Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘mutuo’

Bankitalia: sale vulnerabilità famiglie, 11% in ritardo con mutuo

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 Mag 2019

Secondo il Rapporto sulla stabilità finanziaria di Bankitalia, alla fine del 2019 la quota di famiglie vulnerabili e l’incidenza dei loro debiti sul totale salirebbero al 2,3 e al 12 per cento. Tra le famiglie con solo un mutuo, la quota di quelle in ritardo nel pagamento delle rate è pari all’11%, percentuale che sale al 15% per i nuclei che, oltre al mutuo, hanno contratto debiti per finalità di consumo e al 25% per quelli che hanno soltanto quest’ultimo tipo di debiti.”Dati molto preoccupanti! Dopo il picco negativo raggiunto nel 2012, la vulnerabilità delle famiglie, anche grazie alla politica monetaria della Bce e ai bassi tassi di interesse, era sempre migliorata. Ma dal 2016 la situazione sta progressivamente peggiorando e nel 2019 prosegue questo andamento sfavorevole” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Inoltre, Bankitalia denuncia che il rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato si sta trasmettendo gradualmente al costo dei nuovi finanziamenti. Temiamo, quindi, che ulteriori rialzi dello spread, possibili nel caso di ulteriori discussioni autunnali con l’Europa, a fronte di un deficit stimato dal Governo al 2,4%, possano creare ulteriori problemi alle famiglie” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 12% di chi ha chiesto un mutuo nei primi 10 mesi dell’anno è straniero

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 novembre 2018

Il dato arriva dall’analisi compiuta da Facile.it e Mutui.it su un campione di oltre 55.000 richieste giunte fra il 1 gennaio 2017 ed il 31 ottobre 2018. La percentuale, si rileva nell’analisi, è superiore di 2 punti rispetto a quella relativa al medesimo periodo del 2017.
Le prime posizioni nella graduatoria delle singole nazionalità vedono, al primo posto, i richiedenti della Romania, cui fa capo il 21,64% delle domande, seguiti da quelli di Albania (11,97%) Moldavia (6,86%) e Marocco (4,58%). Gli stranieri che vogliono comprare casa in Italia puntano ad ottenere in media 117.340 euro per immobili di valore pari, sempre in media, a 157.281 euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anche i single comprano casa

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 gennaio 2011

Vita da single come condizione provvisoria? Forse no. Oltre un terzo di chi sottoscrive un mutuo per acquistare la prima casa sceglie di farlo da solo, senza aspettare di avere un partner con cui dividere spese e scelte di vita. È questo uno dei dati che emerge dalle analisi di Mutui.it, broker online per la scelta del proprio mutuo.   Dalla rilevazione affiora un universo composto di celibi e nubili, ma anche di separati e divorziati, che sceglie di affrontare l’ardua impresa dell’acquisto di un appartamento senza contare sulla propria dolce metà. Eccone l’identikit: il single che vuole sottoscrivere un mutuo ha mediamente 35 anni, richiede un finanziamento pari a 134.000 euro (il 67% del valore dell’immobile), è disposto ad impegnarsi per 25 anni con l’Istituto finanziatore, nel 78% dei casi richiede il mutuo per acquistare la prima casa e preferisce il tasso variabile (54% del campione) rispetto al fisso (35%).
Dall’indagine condotta da Mutui.it è emerso che gli importi più alti per l’acquisto della casa vengono richiesti dai single del Lazio (oltre 150.000€ in media) e, a seguire, del Trentino-Alto Adige (145.000€) e della Toscana (quasi 140.000€). Decisamente più contenuti i finanziamenti per gli acquisti di immobili in Calabria, Umbria e Basilicata: in queste Regioni i single che sottoscrivono un mutuo richiedono, in media, rispettivamente 108.500€, 111.000€ e 118.000€.   Restringendo il campo di analisi ai single che fanno domanda di mutuo prima casa – che, come detto, rappresentano quasi l’80% del campione esaminato – il valore medio finanziato rimane quasi invariato (135.000€), ma le cifre richieste si mantengono a valori più bassi rispetto ai mutui di chi dichiara di essere sposato o convivente. Nel caso delle coppie il mutuo medio per la prima casa sale a 160.000€, segno che per acquistare immobili più grandi e costosi occorre essere in due. Inferiore anche il valore dell’immobile che si intende acquistare; per i single 186.000€ contro i 200.000€ per chi è sposato o convive.   Evidentemente quando si è da soli la propensione al rischio aumenta. Il 54% dei single opta per il tasso variabile, mentre tra le famiglie si arriva appena al 31%.   Va sottolineato, inoltre, come la percentuale del valore dell’immobile finanziata col mutuo scenda notevolmente se si è single: 66,6% contro il 75%. Questo dato implica una maggiore disponibilità economica del contraente: i single che comprano casa, cioè, sono quelli con maggiore liquidità. Emblematica la situazione di città come Roma o Napoli, dove la percentuale finanziata per i single scende rispettivamente al 61% e al 59,5%, prova che la possibilità di acquistare casa arriva grazie ad un aiuto esterno, magari della famiglia d’origine, o di un reddito mediamente inferiore per i single di quella città. Va un po’ meglio a Milano, dove la percentuale del finanziata sale al 67,6%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Casa: modalità per sospensione rate

Posted by fidest press agency su sabato, 6 novembre 2010

A partire dal 15 novembre 2010 è possibile presentare la domanda di accesso al Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa. Il regolamento di attuazione (Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 7 giugno 2010, n.132, pubblicato nella GU del 18 agosto 2010, n.192 e in vigore dal 2 settembre) prevede che, a fronte della sospensione del pagamento delle rate del mutuo acceso per l’ acquisto della prima casa, il Fondo rimborsi all’istituto di credito interessato i costi sostenuti dal beneficiario per eventuali oneri notarili anticipati dalla banca stessa, e gli oneri finanziari pari alla quota interessi delle rate per le quali ha effetto la sospensione del pagamento da parte del mutuatario, corrispondenti al “parametro di riferimento” del tasso di interesse applicato ai mutui, al netto della componente di maggiorazione sommata a tale parametro. Per parametro di riferimento si intende, l’ Euribor nel caso dei mutui a tasso variabile o bilanciato, il tasso IRS in euro per ciò che attiene i mutui a tasso fisso, mentre per i mutui con opzione di scelta di tasso (fisso o variabile), il parametro di indicizzazione corrisponde a quello vigente al momento della presentazione della richiesta di sospensione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutui e fondo solidarietà

Posted by fidest press agency su sabato, 4 settembre 2010

L’entrata in vigore, il 2 settembre scorso, del Fondo di Solidarietà che consente la sospensione fino a 18 mesi delle rate di mutuo, è solo formale. Lo slittamento è dovuto in primis alla tardiva emanazione del Regolamento di attuazione (circa due anni) dalla legge istitutiva. Tale ritardo a propria volta sta ritardando la nomina del Gestore e l’emanazione del Disciplinare da parte del Ministero del Tesoro. L’importanza del Fondo di solidarietà risiede nel fatto che la sospensione consente ai mutuatari di non dover pagare, come invece avviene per l’analogo, seppur positivo, Piano Famiglie, interessi che possono anche arrivare a 6.000 euro per 18 mesi. Adiconsum, Adoc e Cittadinanzattiva ricordano che possono accedere al Fondo solo coloro con un mutuo prima casa del valore massimo di 250.000 euro, con un Indicatore ISEE non superiore a 30.000 e che si trovino in condizioni di grave disagio. Adiconsum, Adoc e Cittadinanzattiva chiedono al Ministro del Tesoro la tempestiva operatività del Fondo, nonché l’ampliamento delle risorse disponibili considerato che i 20 milioni di euro previsti sono sufficienti per appena 3.000 famiglie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mantenimento ridotto per il coniuge che paga il mutuo

Posted by fidest press agency su domenica, 27 giugno 2010

Il componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del consumatore” di Italia dei Valori Giovanni D’AGATA, ritiene opportuno riportare l’attenzione sulla sentenza della prima sezione civile Corte di Cassazione n. 15333 depositata oggi 25/06/2010, che innovando la materia sull’assegno di mantenimento ha stabilito che può essere ridotto se il coniuge obbligato paga da solo la rata del mutuo della casa coniugale assegnata all’ex.  La decisione in esame parte da un’approfondita disamina della materia, mai compiutamente presa in esame dalla rara precedente giurisprudenza di legittimità, ed ha statuito che è legittima la riduzione dell’assegno di mantenimento alla moglie separata se l’ex marito continua a pagare l’intero mutuo della casa coniugale a lei assegnata. che aveva ridotto a duecento euro l’assegno di originari quattrocento euro concesso dal tribunale. Secondo la Cassazione la decurtazione dell’assegno di mantenimento dovuto dal marito separato è perfettamente giustificata quando l’uomo si accolla l’intera rata del mutuo gravante sulla casa coniugale assegnata alla donna.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli italiani preferiscono nuove costruzioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Cresce l’interesse degli italiani per le nuove costruzioni, secondo i dati resi noti oggi da Immobiliare.it, sito leader dell’immobiliare online, nel 2009 la richiesta di immobili nuovi è aumentata del 18%. Secondo i dati dello studio, raccolti tramite il sito dedicato del Gruppo, NuoveCostruzioni.it, gli italiani scelgono sempre più di acquistare la loro prima casa in uno stabile appena costruito o addirittura su progetti ancora su carta. Le ragioni principale si ritrova in una maggiore facilità ad ottenere il mutuo Per l’acquirente di un immobile di nuova costruzione, l’accessibilità ad un mutuo di valore importante si semplifica; se su un immobile usato gli Istituti di credito sono disposti a finanziare mediamente fino ad un massimo del 53% del valore, negli immobili di nuova costruzione si arriva al 61%. (in costruzione)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bcc: variazioni del tasso dei mutui

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 marzo 2010

La variabilità dei tassi sui mutui, a volte, può presentare ai sottoscrittori delle sorprese non gradite. Per questo, le Bcc del Friuli Venezia Giulia hanno predisposto una nuova soluzione finanziaria che mette al riparo i mutuatari da rialzi eccessivi e inattesi. «Le Bcc continuano a pensare alle esigenze finanziarie delle comunità – è il commento di Giuseppe Graffi Brunoro, presidente della Federazione regionale delle Banche di Credito Cooperativo – affiancando alla capacità di concedere credito l’approccio culturale verso l’indebitamento responsabile e sostenibile». Il “covered warrant cap” (questo è il termine tecnico), può essere agganciato al mutuo a tasso variabile per fissare un tasso massimo a tutela dai rialzi del tasso stesso. In questo modo, in pratica, il cliente della banca, una volta fissato un tasso massimo di riferimento, sarà sempre protetto in caso di successiva crescita eccessiva dei tassi, avendo diritto a ricevere un differenziale se il tasso variabile si alza fino a superare il valore soglia (cap). Gli strumenti come il covered warrant cap, si prefiggono di evitare fenomeni come quelli verificatisi all’indomani della crisi finanziaria quando l’esplosione dell’aumento del costo delle rate ha creato difficoltà a tanti mutuatari. Ogni rialzo dei tassi di interesse, oggi ai minimi storici, si ripercuote infatti sulle capacità di rimborso. Il vantaggio per i sottoscrittori è immediatamente comprensibile: non si paga mai più del tasso massimo stabilito, anche se la variabilità dovesse portare a un suo superamento. In un momento come l’attuale in cui si concretizzano le aspettative di ripresa economica, i tassi sono bassi e stimolano i consumatori a stipulare mutui a tasso variabile che, però, potrebbero subire dei rialzi sfavorevoli sulle rate future. Meglio assicurarsi, suggeriscono le Bcc.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni e rete romana di Mutuo soccorso

Posted by fidest press agency su martedì, 9 marzo 2010

Roma 09 marzo 2010, ore 11.00 via della Greca 5 Sala consiliare del municipio centro storico La campagna elettorale per l’elezione del nuovo Presidente  e del nuovo Consiglio Regionale della Regione Lazio è entrata nel vivo, come sempre numerosi sono i candidati, le coalizioni, che si confrontano, con i relativi programmi elettorali. Rispetto ad essi gli oltre 80 Comitati di Quartiere e le Associazioni aderenti alla Rete Romana di Mutuo soccorso, in quanto espressione autorganizzata territoriale e tematica di cittadini di diverse convinzioni politiche, non operano alcuna scelta di campo ma al tempo stesso non intendono assolutamente abdicare a quella che ritengono una delle loro missioni fondanti: promuovere sempre ed ovunque il confronto politico, sociale e culturale tra coloro che, candidati oggi ed eletti domani, dovranno  assumere le responsabilità di governo della nostra Regione ed i cittadini che ritengono un proprio diritto ma anche un preciso dovere dare il proprio contributo di idee e proposte al bene comune.  Lo intendiamo fare anche nel corso di questa campagna elettorale, certi di contribuire anche così concretamente ad un rinnovamento della politica basato da un lato sul rispetto del ruolo delle forze politiche e delle istituzioni e dall’altro sul diritto dei cittadini di partecipare alle scelte di governo e sulla messa in discussione della delega illimitata ed autoreferenziale agli eletti. Abbiamo predisposto, per questo, un documento condiviso da noi tutti che raccoglie i punti di vista che i comitati e le Associazioni aderenti alla RRMS hanno elaborato in questi anni sui temi al centro delle nostre iniziative e delle vertenze aperte dai noi sul territorio quali: partecipazione,  trasparenza, legalità, mobilità, gestione dei rifiuti, inquinamento, assetto del territorio, casa ed emergenza abitativa, spazi e beni comuni.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutuo sostenibile nel Lazio

Posted by fidest press agency su domenica, 21 febbraio 2010

La giunta regionale del Lazio si prepara ad approvare, su iniziativa dell’assessore alla Casa Mario Di Carlo,  le delibere che allargano il diritto e la possibilità di avere un’abitazione. Il meccanismo prevede la concessione di un mutuo di 100 mila euro ad un tasso d’interesse dell’1% con rata ad importo fisso trentennale, per persone con un limite di reddito lordo annuale di 47 mila euro. “Noi da tempo immemore – ha commentato il vicesegretario laziale dell’Italia dei Valori Oscar Tortosa – abbiamo sollevato il problema dell’emergenza casa. Non posso quindi che essere soddisfatto di questo sblocco, avvenuto grazie all’impegno di tutto l’esecutivo ora guidato da Esterino Montino”. Le nuove disposizioni consentiranno il superamento della vecchia regola dell´erogazione dei prestiti poi pagati dai costruttori con la riscossione degli affitti. Tramite la holding Sviluppo Lazio saranno infatti attivate le garanzie verso gli istituti di credito che potranno così stanziare le cifre necessarie all’edificazione degli alloggi. La Regione garantirà per gli inquilini, liberi di scegliere se diventare proprietari o rimanere locatari e far subentrare nell’acquisto la Regione , attraverso l´istituto Ater. “Mi preme però – ha concluso l’esponente del partito presieduto da Antonio Di Pietro – avanzare una sollecitazione: perché non ricalcare ancor di più l’impianto della vecchia legge Romita, accorciando i tempi di pagamento dai 30 attualmente previsti a 25 o magari 20, dando così la possibilità ai cittadini, nell’arco di una sola generazione, di vivere il canone di locazione come un riscatto vero e proprio e non come un salasso mensile a fondo perduto?”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il primo mutuo on-line per i frontalieri

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2009

Sono circa 193mila le persone che lavorano in Svizzera, ma vivono in un altro Paese. Di queste, il 22% (41.600 persone) risiede in Italia: a loro è rivolto il primo portale di mutui on-line dedicato esclusivamente a chi ha un reddito in franchi svizzeri e desidera acquistare casa in Italia. Il sito, http://www.mutuo-franchisvizzeri.it, è gestito da una società broker di mutui, regolarmente iscritta all’albo dei mediatori di Banca d’Italia. «Per i frontalieri stipulare un mutuo in franchi svizzeri è decisamente più conveniente rispetto all’euro. Abbiamo voluto creare un portale dedicato proprio a loro». dice Enrico Piacentini, responsabile del portale internet. I tassi di interesse per i paesi extra UE sono decisamente interessanti: negli ultimi 10 anni il Libor, il tasso di riferimento utilizzato anche in Svizzera, è stato la metà dell’Euribor, l’indice utilizzato nell’Euro Zona come parametro di indicizzazione dei mutui a tasso variabile. Il requisito indispensabile è avere un reddito in franchi svizzeri. «Per chi ha un reddito in euro -continua Piacentini- non è conveniente, perché c’è il rischio del cambio: variando il rapporto tra le due valute si rischia che aumenti il capitale». Il risparmio medio, su un finanziamento di 100mila euro, è di circa 40 euro mensili, per un totale di 480 euro all’anno. Mutuo-franchisvizzeri.it distribuisce mutui “multimarca” tramite internet e telefono, secondo un approccio di consulenza basato su trasparenza e indipendenza: «Ci poniamo come intermediari tra i frontalieri e le banche, sia italiane sia estere -precisa Piacentini-. Con gli istituti bancari convenzionati, abbiamo già contrattato le migliori condizioni possibili al posto dei clienti, a cui offriamo così la migliore soluzione possibile». Inserendo i dati sul sito è possibile realizzare una fattibilità preliminare entro due giorni lavorativi dall’invio della richiesta, in modo da sapere subito se il mutuo richiesto potrà essere concesso. Se il parere è favorevole, il cliente viene contatto per concordare le modalità amministrative per l’istruttoria e la successiva erogazione del mutuo. L’iniziativa, on-line da pochi giorni, sta già riscontrando un buon successo seppur dedicata a una nicchia di mercato: il 10% di chi accede compila e invia il dettagliato modulo di richiesta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »