Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘museo’

La Disputa sull’Immacolata Concezione: Giornata di studio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 maggio 2019

Firenze lunedì 13 maggio 2019 Galleria dell’Accademia di Firenze Via Ricasoli, 58 una giornata di studio dedicata al tema della Disputa sul dogma dell’Immacolata Concezione.
La giornata, desiderata dal Direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze Cecilie Hollberg, si articolerà in due sessioni. La sessione mattutina, con inizio dei lavori alle ore 9.30, vedrà interventi di eminenti figure in rappresentanza della Chiesa cattolica con gli ordini francescano, domenicano, gesuita e della Chiesa ortodossa e avrà come moderatore Angelo Tartuferi. La sessione pomeridiana, con inizio alle ore 14.00, sarà dedicata a approfondimenti del tema da parte di rappresentanti del mondo accademico e della ricerca scientifica, con la presenza di noti studiosi e di docenti da università e accademie italiane e straniere; moderatore sarà Donatella Fratini, storica dell’arte del Dipartimento dipinti e sculture XVI-XVIII secolo del museo.
L’Immacolata Concezione di Maria, ovvero la dottrina della Chiesa secondo la quale la Vergine è stata preservata immune dal peccato originale, iniziò ad apparire in opere artistiche fin dal Medioevo, quando si accese un aspro dibattito teologico che vedeva schierati da una parte i Francescani e l’Ordine Benedettino e, dall’altra, i Domenicani, fedeli al pronunciamento contrario di san Tommaso d’Aquino. A partire dalla seconda metà del Quattrocento, il pontificato di Sisto IV (1471-1484) diede grande impulso al culto della Vergine. Contemporaneamente, i sovrani spagnoli si impegnarono in un’intensa campagna volta alla promulgazione del dogma per ragioni politiche legate alla Riforma protestante. Agli inizi del Cinquecento, all’apice del contrasto dottrinale con l’Ordine Domenicano, venne elaborato in Toscana, in ambito francescano, un tema iconografico originale, quello della Disputa dei Dottori della Chiesa sull’Immacolata Concezione, in cui gli artisti ritraevano il loro parere contrastante. I Francescani, in particolare, utilizzavano queste immagini sacre come ‘palinsesto’ per la loro predicazione.L’ingresso alla giornata di studi è libero, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ragogna: boom di prenotazioni per il Museo degli Amanuensi

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 novembre 2018

Ragogna (Ud) Arrivare in un castello medievale, essere accolti da persone in costume d’epoca e poi immergersi in un mondo fatto di carta e pergamena, penne d’oca, inchiostri e strumenti per la rilegatura realizzati con sapienza artigiana tramandatasi nei secoli. Vedere e toccare con mano come nasce un libro fatto a mano. È l’esperienza unica che attira sempre più visitatori nel castello di Ragogna: 30mila in cinque anni sono quelli che hanno varcato la soglia dell’Opificium Librorum, il museo che fa riviere l’arte degli amanuensi gestito dallo Scriptorium Foroiuliense, associazione di San Daniele del Friuli dedita al recupero e alla diffusione della calligrafia e dei mestieri del libro. «Per l’anno prossimo abbiamo già registrato un boom di prenotazioni di visite delle scolaresche – conferma il direttore dello Scriptorium Roberto Giurano –. Sono già confermati circa duemila gli studenti, dalle elementari alle superiori, soprattutto delle scuole del Nord Italia, che parteciperanno alle nostre visite guidate nella fabbrica del libro. Molte classi ci hanno chiesto inoltre di abbinare dei workshop di calligrafia». L’associazione infatti tiene anche dei corsi di scrittura, miniatura e legatura che si tengono nella sede di San Daniele.Agli alunni delle scuole si aggiungono i visitatori di ogni età, in gruppo o singoli, provenienti da tutto il mondo, che nel castello trovano uno staff poliglotta, in grado di guidarli in tutte le fasi della realizzazione di un libro artigianale. Insomma, il recupero di quest’arte antica è diventato dal 2013, anno di apertura dell’Opificium Librorum, anche sinonimo di sviluppo turistico per il territorio, nonché di lavoro per le sei persone che seguono stabilmente le attività del museo.E non è intenzione dello Scriptorium fermarsi qui. «Il sogno è quello di poter replicare l’Opificium al Centro e al Sud, in modo da poter servire le scolaresche anche di queste aree – racconta Giurano –. Per il momento siamo attrezzati con un laboratorio mobile che può portare parte delle attrezzature e dei materiali dove ci viene richiesto, soprattutto per eventi e manifestazioni: quest’estate siamo stati nel borgo di Elice (Pescara), ma in passato anche all’estero, per esempio a Dubai, per tenere le nostre dimostrazioni e lezioni di scrittura amanuense». All’Opificium Librorum di Ragogna i visitatori, assieme alle guide abbigliate in costume medievale, possono sedersi sugli scranni dei copisti, vedere come si realizza a mano la carta, preparare i fogli per la scrittura, tracciare le parole con penne d’oca e inchiostri naturali, cimentarsi nella rilegatura. «Le persone sono affascinate dalla bellezza, dalle cose fatte bene e dalla manualità – conclude Giurano –. Credo che il successo del nostro museo, amplificato da promozione e passaparola, sia dovuto proprio nella possibilità di fare un’esperienza interattiva, che riavvicina alle cose semplici e al valore del nostro Made in Italy».

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vacanze al Museo

Posted by fidest press agency su sabato, 23 giugno 2018

Cosenza Dal 25 giugno 2018 Palazzo Arnone Galleria Nazionale di Cosenza. Concluso l’anno scolastico, le vacanze estive promettono ora esplorazioni e momenti di svago anche se si resta in città. La Galleria Nazionale di Cosenza potrà essere la destinazione ideale per laboratori, giochi istruttivi e nuove scoperte, fra dipinti e sculture. La partecipazione dei bambini in piccoli gruppi li vedrà coinvolti in un divertimento contagioso.
L’iniziativa è organizzata dai Servizi educativi del museo ed è completamente gratuita. Sarà possibile aderire dal 25 giugno al 3 agosto e dal 28 agosto al 14 settembre, da lunedì a venerdì, dalle ore 10.00 alle11.30 e dalle ore 11.30 alle 13.00, prenotando data e fascia oraria preferita al seguente numero: 0984 795639.
Ecco i passatempi per i bambini, ma anche per i loro accompagnatori, se gradiranno mettersi in gioco. Facciamo che eri un Artista? Come fanno gli Artisti a descrivere la gioia o la tristezza,la paura o il coraggio? Prima osserviamo bene le loro opere e poi… facciamo che anche tu eri un Artista? Per dare vita ai personaggi, prova a interpretarne i sentimenti. Potrai farlo con le espressioni del viso, le movenze del corpo e con “oggetti molto speciali” che ti aspettano nel museo. Gioca con l’Arte. Con le filastrocche saprai riconoscere nei dipinti divinità o eroi, storie o leggende, e potrai scoprire tanti piccoli segreti nascosti. Cerca il quadro! Tutti investigatori! L’indagine parte da un dettaglio minuscolo. A quale dipinto appartiene? Aguzzate la vista! Chi sarà il primo a scoprirlo?Si ricorda che la Galleria Nazionale di Cosenza può essere agevolmente raggiunta con la “Circolare dei Musei”; orari e fermate della navetta sono consultabili sul sito http://www.amacospa.it.La Galleria Nazionale di Cosenza, diretta da Domenico Belcastro, è afferente al Polo Museale della Calabria guidato da Angela Acordon. Ingresso gratuito.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quando la musica si mostra: Una nota al museo

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2018

Bologna sabato 12.05.2018 ore 18.30 con live show alle ore 20.00 presso la Sala Eventi del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna Strada Maggiore 34 personale di Francesco Tricarico a cura di Olivia Spatola in collaborazione con Fabbrica EOS Milano. Il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ospiterà per un mese – a partire dal12 maggio – la personale di Francesco Tricarico dal titolo “Quando la musica si mostra. Una nota al museo” curata da Olivia Spatola in collaborazione con la galleria Fabbrica Eos di Milano. La mostra propone di fornire un’esperienza multisensoriale tramite un percorso tematico che guiderà i visitatori attraverso alcune del- le sale del percorso espositivo del Museo. La location del Museo internazionale e biblioteca della musica è stata scelta per la centralità non solo geografica ma anche per il ruolo culturale che riveste: il Museo, che ha sede in un palazzo affrescato del centro storico, espone le prestigiose collezioni di beni musicali della città di Bologna, in un percorso espositivo che si snoda attraverso nove sale a ripercorrere sei secoli di storia della musica europea, con oltre un centinaio di dipinti, più di ottanta strumenti musicali antichi ed un’ampia selezione di documenti storici di grande pregio. L’intento di Quando la musica si mostra. Una nota al museo è quello di far dialogare l’arte con la musica all’interno di uno stesso spazio che è al contempo sia fisico che metaforico: il concetto della musica in quanto segno espresso – scritto, di contenitore di significanti e di significati che suonano anche quando gli strumenti non sono sfiorati dalle dita del musicista. In questo spazio che potremmo definire del ‘silenzio cageano’, in cui lo spettatore ha la sensazione di ascoltare qualcosa anche se tutto tace, le opere di Francesco Tricarico andranno a mostrare in quale modo è possibile controllare e organizzare le nostre percezioni.Le opere scelte sono sette come il numero delle note musicali e le sale del museo in cui il percorso artistico si dispiegherà. Ed è così che le stanze, abbandonando temporaneamente la loro consueta numera- zione, diverranno – attraverso i dipinti dell’artista – la “Stanza del Do”, la “Stanza del Re”, la “Stanza del Mi”; la “Stanza del Fa”, la “Stanza del Sol”, la “Stanza del La” e la “Stanza del Si”. Ma non solo. In questo caso, il segno – ovvero la relazione tra significante e significato – rappresentato dalla denominazione delle stanze, diventerà anche simbolo: vale a dire una realtà altra, che va oltre e da ricomporre; l’espressione dell’inconscio collettivo da cui emergono processi di trasformazione tra ciò che è noto e ciò che non lo è, coinvolgendo lo spettatore. La “Stanza del Do” dunque – in questo gioco fra segno e simbolo – non sarà soltanto la sala in cui Tricari- co omaggerà la prima nota musicale, ma anche del Dominus; la “Stanza del Re” del Regnare; la “Stanza del Mi” del Mi-stero; la “Stanza del Fa” del Fare; la “Stanza del Sol” del Solo; la “Stanza del La” del Lavoro e la “Stanza del Si” del Silenzio, che chiude concretamente e allegoricamente la mostra.
I quadri di Francesco Tricarico sono frutto di una ricerca interiore unita alla necessità di produrre cose dal valore universale, che lo uniscano agli altri nel concetto di bellezza condivisa. Per Tricarico dipingere non è un tentativo di fuga dalla realtà ma un modo di esserci: “è un modo di essere nella realtà interpretandola. Osservandola in altri modi, osservandola su una tela, innesca un un modo diverso di pensare e l’atto creativo rappresenta un momento che altrimenti non si fermerebbe ed invece si ferma. Tutto ciò mi susci- ta stupore”. L’arte di Tricarico è un grande caos ordinato, come afferma l’artista stesso. I soggetti delle sue opere cambiano, non sono mai gli stessi. La sua è una ricerca continua, legata a tutti i sensi, alla vista e soprattutto a ciò che non si vede: Tricarico è affascinato dalle cose che non sono visibili ma che allo stesso tempo possiamo intuire, percepire. I suo quadri sono delle chiavi d’accesso, piccole magie che aprono altre porte: “la tela mi svela qualcosa che prima non c’era, aiuta a farmi capire cose che proba- bilmente ancora non so”.Quando la musica si mostra. Una nota al museo è per Tricarico una grande possibilità di realizzare una storia in un luogo affascinante come il Museo della Musica. “Ogni tela sarà caratterizzata da una nota accompagnata da una parola e da uno strumento. È per me un momento di autocelebrazione”.www.museibologna.it/musica
Ingresso incluso nel biglietto del Museo: € 5.00 intero | € 3.00 ridotto.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Monreale l’inaugurazione del ‘Museo del Mosaico’

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 febbraio 2018

Palermo. Mercoledì 21 febbraio prossimo alle ore 9.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Monreale (PA) avrà luogo l’inaugurazione del Museo dell’Arte del Mosaico (MAM), importante realtà museale, unica in tutto il centro e sud Italia.Un significativo percorso per recuperare i valori della tradizione culturale italiana che hanno visto, nel mosaico, importanti momenti di rappresentazione in tutte le epoche storiche del nostro paese ed in tutti i luoghi, da Pompei alla cattedrale di Monreale.Monreale è oggi “Città del Mosaico”, grazie all’attività incessante del Dirigente e del gruppo docenti del liceo artistico D’Aleo, che hanno sostenuto in questi anni l’importanza che il percorso dell’arte realizza attraverso il mosaico, e per l’azione del Sindaco Piero Capizzi e della Sua Giunta che hanno concesso gli spazi per realizzare questa iniziativa.
Grazie a queste iniziative Monreale è diventata un percorso ideale per la storia del mosaico. Dalla prestigiosa cattedrale alla industriosa scuola artistica, passando attraverso il Museo, il mosaico diventa in questo modo “cosa viva”, che rappresenta l’essere più sincero dell’espressione artistica dei giovani ragazzi.La presenza delle autorità, sia civili che religiose, della associazione dei commercianti e di tutta la cittadinanza rappresenta, in modo forte ed univoco, come questa tradizione mosaicista sia l’essenza di una cultura che, in primis dai giovani, non è mai stata dimenticata. Il Museo ospiterà mostre personali di mosaicisti di fama nazionale e internazionale, presentazione di libri, riviste, cataloghi del settore e verranno realizzati gemellaggi con le scuole del mosaico di Ravenna, Firenze, Spilimbergo (PN), Chartres (FR), seminari, convegni, dibattiti e mostre didattiche.Il museo accoglierà anche il raduno dei mosaicisti associati A.I.M.C., l’Associazione Internazionale mosaicisti Contemporanei, e la prestigiosa Biennale del Mosaico.(Non siamo in grado di pubblicare le foto inviate in quanto sono coperte da copyright)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’artista Teresa Santinelli ospite del Micro Museo di Monza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 gennaio 2018

Teresa SantinelliMonza. L’artista Teresa Santinelli sarà ospite, dal 18 al 31 gennaio 2018, del MiMuMo, il Micro Museo di Monza, piccolo spazio espositivo di 2,29 metri quadrati di superficie aperto 365 giorni all’anno, 24 ore su 24. In mostra la grande tela dal titolo “Pausa”, accompagnata da opere di piccole dimensioni realizzate site-specific, tutte dedicate al tema della poltrona, ricorrente nella sua ultima produzione, e parte di un intero ciclo pittorico denominato “…e adesso siediti”. L’esposizione va ad inserirsi nel fitto programma del MiMuMo, che prevede un susseguirsi di mostre della durata massima di due settimane e che, a partire dal 2014, ha portato a Monza oltre cento tra artisti, designer, architetti e stilisti. Artista di Saronno, Teresa Santinelli nel corso della sua carriera ha realizzato numerose mostre personali e partecipato a collettive e concorsi sia regionali che nazionali, ottenendo consensi di critica, oltre che premi e riconoscimenti. Tra gli ultimi, nel 2016 la targa di merito alla Biennale d’arte contemporanea di Salerno con l’opera “Rosso è il colore”. Nel 2017 ha esposto al centro d’arte Malgnini di Saronno, allo Spazio Donizetti 50 di Monza e alla Galleria Cascina dell’Arte di Busto Arsizio. Alcuni suoi lavori sono in permanenza a Saronno presso il Museo “Giuseppe Gianetti” e nel Piccolo Fondo Artistico del Liceo Legnani. Dal 2010 è tra gli artisti del Museo della Permanente di Milano. Collabora con l’emittente locale Radiorizzonti, conducendo i programmi “Arte e artisti” e “Incontri con l’arte”, in cui presenta mostre, intervista artisti e dialoga con esperti sulle più importanti tematiche della storia dell’arte occidentale.
Il MiMuMo si trova al piano terra della Casa della Luna Rossa, una delle abitazioni più antiche di Monza, nelle vicinanze della centrale piazza Duomo. L’idea del MiMuMo è stata concepita dai due architetti Luca Acquati, proprietario dell’abitazione di via Lambro 1, e Felice Terrabuio, membro fondatore dell’associazione culturale Streetartpiu. Lo scopo è quello di offrire una vetrina a talenti giovani e meno giovani, «catalizzando un campo di forze creative e rigenerando una qualità dello spazio urbano come luogo di meditazione inattesa. L’insorgere di improvvise occasioni di bellezza gratuita. Un contenitore di materia, luce, forma, ossigeno immaginativo. Un campo di azione per interrogarsi sul senso e risvegliare una sensibilità consapevole, un territorio di sfida per gli artisti, per imparare a reggere l’urto delle interpretazioni dei cittadini, perché le trovate apparentemente assurde e le scommesse paradossali dell’arte contemporanea sono autentiche bussole per trovare una via d’uscita dal caos.» (foto: teresa santinelli)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ti presento un museo. Archeologia Pubblico Musei

Posted by fidest press agency su martedì, 12 dicembre 2017

Roma Giovedì 14 Dicembre 2017, ore 15:00 Scuola di Lettere Filosofia e Lingue, Sala Professori Via Ostiense 234 Incontro di studio su musei archeologici di ‘ultima generazione’, presenti nel territorio del Comune di Roma, che mette a confronto le prospettive degli studenti con quelle degli addetti ai lavori al fine di stimolare il dibattito sulle tipologie di rapporto, oggi possibili, tra ricerca scientifica e società.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Museo del Balsamico Tradizionale festeggia con un open day

Posted by fidest press agency su sabato, 25 novembre 2017

botti balsamicoSpilamberto (Modena)domenica 26 novembre è in programma un open day e dalle 10.30 alle 17.30 per tenere viva la tradizione del Balsamico, a costo zero, è partecipare alla festa di compleanno del Museo. L’ingresso al Museo è gratuito. Sarà possibile anche visitare l’Acetaia e partecipare a degustazioni guidate di Balsamico Tradizionale, insieme ai maestri della Consorteria; verrà proposta anche una dolce novità: i cioccolatini al balsamico tradizionale DOP della Pasticceria Turchi di Sestola, realizzati con l’aceto della Consorteria.
E’ un lungo percorso quello del Balsamico Tradizionale e della sua valorizzazione, proprio come i suoi tempi di invecchiamento: il cammino inizia con la nascita della Consorteria nel 1966, seguita da quella del Consorzio Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena; nel 2000 la certificazione DOP e nel 2001 nasce l’Associazione Museo dell’Aceto Balsamico Tradizionale, che il 24 novembre 2002 dà ufficialmente vita al Museo, all’interno della settecentesca Villa Fabriani di Spilamberto.Da 15 anni varcando la soglia di Villa Fabriani si entra in una dimensione temporale particolare, scandita dal trascorrere delle stagioni e legata all’invecchiamento dell’aceto secondo una sapienza plurisecolare. L’allestimento del Museo, molto caldo e scenografico, ricostruisce le diverse fasi di produzione del Balsamico, a partire dal vigneto fino alla storica acetaia della Consorteria, collocata nei solai della Villa che in passato ospitavano l’acetaia della famiglia Fabriani.
Un piccolo museo di provincia dedicato a un prodotto unico al mondo, che ha raggiunto risultati sorprendenti: in questi 15 anni il Balsamico Tradizionale ha richiamato a Spilamberto oltre 120mila visitatori, di cui il 40% stranieri, a cui vanno aggiunte le scuole in visita, le delegazioni straniere e i tour operator nazionali e internazionali. “Il Museo è cresciuto costantemente – spiega Gian Paolo Sala, Presidente dell’Associazione Museo dell’Aceto Balsamico Tradizionale – grazie all’ampliamento degli orari e dell’offerta, ma soprattutto grazie alle tante collaborazioni con le realtà culturali ed enogastronomiche del territorio, come il Museo Casa Artusi di Forlimpopoli, ambasciatore del nostro Balsamico Tradizionale nelle loro trasferte, e gli Ecomusei della Regione Emilia Romagna. Nel 2010, poi, è arrivato il riconoscimento di Museo di Qualità da parte dell’Istituto per i Beni Artistici e Culturali e Naturali dell’Emilia Romagna. Ma rimane ancora tanto da fare per portare la tradizione del Balsamico nel futuro e nel mondo”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I giovedì della Villa: Un nuovo museo a Parigi

Posted by fidest press agency su martedì, 7 novembre 2017

museo parigi1Roma 9 novembre ore 19 Accademia di Francia a Roma – Villa Medici viale Trinità dei Monti, 1 Per I Giovedì della Villa, ideati dalla direttrice Muriel Mayette-Holtz e curati da Cristiano Leone, Martin Bethenod racconterà gli obiettivi del nuovo ambizioso progetto culturale della collezione Pinault per il museo della Bourse de Commerce a Parigi, seguito alle 20.30 dal concerto del celebre clavicembalista francese Pierre Hantaï che eseguirà le Suite di Bach e di Händel. Direttore dal 2010 di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, Martin Bethenod sarà il responsabile del futuro museo della Bourse de Commerce a Parigi. Questa nuova fase della collezione Pinault verrà inaugurata nel 2019 nello storico edificio restaurato dall’architetto Tadao Ando. Il progetto culturale della collezione Pinault si sviluppa, dal 2006, secondo un triplice principio. Innanzitutto una rete di musei permanenti sul territorio di Venezia: Palazzo Grassi cui, dal 2013, è stato integrato un auditorium, Il Teatrino, e Punta della Dogana, tutti e tre concepiti – o riadattati – da Tadao Ando. In secondo luogo un programma di mostre fuori le mura, in collaborazione con diverse istituzioni in Francia e all’estero. Infine, lo sviluppo di iniziative di sostegno alla creazione e di promozione della storia dell’arte, come la residenza artistica di Lens o il premio Pierre Daix. Pierre Hantaï, clavicembalista nato nel 1964, inizia a studiare da museo parigiautodidatta la musica che più lo appassiona per poi proseguire il suo percorso formativo con il clavicembalista americano Arthur Haas. Viene in seguito invitato dal celebre Gustav Leonhardt a seguire un corso di due anni ad Amsterdam. Fin da giovanissimo, si esibisce con alcune delle personalità che più hanno segnato il piccolo mondo della musica antica: i fratelli Kuijken, Gustav Leonhardt, Philippe Herreweghe, Jordi Savall. La sua incisione delle Variazioni Goldberg di Johann Sebastian Bach lo consacrerà definitivamente al grande pubblico. Ha suonato e inciso gran parte del repertorio elisabettiano (Bull, Byrd, Farnaby, Bach, Couperin), e continua a portare avanti un fine lavoro di approfondimento dell’opera di Scarlatti, un compositore al quale ha dedicato numerose incisioni e alla cui divulgazione si dedica costantemente. I suoi dischi, incisi con varie etichette, si sono distinti per i numerosi riconoscimenti, dal Gramophone Award, al Grand Prix du Disque, il Prix de l’Académie Charles Cros, o il Diapason d’Or dell’anno. Alla direzione del suo ensemble orchestrale “Le Concert Français”, Hantaï affianca quella di numerose altre orchestre da camera. (foto: museo parigi)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “1938 La storia” nello 80° anniversario delle Leggi Razziali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 ottobre 2017

shoah-iLunedì 16 ottobre 2017 alle ore 12.00 la Fondazione Museo della Shoah di Roma presenta alla stampa, presso la Casina dei Vallati, Via del Portico d’Ottavia, 29 la mostra “1938 – La storia”, a cura di Marcello Pezzetti e Sara Berger realizzata in occasione dell’80esimo anniversario della promulgazione delle Leggi Razziali in Italia.
Intervengono Mario Venezia – Presidente Fondazione Museo della Shoah Marcello Pezzetti – curatore della mostra Sara Berger – curatore della mostraAttraverso fotografie, manifesti, documenti, giornali, oggetti e filmati, in gran parte inediti verrà ricordato uno dei periodi più bui della storia d’Italia (1938-1943).
La mostra si avvale del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei Beni, dell’Attività Culturali e del Turismo, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, della Regione Lazio, di Roma Capitale, dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, e della Comunità Ebraica di Roma. Organizzazione generale: C.O.R. Creare Organizzare.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Canti Gregoriani tra le antiche vestigia normanne

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 settembre 2017

Museo Statale di MiletoMileto (Vibo Valentia) Museo Statale Sabato 23 settembre 2017, alle ore 19.00, nel suggestivo scenario del cortile del Museo Statale di Mileto, si terrà Canti Gregoriani tra le antiche vestigia normanne, atteso concerto del prestigioso Coro Polifonico “Gregorianum” Mileto.
Nato nell’Ottobre del 1989 il coro si è esibito in concerti di notevole livello artistico e in rassegne regionali e nazionali. Ha dato apporto con la sua presenza a riti sacri tenutesi nella cattedrale di Mileto e in altre chiese della Calabria. Ha, altresì, partecipato alla Solenne celebrazione presieduta da S. Santità Giovanni Paolo II il 18 maggio del 2000 in occasione del suo 80° genetliaco e del grande Giubileo dei Presbiteri del 2000. Il 21 agosto 1994 è stato insignito del premio “Città di Mileto”. Il suo repertorio spazia dal gregoriano alla polifonia antica e moderna e alla musica profana.
Questo, di seguito indicato, il programma che presenterà nel Museo Statale di Mileto, diretto da Faustino Nigrelli.
Faustino NigrelliSALVE MATER:POLIFONIA E GREGORIANO
AVE MARIA: GREGORIANO
AVE MARIA: M° LORENZO PEROSI
BENEDICIAMO IL SIGNORE: M° ANTONINO MAUGERI
SIGNORE DELLE CIME: M° BEPI DE MARZI
U IADDUZZU: P. BERNARDO MODARO
MADONNINA DEL MARE: Elab. M° DIEGO VENTURA
ROCK MY SOUL:NEGRO SPIRITUAL
TE DEUM: M° ENRICO BUONDONNO
CALABRISELLA: Elab. M° DIEGO VENTURA
L’iniziativa è indetta nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, promosse dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.Il Museo Statale di Mileto afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon. (foto: Museo Statale di Mileto, Faustino Nigrelli)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Louvre Abu Dhabi: pronto ad accogliere i visitatori da novembre

Posted by fidest press agency su sabato, 9 settembre 2017

Louvre Abu DhabiAbu Dhabi. il Louvre Abu Dhabi aprirà le porte al pubblico l’11 novembre 2017. È il primo museo del suo genere nel mondo arabo: un’esposizione universale che si concentra su storie umane condivise attraverso civiltà e culture.La cerimonia di apertura includerà un’ampia gamma di programmi e iniziative aperte al pubblico, tra cui simposi, performance, concerti, spettacoli di danza e arti visive di rinomati artisti contemporanei e classici.
Situato ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti (EAU), il Louvre Abu Dhabi è stato progettato come una città-museo (medina araba) sotto una vasta cupola argentata dall’architetto francese Jean Nouvel, vincitore del premio Pritzker. I visitatori potranno passeggiare attraverso le promenade che si affacciano sul mare sotto la cupola che misura 180 metri, composta da quasi 8.000 singole stelle metalliche incastonate in un complesso disegno geometrico. Quando filtrano i raggi del sole creano una “pioggia di luce” (rain of light) in movimento sotto la cupola, che ricorda le foglie degli alberi di palma che si sovrappongono nelle oasi degli Emirati Arabi Uniti.Sarà in mostra una importante raccolta di opere d’arte e reperti del museo, oltre ai prestiti provenienti da selezionati musei francesi. Questi capolavori coprono la totalità dell’esistenza umana: dagli oggetti preistorici alle opere d’arte contemporanee commissionate, evidenziando temi e idee universali e segnando un nuovo inizio rispetto alla museografia tradizionale che spesso separa le esperienze artistiche in base all’’origine. Oltre alle gallerie, il museo offrirà mostre temporanee, un Museo per Bambini, un auditorium, un ristorante, una boutique e una caffetteria.
Abu Dhabi1Sua Eccellenza Mohamed Khalifa Al Mubarak, Presidente di Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi) e Tourism Development & Investment Company (TDIC), ha dichiarato: “Il Louvre Abu Dhabi incarna la nostra convinzione che le nazioni crescano sulla diversità e l’accettazione, con una testimonianza curatoriale che sottolinea come il mondo sia sempre stato interconnesso. Il museo rappresenta l’ultima innovazione in una lunga tradizione di conservazione culturale promossa dai leader fondatori degli Emirati Arabi Uniti.
La storia del Louvre Abu Dhabi inizia nel “Grande Atrio” dove i visitatori vengono introdotti a importanti temi, tra cui maternità e riti funerari. Il dialogo tra opere provenienti da diversi territori geografici, a volte lontani, mette in evidenza somiglianze tra i canoni, nonostante ciascuno abbia una propria modalità di espressione. Le gallerie saranno sia cronologiche che tematiche, e suddivise in 12 capitoli. L’esposizione includerà opere dei primi imperi, incluse le prime rappresentazioni figurative, come la Principessa Battriana, realizzata in Asia Centrale alla fine del III millennio a.C., pratiche funerarie dell’antico Egitto con opere come il complesso di sarcofaghi della principessa Henuttaui e la creazione di nuove economie con la Decadramma di Siracusa, una moneta realizzata dall’artista Eveneto. Una galleria dedicata alle religioni universali mostra testi sacri: un Foglio del “Corano Blu”, una Bibbia Gotica, un Pentateuco e testi del Buddismo e Taoismo. Gli scambi artistici sui percorsi commerciali durante i periodi medievali e moderni vengono messi in evidenza attraverso l’esposizione di un importante numero di opere in ceramica. Tra Asia e Mediterraneo e poi tra Europa e America, i visitatori apprezzeranno come l’orizzonte del mondo si sia ampliato gradualmente. Un gruppo di pannelli provenienti da Nanban in Giappone dimostra il dialogo tra Estremo Oriente e Europa. Dall’immagine del Principe in tutto il mondo, illustrata da un importante Turban Helmet ottomano fino a una visione più intima di una nuova arte del vivere, il museo espone un’eccezionale cassettiera in lacca rossa cinese creata da Bernard II Van Risenburgh (BVRB, 1696-1766), realizzata in Francia. In una sezione sulla Modernità, si trova la Zingara di Edouard Manet (1832-1883), Lotta tra bambini di Paul Gauguin (1848-1903), e Composizione con Blu, Rosso, Giallo e Nero di Piet Mondrian (1872-1944). L’esposizione comprenderà un’installazione monumentale dell’artista Ai Weiwei (1957) e il suo interrogativo della globalizzazione.
abudhabi1Installate nelle aree esterne del museo, le prime opere del Louvre Abu Dhabi realizzate da rinomati artisti contemporanei, interagiscono con lo spirito del museo e il tessuto dell’architettura. L’artista americana Jenny Holzer (1950) ha creato tre pareti in pietra incise denominate For Louvre Abu Dhabi (2017). Queste citano importanti testi storici, dal Muqaddimah di Ibn Khaldun, il testo bilingue (sccadico-sumero) di una Tavoletta del Mito della Creazione della Mesopotamia, fino all’edizione annotata del 1588 degli Les Essais di Michel de Montaigne.
L’artista italiano Giuseppe Penone (1947) ha realizzato diverse opere specificamente per il Louvre Abu Dhabi. Leaves of Light (2017) è un vasto albero di bronzo con specchi disposti sui rami che riflettono la “pioggia della luce” (rain of light). Propagation è un muro di piastrelle in porcellana che raffigurano cerchi concentrici disegnati a mano, provenienti dall’impronta digitale di Sheikh Zayed, il padre fondatore dell’EAU. L’opera è stata realizzata in collaborazione con i laboratori di Sèvres – Cité de la céramique in Francia.
Basato su un progetto scientifico e culturale innovativo che combina l’esperienza di 13 musei e istituzioni francesi guidati dall’Agence France-Muséums, il Louvre Abu Dhabi offrirà ai visitatori sicuramente un’esperienza unica: un nuovo viaggio attraverso le maggiori opere d’arte di diverse civiltà, che rispecchiano la nostra comune umanità. Il Louvre Abu Dhabi perciò porta un messaggio di tolleranza e di pace e ribadisce l’impegno costante dei nostri due Paesi nel promuovere la cultura e l’istruzione come uno scudo contro l’estremismo.
La settimana di inaugurazione sarà inoltre caratterizzata da due eventi prestigiosi programmati nell’ambito del French-Emirati Cultural Programme, iniziato oltre un anno fa dai nostri due Paesi e supportato dal momentum creativo generato dal Louvre Abu Dhabi.
Nelle gallerie saranno presentate importanti opere d’arte in prestito da 13 musei principali francesi. Tra le più celebri, La Belle Ferronnière di Leonardo da Vinci (1452-1519), (in prestito dal Musée du Louvre); l’Autoritratto di Vincent van Gogh (1853-1890) (Musée d’Orsay et de l’Orangerie); una rara saliera d’avorio dal Regno del Benin (Musée du Quai Branly – Jacques Chirac); un Globo di Vincenzo Abu DhabiCoronelli (1650-1718) della Bibliothèque Nationale de France; una coppia di recipienti (Musée National des Arts Asiatiques Guimet); Napoleone che attraversa le Alpi di Jacques-Louis David (1748-1825) (Château de Versailles); Jean d’Aire del gruppo Burghers of Calais di Auguste Rodin (1840-1917) (Musée Rodin); una cassa reliquiaria del XIII secolo (Musée de Cluny – Musée national du Moyen Âge); una caraffa cinese con forma persiana (Musée des Arts Décoratifs); la Corazza di Marmesse (Musée d’archéologie nationale – Saint Germain en Laye); la statua di Apollo del Belvedere di Primaticcio (1504-1570) dal Château de Fontainebleau; e la Donna in Piedi II di Giacometti (1901-1966) dal Centre Pompidou.
Il prezzo dei biglietti di ingresso per il museo sarà di 60 AED (circa 14 euro) per l’ammissione generale e 30 AED (circa 7 euro) per la fascia d’età compresa tra i 13 e i 22 anni, e anche per i professionisti dell’educazione negli Emirati Arabi Uniti. L’ingresso gratuito sarà previsto per gli iscritti al programma di fedeltà del museo, i bambini di età inferiore ai 13 anni, i membri ICOM o ICOMOS, i giornalisti e i visitatori con esigenze particolari nonché i loro accompagnatori. (foto: Louvre Abu Dhabi)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinecittà: “Grazie a iniziativa Mibac, sorgerà il museo della cinematografia italiana”

Posted by fidest press agency su sabato, 9 settembre 2017

cinecitta“La cinematografia italiana ha fatto la storia della settima arte e in occasione degli 8° anni di Cinecittà dal Mibac è arrivata una notizia da tempo attesa da tutti i cinefili italiani e non solo : negli studios della capitale sorgerà il grande museo del cinema italiano. Un luogo che ospiterà anche i materiali dell’Istituto Luce e delle Teche Rai. Finalmente la rappresentazione della nostra grande storia cinematografica avrà un luogo ad essa dedicata, un luogo simbolo, quello dove è nata. Grazie quindi all’iniziativa del ministero alle attività culturali il luogo che a legato Roma al cinema che tornerà in mano pubblica. Con la nuova valorizzazione degli ‘studios’, telecittà tornerà a nuova vita e sarà punto di riferimento nazionale e internazionale di autori e giovani talenti dell’arte cinematografica”.
Così in una nota i consiglieri del Pd capitolino Ilaria Piccolo e Marco Palumbo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mileto (Vibo Valentia) 11 agosto/2 settembre 2017: Museo Statale

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 agosto 2017

Angela AcordonMileto (Vibo Valentia) dall’undici agosto al 2 settembre 2017 ospiterà alcune iniziative di notevole impatto per la gloriosa capitale normanna. Segue il programma disposto dal direttore del museo Faustino Nigrelli.
Venerdì 11 agosto 2017: in occasione della suggestiva e attesa manifestazione La notte dei Giganti il museo rimarrà appositamente aperto dalle ore 19.30 alle ore 22.30 con visite guidate;
Sabato 12 agosto 2017: la gara podistica internazionale La Normanna avrà il supporto del museo con l’apertura serale dalle ore 19.30 alle ore 22.30 e relative visite guidate.
Domenica 13 agosto 2017: Aspettando le Stelle alla corte di Ruggero – Un viaggio tra le stelle – A cura del FAI Giovani – FAI Delegazione di Vibo Valentia – Iniziativa collaterale con il Parco Archeologico di Mileto che la ospiterà. Il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00
Museo Statale di MiletoLunedì 14 agosto 2017: il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00;
Martedì 15 agosto 2017: il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00;
Venerdì 18 agosto 2017: Inaugurazione mostra dell’artista locale Mimmo Corrado che resterà aperta al pubblico dal 18 agosto al 2 settembre 2017. La presentazione è prevista alle ore 16.30
venerdì 25 agosto 2017: presentazione del restauro dell’Elmo di san Fortunato. Successivamente la sacra effige sarà consegnata temporaneamente alla cattedrale per le celebrazioni che si terranno domenica 27 agosto per i festeggiamenti dedicati a San Fortunato Martire. Il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00
Sabato 26 agosto 2017: Festa dei popoli – A cura dell’Ufficio Migrazioni della Diocesi di Mileto – Nicotera – Tropea e dall’Associazione Cooperazione Sud per l’Europa. In concomitanza all’evento il museo rimarrà aperto anche dalle ore 19.30 alle ore 22.30
2 settembre 2017: Il Cardinale Cláudio Hummes, in visita alla città di Mileto, farà tappa al museo che rimarrà aperto al pubblico fino alle ore 22.30.
Il Museo Statale di Mileto afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon. (foto: Angela Acordon, Museo Statale di Mileto)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Autoritratti al museo

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 luglio 2017

autoritrattiAosta Hôtel des Etats fino al 24 settembre. La mostra è aperta con ingresso gratuito fino al 24 settembre, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 (chiusa il lunedì). Il catalogo, edito dalla Tipografia Duc, costa 10 euro. «Chi guarda fa il quadro» diceva il pittore e scultore Marcel Duchamp e proprio questa affermazione sembra animare il progetto AUTORITRATTI AL MUSEO dell’artista torinese Miriam Colognesi, mostra allestita all’Hôtel des Etats ad Aosta e visitabile fino al 24 settembre.L’esposizione, a cura di Daria Jorioz, documenta la relazione che si instaura fra le opere d’arte e chi ne fruisce, suggerendo una riflessione sul tema del ritratto e dell’autoritratto nell’arte contemporanea e facilmente applicabile all’oggi, fatto del costante flusso di immagini e di selfie che riempie le nostre vite su internet e non solo.
In mostra è presentata una selezione di 30 fotografie che Miriam Colognesi ha realizzato durante alcuni workshop fotograficiall’interno di importanti spazi museali: il Museo Archeologico Regionale di Aosta, nel corso della mostra dedicata a Enrico Baj, la Pinacoteca del Castello Gamba di Châtillon, la Galleria Sabauda, la GAM e il Museo dell’Automobile di Torino, il Castello di Rivoli, la Galleria Sabauda, la Galleria d’Arte Moderna e il Museo dell’Automobile di Torino.Qui la fotografa ha chiesto proprio ai visitatori di scegliere un’opera d’arte e di interpretarla liberamente riuscendo così a trasformare, per il suo tramite, il ritratto in un autoritratto.«Le fotografie realizzate da Miriam Colognesi compongono una sorta di autoritratto di gruppo – scrive Daria Jorioz nel catalogo -, la cui efficacia espressiva e narrativa si basa sulla capacità dell’artista di far esprimere il visitatore, di indurlo a dichiarare il proprio amore o la propria curiosità per un dipinto, di farlo giocare con le immagini e i contenuti delle opere d’arte».Miriam Colognesi è laureata in Pittura all’Accademia Albertina di Torino. Vive in Valle d’Aosta e il suo percorso artistico è orientato sulle possibilità offerte dal mezzo fotografico, con particolare riguardo all’autoritratto. Ha esposto in personali e collettive in Italia e all’estero. Alcune sue opere si trovano al Museo dell’autoritratto fotografico di Senigallia. (foto. autoritratti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ai Musei di Villa Torlonia con Aspettando Don Giovanni

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 giugno 2017

villa torloniaRoma. Dopo l’ottimo esordio della prima apertura straordinaria serale, i Musei di Villa Torlonia tornano ad animarsi sabato 10 giugno con un evento speciale dedicato alla musica operistica realizzato in collaborazione con la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma. Il biglietto del costo simbolico di un euro consentirà di visitare dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23) i Musei della Villa e di ammirare le meraviglie presenti al loro interno sulle note di Aspettando Don Giovanni, il programma musicale della serata completamente dedicato al capolavoro di Wolfgang Amadeus Mozart.I talenti di Fabbrica, lo Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma, dedicato alla formazione professionale dei giovani artisti, presenterà per l’occasione un’anteprima musicale dello spettacolo Don Giovanni OperaCamion che, come “Figaro!” l’anno scorso, girerà le piazze di Roma e provincia con una scanzonata rilettura dei classici operistici. Con l’accompagnamento musicale di Edina Bak al pianoforte, interpretando le arie più famose dell’opera, andranno in scena nei ruoli principali del Don Giovanni Maharram Huseynli (Don Giovanni), Carlo Feola (Leporello), Federico Cavarzan (Masetto e Commendatore), Murat Can Güvem (Don Ottavio), Veronica Marini (Donna Anna) Silvia Lee (Donna Elvira) e Reut Ventorero (Zerlina). I visitatori potranno percorrere per l’occasione le vie della Villa e seguire, secondo il programma della serata, un percorso musicale articolato in appuntamenti e location differenti.
Le iniziative sono promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura. La programmazione è frutto della collaborazione con importanti istituzioni culturali cittadine quali: Casa del Jazz, Fondazione Musica per Roma, Teatro di Roma, Fondazione Teatro dell’Opera e con le Orchestre dell’Università Roma Tre e di Sapienza Università di Roma.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Domenica 4 giugno gratis al museo

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

campidoglioRoma Anche domenica 4 giugno 2017, come tutte le prime domeniche del mese, torna l’ingresso gratuito nei Musei Civici della città per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana con molte iniziative per bambini e adulti e una grande varietà di mostre da visitare.Inoltre, come prima domenica del mese, il percorso di visita nell’area dei Fori Imperiali sarà aperto al pubblico gratuitamente dalle ore 8.30 alle 19.15, con l’ultimo ingresso alle 18.15. L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva che permette di accedere al Foro Romano, mediante la passerella realizzata presso la Curia dalla Soprintendenza di Stato.Iniziative ideate e promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Servizi museali Zètema Progetto Cultura.
Ai Musei Capitolini è in corso la mostra Pintoricchio pittore dei Borgia. Il mistero svelato di Giulia Farnese in cui è esposta per la prima volta la Madonna del Pintoricchio, ritenuta dal Vasari il ritratto di Giulia Farnese, amante di papa Alessandro VI Borgia, accanto al più noto Bambin Gesù delle mani. Presso le Sale Terrene del Palazzo dei Conservatori, La bellezza ritrovata. Arte negata e riconquistata in mostra.
Ai Mercati di Traiano I Fori dopo i Fori, che illustra le vicende dell’area archeologica dei Fori Imperiali attraverso i rinvenimenti degli scavi degli ultimi 25 anni.
Al Museo di Roma in Palazzo Braschi I pittori del ’900 e le carte da gioco. La collezione di Paola Masino.
Al Museo di Roma in Trastevere le immagini potenti che rivelano una grande fotografa: Vivian Maier. Una fotografa ritrovata, 120 scatti in bianco e nero realizzati tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni Settanta, oltre ad alcuni filmati in super 8. Al primo piano, le foto dell’urbanista, storico, autore di “Roma moderna”, Italo Insolera: il bianco e nero delle città, Immagini 1951-84 e La terra come patrimonio comune – 40 anni d’impegno 1977/2017 con fotografie che documentano gli eventi legati al recupero e messa a cultura di terreni pubblici e privati abbandonati. Dall’occupazione delle terre degli anni ’40 del Novecento fino ad arrivare alle cooperative agricole e sociali dei nostri giorni.
Al Museo Napoleonico Minute visioni. Micromosaici romani del XVIII e del XIX secolo dalla collezione Ars Antiqua Savelli, una delle più importanti in ambito internazionale dedicate a questo peculiare genere artistico, frutto di oltre quarant’anni di acquisizioni e ricerche.
Alla Centrale Montemartini da ammirare, oltre alla magnifica collezione permanente, il treno di Pio IX realizzato nel 1858 dalle società ferroviarie “Pio Centrale” e “Pio Latina”, che lo hanno commissionato ad aziende francesi per farne dono al pontefice.
Al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco All’ombra delle piramidi. La mastaba del dignitario Nefer, il preziosissimo rilievo funerario del dignitario Nefer, databile al regno del faraone Cheope: una ricostruzione 1:1 della struttura della cappella funeraria e una ricchissima documentazione grafica, fotografica e multimediale per descriverne lo spazio interno.
Al Museo Civico di Zoologia Litoralis – dalla terra al mare mentre al vicino Museo Carlo Bilotti InMateriale. Lucilla Catania e BIMBA LANDMANN Cultura visiva e immaginario fantastico: illustratrice di libri per l’infanzia, l’artista, attraverso immagini di grande fascino, mira a coinvolgere un pubblico molto vasto, con un’attenzione particolare ai più piccoli.
Sempre all’interno di Villa Borghese, al Museo Pietro Canonica, Benjamin Hirte – Chadwick Rantanen, un progetto ispirato al contesto storico e culturale del Museo.
Al Casino dei Principi di Villa Torlonia Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni e nella vicina Casina delle Civette due mostre: Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli, mostra personale di Walter Guidobaldi in arte Wal, uno dei più originali esponenti della pattuglia dei Nuovi-nuovi organizzata nel 1980 da Renato Barilli. E La Vetrata Artistica. Luce e Colore: in mostra i lavori realizzati dagli allievi del corso di Vetrate Artistiche della Scuola d’Arte e dei Mestieri “Ettore Rolli” del Comune di Roma.Alla Galleria d’Arte Moderna Stanze d’artista. Capolavori del ’900 italianoSironi, Martini, Ferrazzi, De Chirico, Savinio, Carrà, Soffici, Rosai, Campigli, Marini, Pirandello e Scipione.
Molte possibilità, come sempre, al MACRO di via Nizza: OTROS SONIDOS, OTROS PAISAJES; Gea Casolaro – Con lo sguardo dell’altro; I Think Art is… Briciole D’Arte – Un video di Lara Nicoli e Carlo Carfagni; CROSS THE STREETS.
Al MACRO La Pelanda MACROMANARA – Tutto ricominciò con un’estate romana;
Al MACRO Testaccio Pietro Fortuna – S.I.L.O.S; Alfredo Pirri – i pesci non portano fucili.
Non rientrano nelle gratuità: Spartaco. Schiavi e padroni a Roma, un’interessante mostra al Museo dell’Ara Pacis che indaga la realtà della schiavitù nella vita quotidiana e nell’economia della Roma imperiale. Le attività del Planetario Gonfiabile presso Technotown.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Museo delle Tradizioni festeggia un anno di attività con un annullo speciale di Poste italiane

Posted by fidest press agency su domenica, 14 maggio 2017

museo arnesiModica (RG). Il Museo delle Tradizioni “Gli arnesi di una volta” (Piazza Matteotti, ex Convento dei Carmelitani) spegne una candelina e festeggia il suo primo anno di attività. Per celebrare l’anniversario, il più giovane museo modicano organizza “Notti & Journu”, sabato 20 maggio nell’ex Convento dei Carmelitani, in concomitanza con la Festa del Musei 2017.L’evento è organizzato in collaborazione con Poste Italiane, che per l’occasione proporrà un annullo filatelico speciale. Partner dell’iniziativa sono il locale Circolo didattico “Giacomo Albo”, il Bonsai Club “Contea di Modica” e il Movimento Azzurro Ecosezione di Cava Ispica.Tante le sorprese e le iniziative in programma. Si comincia alle ore 9,00 con i saluti di benvenuto da parte di Carmelo Muriana presidente dell’Associazione culturale Rumori di Storia che gestisce il Museo, e del direttore artistico Franco Vanella. Dalle ore 9,10 fino alle 14,45 nello stand di Poste Italiane si potranno acquistare l’annullo filatelico speciale e le cartoline commemorative dell’evento, realizzate appositamente per il 1° anniversario.L’annullo filatelico, che farà la gioia di collezionisti e appassionati, raffigura l’emblema del Museo e resterà in circolazione per due mesi. Le cartoline, realizzate da Poste Italiane Filatelia, sono disponibili in due versioni: la prima con gli antichi arnesi del fabbro, l’altra con un collage di immagini raffiguranti alcuni caratteristici ambienti del Museo.Alle ore 9,15, alla presenza del sindaco Ignazio Abbate, dell’assessore alla Cultura Orazio Di Giacomo e del dirigente scolastico Fernanda Grana, sarà inaugurata la mostra “Mani che tramano”, allestita nelle scuderie del Convento (visite fino alle ore 22).
La mostra espone gli elaborati realizzati dagli alunni, dai genitori e dai docenti nell’ambito del concorso grafico-fotografico “Gli arnesi di una volta”, bandito dal Circolo didattico “Albo”, per «conoscere, capire, valorizzare gli antichi mestieri» e riscoprire l’identità culturale». Nel corso della mattinata è prevista la premiazione dei migliori elaborati da parte della giuria composta da rappresentanti del mondo della scuola, dell’amministrazione comunale e delle associazioni che partecipano all’iniziativa.
Nell’atrio dell’ex Convento dei Carmelitani saranno presenti gli stand del Movimento Azzurro e del Bonsai Club. Il Museo resterà aperte per l’intera giornata fino alle ore 22. (foto: museo arnesi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Verso la riapertura del museo della civiltà romana

Posted by fidest press agency su sabato, 29 aprile 2017

“Dopo tre anni di chiusura al pubblico, ripartiranno i lavori finalizzati alla riapertura del Museo della Civiltà Romana e del Planetario. Con votazione unanime, l’Assemblea Capitolina ha approvato l’atto di stanziamento di ulteriori fondi necessari per l’indizione di un appalto relativo alla messa in sicurezza del Museo. I lavori partiranno a maggio e si iscrivono in un più ampio progetto di riapertura di un polo Museale capace di registrare, solamente nel 2013, l’ingresso di circa 114.000 visitatori, pari a circa 10% dell’intera bigliettazione capitolina. Al fine di garantire la completa messa in sicurezza dei plastici e dei calchi della Roma storica dal rischio infiltrazioni, abbiamo chiesto di impegnare nuovi fondi derivanti anche dal ribasso d’asta per procedere con un nuovo appalto. Il Museo della Civiltà Romana assolve un’importante funzione didattica e pedagogica non solo nei confronti dei turisti, ma anche dei cittadini romani e delle future generazioni locali. In tal senso, abbiamo accolto con piacere la legittima richiesta della cittadinanza di prestare attenzione al recupero di un polo culturale così importante e unico nel suo genere, attraverso una prima tranche di lavori propedeutici alla riapertura dello stesso. Un tale patrimonio non può e, soprattutto, non deve essere precluso al grande pubblico”. Lo ha dichiarato in una nota stampa il presidente della commissione capitolina Cultura, Politiche giovanili e Lavoro, Eleonora Guadagno.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tre arazzi per il futuro museo

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 aprile 2017

arazzoFirenze Sala Bianca, Palazzo Pitti, fino al 21 maggio 2017. Creazioni della manifattura medicea, di quella fiamminga di Bruxelles e di quella francese dei Gobelins, i tre arazzi esposti in mostra in Sala Bianca sono stati così selezionati in rappresentanza dei tre nuclei portanti della collezione fiorentina di arazzi appartenente alle Gallerie degli Uffizi, che conta novecentocinquanta esemplari.
In attesa dell’apertura del museo dedicato a questa collezione, la mostra costituisce un richiamo a un articolato e ampio patrimonio di opere che sapeva unire alla monumentalità decorativa il pregio di una tecnica tanto preziosa quanto fragile.
Motivi conservativi ne impongono quindi una esposizione per singoli pezzi o piccoli nuclei e per periodi limitati, corrispondendo a una buona pratica d’uso storico che prevedeva il dispiegamento degli arazzi per stagioni circoscritte e specifiche occasioni, alternato al loro ricovero negli spazi destinati a magazzino dalla Guardaroba Granducale.
Questo è ciò che accade ancora oggi e nella fase apparentemente silente e di assenza le opere sono in realtà oggetto di monitoraggio, manutenzione programmata a rotazione e restauro, operazione complesse e impegnative, anche da un punto di vista economico, effettuate con la collaborazione di maestranze specializzate per competenza e attrezzature. Se i ‘panni’ conservati in depositi confinati e protetti rappresentano la maggior parte della collezione, nel tempo una minima percentuale di questa è confluita in allestimenti permanenti in alcuni ambienti di Palazzo Pitti che tuttavia, per le ragioni descritte, sono oscurati per quasi tutto l’anno. È questo il caso dell’Appartamento degli Arazzi, adiacente alla Sala Bianca, che nel mese di maggio sarà parzialmente aperto, in via straordinaria, al pubblico. (foto: arazzo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »