Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘musica’

C’era una volta la musica

Posted by fidest press agency su domenica, 9 dicembre 2018

Palermo 27 dicembre alle 21,30 al Real Teatro Santa Cecilia, nell’omonima via, accanto via Cantavespri C’era una volta la musica. Rock, psichedelica e anni Settanta che ha fatto la storia. Non solo inglese, ma mondiale. Un rock che ti vibra dentro, che colpisce il cervello e fa viaggiare quando chiudi gli occhi in un mondo fatto di immagini e colori indefiniti e allo stesso tempo ricchi di senso del desiderio.Atmosfere che saranno ricreate dagli Inside out, ovvero la tribute band siciliana per eccellenza dei Pink Floyd, protagonista di “Wish you were here”.
La band proporrà l’esecuzione integrale di uno degli album di “Wish You Were Here”. Pubblicato nel settembre 1975. l’album esplora i temi dell’assenza, dell’industria musicale e del declino mentale dell’ex membro della band Syd Barrett. Un disco elegante, malinconico e a tratti struggente, che può considerarsi, per tante ragioni, il punto di non ritorno del quartetto inglese. Si comincia dal ricordo del diamante pazzo e da quelle quattro note che compongono uno dei riff più iconici della storia del rock attraverso il rumore delle macchine dello showbusiness, che schiacciano i più deboli, dall’odore acre dei sigari dei produttori musicali senza scrupoli, alle atmosfere dolci e acustiche del brano che dà il nome all’album e che è ormai un’icona dell’assenza fisica e spirituale.Nella seconda parte dello show seguirà una selezione di brani tratti dalla discografia dei Pink Floyd per condurre lo spettatore in un viaggio al di là del lato oscuro della luna, al di là del muro, lungo il fiume infinito di una momentanea perdita della ragione al rintocco della campana divisoria. Il biglietto di ingresso costa da 20 a 25 euro.Il concerto è organizzato da In the Spot Light e la direzione artistica è di Gaetano Vicari.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Con “Bravo Amadeus!” riprende il ciclo Musica Pourparler alla IUC

Posted by fidest press agency su domenica, 25 novembre 2018

Roma Martedì 27 novembre alle 11 nell’Aula Magna della Sapienza ad aprire il nuovo ciclo di Musica Pourparler sarà l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Giancarlo De Lorenzo, con la partecipazione del soprano armeno Maria Sardaryan. Introduzione all’ascolto di Gianluca Sulli.Quest’incontro è intitolato “Bravo Amadeus!” e Mozart ne è il protagonista assoluto. Sono infatti sue tutte le musiche in programma. Si ascolteranno ouverture e arie dalle sue opere più famose, dalla prima, La finta semplice composta a tredici anni, all’ultima, Il flauto magico, finita poche settimane prima della morte a soli trentacinque anni: di quest’ultima opera naturalmente non può mancare l’aria famosissima della Regina della Notte. E in mezzo Il ratto dal serraglio, Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Così fan tutte. Tra le arie, quella famosissima di Susanna di Susanna “Deh vieni non tardar” dalle Nozze di Figaro e quella ancora più famosa della Regina della Notte dal Flauto magico.Il direttore Giancarlo De Lorenzo, che collabora abitualmente con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, dirige nelle più importanti sale in Italia (Teatro alla Scala di Milano, Parco della Musica di Roma, Teatro Carlo Felice di Genova e altre) e in Germania, Spagna, Portogallo, Gran Bretagna, Finlandia, Polonia, Serbia, Ucraina, Russia, Turchia, Corea del Sud, USA (tra l’altro alla Carnegie Hall di New York), Canada, Messico, Venezuela, Brasile.
Il soprano Maria Sardaryan ha studiato n Armenia e si è perfezionata in Italia. In seguito alla vittoria del concorso Aslico nel 2017 è stata invitata a cantare la Regina della Notte del Flauto magico in vari teatri italiani. Ha cantato in opere e concerti in Armenia, Francia, Italia, Russia, Germania, Austria, Polonia, Belgio, Lituania, Libia, Slovenia, Svizzera, Cina, USA.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arezzo capitale della musica polifonica

Posted by fidest press agency su martedì, 13 novembre 2018

Arezzo 17 e 18 novembre nella città toscana si rinnova l’appuntamento con Concorso Polifonico Nazionale “Guido d’Arezzo”, la manifestazione che, giunta alla sua 35ma edizione, vede gareggiare formazioni corali provenienti da tutta Italia.Arrivano da Roma, Crema, Susegana (TV), Gorizia, Valperga (TO), Cernusco sul Naviglio (MI), Bergamo, San Bonifacio (VR), Perugia, Beinette (CN), Andria (BA) e Castelfranco Veneto (TV) gli oltre 300 cantanti che, armati di pentagramma e di passione, si contenderanno la vittoria e l’ammissione diretta al Concorso Polifonico Internazionale 2019. Una gara che offre anche un’imperdibile occasione di ascoltare bellissima musica. I cori divisi in quattro categorie (cori misti, cori pari, voci bianche e ensemble vocali), si sfideranno davanti al pubblico in esibizioni ad ingresso libero che si svolgeranno secondo il seguente calendario.Si comincia sabato 17 novembre nella Chiesa di San Michele dove alle ore 17.30 si esibiranno i cori misti, mentre alle ore 21.00 saranno di scena gli ensemble vocali. Domenica 18 novembre, sempre nella Chiesa di San Michele, alle ore 10.30 si sfiderà la categoria dei Cori pari mentre alle 12 quella delle voci bianche.Gran finale nella Chiesa di San Francesco che sempre domenica 18 novembre a partire dalle ore 15.00 ospiterà il concerto e la premiazione dei vincitori.La giuria che decreterà i vincitori è formata da Luigi Azzolini, Gianfranco Cambareri, Francesco Erle, Franca Floris, Stojan Kuret e Luigi Marzola.Il Concorso Polifonico Nazionale “Guido d’Arezzo”, è una delle più importanti manifestazioni corali italiane che si affianca al celebre Concorso Internazionale che si tiene in agosto da ormai 66 anni e che ha fatto di Arezzo la vera capitale mondiale della coralità. Nato nel 1984, il Concorso Nazionale offre la possibilità a diverse categorie di cori “dilettanti” di confrontarsi proponendo brani di diverse epoche storiche. http://www.polifonico.org

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stagione Iuc: con la grande musica di Vienna

Posted by fidest press agency su sabato, 13 ottobre 2018

Roma 16 ottobre alle 20.30 nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” si inaugura la stagione IUC con il Wiener Concert-Verein, prestigioso ensemble viennese. Il Wiener Concert-Verein, è stato fondato nel 1987 da alcuni membri dei Wiener Symphoniker e si è rapidamente guadagnato un posto di primissimo piano nell’eccezionalmente ricco e competitivo panorama musicale viennese. Il programma è dedicato a Vienna e in particolare ad alcuni dei compositori – Mozart, Brahms e Bruckner – che ne hanno fatto la capitale della musica strumentale per quasi due secoli. A loro sono accostate due composizioni che non appartengono alla scuola viennese, la Serenata di Čajkovskij e le Danze slave di Dvořák, e che tuttavia ribadiscono il primato di Vienna, poiché sono un esplicito omaggio rispettivamente a Mozart e a Brahms.
Il concerto inizia col Divertimento n. 1 in re maggiore K 136 di Wolfgang Amadeus Mozart, composto a soli quindici anni, che è tuttora tra le musiche preferite di Mozart per le sue luminose melodie, i ritmi vivacissimi e anche per l’impegno virtuosistico richiesto agli esecutori. Il secondo brano è l’Adagio del Quintetto in fa maggiore di Anton Bruckner, definito nei paesi di area tedesca la quarta grande B dopo Bach, Beethoven e Brahms: rispetto a Mozart questo è un mondo totalmente diverso, per il suo carattere tormentato e le sue armonie wagneriane. Nella seconda parte del concerto ritorna l’aspetto più leggero di Vienna, città amante del divertimento, della danza, della galanteria, della seduzione, della spensieratezza, una specie di Parigi in cui però si parla tedesco. Prima c’è la Serenata op. 48 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, che è un chiaro omaggio a Mozart, visto naturalmente con gli occhi (e le orecchie) di un compositore della fine dell’Ottocento, che nell’equilibrio e nella luminosità di quella musica vedeva un antidoto contro i suoi tormenti romantici. Seguono due delle Danze slave di Antonín Dvořák, che sono un esplicito omaggio a un altro dei compositori di scuola viennese, Johannes Brahms: furono infatti scritte poco dopo le sue Danze ungheresi, quattro delle quali sono state scelte per concludere questo irresistibile concerto.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Musica per gli occhi

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 agosto 2018

Siena, Santa Maria della Scala 10 agosto – 4 novembre 2018 Inaugurazione, 9 agosto, ore 18.30 a cura di Luca Quattrocchi (fino al 15 ottobre tutti i giorni ore 10.00-19.00 dal 16 ottobre lunedì, mercoledì, giovedì: ore 10.00-17.00 venerdì, sabato, domenica: ore 10.00-19.00 martedì chiuso) mostra MUSICA PER GLI OCCHI. INTERFERENZE TRA VIDEO ARTE, MUSICA POP, VIDEOCLIP. L’esposizione, curata da Luca Quattrocchi, è un progetto innovativo per il Santa Maria della Scala che indaga, attraverso video installazioni e video clip la contaminazione tra la video arte e pop music, confermando la “rivoluzione” culturale perseguita negli ultimi anni dal Museo senese attraverso l’indagine dei linguaggi contemporanei e della loro ibridazione.
Per il direttore Daniele Pitteri: “Il XX secolo e questo scorcio di XXI secolo, sono stati l’epoca in cui la dimensione visiva e quella uditiva si sono progressivamente cercate, avvicinate e poi definitivamente fuse. Se l’avvento del cinema sonoro costituisce in qualche modo l’inizio di questo sodalizio, è a partire dagli anni sessanta, con l’avvento della musica pop sulla scena internazionale, che esso inizia ad essere dirompente. La nuova musica, quella che milioni di giovani in tutto il mondo amano non è fatta solo di note. È fatta anche di simboli e di musicisti/star che usano il proprio corpo come elemento di comunicazione e di relazione con il pubblico. Una musica fatta non solo per essere ascoltata, ma anche per essere vista. La nascita della videoclip, pur preceduta da altre forme di rappresentazione audiovisiva, non si limita sancire in maniera definitiva questo legame imprescindibile, ma offre nuove possibilità espressive ad altre forme di arte. E la pop music diventa l’elemento di congiunzione/ispirazione per artisti, registi, videoartisti che indagano nuove forme espressive, a partire proprio dalla sublimazione del corpo del musicista/star. Con Musica per gli Occhi vogliamo indagare proprio questi legami, questo miscuglio di espressività che generano a loro volta forme nuove, possibilità di sperimentazioni, in molti estreme, proprio perché esplorano a fondo le potenzialità della fusione fra la dimensione uditiva e quella visiva”.
Divisa in tre sezioni la “mostra visivo-sonora” Musica per gli occhi intende analizzare lo stato di fertile contaminazione che porta non solo gli artisti a cimentarsi con il videoclip, ma soprattutto come i videoclip e la musica pop offrono ai videoartisti inediti spunti creativi e occasioni di riflessione sulla società contemporanea. La prima sezione, centrata sulla video arte, vede la musica pop come strumento di interpretazione della cultura contemporanea, con lavori di quindici video artisti di fama mondiale come Francesco Vezzoli, Pipilotti Rist, Martin Creed, AES, Robert Boyd e Jesper Just. La seconda sezione presenta un’ampia selezione di video clip realizzati da famosi registi cinematografici. Quattordici mostri sacri del cinema mondiale, tra i quali Michelangelo Antonioni, Luc Besson, Derek Jarman, David Lynch, Roman Polanski, Wim Wenders, che hanno prestato il loro ingegno alla realizzazione di video clip musicali per importanti musicisti. La terza sezione, infine, presenta quattordici videoclip realizzati da alcuni dei più significativi ed eversivi artisti contemporanei, fra cui, Damien Hirst, Vanessa Beecroft, Keith Haring, Andres Serrano, Bansky, Andy Warhol.
La mostra si snoda lungo un percorso articolato che sin dall’ingresso nel Santa Maria della Scala progressivamente conduce il visitatore in un mondo di immagini e suoni. Attraverso un allestimento che intende esaltare le installazioni video, rendendole in qualche modo “opere d’arte esposte” e attraverso un’attenta regia audio, che alterna modalità di fruizione differenti nei vari ambienti che si susseguono, “Musica per gli occhi / Music for the Eyes” si presenta essa stessa come una grande installazione audiovisiva, in grado di offrire al visitatore/spettatore un’esperienza immersiva nuova e sui generis. Quindi non una mostra sui rapporti tra musica pop/rock e arti visive, già ampiamente indagati nel loro percorso storico dai Beatles e Warhol in avanti, ma sulle interferenze che, all’insegna della visività della musica, hanno luogo da una parte nel campo della video arte, e dall’altra in quello dei videoclip realizzati da artisti e registi cinematografici, cercando di evidenziare le contaminazioni e le derivazioni reciproche, i parallelismi o gli slittamenti di senso. Il catalogo è edito da Silvana Editoriale BIGLIETTI Mostra: 5 euro Mostra + Museo: 12 euro
Mostra + Acropoli: 21 euro Mostra + Acropoli Plus: 23 euro Ingresso gratuito: minori di 12 anni, accompagnatori portatori di handicap, giornalisti, accompagnatore gruppi. http://www.santamariadellascala.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aperitivo in musica alla Colombaia con gli animeincanto

Posted by fidest press agency su sabato, 28 luglio 2018

Trapani Domenica 5 agosto, nella suggestiva location del Castello della Colombaia di Trapani, un appuntamento da non perdere: aperitivo in musica, con gli animeincanto. Il programma prevede alle ore 17.00 imbarco con mezzi messi a disposizione dalla Lega Navale Italiana – Sezione di Trapani per il Castello della Colombaia, alle ore 18.00 concerto del trio animeincanto. Alla fine dello spettacolo, imbarco per raggiungere la Lega Navale di Trapani, dove verrà offerto un aperitivo.Dall’incontro di tre musicisti, Simona Guaiana, soprano, Rosalia Catalano, flautista e Vincenzo Toscano, violoncellista e compositore, accumunati dall’amicizia e dell’amore per la musica, nasce il trio “animeincanto”. Un repertorio con brani di musica sacra, classica, e di altri generi; la peculiarità del trio è quella di raccontare l’amore per la propria terra, la Sicilia. La formazione ha già all’attivo numerosi concerti in ambito regionale e nel 2017 ha presentato il primo disco dal titolo “ISOLA” con le musiche di Vincenzo Toscano.Il concerto è organizzato dall’associazione “Amici della Musica” di Trapani in collaborazione con il Museo Regionale “A. Pepoli”, l’Associazione “Salviamo la Colombaia”, la Lega Navale Italiana – Sezione Trapani e l’Ente Luglio Musicale Trapanese, con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Siciliana – Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana.
Il costo del biglietto è di euro 10,00 e potrà essere acquistato esclusivamente presso il botteghino dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, nella Villa Comunale, in Viale Regina Margherita.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fca, cambiano i manager ma cambierà anche la musica?

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Nel dare il benvenuto ai nuovi amministratori delegati di Fca e Cnhi, il Coordinamento Nazionale Usb in Fca e Cnhi ricorda ai manager che le condizioni delle operaie e degli operai del gruppo hanno subito negli ultimi 14 anni un notevole peggioramento della loro condizione lavorativa e di vita.Il vecchio A. D. con le sue politiche ha determinato stipendi molto più bassi rispetto ai colleghi metalmeccanici delle altre aziende, turnazioni che nulla hanno a che vedere con il rispetto della vita delle persone, aumento insostenibile dei carichi e ritmi di lavoro, e tanto tanto altro.Il nostro auspicio è che le decisioni del nuovo corso siano prese all’insegna della discontinuità con il precedente e che i nuovi management mettano al primo posto tra gli obbiettivi da raggiungere nell’immediato il rispetto del lavoratore e della sua dignità, la fine della cassa integrazione ed il ritorno alla piena occupazione in tutti gli stabilimenti della FCA. Perché questo avvenga riportiamo di seguito alcuni punti che sono sicuramente prioritari:
• Reintroduzione delle tutele per i lavoratori, ad iniziare dal ripristino dell’articolo 18 per i lavoratori del gruppo e la stabilizzazione di tutti i precari che attualmente lavorano in Fca e Cnhi.
• Abbassamento dell’orario lavorativo settimanale a parità di stipendio.
• Rispetto della salute e sicurezza negli stabilimenti del gruppo.
• Aumento dello stipendio dei lavoratori del gruppo di 200 euro netti mensili.
• Ripristino della quattordicesima mensilità.
• Ritmi e carichi di lavoro più leggeri rispetto agli attuali, che sono a dir poco insostenibili.
• Ripristino di pause fisiologiche congrue al lavoro di fabbrica.
• Turnazioni di lavoro che prevedano il sabato e la domenica di riposo.
• Garanzie occupazionali a lungo termine per tutti gli attuali lavoratori del gruppo.
• Rispetto di tutte le rappresentanze sindacali e ripristino di libere elezioni sindacali per tutte le sigle presenti negli stabilimenti Fca e Cnhi. Per adesso ci limitiamo a dare solo un piccolo contributo di proposte ai nuovi A. D., evitandogli quindi un sovraccarico di lavoro.Le nostre proposte vanno incontro alle esigenze dei lavoratori e allo stesso tempo ridanno dignità ai marchi Fca e Cnhi, ridimensionati negli anni da scelte politiche antioperaie che ne hanno danneggiato l’immagine.Qualora si scelga invece un progetto di continuità con il vecchio assetto manageriale ( così come paventato dalla proprietà), ci vedremmo costretti a fare altrettanto in termini di lotta in difesa della nostra classe, e laddove si costruiscano i presupposti, addirittura inasprendo il conflitto che tanto piaceva alla vecchia dirigenza. Ai nuovi amministratori delegati la scelta. (Coordinamento nazionale Usb in Fca e Cnhi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siena capitale della musica

Posted by fidest press agency su domenica, 22 luglio 2018

Siena dal 24 luglio al 7 agosto si svolge la 48esima edizione dei seminari internazionali estivi di Siena Jazz.Sono numeri da capogiro quelli dell’edizione 2018: in programma 64 laboratori musicali per oltre 100 ore complessive di attività didattiche, che portano alla formazione delle 64 classi di musica d’insieme che si alterneranno nelle 26 aule tecnologiche di Siena Jazz.
La città intera vivrà così una felicissima “invasione” musicale che culminerà in un cartellone di 16 spettacoli tutti ad ingresso libero che si svolgeranno in luoghi inediti e suggestivi e che vedranno esibirsi star internazionali e ben 104 gruppi musicali di allievi e docenti. Gli studenti sono provenienti da tutti e cinque i continenti e in particolare oltre all’Italia sono presenti le seguenti nazioni: Stati Uniti d’America, Australia, Canada, Belgio, Olanda, Slovenia, Spagna, Svizzera, Brasile, Grecia, Hong Kong, Israele, Gran Bretagna, Germania, Turchia, Tunisia, Corea,Taiwan.
Sarà un’anteprima internazionale quella che lunedì 23 luglio darà il via alla lunga estate senese di grande musica. Alle ore 21.30 il suggestivo Cortile del Podestà, cuore pulsante di Piazza del Campo, ospita il Coro del Conservatorio di Tbilisi (Georgia) con i docenti di Siena Jazz per un concerto in due set che vede protagonisti nella prima parte Dato Shugliashvili, (voce), Natalia Zumbadze (voce) e Otar Kapanadze (voce), con Fulvio Sigurtà (tromba), Mirco Mariottini (clarinetto), Rezo Kiknadze (sax tenore), Alessandro Giachero (piano), Franco Fabbrini (basso) e Irakli Korkotashvili (batteria). Il secondo set sarà invece affidato a Nino Jvania (piano), Dato Shugliashvili (voce), Natalia Zumbadze (voce) e Otar Kapanadze (voce).
Martedì 24 luglio sarà invece Piazza Provenzano ad accogliere il concerto di apertura del seminari. Sul palco la “Siena Jazz University Orchestra” diretta da Roberto Spadoni, per una prima parte che vede la partecipazione straordinaria di Fulvio Sigurtà (tromba). Quindi sarà il “Claudio Fasoli Samadhi Quintet” a entusiasmare il pubblico con Claudio Fasoli, (saxofono soprano e tenore), Michael Gassmann (tromba e flicorno), Michelangelo Decorato (pianoforte), Andrea Lamacchia (contrabbasso) e Marco Zanoli (batteria).
Mercoledì 25 luglio sempre la magnifica Piazza Provenzano sarà palcoscenico per il primo appuntamento dei “Siena Jazz Masters”. Il primo set propone un inedito quartetto con Fulvio Sigurtà (tromba), Roberto Cecchetto (chitarra), Joe Martin (contrabbasso) e Ettore Fioravanti (batteria). La seconda parte sarà affidata alla voce di Diana Torto con Miguel Zenon (sax alto), Matt Mitchell (pianoforte), Matt Penman (contrabbasso) e Henry Cole (batteria).
“Siena Jazz Masters” protagonisti anche giovedì 26 luglio all’interno del Cortile del Rettorato, grazie alla collaborazione con l’Università degli studi di Siena. Due le formazioni nate appositamente per questa serata che si scambieranno il palco: l’apertura è affidata Ralph Alessi (tromba), Achille Succi (clarinetti), Furio Di Castri (contrabbasso) e Henry Cole, (batteria). Nella seconda parte: Ralph Alessi (tromba) sarà con Theo Bleckmann (voce), Stefano Battaglia (pianoforte), Gilad Hekselman (chitarra) e Matt Penman (contrabbasso).
Mercoledì 1 agosto la musica torna in Piazza Provenzano dove il Conservatorio di Amsterdam con Ian Cleaver (tromba), Jasper Bloom (sax tenore), Tijs Klaassen (contrabbasso) e Wouter Kühne (batteria) aprono lo spettacolo di che sarà concluso da un set di “Siena Jazz Masters” che vede riuniti Susanne Abbuehl (voce), Maurizio Giammarco (sassofono), Phil Markowitz (pianoforte), Ben Street (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria).
Sempre Piazza Provenzano accoglie il concerto di giovedì 2 agosto: in apertura la formazione con Jen Shyu (voce), Shane Endsley (tromba), David Binney (sassofono), Nir Felder (chitarra), Chris Tordini (contrabbasso) e Fabrizio Sferra (batteria), cui seguirà il set che vede protagonisti Giovanni Falzone (tromba), Ben Wendel (sassofono), Kenny Werner, pianoforte; Lage Lund (chitarra), Paolino Dalla Porta (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria).
Venerdì 3 agosto nella Chiesa di Sant’Agostino CHIGIANA MEETS SIENA JAZZ: torna l’appuntamento che nasce dalla felice collaborazione tra Siena Jazz e l’Accademia Musicale Chigiana, che quest’anno si arricchisce dell’apporto dell’ISSM “Rinaldo Franci”.
“Bernstein-Gershwin Sounding Times”, è il concerto che vede sul palco David Krakauer (clarinetto), Antonio Caggiano (percussioni), Pino Ettorre (contrabbasso), Giovanni Falzone (tromba), Achille Succi (clarinetto basso) con la Siena Jazz University Orchestra, la Chigiana Percussion Ensemble e l’Orchestra dei Conservatori della Toscana. Dirigono Tonino Battista e Roberto Spadoni.
Dal 27 al 29 luglio e ancora dal 4 al 5 agosto via le Jam Session in Contrada che ogni sera porteranno a scoprire il cuore più intimo delle città, con la partecipazione estemporanea di docenti e studenti dei corsi che si esibiranno nei suggestivi giardini di alcune delle società delle storiche contrade senesi. Si svolgono sempre in Contrada il 30 e 31 luglio e ancora il 6 e 7 agosto, quattro serate strepitose che vedranno esibirsi tutti e 64 i gruppi di musica di insieme nati nel corso dei seminari 2018 e diretti ciascuno dal proprio docente che suonerà come leader della formazione, regalando una vera festa della musica.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival Ticino Musica

Posted by fidest press agency su sabato, 14 luglio 2018

Lugano 18 luglio alle ore 20 nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana (via Soldino 9, Lugano) si terrà la serata inaugurale con l’Opera studio internazionale “Silvio Varviso” e la prima de L’italiana in Algeri, capolavoro di Gioachino Rossini con cui Ticino Musica partecipa alle celebrazioni dei 150 anni dalla morte del genio pesarese.
Le successive recite dell’opera avranno luogo a Bellinzona, Ascona, Sorengo e di nuovo Lugano (Hall del LAC) nelle serate del 20, 21, 22 e 24 luglio.
Ticino Musica, fondato da János Meszaros, di cui quest’anno ricorre l’85° anniversario della nascita, si conferma come incontro di musicisti provenienti da ogni parte del mondo, in cui offerta artistica e formativa si fondono sapientemente per dare ai partecipanti e al pubblico la possibilità di vivere un’esperienza musicale a 360°. Di questa completezza è espressione principale il calendario degli eventi, che si compone di più di 70 appuntamenti di vario genere, distribuiti su tutto il territorio ticinese.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C’era una volta la musica

Posted by fidest press agency su martedì, 3 luglio 2018

Palermo venerdì 6 luglio al Solemar in via Cristoforo Colombo 2109 all’Addaura la tribute band siciliana per eccellenza dei Pink Floyd, si esibirà a Palermo, sotto la direzione artistica del Dorian. Si inizierà alle 20, con la cena servita al tavolo a bordo piscina o il buffet sulle terrazze. Alle 22 sarà il turno degli Inside out. In scaletta brani tratti dai dischi “The Piper At The Gates Od Dawn”, The Endless River” e “The Dark Side Of The Moon”.
Rock, psichedelica e anni Settanta che ha fatto la storia. Non solo inglese, ma mondiale. Un rock che ti vibra dentro, che colpisce il cervello e fa viaggiare quando chiudi gli occhi in un mondo fatto di immagini e colori indefiniti e allo stesso tempo ricchi di senso del desiderio.
Ingresso a pagamento e su prenotazione, telefonando al 3807980615 o al 3939773133. Si potrà scegliere tra la cena a bordo piscina a 25 euro. Oppure l’apericena e il menù sushi a 18 euro a persona. Tavolo privè dopocena a 20 euro. Ultima opzione è l’ingresso a pagamento per assistere allo spettacolo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Musica “Surge, Dilecte Mi”

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 giugno 2018

Bologna Domenica 1 luglio alle ore 20.30, presso il complesso di Santa Maria della Vita (Via Clavature 8/10), la SCHOLA GREGORIANA BENEDETTO XVI di Bologna propone l’elevazione spirituale in musica “SURGE, DILECTE MI”, in collaborazione con l’Ensemble Dramatodía.
Il programma del concerto rende omaggio a una delle figure più illustri della storia culturale bolognese, Adriano Banchieri (1568-1634), riproponendone le opere nel luogo più significativamente intrinseco alla sua vita e alla sua arte.
In alternanza alla messa a 5 voci di Adriano Banchieri, Surge dilecte mi, la Schola Gregoriana propone il proprio della XIII Domenica del Tempo Ordinario, così come lo troviamo nel Graduale Triplex (libro ufficiale per la Messa in Canto Gregoriano). La compilazione di questi testi, per questa domenica, è stata fatta dopo la Riforma Liturgica del Concilio Vaticano II. Questo proprio, eccetto l’Alleluia Omnes gentes, in origine, formava i testi per la VII domenica dopo la Pentecoste (Dominica VII post Octabas Pentecosten), usata anche in parte per la IV domenica dopo l’Epifania (Dominica IIII post Theophania) secondo l’Antifonale di Rheinau (Zurigo), datato tra l’VIII° e il IX° secolo. Adriano Banchieri fu compositore e teorico musicale fra i più rilevanti del primo Seicento. La sua cospicua produzione sacra comprende tutti i generi della coeva musica da chiesa: messe, salmi, mottetti, litanie; in questo campo fu particolarmente sensibile nel cogliere e sperimentare i nuovi orientamenti stilistici della monodia accompagnata e della ‘seconda pratica’ monteverdiana. D’altronde, Monteverdi in persona visitò Bologna nel 1620 su invito di Banchieri in occasione di una seduta dell’Accademia dei Floridi, cenacolo dei principali musicisti e intellettuali della città fondato da quest’ultimo nel 1616.
Ancor più numerose le opere profane stampate da Banchieri, consistenti perlopiù in raccolte di madrigali e canzonette inseriti in una cornice narrativa, sul modello delle commedie armoniche del modenese Orazio Vecchi. Opere quali Il zabaione musicale, la Barca di Venetia per Padova, il Festino del giovedì grasso, La pazzia senile testimoniano da un lato la raffinata tecnica contrappuntistica e la sfrenata capacità inventiva dell’autore, d’altro lato la sua naturale e inconfondibile propensione per i soggetti faceti e burleschi.
Tale propensione risulta con evidenza ancor maggiore nelle opere letterarie (trattati, novelle, commedie) che Banchieri pubblicò, in lingua italiana o in vernacolo bolognese, sotto lo pseudonimo di Camillo Scaligeri della Fratta, ovvero sotto quello, ben più stravagante, di Attabalippa del Perù. Tale produzione comprende titoli e argomenti disparati: da La nobiltà dell’asino al Discorso per fuggir l’otio estivo, dove si prova, che la favella bolognese preceda la Toscana cosi in Prosa, come in Rima; dai Trastulli della Villa a La Catlina da Budri, overo il furto amoroso, fino alla Novella di Cacasenno figlio del semplice Bertoldino, con la quale l’autore intese provvedere di un’appendice il celeberrimo Bertoldo dell’amico e conterraneo Giulio Cesare Croce. Per la sua attività di musicografo e trattatista, Banchieri è da annoverarsi fra i più prolifici e influenti teorici musicali della sua epoca: pubblicò opere didattiche dedicate all’apprendimento dei primi elementi dell’arte musicale, al canto gregoriano, al canto figurato, all’organo. A questo strumento, che l’autore padroneggiava da virtuoso, egli consacrò le Conclusioni nel suono dell’Organo e L’organo suonarino. Quest’ultima opera fornisce una quantità di preziosi avvertimenti concernenti le varie competenze richieste agli organisti; contiene inoltre una serie di brani per tastiera, esemplari dei vari stili e delle varie tipologie compositive impiegati nella letteratura organistica coeva.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Festa della musica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 giugno 2018

Camerino. Tutto pronto a Camerino per la Festa della Musica, evento promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che si svolge in tutto il territorio nazionale giovedì 21 giugno. Con il coordinamento dell’Università di Camerino e la collaborazione del Comune di Camerino e delle associazioni cittadine ‘Cappella Musicale del Duomo – Coro universitario di Camerino’, Coro di voci bianche, Associazione Adesso Musica con l’Istituto Musicale Biondi e la Banda/Orchestra Città di Camerino, Musicamdo, del Consiglio degli Studenti, è stato possibile mettere insieme un ricco programma in diversi luoghi della città.“Dopo il successo dello scorso anno, abbiamo fortemente voluto riproporre l’iniziativa – ha sottolineato il Rettore Unicam Claudio Pettinari – E’ estremamente importante restituire momenti di socialità fondamentali per la crescita a questa comunità ed è quasi doveroso che a farlo sia una istituzione quale è Unicam. Siamo molto soddisfatti della risposta avuta da tutte le associazioni, dagli studenti, dall’amministrazione comunale per questa Festa della Musica ed insieme siamo riusciti ancora una volta a proporre un programma coinvolgente”.La manifestazione si aprirà alle ore 18.30 ai Giardini di Montagnano con l’esibizione dell’Associazione ‘Cappella Musicale del Duomo – Coro universitario di Camerino’, alla quale seguirà alle ore 19 la performance del Coro di voci bianche.
Sempre alle ore 19.00 avrà inizio nel piazzale del centro commerciale Vallicenter un “AperiMusic” con l’esibizione degli studenti Unicam, sia solisti che in band.
Alle 21.15 ci si sposterà poi al Campus universitario dove si esibiranno il coro dei Licei di Camerino, l’Associazione Adesso Musica con l’Istituto Musicale Biondi e la Banda Città di Camerino, per concludere con i Filarmonici Camerti.Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero e gratuiti. Vi aspettiamo numerosi!

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Lina Sastri e una musica per i bambini”

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 giugno 2018

Roma 18 Giugno 2018 Ore 21.00 Teatro Eliseo Lina Sastri sarà la magnetica protagonista di “Lina Sastri e una musica per i bambini”, spettacolo a favore della Onlus The Children for Peace che si terrà al Teatro Eliseo la sera del 18 giugno. L’artista interpreterà per il pubblico brani del suo vasto repertorio di canzoni napoletane. La serata continuerà sulle note della voce grintosa e inconfondibile della cantautrice Paola Turci, da sempre impegnata nel sociale e nei progetti legati all’infanzia. Musica e parole si sposeranno magicamente con la danza, grazie alle coreografie elaborate per l’occasione dal ballerino e coreografo Michele Moretti, che nella sua carriera ha lavorato per numerosi show televisivi e teatrali come il Festival di Sanremo, la trasmissione Amici e l’Eurovision Song Contest. Il ricavato della serata sarà utilizzato per la costruzione di una scuola e di un ambulatorio a Gulu in Uganda. Grazie anche alla preziosa collaborazione delle suore comboniane, i ragazzi potranno avere una corretta istruzione scolastica, un valido supporto medico ma anche informazioni su argomenti difficili come la prevenzione dell’HIV e il pericolo delle droghe.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto del Circolo Amici di Ticino Musica

Posted by fidest press agency su domenica, 27 maggio 2018

Giubiasco (Svizzera) Martedì 29 maggio alle ore 20.00, nella Chiesa di Santa Maria Assunta di Giubiasco, si terrà il tradizionale Concerto del Circolo Amici di Ticino Musica. Dopo le audizioni per cantanti e il concerto di gala dei vincitori nella Hall del LAC, questo è il terzo degli appuntamenti di avvicinamento alla ventiduesima edizione del Festival, che si svolgerà in tutto il Cantone Ticino dal 18 al 31 luglio.Protagonista di questo sempre attesissimo evento sarà il Trio Insolito, composto da Barbara Meszaros (soprano), Gabor Meszaros (fagotto – direttore artistico del Festival Ticino Musica, nonché docente dell’Academy) e Wolfgang Kleber (organo). Questa inusuale, ma estremamente armonica formazione proporrà un eclettico programma con musiche di J.S. Bach, G.F. Händel, G.P. Telemann, S. Adam, W.A. Mozart, S. Karg-Elert, J. Wittwer, L.V. Beethoven, W. Kleber, del quale verranno eseguite due prime svizzere.L’ingresso al concerto è gratuito.Il Concerto del Circolo Amici di Ticino Musica, che si svolge ogni anno in primavera in un luogo sempre diverso del Ticino, è un momento di incontro tra vecchi e nuovi sostenitori del Festival. Il Circolo degli Amici svolge infatti un’importantissima funzione di supporto, ideale ed economico, per Ticino Musica, nonché di tramite tra il festival e il territorio: i soci contribuiscono alla diffusione, allo sviluppo e allo spirito culturale di Ticino Musica sostenendo attivamente le nuove generazioni di musicisti e, tra le altre cose, offrendo alloggio ai partecipanti della manifestazione. A loro volta usufruiscono di numerosi vantaggi, tra cui ad esempio l’accesso gratuito a tutti i concerti del Festival e alle masterclass dell’Academy come uditori, con la possibilità di conoscere da vicino gli artisti.
L’appuntamento successivo è fissato per il 15 luglio alle ore 20.00 nel Teatro dell’Oratorio Santa Maria di Mendrisio, dove avrà luogo l’antegenerale, aperta al pubblico, dell’opera L’italiana in Algeri di Gioachino Rossini, messa in scena dal team dell’Opera studio internazionale “Silvio Varviso”. Il 18 luglio alle ore 20.00 nell’Aula magna del Conservatorio della Svizzera italiana (via Soldino 9, Lugano), si terrà, con la vera e proprio “prima” dell’opera, l’inaugurazione del Festival Ticino Musica 2018. E dal giorno successivo fino al 31 luglio, due settimane ricchissime, con numerosi e concerti ogni giorno, per tutti i gusti e in ogni parte del Ticino.Nell’ultima settimana di giugno verranno inoltre organizzate delle serate di presentazione dell’opera L’Italiana in Algeri.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

From my House in da House

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 maggio 2018

Roma 2 giugno, ore 17.00 – 00.00, Via della Pace Il cuore di Roma, in uno dei suoi scorci più caratteristici, in quel quadrante che va da Via della Pace a Via di Tor Millina, il 2 giugno diventa discoteca a cielo aperto per una no-stop di 7 ore che vuole riportare all’attenzione dei giovani e giovanissimi la vivacità del centro storico della capitale, area urbana che sta subendo un costante abbandono da parte delle nuove generazioni di romani.Un’inedita serenata dedicata a Roma per aprire la bella stagione e ricordare a tutti le ricchezze del centro storico tra i più noti al mondo.A ideare e promuovere l’evento, nonché alla consolle, Giovannino, uno dei dj che ha contribuito alla scena clubbing capitolina dagli anni Novanta, e che per l’occasione, a partire dalle 17.00 e fino a mezzanotte, offrirà al pubblico un dj set rigorosamente in vinile direttamente dalle finestre della sua abitazione.Il suono bidimensionale e nostalgico del vinile diventa così protagonista di un evento insolito, aperto alla città per restituirne la vitalità al territorio, in una scenografia unica che merita di tornare al centro della vita cittadina.“Questo progetto nasce dall’idea di voler regalare un messaggio musicale ad un quartiere, un messaggio musicale di qualità” ha dichiarato Giovanni La Gorga aka Giovannino. “Nel momento storico in cui la parola DJ è diventata inflazionata, si vuole dare la giusta misura e il giusto prestigio a questo mestiere che si basa sulla ricerca, su tanta passione e molti sacrifici… e riportare ‘il centro di Roma’ al ‘centro’ della vita notturna, con le sue bellezze e le sue ricchezze”.L’abitazione dalla quale il Dj farà partire il djset, in questa inedita e contemporanea “serenata”, è situata sopra uno dei punti nevralgici della notte capitolina, esattamente nel crocevia tra Via della Pace e Via di Tor Millina zona.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quando la musica si mostra: Una nota al museo

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2018

Bologna sabato 12.05.2018 ore 18.30 con live show alle ore 20.00 presso la Sala Eventi del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna Strada Maggiore 34 personale di Francesco Tricarico a cura di Olivia Spatola in collaborazione con Fabbrica EOS Milano. Il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ospiterà per un mese – a partire dal12 maggio – la personale di Francesco Tricarico dal titolo “Quando la musica si mostra. Una nota al museo” curata da Olivia Spatola in collaborazione con la galleria Fabbrica Eos di Milano. La mostra propone di fornire un’esperienza multisensoriale tramite un percorso tematico che guiderà i visitatori attraverso alcune del- le sale del percorso espositivo del Museo. La location del Museo internazionale e biblioteca della musica è stata scelta per la centralità non solo geografica ma anche per il ruolo culturale che riveste: il Museo, che ha sede in un palazzo affrescato del centro storico, espone le prestigiose collezioni di beni musicali della città di Bologna, in un percorso espositivo che si snoda attraverso nove sale a ripercorrere sei secoli di storia della musica europea, con oltre un centinaio di dipinti, più di ottanta strumenti musicali antichi ed un’ampia selezione di documenti storici di grande pregio. L’intento di Quando la musica si mostra. Una nota al museo è quello di far dialogare l’arte con la musica all’interno di uno stesso spazio che è al contempo sia fisico che metaforico: il concetto della musica in quanto segno espresso – scritto, di contenitore di significanti e di significati che suonano anche quando gli strumenti non sono sfiorati dalle dita del musicista. In questo spazio che potremmo definire del ‘silenzio cageano’, in cui lo spettatore ha la sensazione di ascoltare qualcosa anche se tutto tace, le opere di Francesco Tricarico andranno a mostrare in quale modo è possibile controllare e organizzare le nostre percezioni.Le opere scelte sono sette come il numero delle note musicali e le sale del museo in cui il percorso artistico si dispiegherà. Ed è così che le stanze, abbandonando temporaneamente la loro consueta numera- zione, diverranno – attraverso i dipinti dell’artista – la “Stanza del Do”, la “Stanza del Re”, la “Stanza del Mi”; la “Stanza del Fa”, la “Stanza del Sol”, la “Stanza del La” e la “Stanza del Si”. Ma non solo. In questo caso, il segno – ovvero la relazione tra significante e significato – rappresentato dalla denominazione delle stanze, diventerà anche simbolo: vale a dire una realtà altra, che va oltre e da ricomporre; l’espressione dell’inconscio collettivo da cui emergono processi di trasformazione tra ciò che è noto e ciò che non lo è, coinvolgendo lo spettatore. La “Stanza del Do” dunque – in questo gioco fra segno e simbolo – non sarà soltanto la sala in cui Tricari- co omaggerà la prima nota musicale, ma anche del Dominus; la “Stanza del Re” del Regnare; la “Stanza del Mi” del Mi-stero; la “Stanza del Fa” del Fare; la “Stanza del Sol” del Solo; la “Stanza del La” del Lavoro e la “Stanza del Si” del Silenzio, che chiude concretamente e allegoricamente la mostra.
I quadri di Francesco Tricarico sono frutto di una ricerca interiore unita alla necessità di produrre cose dal valore universale, che lo uniscano agli altri nel concetto di bellezza condivisa. Per Tricarico dipingere non è un tentativo di fuga dalla realtà ma un modo di esserci: “è un modo di essere nella realtà interpretandola. Osservandola in altri modi, osservandola su una tela, innesca un un modo diverso di pensare e l’atto creativo rappresenta un momento che altrimenti non si fermerebbe ed invece si ferma. Tutto ciò mi susci- ta stupore”. L’arte di Tricarico è un grande caos ordinato, come afferma l’artista stesso. I soggetti delle sue opere cambiano, non sono mai gli stessi. La sua è una ricerca continua, legata a tutti i sensi, alla vista e soprattutto a ciò che non si vede: Tricarico è affascinato dalle cose che non sono visibili ma che allo stesso tempo possiamo intuire, percepire. I suo quadri sono delle chiavi d’accesso, piccole magie che aprono altre porte: “la tela mi svela qualcosa che prima non c’era, aiuta a farmi capire cose che proba- bilmente ancora non so”.Quando la musica si mostra. Una nota al museo è per Tricarico una grande possibilità di realizzare una storia in un luogo affascinante come il Museo della Musica. “Ogni tela sarà caratterizzata da una nota accompagnata da una parola e da uno strumento. È per me un momento di autocelebrazione”.www.museibologna.it/musica
Ingresso incluso nel biglietto del Museo: € 5.00 intero | € 3.00 ridotto.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lectio magistralis di musica e parole condotta da Giacomo Fornari

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 maggio 2018

Palermo sabato 5 maggio alle 18 al Teatro Real Santa Cecilia di Palermo, una lectio magistralis di musica e parole condotta da Giacomo Fornari, direttore del Conservatorio “Claudio Monteverdi” di Bolzano e membro dell’Akademie für Mozartforschung di Salisburgo, guiderà i presenti in un viaggio tra le maglie della vita (conosciuta e non) di Mozart. L’evento è aperto al pubblico ed è organizzato dalla R.L. Sicilia Libera 291 del Grande Oriente d’Italia nell’ambito del cinquantesimo anniversario del Collegio dei Maestri Venerabili della Sicilia. La lectio magistralis ha nel suo programma una serie di interventi musicali che coinvolgeranno anche altri due relatori, il pianista Piero Barbareschi e il tenore Erlendur Tor Elvarsson. Nel particolare: W. A. Mozart: musica per Fratelli.
Il repertorio massonico costituisce un momento centrale nella produzione di Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791). Se nei primi anni il fanciullo prodigio sembrava limitarsi a soddisfare le richieste di un mecenate “misterioso” con cui aveva contatti occasionali, come accade ad esempio nel caso del Lied massonico O heiliges band KV 148 (125h), le cose cambiano con il definitivo ingresso nell’Ordine avvenuto a Vienna nel dicembre del 1784. Da quella data, infatti, sembra cambiare anche l’intero linguaggio mozartiano, così come lo stesso destino del repertorio massonico. Senza dubbio fondamentale in questo contesto il Lied Gesellenreise («Die ihr einem neuen Grade») KV 468, che Mozart scrisse ed eseguì personalmente nella loggia viennese zur wahren Eintracht per il passaggio a compagno d’arte per il proprio padre Leopold (1719-1787). info http://www.biasinstitute.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Musica 4.0 Al teatro Olimpico Shine on! The Pink Floyd Opera

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 aprile 2018

Roma 22 aprile 2018 Teatro Olimpico ore 21.00 Piazza Gentile da Fabriano, 17 al teatro Olimpico arriva Shine on! Pink Floyd, passione senza tempo. Un mito percorso da intere generazioni. Gli Animals Pink Floyd sono una tribute band speciale che ripercorre la stessa filosofia della band britannica e si accosta quasi perfettamente al loro modo di stupire il pubblico con perfomance memorabili. A premiarli l’affetto del pubblico che li segue ovunque e dopo il grande successo dello scorso anno con Obscured by Clouds, gli Animals Pink Floyd, in collaborazione con Momento Danza, mettono in scena uno spettacolo unico il 22 aprile ore 21 al teatro Olimpico:Shine on! The Pink Floyd Opera, che racconta l’evoluzione dei Pink Floyd dal 1967 ad oggi.
L’epopea di una band che ha cambiato per sempre la storia del rock ed ha segnato i tempi, verrà ripercorsa dagli Animals Pink Floyd in un’indimenticabile esperienza di rock-art, che coniuga musica live, performance teatrali della compagnia Teatranti tra tanti, coreografie danzanti a cura di Fabio Massimo Casavecchia, il tutto sotto l’attenta regia di Stefano Viezzoli.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Porta chiusa, porta aperta – Fabrica. Musica e letteratura in costruzione

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 aprile 2018

Roma domenica 15 aprile alle ore 17.00 sarà, Musei di Villa Torlonia Casina delle Civette Via Nomentana, 70 organizzato da Fabrica Associazione Culturale, una interessante iniziativa: Porta chiusa, porta aperta – Fabrica. Musica e letteratura in costruzione. Il mistero oltre lo spazio: viaggio iniziatico tra il cielo e la terra, tra realtà e spirito, tra limiti e infinito attraverso brani di autori antichi e moderni sul mistero, sull’apertura ad altre dimensioni e sul tema del confine, del limite.
“Soglie di Luce. Opere di Pietro Gentili dal 1970 al 2000” è la prima mostra personale nella Capitale dopo la scomparsa del Maestro e ha l’intento di farne conoscere l’universo artistico attraverso 50 opere tra quadri, sculture, gioielli, moduli tridimensionali realizzate utilizzando tempera, foglia d’oro e d’argento, sabbia, polvere di specchio, plexiglass, legno. La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, dall’Archivio Gentili e da Fabrica Associazione Culturale, è a cura di Claudio Cerritelli e Maria Grazia Massafra. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.
Tra scudi di angeli, cieli stellati, porte aperte su di uno spazio “altro”, giochi di superfici riflettenti, filo conduttore dell’esposizione è la luce come soglia verso un’altra dimensione. Come scrive Claudio Cerritelli l’immagine della “porta” si pone come luogo del mistero conoscitivo dell’arte, soglia dove si avverte il desiderio e la ricerca della luce spirituale, percepita nella vastità senza fine del tempo.
La musica avrà un impianto di diffusione nel porticato esterno limitrofo alla mostra dove chi non è potuto entrare nella sala potrà ascoltare in piedi il concerto/reading.L’iniziativa è gratuita previo acquisto del biglietto del museo secondo tariffazione vigente.
Biglietteria presso il Casino Nobile
Biglietto d’ingresso Casina delle Civette: € 6,00 intero; € 5,00 ridotto. La mostra è parte integrante della visita.Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza) ingresso gratuito. Orario mostra: martedì – domenica 9.00 – 19.00 La biglietteria chiude 45 minuti prima sito: http://www.pietrogentili.com

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »