Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘montessori’

Montessori: gli scritti inediti sul peccato originale

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

In prima edizione mondiale, pubblicati da Scholé (Morcelliana) a cura di Fulvio De Giorgi pag. 208 euro 15,50. C’era – e forse c’è ancora – una scuola in cui i bambini erano un po’ immobilizzati: quella con i banchi – appunto – come la protesi dell’autoritarismo pedagogico imperante. Venne Maria Montessori e introdusse una rivoluzione: le scuole divennero Case dei Bambini, a loro misura. Via i banchi! Solo tavolini con sedioline e libertà di movimento. Questa impostazione pedagogica si muoveva con equilibrio tra libertà (non però permissivismo senza regole) e autorità (mai autoritarismo oppressivo): dunque vi era certo la necessità di liberare il bambino dalla tirannia dell’adulto (in un mondo che era e oggi rimane prevalentemente adultista e adultocentrico), ma anche la necessità di un’autorità non asservitrice ma liberatrice, il meno intrusiva possibile, ma non assente. Alla base di questa concezione pedagogica vi era una spiritualità cristiana, vicina alle correnti cattoliche novatrici e modernistiche del primo ‘900. Non si negava il peccato originale – ovvero una natura umana “corrotta” -, ma non lo si vedeva nei capricci del bambino. Il peccato originale, il male, stava – per la Montessori – proprio della tirannia dell’adulto, che soffoca tanto il bambino da costringerlo, talvolta, a risposte irritate. Due, allora, gli errori da evitare: non vedere il male nei vissuti del bambino; ma non negare il male (cioè il peccato originale) nel comportamento umano, perché tanto male gli esseri umani (adulti) facevano e fanno al bambino. La via di salvezza, per la Montessori? A ben vedere quella di Gesù che dice: “Se non ritornerete come bambini, non entrerete nel Regno dei Cieli”. Questo il quadro di riferimento per parlare della scoperta straordinaria– grazie allo storico Fulvio de Giorgi che ne è curatore- di nuovi inediti montessoriani ora in libreria con il titolo Il Peccato Originale (Scholé, pp. 208, euro 15,50) reperiti attraverso pazienti ricerche in archivi in Gran Bretagna, Italia, Olanda. Si tratta di una conferenza finora sconosciuta che la Montessori tenne a Londra nel 1919 rivenuta – in originale, in traduzione immediata, con correzioni manoscritte ed altri documenti inerenti il tema – di cui De Giorgi spiega ritrovamento e significato. Ma perché questo testo, in cui si parla per gran parte del peccato originale è così rilevante? La Montessori non era una teologa, ma tale questione non è solo teologica: è anche al centro dell’antropologia pedagogica. La pedagogia contemporanea, infatti, ha il suo punto di partenza in Rousseau, che pensava ad un essere umano naturalmente buono, senza peccato originale: così si aveva una pedagogia naturalista, spontaneista, se si vuole “permissiva”: fondata sulla libertà del bambino. Quando ai primi del’900 si cominciò a diffondere nel mondo il Metodo Montessori, fondato anch’esso sulla libertà del bambino, molti vi videro un’affinità con l’antropologia roussoviana. Ecco che da allora, ma fino ai nostri giorni, si è diffusa una visione (non vera) di una Montessori che rifiuta il peccato originale: intrinsecamente non cristiana, vicina alla teosofia e alla Massoneria. Questo testo sfata questa “leggenda nera”. Sappiamo che non solo la Montessori era davvero cattolica e riconosceva anche il peccato originale. La sua posizione? Vicina a quella linea – per molto tempo minoritaria – che partendo dal rosminianesimo e dal cattolicesimo liberale, passando per il modernismo “ortodosso” (di Fogazzaro e Gallarati Scotti), giungeva a figure come Roncalli, Montini, e al Concilio Vaticano II: un cattolicesimo aperto, fondato sulla libertà della coscienza e su un’educazione spirituale alla libertà.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cyber pedagogia: se ne parla alla Montessori di Varese

Posted by fidest press agency su martedì, 21 febbraio 2017

vareseVarese Venerdì 24 febbraio alle 20.30 Via Maggiora 10, Calcinate del Pesce (Varese) appuntamento a ingresso libero alla scuola Montessori Percorsi per Crescere di Calcinate del Pesce (Varese) con Matteo Locatelli, pedagogo esperto in adolescenza e tecnologia, che parlerà dell’educazione ei tempi di Internet. Siamo nella società dell’Informazione e i suoi veri protagonisti sono i ragazzi, non solo perché il loro approccio alle alla tecnologia, al web e alle app è più immediato e diretto rispetto a quello dei grandi, ma anche perché lo sviluppo della Rete è destinato ad accompagnare la loro esperienza di vita, permeandone tutti i momenti: gioco, apprendimento, lavoro. Tuttavia, a volte le dinamiche che coinvolgono i giovani e Internet rimangono un mistero che preoccupa e spaventa genitori ed educatori, bisognosi di una guida esperta.Per questo la Scuola Montessori Percorsi per Crescere di Calcinate del Pesce (Varese) ha organizzato un incontro intitolato Touch generation: istruzioni per l’uso, che si terrà venerdì 24 febbraio alle 20.30 nella sede divia Maggiora 10. Relatore sarà Matteo Locatelli, responsabile scientifico del Consorzio Unison di Gallarate, specialista in Pedagogia Clinica, esperto di adolescenza e tecnologie, che si occupa di servizi innovativi rivolti ai minori e di formazione per docenti e genitori sul tema del digitale.
«Il dottor Locatelli ci introdurrà alla cyber pedagogia –spiega Maria Angela Ferioli, presidente della Cooperativa Percorsi per Crescere che gestisce la scuola di Varese–. Una disciplina che esplora il mondo dell’educazione e della scuola con le molteplici connessioni che la tecnologizzazione di massa sta offrendo. L’incontro sarà un’occasione di riflessione e condivisione per promuovere una cultura della consapevolezza e della saggezza digitale».Il metodo montessoriano, in particolare, si rivela adatto alle esigenze che il nuovo contesto tecnologico sta imponendo nella quotidianità delle famiglie.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuole Montessori di Varese: 3 incontri per prepararsi all’open day del 28 novembre

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 ottobre 2015

MONTESSORI MariaMartedì 6, 13 e 20 novembre alle 20.30 nella scuola di Calcinate del Pesce appuntamenti gratuiti con esperti per approfondire il metodo Montessori.
È vero che non danno compiti? E che non c’è la cattedra? I bambini imparano davvero? Tanti i dubbi e i falsi miti che, ancora oggi, sono diffusi sul metodo Montessori. Per questo la Scuola Montessori di Varese Percorsi per Crescere ha organizzato una serie di incontri a partire dal 6 novembre in vista dell’open day che si terrà sabato 28 novembre a Calcinate del Pesce.«Abbiamo voluto organizzare degli appuntamenti per parlare in modo approfondito della didattica e della metodologia utilizzata nella scuola Montessori – afferma Maria Angela Ferioli, presidente della Cooperativa Percorsi per Crescere che gestisce la scuola di Varese – . Il metodo Montessori è diffuso e apprezzato in tutto il mondo anche se, proprio nella patria della sua fondatrice, è spesso conosciuto in modo approssimativo ed errato. Questi incontri vogliono essere un’occasione per fare chiarezza e per parlare delle potenzialità di questo approccio».
Gli appuntamenti si svolgeranno a novembre il martedì sera alle 20.30 nella sede di via Maggiora 10 a Calcinate del Pesce: si comincia il 6 novembre con la conferenza “Lo sviluppo intellettuale del linguaggio: il materiale per la lettura e la scrittura” con Costanza Buttafava della Scuola Montessori di via Milazzo a Milano; la settimana successiva, 13 novembre, si parlerà invece di “Educare alla libertà: un impegno per educatori e genitori”; il 20 novembre le maestre della Scuola Montessori racconteranno la pratica quotidiana nell’incontro “I materiale e gli ambienti”.
Sabato 28 novembre si terrà poi l’open day: gli orari di apertura sono dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17. Sarà possibile visitare gli spazi, parlare con i docenti e gli ex alunni e “toccare con mano” il metodo utilizzato.
L’asilo nido e la Casa dei bambini si trovano in via C. Maggiora 10, mentre la scuola primaria in via Duca degli Abruzzi 188. Da sabato saranno aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2016/2017.
Scuola Montessori di Percorsi per crescere (www.percorsipercrescere.it) – La scuola Montessori Percorsi per crescere è nata nel 1998: inizialmente solo come nido, quindi negli anni per far fronte alle crescenti richiesti si è estesa anche alla scuola dell’infanzia e, dal 2006, alla primaria. Le insegnanti sono specialiste del metodo Montessori, grazie a una formazione specifica, mentre la supervisione pedagogica è affidata a Grazia Honegger, una delle ultime allieve di Maria Montessori. L’asilo nido e la scuola dell’infanzia si trovano in via Maggiora 10, mentre l’ingresso della scuola primaria è in via Duca degli Abruzzi 118, sempre a Calcinate del Pesce (Varese).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Montessori di Percorsi per Crescere

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 settembre 2015

calcinateVarese. Si comincia il 19 settembre con un corso per grandi e piccini dedicato all’argilla, mentre venerdì 25 si terrà una serata gratuita dal titolo “Il bambino non è un elettrodomestico”. Gli eventi, aperti a tutti, si svolgono nella sede di via Maggiora a Calcinate del Pesce (Varese).Sta per cominciare un anno ricco di iniziativa, scolastiche ed extrascolastiche, alla scuola Montessori di Percorsi per Crescere di Calcinate del Pesce (Varese), che ha messo a punto un calendario ricco di incontri con specialisti e di corsi aperti anche a chi non frequenta la scuola. «Il nostro obiettivo è proporre delle occasioni per migliorare l’approccio educativo dei bambini – afferma Maria Angela Ferioli, presidente della Cooperativa Percorsi per Crescere che gestisce la scuola di Varese -. Anche quest’anno, come già in passato, abbiamo quindi previsto dei momenti in cui la scuola si apre al pubblico. In programma abbiamo dei laboratori per imparare giocando e degli appuntamenti serali con esperti, che affronteranno diversi aspetti interessanti nell’educazione di un figlio».
Da settembre a maggio nella sede della scuola di via Maggiora a Calcinate del Pesce si parlerà quindi di educazione, libertà, sviluppo del linguaggio, ma anche temi pratici come alimentazione e abbigliamento. Alcuni incontri sono dedicati poi al metodo Montessori, per spiegare l’originale approccio educativo di cui troppo spesso si parla in modo non corretto.Il sabato mattina si svolgeranno i laboratori dedicati ai bambini e alle loro famiglie, per trascorrere del tempo insieme per imparare divertendosi, ad esempio con il corso dedicato alla realizzazione di video, all’invenzione di storie o alla preparazione di piatti da gustare insieme.Si comincia con i laboratori del sabato mattina il 19 settembre con il primo dei 4 incontri “La scoperta dell’argilla”, per progettare, disegnare e realizzare piccole opere d’arte, come vasi o bassorilievi. Insieme con Greta Andreoli (Università di Belle arti di Brera), per 4 sabati di fila (il 19, il 26 settembre, il 3 e il 10 ottobre) dalle 10 alle 12.30 si lavorerà quindi con l’argilla Il costo è di 100 euro per ogni coppia accompagnatore-bambino e la quota comprende anche i materiali utilizzati.Per quanto riguarda gli incontri serali, a ingresso gratuito con prenotazione, si parte venerdì 25 settembre alle 20.30 con “Il bambino non è un elettrodomestico” con la psicologa Giuliana Mieli, da oltre 20 anni consulente ospedaliera. «I bambini non hanno un libretto d’istruzione, non si può impostare il programma come si fa con un elettrodomestico e lasciarli alla crescita naturale: vanno seguiti giorno per giorno, con attenzione continua e disponibilità al cambiamento» spiega Ferioli. (foto: calcinate)

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli asinelli della Montessori tornano in piazza

Posted by fidest press agency su domenica, 29 maggio 2011

Roma Lunedì 30 maggio alle 9.30 sit-in al Ministero dell’Istruzione in Viale Trastevere delle scuole Montessori In tutte le scuole che adottano il metodo Montessori ci sono classi di tempo pieno a cui è stato assegnato un solo insegnante di ruolo anziché due come esige il metodo. Ad aggravare la situazione c’è anche l’inadeguato rapporto tra insegnanti di sostegno e bambini con disabilità e il caos organizzativo determinato dal taglio degli insegnanti specialisti di inglese. Le esigenze del metodo Montessori sono quelle che ogni scuola di qualità dovrebbe avere: tempo pieno, organico stabile e coeso, numero contenuto di alunni per classe, apprendimento individualizzato, progetti trasversali, interventi di recupero. L’efficacia del metodo è riconosciuta a livello internazionale, eppure tutto questo patrimonio lo si sta svendendo insieme al meglio della scuola pubblica italiana. Il tempo pieno, oggi compromesso dai tagli, garantisce agli alunni un tempo-scuola disteso e ricco e ai genitori la garanzia di poter andare al lavoro certi di non avere lasciato i figli in un inutile parcheggio.
Intanto il 101° Circolo “Don Filippo Rinaldi” di via Lemonia, occuperà la scuola per due giorni di dibattiti e performance artistiche, mentre il VII Circolo di via Santa Maria Goretti sta preparando colorate orecchie d’asino da indossare lunedi davanti al Ministero. Le scuole Montessori saranno presenti anche il 31 maggio insieme al Coordinamento delle Scuole Elementari di Roma per continuare tutti insieme la battaglia per una scuola pubblica di qualità per tutti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Montessori: pro scuola pubblica

Posted by fidest press agency su martedì, 8 marzo 2011

Roma 12 marzo 2011 giornata di mobilitazione in difesa della scuola pubblica e della Costituzione L’Assemblea Permanente del VII Circolo Montessori di Roma vi aderisce, impegnandosi per assicurare la massima partecipazione e sensibilizzare la società civile ad un impegno diretto. Alla vigilia della manifestazione, venerdì 11 marzo, nella sede del VII Circolo Montessori (via di Santa Maria Goretti) si terrà una giornata di Scuola Aperta con un’assemblea alla quale sono invitate tutte le realtà cittadine per elaborare una piattaforma comune. Alunni, genitori e insegnanti della Montessori torneranno in piazza con le colorate orecchie da somaro che hanno già portato sotto il Ministero dell’Istruzione lo scorso novembre, insieme al grande asino di bottiglie di plastica. Riteniamo le parole del Presidente del Consiglio sulla scuola irresponsabili e inaccettabili, che offendono la scuola italiana, sviliscono ed esasperano il lavoro di  migliaia di insegnanti e lavoratori ingiustamente colpiti nella loro professionalità. Il governo ha già ampliamente dimostrato la volontà di smantellare la scuola pubblica, e minare la residua fiducia che la cittadinanza ripone in essa, ricorrendo a continui tagli indiscriminati, non ultimo l’azzeramento del fondo per la gratuità dei libri di testo.  Dietro quelle parole c’è un preciso disegno culturale che, con la prima pietra posta dalla cosiddetta riforma Gelmini, vuole portare indietro le conquiste di emancipazione intesa come mobilità sociale attraverso la possibilità data a tutti di concorrere con gli stessi mezzi. La scuola è il luogo privilegiato dove si forma il cittadino di domani, dove si costruisce uguaglianza e libertà come recita la nostra Costituzione, dove si realizzano le pari opportunità tra persone e attraverso la conoscenza si cancellano le differenze di partenza. Questa sua funzione formativa, dovrebbe essere difesa in primo luogo da chi rappresenta nella carica più alta la Costituzione e ha il compito di guidare il Governo. Nella scuola pubblica lavorano persone, prima che insegnanti, straordinarie, che con pochi mezzi e molto sacrificio portano avanti l’educazione dei nostri figli. Siamo convinti che la scuola debba essere potenziata e non fatta oggetto di gratuiti attacchi. Il futuro appartiene a quei paesi che sapranno educare al meglio i loro figli. (asino)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Protesta contro i tagli all’istruzione pubblica

Posted by fidest press agency su martedì, 16 novembre 2010

Roma 17 novembre 2010 nella sede centrale in via di Santa Maria Goretti 41 dello “storico” VII Circolo Montessori di Roma si svolgerà una giornata di protesta promossa dall’Assemblea permanente (costituita da genitori, insegnanti e personale non docente) per denunciare le gravissime difficoltà in cui si sta dibattendo la scuola pubblica a causa dei tagli imposti dai ministri Gelmini e Tremonti, con la conseguente impossibilità di assicurare ai bambini un percorso didattico di qualità. In particolare, per il VII Circolo Montessori di Roma, si rivendica il ripristino delle ore di sostegno (drasticamente ridotte per i 33 bambini disabili presenti nella scuola) e del personale Ata (3 collaboratori scolastici in meno rispetto all’anno scolastico precedente); oltre all’abbattimento delle barriere architettoniche e allo stanziamento di un adeguato fondo per le supplenze. Si chiede, infine, la restituzione dei crediti vantati nei confronti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (che ammontano a 274 mila euro).
La giornata di protesta del 17 novembre prevede una prima fase di “scuola aperta”, in cui gli insegnanti inviteranno i genitori ad assistere ai laboratori con i bambini, anche per mostrare cosa non sarà più possibile fare a causa dei tagli e senza la compresenza tra gli insegnanti. La giornata proseguirà nel pomeriggio con l’occupazione della scuola, con un’assemblea, incontri e testimonianze. È prevista la proiezione di due documentari sulle esperienze delle scuole Iqbal Masih e Carlo Pisacane (“Non rubateci il futuro” con la presenza della regista Alessandra Ferraro e di Simonetta Salacone e “Una scuola italiana” con la presenza del regista Angelo Loy e la pedagogista Cecilia Bartoli). E ancora: tanti laboratori e attività per bambini grandi e piccoli con musica, danza e letture.Durante la giornata verrà realizzata una estemporanea e originale installazione artistica: un grande asino, alto quasi quattro metri composto riciclando 4.000 bottiglie di plastica, che sarà posizionato all’ingresso di scuola per scongiurare il rischio che, a forza di tagli, si finisca per trasformare tutti i bambini in somari.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Metodo Montessori o parcheggio per bambini?

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 ottobre 2010

Roma. I docenti e i genitori del VII Circolo didattico Montessori di Roma (Via di Santa Maria Goretti-Villa Paganini-Via dei Marsi), riuniti in assemblea straordinaria, annunciano azioni di mobilitazione per evidenziare come si stiano facendo sentire presantemente gli effetti dei tagli della “riforma” Gelmini-Tremonti. Lo storico Circolo montessoriano della Capitale lancia un forte grido d’allarme, perché le riduzioni di organico e di risorse stanno già mettendo a rischio la specificità di scuola di metodo, svuotando il significato del tempo pieno e aggredendo pilastri formativi come le contemporaneità dei docenti, l’integrazione scolastica e l’ampliamento dell’offerta rispetto ai programmi ministeriali (comprese le uscite e i campi scuola).
Per questo l’assemblea straordinaria del VII Circolo Montessori di Roma ha deciso di organizzare a breve (si è proposto tra il 25 e il 29 ottobre) una settimana di “Sciopero bianco”, senza interrompere il normale orario di scuola, ma con la partecipazione attiva dei genitori nell’assicurare i servizi di vigilanza ai piani, di pulizia dei locali e di svolgimento di attività didattiche alternative durante la giornata. Sarà poi rilanciato il coordinamento con altre scuole per far ripartire la mobilitazione a livello cittadino, verranno costituiti gruppi tematici genitori-docenti per approfondire la situazione e si studierà la predisposizione di un’azione colllettiva in sede giudiziaria tra familiari dei bambini con disabilità.
La proposta metodologica della scuola si basa sull’educazione all’autonomia, sull’aiutare a far da soli. Pertanto è necessario che sia garantita un’attenzione specifica per ogni studente, nel pieno rispetto delle capacità e dei tempi di apprendimento. La formula del tempo pieno, proposta didattica di 8 ore di scuola, comprendente anche il tempo del pranzo, occasione educativa fondamentale nel metodo Montessori, implica spazi adeguati, classi di studenti non numerosi, due insegnanti in contemporaneità, collaboratori scolastici in numero sufficiente a garantire una possibilità di movimento autonomo degli studenti per lo studio e per un’applicazione concreta individuale della proposta di vita quotidiana insita nel metodo Montessori, a partire dalla Casa dei bambini.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »