Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘muscoli’

Miotenofasciotomia: il trattamento chirurgico mini-invasivo che libera i muscoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2022

“La tecnica che ho presentato è progettata per migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da paralisi cerebrale. Il trattamento è più efficace se effettuato precocemente, soprattutto nel caso di bambini a partire dai tre anni di età. L’obiettivo è liberare i muscoli dalle fibre miofasciali accorciate, migliorando la loro traiettoria di crescita in modo che vivano al massimo delle loro possibilità”. Così, il professor Igor Nazarov, accolto ieri a Milazzo (ME) per una conferenza organizzata da Movilife Progetto Salute. Il chirurgo, specializzato in miotenofasciotomia, ha spiegato ai presenti il trattamento chirurgico mini-invasivo che permette ai muscoli di essere liberati dalle retrazioni miofasciali dissezionando con elevata precisione le fibre accorciate. “Invito i professionisti del settore a tenere conto dell’esistenza di queste retrazioni miofasciali nei pazienti e, soprattutto, a risolverle attraverso la miotenofasciotomia. – ha aggiunto Nazarov – Io e il mio team siamo pronti per questo. L’obiettivo è migliorare la mobilità, la biomeccanica, la crescita e lo sviluppo del paziente, ottimizzando e inducendo la neuroplasticità di ciascuno di essi. Operiamo a Barcellona in Spagna e collaboriamo direttamente con i migliori team di riabilitazione in tutto il mondo”. L’evento, organizzato da Movilife Progetto Salute, si è svolto a “Gigliopoli, la Città dei bambini spensierati” che nasce e si sviluppa sui fondi della Fondazione Barone G. Lucifero in Capo Milazzo (ME). A voler fortemente questo incontro sono stati Rosario Pizzurro e Lydia Oliva, fondatori di Movilife, al fine di diffondere le informazioni a riguardo e fare chiarezza sul punto. La particolarità della procedura è il modo in cui viene eseguita: tramite un bisturi sottile, con un piccolo accesso percutaneo, si interviene sulle parti interessate e si evitano successive suture ed eventuali cicatrici, nel pieno rispetto dei tessuti sani e dei loro strati e senza necessità di immobilizzazione. “Abbiamo scelto di sposare la causa del professor Nazarov, perché è opportuno informare che esiste la miotenofasciotomia, una tecnica innovativa che riduce i tempi di degenza e facilita i processi di riabilitazione successiva e il recupero dei gesti motori e delle abilità della persona. – hanno affermato Rosario Pizzurro e Lydia Oliva – In base alla valutazione effettuata dal nostro team e dai professionisti del campo, abbiamo capito che c’era una carenza importante, non esisteva ancora una rete che potesse unificare e rendere semplice il percorso di riabilitazione per questo tipo di pazienti. Così, ci siamo attivati e siamo a disposizione per coloro che ne hanno la necessità. L’obiettivo è riuscire a facilitare le famiglie, così che rivolgendosi ad un’unica realtà possano trovare risposta a tutte le esigenze di cui hanno bisogno. Il nostro progetto vuole tenere in considerazione che il corpo è fatto di più ‘sistemi’ che devono interagire ed essere in equilibrio per poter funzionare. Noi e il nostro team cerchiamo solo di rispondere ad esigenze evidenti, cercando di rintracciare i punti di salute della persona. Il paziente non è la sua malattia e questo è un modo in più per ribadire che il fattore più importante è la persona che deve stare al centro”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tai Chi migliora il cuore e i muscoli negli anziani

Posted by fidest press agency su martedì, 10 aprile 2012

Gli esercizi di Tai Chi migliorano le funzioni cardiovascolari e la forza muscolare nelle persone anziane. Lo ha scoperto uno studio pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology. L’indagine, promossa dall’Hong Kong Polytechnic University, ha coinvolto 65 soggetti anziani: 29 reclutati da una palestra di Tai Chi che avevano praticato gli esercizi per almeno un’ora e mezza alla settimana per tre anni, e 36 persone senza alcuna esperienza della disciplina. I risultati hanno mostrato che i soggetti che praticavano Ta i Chi risultavano più in salute in quasi tutte le osservazioni emodinamiche, tra cui la pressione arteriosa, la resistenza vascolare e la pressione del polso. Un miglioramento significativo è stato registrato, inoltre, in merito alla conformità delle arterie grandi e piccole (dal 40-44 per cento in più) e alla forza muscolare, in particolare del ginocchio. William Tsang, principale autore dell’indagine, ha spiegato che «questo è il primo studio che esamina i possibili effetti del Tai Chi sulla compliance arteriosa. Riteniamo che il miglioramento provocato dagli esercizi dipenda dalla combinazione di allenamento aerobico, stretching, concentrazione mentale e meditazione promossa dai movimenti tipici del Tai Chi».Eur J Prev Cardiolog. 2012 Mar 12. [Epub ahead of print](fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La distrofia è solo questione di muscoli?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 gennaio 2011

Monza 8 gennaio 2011, Urban Center, ore 16-19.30 la Sezione UILDM Giovanni Bergna di Monza promuove un evento di sensibilizzazione sul tema delle distrofie muscolari. Nato da un’idea del presidente provinciale Leonardo Baldinu, il progetto si inserisce tra quelli realizzati per celebrare i quarant’anni di costituzione della Sezione. Binario 7 – Fermata obbligatoria. La distrofia è solo questione di muscoli? è il titolo completo di questa iniziativa che vi aspetta sabato 8 gennaio all’Urban Center di Monza, dalle ore 16 alle 19.30 (Via F. Turati, 6).
Per l’occasione verranno presentati il libro Questione di muscoli, voluto e curato dallo stesso Baldinu e dal giornalista Franco Bomprezzi, che raccoglie “testimonianze di esperienze, speranze e delusioni in un mondo ancora lontano dalla cultura dell’accoglienza e dell’integrazione”, e il film Il colore che manca, che invece racconta “la quotidianità di persone colpite da distrofie, alternandola ad animazioni che illustrano la malattia e le sue implicazioni sociali”. Ad arricchire e completare la proposta culturale, inoltre, ci saranno la rassegna fotografica Il colore delle immagini – La persona e la disabilità, a cura degli studenti di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, e lo spazio di socializzazione dedicato ai bambini e gestito dai clown volontari di Un Naso Rosso per… ONLUS.
Insieme a Leonardo Baldinu, a Franco Bomprezzi e al presidente nazionale UILDM Alberto Fontana, alla conferenza stampa di lancio (ore 17) interverranno – in qualità di relatori – Dario Allevi e Giuliana Colombo, presidente e assessore all’Istruzione, al Lavoro e alle Politiche Sociali della Provincia di Monza e della Brianza, Marco Mariani e Pierfranco Maffè, sindaco e assessore alle Politiche Sociali della città di Monza. Modera Luigi Losa, direttore responsabile de Il Cittadino di Monza.
In qualità di ospiti, saranno presenti Agostino Boria, la Famiglia Bergna, Ivana D’Addona, autrice della colonna sonora del film di cui eseguirà alcuni brani, Nelson Bova, giornalista che ha curato la sceneggiatura e la regia del film, e gli studenti di NABA, curatori della mostra fotografica.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Albrecht Durer: Il teschio al tempo di Durer

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2010

Milano fino al 20/11/2010 via S. Cecilia, 2 –Valeria Bella Stampe Al primo apparire nelle gallerie e nelle mostre d’arte del celebre teschio di Damien Hirst forse siamo rimasti un po’ perplessi, ma il continuo ripetersi di questo simbolo (oggi svuotato del significato originario e usato per esorcizzare la morte) non stupisce piu’.  Cosi’ e’ possibile vedere un teschio troneggiare nel soggiorno del vip piu’ attento e, al di fuori del mondo dell’arte, al collo delle piu’ belle e giovani celebrities, sui muscoli tatuati dei rocker, sui diari e sulle t-shirt dei teenagers, dipinto sulle tazze della colazione, ornare jeans, biancheria intima, sciarpe di seta o anelli preziosi.
Ma l’iconografia del teschio ha radici piu’ antiche, e facilmente si trova in opere del XV e XVI secolo con ben altro significato. Ad esempio quello del teschio che campeggia sulla copertina del catalogo che Valeria Bella Stampe dedica alle incisioni di maestri antichi e moderni, e che sarà in mostra a partire dal 19 ottobre! Si tratta di un capolavoro dell’arte grafica di Albrecht Dürer, intitolato Stemma con teschio per l’appunto. Catalogo illustrato disponibile a richiesta in galleria: 50 stampe antiche e moderne.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »