Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 279

Posts Tagged ‘mondiale’

Alleanza mondiale per valutare i danni cardiaci da Covid 19

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 luglio 2020

Un’alleanza mondiale di cardiologi esperti di ecocardiografia scruterà nel cuore dei malati di Covid 19 per valutare gli eventuali danni causati dal coronavirus. Si tratta di uno dei più vasti screening di ecocardiografia che coinvolge centri cardiologici d’eccellenza dei 5 continenti. Il Cardiocenter di Niguarda, sostenuto dalla fondazione De Gasperis, è uno dei partner italiani dell’iniziativa promossa dall’ASE (American Society of Echocardiography): la World Alliance Societies of Echocardiography. «Sottoporremo a ecocardiografia (esame non invasivo che permette un’esplorazione approfondita della morfologia e funzione delle strutture cardiache) – spiega Antonella Moreo, responsabile del Laboratorio di Ecocardiografia nell’ambito di Cardiologia 4 all’Ospedale Niguarda di Milano – i pazienti ricoverati per Covid-19 per valutare, se e come il muscolo cardiaco sia stato interessato dall’infezione, inoltre, essendo lo studio internazionale, potremo anche valutare se nelle diverse etnie e regioni del mondo la malattia abbia avuto un comportamento differente». Lo studio coinvolgerà circa 2000 persone nel mondo, la partecipazione dei pazienti sarà assolutamente su base volontaria. Durerà tre mesi. Sarà indagata la funzionalità dei due ventricoli, il coinvolgimento del pericardio e la funzionalità delle valvole. Il cuore puo’ essere uno dei target del coronavirus. Sono infatti stati segnalati casi di miocarditi ed altre disfunzioni cardiache, talvolta letali, per cui è importante sapere se possa provocare alterazioni cardiache e compromettere la funzione contrattile del muscolo cardiaco. L’ecocardiografia sarà effettuata dai tre ai sei mesi dopo la diagnosi iniziale di infezione. Entro la fine dell’anno avremo i primi risultati di questa ricerca che avrà importanti risvolti clinici.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale del Rifugiato 2020 creata dall’artista ivoriano O’Plérou

Posted by fidest press agency su sabato, 20 giugno 2020

La Giornata Mondiale del Rifugiato ricorre ogni anno oggi 20 giugno per celebrare il coraggio e la resilienza delle decine di milioni di persone costrette a fuggire dalle proprie case a causa di guerre o persecuzioni. L’emoji sarà in linea fino al 23 giugno.George Salama, Responsabile Twitter delle politiche pubbliche, relazioni governative e filantropia per il Medio Oriente e il Nord Africa, ha dichiarato: “Twitter è stato creato affinché chiunque, ovunque, possa rispondere alla domanda ‘Cosa sta succedendo?’. A tal fine, è divenuta una piattaforma che permette alle comunità globali, compresi giornalisti, attivisti per i diritti umani, e cittadini, di connettersi riguardo le questioni più importanti, condividere informazioni, ed esprimersi liberamente. In occasione della #GiornataMondialeDelRifugiato, siamo orgogliosi di proseguire il nostro partenariato con l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, con la creazione di quest’emoji, volta a sensibilizzare il pubblico grazie all’enorme potere della piattaforma, a mostrare solidarietà e a rendere omaggio alla resilienza dei rifugiati in tutto il mondo”.
Il desiderio di O’Plérou, il creatore dell’emoji, è quello di attirare l’attenzione sulla causa dei rifugiati di tutto il mondo. Amici della sua famiglia erano dovuti fuggire dalla Costa d’Avorio durante la crisi politica del 2010. “I rifugiati sono persone come noi”, ha dichiarato. “Tramite il mio lavoro, cerco di mostrare la diversità affinché ognuno di noi possa comprendere meglio l’altro e mostrare maggiore solidarietà”.O’Plérou era finito sulle prime pagine di tutto il mondo nel 2019, dopo aver creato 365 emoji volte a ritrarre la bellezza della cultura dell’Africa occidentale e a contrastare gli stereotipi ad essa associati. È stato incluso da Forbes nella classifica Africa 30 Under 30, elenco di giovani uomini e donne che stanno plasmando il futuro del continente con idee creative e innovative nei settori degli affari, dell’arte, della tecnologia e dello sport.La Giornata Mondiale del Rifugiato di quest’anno cade in un momento storico in cui il numero di persone in fuga è aumentato e in un contesto di profondi cambiamenti sociali. La pandemia da COVID-19 e le recenti manifestazioni contro il razzismo hanno messo in evidenza il bisogno di un mondo più inclusivo ed equo. L’UNHCR e i partner hanno intensificato gli sforzi volti a proteggere milioni di rifugiati, persone in fuga e apolidi.
UNHCR e Twitter hanno collaborato a contenuti creativi in più occasioni, tra cui l’emoji della Giornata Mondiale del Rifugiato 2019 e l’innovativa campagna #KnitForRefugees 2019 – mirante a sensibilizzare e raccogliere fondi con un approccio unico: creare le prime sciarpe in assoluto fatte a partire dai retweet. La campagna si è conclusa in occasione del primo Forum Globale sui Rifugiati ed è stata premiata con lo Shorty Award a marzo di quest’anno.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale del Rifugiato

Posted by fidest press agency su sabato, 13 giugno 2020

Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, appuntamento annuale sancito dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di oltre 70 milioni di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati nel mondo che, costretti a fuggire da guerre e persecuzioni, lasciano i propri affetti, la propria casa e tutto ciò che un tempo era la loro vita per cercare salvezza altrove.Quest’anno la Giornata Mondiale del Rifugiato cade in un momento critico per l’umanità, segnato dalla pandemia da COVID-19 e dal protrarsi dei conflitti in tutto il mondo che aggravano l’attuale crisi umanitaria.In questo contesto l’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, ha deciso di promuovere la campagna #WithRefugees, che vuole diffondere un messaggio di solidarietà ed inclusione, ricordando che tutti possiamo fare la differenza per rendere il mondo un posto più sicuro e solidale.Per la prima volta, quest’anno, il programma sarà realizzato completamente in digitale con molti appuntamenti sui principali social media. Ogni evento metterà al centro i rifugiati con le loro storie e il loro bagaglio ricco di talenti e esperienze; un bagaglio che mettono a disposizione delle comunità che li accolgono e dove anche loro fanno la differenza, non ultimo nella lotta contro il coronavirus. Il programma farà luce, inoltre, su quello che sta facendo l’UNHCR per assistere i rifugiati e le altre persone sotto mandato colpiti dalla pandemia.
Le iniziative partono il 18 giugno con la presentazione alla stampa in livestreaming del report statistico annuale Global Trends 2019, con la partecipazione della nuova Rappresentante dell’UNHCR per l’Italia, la Santa Sede e San Marino, Chiara Cardoletti, la Portavoce Carlotta Sami, Douaa Alkoka, rifugiata siriana rappresentante della Pro Loco Camini di Reggio Calabria, e Berthin Nzonza, Fondatore dell’Associazione Mosaico – Azioni per i Rifugiati di Torino. Sono state invitate anche le istituzioni. L’appuntamento è per le ore 10:30 sul canale YouTube di UNHCR Italia. E’ richiesto ai giornalisti di accreditarsi riempendo il modulo online.
Come ogni anno anche nel 2020 UNHCR Italia conta sui suoi testimonial e sostenitori di alto profilo per sostenere e amplificare la campagna attraverso interventi e attività sui loro canali social, tra cui l’Ambasciatore di Buona Volontà Alessandro Gassmann e i testimonial Lorena Bianchetti, Giuseppe Catozzella, Carolina Crescentini, Giorgia, Nicole Grimaudo, Lino Guanciale e Greta Scarano. Inoltre, il 19 giugno alle ore 14 Alessandro Gassmann parteciperà ad un Facebook Live durante il quale rifletterà sulla missione svolta con UNHCR in Giordania e Libano e sulla solidarietà globale.
Invece sempre il 18 giugno UNHCR sarà presente all’iniziativa organizzata da Mosaico – Azioni per i Rifugiati in collaborazione con l’European Council on Refugees and Exiles (ECRE) dal titolo Oltre il Covid-19. Alle ore 18, Senior Protection Officer Ana de Vega parlerà con Catherine Woolhard (ECRE), Lorenzo Trucco (ASGI) e Berthin Nzonza (Mosiaco) del tema Istituzioni e rifugiati per la protezione delle fasce piu’ fragili della popolazione. Quali azioni in atto? Quali prospettive future?, con la moderazione di Michele Manocchi dal Centre for Research on Migration and Ethnic Relations alla Western University di London, Ontario. L’incontro avrà luogo in diretta streaming sulle pagine social ufficiali di Mosiaco e sul sito.
Il 20 giugno, l’UNHCR si unirà all’Unione Italiana Sport per Tutti – UISP per discutere su Facebook del ruolo fondamentale che svolge lo sport nell’integrazione dei rifugiati. Ne parleranno dalle 11 alle 12:30 Chiara Cardoletti, Carlotta Sami e Alessandra Morelli, Rappresentante UNHCR in Niger, con il Ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora.
Infine, sempre il 20 giugno, UNHCR parteciperà al Facebook Live organizzato dall’Unione Nazionale Italiana Rifugiati e Esuli – UNIRE, la prima associazione nazionale di rifugiati in Italia, dal titolo Pandemia, e non solo. L’eterna emergenza in cui vivono i rifugiati. Francesca Bonelli, Vice Rappresentante per l’Italia, la Santa Sede e San Marino, illustrerà la situazione di chi sta fuggendo attraverso la Grecia e i Balcani, e il ruolo dell’UNHCR in Italia in questo momento di pandemia. Saranno presenti anche l’avvocato Caterina Bove di ASGI, Professoressa Donata Borgonovo Re, docente di Diritto delle Migrazioni presso la Facoltà di Giurisprudenza di Trento, Anna Carol Bernard, artista e cantante, Professor Carmelo Danisi, docente di Diritto internazionale presso l’Università di Bologna, Annalisa Camilli, giornalista di Internazionale, e Bohanza Janet Revocatus, Presidente dell’Associazione Donne Africa Subsahariana e seconda Generazione. L’appuntamento è per le ore 11 sulla pagina Facebook di UNIRE.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale del Disegno

Posted by fidest press agency su domenica, 26 aprile 2020

Il 27 aprile in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale del Disegno. E’ proprio attraverso il disegno che i bambini riescono a esprimere il loro mondo interiore. E ancor di più in questo periodo di isolamento forzato, per un bambino il tempo dedicato a matite e pennarelli è un tempo per dare sfogo alle emozioni, per elaborare le paure ma anche per coltivare e nutrire le speranze.
In occasione della Giornata mondiale del Disegno (27 aprile), SOS Villaggi dei Bambini ha raccolto i disegni realizzati dai giovani che accoglie e sostiene, per dar voce al loro stato d’animo e alle loro speranze, in questa fase in cui tutti parlano di bambini e adolescenti, ma non viene quasi mai ascoltata la loro voce. E sono stati centinaia di disegni a portare la solidarietà e la vicinanza dei Villaggi SOS di tutto il mondo a quelli in Italia. Dal Perù alla Siria, dal Libano alla Grecia, dalla Scandinavia alla Bolivia, i bambini accolti nei vari centri hanno inviato ai coetanei italiani i loro colorati arcobaleni, accompagnati da messaggi di speranza.
Secondo Marzia Emmer, pedagogista esperta in educazione dell’infanzia, il disegno è una delle attività ludico-ricreative che possiamo proporre ai nostri figli nel costruire con loro una routine quotidiana. Emmer – che è uno degli specialisti dell’Infanzia a disposizione di genitori e famiglie sulla piattaforma on line gratuita creata da SOS Villaggi dei Bambini all’indirizzo http://www.sositalia.it/cosa-facciamo/temi/risposta-all-emergenza/emergenza-coronavirus.spiega – spiega in un breve video l’importanza del disegno per i bambini chiusi in casa e come proporre loro questa attività.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

23 aprile: Giornata Mondiale del Libro

Posted by fidest press agency su sabato, 18 aprile 2020

La diretta partirà alle ore 10.00 di giovedì 23 aprile e si concluderà alle ore 20:00. Nelle giornate precedenti al 23 aprile sarà possibile iscriversi sulla pagina Facebook dell’evento, o tramite email info@leggeretutti.it ricevendo aggiornamenti ed eventuali variazioni sul programma. Sarà inoltre possibile prenotare copie dei libri con dedica degli Autori e chi vorrà riceverà in omaggio l’ultima copia di “Leggere:tutti” in formato digitale.Da 10 anni “Leggere:tutti” organizza la Nave dei libri per Barcellona in occasione della Festa di San Giorgio, i libri e le rose che si tiene nella città catalana il 23 aprile, giornata mondiale del libro. A causa del Coronavirus nel 2020 non avrà luogo la traversata verso Barcellona con la Nave, ma si potrà comunque “Navigare tra i libri e le parole”. “Leggere:tutti” ha infatti coinvolto scrittori, musicisti, attori e tutti coloro che in 10 anni sono stati, o sarebbero stati nel 2020, protagonisti sulla Nave dei libri ad un grande evento in diretta che si svilupperà per tutta la giornata di giovedì 23 aprile, con interventi, presentazioni di libri, musiche, performance teatrali, che si svilupperanno intorno a tre parole: “Cooperazione, Solidarietà e Gratitudine”.
A partire dalle ore 10:00, Annalisa Nicastro, Sergio Auricchio, Sandro Capitani, Luisa Sodano, Bruno Gambacorta e Gianni Zagato coordineranno gli incontri tramite skype e canale youtube con: Eraldo Affinati, Viola Ardone, Paolo Ambrosini, Antonio Aprile, Allegra Bartalucci, Olivia Belli, Renato Bernardi, Annarita Briganti, Valerio Calzolaio, Massimo Carlotto, Ascanio Celestini, Katia Colica, Claudio Damiani, Maurizio De Giovanni, Stanislao de Marsanich, Oscar di Montigny, Antonello Giannelli, Pietro Greco, Giordano Bruno Guerri, Veit Heinichen, Mimmo Locasciulli, Pierluigi Lopalco, Gino Manfredi, Stefano Mantegazza, Giusy Mantione, Giuseppe Marchetti, Melania Mazzucco, Peppe Millanta, Carlo Ottaviano, Fabrizio Paterlini, Telmo Pievani, Plutonium Baby, Roberto Riccardi, David Riondino, Eugenia Romanelli, Valerio Rossi Albertini, Carlotta Rondana, Donald Sassoon, Gaetano Savatteri, Silvia Scapinelli, Maurizio Serra, Peppe Servillo, Marco Spagnoli, Simona Sparaco, Emanuele Trevi, Valerio Varesi, Andrea Vitali, Massimo Zamboni, Giorgio Zanchini, Voci nel Deserto.Gli autori saranno a disposizione degli utenti collegati per rispondere alle domande che otranno essere rivolte attraverso email, Whatsapp e Whatsapp Audio.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale dell’Emofilia

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 aprile 2020

Eliminare le disparità di assistenza a livello regionale e garantire la disponibilità del farmaco anche nei pronto soccorso, abbattere lo stigma sociale che le persone con emofilia ancora vivono, soprattutto in ambiente scolastico e lavorativo, riconoscere la diversità dei bisogni delle persone con emofilia e promuovere la personalizzazione della terapia; queste sono alcune delle speranze e aspettative emerse dall’indagine qualitativa “I Hope” che ha coinvolto pazienti, clinici e rappresentanti delle istituzioni allo scopo di identificare le attese future in emofilia in ambito Clinico, Sociale e Politico Sanitario.L’indagine “I Hope” è stata condotta da MediPragma nell’ambito di Changing Haemophilia® Dialogue, il progetto di dialogo continuo e costante tra tutti gli interlocutori sociali, clinici e politici, che avrà inizio in occasione dalla Giornata Mondiale dell’Emofilia, che si celebra ogni anno il 17 aprile per onorare il fondatore della World Federation of Haemophilia, Frank Schnabel, che nacque quel giorno. Il progetto è promosso da Novo Nordisk con lo scopo di definire una roadmap volta a facilitare l’accesso alle cure e a ottenere cambiamenti duraturi e significativi per le persone con emofilia, attraverso la creazione di attività di networking, progetti di advocacy e partnership tra tutti i principali attori coinvolti quotidianamente in questa sfida.Proprio l’accesso alla diagnosi e alla cura e la consapevolezza della grande disparità nel mondo sono i motivi che hanno guidato Novo Nordisk nell’istituire Novo Nordisk Haemophilia Foundation, un’associazione senza scopo di lucro impegnata nel migliorare l’assistenza delle persone con emofilia nei Paesi emergenti e in via di sviluppo. Novo Nordisk Haemophilia Foundation celebra nel 2020 il quindicesimo anniversario dalla sua nascita, e renderà omaggio, nell’occasione, a 15 personaggi provenienti da diverse parti del mondo che hanno raggiunto importanti obiettivi per migliorare la vita delle persone con emofilia nei loro Paesi di origine, raccontando la loro storia. I 15 racconti sono disponibili sul sito della Fondazione https://nnhf.org/15-years-15-stories (fonte: https://www.novonordisk.it/novo-nordisk/Changing-Haemophilia.html)
L’emofilia è un raro disordine della coagulazione, dove anche piccole lesioni delle pareti vasali a livello dei muscoli (ematomi) o delle articolazioni (emartri), possono provocare dei sanguinamenti prolungati. Il numero di emorragie è imprevedibile: una persona con emofilia può andare incontro a un’emorragia tre o più volte alla settimana, o poche volte l’anno. Inizialmente, a livello dell’articolazione colpita, l’emorragia provoca dolore e irritazione. Senza trattamento, insorgono rossore e tumefazione, il dolore aumenta e si ha rigidità nei movimenti. Emartri ripetuti nel tempo a livello di una stessa articolazione provocano deformità e impotenza funzionale.A livello globale l’incidenza di emofilia A è di circa un caso ogni 5000 maschi, di cui circa il 30% non ha familiarità con la malattia. L’emofilia B colpisce una persona ogni 25.000 maschi e rappresenta il 20-25% dei casi di emofilia. Si stima che in tutto il mondo vi siano circa 440.000 persone con questa malattia.In Italia, sono più di cinquemila le persone con emofilia, secondo l’ultima rilevazione 2017 del Registro nazionale delle coagulopatie congenite emorragiche dell’Istituto Superiore di Sanità.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale del Riciclo

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2020

Si apre anche quest’anno con una nota di ottimismo. «Secondo le prime stime CONAI, nel 2019 l’Italia ha avviato a riciclo il 71,2% dei rifiuti di imballaggio, una quantità superiore a 9 milioni e mezzo di tonnellate. Se pensiamo che la richiesta dell’Europa è quella di raggiungere il 65% entro il 2025, possiamo dirci molto soddisfatti e guardare con ottimismo al futuro dell’economia circolare nel nostro Paese». Ad affermarlo è Giorgio Quagliuolo, presidente del Consorzio Nazionale Imballaggi, che persegue in Italia gli obiettivi di recupero e riciclo dei materiali di imballaggio.Nel dettaglio, sui primi dati 2019 (il consolidato arriverà a giugno), CONAI stima che in Italia siano state complessivamente avviate a riciclo 390.000 tonnellate di acciaio, 52.000 tonnellate di alluminio, 4 milioni e 14mila tonnellate di carta, 1 milione e 995mila tonnellate di legno, 1 milione e 79mila tonnellate di plastica e 2 milioni e 10mila tonnellate di vetro.I numeri crescono se si considerano tutti gli imballaggi che, nel 2019, hanno evitato la discarica, sommando ai numeri del riciclo quelli del recupero energetico: un totale di 11 milioni e 49mila tonnellate, ossia l’82,4% dell’immesso al consumo. Una crescita di quasi due punti percentuali rispetto al 2018.Fiducia e soddisfazione, quindi, nonostante il 2019 sia stato caratterizzato da un crollo del valore delle materie prime seconde, macero in primis.Se si analizza solo la quota parte di imballaggi gestita direttamente da CONAI e dai suoi Consorzi di filiera (RICREA, CIAL, COMIECO, RILEGNO, COREPLA e COREVE), infatti, si nota come siano state quasi 600mila le tonnellate di materiale in più proveniente dalla raccolta differenziata, non assorbite dal mercato, e rientrate in convenzione con il sistema consortile. Imballaggi per i quali CONAI, nel suo ruolo di sussidiarietà al mercato, ha direttamente garantito lo sbocco a riciclo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

12 marzo: Giornata Mondiale del Rene

Posted by fidest press agency su domenica, 8 marzo 2020

Diabetici, ipertesi e anziani sono i “sorvegliati speciali” perché più a rischio di sviluppare malattia renale. È essenziale rafforzare la prevenzione e rallentare il decorso della patologia per renderne sostenibile il trattamento. Anche le farmacie possono dare un importante contributo a intercettare precocemente i soggetti più a rischio. La Terapia Dietetica Nutrizionale è un potente strumento per ritardare la progressione del danno renale e l’ingresso in dialisi. Con il progetto “DietistaRisponde”, che sta già riscuotendo ampio successo, ANDID è a disposizione dei pazienti per supportarli nella dieta di tutti i giorni. “In Italia la malattia renale ha una prevalenza che oscilla tra il 7 e il 10 % della popolazione, interessando fra i 3 e i 5 milioni di persone”, spiega Giuliano Brunori, Direttore UO Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale di Trento e Presidente della Società Italiana di Nefrologia. “Di questi, circa la metà è in fase iniziale di insufficienza renale, mentre meno di 600.000 sono prossimi all’insufficienza renale terminale. I soggetti più a rischio sono gli anziani (fino all’85% degli over65 può soffrire di una qualche forma di malattia renale), i diabetici e gli ipertesi. Sono questi i target su cui dovrebbe essere intensificata la prevenzione, che si attua sottoponendosi ai dovuti controlli (esami del sangue e delle urine per rilevare eventuali marcatori di danno renale), adottando un sano stile vita, seguendo la dieta mediterranea, limitando il consumo di sale, evitando il fumo, praticando attività fisica e, per chi soffre di diabete e ipertensione, tenendo sotto controllo queste patologie”.
“La Terapia Dietetica Nutrizionale può fornire un valido contributo al controllo della malattia renale cronica”, afferma Ersilia Troiano, Past President dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID). “Affinché i pazienti aderiscano alla dieta e questa sia davvero efficace, è essenziale un approccio quanto più personalizzato. Viste le numerose limitazioni imposte dal trattamento (ad esempio la necessità di ridurre o eliminare alimenti di abituale consumo e di introdurne di nuovi, e quindi la complessità di inserire la dieta nella vita professionale e sociale, come pure la difficoltà di integrarla con la cucina tradizionale e della famiglia), è indispensabile che la dieta sia costruita sulle esigenze del singolo paziente, e non solo sulla diagnosi”.Anche le farmacie giocheranno un ruolo cruciale nel contrastare l’insorgenza e la progressione dell’insufficienza renale. “Contribuire alla prevenzione di importanti patologie rientrerà sempre più spesso nella sfera d’azione delle farmacie”, sottolinea Antonello Mirone, Presidente di Federfarma Servizi. “I farmacisti, conoscendo lo stato generale di salute dei propri utenti, e opportunamente formati secondo le indicazioni delle Società Scientifiche, possono aiutare a intercettare i pazienti ancora ignari di soffrire di una determinata patologia, in particolare quella renale, che presenta diverse comorbidità. D’altronde la farmacia nasce proprio con questo ruolo di presidio sanitario, distribuito in modo capillare sul territorio. Per quanto riguarda la malattia renale, le farmacie potranno supportare i pazienti anche sul fronte dell’aderenza terapeutica, aiutandoli a seguire indicazioni dietetiche e terapia farmacologica”. “Gli studi di farmacoeconomia applicati alla Terapia Dietetica Nutrizionale (TDN) evidenziano che questa rappresenta un vantaggio economico per il Servizio sanitario nazionale”, afferma Luigi Cimmino Caserta, Medical Detailing Manager e Responsabile dei rapporti istituzionali di Plasmon-Aproten. “Il costo annuale dell’utilizzo di prodotti ipoproteici si attesta intorno 1.400/1.500 euro a paziente, contro i quasi 45.000 del trattamento con dialisi. L’Evidence Based Medicine conferma la necessità di rendere la TDN centrale nel percorso di cura del paziente nefropatico. Proprio con l’obiettivo di promuovere maggiormente la Terapia Dietetica Nutrizionale e il ruolo del dietista in quanto garante di un piano terapeutico personalizzato e realmente efficace, Aproten sostiene il programma ‘DietistaRisponde’ che affianca i pazienti alle prese con TDN. Un professionista dell’ANDID, tramite un intervento di teleassistenza effettua una consulenza gratuita utile per fornire risposte e consigli per il corretto utilizzo dei prodotti aproteici nella dieta di tutti i giorni, dalla colazione alla cena, accompagnandoli lungo il loro percorso dietetico. Questo servizio di teleassistenza mette il paziente al centro ed è molto apprezzato e di supporto anche per la sua famiglia”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale del sonno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 marzo 2020

13 marzo 2020. Di insonnia soffre quasi un italiano su 3. I problemi legati all’insonnia non sono da sottovalutare perché possono essere la causa dell’insorgenza di diverse patologie. Lo ricordano gli esperti dell’Aims (Associazione italiana medicina del sonno) in occasione della giornata nazionale che si celebrerà con lo slogan “Chi dorme sano non prende peso”. Sicuramente gli “strumenti” per l’attività del sonno sono fondamentali: un buon materasso per la propria fisicità, un cuscino adatto alla propria postura e un ambiente conformante e rilassante. Ma come mai nonostante questi elementi la riuscita del sonno non è sempre soddisfacente? Com’è possibile che nonostante 7/8 ore di sonno ci si sveglia stanchi e poco riposati? Il sistema nervoso autonomo è in equilibrio quando non ci sono interferenze muscoloscheletriche e quando c’è armonia tra sistema di allerta e di riposo (sistema nervoso autonomo simpatico e parasimpatico). Il benessere e la salute della persona sono dunque determinati da un corretto funzionamento del sistema neuro-muscoloscheletrico. Il sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) è responsabile attraverso il sistema nervoso periferico (nervi) della comunicazione con e fra ogni cellula, tessuto, organo e sistema del corpo. Questa rete di comunicazione è responsabile di ogni funzione del corpo e ne determina la salute. Tuttavia, il sistema nervoso centrale può essere soggetto a qualche tipo di trauma, interferenza, lesione o disturbo. Una possibile interferenza è definita in Chiropratica sublussazione vertebrale. La presenza di questa può nel tempo problemi alla salute come diminuzione della qualità del sonno, stress, problemi gastrointestinali e molti altri. Il Dottore Chiropratico è l’unico specialista sanitario che individua e tratta tali interferenze del sistema nervoso per permettere all’organismo di funzionare in maniera ottimale e raggiungere il benessere e mantenere la salute. La salute infatti è composta da un equilibrio fisico, biochimico e psicologico. «La qualità del sonno è determinante in questo equilibrio- prosegue la dottoressa Proietto-. Infatti, i pilastri della salute sono: nutrizione sana, acqua pulita, movimento quotidiano, sonno rigenerante e pensiero positivo. Ovviamente servono gli strumenti giusti per attuare tali pilastri. Tenere l’organismo in equilibrio, in tutte le sue parti, è fondamentale. Conoscere le posture corrette altrettanto.Postura corretta ed equilibrio neuro-muscoloscheletrico permettono un miglioramento della qualità del sonno, che porterà ad un miglioramento della qualità della vita e diminuzione dello stress psico-fisico.
Tutte queste componenti convergeranno ad un benessere e miglioramento della propria salute.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settimana mondiale del cervello

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2020

Milano Lunedi 9 marzo Ore 11.30 Sala Stampa Nazionale Via Cordusio, 4 conferenza stampa sulla settimana mondiale del cervello che si terrà dal 16 al 22 marzo 2020.Il tema verterà sulla nuova era delle cure. Verranno illustrati gli argomenti trattati e i loro relatori. http://www.gascommunication.com/

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza sta per arrivare in Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 16 febbraio 2020

Dopo aver già percorso tutti i continenti e prima di concludere il suo giro del mondo a Madrid, da dove è partita il 2 ottobre dello scorso anno, la Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza arriva in Italia con un ricco programma di attività.La Seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza giungerà il 26 febbraio a Trieste dal suo percorso balcanico e resterà in Italia fino al 3 marzo. Data la grande quantità di attività previste in numerose città italiane, i marciatori si divideranno in vari gruppi per poter assistere a tutte le attività, alcune delle quali in contemporanea.Il Comitato Promotore italiano ricorda che lo spirito della Marcia è quello di un’attenzione continua sui suoi obiettivi, al di là del percorso principale e di dove fisicamente si trovino i marciatori in un dato momento: la proibizioni delle armi nucleari e il disarmo nucleare, la rifondazione delle Nazioni Unite, la creazione delle condizioni per lo sviluppo sostenibile del pianeta, l’integrazione di paesi in aree e regioni adottando sistemi socioeconomici atti a garantire benessere per tutti, il superamento di ogni forma di discriminazione, la diffusione della cultura della nonviolenza.In questo senso sono state già numerose le attività promosse dai vari comitati locali; in particolare è partita proprio dall’Italia l’iniziativa “Mediterraneo Mare di Pace”, che ha portato la barca “Bamboo” in giro per i porti del Mediterraneo nel novembre dell’anno scorso.Questo il calendario generale del passaggio della Marcia in Italia:
Troncone est-ovest
26/2 entrata a Trieste e dintorni
27/2 Fiumicello Villa vicentina
28/2 Vicenza
29/2 Brescia
1/3 alto Verbano- Varese
2/3 Torino/Milano
3/3 Genova
Troncone nord-sud
27/2 Firenze-Bologna
28/2 Narni-Livorno
29/2 Cagliari/ Roma
1/3 Napoli-Avellino
2/3 Reggio Calabria/ Riace
3/3 Palermo

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

M&A, gli operatori europei ai primi posti nella classifica mondiale anche nel 2019

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 febbraio 2020

Secondo gli ultimi risultati del Quarterly Deal Performance Monitor (QDPM), realizzato da Willis Towers Watson in collaborazione con Cass Business School, l’Europa è l’unica regione al mondo ad aver registrato una performance positiva in ambito M&A nel 2019, con gli operatori europei che negli ultimi 12 mesi hanno leggermente superato l’indice regionale dello 0,6%.Gli acquirenti del Nord America e dell’Asia-Pacifico continuano a faticare per sbloccare il valore delle loro operazioni, con performance che nel 2019 sono state al di sotto dell’indice regionale rispettivamente del 5,6% e del 3,2%.Sono state 699 le transazioni concluse nel 2019 in tutto il mondo, un calo notevole rispetto al 2018 (904), e il mercato ed è in procinto di raggiungere il volume annuo più basso dal 2010 (688)[2]. Il 60% di queste operazioni non ha portato valore aggiunto agli azionisti nel 2019.Andrea Scaffidi, Head of Retirement Willis Towers Watson in Italia, ha dichiarato: “Mentre ci avviciniamo al termine del decennio, il 2019 mostra un forte calo del volume globale di transazioni, potenzialmente il ritmo più lento dal 2011, con un mercato più agitato e operatori alle prese con questioni di governance sempre più complesse per completare le transazioni”. Il risultato positivo dell’Europa è arrivato nonostante il perdurare della performance negativa dei compratori britannici, in calo del 3,7%. Nello stesso periodo, gli acquirenti del Nord America hanno registrato un calo del 7,1% rispetto all’indice regionale, mentre quelli dell’Asia-Pacifico non sono riusciti a replicare la performance positiva del terzo trimestre e hanno visto un calo dell’1%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale dei malati di lebbra (GML)

Posted by fidest press agency su martedì, 21 gennaio 2020

26 gennaio 2019 L’ultima domenica di gennaio si celebra nel mondo la Giornata mondiale dei malati di lebbra (GML), voluta da Raoul Follereau dal 1954.In occasione della prossima 21a giornata di Campionato di Serie A, il messaggio della GML sarà anche negli stadi, l’Associazione Italiana Allenatori Calcio (AIAC) e la Lega Calcio Serie A hanno dato la loro adesione alla GML 2020. Un gruppo di volontari AIFO sarà domenica in piazza San Pietro ad ascoltare la parola di papa Francesco.
La lebbra, malattia antica ma non ancora sconfitta benché curabile, colpisce ogni anno più di 200.000 nuove persone nel mondo, principalmente in India, Brasile e Indonesia, che concentrano l’80% dei casi. In questi ed altri paesi sono soprattutto le regioni più povere ad essere interessate, laddove le condizioni di vita sono più precarie. Per questo, accanto alla lebbra, vogliamo attirare l’attenzione su tutte le malattie tropicali dimenticate che mietono vittime ancor più numerose. Oltre alle malattie dimenticate, interi gruppi sociali sono dimenticati, emarginati e discriminati. Da 60 anni AIFO si occupa degli ultimi, donne, uomini e bambini/e, del pianeta.Lo fa particolarmente in questa domenica di gennaio diffondendo informazione e raccogliendo fondi con il “Miele della solidarietà” nelle piazze di tantissime località italiane. Il miele equosolidale utilizzato proviene da piccoli produttori inseriti in progetti di sviluppo in Italia e all’estero. I fondi raccolti durante la 67^ Giornata mondiale dei malati di lebbra saranno destinati alle attività socio-sanitarie, di lotta alla lebbra e alle altre malattie tropicali dimenticate, nei nostri progetti nei Paesi più poveri del mondo dove queste malattie non sono state ancora sconfitte. In questi anni abbiamo aiutato milioni di persone non solo a prevenire e curare le malattie e le loro conseguenze, in particolar modo le disabilità, ma a inserirsi nella società, superando barriere e pregiudizi. AIFO oggi è attiva con quasi 50 progetti di cura e inclusione sociale in Asia, Africa e America latina; nel solo 2018 ne hanno beneficiato più di 300.000 persone, di cui oltre un terzo bambini/e. La GML 2020 in Italia è da tempo iniziata. Già da dicembre centinaia di volontarie e volontari sono nelle piazze di tantissime località per ridare dignità e diritti alle persone. L’iniziativa continuerà fino all’estate per toccare circa 1.000 piazze in tutto il paese.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

53a Giornata Mondiale della Pace

Posted by fidest press agency su martedì, 31 dicembre 2019

Il 1° gennaio, in occasione della 53a Giornata Mondiale della Pace, esprimendo il proprio sostegno al messaggio di Papa Francesco “La Pace come cammino di speranza: dialogo, riconciliazione e conversione ecologica”, la Comunità di Sant’Egidio invita a cominciare il nuovo anno per la strada, insieme a chi lavora per un mondo più giusto e umano. Il mondo è una “casa comune” e tutti siamo chiamati a prendercene cura. In questo momento siamo fortemente preoccupati per le troppe guerre ancora in corso e il terrorismo che ha colpito la Somalia, il nord del Mozambico e vari Paesi del Sahel, come la Nigeria, il Burkina Faso, il Mali e il Niger, di cui si parla troppo poco.
A soffrirne più di tutti sono i poveri che hanno diritto alla pace attraverso “il dialogo e la riconciliazione”. Ma dobbiamo farci carico anche di tutte le terre ferite dallo sfruttamento della natura che attendono una “conversione ecologica”. Per questo nel primo giorno dell’anno, organizziamo marce, manifestazioni e iniziative pubbliche in centinaia di città di tutti i continenti. Durante il loro svolgimento, a partire da quella di Roma, verranno ricordati i nomi di tutti i Paesi ancora coinvolti dai conflitti e dalla violenza nei diversi continenti.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale del volontariato

Posted by fidest press agency su domenica, 8 dicembre 2019

“In occasione della Giornata Mondiale del Volontario siamo venuti all’Istituto Tumori Regina Elena – IFO di Roma per un bilancio dell’attività svolta in collaborazione con l’INPS per quanto riguarda il riconoscimento delle certificazioni di invalidità per i malati oncologici. Abbiamo svolto con IFO e l’INPS una sperimentazione importante che intendiamo ora estendere all’insieme delle strutture e delle aziende sanitarie del Lazio per rimettere al centro il paziente e i suoi diritti”.Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato. L’accordo tra l’Istituto Tumori Regina Elena e l’INPS ha permesso l’attivazione tempestiva della pratica di invalidità presso l’INPS fatta direttamente dallo specialista oncologo al momento della diagnosi. Questo Protocollo consente ai medici di utilizzare il “certificato oncologico introduttivo”, grazie al quale è possibile acquisire fin da subito tutti gli elementi necessari alla valutazione medico legale, evitando al malato eventuali ulteriori esami e accertamenti.“Nel Lazio abbiamo fatto una scelta coraggiosa e che sta dando i frutti sperati – prosegue l’Assessore D’Amato – ora vogliamo mettere a sistema questa esperienza virtuosa che ci ha permesso solamente negli ultimi due anni di ridurre di 19 giorni i tempi di definizione delle pratiche che sono state oltre 50 mila (il Lazio passa da 57 gg. a 38 gg.). Sono quasi tre settimane e questo fa la differenza per un malato che in un momento di difficoltà sente un sistema sanitario vicino e che ti agevola. Solamente nella città di Roma abbiamo abbassato i giorni per le pratiche da 61 a 27 giorni”. Presenti all’incontro il Direttore generale dell’Istituto Tumori Regina Elena – IFO, Francesco Ripa di Meana, il Direttore generale di INPS, Gabriella Di Michele e i rappresentanti delle maggiori associazioni di volontariato dei malati oncologici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale Lotta AIDS: serve più informazione tra i giovani

Posted by fidest press agency su domenica, 1 dicembre 2019

“Due sono i dati fondamentali sui quali bisogna concentrarsi parlando della situazione dell’infezione da HIV in Italia. Il primo, positivo, è che l’infezione non equivale più a una condanna: le terapie oggi disponibili sono efficacissime nel contrastare la proliferazione del virus nell’organismo, tanto che le persone trattate con successo non sono più contagiose, inoltre gli schemi terapeutici sono enormemente migliorati in termini di tollerabilità e di maneggevolezza, consentendo senza il trattamento sul territorio e garantendo una migliore qualità della vita dei pazienti” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli, alla vigilia della Giornata Mondiale per la lotta all’AIDS (1° dicembre 2019). “Sono invece negativi i dati che stimano un bacino di 15-17.000 persone che hanno contratto l’infezione ma non lo sanno, così come il fatto che secondo i dati del Centro Operativo AIDS dell’Istituto Superiore di Sanità le nuove diagnosi riguardino soprattutto i giovani tra 25 e 29 anni di età e che per oltre il 30 per cento si tratti di casi di malattia avanzata”. In questa situazione ha un ruolo fondamentale l’educazione sanitaria, l’informazione: “se i rapporti sessuali non protetti sono la principale causa di trasmissione dell’HIV è fondamentale informare correttamente su questo rischio, promuovere l’esecuzione dei test – oggi disponibili anche come autotest – e ricordare a tutti che, se anche le cure ci sono e sono efficaci, ancora non esiste un vaccino e la prevenzione è affidata soprattutto all’adozione di comportamenti adeguati. I 100.000 farmacisti italiani sono sempre a disposizione per rispondere a tutte le domande dei cittadini” conclude il Presidente della FOFI.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La ricerca gastroenterologica italiana è eccellenza mondiale

Posted by fidest press agency su martedì, 26 novembre 2019

Un recente studio (PLOS Biology, August 12, 2019*) condotto in collaborazione tra diversi centri di ricerca statunitensi, tra cui la università di Stanford (USA) e la Research Intelligence olandese, ha dato i voti ai ricercatori di tutto il mondo suddivisi in 22 settori e 176 sottosettori, dall’Agricoltura alla Fisica, dalla Statistica all’Ingegneria, dalla Biologia alla Medicina e tanti altri. Gli autori dello studio hanno preso in considerazione una serie di parametri tra cui il numero e la qualità delle citazioni, le autocitazioni, la posizione tra i co-autori di un articolo scientifico. Dalla più diffuse banche dati (tra cui Scopus e Google Scolar), sono stati analizzati gli articoli scientifici di milioni di ricercatori di tutto il mondo classificati per la produzione scientifica degli ultimi 20 anni e dell’anno 2017. Da questa analisi emerge come sono tantissimi i ricercatori italiani che occupano posizioni di prestigio nella classifica dei ‘Top-Scientists’ e tra questi i ricercatori di medicina.
In particolare compaiono nell’elenco ben 27 gastroenterologi e la gastroenterologia italiana emerge tra le discipline mediche come una di quelle con il più alto numero di presenze tra i Top-ricercatori mondiali. Tra questi, l’attuale presidente della Società Italiana di Gastroenterologia (SIGE) professor Domenico Alvaro e ben 5 ex presidenti della stessa società. Questi dati non fanno altro che confermare il ruolo internazionale di primo piano della ricerca italiana, che continua a contribuire significativamente ai progressi scientifici del settore della malattie dell’apparato digerente. Infatti, negli anni, sono state numerose le scoperte di ricercatori italiani che hanno rivoluzionato il settore delle malattie gastroenterologi che: dalla scoperta delle transaminasi (dei professori Fernando De Ritis, Mario Coltorti, Giuseppe Giusti nel 1955) fondamentale per la gestione delle malattie epatiche, l’ago e la tecnica della biopsia epatica ad opera del professor Giorgio Menghini nel 1958, il virus dell’epatite Delta scoperto da Mario Rizzetto nel 1977, senza tralasciare il ruolo che i ricercatori italiani hanno avuto nella terapia dell’epatite C che attualmente consente di debellare il virus in meno di tre mesi, nella gestione delle malattie infiammatorie croniche intestinali, nei tumori del fegato e nella identificazione le cellule staminali epatiche. Insomma, la tradizione della ricerca gastroenterologica in Italia continua a livelli d’eccellenza ed il riconoscimento che viene dal recente studio di Plos-Biology ne é una ulteriore conferma. Essendo le malattie gastroenterologiche ad alto impatto socio-sanitario e ad elevata complessità, l’auspicio é che le istituzioni possano dare il giusto sostegno e riconoscimento ad un settore in continua espansione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale della filosofia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 novembre 2019

Roma. Giovedì 21 novembre 2019 in occasione della Giornata Mondiale della Filosofia, si terrà un incontro al Parco archeologico del Colosseo dalle ore 11 alle ore 13 nella splendida sede della monumentale Curia Iulia nel Foro Romano. I relatori, Daniela Angelucci e Dario Gentili, entrambi docenti del Dipartimento Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’ Università degli Studi Roma Tre, affronteranno il tema “La filosofia sul territorio” con l’obiettivo di rendere partecipe al dibattito filosofico un pubblico sempre più vasto.
L’iniziativa, promossa dal Parco archeologico del Colosseo diretto da Alfonsina Russo e realizzata in collaborazione con Electa, con il patrocinio del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università degli Studi Roma Tre in media partnership con l’Agenzia di stampa nazionale DIRE, conferma la vocazione della Curia Iulia, sede del senato della Roma antica, a spazio di incontro e dibattito culturale aperto alla comunità cittadina, che consenta di rafforzare il legame della città con il suo cuore antico, l’area archeologica centrale e avvicinare l’identità culturale di Roma ai più recenti studi filosofici.Per questa giornata l’ingresso al Parco archeologico del Colosseo è gratuito, nell’ambito dell’iniziativa del Ministero per i beni e per le attività culturali e per il turismo #iovadoalmuseo.Oggi più che mai, nessun sapere come quello filosofico è in grado di restituire il senso del territorio, che, per quanto sia al centro dei dibattiti più diversi, sembra tuttavia rimanere sfuggente.La tradizione maggioritaria del pensiero occidentale, che considera le categorie universali come le sue più proprie, ma anche l’opinione comune sulla filosofia, che la riduce soltanto all’astrazione, sembrano non ravvisare il rapporto privilegiato che essa intrattiene con il territorio. Eppure, la filosofia si è trovata da sempre – fin dai suoi esordi nell’Antica Grecia – coinvolta nelle dinamiche del territorio in cui di volta in volta è collocata.E ciò è accaduto sia nel radicare la sua creazione di concetti nella peculiarità di un determinato territorio, sia nello sradicarsi da questa stessa territorialità per guadagnare un orizzonte universale. La capacità della filosofia di rispondere con la pratica concettuale alle domande del proprio tempo si rende quindi necessaria nel momento in cui tali domande, quelle più urgenti, arrivano dalla dimensione territoriale. D’altra parte, le sollecitazioni che arrivano dal ‘basso’, ovvero dal territorio, possono a loro volta influenzare e trasformare la filosofia stessa e il suo modo di procedere, facendone appunto una pratica.
L’ingresso alla Curia si effettua direttamente da Largo della Salara Vecchia, su via dei Fori Imperiali all’altezza di Largo Corrado Ricci.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale sull’alimentazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 ottobre 2019

Quasi 13 milioni di persone, tra cui 6,5 milioni di bambini, sono colpite dalla fame nel Corno d’Africa, a seguito del più basso livello di precipitazioni piovose nella regione dal 1981. Questo l’allarme lanciato nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro. Nonostante gli sforzi fatti dalle agenzie umanitarie e dai governi di Etiopia, Somalia e Kenya, la situazione di insicurezza alimentare nel Corno d’Africa si sta aggravando, con la possibilità che le famiglie debbano affrontare una crisi ancora peggiore rispetto a quella del 2017. Nonostante il numero di persone colpite nella regione sia attualmente inferiore a quello raggiunto nel picco della siccità 2016-17, la situazione sembra peggiorare per la siccità prevista nei prossimi mesi. In Somalia l’insicurezza alimentare sta colpendo il 36% in più di persone rispetto alla fine del 2018.Gli operatori di Save the Children impegnati sul campo segnalano che alcune comunità non riescono più a rigenerare i pascoli, reintegrare le scorte d’acqua e ricostituire gli allevamenti, con un numero sempre maggiore di persone costrette a sfollare per cercare nuove fonti di sostentamento.Secondo le stime, la siccità in Somalia ha costretto a sfollare 59.000 persone solo tra gennaio e maggio 2019, un numero che a giugno, nell’intero Corno d’Africa, ha raggiunto la cifra di 1,8 milioni di persone. Se oltre alla siccità si considerano come cause anche i conflitti e le alluvioni, il numero di persone costrette ad abbandonare le loro case nella regione salgono a 11,6 milioni.I bambini soffrono maggiormente le conseguenze di questa situazione, con il rischio che si registri un’impennata della malnutrizione causata dall’insicurezza alimentare. I bambini gravemente malnutriti hanno una probabilità di morire 11 volte superiore rispetto a quelli con un peso regolare, sono più esposti alle infezioni e fanno più fatica a guarire perché il loro sistema immunitario è più debole.
Secondo le stime, in Kenya, 600.000 bambini hanno già bisogno del trattamento specifico per la malnutrizione. 2.6 milioni di persone vivono in condizioni di insicurezza alimentare acuta e necessitano di assistenza umanitaria, mentre altri 6,8 milioni sono a un passo dal raggiungere livelli critici nella carenza di cibo. In Somalia, 178.400 bambini soffrono di malnutrizione grave e più di 1 milione di bambini sotto i 5 anni sono a rischio di malnutrizione acuta, una situazione che, a causa della crisi alimentare in atto, è purtroppo diffusa in molte parti del paese. 2,1 milioni di persone dipendono dagli aiuti umanitari per soddisfare le loro esigenze alimentari di base, mentre altri 4,2 milioni sono sull’orlo della carenza di cibo. In Etiopia, 8,1 milioni di persone hanno necessità di assistenza alimentare e si teme sempre di più che questo numero possa crescere con l’assestamento dopo le piogge nel prossimo dicembre. Save the Children, in collaborazione con il Governo Etiope, conduce un lavoro continuo di analisi dell’economia famigliare, per valutare costantemente il fabbisogno dei nuclei stessi. Nel Corno d’Africa, Save the Children sta realizzando programmi per rafforzare la resilienza delle comunità e far fronte così agli impatti di lungo periodo del cambiamento climatico. In Somalia l’Organizzazione supporta la creazione e la formazione di comitati locali per la gestione dei disastri, perché possano sviluppare propri piani e strategie di risposta basate sul contesto e i bisogni della comunità. In Etiopia, Save the Children supporta i giovani disoccupati a causa della crisi della pastorizia, fornendo una formazione adatta ai loro interessi e capacità, perché possano avere in futuro una forma di reddito sostenibile. In Kenya, l’Organizzazione supporta programmi di credito per le donne e gruppi di risparmio, perché le famiglie possano avviare piccole attività, realizzare colture e orti familiari, e allevamenti adatti alle condizioni di siccità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

10 ottobre 2019: Giornata Mondiale della Vista

Posted by fidest press agency su martedì, 8 ottobre 2019

Torna anche per il 2019 la Giornata Mondiale della Vista, l’iniziativa organizzata dalla IAPB (Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità) in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti per promuovere la prevenzione delle patologie della vista.
Il prossimo 10 ottobre in molte città italiane sono previsti distribuzione di materiale informativo, incontri divulgativi e visite oculistiche gratuite, all’insegna dello slogan “Guarda che è importante”.”La vista è un bene prezioso che va preservato – ricorda il presidente di UICI Piemonte, Adriano Gilberti –. Nel mondo ci sono 25 milioni di ciechi totali e quasi 230 milioni di ipovedenti. Solo in Italia i ciechi sono 362mila, un dato che ci invita a riflettere sull’importanza della prevenzione”. La Giornata Mondiale della Vista si svolge sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e prevede numerosi eventi anche in Piemonte. Ecco le iniziative in programma nelle varie province.www.uicpiemonte.it

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »