Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘mobilità’

Mobilità: presentato l’Osservatorio Stili Mobilità

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 ottobre 2021

Minore utilizzo del trasporto pubblico, a parte per auto in condivisione e monopattini, vincente il mix mezzi pubblici e privati a Roma, Milano leader della multi modalità. Questi i principali contenuti emersi durante la presentazione dell’indagine condotta da Ipsos, co-promotore dell’iniziativa, sugli stili di mobilità urbani, presentata questa mattina a Roma presso il Centro Convegni Carte Geografiche, con LINK Superpedestrian sponsor ufficiale dell’evento. Dai dati diffusi emerge in generale come la pandemia abbia costituito una sorte di spartiacque accelerando di fatto l’utilizzo dei mezzi in sharing, in particolare biciclette e monopattini elettrici. Questi ultimi costituiscono la novità nella sharing mobility e completano, insieme al trasporto pubblico, l’offerta di servizi di mobilità per i cittadini. ”Il cambiamento negli stili di mobilità che è intervenuto con la pandemia ha stimolato un nuovo modo di muoversi”. Così il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini che è intervenuto al dibattito e ha aggiunto: “Il passaggio a una mobilità diversa, più sostenibile e che guarda nella direzione della micro mobilità, è una questione prima di tutto di comportamento piuttosto che di acquisto di nuovi mezzi di trasporto: serve infatti una rivoluzione culturale che favorisca un nuovo approccio virtuoso con l’obiettivo di costruire future generazioni di cittadini e adulti consapevoli verso nuove forme di mobilità”.”La presentazione dell’Osservatorio sugli Stili di Mobilità ha rappresentato un importante momento di condivisione e confronto sullo scelte di mobilità degli italiani e siamo orgogliosi di poter rappresentare in questa cornice un comparto che ha garantito, soprattutto nel periodo più difficile della pandemia, una valida alternativa di trasporto sostenibile” – ha dichiarato Matteo Ribaldi, Public Affairs and Business Development Manager LINK Italia che ha poi aggiunto: “Dal confronto tra le diverse fasce di età campionata sono emersi dati interessanti: ad esempio la fascia 18-24 anni è quella che riscontra un approccio più positivo legato ad una maggiore consapevolezza del mezzo, ma anche quella con una conoscenza molto minore delle regole da rispettare. Per questo motivo, come LINK, siamo impegnati in progetti rivolti agli studenti come “LINK4schools”, sviluppato proprio in collaborazione con Legambiente, per fornire loro una formazione a 360 gradi sulla mobilità sostenibile, con un focus specifico sul monopattino elettrico per un utilizzo sempre più corretto e responsabile”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola e mobilità

Posted by fidest press agency su martedì, 19 ottobre 2021

Si chiama LINK4Schools l’iniziativa rivolta agli studenti delle scuole secondarie di Roma lanciata da Superpedestrian – la tech company nata dal’MIT di Boston che ha progettato LINK il monopattino elettrico in sharing più avanzato del settore – e promossa da Edustrada, progetto nazionale del Ministero dell’Istruzione per l’Educazione stradale. LINK4Schools si pone l’obiettivo di informare e sensibilizzare i più giovani sui temi della sostenibilità ambientale e della sicurezza stradale con un focus sulla micro-mobilità e sul monopattino elettrico, strumento che sta diventando sempre più centrale nelle nostre città.I moduli online, erogati da Legambiente, con cui Superpedestrian ha avviato un’importante collaborazione, promuoveranno un nuovo modo di vivere la città attraverso la mobilità sostenibile per un miglioramento della qualità di vita dei cittadini in termini di inquinamento, urbanizzazione e rispetto delle regole stradali. Le lezioni si terranno a partire da novembre fino a gennaio, quando gli studenti si sfideranno in un contest attraverso la realizzazione di un video sulle regole di guida sicura del monopattino. I vincitori saranno poi premiati dal comitato organizzatore con una giornata formativa presso l’autodromo di Vallelunga, Centro di Guida Sicura ACI-Sara – già partner di Superpedestrian – dove si terranno lezioni teoriche e pratiche sull’utilizzo dei mezzi. “Superpedestrian e Legambiente guardano nella stessa direzione quando si parla di sostenibilità e siamo orgogliosi di aver ideato questa iniziativa con una delle realtà più importanti in Italia” ha dichiarato Matteo Ribaldi, Public Policy & Business Developer LINK Italia, che ha aggiunto: “LINK4Schools vuole offrire una panoramica a 360 gradi su tutti i temi della mobilità sostenibile, con l’ambizione di sensibilizzare e formare gli studenti sia come cittadini responsabili che come utenti consapevoli nell’utilizzo del monopattino elettrico”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mobilità post covid

Posted by fidest press agency su sabato, 16 ottobre 2021

Nei prossimi 10 anni, 1 Italiano su 2 (53%) si dice pronto a rivedere completamente le proprie abitudini in termini di mobilità. Lo conferma una ricerca BVA-Doxa per l’Osservatorio “Change Lab, Italia 2030” realizzato da Groupama Assicurazioni – prima filiale del Gruppo francese Groupama e tra i principali player del settore assicurativo in Italia – che ha lanciato in questi giorni una nuova offerta Mobilità, in grado di soddisfare le mutate esigenze post pandemia.Questa soluzione – disponibile da ottobre 2021 per tutti i clienti della Compagnia – prevede nuove garanzie finalizzate a proteggere la persona in tutti i suoi spostamenti, per muoversi in completa sicurezza utilizzando car sharing, bici, monopattini e mezzi pubblici.Le nuove garanzie Mobilità riguardano, in particolare: la responsabilità civile (durante la circolazione in aree pubbliche, in caso di danni involontariamente causati per guida di veicoli, con o senza motore, non soggetti all’obbligo di assicurazione RCA; o in caso di circolazione a bordo di un’auto condivisa con altre persone, come passeggero); gli infortuni (che potrebbero verificarsi durante la guida di veicoli, con o senza motore, non soggetti all’obbligo di assicurazione RCA; durante la circolazione come passeggero su un’auto condivisa con altre persone; a bordo dei mezzi di trasporto pubblico o, infine, come pedone); l’assistenza (che prevede il servizio di Soccorso Stradale per mezzi di trasporto con o senza motore, ma non soggetti all’obbligo di assicurazione RCA e il rimborso del costo di servizio Taxi). Ogni garanzia può essere estesa all’intero nucleo familiare. Se oggi – complice ancora la paura del Covid – persiste una certa reticenza ad utilizzare mezzi di trasporto condivisi, il trend si inverte decisamente guardando al prossimo decennio, con un forte incremento delle formule alternative di mobilità: secondo i dati dell’Osservatorio Groupama, più di 6 Italiani su 10 (62%) si dichiarano pronti alla shared mobility; 4 su 10 (40%) ad utilizzare mezzi diversificati in base alle esigenze di movimento; il 36% si mostra disposto ad avvalersi esclusivamente di mezzi ecologici, mentre 9 su 10 sognano auto full electric. La flessibilità è ormai un “must”: 3 Italiani su 10 sentono l’esigenza di un’assicurazione legata più alla persona che ai singoli mezzi di proprietà; una polizza in grado di coprire tutti gli spostamenti, compresi quelli realizzati attraverso i servizi di sharing.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sbloccare la mobilità degli infermieri e degli altri operatori

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 ottobre 2021

Nel corso della delicata trattativa in corso per il rinnovo contrattuale del comparto sanità, il Sindacato Nursing Up ha inviato una dettagliata proposta all’ARAN, per risolvere la spinosa questione della mobilità degli infermieri italiani e degli altri operatori sanitari. Da tempo ci stiamo battendo per il decisivo sblocco della mobilità tra gli ospedali italiani, dice il Presidente del Sindacato. Il contratto si richiama all’art. 30 del dlgs 165.2001, che subordina il trasferimento del personale Sanitario al previo assenso delle aziende interessate. Questa norma, nei fatti, vorrebbe dare sollievo ad un sistema sanitario come il nostro che, da anni, per diverse cause, in primis le note politiche di austerity, vive una cronica carenza di personale sanitario.Nella realtà, con 80mila infermieri che mancano all’appello oggi, da Nord a Sud, bloccare la mobilità significa sferrare un ulteriore colpo di mannaia ad un comparto già fragilissimo, con conseguenze nefaste per i professionisti della salute, che pagano sulla propria pelle i disastri strutturali e in questo caso organizzativi degli ospedali in cui lavorano.L’ARAN, nel corso del dibattito sul rinnovo del CCNL, di fronte alla nostra prima richiesta sullo sblocco generalizzato della mobilità degli infermieri, ha stigmatizzato l’estrema difficoltà di agire contrattualmente sulla materia, esistendo una legge che di fatto vincola la mobilità degli infermieri al previo assenso delle aziende sanitarie. Nursing Up, dopo numerosi approfondimenti, ha proposto una concreta soluzione, beninteso rispettosa della vigente normativa, che si rivela per numerosi aspetti decisiva per la crescita del sistema sanitario nazionale e per quella delle medesime aziende sanitarie, e potrebbe risolvere i problemi dei tanti colleghi che da anni aspettano di essere trasferiti».Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up. Come sindacato abbiamo chiesto di agire su due leve, la prima ripristinando quella norma contrattuale “scomparsa nel tempo”, relativa alla “mobilità per compensazione”, e l’ARAN non sarebbe contraria. La seconda invece, la principale, consta in una modifica della normativa contrattuale attualmente in vigore, quella sulla mobilità del personale del SSN. Abbiamo presentato una integrazione, una nuova regolamentazione, omogenea e generizzata per il rilascio dei nulla osta in uscita, perché migliaia di infermieri sarebbero pronti al trasferimento verso aziende sanitarie con gravi carenze, se solo le aziende cedenti lo consentissero.Bisogna favorire il ricongiungimento di molte famiglie di professionisti della salute, mettere a disposizione delle asl, la qualità, l’esperienza, il background, il prezioso now how, di infermieri e altri operatori sanitari che portano in dote, alle nuove realtà, il loro solido bagaglio, costruito in precedenza. Si, perché alla fine sono proprio gli uomini e le donne che lavorano nelle corsie, quelli che difendono ogni giorno la salute dei cittadini, a fare la differenza», conclude De Palma.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La mobilità di Roma è insostenibile

Posted by fidest press agency su martedì, 12 ottobre 2021

Mezzo milione di persone senza neanche un metro di piste ciclabili, oltre 2 milioni di cittadini senza servizi adeguati di mobilità condivisa e una popolazione di 1,7 milioni di cittadini non adeguatamente serviti da bus, tram, treni e metro. È il quadro desolante che emerge dal nuovo studio “L’insostenibile mobilità di Roma” pubblicato oggi da Greenpeace Italia, alla vigilia del ballottaggio che vedrà sfidarsi i candidati Gualtieri e Michetti. La ricerca batte a tappeto le 155 “zone urbanistiche” della Capitale evidenziando le criticità del sistema cittadino di mobilità e propone alla futura amministrazione dieci punti su cui è prioritario intervenire. Lo studio di Greenpeace analizza 18 variabili riconducibili a quattro indicatori: trasporto pubblico locale, mobilità dolce, mobilità condivisa, infrastrutture e contesto. A ogni variabile è assegnato un punteggio, e i punteggi combinati consentono di tracciare delle vere e proprie mappe della mobilità romana. Il risultato principale che emerge è la forte disomogeneità tra le zone di Roma, dove chi vive nei quartieri più centrali gode di servizi di mobilità notevolmente più sostenibili rispetto a chi vive nei quartieri popolosi della periferia, abbandonati dal trasporto pubblico e senza alternative di mobilità condivisa. Lo studio rivela anche la presenza di chilometri di piste ciclabili pericolose e frammentate. Queste carenze infrastrutturali non fanno che favorire una mobilità prevalentemente privata. In vetta alla classifica generale c’è l’Esquilino, che risulta la zona con la migliore mobilità in città, sebbene sia ben lontana dall’essere un quartiere ideale. Dall’analisi non emerge infatti nessuna zona con una mobilità che si possa definire sostenibile, ma si possono trarre indicazioni utili sulle criticità delle diverse zone cittadine. Un esempio significativo è quello di Torre Angela, incastonata nel densissimo Municipio V, la più popolosa tra le zone urbanistiche romane, con oltre 87.000 abitanti tagliati completamente fuori da qualsiasi forma di sharing e di mobilità dolce.Con 911 veicoli ogni 1000 abitanti, Roma è la città più congestionata d’Italia e quella dove si sprecano più ore nel traffico: 166 ore nel 2019 e, nonostante la pandemia, 66 nel 2020, secondo la classifica di INRIX delle città con più traffico al mondo. Tutto ciò determina non solo un impatto ambientale (legato alle emissioni di CO₂ che alterano il clima), ma anche un costo sociale e sanitario dovuto sia all’insalubrità dell’aria, sia allo spazio urbano eccessivamente occupato da strade, parcheggi e veicoli, a scapito di aree verdi e spazi per le persone. Per migliorare la mobilità romana e renderla più sostenibile per i cittadini, Greenpeace chiede al futuro sindaco una serie di interventi da attuare subito: potenziare i servizi di trasporto pubblico, con veicoli nuovi ed elettrici, ampliare e mettere in sicurezza la rete ciclabile cittadina, promuovere servizi di sharing pubblici accessibili in tutte le zone della città e intervenire per ridurre il numero dei veicoli privati in circolazione, cominciando dalla conferma del bando di tutti i veicoli diesel nel centro città entro il 2024.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Prima piattaforma di mobilità ad integrare le previsioni meteo

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 luglio 2021

FREE NOW, la piattaforma di multi-mobilità leader in Europa, annuncia l’integrazione in app delle informazioni meteorologiche locali. Grazie a questa integrazione, FREE NOW potrà offrire ai propri utenti raccomandazioni personalizzate e smart, consigliando l’opzione di viaggio più adeguata in base alle previsioni meteo.Il progetto pilota ha preso il via in Germania grazie alla collaborazione con l’European Mobility Data Space e il Servizio Meteorologico Nazionale tedesco e l’integrazione sarà presto disponibile entro la fine dell’anno anche negli altri Paesi dove sono presenti i servizi FREE NOW; In l’Italia l’arrivo è previsto a settembre.L’obiettivo è fornire agli utenti consigli e indicazioni personalizzate circa l’opzione di mobilità più adatta in base al meteo locale, al fine di migliorare la loro esperienza di mobilità. Ad esempio gli scooter elettrici Cooltra e i monopattini elettrici Voi Technology, sono più adatti in caso di tempo soleggiato, mentre i taxi e il car sharing sono preferibili in caso di tempo piovoso. Sulla base dei dati meteo, FREE NOW potrà fornire quindi ai suoi utenti raccomandazioni molto specifiche del mezzo da preferire per spostarsi da A a B.A livello tecnologico, l’integrazione permette all’app FREE NOW di ricevere dati in tempo reale sulle condizioni climatiche in base alla posizione dell’utente. Ad esempio, se le previsioni prevedono pioggia e l’utente clicca sulla sezione dedicata alle due ruote, l’app invierà automaticamente un messaggio informando l’utente che le previsioni del tempo non sono ideali per noleggiare uno scooter. L’app suggerirà quindi di richiedere un taxi o di utilizzare il servizio di car sharing. ln contrario, in caso di tempo soleggiato, l’app consiglierà di considerare la possibilità di utilizzare un servizio di micro mobilità a minor impatto ambientale nel caso in cui l’utente stia per richiedere un taxi.Per FREE NOW questo è solo il primo passo di una strategia più ampia di integrazione di smart data in app al fine di rendere il servizio sempre più ricco e personalizzato. L’app ha, infatti, il potenziale per offrire inoltre sempre più informazioni personalizzate come gli avvisi sul traffico o informazioni sulla destinazione selezionata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Mobilità docenti di ruolo

Posted by fidest press agency su sabato, 24 luglio 2021

Anche l’attuale Governo tradisce le aspettative di tanti docenti di ruolo, che continuano a rimanere bloccati in province per loro scomode, malgrado vi siano i posti vacanti per accoglierli in località meno difficili da raggiungere: il vincolo quinquennale per i neo-assunti, approvato con la Legge di Bilancio 145 del 2018 e che figura tra le norme più discusse nel panorama scolastico, con il recente decreto Sostegni bis è stato semplicemente depotenziato, passando a tre anni. Ma non certo debellato, come invece era logico fare, considerando anche che siamo ancora nel bel mezzo della pandemia. “Non si parla, però, di una sua cancellazione e non è nemmeno all’ordine del giorno”, scrive la rivista Orizzonte Scuola.Alla deputata del Partito Democratico, Lia Quartapelle, che ha presentato un’interrogazione parlamentare scritta proprio su questo argomento, il ministro Patrizio Bianchi ha replicato ricordando che il vincolo “è stato esteso, dalla legge n. 159 del 2019, di conversione del decreto-legge n. 126 del 2019, a tutti i docenti a prescindere dalla modalità di reclutamento”. Bianchi ha quindi detto che il decreto Sostegni bis ha ridotto “il vincolo di permanenza dei docenti neoassunti sulla sede di prima assegnazione da cinque a tre anni” e che tale scelta “risponde all’esigenza di garantire adeguata stabilità agli organici così da migliorare la continuità didattica attraverso una corrispondente programmazione educativo-didattica”.“La nuova previsione – ha continuato il ministro dell’Istruzione – è indubbiamente una misura a vantaggio degli studenti e delle istituzioni scolastiche autonome poiché mira all’innalzamento della qualità del servizio scolastico, allo scopo di preservare l’esigenza di garantire la comunità educante in relazione alla continuità didattica, contenendo il fenomeno delle cosiddette «cattedre vuote» e nello stesso tempo soddisfa le legittime aspettative dei docenti”.Anief non si trova affatto d’accordo con questa interpretazione: prima di tutto perché il blocco dei trasferimenti imposto ai neo-assunti a partire dal 1° settembre scorso non garantisce alcuna conferma degli insegnanti sulle stesse classi e con gli stessi alunni dell’anno precedente. In secondo luogo, stiamo parlando sempre di richieste di trasferimento annuale motivate: non si possono scartare a priori, senza nemmeno esaminarne le motivazioni, spesso legate e notevoli problematiche familiari o personali.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobilità docenti, Bianchi ricorda che 6 su 10 l’hanno ottenuta

Posted by fidest press agency su domenica, 18 luglio 2021

“Per concorrere a soddisfare le istanze di molti docenti, continua il Ministro, il Governo ha voluto dare una prima significativa risposta con l’articolo 58 del decreto “sostegni bis” che, modificando l’articolo 399 del testo unico in materia di istruzione e l’articolo 13 del decreto legislativo 59 del 2017, ha ridotto da cinque a tre anni il vincolo di permanenza dei docenti neoassunti sulla sede di prima assegnazione”: così il ministro dell’Istruzione ha oggi risposto in Senato ad una interrogazione sulla mobilità dei docenti posta in question time dalla senatrice Tiziana Carmela Rosaria Drago di FdI. Bianchi ha anche detto che i problemi negli spostamenti del personale sarebbe motivati anche dal “tradizionale disallineamento, a livello territoriale, tra posti vacanti e disponibili e le sedi di residenza dei nostri insegnanti”. Anief ritiene che però il ministero dell’Istruzione, assieme al legislatore, ci ha messo anche del suo. La riduzione da 5 a 3 anni del vincolo agli spostamenti è stata davvero una risposta limitata all’emergenza che stiamo vivendo. Anche perché mai c’era stata una disponibilità di posti privi di docenti titolari. Avere negato tale facoltà a degli insegnanti anche con problemi familiari, non sempre certificabili e dimostrabili, è stato n atto di rigidità eccessiva e priva di quell’umanità che deve essere alla base del rapporto tra lo Stato e i suoi lavoratori. Ecco perché il sindacato continua la sua battaglia anche in tribunale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobilità comunitaria in pandemia

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 luglio 2021

In Europa vi sono oltre 17 milioni di cittadini europei in mobilità, ossia che risiedono in uno Stato membro diverso da quello di cui hanno la cittadinanza, diretta conseguenza della libera circolazione che vige nell’Unione. Tuttavia i loro diritti civili e politici, garantiti dalla cittadinanza europea, non sempre vengono pienamente riconosciuti quando essi si spostano in altri Stati membri, e perdurano difficoltà di inserimento e di integrazione anche per chi fa giuridicamente parte della stessa entità politica sovranazionale. In un’Europa politicamente divisa e contraddittoria, i cittadini europei stanno diventando sempre più consapevoli della necessità di essere rappresentati, tutelati e tra loro connessi, proprio come ha dimostrato l’affluenza record alle elezioni europee del 2019. Il progetto Eureka, finanziato dall’UE, intende contribuire a facilitare l’esercizio dei diritti di libera circolazione, l’inclusione e la partecipazione dei cittadini mobili dell’UE negli Stati membri ospitanti, attraverso un mutuo scambio locale, nazionale e transnazionale di capacità e competenze, basato anche su un aumentato livello di accesso e fruizione delle informazioni digitali. In particolare, il progetto promuove una campagna di disseminazione per aumentare la visibilità e ampliare le conoscenze e le competenze dei cittadini comunitari in mobilità, grazie all’utilizzo di tre strumenti inediti: un handbook dal titolo Eu Citizens go digital sulle buone pratiche e raccomandazioni da mettere in campo per ciascuno Stato membro; un Portale web unico, pratico e di facile utilizzo, denominato Key for mobility; e, soprattutto, un’APP ad esso collegata, che consente in ogni momento, da ogni dispositivo mobile, di trovare informazioni e indicazioni utili, rappresentando così un vademecum del cittadino comunitario in movimento. Questi tre media digitali rappresentano strumenti preziosi per esercitare con maggiore pienezza e consapevolezza i diritti di cittadinanza dell’UE e per rafforzare il senso di appartenenza a valori comuni. Cittadini informati, consapevoli e digitalmente alfabetizzati sono europei più integrati e tra loro connessi. Tuttavia, l’attuale fase di contrasto al Covid mette sul tavolo alcune sfide importanti proprio riguardo alla circolazione dei cittadini comunitari nell’Unione: come garantire e tutelare il diritto alla libera mobilità tra Stati membri in tempo di restrizioni differenziate a causa della pandemia, a campagna vaccinale ancora in corso e con la persistenza di discrepanze amministrative e procedurali tra i singoli Paesi? Come arginare il rischio di sfruttamento dei migranti comunitari, visto che dall’inizio dell’emergenza pandemica la circolazione intra-UE è stata consentita soprattutto a lavoratori stagionali e badanti? E quali questioni giuridiche si dovranno affrontare con l’adozione del green pass, che mette in conflitto la tutela della salute con il pilastro europeo della libera circolazione? Questi ed altri nodi problematici saranno trattati nel corso del mid-term meeting del progetto Eureka, nel cui ambito, a partire dalle sollecitazioni di alcuni main speaker europei, scaturirà un dibattito dialogato nel quale saranno raccolti commenti e domande da parte di un gruppo selezionato di esperti, giornalisti, practictioners provenienti da Croazia, Francia, Germania, Italia, Portogallo e Romania. Un evento unico e da non perdere, per tornare insieme al futuro dell’Europa.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Organici e mobilità personale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2021

Modifiche al reclutamento scolastico: sono quelle chieste dal sindacato per modificare il decreto legge 73/2021, andando ad assumere tutti “gli insegnanti che sono in possesso di abilitazione e specializzazione, non solo quelli che hanno tre almeno tre anni di servizio nella scuola statale” e anche “tutti gli altri supplenti che sono in seconda fascia: è il sistema più rapido, più semplice”, ha spiegato Marcello Pacifico nel corso di una video-intervista all’agenzia Teleborsa.”Sulla mobilità – ha aggiunto il leader del sindacato rappresentativo – abbiamo chiesto di consentire l’assegnazione provvisoria in deroga già da quest’anno, sono state presentate le domande, ma non si può costringere ancora le famiglie a dividersi”. Quanto agli organici, Pacifico ha detto che “si vuole ripartire a settembre ed è già polemica sulla mascherina e sulle vaccinazioni, ma il problema serio è quello di garantire gli spazi, lo stiamo dicendo da un anno e mezzo, siamo stanchi di ripetere queste cose”.Anche a proposito dell’annoso tema relativo alla valorizzazione personale, Marcello Pacifico si è detto molto perplesso: “è vero che è stato firmato il contratto per gli enti locali, ma quando ci sediamo per capire cosa migliorare nella scuola?”, si è domandato pubblicamente il sindacalista, ricordando po che “ci si era impegnati a trovare risorse aggiuntive oltre i 110 euro a persona”. “Su tutti questi temi – ha continuato il sindacalista – abbiamo presentato degli emendamenti, ma sta alla politica rispondere. Il sindacato non governa il Paese e rappresenta la parte sociale che dialoga con chi governa questo paese. Noi vogliamo lo stesso rispetto che il governo mostra per le confederazioni che tutelano il lavoro privato”, afferma il Presidente di Anief, aggiungendo “così come si arriva a degli accordi che portano al prolungamento delle norme anti-licenziamento ed alla cassa integrazione in deroga, perché allora non si arriva a degli accordi che portano alla stabilizzazione del personale precario della scuola?”.Marcello Pacifico conclude ricordando che questi concetti sono stati esplicitati anche alla vicepresidente della commissione europea”, Dubravka Šuica, in occasione dell’incontro tenuto “la scorsa settimana, perché la nostra missione è proprio quella di abrogare la precarietà nella scuola, nell’università e nella ricerca, per fare in modo che finalmente si possa ripartire tutti insieme per costruire un paese migliore a partire proprio dalla scuola”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Il Ministero svela il cronoprogramma su mobilità e assunzioni

Posted by fidest press agency su sabato, 3 luglio 2021

Sulle assegnazioni provvisorie e sulle utilizzazioni il Ministero accelera e pone come data ultima per la pubblicazione degli esiti il prossimo 9 agosto: lo scrive oggi la rivista specializzata Orizzonte Scuola, nel ricordare anche che la data è stata indicata nel cronoprogramma condiviso con le parti interessate “al fine di consentire il corretto avvio del prossimo anno scolastico”. La data è anticipata rispetto a quelle cui “siamo stati abituati negli ultimi anni scolastici, perlomeno dall’introduzione delle legge 107/2015 in poi, quando le operazioni si sono svolte sempre nella seconda decade di agosto ad essere fortunati, spesso anche a settembre e in qualche provincia con strascichi anche ad ottobre”.“C’è una risoluzione del Parlamento europeo del 2018 – dice il presidente nazionale Anief – che impegna gli Stati membri, nonché la stessa commissione, a contrastare l’abuso dei contratti a termine, ancora oggi permessi in certi Paesi come l’Italia nel lavoro pubblico e nella scuola. Tutto questo merita un cambiamento di norme, come pure i risarcimenti da parte di tribunali e la necessità del rispetto del diritto al lavoro”.Per quel che riguarda la mancata possibilità di presentare domanda di assegnazione provvisoria, Anief ricorda agli interessati che è ancora possibile ricorrere al giudice, avvalendosi dell’assistenza dei legali dello stesso giovane sindacato: “È nostra ferma intenzione – ha spiegato ancora il leader del sindacato autonomo – di fornire tutti quanti ne avessero bisogno la possibilità di presentare domanda. Negare l’assegnazione provvisoria in presenza del posto e in tempo di Covid è nello stesso tempo una clamorosa negazione del ricongiungimento della famiglia e degli affetti pur in presenza delle condizioni materiali”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola Mobilità: Udir informa su presentazione domande. Possibile ricorrere col sindacato

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2021

L’Udir fornisce informazioni e indirizza alla modulistica per la mobilità dei dirigenti scolastici 2021/2022: presentazione delle domande entro il 21 giugno 2021, gli esiti si sapranno entro il 15 luglio 2021. Inoltre il sindacato informa che ha lanciato il ricorso per la mobilità dirigenti scolastici Legge 104/92, con relativo diritto al rientro per coloro che hanno disabilità gravi proprie o di un congiunto che assistono. Dopo le vittorie ottenute da Udir lo scorso anno è possibile aderire anche per la prossima mobilità 2021/2022 al ricorso al Giudice del lavoro per ottenere l’esonero dal vincolo triennale per i dirigenti assunti in ruolo nel 2019 e nel 2020. Marcello Pacifico (Udir): “Necessario riconoscere il diritto a usufruire dei benefici sacrosanti connessi al possesso di una grave disabilità propria o di un congiunto che si assiste nella mobilità sempre negata ai dirigenti vincitori del concorso 2017”

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vanno riviste le norme che regolano la mobilità annuale dei docenti e del personale Ata

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Lo ha ribadito Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, nel giorno di pubblicazione della Nota ministeriale che da oggi al 5 luglio dà la possibilità di presentare domanda, ricordando che vi sono troppi vincoli e categorie escluse. Una limitazione che non può essere accettata dal sindacato, il quale ora chiede alla commissione Bilancio della Camera di rivedere la prima versione del decreto Sostegni-bis e di approvare gli emendamenti presentati sempre da Anief. Il sindacalista ha ricordato che va cancellato “il vincolo quinquennale sulle assegnazioni provvisorie rivolto ai neo-assunti” e che “c’è una limitazione persino nei posti vacanti e disponibili sugli spostamenti”. Come limitati rimangono “i passaggi di ruolo, cioè di quelli che in realtà ancora oggi vorrebbero passare da un grado all’altro di scuola, da una materia all’altra”. Questi vincoli, assieme a quelli delle assunzioni da Gps, la conferma della call veloce e degli organici Covid, e diversi altri, hanno portato il sindacato a manifestare in Piazza Montecitorio la scorsa settimane ed aderire alla manifestazione di oggi delle associazioni dei precari. “Il tema della mobilità è molto importante per tutto il personale della scuola: ogni anno più di 200mila fanno domanda per i trasferimenti e per le assegnazioni provvisorie perché purtroppo ci sono tantissimi, migliaia di posti vacanti e disponibili. È quindi una pratica normale quella di presentare domanda per un altro posto, spesso per potersi ricongiungere alla propria famiglia”. Solo che oggi viene negato questo diritto, benché sia costituzionalmente garantito e vi sino in moltissimi casi le disponibilità dei posti vacanti altrimenti destinati a supplenza. Il problema, ha ricordato Pacifico durante un’intervista all’agenzia Teleborsa, è che “da alcuni anni vi sono dei vincoli alla possibilità di trasferimento” che nel corso della pandemia da Covid sono diventati ancora più inaccettabili.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Mobilità docenti

Posted by fidest press agency su martedì, 15 giugno 2021

Sulle assegnazioni provvisorie “il Ministero vuole “correre” e punta ad aprire le operazioni per i docenti già dal 15 giugno”, anche a seguito delle informazioni che i sindacati hanno recepito nell’incontro tenuto con l’amministrazione scolastica centrale giovedì scorso sulla medesima tematica. A segnalarlo è Orizzonte Scuola, che fa anche osservare come questa data strida “con le richieste da parte dei lavoratori con vincolo quinquennale di richiedere l’assegnazione provvisoria in modo tale da poter ricongiungersi con il proprio nucleo familiare. Su questo, è la novità delle ultime ore, c’è da segnalare un pressing della politica per spostare le date di qualche settimana (probabilmente alla fine di giugno)”. Sempre secondo la rivista specializzata probabilmente, a breve, forse già nelle prossime ore, verrà “ufficializzata la data di avvio delle operazioni che, a meno di clamorosi ripensamenti, è fissata” già per “martedì 15 giugno”.Continua, nel frattempo, l’opera del giovane sindacato per mettere mano al decreto Sostegni-bis già approvato dal Consiglio dei ministri, atteso dall’iter di conversione in legge dello Stato: attraverso una serie di emendamenti, diversi dei quali recepiti dai partiti e giunti alla V commissione Bilancio della Camera, Anief intende cancellare i vincoli di permanenza sulle sedi con la contrattazione collettiva, proprio per lasciare spazio all’assegnazione provvisoria annuale derivante da comprovate esigenze di famiglia. Oltre che di far cadere lo stop triennale in caso di soddisfazione ‘puntuale’, nella scuola indicata dal richiedente. L’obiettivo dell’organizzazione sindacale è quello di accordare l’assegnazione provvisoria a “tutto il personale scolastico che abbia presentato relativa domanda”, in modo da “consentire la contemplazione del diritto al lavoro e del diritto alla famiglia, ad invarianza finanziaria, nel rispetto delle norme contrattuali”, in “deroga ai vincoli introdotti dalla sulle domande di assegnazione provvisoria per i neo-assunti degli ultimi due anni”. Una disposizione che risponde anche “al divieto di spostamento tra le regioni durante la pandemia”. In attesa degli sviluppi politico-sindacali, Anief continua a raccogliere ricorsi per la mancata mobilità del personale scolastico, che negano il ricongiungimento alla famiglia, tra cui quello specifico per chiedere subito l’assegnazione temporanea per i docenti con almeno un figlio con meno di tre anni”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

In un paese lontano – Emigrazione e Nuova Mobilità

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2021

17.06.2021 18.06.2021 Online Conferenza. Le persone sono in continuo movimento. Sebbene la società sia stata scossa dal clima di incertezza innescato dall’attuale pandemia, la globalizzazione e la digitalizzazione giocano il ruolo, ora più che mai, di fattori chiave per spingere le persone a cercare nuove opportunità ed evitare lo svantaggio. Le ragioni degli spostamenti tra stati, regioni, o dalla campagna ai centri urbani sono multiple, e spaziano dalla necessità alla scelta individuale. Possono riguardare la ricerca di condizioni economiche migliori, prospettive di carriera vantaggiose, o il mantenimento dei legami famigliari. Il cyberspazio rende le opportunità di lavoro e di carriera visibili e istantaneamente accessibili a un bacino di applicanti molto più vasto, aprendo i mercati del lavoro a una maggiore competizione internazionale. I soggetti pubblici e privati competono per la manodopera straniera, mentre la mancanza di opportunità di lavoro in certe aree e settori incoraggia lo spostamento verso luoghi dove le possibilità di essere assunti sono ancora intatte.Sul piano politico, gli anni precedenti hanno assistito ad accesi dibattiti sull’immigrazione e al disaccordo sulla questione della gestione del flusso di migranti e rifugiati. A livello europeo, per esempio, la cosiddetta crisi della migrazione è divenuto un tema fortemente contestato riguardo il numero di nuovi arrivi, la loro distribuzione all’interno dell’Eurozona, e la gestione delle rotte migratorie. C’è però almeno un’altra realtà che a questo proposito viene raramente messa a fuoco: una risorgente ondata di emigrazione che è particolarmente pronunciata nei paesi del sud Europa. La conferenza, della durata di due giorni, pone l’attenzione su questo fenomeno e le sue implicazioni per l’individuo e la società. Le prospettive multiple – che comprendono sia l’esperienza personale sia la ricerca scientifica – getteranno luce sull’argomento, considerando questa nuova emigrazione nel contesto delle politiche di mobilità europea e del principio della libera circolazione. Saranno tre i nodi fondamentali che verranno discussi durante la conferenza: Il panel indaga la complessa relazione tra la percezione dell’emigrazione, il suo nesso con la storia nazionale, ponendoli in relazione con gli effettivi dati della migrazione. L’equazione tra migrazione e decadenza e la formazione di un’auto-identità nazionale come popolo di emigranti sarà discussa prendendo l’esempio dell’Italia come punto di partenza. Il panel si concentra sulle regioni di confine tra Svizzera, Italia e Francia – come il confine italo-svizzero, la regione del Sud Tirol o l’area del Lago di Ginevra – per discutere le specificità sociali e politiche della mobilità di confine. Inoltre, verranno considerati anche i casi di confine esteso, come gli esempi di pendolarismo su lunga distanza. Il panel considera il modello della residenza, profondamente radicato nella struttura sociale della città di Roma. Nelle sue diverse manifestazioni storiche, ha portato molti stranieri a entrare in contatto con la realtà romana, per ricerche artistiche o scientifiche o pellegrinaggio religioso. La trasformazione digitale odierna sfida il concetto classico e introduce il dibattito su nuove forme di mobilità. L’evento è organizzato in collaborazione con NCCR-On the Move, University of Neuchatel, e il CNR IRPPS – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali. Comitato scientifico organizzativo: Enrico Pugliese, Università Sapienza, Roma, CNR IRPPS Corrado Bonifazi, CNR IRPPS Gianni D’Amato, Università di Neuchâtel, NCCR On The Move. La conferenza si terrà in inglese con traduzione simultanea in italiano.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola e mobilità docenti

Posted by fidest press agency su martedì, 25 Maggio 2021

l Decreto Sostegni bis cambia qualcosa per le procedure ordinarie di mobilità, ma nulla per le assegnazioni provvisorie. Una decisione, fa osservare la stampa specializzata, dettata anche dall’intenzione “del Ministero di anticipare le operazioni, chiudendo le immissioni in ruolo a fine luglio e tutte le altre operazioni (assegnazioni provvisorie, supplenze) entro il 31 agosto 2021”.Il vincolo quinquennale riguarda i docenti immessi in ruolo nel corrente anno scolastico 2020/21, per i quali il vincolo quinquennale vale non solo per la mobilità territoriale e professionale, ma anche per la mobilità annuale. Per questi docenti, infatti, rimane valido quanto stabilito nel comma 17-octies dell’art. 1 del D.L. n. 126/2019, coordinato con la Legge di conversione n. 159/2019 dove viene disposto che: “A decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l’anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato possono chiedere il trasferimento, l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione in altra istituzione scolastica ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo cinque anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero […]”L’unica eccezione a tale impossibilità, come stabilito nella succitata normativa riguarda i docenti soprannumerari, dichiarati tali in seguito a contrazione nell’organico della scuola di titolarità. Questi docenti, infatti, potranno presentare domanda di mobilità a prescindere dal vincolo quinquennale. Potranno infine chiedere lo spostamento i docenti beneficiari della precedenza legata all’articolo 33, commi 3 e 6, della Legge n.104/92, a condizione che tali situazioni riferite alla legge 104 siano intervenute successivamente alla data di iscrizione dei concorsi o dell’aggiornamento delle Gae.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Piano urbano di mobilità sostenibile al Next Generation Mobility

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 Maggio 2021

Anche Città metropolitana di Torino partecipa al Next Generation Mobility, il salone online dedicato alla mobilità sostenibile da martedì 18 a giovedì 20 maggio. Sarà l’occasione per illustrare agli addetti ai lavori il nuovo Piano urbano di mobilità sostenibile (Pums), cui Città metropolitana di Torino sta lavorando. La tre giorni in cui istituzioni e aziende presentano al pubblico servizi e prodotti di mobilità sarà l’occasione per far conoscere il piano che organizza i movimenti nel territorio di persone e merci, garantendo che i bisogni delle generazioni attuali non vadano a compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri.Alla base del Pums – che è uno strumento di pianificazione strategica previsto per legge dal decreto ministeriale del 4 agosto 2017, la cui redazione e approvazione compete alla Città metropolitana – ci sono le tre dimensioni della sostenibilità: ambientale, economica e sociale, e la prospettiva è quella di investimenti per ampliare l’offerta di trasporto pubblico in sicurezza e di mobilità in sharing, e per costruire una rete sempre più fitta di itinerari ciclopedonali.Focus principale del piano sono le persone, a cui garantire accessibilità e qualità della vita attraverso uno sviluppo equilibrato di tutte le modalità di trasporto rilevanti, con preferenza per i modi più puliti e sostenibili attraverso scelte condivise.Per il consigliere metropolitano con delega ai trasporti Dimitri De Vita, “la sostenibilità rischia di essere messa in discussione dagli effetti di un’emergenza sanitaria che sta fortemente condizionando anche le nostre modalità di trasporto, con il rischio di un passo indietro verso forme di mobilità motorizzata privata giustificata e giustificabile solo dal timore per la prossimità cui inducono i mezzi di trasporto pubblico. È una scelta regressiva, rispetto alla quale le nostre Amministrazioni, locali così come nazionali, stanno mettendo in campo politiche e iniziative di tutela”.Il Pums prevede anche una serie di azioni: aumentare i chilometri ciclopedonali e gli interventi collegati, come zone 30, marciapiedi, bicistazioni ai capolinea della metropolitana; migliorare il trasporto pubblico collettivo, puntando anche sull’interscambio gomma-ferro, sui bus di adduzione al Servizio ferroviario metropolitano e sul trasporto a chiamata; migliorare la sicurezza stradale riducendo gli impatti ambientali connessi al traffico; infine, favorire l’innovazione tecnologica verso le grandi sfide future della mobilità elettrica e a guida autonoma.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Mobilità dei presidi

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2021

A seguito dell’audizione del giovane sindacato Udir in Senato, sono 3 le proposte emendative all’articolo 31 del Dl Sostegni (A.S.2144) che cambiano i vincoli attuali, estendendo fino al 70 ( 3.1.43) o addirittura al 100% il limite dei posti sulle sedi vacanti e disponibili utili per i trasferimenti dei dirigenti scolastici, ed eliminano i blocchi per i neo assunti dell’ultimo concorso (31.31, 31.23) a dispetto dell’emergenza epidemiologica che ha portato un preside su otto a manifestare il proprio diritto alla famiglia senza che venga sacrificato quello al lavoro.Sono misure che vengono adottate al fine di assicurare il regolare funzionamento delle istituzioni scolastiche e l’efficace gestione delle problematiche conseguenti all’emergenza sanitaria da Covid-19.Udir fa un plauso, convinto che il dialogo con le istituzioni sia alla base di una nuova scuola, capace di saper ascoltare e abbracciare le esigenze e le priorità di tutto il personale scolastico. Infatti, solo pochi giorni fa, una delegazione del sindacato Udir è intervenuta in V e VI commissione del Senato per discutere di alcune proposte emendative al decreto Sostegni. Tra gli emendamenti segnalati particolare importanza era stata data a quelli relativi alla richiesta di uno scudo penale per i presidi rispetto all’apertura delle scuole al tempo del Covid-19, la messa a regime della norma approvata in Legge di Bilancio che ha permesso di recuperare circa 400 sedi di presidenza e ancora la richiesta di una mobilità straordinaria su tutte le sedi vacanti senza alcun vincolo per i neo-assunti per il prossimo anno scolastico, a sostegno di chi ha lavorato durante la pandemia lontano da casa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola. Drago (FdI): su mobilità docenti prorogare termini

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2021

“Chiedo una proroga per la presentazione delle domande di mobilità, che scadrà stanotte alle 23.59, come già sollevato sia per via sia formale che informale. Il tutto alla luce della paradossale situazione che si è venuta a creare, la quale danneggia i docenti. Infatti, a causa di una carenza di comunicazione che si ripresenta ogni anno, tra Inps e SIDI (sistema informatizzato del Miur), non è consentito di visualizzare in maniera prioritaria i dati completi dei pensionamenti, in questo caso, per l’Anno Scolastico 2021–2022 informazioni che dovrebbero esser note prima della pubblicazione dei bandi sulla mobilità; dati fondamentali per scegliere le destinazioni. Quindi chiedo che “Inps comunichi in via prioritaria”, allungando così il termine di presentazione della scadenza delle domande dei docenti. Solo così facendo gli insegnanti fuorisede potranno scegliere, come logica vuole, con cognizione di causa. Colmare tali discrepanze sarà possibile, inoltre, permettendo, come più volte sollecitato, una mobilità straordinaria al 100 per cento, con eliminazione del vincolo quinquennale e rispettando il valore progressivo dettato dall’anzianità di servizio prestato oltre l’obbligo previsto per legge”. Lo ha detto la senatrice di Fratelli d’Italia, Tiziana Drago.

Posted in Politica/Politics, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mobilità, il sindacato Anief ricorre per far riconoscere i diritti dei lavoratori della scuola

Posted by fidest press agency su martedì, 13 aprile 2021

L’Ordinanza n. 106 pubblicata ieri, conferma il vincolo di 5 anni sulla sede di titolarità per i docenti neoimmessi in ruolo, anche per i docenti disabili o che assistono un congiunto in situazione di disabilità grave riconosciuta precedentemente e già dichiarata nella procedura da cui sono stati immessi in ruolo (GaE o Concorso). L’Ufficio Legale Anief, pertanto, avvia le procedure di adesione agli specifici ricorsi e fornisce per ogni tipologia di ricorso le istruzioni utili ai fini dell’effettiva proposizione dell’azione legale. Possibile ricorrere, anche, contro il vincolo di cinque anni su posto di sostegno, per ottenere il riconoscimento della priorità anche nei trasferimenti interprovinciali per il figlio che assiste il genitore disabile in situazione di gravità, per il riconoscimento dei servizi prestati in paritaria e del punteggio intero per il preruolo anche nelle graduatorie interne d’istituto, per la valutazione dei titoli SSIS, TFA, Sostegno e del servizio militare prestato non in costanza di nomina.Adesioni aperte, anche, per il ricorso specifico per rivendicare la mobilità sul 100% dei posti disponibili. L’Ufficio Legale Anief ricorda a tutti gli interessati che l’adesione al ricorso è gratuita e che nella scheda di ogni singolo ricorso saranno fornite tutte le istruzioni per la corretta proposizione della domanda di mobilità in modo da procedere con l’azione legale di proprio interesse. Specifico ricorso elaborato dall’Ufficio Legale Anief dedicato ai docenti con diploma magistrale che erano stati immessi in ruolo con riserva da Graduatoria a Esaurimento e ora sono stati nuovamente immessi in ruolo dalle graduatorie concorsuali. Il ricorso è volto a ottenere la retrodatazione del ruolo alla prima immissione in ruolo per non essere più soggetti al vincolo quinquennale che blocca i docenti immessi in ruolo 2020/2021. Tutti i ricorrenti che avranno aderito ai ricorsi Anief potranno sottoporre la loro specifica situazione al legali del giovane sindacato e saranno seguiti per valutare la singola situazione personale e professionale e procedere con un’azione legale mirata.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »