Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Posts Tagged ‘museo sartori’

Mostra: “Il fantastico cavaliere Don Quijote”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 settembre 2018

Castel d’Ario (Mantova) in via XX Settembre 11/13/15, dal 9 Settembre al 14 Ottobre 2018 presenta al primo piano la personale dell’artista fiorentino Impero Nigiani “Il fantastico cavaliere Don Quijote”. si inaugurerà Domenica 9 Settembre alle ore 11.00, con interventi di Arianna Sartori, Beniamino Morselli Presidente Provincia di Mantova, Daniela Castro Sindaco di Castel d’Ario, Mattia Palazzi Sindaco di Mantova, Impero Nigiani e Maria Gabriella Savoia ‘Casa Museo Sartori’. La mostra, curata da Arianna Sartori, gode dei patrocini di Provincia di Mantova, Comune di Castel d’Ario, Comune di Mantova, Ecomuseo della risaia, dei fiumi, del paesaggio rurale mantovano e ProLoco di Castel d’Ario.
La Mostra comprende venti dipinti eseguiti con la tecnica dell’olio su tela (cm 60×60) e sei disegni realizzati con la tecnica della sanguigna su carta (cm 60×50).
La mostra arriva a Castel d’Ario dopo le importanti tappe al Palazzo Pretorio di Figline Valdarno (FI) (dicembre 2017) e al Palazzo Bastogi di Firenze (marzo 2018).“Pubblicato in prima edizione spagnola nel 1605 il romanzo di Cervantes “El ingenioso hidalgo Don Quixote de la Mancha” continua a conoscere una immutata fortuna bibliografica e visiva: continue ristampe in tutto il mondo e numerose trasposizioni in illustrazione… Questo anche in Italia, paese che è idealmente omaggiato da Cerventes con la ripresa in chiave sottilmente ironica dei poemi cavallereschi scritti a Ferrara nel Cinquecento (soprattutto l’ariostesco “Orlando Furioso” e “La Gerusalemme Liberata” del Tasso): un esempio significativo è il film di esordio del famoso pittore e scultore Mimmo Paladino, “Quijote”, presentato al Festival del Cinema a Venezia nel 2006, visionaria e stravagante rilettura interpretata da due singolari cantanti-attori, come Peppe Servillo e Lucio Dalla. È ora la volta del fiorentino Impero Nigiani, il quale dopo aver realizzato una bella cartella grafica, “Don Quijote de la Mancha”, con cinque acqueforti originali, impostata essenzialmente sul dialogo surreale fra uomini e bestie, presenta in questo catalogo una serie di dipinti e sanguigne-seppie-pastello ispirata dall’affascinata lettura del romanzo secentesco, miscelata ai ricordi di un lontano soggiorno nella petrosa Mancha. (Lucio Scardino – fonte Casa Nuseo Sartori) (foto: don chisciotte)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Omaggio a Vanni Viviani”

Posted by fidest press agency su domenica, 30 aprile 2017

OLYMPUS DIGITAL CAMERALa Casa Museo Sartori di Castel d’Ario (Mantova) in via XX Settembre 11/13/15, dal 30 Aprile al 28 Maggio 2017 presenta la mostra antologica “Omaggio a Vanni Viviani”.
La mostra allestita al primo piano di Casa Museo Sartori, a quindici anni dalla scomparsa del maestro, gode dei patrocini di Provincia di Mantova, Comune di Castel d’Ario, Comune di Mantova, Pro Loco di Castel d’Ario. La mostra “Omaggio a Vanni Viviani” si inaugura Domenica 30 Aprile alle ore 11.00, con interventi di Arianna Sartori e Vincenzo Bruno curatrici della mostra e del catalogo, Daniela Castro Sindaco di Castel d’Ario e Maria Gabriella Savoia di ‘Casa Museo Sartori’. Per l’occasione è stato edito un catalogo con testo di Francesco Martani.
Scrive tra l’altro Francesco Martani: “Chi conosce le opere di Vanni Viviani pensa subitamente alla “pomaria”, alle mele, ai pom, come soleva riferire l’artista; ma chi l’ha conosciuto, come il sottoscritto, lo ricorda e ne parla diversamente. Quelle mele rappresentano per lui solamente variabili di possibili riferimenti culturali. Io l’ho conosciuto molte volte nelle ore pomeridiane in via Belle Arti a Bologna, poco distante dall’Accademia, nella città di Morandi, ove egli aveva un amico caro: Concetto Pozzati, pure artista. Noi due, mantovani, mangiavamo spesso assieme un pezzo di pane, negli intervalli pomeridiani, e ci soffermavamo su varie memorie della nostra terra, alle radici della nostra natura umana.Le mele, le spighe di grano, o rami qualunque, Vanni Viviani li osservava, e spesso li raccoglieva e poi a casa, nel suo studio, li applicava con la colla, su un supporto di legno, fissandole con sostanze conservanti per creare delle icone, volute metamorfiche e metafisiche.” (foto: viviani)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »