti mirata e completa: di pagamento, di risparmio, mutui, investimenti, assicurazione e prestiti personali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »