Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘Morgan Stanley’

Morgan Stanley Announces Partnership with National Geographic Society

Posted by fidest press agency su domenica, 17 novembre 2019

Morgan Stanley, National Geographic Society and the University of Georgia College of Engineering today announced a partnership to scale and enhance the citizen science movement to help prevent and reduce plastic waste in coastlines and waterways through support for the Marine Debris Tracker (Debris Tracker). The Debris Tracker is a mobile app that allows individuals to log plastic waste pollution as well as a suite of educational materials about the sources of, and solutions to, plastic waste. It is the only litter-tracking tool that enables users to learn by exploring and contributing to an open-data platform with over two million items tracked to date. Together, this partnership will improve understanding of the sources of plastic debris and pollution, generate scientific findings, inform solutions and inspire upstream design.This partnership is a significant step in Morgan Stanley’s Plastic Waste Resolution aimed at tackling the growing global challenge of plastic waste in our environment. Announced last April, the Morgan Stanley Plastic Waste Resolution represents a strategic, Firmwide commitment to catalyze, support and help scale the innovations and business-based solutions to reduce plastic waste. By 2030, these efforts will help prevent, reduce and remove 50 million metric tons of plastic waste from entering our rivers, oceans, landscapes and landfills. Recognizing that the challenge of plastic waste is a systemic issue that requires innovation, business model optimization and financing, Morgan Stanley is committed to partnering with diverse stakeholders – including research scientists and citizen scientists – to help address this challenge.The Debris Tracker is an open-data citizen science app, serving a varied audience of educational, nonprofit and scientific organizations as well as passionate citizen scientists. As its audience grows, its technology improves and the reach of the Debris Tracker expands, it will be critical that the tool continue to meet the rigorous scientific standards required to bolster research on this topic and provide a seamless and engaging experience for users of all ages. Through the partnership, Morgan Stanley has committed to support the growth and development of the tracker for ten years.As part of this agreement, the University of Georgia will seek to better understand and document how plastic waste travels from source to sea. National Geographic Society will also create a robust tool kit of educational resources to provide deeper understanding of the global plastic waste challenge and empower the next generation of scientists and explorers.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Abiomed to Present at the Morgan Stanley Global Healthcare Conference

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2019

Abiomed, Inc. (NASDAQ:ABMD), a leading provider of breakthrough heart support technologies, today announced that Michael R. Minogue, Chairman, President and Chief Executive Officer, will present at the Morgan Stanley Global Healthcare Conference on Wednesday, September 11, 2019 at 9:55am EDT. The conference will be held at the Grand Hyatt, New York, NY.
Based in Danvers, Massachusetts, Abiomed, Inc. is a leading provider of medical devices that provide circulatory support. Our products are designed to enable the heart to rest by improving blood flow and/or performing the pumping of the heart. For additional information, please visit: http://www.abiomed.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Xylem Inc. to participate in the Morgan Stanley 6th Annual Laguna Conference

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 settembre 2018

Xylem Inc. (NYSE:XYL), a leading global water technology company dedicated to solving the world’s most challenging water issues, announced today that its President and Chief Executive Officer, Patrick Decker, and Sr. Director of Investor Relations, Matthew Latino will participate in group discussions at the Morgan Stanley 6th Annual Laguna Conference at the Ritz-Carlton, Laguna Niguel in Dana Point, California on Thursday, September 13, 2018.Xylem (XYL) is a leading global water technology company committed to developing innovative technology solutions to the world’s water challenges. The Company’s products and services move, treat, analyze, monitor and return water to the environment in public utility, industrial, residential and commercial building services settings. Xylem also provides a leading portfolio of smart metering, network technologies and advanced infrastructure analytics solutions for water, electric and gas utilities. The Company’s more than 16,500 employees bring broad applications expertise with a strong focus on identifying comprehensive, sustainable solutions. Headquartered in Rye Brook, New York with 2017 revenue of $4.7 billion, Xylem does business in more than 150 countries through a number of market-leading product brands.The name Xylem is derived from classical Greek and is the tissue that transports water in plants, highlighting the engineering efficiency of our water-centric business by linking it with the best water transportation of all – that which occurs in nature. For more information, please visit us at http://www.xylem.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PerkinElmer to Present at Morgan Stanley Global Healthcare Conference

Posted by fidest press agency su martedì, 28 agosto 2018

PerkinElmer, Inc. (NYSE: PKI), a global leader committed to innovating for a healthier world, today announced that the Company will present at the 16th annual Morgan Stanley Global Healthcare Conference on Friday, September 14, 2018 at 11:40 a.m. ET at the Grand Hyatt New York in New York City.Robert F. Friel, PerkinElmer’s chairman and chief executive officer, will provide an overview of the Company and its strategic priorities.A live audio webcast of the presentation will also be available on the Investors section of the Company’s website at http://www.perkinelmer.com. A replay of the presentation will be posted on the PerkinElmer website after the event and will be available for two weeks following.
PerkinElmer, Inc. is a global leader focused on innovating for a healthier world. The Company reported revenue of approximately $2.3 billion in 2017, has about 11,000 employees serving customers in more than 150 countries, and is a component of the S&P 500 Index. Additional information is available through 1-877-PKI-NYSE, or at http://www.perkinelmer.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Discover Financial Services to Present at Morgan Stanley Financials Conference

Posted by fidest press agency su sabato, 2 giugno 2018

Roger Hochschild, president and chief operating officer of Discover, will present at the Morgan Stanley Financials Conference in New York on Wednesday, June 13, 2018, at 10:10 a.m. ET.
A link to the listen-only live audio webcast will be posted on the day of the conference to Discover’s Investor Relations website at http://investorrelations.discover.com. A replay will be available for 90 days after the conference at the same website address.
Discover Financial Services (NYSE: DFS) is a direct banking and payment services company with one of the most recognized brands in U.S. financial services. Since its inception in 1986, the company has become one of the largest card issuers in the United States. The company issues the Discover card, America’s cash rewards pioneer, and offers private student loans, personal loans, home equity loans, checking and savings accounts and certificates of deposit through its direct banking business. It operates the Discover Global Network comprised of Discover Network, with millions of merchant and cash access locations; PULSE, one of the nation’s leading ATM/debit networks; and Diners Club International, a global payments network with acceptance in 190 countries and territories. http://www.discover.com/company.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Shutterfly to Present at Upcoming Baird and Morgan Stanley Conferences

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 Maggio 2018

Shutterfly, Inc. (NASDAQ:SFLY), the leading digital retailer and manufacturer of high-quality personalized products and services, announced today that Mike Pope, Chief Financial Officer, will be presenting at the Baird Global Consumer, Technology & Services conference in New York on June 5, 2018 at 10:50 am ET, and the Morgan Stanley Leveraged Finance conference in New Orleans on June 6, 2018 at 11:00 am CT.A live audio webcast of the presentation will be available to the public under the Events and Presentations tab on the Investor Relations section of the company’s website at http://www.shutterflyinc.com. An archived replay will be available following the event.Shutterfly, Inc. is the leading retailer and manufacturing platform for high-quality personalized products. Founded in 1999, Shutterfly, Inc. helps customers capture, preserve and share life’s joy through its Shutterfly and Lifetouch brands. Shutterfly brings photos to life in photo books, gifts, home décor, and cards and stationery, through its flagship Shutterfly.com website, including premium offerings in its Tiny Prints boutique. Lifetouch is the national leader in school photography, built on the enduring tradition of “Picture Day,” as well as serving families through portrait studios and partnerships with churches. Additionally, Shutterfly, Inc. operates Shutterfly Business Solutions, delivering digital printing services to businesses, and BorrowLenses, the premier online marketplace for photographic and video equipment rentals. For more information about Shutterfly, Inc. (SFLY), visit http://www.shutterflyinc.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Citigroup CFO John Gerspach to Present at the Morgan Stanley Financials Conference

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 Maggio 2018

John Gerspach, Chief Financial Officer of Citigroup, will present at Morgan Stanley Financials Conference on Wednesday, June 13, 2018. The presentation is expected to begin at approximately 8:50 a.m. (Eastern). A live webcast will be available at http://www.citigroup.com/citi/investor. A replay and transcript of the webcast will be available shortly after the event.Citi, the leading global bank, has approximately 200 million customer accounts and does business in more than 160 countries and jurisdictions. Citi provides consumers, corporations, governments and institutions with a broad range of financial products and services, including consumer banking and credit, corporate and investment banking, securities brokerage, transaction services, and wealth.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Shutterfly to Present at Upcoming Morgan Stanley Technology Conference

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 febbraio 2018

San Francisco on February 26, 2018 at 4:05 p.m. PT.Shutterfly, Inc. (NASDAQ:SFLY), the leading digital retailer and manufacturer of high-quality personalized products and services, announced today that Christopher North, President and Chief Executive Officer, will be conducting a fireside chat at the upcoming Morgan Stanley Technology Conference.
Shutterfly, Inc. is the leading digital retailer and manufacturer of high-quality personalized products and services. Founded in 1999, Shutterfly brings your photos to life in photo books, gifts, and cards and stationery – through its flagship Shutterfly products, premium offerings in its Tiny Prints boutique, as well as wedding invitations and stationery for every step of the planning process; and through BorrowLenses, the premier online marketplace for photographic and video equipment rentals. Shutterfly, Inc. also operates Shutterfly Business Solutions, delivering high quality digital printing services to the enterprise market; and recently announced a definitive agreement to acquire Lifetouch, the leader in school photography (expected to close in the second quarter of 2018). For more information about Shutterfly, Inc. (SFLY), visit http://www.shutterflyinc.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PerkinElmer to Present at Morgan Stanley Global Healthcare Conference

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 settembre 2017

new yorkNew York. PerkinElmer, Inc. (NYSE: PKI), a global leader committed to innovating for a healthier world, today announced that the Company will present at the 15th annual Morgan Stanley Global Healthcare Conference on Monday, September 11, 2017 at 11:40 am ET at the Grand Hyatt New York. Robert Friel, PerkinElmer’s chairman and chief executive officer, will provide an overview of the Company and its strategic objectives.A live audio webcast of the presentation will also be available on the Investors section of the Company’s website at http://www.perkinelmer.com. A replay of the presentation will be posted on the PerkinElmer website after the event and will be available for two weeks following.PerkinElmer, Inc. is a global leader committed to innovating for a healthier world. Our dedicated team of 9,000 employees worldwide is passionate about providing customers with an unmatched experience as they help solve critical issues especially impacting the diagnostics, discovery and analytical solutions markets. Our innovative detection, imaging, informatics and service capabilities, combined with deep market knowledge and expertise, help customers gain earlier and more accurate insights to improve lives and the world around us. The Company reported revenue of approximately $2.1 billion in 2016, serves customers in more than 150 countries, and is a component of the S&P 500 Index. Additional information is available through 1-877-PKI-NYSE, or at http://www.perkinelmer.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Monti rimborsa a Morgan and Stanley 3,4 miliardi di dollari

Posted by fidest press agency su martedì, 20 marzo 2012

Morgan Stanley Building

Morgan Stanley Building (Photo credit: Wikipedia)

Ho discusso la scorsa settimana una interpellanza urgente al Ministro dell’Economia sulla vicenda del rimborso di 3,4 miliardi di dollari, fatto dal governo italiano alla società finanziaria americana Morgan and Stanley per la chiusura di un contratto derivato in possesso del governo. Di seguito potete leggere la discussione dell’interpellanza, con la risposta del governo e la mia replica.
RESIDENTE. L’onorevole Borghesi ha facoltà di illustrare la sua interpellanza n. 2-01385, concernente informazioni circa l’incidenza degli strumenti finanziari derivati nell’ambito della complessiva esposizione debitoria dello Stato italiano
ANTONIO BORGHESI. Signor Presidente, signor sottosegretario, qui è emerso in via indiretta che più o meno all’Epifania di quest’anno il Governo italiano avrebbe rimborsato a Morgan Stanley per una
riesposizione in swap un importo di 3,4 miliardi di dollari. Quindi, si tratta di una cifra molto, molto elevata. Questo fatto, che è emerso indirettamente attraverso delle comunicazioni fatte da Morgan Stanley alla SEC americana, ha fatto ritornare in primo piano la questione dell’uso e del ricorso ai derivati da parte del Governo italiano, sul quale c’è sempre stata una grande opacità e mancanza di trasparenza. Noi su questo vogliamo chiedere conto al Governo. Addirittura, The New York Times un anno fa ha sostenuto che, a partire dal 1996, l’Italia avrebbe truccato i propri conti utilizzando derivati grazie proprio all’aiuto di Morgan Stanley. Secondo EUROSTAT, il Ministero dell’economia tra il 1998 e il 2008 avrebbe grandemente fatto ricorso ai derivati con ovviamente, come per tutti i derivati, momenti in cui questo ha dato dei vantaggi – più o meno fino al 2006 – ma poi ha iniziato a determinare delle perdite. Il problema è che qualcuno parla di 30 miliardi di euro che sarebbero investiti da parte del Governo italiano in derivati. Riteniamo sia giusto che il popolo italiano e noi si sia a conoscenza in modo trasparente della situazione, in particolare se è vero che a Morgan Stanley è stato fatto questo versamento in un momento così difficile per il nostro Paese per permettere a questa società di ridurre la sua esposizione verso lo Stato italiano di una cifra così rilevante e se è vero che questa operazione in realtà sarebbe stata agevolata da una triangolazione con il gruppo Intesa.
PRESIDENTE. Il sottosegretario di Stato per l’istruzione, l’università e la ricerca, Marco Rossi Doria, ha facoltà di rispondere.
MARCO ROSSI DORIA, Sottosegretariodi Stato per l’istruzione, l’università e la ricerca. Signor Presidente, con l’interpellanza urgente l’onorevole Borghesi ed altri pongono quesiti in ordine alla reale composizione del debito pubblico italiano. Al riguardo, si fa presente che uno degli
obiettivi principali nella gestione del debito pubblico è la minimizzazione dell’onere del servizio del debito e i rischi ad esso associati, principalmente i rischi di un aumento dei tassi di mercato. Per questo, a partire dagli anni Novanta, si è perseguito l’allungamento della vita media del debito pubblico che, tra l’altro, ha consentito di limitare l’impatto della crisi del debito sovrano nel recente passato.
Infatti, il passaggio da una preponderanza di emissioni a brevissima scadenza indicizzati e a parametri variabili – BOT e CCT – a una forte presenza nel comparto a tasso fisso dai 3 ai 30 anni – i BTP
– ha consentito di limitare il rischio di dover rifinanziare una grande quantità di titoli a breve termine con tassi in aumento. L’attività in derivati del Tesoro, autorizzata per legge fin dal 1984 ed espletata per il tramite di banche specialiste di titoli di Stato, si è concentrata proprio nella copertura dal rischio di tasso di interesse con l’utilizzo, peraltro molto limitato in proporzione allo stock di debito, di strumenti standard, come gli interest rate swap, con i quali tipicamente il Tesoro riceve da una controparte bancaria un tasso variabile e paga un tasso fisso su un nozionale convenzionale prestabilito. L’altra grande tipologia di strumento derivato utilizzato per la gestione del debito è quella dei cross currency swap, con i quali si sono riportate in euro le passività contratte in valuta sui mercati internazionali, emissioni che, dopo swap, hanno consentito al Tesoro di finanziarsi a tassi inferiori rispetto alle corrispettive scadenze
in euro. Infine, uno strumento derivato del tutto marginalmente presente nel portafoglio della Repubblica sono le swaption, opzioni con le quali si vende alla controparte il diritto di entrare in un interest rate swap in data futura. Ad oggi il nozionale complessivo di strumenti derivati a copertura di debito emessi dalla Repubblica italiana ammonta a circa 160 miliardi di euro, a fronte di titoli in circolazione, al 31 gennaio 2012, per 1.624 miliardi di euro. Quindi, il nozionale ammonta, per rispondere alla domanda, a circa il 10 per cento dei titoli in circolazione. Degli strumenti derivati in essere circa 100 miliardi sono interest rate swap, 36 miliardi cross currency swap, 20 swaption e 3,5 miliardi degli swap ex ISPA. I 36 miliardi di euro di nozionale dei cross currency swap corrispondono alla quasi totalità dei titoli emessi nel corso degli anni in valuta non euro, sotto il programma delle missioni internazionali. Pertanto, la quasi totalità delle missioni estere sono state coperte dal rischio valutario. In data 27 dicembre 2006 l’insieme delle passività contratte da ISPA, sia in forma di titoli sia di mutuo, nonché i contratti derivati a loro associati, sono stati trasferiti, per legge, alla Repubblica. In particolare, gli interest rate swap presentano un tasso a pagare medio ponderato a carico della Repubblica che è inferiore a quello pagato sul debito di durata comparabile. Con questi swap il Tesoro si è immunizzato, dunque, dai rialzi dei tassi di interesse sulla parte di nozionale interessata, contribuendo all’allungamento della durata finanziaria del proprio debito. Risulta, peraltro, fuorviante associare ai derivati, nella forma e nelle modalità utilizzate dal Tesoro nell’ambito della gestione del debito pubblico, il concetto di guadagno o perdita. Infatti, coerentemente con la finalità di utilizzo dei derivati e in considerazione del loro limitato ammontare relativo allo stock di debito esistente, per ogni anno si sono verificati – e si verificheranno in futuro – differenziali positivi o negativi tra quanto pagato e
quanto incassato, derivanti dall’andamento dei parametri di indicizzazione della gamma variabile (generalmente l’Euribor), che sono riportati annualmente con chiarezza nei documenti statistici ufficiali.
In merito al valore di mercato del « portafoglio derivati » della Repubblica italiana, si precisa che lo stesso è definito come il valore attuale dei flussi futuri scontati al presente e che varia continuamente
al variare sia del livello dei tassi di mercato sia della conformazione della curva dei rendimenti. Appare evidente che lo stesso è, quindi, un valore in continuo mutamento, la cui rilevanza per uno Stato
sovrano risulta essere limitata. Qualora un titolo di Stato dopo la sua emissione, a seguito di una diminuzione dei tassi di mercato, si trovasse a presentare un prezzo al di sopra della pari – 100, che è il valore di rimborso e quello a cui viene contabilizzato il debito contratto dallo Stato con la sua emissione –, allora si dovrebbe contabilizzare a tale valore superiore, definendo così un aumento del debito che non corrisponde ad un incremento effettivo dell’impegno dello Stato nei confronti dei creditori.
Specularmente, si verifica l’opposto in caso di aumento dei tassi di mercato. Appare evidente l’incongruità, dato che il debito è sempre pari a cento, a meno che non si proceda ad un riacquisto pagando il prezzo di mercato sotto la pari. A differenza di un titolo di Stato, gli swap di tasso d’interesse non sono debiti che devono essere ripagati a scadenza, ma solo scambi di flussi su un nozionale
convenzionale, la cui chiusura anticipata può essere effettuata esclusivamente su base volontaria e consensuale, da parte di entrambe le controparti coinvolte, a meno di precise clausole contrattuali che predetermino un evento di chiusura anticipata. Per quanto riguarda, in particolare, la vicenda relativa alla Morgan Stanley, riportata da alcuni organi di stampa e richiamata nell’interpellanza, si fa presente
che alla fine del 2011 e con regolamento il Ministero dell’economia e delle finanze, in data 3 gennaio 2012, ha proceduto alla chiusura di alcuni derivati in essere con Morgan Stanley (due interest rate swap e due swaption) in conseguenza di una clausola di « Additional Termination Event » presente nel contratto quadro (ISDA Master Agreement) che regolava i rapporti tra la Repubblica Italiana e la banca in questione. Tale clausola, risalente alla data di stipula del contratto, nel 1994, era unica e non presente in nessun altro contratto quadro vigente tra il Ministero e le sue controparti, e non è stato possibile, nel corso degli ultimi anni, rinegoziare la stessa. In virtù di tale clausola, si è proceduto alla chiusura anticipata di alcuni derivati con Morgan Stanley, regolandone il controvalore in 2,567 miliardi senza il coinvolgimento di terze parti. In merito alle affermazioni ed alle questioni poste a proposito dei cosiddetti credit default swap riguardanti la Repubblica italiana come emittente di debito, si riporta una tabella aggiornata al 24 febbraio 2012 (stessa fonte dei dati riportati nell’interpellanza e nei citati articoli di stampa), dalla quale risulterà evidente come non ci sia una particolare rilevanza delle posizioni nette in credit default swap circolanti sul debito italiano, con Paesi come la Francia e la Germania che, oltre ad avere un nozionale dello stesso ordine di grandezza di quello italiano, mostrano un rapporto sul debito esistente maggiore del caso italiano.
PRESIDENTE. L’onorevole Borghesi ha facoltà di replicare.
ANTONIO BORGHESI. Signor Presidente, signor sottosegretario, mi dichiaro in parte soddisfatto e in parte no. In parte soddisfatto perché finalmente abbiamo alcuni dati precisi che il sottosegretario ha
elencato e che ci fanno capire che, comunque, il nostro Paese ha un’esposizione in derivati che non è piccolissima: alla fine, parliamo di circa il 10 per cento dell’ammontare complessivo dei titoli e, in un periodo in cui i derivati possono portare a situazione di difficoltà, certamente qualche problema e qualche necessità di monitoraggio immagino che vi sia. Non sono, invece, soddisfatto della risposta
che riguarda la chiusura anticipata e spiego perché. Quasi sempre in quel tipo di contrattazioni è lasciata la possibilità di una chiusura anticipata e volontaria – quindi dipende dalla volontà delle parti di
procedervi – e non dobbiamo dimenticare che in quel particolare momento, un momento molto difficile per il nostro Paese, anche altri Paesi avevano cercato di liberarsi delle posizioni debitorie verso di noi,
la Germania, le banche tedesche, in particolare – mi pare – di qualcosa come 7 miliardi di euro, quindi di qualcosa di assolutamente rilevante. Dunque, l’idea che ci sia stata una chiusura volontaria anticipata della posizione può dare adito a qualche riflessione che tiene conto anche dei soggetti interessati da questa operazione. Per carità, nessuno pensa che sia un delitto il fatto che il figlio del Presidente del Consiglio lavori per Morgan Stanley e che il capo country manager per Morgan Stanley in Italia sia Domenico Siniscalco, che è stato Ministro dell’economia e delle finanze in un precedente Governo Berlusconi. Lei esclude che ci sia una terza parte, qualcuno parlava di Banca Intesa il cui amministratore delegato oggi è Ministro di questa Repubblica. Certo, la trasparenza in questi casi è necessaria perché da qui ad un ipotetico conflitto d’interessi – che basta che sia ipotetico per essere negativo – qualche ragionamento dovrebbe pur essere fatto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

La Repubblica Italiana ha perso 31 miliardi di dollari in derivati?

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 marzo 2012

Secondo un articolo pubblicato da Bloomberg Businessweek a firma di Nicholas Bunbar e Elisa Martinuzzi, sarebbero confermate le voci in base alle quali ad inizio anno l’Italia avrebbe chiuso un contratto derivato sui tassi d’interesse con Morgan Stanley pagando l’astronomica cifra di 3,4 miliardi di dollari.
Una cifra pari alla metà dell’incremento della tassazione di quest’anno! Secondo quanto risulta a Bloomberg l’Italia avrebbe subito perdite su derivati, complessivamente, per 31 miliardi di dollari. Come dire che senza le perdite su questi derivati si sarebbe potuto evitare il decreto “SalvaItalia”. Queste informazioni ci confermano che è sempre più urgente che il Governo faccia chiarezza sul portafoglio in derivati così come abbiamo chiesto attraverso l’interrogazione parlamentare dello scorso 23 febbraio depositata dai grazie ai senatori Donatella Poretti e Marco Perduca. (fonte Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lo Stato italiano, il maggiore utilizzatore di strumenti derivati al mondo? Interrogazione al Senato

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 febbraio 2012

Le più autorevoli fonti internazionali d’informazione finanziaria (Financial Times, Reuters, Bloomberg Businessweek) riportano che ad inizio anno il Governo italiano avrebbe negoziato con Morgan Stanley (una delle più importanti banche d’affari americane) la chiusura di un contratto di strumenti finanziari derivati per una cifra enorme, pari a 2.567 milioni di euro.L’International Financing Review, il settimanale della agenzia stampa Reuters, in un articolo (1) dall’eloquente titolo “Show us your swaps, Mario” (“Mario, facci vedere i tuoi Swap”) scrive: “il Tesoro Italiano ha un colossale portafoglio di derivati. Un ammontare di 30 miliardi di euro secondo le principali stime, i banchieri concordano sul fatto che l’Italia sia il più grande utilizzatore sovrano di strumenti finanziari derivati… ma c’è un problema relativo al fatto che l’Italia rifiuta di fare chiarezza su quanti soldi esattamente detiene sotto forma di contratti derivati e se è in pericolo di dover effettuare dei pagamenti nel prossimo futuro in conseguenza di queste negoziazioni”.La trasparenza su un tema tanto delicato come l’utilizzo da parte della Tesoro della Repubblica Italia degli strumenti finanziaria che sono stati al centro della crisi finanziaria del 2008 (con gli strascichi attuali) è un aspetto centrale nessun Governo Italiano dovrebbe sottrarsi e tanto meno il Governo attuale che sta facendo della trasparenza una bandiera.A questo scopo abbiamo chiesto ai senatori Donatella Poretti e Marco Perduca di presentare un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Economia e delle Finanza, nonché al Presidente del Consiglio dei Ministri, sen. Prof. Mario Manti, per sapere:il dettaglio del portafoglio di strumenti finanziari derivati detenuto dal Tesoro della Repubblica Italiana con l’indicazione della tipologia e caratteristiche dei contratti, controparti, nozionali e valore attuale del mark-to-market dei singoli contratti e del complesso del portafoglio
quali siano le finalità di queste operazioni finanziarie in derivatise risponde a verità che ad inizio anno il presente Governo abbia chiuso delle posizioni in derivate con Morgan Stanley ed in caso di risposta positiva quali siano state le caratteristiche di detta operazione se il Ministro ritiene che in futuro il Tesoro della Repubblica Italiana intenda aprire altre posizioni in strumenti finanziari derivati quali iniziative il Ministro intenda attuare al fine di rendere completamente trasparenti ai cittadini ed ai mercati finanziari le operazioni in strumenti finanziari derivati effettuate in passato e quelle che eventualmente dovessero effettuarsi in futuro Qui il testo completo dell’interrogazione: http://parlamento.aduc.it/iniziativa/strumenti+ finanziari+derivati+stato+italiano_20029.php

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dall’icona a Malevich

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 gennaio 2011

Firenze  8 febbraio – 30 aprile 2011  Galleria d’Arte Moderna, Andito degli Angiolini, Palazzo Pitti, Capolavori dal Museo Russo di San Pietroburgo  La mostra è  promossa dal Ministero della Cultura della Federazione Russa con il Museo Russo di San Pietroburgo e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali Italiano con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, ed è stata realizzata con il contributo dello sponsor unico Morgan Stanley. L’Andito degli Angiolini ospiterà una selezione di 40 dipinti provenienti dal prestigioso Museo Russo, un numero dimensionato agli spazi non vasti ma seducenti di questi ambienti lorenesi, e scelto in modo da offrire un affascinante florilegio del percorso dell’arte russa dall’epoca delle icone fino alle avanguardie del primo Novecento. Fu il Settecento l’epoca in cui l’arte russa inaugurò e maturò uno stile “moderno”. Al riguardo la mostra include due dipinti dell’inizio del Settecento, nei quali si evidenzia il graduale distacco dalla tradizione pittorica delle icone e l’apertura alla tipologia figurativa europea: Ivan Nikitin, Ritratto di un atamano e Roman Nikitin, Ritratto della baronessa M. Stroganova. Altre opere in mostra, del Settecento e della prima metà dell’Ottocento, di artisti diversi come Orest Kiprenskij, Karl Brjullov, Silvestr Shchedrin, Fedor Alekseev testimoniano non solo come i pittori russi avessero fatto propria  l’arte dei vicini maestri europei, ma anche come fossero in grado di esprimere un proprio stile personale.   I rapporti dei maestri russi con l’Italia nella prima metà del XIX secolo erano così intensi che alcuni finirono per sposare donne italiane (Kiprenskij, Lapchenko), mentre altri trovarono in questo paese gli amici più cari (Karl Brjullov visse e morì a nei pressi di Roma, in casa del politico e diplomatico Tittoni, dove rimase parte della sua eredità).
Gli anni a cavallo tra il XIX e il XX secolo costituirono un’epoca di pluralità di stili, indirizzi, tendenze e individualità creative, in sintonia con quanto andava avvenendo nella pittura europea. Proponendo gli esempi di tre soli pittori Mikhail Nesterov, Valentin Serov e Mikhail Vrubel, si possono cogliere le sfaccettature presenti nell’arte russa nel periodo precedente l’avanguardia.
I dipinti di Goncharova e Malevich, della fine degli anni ‘20 e dell’inizio degli anni ‘30, e di Pavel Filonov sono solo una piccola parte della ricca varietà di opere dell’avanguardia russa presente nelle collezioni del Museo Russo.
Attualmente la principale sede espositiva del museo si trova nel cuore di San Pietroburgo nel palazzo Mikhajlovskij, costruito da Carlo Rossi negli anni 1819-1825, e nella cosiddetta ala di Benois sulla riva del canale Griboedov. Gli spazi del Museo Russo comprendono anche il Giardino d’Estate con il Palazzo di Pietro il Grande e la sua casetta. Il Museo Russo organizza ogni anno dalle 25 alle 40 mostre  nei propri spazi espositivi e all’estero.
Morgan Stanley è una società leader quale fornitrice di attività finanziarie nel contesto internazionale. Più di 1.300 uffici in 42 paesi del mondo offrono una vasta gamma di servizi come investment banking, governo dei titoli, gestione degli investimenti e wealth management verso importanti corporazioni, istituti pubblici e clienti privati. Per ulteriori informazioni vi invitiamo di consultare il sito http://www.morganstanley.com.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »