Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Posts Tagged ‘morfologia’

La morfologia di un’area vulcanica sottomarina nel Canale di Sicilia

Posted by fidest press agency su domenica, 15 dicembre 2019

Un team di ricerca dell’INGV ha identificato e caratterizzato morfologicamente due campi vulcanici sottomarini situati a poche decine di chilometri dalle coste di Sciacca, nel Canale di Sicilia, con l’obiettivo di migliorare la stima della pericolosità vulcanica. Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista “Frontiers in Earth Science” ha permesso di migliorare le conoscenze del Graham Volcanic Field, un’area vulcanica attiva finora poco conosciuta situata nel Canale di Sicilia, circa 40-50 chilometri a largo di Sciacca (AG). La ricerca, curata da Danilo Cavallaro e Mauro Coltelli, ricercatori dell’Osservatorio Etneo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (OE-INGV), ha consentito di indagare un campo vulcanico situato relativamente vicino alla costa e in un braccio di mare molto frequentato dal traffico marittimo, con l’obiettivo di contribuire ad affinare la stima della pericolosità vulcanica che impatta sulla costa e sulla sicurezza della navigazione. “La nostra ricerca”, spiega il ricercatore Danilo Cavallaro, “è incentrata su uno studio morfo-batimetrico di dettaglio del Graham Volcanic Field. Si tratta di un campo vulcanico formato da una decina di piccoli edifici vulcanici, di cui fa parte anche il conetto che rappresenta ciò che resta dell’effimera Isola Ferdinandea, formatasi durante la ben documentata eruzione di tipo surtseyano del 1831”.Lo studio è basato su dati batimetrici multibeam ad alta risoluzione e video ROV (Remotely Operated Vehicle) grazie ai quali è stato possibile realizzare un’analisi morfologica degli elementi vulcanici, erosivi e deposizionali che caratterizzano il campo vulcanico. I conetti giacciono su un fondale la cui profondità varia tra 150 e 250 metri e mostrano altezze variabili tra 100 e 150 metri, arrivando fino -9 metri sotto il livello del mare nel conetto dell’ex Isola Ferdinandea.Sono costituiti da materiale piroclastico poco consolidato, ad eccezione di guglie appuntite presenti sulla sommità di alcuni conetti, costituite da basalti massivi che rappresentano ciò che resta dei condotti d’alimentazione. L’analisi dei parametri morfometrici dei coni, unitamente a quella degli elementi erosivi e deposizionali e messa in relazione con le variazioni del livello marino, ci ha permesso di confinare l’età del vulcanismo cha ha originato il campo vulcanico Graham a circa 20.000 anni fa.“La distribuzione spaziale e la forma degli edifici vulcanici sottomarini che costituiscono il Graham Volcanic Field”, aggiunge il ricercatore Mauro Coltelli, “hanno permesso di avvalorare l’interazione tra tettonica e attività vulcanica nella formazione di questo campo vulcanico, poiché i conetti sono situati lungo allineamenti orientati da Nord-Ovest verso Sud-Est e da Nord a Sud, corrispondenti alle principali direttrici tettoniche del Canale di Sicilia”.La ricerca ha inoltre permesso di identificare e caratterizzare morfologicamente anche un altro campo vulcanico, denominato Terribile Volcanic Field, costituito da una trentina di piccoli conetti di età probabilmente maggiore rispetto a quelli del Graham.La correlazione tra i processi vulcanici sottomarini e la forma dei conetti ha confermato la natura del vulcanismo che ha originato i campi vulcanici. Tale vulcanismo rappresenta una peculiarità perché si è impostato in corrispondenza di una fascia trascorrente che interessa una crosta continentale, e quindi in un ambiente geodinamico diverso da quelli tipici degli altri campi vulcanici, come ad esempio le zone di subduzione o le dorsali oceaniche.Inoltre, lo studio morfo-batimetrico ha individuato numerosi depositi di frana sottomarina e depressioni causate dall’emissione violenta di gas (pockmarks) nei pressi dei due campi vulcanici studiati, suggerendo la presenza di fenomeni di frane sottomarine e diffusi rilasci di gas accumulato nel sottosuolo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Veronica Tanzi al BOCS, Catania

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 marzo 2010

Via Grimaldi è il progetto che l’artista Veronica Tanzi, artist-in-residence nei mesi di marzo-aprile, presenta presso lo spazio BOCS di Catania che la ospita in mostra dal prossimo 10 aprile fino al 15 maggio 2010. Da sempre gli artisti operano entro i margini tra realtà e verità, e da sempre il creatore di immagini artistiche manifesta le sue visioni come contrasto alla realtà, al fine di proporre la sua morfologia di verità. È una forma di necessario estraniamento, cui anche VT fa riferimento, allorquando decide di concentrare il suo progetto sviluppato in situ attorno alla via Grimaldi, quartiere dov’è ubicato lo spazio espositivo. L’opera di VT attinge alla tradizione della performance, processo creativo che gli permette di ragionare sulle metamorfosi dell’IO in sé, del suo rapportarsi con la realtà che la circonda e ch’essa vive quotidianamente in un personale tutto femminile e femminista. ‘La Famiglia’, come realtà fondamentale e fondante del pensiero borghese, costituisce il tema originale della sua installazione; una mise en scène contestuale che ripercorre i luoghi dell’apparenza, del rapporto di forza e del senso di interferenza e colp(evolezz)a di una società borghese dalle origini giudaico-cristiane. (Mario Casanova_marzo 2010)
VIA GRIMALDI is the project that the artist Veronica Tanzi, artist-in-residence from March to April, is presenting at BOCS of Catania. The exhibition runs from the 10th of April to the 15th of May 2010. Artists always work crossing the borders between reality and truth, and the creator of artistic images always shows his visions in opposition to reality, suggesting his own morphology of truth. It is a necessary way of estrangeing, to which also Veronica Tanzi refers when she focuses her project on Via Grimaldi, where the exhibition itself takes place. Veronica Tanzi’s work draws from the tradition of performance; a creative process that enables the reflection on the metamorphosis of the ego itself. The reflection also encompasses the surrounding reality that the artist lives every day in a feminine and feminist way. The main theme of the artist’s installation is “the family”, seen as a fundamental reality and establishment of the bourgeois’ thought. A contextual mise en scène that traces the places of appearance, the strong relationship and the feeling of interference and state of guilt of a bourgeoisie society with Jewish-Christian origins. Veronica Tanzi recreates “The Family” through everyday objects, clothes, hang out washings, reviewed photo albums, wardrobes containing bright and inner geographies, which are both unspoken and whispered. Inside this limbic place, dresses, shoes and other elements recalling man’s historical and social identification, loose their function, freezing out from their bodies through the temporal obliteration given by the allusive approach of the artist. The artist’ sensitive and personal eye makes us think about the anthropology of the ceremony, where roles of intimate freedom and identity definitions are played. (tanzi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alessandro Ploner campione italiano di deltaplano

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 agosto 2009

plonerDopo la conquista del titolo mondiale il mese scorso in Francia, non poteva mancare quello italiano a Tizzano in Val di Parma. Al seguito, nell’ordine, gli altri azzurri e campioni del mondo a squadre: Elio Cataldi di Vittorio Veneto (Treviso), il trentino Christian Ciech e Davide Guiducci di Reggio Emilia. Nella gara riservata ai deltaplani versione Ala Rigida vittoria di Daniele Bindi (Pistoia), su Gorio Mandozzi (Macerata) e Carlo Bertacchi (Bologna). Le classifiche finali sono la somma di quattro prove disputate in otto giorni su percorsi tra i 73 ed i 104 km, distanze di tutto rispetto per mezzi che volano sfruttando le correnti d’aria ascensionali e superano i 120 kmh. Le altre prove sono state annullate a causa del vento da ovest che, per la morfologia del sito, non avrebbe garantito la necessaria sicurezza ai 42 piloti in gara, pattuglia femminile compresa. Per lo stesso motivo niente lancio di paracadutisti, inserito tra i numerosi eventi collaterali insieme al volo di ultraleggeri, deltaplani a motore ed aeromodelli presso l’atterraggio ufficiale di Torrechiara, comune di Langhirano, frazione nota per l’imponente castello quattrocentesco.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La legge 183 sulla difesa del suolo

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 maggio 2009

Roma martedi’ 19 maggio p.v. alle ore 11.30 nella sala medici della sede A.N.B.I. A  (in via S. Teresa 23, adiacente all’omonima chiesa in corso Italia) l’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni organizza una Conferenza stampa Nel corso dell’incontro saranno illustrati i problemi che oggi si pongono rispetto all’auspicato traguardo di una ripresa di attenzione al settore, anche alla luce dei recenti orientamenti europei, saranno forniti dati sulla situazione attuale, segnalazioni di nuove emergenze, indicazioni di intervento inerenti un territorio morfologicamente fragile come quello italiano.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »