Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘multietnico’

Il diritto alle cure del paziente multietnico

Posted by fidest press agency su sabato, 24 giugno 2017

medicinadifensivaMalattie infettive e tropicali, parassitosi, patologie polmonari dimenticate e ri-emergenti, limiti religiosi e malattie sessualmente trasmissibili, patologie strettamente correlate ai giovani migranti. Sono alcuni degli argomenti affrontati durante il corso “Diritto alla cura ed accesso alla terapia del paziente multietnico”, evento scientifico promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini che si è svolto in questi giorni a Roma.
«È necessario garantire i diritti umani, la tutela della salute e la presa in cura per tutti, italiani e migranti» spiega Aldo Morrone, Direttore dell’Unità di Dermatologia Clinica agli Istituti Fisiatrici Ospedalieri- Istituto San Gallicano di Roma e presidente del meeting. «Ed è essenziale mettere al centro del sistema le persone più fragili, che hanno più bisogno di essere prese in cura. Bisogna lottare perché le istituzioni si rendano conto che è necessario dare accesso alle cure anche ai pensionati con reddito minimo, alle donne vittime di sfruttamento sessuale, ai lavoratori precari e alle persone disoccupate. Ma questo non è sufficiente: devono essere avviate anche iniziative internazionali nei paesi più poveri per creare condizioni più civili e dignitose per evitare che esodi bilico continui con grande perdita di sviluppo economici e dignità umana di questi paesi». Filo conduttore del meeting è stato il deciso rifiuto di pregiudizi e luoghi comuni, primo tra tutti quello relativo alla figura del migrante come portatore di malattie. «I migranti possono trasmettere le infezioni esattamente come i cittadini italiani» avverte Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma. «I migranti possono acquisire alcune infezioni soprattutto nei primi due anni in cui si trasferiscono in Italia a causa di condizioni igieniche e abitative spesso disastrose, per cui bisogna intervenire soprattutto assicurando loro un’adeguata assistenza sanitaria. Da questo punto di vista dobbiamo essere orgogliosi, perché l’Italia è uno dei pochi Paesi europei che garantisce le cure sanitarie anche ai migranti non registrati». «Il rischio pandemia dipende da vari elementi. La mobilità può favorire malattie infettive, sia dei migranti sia dei cittadini dei Paesi occidentali che oggi in aereo raggiungono anche le più remote località della Terra » aggiunge Roberto Cauda,Professore di malattie infettive e medicina tropicale dell’Università Cattolica di Roma. «Anche per questo motivo il problema della scarsa copertura vaccinale è globale e riguarda sia paesi di accoglienza sia di provenienza. In molti paesi di provenienza grazie a un efficiente servizio sanitario nazionale si assiste a una buona copertura vaccinale, ma dobbiamo mantenere alta la guardia soprattutto perché in alcuni paesi, come Siria, sta avvenendo un disfacimento dello Stato e quindi l’assistenza sanitaria sta diventano molto carente. Da parte nostra il dovere dell’accoglienza delle persone provenienti da questi Paesi è vantaggioso anche per noi, perché se il migrante non viene identificato e curato può essere un pericolo, cosa che non avviene se viene accolto e gli viene garantita un’adeguata assistenza». E tra le persone più a rischio gli esperti segnalano gli individui più indifesi: le donne e i bambini. «Le donne sole con figlio sono tra le persone migranti più fragili» conferma Rosaria Giampaolo, Responsabile della Struttura Complessa “Ambulatorio Pediatrico” all’Ospedale Bambino Gesù di Roma. «La nascita di un figlio rappresenta un momento di grande fragilità perché è un momento bellissimo ma anche destabilizzante soprattutto se avviene in realtà esterna e la donna deve affrontarla da sola. Un altro momento critico riguarda i bambini e il loro inserimento a scuola. Si tratta di un traguardo, per cui di un momento positivo, però indubbiamente rappresenta anche una grossa difficoltà perché il bambino deve affrontare un’ambivalenza di messaggi: da una parte è giusto che mantenga le proprie radici e nello stesso tempo riceve richieste dalla società che ospita. Un dualismo che può determinare una grande frattura nel bambino ma anche nella famiglia. Anche l’adolescenza è un momento delicato, soprattutto per le ragazze, perché la famiglia di origine tenta in diversi modi di mantenere le proprie tradizioni e mentre i figli maschi sono generalmente più liberi, per le ragazze il maggior controllo può generare difficoltà di relazione con la famiglia». Una segnalazione infine riguardante le malattie respiratorie, a partire dalla tubercolosi. «L’incidenza della TBC è leggermente più elevata negli stranieri rispetto agli italiani: 12 casi su centomila abitanti rispetto a 7 casi su centomila abitanti, per cui si tratta di una differenza poco significativa» spiega Guglielmo Meregalli, pneumologo e volontario in ospedali e ambulatori di medicina di base in Zambia, Swaziland e Tanzania. «Il maggior rischio riguarda gli stranieri, soprattutto perché per molti è più difficile avere accesso alle cure. Il trattamento della TBC è abbastanza semplice ed efficace, ma deve essere somministrato a lungo, per quattro-sei mesi, per cui è necessaria una certa continuità di accesso alle cure. Se questa è assicurata la guarigione è pressoché completa. E per debellare la TBC nel mondo è necessario poterla diagnosticare tempestivamente anche nei paesi poveri. Purtroppo in alcune zone rurali, soprattutto in Africa, i centri per fare test diagnostici sono distanti 150-200 chilometri da molti villaggi».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Birmania: diritti umani

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Lac Inle Birmania

Image via Wikipedia

A quasi cinque mesi dalla costituzione di un governo civile in Birmania la situazione dei diritti umani nel paese del sud est asiatico è addirittura peggiore che durante la precedente dittatura militare. Questo è il bilancio critico che fa l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM), alla vigilia dell’inizio della visita del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Birmania, Tomas Quintana, nello stato asiatico multietnico. I circa 2.000 prigionieri politici non sono ancora stati rilasciati e nelle regioni abitate da minoranze etniche più di 30.000 civili sono stati costretti a fuggire in seguito alle nuove offensive militari da parte dell’esercito. Le espropriazioni arbitrarie e violente dei terreni, gli stupri e il lavoro forzato fanno purtroppo ancora parte della vita quotidiana delle minoranze etniche in Birmania. Lo stupro è sistematicamente utilizzato dall’esercito come arma di guerra nelle aree abitate dalle minoranze e dalle altre nazionalità. Almeno 32 donne e ragazze del popolo Kachin sono state violentate dai soldati tra il 9 e il 26 giugno luglio 2011 nello stato Kachin. 13 vittime sono morte durante la violenza o uccise perché dovevano assistere agli stupri. Gli autori delle violenze provengono da cinque battaglioni differenti dell’esercito birmano. Nel villaggio di Bung Dum tre famiglie non sono riuscite a fuggire prima dell’arrivo dei militari. Sei ragazze e donne sono state violentate in gruppo dai militari, e sette bambini sono stati uccisi. Nell’insediamento di Je Sawn è stata uccisa una bambina di sette anni: subito dopo è stata violentata e uccisa la nonna. Una dodicenne è stata violentata di fronte a sua madre; quando questa ha cercato di proteggere sua figlia, è stata malmenata. Negli Stati federati Kachin e Shan almeno 31.700 abitanti di villaggi sono dovuti fuggire in seguito agli attacchi da parte dell’esercito. Nello Stato Shan l’APM ha potuto documentare numerosi saccheggi, arresti arbitrari, torture e casi di lavoro forzato. Abbiamo potuto registrare più di 50 attacchi massicci da parte dei soldati contro la popolazione civile nello Stato Shan solamente a partire dall’insediamento del nuovo governo avvenuto a metà aprile 2011. In questo periodo il governo aveva promesso di migliorare la situazione dei diritti umani, ma ora ha dimostrato le sue vere intenzioni: la nuova leadership in Birmania non è interessata a un cambiamento democratico, ma ad una escalation della guerra civile e della pulizia etnica. Secondo l’APM, i militari hanno ancora il pieno potere nello stato multietnico. Nel nuovo governo siedono infatti molti ex ufficiali dell’esercito. Hanno sostituito con delle elezioni farsa, una dittatura militare che ha governato per più di 20 anni.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso una Bergamo multietnica?

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 aprile 2009

Bergamo 9 maggio dalle ore 14,45 alle ore 18,00 presso la sala Ubik in via Sant’Alessandro n°1 (primo piano)  la rete bergamasca “Verso una Bergamo multietnica?” che ha lavorato per più di quattro anni sul tema della promozione della cultura dell’integrazione sul territorio, ha pensato di proporvi una riflessione sul percorso fatto. Non intende però riflettere in solitudine, ma insieme ad altre realtà associative che si sono occupate e continuano ad occuparsi nel territorio bergamasco dello stesso tema, anche se con modalità e tempi diversi. Perciò l’Istituto comprensivo Camozzi – Progetto Cantadora, la Comunità San Lazzaro, la Cooperativa Interculturando – Progetto Madre Terra, l’Agenzia per l’Integrazione, la Scuola d’italiano della Comunità immigrati Ruah e l’Associazione Il porto porteranno le loro esperienze insieme a quella della rete “Verso una Bergamo multietnica?”Esperienze da discutere insieme in un dibattito aperto a tutti i presenti.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Con Yacme il Comune di Bologna è multietnico

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 aprile 2009

Yacme, software house bolognese attiva nel mondo open source, annuncia la collaborazione con il Comune di Bologna per il Progetto “OpenOffice Multilingua”, che consentirà alla Consulta dei Cittadini Stranieri di mettere a disposizione degli utenti una decina di notebook su cui è installata una versione “multilingua” di OpenOffice.org che permette a tutti di usare il software nella propria lingua madre. Yacme ha realizzato il DVD per l’installazione di OpenOffice.org, che contiene i moduli necessari per attivare l’interfaccia utente e gli strumenti linguistici in circa 50 lingue (oltre a quelle europee, numerose lingue africane e asiatiche) e il Comune di Bologna ha redatto una mini guida che consente all’utilizzatore di configurare il software per la sua lingua. La Consulta dei Cittadini Stranieri è un organismo di aggregazione, espressione e partecipazione alla vita pubblica locale dei cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea e degli apolidi residenti nel Comune di Bologna, che ha il compito di rappresentare i cittadini stranieri che risiedono nella città di Bologna per favorire l’incontro e il dialogo fra gli esponenti di culture diverse attraverso il confronto e l’informazione reciproci.
Yacme Srl (http://www.yacme.com) è un’azienda di consulenza e servizi di information technology nata nel maggio del 2000, che ha scelto – in modo strategico – di operare in ambito Linux. L’attività è focalizzata in tre aree: l’amministrazione dei sistemi informativi, dove c’è una forte componente di integrazione con i sistemi proprietari; lo sviluppo di applicazioni, come quella per i punti vendita della GDO/GDS, o il progetto open source MystiqueXML; e la migrazione da software proprietario a software libero, in particolare a OpenOffice.org, nell’ambito della quale gestisce anche le attività di formazione, oltre a migrazioni desktop linux. Yacme ha sede a Bologna. E’ Novell Gold Linux Specialist ed è Partner ISV di Motorola Enterprise Business.

Posted in Università/University, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »