Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘musica’

Suono ricco. Musica e mercato del lusso

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 settembre 2022

Investire in strumenti rari di John Axelrod, Edizioni Curci, è una panoramica aggiornata sull’affascinante mondo degli strumenti ad arco rari: per gli investitori una fonte di ricchezza, prima ancora che finanziaria, genuinamente musicale.Il suono dei violini Stradivari è immortale e il loro valore (quasi) inestimabile. Ma è possibile comprare l’immortalità? L’attenzione degli investitori verso gli strumenti ad arco rari sta aumentando in maniera esponenziale e per una ragione ben precisa: il loro valore è costantemente in crescita e gli apprezzamenti a lungo termine sono eccezionali. Che sia per filantropia o per collezionismo, per diversificare il portafoglio o per imprimere il proprio nome nella storia gloriosa di un violino pregiato, l’acquisto di uno strumento raro richiede sempre un peculiare impegno di ricerca.Con uno stile ironico e brillante, John Axelrod alterna aneddoti a riflessioni e riporta i suggerimenti dei principali esperti del settore: Florian Leonhard, liutaio e collezionista, Jason Price, fondatore della casa d’aste Tarisio, Ziv Arazi e Bruno Price, di Rare Violins e In Consortium, Jonathan Moulds, collezionista e investitore, Frank Almond, primo violino della Milwakee Symphony Orchestra, Simon Morris, condirettore della casa d’aste J&A Beare, Christopher Marinello, CEO di Art Recovery International, Virginia Villa, direttore generale del Museo del violino di Cremona, Suzanne Fushi, presidente della Stradivari Society di Chicago, Eduard Wulfson, collezionista e didatta, Nigel Brown, fondatore dello Stradivari Trust e Tamio Kano, direttore generale della Nippon Music Foundation.A incidere sul valore economico di questi pezzi d’alto artigianato sono innanzitutto la provenienza, che deve essere verificata e documentata con cura, e lo stato di conservazione. Ma anche la scelta, sempre più frequente, di mettere questi strumenti in mano a interpreti di prestigio, capace di ridare loro vita e di valorizzarne lo straordinario potenziale espressivo. A riprova del fatto che i prodotti della grande liuteria hanno un valore artistico e culturale che oltrepassa quello puramente economico.Scrive John Axelrod nel libro: «Quali che siano le motivazioni, tutti coloro che pagano per uno Stradivari o per qualunque altro strumento raro (o che lo rubano o lo riproducono) hanno in comune una cosa molto importante: stanno investendo sull’immortalità. Non inseguono la fantasia futuristica della criogenesi né aspirano ad avere in casa propria un pezzo d’arte per l’eternità; quello che fanno è identificarsi con l’immortale. Anche se pubblicamente dichiarano di essere soltanto dei custodi, in cuor loro sono pienamente consapevoli che un investimento del genere può incidere in maniera imperitura il loro nome sui libri della storia culturale».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sotto l’Angelo di Castello danza, musica, spettacolo

Posted by fidest press agency su domenica, 11 settembre 2022

Roma 15 settembre ore 21:00 Cortile Alessandro VI Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo Lungotevere Castello, 50 nell’ambito della rassegna “sotto l’Angelo di Castello: danza, musica, spettacolo”, lo spettacolo TRADIMENTI di Harold Pinter, traduzione Alessandra Serra, regia di Michele Sinisi, con Stefano Braschi, Stefania Medri e Michele Sinisi. Tradimenti è la messa in scena dell’omonima opera che il Premio Nobel per la Letteratura Harold Pinter presentò per la prima volta al pubblico londinese nel 1978. La storia è quella di una relazione extraconiugale ripercorsa però a ritroso, dalla sua fine fino ai suoi esordi. Tutto inizia due anni dopo la fine del rapporto e termina prima che esso abbia inizio. Ma, oltre ai due amanti c’è anche il marito di lei, nonché migliore amico di lui. Insomma, un triangolo a tutti gli effetti, dalla trama apparentemente semplice e lineare. Se non fosse che il susseguirsi dei fatti lascia piano piano spazio alla complessità d’animo dei tre personaggi, accomunati da un segreto a volte difficile da portare. Il testo di Pinter rivive sulla scena in un allestimento sanguigno e asciutto – a tratti violento – dove le parole non dette, i pensieri taciuti, le azioni nascoste riempiono le vite dei tre protagonisti, invadono gli spazi, irrompono con forza minando tutte le loro relazioni. Ed è proprio nella tensione data dai silenzi, da ciò che si poteva dire e che invece è stato taciuto, il nucleo centrale della pièce. Michele Sinisi si addentra nell’esplorazione dell’invisibile lavorando con gli attori sulle diverse umanità di Jerry, Robert ed Emma per restituire ai pubblici personaggi vivi, carnali, potenti. Stefano Braschi, Stefania Medri e lo stesso Michele Sinisi – in scena nei panni del marito tradito Robert – si muovono su una scena dominata da un imponente tabellone, costruito dallo scenografo Federico Biancalani sulla falsa riga degli orologi a lettere luminose: strumenti forse più affini ad una percezione umana del tempo, fatta di intervalli imperfetti, mai precisi. Le didascalie spazio/temporali presenti nel dramma si accendono dunque periodicamente per scandire i diversi momenti dello spettacolo dando un ritmo serrato alla pièce, in un viaggio al contrario verso l’origine del tradimento, ripercorso al ritmo del rock anno ’80. È possibile acquistare i biglietti sia online al sito http://www.gebart.it/musei/museo-nazionale-di-castel-santangelo, che tramite call center Ticketone allo 06/32810 o direttamente al botteghino del Museo Intero € 12 Ridotto € 2 per i cittadini europei tra i 18 ed i 25 anni

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Occasione straordinaria per gli appassionati di musica Urban

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2022

Milano al SAE Institute in via Trentacoste 14 martedì 6 settembre 2022 Dalle 19:00 alle 20:30. Occasione straordinaria per gli appassionati di musica Urban e delle tecniche di mixing e mastering audio in campo musicale. Patrick “Wave” Carinci, mixing e mastering engineer trentenne di fama internazionale, che ha forgiato le produzioni di alcuni tra i più celebri artisti come Gue Pequeno, Vegas Jones, Emis Killa e tanti altri, sarà a disposizione dei giovani appassionati nel Campus dell’Accademia. Patrick parlerà del suo sviluppo professionale, a partire dagli studi al SAE Institute, dove aveva frequentato il corso di Audio Production tra il 2013 e il 2016, e presenterà alcune delle tecniche di mix da lui utilizzate, come i segreti dell’Auto-Tune, il software creato della Antares Audio Technologies per la manipolazione audio o per creare particolari effetti di distorsione della voce. Analizzerà alcune sessioni di lavoro di importantissimi brani come Shakerando di Rhove, Capri Sun di Capo Plaza e molti altri, e così si scopriranno nel dettaglio le tecniche utilizzate da Patrick per il suo sofisticato lavoro tecnico di mix e mastering. Si affronteranno anche le caratteristiche principali per una buona produzione e gli aspetti non tecnici del lavoro in studio, come il rapporto con i cantanti. Seguirà una discussione con il pubblico. Patrick, nato a Locarno nel 1992 e ancora residente in Svizzera dove ha fondato lo Wave Shuttle Studio a Sementina, un quartiere di Bellinzona nel Cantone Ticino. Ha iniziato il suo percorso professionale nel 2014 dopo studi in Biologia e Biomedicina e Bachelor of Arts in Audio Production conseguito al SAE.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Musica&” Cortina 2022

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Cortina d’Ampezzo (BL) Grand Hotel Savoia, 11-24 agosto 2022 Forte della presenza di un pianista come Roberto Prosseda e della complicità tra lui e Mattia Rondelli, direttore d’orchestra e direttore artistico della rassegna, “Musica&” è un salotto in cui il pubblico è vicino agli artisti così da poter anche interloquire con loro, e gli artisti non sono visti dall’alto di un palcoscenico, ma devono essere compresi in un discorso, in temi e ospiti che, per frequentazione e visibilità, sono più che familiari al pubblico. Da pochissimo online il sito proprio della rassegna http://www.musicaet.comIl percorso degli incontri di agosto di “Musica&” inizia giovedì 11 agosto nella Sala Dolomia del Grand Hotel Savoia con un viaggio nella storia di compositori ed artisti che, avendo accesso ai Palazzi del potere, si sono rivelati anche uomini di diplomazia, fino all’esperienza contemporanea di Paesi che comunicano, scambiano informazioni e missive attraverso l’arte della diplomazia e la polvere dei palcoscenici. Proseguirà poi il 17 agosto affrontando il tema della Memoria: lo scopo sarà senz’altro il racconto, ma a cominciare dalla musica i frutti di quel racconto dovranno emergere e indicare i presupposti attuali e condivisi di una prospettiva di vita migliore. L’incontro finale, il 24 agosto, vedrà l’intreccio di due o più arti che, come ormai accertato dalle neuro scienze, interagiscono con il benessere: se arte è conoscenza, musica e vino sono indubbiamente arti che sublimano la bellezza fino al piacere.Il programma comprende tre incontri in cui si dialogherà su “musica&diplomazia”, “musica&memoria”, “musica&vino” con illustri ospiti presenti, tra i quali l’Ambasciatore italiano a San Salvador, S. E. Edoardo Pucci, Pier Francesco Zago Ambasciatore italiano in Ucraina, Antonia Arslan, scrittrice italo armena, la violinista Sonig Tchakerian, Alessia Antinori, Gelasio Gaetani Lovatelli D’Aragona e il baritono Simone Piazzola. Gli eventi vedranno confrontarsi ambasciatori e diplomatici, scrittrici e musiciste, imprenditori e cantanti. Nel corso degli incontri il Maestro Roberto Prosseda, seduto al pianoforte, interloquirà con l’esecuzione di grandi pagine musicali eseguite ad hoc per arricchire e stimolare ulteriormente il dibattito. Gli ospiti che interverranno, oltre ad essere eminenti protagonisti dei temi che vengono a rappresentare, hanno tutti accolto il particolare obiettivo della rassegna che, con semplicità di forma ma intransigenza sui contenuti, si offre come un singolare format da scoprire e condividere.Ad inaugurare “Musica&” giovedì 11 agosto alle 18 sarà l’incontro “Musica&Diplomazia” che vedrà l’Ambasciatore italiano a San Salvador S. E. Edoardo Pucci insieme a Pier Francesco Zago Ambasciatore italiano in Ucraina, dialogare sull’arte della diplomazia e la “polvere dei palcoscenici” con il pianista Roberto Prosseda.Mercoledì 17 agosto alle 18 per “Musica&Memoria”, nel centenario del grande incendio di Smirne, saranno protagonisti Antonia Arslan, scrittrice italo armena, autrice del best seller La masseria delle Allodole, Sonia Guetta Finzi, presidente della Società dei Concerti di Venezia, Maya Oganyan, pianista quindicenne enfant prodige di origini armene, allieva di Prosseda e vincitrice del Premio Giol di Venezia e la violinista di fama internazionale Sonig Tchakerian.Mercoledì 24 agosto, sempre alle 18, l’incontro intitolato “Musica&Vino” ospiterà Alessia Antinori con Gelasio Gaetani Lovatelli D’Aragona e il baritono Simone Piazzola. In occasione del dibattito, il M° Prosseda eseguirà alcune pagine musicali con riferimenti al tema del vino, in un brillante intreccio di rimandi ed esperienze.Musica& sarà anche Partner di un’iniziativa privata con la Galleria Farsetti.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Francesco Palazzolo il 4 agosto al Giardino della musica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 agosto 2022

Palermo 4 agosto alle 19 al “Giardino della musica”, la prima rassegna estiva in un’area residenziale di Palermo, nel giardino esterno del Coast to Coast Ausonia in via Ausonia 56. Il musicista che allieterà l’ora del tramonto suonando alla chitarra brani da Pino Daniele agli Abba, passando per la samba e BB King. I concerti continueranno anche nel resto della settimana. Domenica 7 agosto, rigorosamente alle 19, a grande richiesta torna Francesco Vannini. Il cantautore palermitano porterà il suo show chitarra e voce “Il giro del pop”, che il cantautore definisce «un concerto che percorre in maniera randomica la storia del pop italiano ed internazionale, andando a pescare classici senza tempo, perle dimenticate, tormentoni e meteore delle classifiche, buoni per cantare assieme e divertirsi per un paio d’ore». Durante l’esibizione, il pubblico del locale potrà scegliere tra numerose formule di aperitivo proposte e servite al tavolo, dal classico tagliere, al sushi, passando per la pizza e le poke. Varie le opzioni per prenotare un tavolo: telefonare dalle 9 a mezzanotte allo 091 777 3692, o mandare un messaggio alla pagina Facebook http://www.facebook.com/coasttocoastausonia/.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il coreografo palermitano Marcello Carini selezionato come maestro del corso di danza applicata alla musica barocca

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 luglio 2022

Palermo. Una settimana di seminario sul tema del Barocco, partito il 25 luglio e che si concluderà il 30 luglio, per sfociare sabato 30 luglio in uno spettacolo intitolato Rosso Porpora . Marcello Carini, danzatore e coreografo siciliano, è stato scelto come insegnante di “Danza contemporanea nella visione barocca” per la Masterclass di musica barocca organizzata da Officina barocca siciliana dal 25 al 30 luglio, con la direzione artistica di Roberta Faja. Carini con i suoi allievi e allieve ha regolato le prove di danza che si sono svolte al museo Riso in Corso Vittorio Emanuele. Il risultato del lavoro di Carini e degli altri insegnanti delle altre discipline sfogheranno in nel concerto barocco “Rosso porpora”, che andrà in scena sabato 30 luglio alle 21,15 nella chiesa di San Domenico, nell’omonima piazza a ingresso gratuito. Sempre nel corso di questa settimana, venerdì 29 luglio, al Teatro di Verdura in viale del Fante nel corso della serata dal titolo “Contact-Tango”, il coreografo Marcello Carini ha presentato con il corpo di ballo del Teatro Massimo “Tango Genesis”, coreografia narrativa che prende spunto dalla vita in Argentina nel 1983, a pochi giorni dalla caduta della dittatura.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un concerto di musica classica nell’anno 400 dalla canonizzazione di San Francesco Saverio

Posted by fidest press agency su sabato, 16 luglio 2022

Palerrmo 18 luglio alle 21 la Chiesa Del Gesù di Casa Professa ospita il concerto della soprano Felicia Bongiovanni, con il tenore Emanuele Urso, che, accompagnati da voci recitanti, attori e dall’ensemble vocale Nuovi orizzonti Palermo, daranno vita a uno spettacolo organizzato dai Padri gesuiti di Casa Professa e dall’Associazione San Francesco Saverio Aps. In scaletta: Ave Maria di Gomez, Agnus Dei di Bizet, Alto e Glorioso Dio, Lodi all’Altissimo di Frisina, Ave Maria di Mascagni, Ave Maria di Verdi dall’Otello, Crucifixus di Rossini dalla Petite Messe Solemnelle , Laudate Dominum di Mozart dal Vesperae Confessore,le due arie della Cantata barocca su San Francesco Saverio, Nessun Dorma dalla Turandot di Puccini, Magnificat di Frisina, Vieni Santo Spirito e Tutto è possibile di Nuovi Orizzonti. L’ingresso è gratuito. http://www.casaprofessa.com/museo-1.html

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Continua con successo “Giardino della musica”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2022

Rassegna estiva in un’area residenziale di Palermo, nel giardino esterno del Coast to Coast Ausonia in via Ausonia 56. Mercoledì 13 luglio spazio al tributo a Lucio Battisti con i non dire no. Daniele Davì alla voce e Francesco Vannini alla chitarra suoneranno in acustico le più belle canzoni firmate Battisti/Mogol. Una riproposizione in chiave classica, per i nostalgici, ma anche per chi vuole imparare a conoscere quel che Lucio Battisti ha significato per la storia della musica. In scaletta: “Ancora tu”, “Un’avventura”, “10 ragazze”, “La collina dei ciliegi”, “Si viaggiare”, “E penso a te”, “io vorrei non vorrei ma se vuoi”, “7.40”, “Anna”, “Fiori rosa fiori di pesco”, “La luce dell’est”. Domenica 17 luglio concerto chitarra e voce con Marcello La Guardia. che con il suo modo di fare accurato e pacato, accompagnerà il pubblico a concludere la settimana col cocktail in mano a cantare. In scaletta brani di: Oasis, Rolling Stones, Jimi Hendrix, Stereophonics, Nirvana, Peter Cincotti, Doobie Brother, Neil Young, Beatles. Durante l’esibizione, il pubblico del locale potrà scegliere tra numerose formule di aperitivo proposte e servite al tavolo, dal classico tagliere, al sushi, passando per la pizza e le poke. Protagonista naturalmente è anche il giardino esterno del locale, con il suo spazio verde, che offre quasi la sensazione, di non essere in un’area residenziale della città, dando la percezione di fresco e di potere affrontare i mesi caldi con il piacere di ascoltare musica di qualità già a inizio settimana. Quattro le opzioni per prenotare un tavolo: telefonare dalle 9 a mezzanotte allo 091 777 3692, o mandare 24 ore su 24 un WhatsApp al 346 317 4634, o via mail a info@coasttocoastdelivery.it o mandare un messaggio alla pagina Facebook http://www.facebook.com/coasttocoastausonia/. La rassegna “Giardino della musica” all’ora dell’aperitivo al Coast To Coast continua la prossima settimana il martedì il mercoledì, il giovedì e la domenica. Il 19 luglio la compagnia musicale è affidata alla tastiera e alla voce di Renato Scozzari, mentre il 20 luglio sarà il giorno del concerto strumentale su chitarra di Salvo Cacioppo. Seguiranno il 21 luglio il concerto contrabbasso e voce degli N&L, duo jazz nato da una costola della band Rouge et noir. Luglio si conclude con lo show chitarra e voce di Giuseppe Farana il 26 luglio, il ritorno del chitarrista Francesco Vannini con il suo concerto “il giro del pop” il 27 luglio, mentre il 28 luglio tocca al senatore della musica palermitana Marcello Mandreucci, che torna al Coast to Coast Ausonia dopo il sold out dell’ultimo concerto. Si conclude il 31 luglio con il Francesca Garofalo duo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torna la musica live al Cous Cous Fest

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 luglio 2022

San Vito Lo Capo (Trapani) E’ il festival internazionale dell’integrazione culturale in programma a San Vito Lo Capo dal 16 al 25 settembre 2022 che festeggia quest’anno il suo venticinquennale all’insegna dello slogan “Love never stops” riunendo, come è tradizione, paesi e culture diverse per promuovere la pace, lo scambio e la multiculturalità.Dopo un anno (il 2020) di stop imposto dalla pandemia e un’edizione 2021 nel rispetto delle limitazioni per il contrasto al Covid, San Vito Lo Capo tornerà ad ospitare chef provenienti da tutto il mondo, ospiti e artisti per una dieci giorni di appuntamenti, sfide di cucina, degustazioni, concerti e incontri culturali.Organizzato dall’agenzia Feedback in partnership con l’amministrazione comunale, sotto l’aspetto prettamente musicale, per la prima volta il Cous Cous Fest si avvarrà della direzione artistica di Massimo Bonelli (massimobonelli.it), noto manager e già direttore artistico del Concertone del Primo Maggio di Roma oltre che consulente discografico, event manager e produttore tv e della sua iCompany (icompany.it), una delle realtà di riferimento della scena musicale attuale nazionale. L’idea editoriale, condivisa con organizzatori e amministrazione comunale, prevede la realizzazione di un cartellone artistico che possa gradualmente riportare il Cous Cous Fest verso il suo focus culturale originario. Un po’ come per il cous cous, alimento semplice e particolarmente diffuso nei territori mediterranei, preparato con diversi ingredienti a seconda dell’area geografica in cui viene cucinato, il cast del Cous Cous Fest 2022 proporrà al pubblico una serie di appuntamenti che spaziano dal pop alla world music, dall’elettronica al folk, prevedendo anche talk di approfondimento con gli artisti nell’integrazione tra parole e musica. In attesa di scoprire il cast completo dell’edizione 2022 del Cous Cous Fest, ecco di seguito i primi nomi annunciati in cartellone: DARGEN D’AMICO – venerdì 16 settembre. Il cantautorap che ha saputo inventare una chiave del tutto personale al rap, tra tradizione cantautorale italiana e una ricerca che attraversa i territori della musica classica e dell’elettronica per ricongiungersi al pop. EUGENIO BENNATO Taranta Power – sabato 17 settembre. Dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare a Taranta power, oltre 50 anni di carriera dedicata alla ricerca della musica popolare dell’Italia meridionale. ERMAL META (Talk and music) – martedì 20 settembre. Tra i più grandi e apprezzati cantautori di oggi, autore, produttore, polistrumentista e cantante, ora anche scrittore con l’uscita del suo primo romanzo “Domani e per sempre”. ORCHESTRA POPOLARE NOTTE DELLA TARANTA – venerdì 23 settembre. Una visione contemporanea ma sempre legata alla forza ancestrale della musica popolare e tribale del ritmo del tamburello, portata in tutto il mondo: dall’Argentina alla Cina, dagli Emirati Arabi al Cile. SHANTEL – sabato 24 settembre. Uno degli artisti live più impressionanti del nostro tempo. Shantel interagisce con il pubblico e il pubblico lo adora per questo. Chi ha mai visto un concerto di Shantel lo sa: tutti danzeranno in modo estatico ed euforico.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Palermo: I Firrio al giardino della musica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2022

Palermo mercoledì 15 giugno alle 19 col “Giardino della musica”, la prima rassegna estiva in un’area residenziale di Palermo, nel giardino esterno del Coast to Coast Ausonia in via Ausonia 56. I musicisti protagonisti questa volta sono un brand cittadino amatissimo dai giovani, ovvero I Firrio. in versione duo. Antonino Di Marco, voce e chitarra, e Roberto Molinelli al sax, porteranno un repertorio composto da brani funk, soul, dance e R&B. Da Mark Ronson a Pharrell Williams Durante l’esibizione, il pubblico del locale potrà scegliere tra numerose formule di aperitivo proposte e servite al tavolo, dal classico tagliere, al sushi, passando per la pizza. Protagonista naturalmente è il giardino esterno del locale, con il suo spazio verde, che offre quasi la sensazione, di non essere in un’area residenziale della città, dando la percezione di fresco e di potere affrontare i mesi caldi con il piacere di ascoltare musica di qualità già a inizio settimana. Per prenotare un tavolo: telefonare dalle 9 a mezzanotte allo 091 777 3692, o mandare 24 ore su 24 un WhatsApp al 346 317 4634. La rassegna “Giardino della musica” all’ora dell’aperitivo al Coast To Coast continua giovedì 16 giugno con la Monna Lizard band. La prossima settimana il martedì, mercoledì. Il 21 giugno spazio a Marcello Mandreucci e il 22 giugno c’è il Francesca Garofalo duo. L’ultima settimana di giugno si apre con lo show di Marcello La Guardia, seguito il 29 giugno dagli Swing out trio comandati da Leonardo triassi. Il mese fi giugno si conclude il 30 con i Non dire no Lucio Battisti tribute band.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Musica: “Locura de Guitarras”

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2022

Roma mercoledì 6 APRILE per Roma Sinfonietta a Università Roma Tor Vergata le chitarre di Riccardo Ascani e Roberto Ippoliti in musiche latino-americane, cubane, spagnole, messicane, latin jazz e mediterranee. Il titolo “Locura de Guitarras” (“Follia di Chitarre”) è stato scelto per esprimere le emozioni che i due artisti trasmettono al pubblico durante il concerto. Ora virtuoso, a tratti romantico, sempre appassionante, il duo alterna composizioni originali di Riccardo Ascani e di, tra gli altri, Gipsy Kings, Consuelo Velazquez, Paco de Lucia, Carlos Eleta Almaran, Elpidio Ramirez, Luis Bonfa e Chick Corea, tratte dal repertorio latino americano, cubano, spagnolo, messicano, latin jazz e mediterraneo e arrangiate con cura e fantasia in chiave flamenco. Al centro sono le due chitarre, che con le loro melodie passionali ed il ritmo incalzante dialogano sul palco come se fossero delle voci umane. Con la partecipazione del coregrafo e ballerino Riccardo Senna.Il Duo Locura de Guitarras nasce nel 2014 e si è già esibito nei seguenti palchi: Everjazz Club di Ekaterinburg, Teatro Odo di Ekaterinburg, Be Jazz di Berna, Teatro della Gioventù di Ekaterinburg, YachtMedFestival di Gaeta, Premio Elsa Morante Isola di Procida, World Music Festival di Castelsardo, Alexander Platz Jazz Club di Roma, XV edizione del Festival Ferentino Acustica, Palazzo delle Fiere di Corigliano, Casa della Cultura di Palmi, Festival della chitarra di Orbetello, Auditorium Parco della Musica di Roma, Museo delle Navi Romane di Nemi, XXXI edizione del Calagonone Jazz Festival, Latina Jazz Club, Teatro Anfitrione di Roma, Real Academia de Espana a Roma, Museo Aufidenate di Castel di Sangro, Festival AltreMusiche di Marciana nonché in altre importanti rassegne musicali.Biglietti: 10 euro; ridotti over 65 e under 26: 8,00 euro. Acquistabili all’Auditorium al momento del concerto oppure on line presso i punti di vendita Ticketone

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Richard Galliano al teatro Regio di Parma

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Parma domenica 20 febbraio 2022, ore 20.30 al Teatro Regio di Parma, Richard Galliano ripercorre i 50 anni di carriera del fisarmonicista e compositore francese nell’ambito della Stagione Concertistica 2021-2022 realizzata da Società dei Concerti di Parma in collaborazione con Casa della Musica e con il sostegno di Chiesi. Passion Galliano è il memoriale dell’artista che ha rivoluzionato lo stile, i linguaggi, i generi della fisarmonica, riscrivendone la storia attraverso un’instancabile ricerca sulle risorse timbriche, espressive, ritmiche dello strumento, in un programma che accosta composizioni originali a musiche di Erik Satie, Michel Legrand, Claude Debussy, Enrique Granados y Campiña, Astor Piazzolla. Nato nel 1950 da una famiglia di origini italiane, Richard Galliano si avvicina alla fisarmonica all’età di 4 anni, grazie al padre, Lucien Galliano, professore di fisarmonica. Frequenta il Conservatorio di Nizza dove studia l’armonia, il contrappunto e il trombone. È all’età di 14 anni che si innamora del jazz, con la scoperta di Clifford Brown, di cui inizia a trascrivere i chorus per fisarmonica. È l’inizio di un percorso che lo avvicinerà allo studio dei fisarmonicisti brasiliani e alla scoperta dei virtuosi dello strumento che si sono avvicinati al jazz (Tommy Gumina, Ernie Felice, Art Van Damme, Felice Fugazza, Adamo Volpi, Luciano Fancelli). L’incontro con Astor Piazzolla, avvenuto nel 1983 in occasione di un lavoro per musica di scena per la Comédie-Française, lo sprona a tornare alle sue radici, al repertorio tradizionale composto di valzer musette, di java, di tango, contaminandolo con le influenze ritmiche, armoniche, espressive del jazz. Un percorso in grado di partire dalla tradizione francese e svincolare la fisarmonica da quest’ultima, anche nella sua immagine, portandolo ad imporsi come uno degli strumenti di spicco nel jazz. “Il mezzo secolo di carriera che Richard Galliano celebra quest’anno – scrive Giuseppe Martini – si è giocato proprio sulla capacità di pensare con i ritmi e i timbri. L’abilità tecnica fa il suo, ma non è tutto […]. Galliano ha scoperto in più che la fisarmonica può avere la dignità e i requisiti per rileggere senza timori il grande repertorio. Non è tanto il mondo di Piazzolla, che per Galliano significa comunque ritorno alle origini, muoversi fra sponde amiche: qui si costeggia il jazz senza tradire lo spirito argentino”. La carriera di Richard Galliano è stata interamente dedicata a una ricerca costante, instancabile, sulle risorse timbriche, ritmiche, compositive della fisarmonica, che è riuscito a innovare da quell’immagine che le era tradizionalmente accostata, in grado di ripartire dai maestri della prima metà del ’900 e costruire sullo strumento un’identità del tutto nuova, sperimentando una nuova concezione di ritmo e armonia attraverso contaminazioni jazz. “C’è una congiuntura alchemica, per esempio, fra il colore pianistico di Andalusa di Granados e le malinconie delle chitarre scoppiettanti o i colori dei cortili arabi di Spagna. O fra la tonalità e il suo timbro come nell’inaggirabile blu del Claire de lune di Debussy. Oppure persino fra la sbadata atmosfera delle Gnossiennes o delle Gymnopédies di Satie e gli accostamenti epidermici dei suoni. Eppure Galliano va proprio alla ricerca di quello. È allora solo attraverso questo viaggio nei mondi altrui che si può capire il Galliano compositore e la sua logica delle sensazioni, che suoni Tango pour Claude o Chat pitre o Barbara o French Touch o il New York Tango, o quella passeggiata nell’abisso che è Spleen, per non dire Akkordéon, che solo nel titolo è già un compromesso storico fra Germania e Francia”. Biglietti da €10,00 a €35,00, riduzioni per Under 30 e associati Società dei Concerti di Parma.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Provvedimenti di urgenza e ripartenza riguardanti il mondo della musica e dello spettacolo

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 novembre 2021

“La crisi pandemica ha messo a dura prova l’intero settore dello spettacolo nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle. Durante l’emergenza sanitaria, la commissione VII alla Camera è stata la prima a sollecitare il Ministero della Cultura e il Ministro Franceschini per mezzo di una risoluzione – agli atti – con provvedimenti di urgenza e ripartenza riguardanti il mondo della musica e dello spettacolo. Per primi abbiamo avviato un’indagine conoscitiva per poter comprendere le condizioni di lavoro degli occupati nello spettacolo, una ricerca che ha fotografato lo stato di intermittenza e sussistenza del lavoro, mai emerso prima. Da tempo parliamo di riformare un settore che rappresenta migliaia di operatori e con la pandemia abbiamo “scoperto” che è composto da maestranze invisibili, che sono il fulcro degli spettacoli live: mi riferisco a facchini, tecnici audio e suono fino ad arrivare ai servizi di sicurezza per gli spettacoli. La pandemia ha praticamente lasciato senza un lavoro tutte queste figure, ma anche promoter e organizzatori di spettacoli dal vivo, che sono rimasti senza un’occupazione. Il fermo delle attività ha prodotto in poche settimane effetti catastrofici sull’occupazione del settore e pertanto, la delega Spettacolo dovrebbe guardare a tutte queste figure e, in particolare, riconoscere in modo chiaro il ruolo della musica popolare contemporanea all’interno del quadro di riferimento per le attività culturali. Siamo anche stati capofila nelle richieste di riapertura al 100% delle sale da spettacolo e anche ora, con questo clima, si sente il bisogno riportare le persone nelle sale e ai concerti. Per questo, tra le altre proposte, riteniamo sia necessario introdurre la detrazione del consumo culturale e l’abbassamento dell’IVA al 4% sui prodotti culturali, e su questo riteniamo che la legge di bilancio possa essere il principale vettore. Lanciamo la sfida alla maggioranza e al ministro Franceschini.” Lo dichiara Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia capogruppo in commissione Cultura e responsabile Cultura di FDI, nel corso dell’evento organizzato da Assomusica all’interno della Milano Music Week 2021.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grammatica della musica etnica

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 novembre 2021

Questo volume fa seguito ad un seminario dallo stesso titolo che gli autori hanno tenuto presso la Cattedra di etnomusicologia dell’Università di Roma “La Sa­pienza” negli anni 1981-82, 1982-83 e 1988-89 ad integrazione dei corsi tenuti dal professor Diego Carpitella. Scopo principale del seminario era di fornire agli studenti le basi teorico-musicali necessarie a sostenere l’esame di etnomusicologia, rivolgendosi innanzitutto a chi si accostava per la prima volta a tale disciplina, spesso con una preparazione di tipo antropologico e senza conoscenze specifiche di teoria musicale. Il seminario si è rivelato utile anche per quegli studenti provenienti da una formazione musicale classica che rendeva loro in qualche modo più difficile orientarsi in un campo di studi dove la stessa teoria musicale è ridiscussa in una propettiva transculturale. Visti i buoni esiti dei seminari, Diego Carpitella, titolare della Cattedra di etnomusicologia, ha voluto che le lezioni fossero raccolte e pubblicate sotto forma di dispense. A lui si deve pertanto la supervisione del progetto e della redazione di Grammatica della musica etnica. Carpitella rivendicava spesso, nel corso delle sue lezioni e delle sedute di esame, l’importanza della specificità musicale dell’etno-musicologia nell’ambito delle discipline demoetnoantropologiche per cui la piena comprensione degli elementi testuali era per lui essenziale. Per questo, già da molti anni aveva inserito nel programma d’esame della prima annualità La grammatica della musica di Otto Karolyi, consigliandone la lettura in particolare a coloro che erano privi di conoscenze musicali. Tale lettura era suggerita anche come propedeutica allo studio di alcuni testi d’esame come, ad esempio, Le sorgenti della musica, di Curt Sachs, in cui numerosi sono i riferimenti ad aspetti tecnico-musicali. Tuttavia, le numerose “grammatiche della .musica” esistenti {Karolyi compreso) presentano i vari parametri del suono quali al tezza, ritmo, etc., secondo una prospettiva euroculta, non sufficiente a rendere conto delle differenze e delle complessità grammaticali rilevabili nelle musiche delle diverse culture. In questo volume ci si propone di affrontarli in una prospettiva più generale, qual’è appunto quella etnomusicologica, in cui ciascun elemento “grammaticale” viene considerato non come l’unico possibile ma come uno tra i tanti espresso da società differenti in diversi periodi. Da questa estensione ideale deriva il titolo “Grammatica della musica etnica” che, più che ribadire un accostamento fra musica e linguaggio, intende relativizzare, con l’aggiunta dell’aggettivo etnica, la concezione ancora diffusa che la musica (soprattutto per quel che riguarda la sua teoria e semiografia) sia interamente riconducibile al sistema musicale espresso dall’Europa occidentale nei secoli XVIII e XIX. Non a caso il volume si apre affrontando la definizione stessa di musica, già essa non universale, per poi considerare, in un’ottica transculturale, alcuni fra i principali aspetti della formalizzazione musicale: “tempo e ritmo”, “scala”, “melodia”, “modalità-tonalità” e “polifonia”. Un ultimo capitolo è dedicato alla trascrizione, problema cruciale per la ricerca etnomusicologica e, come l’esperienza dimostra, di notevole complessità per gli studenti.Autori: Francesco Giannattasio, Maurizio Agamennone, Giovanni Giuriati, Serena Facci P: 292 CON ILLUSTRAZIONI PREZZO: 12,40€ Bulzoni editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La musica costruisce ponti in Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 2 novembre 2021

Quattro formazioni musicali, 13 artisti provenienti dall’Europa e 25 da Paesi extra UE impegnati in 40 concerti per oltre due anni e mezzo. Cala il sipario sul progetto MOSaIC – Music for Sound Integration in the Creative sector -, cofinanziato dal programma “Creative Europe” dell’Unione Europea, e guidato dall’Italia con l’associazione Ensemble Amadeus di Rescaldina (MI) come capofila. Un progetto che ha tracciato una nuova strada in tema di integrazione tra i popoli e le culture e che, come anticipa il presidente dell’Ensemble Amadeus Marco Raimondi, «proseguirà nell’esperienza dell’orchestra e del coro Amadeus». Aggiunge: «Vi è l’idea di dare vita a un laboratorio musicale per l’Europa, una sorta di incubatore che riesca a mettere insieme non solamente le nazionalità diverse, ma anche gli stili differenti che in questo progetto sono stati toccati: la musica sinfonica portata dall’Italia, quella popolare rappresentata dal Belgio, il jazz di cui si è fatta portavoce la Romania e l’avanguardia che è arrivata dalla rappresentanza della Danimarca».Realizzato con il supporto di Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Fondazione Cariplo, Fondazione Ticino Olona e Fondazione Comunitaria del Varesotto e con il patrocinio dei comuni che sono stati interessati, tra i quali Milano, Legnano, Gallarate, Busto Arsizio e Castellanza, MoSaIC è la testimonianza di come «la musica sia un potente strumento di integrazione». Spiega Raimondi: «Siamo partiti quasi tre anni fa, quando il grande tema di attualità erano gli sbarchi e si parlava di chiusura dei porti e, dopo il forzato stop imposto dalla pandemia, siamo arrivati oggi quando un’altra emergenza richiama l’attenzione dei media: l’Afghanistan e i suoi profughi. Indubbiamente questa concomitanza non voluta ci ha portato a estendere la riflessione sul tema dell’integrazione sia all’interno sia all’esterno dell’Europa; sulla necessità di rafforzare la voce europea, senza però perdere quelle “inflessioni” che sono caratteristiche di ogni singola nazione».MoSaIC ha dato vita anche a oltre 40 giornate di laboratorio nelle scuole per gli studenti di Italia, Belgio, Danimarca e Romania, a dieci studi riguardanti le tradizioni musicali internazionali di altrettante culture e ha attivato un importante dibattito con 11 workshop per conoscere musiche e strumenti dal mondo e i musicisti direttamente coinvolti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Viaggio nella musica latinoamericana con la chitarrista Anabel Montesinos

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2021

Parma lunedì 12 luglio 2021 alle ore 21.15 nel Cortile d’onore della Casa della Musica. La virtuosa spagnola è la protagonista del secondo appuntamento di “Un Pizzico di Luna”, la rassegna estiva all’aperto organizzata dalla Società dei Concerti di Parma con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma – Casa della Musica.Il concerto si aprirà con tre classici: le “Variaciones” su un tema di Mozart op. 9 dello spagnolo Fernando Sor, Invierno Porteño in omaggio ad Astor Piazzolla nel centenario della nascita del compositore argentino, e la Ciaccona BVW 1004 di Johann Sebastian Bach trascritta per chitarra. Poi si fa rotta verso il Messico, con le Tres Canciones populares mexicanas di Manuel Ponce. L’immersione nella splendida musica ispirata al ricco patrimonio popolare dell’America Latina porterà poi gli ascoltatori in Venezuela con El Marabino di Antonio Lauro, Totumo de Guarenas di Benito Canónico, Preludio Criollo di Rodrigo Riera, Alma Llanera di Pedro Elías Gutierrez (arrangiamento di Alirio Díaz) e infine in Brasile con A Mare Encheu di Heitor Villa-Lobos e Bate-Coxa di Marco Pereira.Anabel Montesinos, è stata la più giovane vincitrice, all’età di 17 anni, del Concorso Internazionale “Francisco Tárrega”, ed è una figura di spicco nel panorama chitarristico mondiale. Come vincitrice di oltre dieci tra i più importanti concorsi al mondo – tra cui “Michele Pittaluga” città di Alessandria in Italia, “Julián Arcas” in Spagna, “Raifeisenwettbewerb” a Salisburgo in Austria – si è esibita in concerti in tutto il mondo, debuttando alla Carnegie Hall nel 2011, suonando il Concerto de Aranjuez di Rodrigo in concerti all’aperto, suonando per oltre quattromila persone a Berlino ed esibendosi con compagini come Simón Bolivar Symphony Orchestra del Venezuela, Philarmonic Oulu Finlandia, Havana Philharmonic Cuba, Philarmonic of Moscow Russia.Cittadina onoraria della città di Solero in Italia, nel 2011 ha ricevuto il premio “Chitarra d’oro” come giovane talento e come riconoscimento alla sua attività artistica. Ha inciso per l’etichetta Naxos, ed il suo primo CD è stato scelto per i programmi musicali dei voli intercontinentali della British Airways. I suoi album hanno ricevuto ovunque gli onori della critica per la bellezza, freschezza e virtuosismo delle interpretazioni. Nel 2019 ha terminato una tournée di concerti dedicata alla musica dei Queen in una versione per coro, orchestra e chitarra, ovunque apprezzata con grandi ovazioni. Suona una chitarra del liutaio Steve Connor ed è Savarez Artist.La rassegna “Un pizzico di luna” si concluderà lunedì 26 luglio con il Duo El Tan(g)o formato da Luca Lucini, chitarra, e Mario Stefano Pietrodarchi, bandoneon.Ingressi: intero 9 €; ridotto soci Società dei Concerti 7 €; ridotto studenti 5 € I biglietti sono disponibili su http://www.liveticket.it/societaconcertiparma. In alternativa, prenotazione obbligatoria all’indirizzo mail info@societaconcertiparma.com con ritiro dei biglietti da un’ora prima del concerto nel luogo dello spettacolo. In caso di maltempo gli spettacoli si terranno nella Sala dei Concerti della Casa della Musica

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: musica “à la carte” a Villa Torlonia

Posted by fidest press agency su martedì, 22 giugno 2021

Martedì 22 giugno nel Teatro di Villa Torlonia riparte il Maurizio Baglini Project, la rassegna curata dal pianista toscano, organizzata dalla Roma Tre Orchestra, e caratterizzata da una programmazione sempre fuori dagli schemi. Per esempio quest’anno durante una della serate verrà proposto un concerto “à la carte” nel quale il pubblico in sala sarà invitato a scegliere il programma sulla base di una lista di brani proposta dagli artisti, che saranno due solisti tra i più apprezzati sulla scena internazionale: la violoncellista Silvia Chiesa e lo stesso Maurizio Baglini al pianoforte. Raffinato e sostanzioso il “menù” musicale che comprende ben venti titoli tra i più significativi del repertorio per violoncello e pianoforte, spaziando tra capolavori di diverse epoche e aree geografiche: da Chopin a Britten, da Cilea a Rachmaninov. La serata inaugurale – il 22 giugno alle ore 19 – sarà nel segno di Beethoven e delle sue Sinfonie trascritte per pianoforte da Liszt. Sul palco tre pianisti: Axel Trolese eseguirà la Sinfonia n. 2, Simone Librale la n. 5, Baglini la n. 6 “Pastorale”. Mercoledì 23 giugno, sempre alle ore 19, il pianista Giuseppe Rossi affronterà la Sonata op. 106 “Hammerklavier” di Beethoven, mentre nella seconda parte Chiesa e Baglini, da solisti e in duo, eseguiranno il programma “ordinato” appunto “à la carte” dal pubblico. Giovedì 24 giugno alle ore 20.30 prenderà vita un progetto nel progetto: “Giovani artisti per giovani compositori” realizzato nell’ambito del programma LazioSound di GenerAzioni Giovani e finanziato dalle Politiche Giovanili della Regione Lazio e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per la Gioventù. La pianista Lucrezia Liberati eseguirà il Concerto per pianoforte e archi di Mendelssohn con la direzione del giovane Sieva Borzak, direttore in residenza di Roma Tre Orchestra, poi i pianoforti in scena si moltiplicheranno: Baglini suonerà prima il Concerto per due pianoforti K 365 di Mozart insieme con Axel Trolese, poi il Concerto per tre pianoforti K 242 con Giuseppe Rossi e Filippo Tenisci. Protagonista della serata anche la Roma Tre Orchestra impegnata insieme ai solisti in tutte le esecuzioni del programma. Un repertorio inusuale, di grande impatto virtuosistico e scenografico.Informazioni e biglietti: http://www.2tickets.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festa della Musica

Posted by fidest press agency su domenica, 20 giugno 2021

Lunedì 21 giugno, in occasione della Festa della Musica, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale presenta un progetto per la promozione della musica italiana all’estero: Music For Uncertain Times. Un percorso in tre episodi video diffusi dalla rete estera di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura e sul canale Vimeo di italiana, il portale del Ministero dedicato alla promozione della lingua, della cultura e della creatività italiana nel mondo. Commissionato dalla Farnesina, scritto da Andrea Lai e diretto da Francesco Coppola, il progetto consiste in tre performance musicali inedite ed esclusive, registrate da protagonisti della canzone italiana contemporanea in alcuni luoghi rappresentativi del patrimonio culturale del Paese: Francesca Michielin e Vasco Brondi nel Museo del Novecento di Milano, Fiorella Mannoia e Clementino al Castel dell’Ovo di Napoli e La Rappresentante di Lista a Palazzo Butera a Palermo.Un percorso che crea un dialogo fra musica, patrimonio culturale e linguaggio cinematografico. La cornice è offerta da tre gemme architettoniche: il castello più antico di Napoli, uno dei musei più giovani di Milano, un complesso monumentale simbolo di Palermo. Al loro interno è protagonista il pop italiano contemporaneo, con tre performance da vivo esclusive e in versioni inedite. I riflettori sulla musica si trasformano poi in riflessioni sulla musica in questi momenti incerti, attraverso le parole degli artisti raccolte subito dopo le performance. Francesca Michielin e Vasco Brondi Francesca Michielin e Vasco Brondi sono due tra gli artisti più interessanti della scena musicale italiana attuale: lei cantautrice polistrumentista che festeggia proprio quest’anno i suoi dieci anni di carriera, lui pioniere della scena indie con il progetto Le Luci della Centrale Elettrica che ha ora intrapreso la sua carriera da solista. Hanno inaugurato il 2021 collaborando al singolo Cattive Stelle. In Music For Uncertain Times lo eseguono per la prima volta dal vivo, pianoforte e voce, al Museo del Novecento di Milano. Fiorella Mannoia ha accompagnato con la sua inconfondibile voce gli ultimi cinquant’anni della musica italiana, Clementino è una colonna della scena hip hop italiana del nuovo millennio. Due artisti provenienti da universi all’apparenza distanti anni luce, che si incontrano tra le mura del Castel dell’Ovo per un intreccio tra chitarra e rap con vista sul golfo di Napoli. Una performance resa ancora più magica dal brano scelto: Terra mia di Pino Daniele. La Rappresentante di Lista – progetto nato nel 2011 dall’incontro tra la cantante Veronica Lucchesi e il polistrumentista Dario Mangiaracina – è stata tra le più grandi rivelazioni dell’ultimo Festival di Sanremo, dove ha conquistato pubblico e critica con Amare. Nella sua Palermo, avvolto dall’aura settecentesca di Palazzo Butera, oggi laboratorio d’arte e avanguardia del Mediterraneo, il duo esegue proprio il brano sanremese, in un’elegante, intensa e sperimentale versione per pianoforte e archi.Music For Uncertain Times racconta la musica arte fra le arti. Lo fa attraverso i musicisti, le loro note e le loro parole, mentre riflettono sulla musica in tempi di cambiamento, sul suo essere guida quando l’orizzonte muta, di essere bellezza contro la paura. Riempie di musica architetture nate per altri scopi raccontate dalle voci di critici e curatori d’arte: Gianluca Marziani al Museo del Novecento, Paola Ugolini a Castel dell’Ovo e Claudio Gulli a Palazzo Butera. Tre intense cartoline musicali della nuova bellezza italiana, tre nuovi contenuti gratuiti disponibili a tutti dal 21 giugno su italiana.Andrea Lai, da 30 anni impegnato nel racconto e nella proposta di nuove visioni della contemporaneità attraverso musica e arti integrate, disegna progetti di cultura contemporanea. È curatore della sezione musica di Maker Faire, consulente musicale di LAZIOsound per la Regione Lazio, Direttore artistico di Star Walks, serie di live e interviste prodotta dal Paco Archeologico del Colosseo con artisti come Maneskin, Daniele Silvestri e Zen Circus. Per l’Alternanza Scuola Lavoro del Museo MAXXI ha curato la direzione artistica del progetto di sound design dedicato all’architettura di Zaha Hadid. italiana (italiana.esteri.it) è il portale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dedicato alla promozione della cultura, della creatività e della lingua italiana. Nato a marzo 2021 con l’obiettivo di proporre una nuova narrazione del nostro Paese all’estero e aperto alla cultura nella sua accezione più ampia (musica, letteratura, teatro, danza, cinema, arti visive e performative, fumetto, digital art, design, architettura, storia, archeologia, enogastronomia…), il sito raccoglie produzioni audio-video, approfondimenti, interviste, bandi, opportunità e molto altro, con aggiornamenti sui social e una newsletter periodica su cui sono segnalate tutte le novità.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Risse Minori/Dj Aniceto:colpa della musica trap e della canna facile

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Ogni giorno notizie di minorenni armati di mazze, bottiglie e catene per futili motivi organizzano risse in quasi tutta Italia, altri li hanno preceduti, molti altri li seguiranno, TEMO. I Giovani d’oggi litigano e si sgozzano per futili motivi. Ascoltano la musica trap e diventano piccoli criminali, Provano la purple drunk e ci restano secchi, si fanno le canne e perdono il contatto con la realtà.” – cosi commenta il Dj Aniceto, uno dei dj piu’ impegnati nel sociale, esperto di new generation e gia’ membro della Consulta per le politiche antidroga a palazzo Chigi,l’escalation della violenza nelle nuove generazioni.”Tanta solidarietà ai familiari di questi giovanissimi sconsiderati.” – ha affermato Aniceto, protagonista come testimonial dei sani valori in molti programmi tv, tra i quali quelli di Piero Chiambretti. “Ma che sta succedendo alla generazione 3.0? La cosa che mi colpisce è la spoporzione del danno. Ragazzini nemmeno 18enni armati di coltelli e pistole; non escono per divertirsi ma soprattutto per fare risse. adolescenti vestite da trentenni che bevono e si drogano come le sanguisughe e il giorno dopo non ricordano più niente. Se fossi genitore sarei veramente preoccupato. Questa é un epoca molto difficile per educare figli. I Giovani sono confusissimi. I divieti non non sono piu’ imposti dai genitori ma dallo Stato facendoli vivere in una moderna dittatura e poi, Il mondo digitale, complice la Dad ed il lockdown, si è impossessato della mente di troppi giovanissimi. Li ha resi senza personalità. Vivendo quasi tutta la giornata sui telefoni e computer, cercano conferme, cercano identità , cibandosi degli insegnamenti disdicevoli della musica trap, e nutrendosi di tutta la violenza che vomitano quotidianamente i social network ed è chiaro che molti di loro confondono la realtà col virtuale e cosi quando escono per strada combinano casini. Casini costruiti ad arte come un set cinematografico per renderli finalmente protagonisti di una vita che il Covid ha cancellato a molti di loro. Infatti molti di questi bulletti li trovi nei video autoprodotti e ‘musicali’ su youtube. Poi la forza del BRANCO, della droga,e dell’emulazione fanno il resto. Tuttavia non riesco a condannare questi giovani sfortunati. Sono i giovani creati dalla società dai poteri forti più confusa che mai, che gestiscono il nostro mondo; giovani che non sanno fare i ‘giovani’ perchè nessuno ha insegnato loro come essere ‘giovani’ ed e’ per questo che molti di loro si trasformano in ‘rifiuti’ della Societa’”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Nuovo Anno nel segno della Musica

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 dicembre 2020

Venerdì 1 gennaio 2021 alle ore 17.15, sarà trasmesso in streaming sul canale YouTube e sulle pagine social del Quid, l’evento «Concert-One, Live Online per Vendicare i Giorni Tristi», girato nei locali di Via Assisi 117, laddove il pizzaiolo e creativo Daniele Frontoni ha dato inizio alla sua personale Protesta Silenziosa, nata a seguito delle chiusure per emergenza Covid, di spazi dedicati alla ristorazione e cultura. Una protesta partita da Pizzeria Frontoni, che proseguirà sui canali del Quid e che, con l’arrivo del nuovo anno, cesserà il suo silenzio per dar voce agli artisti protagonisti della scena musicale indipendente. Frontoni condurrà il concerto insieme alla giovane attrice Agnese Lorenzini, amato volto della fiction Un Posto al Sole.Concert-One è il primo live del 2021 del Quid e vedrà sul palco le esibizioni di: Nannarao, Stefano D’Amico, Francesca Nunzi accompagnata da Marco Petriaggi alla chitarra, Sorry Wilson, Iesaino’ Band, Camilla Fascina e la cantautrice H.E.R.. Alle esibizioni musicali si aggiungono le speciali partecipazioni di Alessandro Meta, Lele Sarallo, Arturo Mariani, Riccardo Cotumaccio e Claudio Colica, per un evento che sia di buon auspicio per il Nuovo Anno.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »