Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n°158

Posts Tagged ‘napoli’

Progetto “Remote Educational Gaming: imparare giocando insieme tra paesi diversi

Posted by fidest press agency su domenica, 20 maggio 2018

Napoli 30 maggio presso Città della Scienza di Napoli sarà presentato il progetto “Remote Educational Gaming: imparare giocando insieme tra paesi diversi. EvoQuest: avventure digitali d’aula”, estensione di un progetto sviluppato nell’ambito del percorso di dottorato di ricerca Unicam sulla didattica delle Scienze denominato “UnicamEarth”, da Sabina Maraffi sotto la supervisione della professoressa Eleonora Paris, docente della sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie di Unicam. Gli alunni di un liceo napoletano giocheranno ad un gioco didattico digitale insieme agli alunni di una scuola islandese e agli alunni di Passo di Treia (MC)… restando ognuno nel proprio Paese!
Ogni scuola ha realizzato un’avventura ideata e scritta interamente dai ragazzi, creando il soggetto, lo storytelling, la sceneggiatura, i materiali illustrativi di vario genere, le musiche ad altro.
Ognuna di queste “avventure” verrà condivisa con studenti di altre scuole, di altre città, di altre nazioni, senza che si muovano dal loro banco: potranno sfidarsi giocando allo stesso gioco, collegati via web! “EvoQuest nasce dopo la positiva esperienza di GeoQuest, un gioco di ruolo d’aula al computer per la Science Education – ha sottolineato la prof.ssa Paris. Il percorso del gioco, creato dai ragazzi stessi, ne aumenta il valore didattico: i gruppi di paesi diversi interagiscono da remoto, conoscono realtà diverse, collaborano; l’uso degli smartphone e del gioco via web costituisce un’attrattiva insuperabile; l’esperienza è facilmente ripetibile ovunque e in qualsiasi momento”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Moda all’Ombra del Vesuvio

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 maggio 2018

Napoli 18 maggio 2018 ore 11 Camera di Commercio di Napoli, Sala del Consiglio Piazza Borsa conferenza stampa e sfilata e premiazione ad Ercolano (Napoli) 25 maggio 2018 ore 20 MAV – Museo Archeologico Virtuale Via IV Novembre 44. La Conferenza Stampa di presentazione della 17° edizione del concorso riservato ai giovani delle Scuole e delle Accademie d’Italia ideato da Annabella Esposito, Presidente dell’Associazione Piazza di Spagna e organizzato in collaborazione con Confartigianato Imprese Napoli rileverà i vincitori della seconda edizione del ‘Premio Ulisse 2018 per Arte e Ingegno’ riservato a chi ha saputo dare rilevanti contributi al territorio, attraverso la propria attività professionale. L’iniziativa vede il patrocinio istituzionale di Regione Campania, Camera di Commercio di Napoli e Comune di Ercolano e il sostegno di Artigiancassa Gruppo BNP Paribas, Centrale Garanzia Fidi, della società di comunicazione digitale Webidoo, dell’agenzia di viaggi Erima Flying e della maison di gioielli in resina Bellabrì.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra personale dell’artista Luca Coser

Posted by fidest press agency su domenica, 13 maggio 2018

Napoli. Apre sabato 19 maggio 2018 alle ore 17.30 al PAN | Palazzo delle Arti di Napoli,Via dei Mille 60, la grande mostra personale dell’artista Luca Coser, concepita appositamente per questa occasione espositiva, dal titolo “SMANIA”, a cura di Marina Guida. Il progetto realizzato nell’ambito della manifestazione culturale Maggio dei Monumenti, è organizzato da Derwatt Studio di Trento, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, si compone di circa 15 tele di medie e grandi dimensioni, un corpus di lavori di piccole dimensioni su tavola, ed un gruppo di lavori di medie e piccole dimensioni su carta. Introduce il percorso espositivo un componimento inedito del poeta Silvestro Sentiero.Esposta fino al 4 giugno 2018, la mostra accoglie i visitatori in un’atmosfera visionaria.Il gruppo di opere pensate per gli spazi del PAN di Napoli sono nate, come spesso succede nella prassi pittorica dell’artista trentino, come frutto di un gioco serio, di un “ordine” che recupera un “abbandono”. Nelle tele di lino belga, grazie alla pittura, vengono rimescolati con attenzione visioni, umori, tasselli imprecisi e quasi perduti della sua memoria, che intercetta ed incrocia la memoria collettiva. Frammenti che si svelano attraverso le dinamiche della citazione, così che l’idea di un libro, oppure di un film, o di una fotografia, diviene una sorta di maschera dietro la quale la sua poetica si dipana. Il supporto si trasforma così, in una sorta di luogo, una geografia dentro alla quale convivono soggetti provenienti da diverse direzioni: prima sconosciuti uni agli altri, ora protagonisti di una storia inedita, sospesa, indefinita, spesso inconsapevole. Quella di SMANIA è ancora una volta, dentro la sua ricerca artistica, una storia fatta di storie, frammenti, di immagini che riluttanti al mostrarsi, a tratti si celano e si svelano, nell’atto di indietreggiare e negarsi.
La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 4 giugno 2018, secondo gli orari di apertura previsti (aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 – la domenica dalle 9.30 alle 14.30. Martedì chiuso.)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione di Scanzonissima

Posted by fidest press agency su sabato, 12 maggio 2018

Napoli Lunedì 14 maggio Ore 11.30 Centro di Produzione Tv Rai Via Marconi, 9 Conferenza stampa per la presentazione di Scanzonissima Conducono Gigi e Ross Regia di Sergio Colabona. Il nuovo musical game show targato Rai2. Sfide impossibili a suon di musica Interverranno: Francesco Pinto – Direttore Centro di Produzione Rai di Napoli, Fabio di Iorio – Vice Direttore Rai2, Filippo Cipriano – Amministratore Delegato Nonpanic Gigi e Ross In onda dal 16 maggio su Rai2 tutti i mercoledì alle 21.20.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Napoli Venerdì 11 maggio 2018 alle ore 19.00 si inaugura presso lo Studio

Posted by fidest press agency su martedì, 8 maggio 2018

Trisorio in via Riviera di Chiaia 215, una mostra personale di Rebecca Horn dal titolo Passing the Moon of Evidence. Saranno esposte sei nuove sculture meccaniche di grandi e medie dimensioni e disegni di vario formato in cui la Horn continua a indagare i temi profondi dell’esistenza umana, l’agire del tempo, l’energia del cosmo. Nelle vetrine che danno il titolo alla mostra, Passing the Moon of Evidence, farfalle meccaniche aprono e chiudono le ali in un’atmosfera onirica, sospese sopra rocce vulcaniche o tra rami dalle estremità d’oro; due specchi di forma circolare, simbolo del dualismo ricorrente nella poetica dell’artista, evocano il movimento del sole e della luna e la relazione tra il principio maschile e quello femminile nell’equilibrio cosmico.
Nell’opera Aus dem Mittelalter entwurzelt due aste in ottone di diverse altezze, fissate in un paio di scarpe di bronzo di foggia medievale, ondeggiano avanti e indietro, avvicinandosi senza mai toccarsi, come metafore del passaggio cadenzato del tempo.Uno specchio rotante e un vetro di forma circolare affiancano una pietra lavica e animano, con riflessi di luce, l’opera Im Kreis sich drehen: movimenti ritmici che si trasmettono nello spazio da una scultura all’altra, sviluppando tra di esse un dialogo continuo e incessante.Artista versatile e poliedrica, Rebecca Horn ha sperimentato, nel corso della sua lunga carriera, i molteplici linguaggi dell’arte. La scultura, la pittura, il disegno, l’installazione, la fotografia, il cinema, la performance sono i mezzi espressivi con cui conduce da sempre le sue ricerche in modo innovativo.La mostra si potrà visitare fino al 10 settembre.
Rebecca Horn è nata a Michelstadt, Germania, nel 1944. Ha esposto nei principali musei internazionali e ha preso parte ad alcune delle più importanti esposizioni dell’ultimo decennio, da Documenta a Kassel (1972, 1977, 1982 e 1992) alla Biennale di Venezia (1980, 1986 e 1997). I suoi lavori sono nelle collezioni dei maggiori musei quali il Solomon R. Guggenheim di New York, la Tate Gallery di Londra, il Centre Pompidou di Parigi e la Nationalgalerie di Berlino.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napule è…Pediatria Preventiva e Sociale”

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 aprile 2018

Napoli convegno che la SIPPS organizza dal 28 aprile al 1 maggio presso l’Hotel Royal Continental di Napoli. Nel corso della quattro giorni, nel capoluogo campano si confronteranno Pediatri di famiglia ed esperti di Pediatria provenienti da tutta Italia, pronti a discutere su cinque macro aree: dalla Prevenzione alla Gastroenterologia, passando per l’Allergologia, la Nutrizione e la Dermatologia.
Sabato 28, alle ore 17.30, l’inaugurazione, con l’introduzione e la presentazione del Congresso a cura del Dottor Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale.“Si tratta – dichiara il Presidente della SIPPS – di un’occasione preziosa per incontrarci sulle tematiche che più ci stanno a cuore, per approfondire ed implementare gli aggiornamenti e le raccomandazioni riportati nei documenti SIPPS presentati al Congresso Nazionale SIPPS 2017 di Venezia e per introdurre i nuovi lavori di cui parleremo a giugno, durante il nostro Congresso Nazionale 2018 di Siracusa. A Napoli tutti gli argomenti saranno affrontati e discussi con i migliori esperti di ogni settore, per fornire ai colleghi, ai nostri piccoli pazienti e ai loro genitori, le migliori evidenze scientifiche e promuovere comportamenti virtuosi di cui, in ultimo, potranno beneficiare i bambini, gli adulti di domani”.
A conclusione dell’inaugurazione sono previste due importanti letture magistrali. La prima si intitola “L’età del ferro: le nuove acquisizioni”, mentre la seconda ha per titolo “Cosa ci dicono i telomeri dei bambini obesi?”.Ad aprire la giornata di lavori di domenica 29 aprile sarà la “Guida pratica sui corticosteroidi in dermatologia pediatrica”, sessione durante la quale verranno affrontati diversi argomenti: dalla corticofobia alla dermatite atopica fino alla psoriasi. Al termine si terrà la lettura “Probiotici tra disordini funzionali e patologie gastrointestinali”.
La seconda sessione della giornata è in programma nel pomeriggio ed è incentrata su “Il bambino nella sua famiglia. Guida pratica per i genitori”. “Il testo – spiega il Dottor Di Mauro – costituisce un valido supporto per risolvere i dubbi dei genitori e soddisfare la voglia di saperne di più, di approfondire, di “comprendere” e di prendersi cura dei propri figli, con la supervisione ed il supporto del pediatra di fiducia, punto di riferimento principale per la salute del bambino. Questo volume è la riedizione aggiornata della Guida “Da 0 a 6 anni”, nata 10 anni fa grazie all’impegno di un piccolo gruppo di pediatri di famiglia innamorati del proprio lavoro”. Gli esperti della SIPPS avranno circa 20 minuti per parlare di: “E’ arrivata la cicogna”, “Come educare un bambino a mangiare con gusto”, “Aspetti normativi: genitori separati, bambini migranti, bambini adottati”, “Prepararsi ad una nuova gravidanza”, “Pillole dalla Guida: il vomito, la diarrea, la tosse, i pidocchi, la febbre ed il dolore”. La lettura che farà calare il sipario su questa seconda sessione è intitolata “Si fa presto a dire…lavaggio nasale”.Domenica è previsto un corso a numero chiuso, “Dermatologia pediatrica ambulatoriale attraverso casi clinici vissuti”: i pediatri spazieranno dall’uso dei cortisonici topici in età pediatrica alla psoriasi fino alle patologie dell’area genitale e alle malattie dermatologiche che il pediatra non deve ignorare. La terza sessione di “Napule è…” inaugura la giornata di lavori di lunedì 30 aprile ed è incentrata sulla Consensus VIS: gli esperti discuteranno di Vitamine, integratori e supplementi, confrontandosi su Melatonina e Triptofano, Ferro, Calcio, Vitamina D, Vitamina B, Fluoro, Iodio e Zenzero. Al termine la lettura “Reflusso gastroesofageo e dietoterapia”.
Il ricco programma di lunedì prosegue nel pomeriggio: dopo la lettura “Novità nella Distrofia muscolare di Duchenne: dalla genetica alla terapia”, gli OL della SIPPS si confrontano nella IV sessione sulla “Guida pratica per la transizione dal pediatra al medico dell’adulto”: al centro dei lavori la transizione del bambino cardiopatico, con fibrosi cistica, obeso, diabetico e della transizione dell’adolescente sano.La SIPPS non si ferma nemmeno il primo maggio. Nel giorno dedicato alla festa dei lavoratori, si comincia la mattina con la V Sessione: “Position paper sulle diete vegetariane in gravidanza ed in età evolutiva”. I pediatri si soffermeranno su crescita e sviluppo neurocognitivo, diete vegetariane e disturbi della condotta alimentare, corretta idratazione in età pediatrica. “In alcuni casi – afferma la Dottoressa Margherita Caroli, coordinatore del Position Paper – intere famiglie, abbracciano nuovi modelli alimentari, intraprendendo un percorso che necessita peraltro di assunzioni calibrate dei diversi alimenti. I bimbi quindi, soprattutto in questi casi, potrebbero venir esposti a stili alimentari non ideali per la loro crescita”. Fondamentale, inoltre, una corretta idratazione. “Una insufficiente assunzione di acqua – informa Andrea Vania, Professore di Nutrizione Pediatrica all’Università La Sapienza di Roma – è infatti associata ad un indice di massa corporea più elevato e a un rischio maggiore di sviluppare obesità. I piccoli di età compresa tra i 7 e i 10 anni, dovrebbero bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno”.La mattinata terminerà con la lettura intitolata “Formule per il trattamento dell’allergia alle proteine del latte vaccino”.
La SIPPS lascia infine spazio alle giovani generazioni. Lo conferma la VI ed ultima sessione del Congresso, intitolata “Saranno famosi”: un contenitore riservato a comunicazioni, progetti, attività e casi clinici presentati da giovani Medici e giovani Pediatri di famiglia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salvatore Cantalupo in «Vuoto Totale, Azione n.0»

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Napoli Venerdì 27 aprile 2018, ore 21.00 Sabato 28 aprile 2018, ore 21.00 AvaNposto Numero Zero Via Sedile di Porto 55 (Corso Umberto-Via Mezzocannone). Salvatore Cantalupo si esibirà sul palcoscenico del teatro di Via Sedile di Porto nella pièce «Vuoto Totale, Azione n.0» prodotta da Memini Mutamenti Teatro, con musiche di Riccardo Veno e montaggio video di Francesco Albano. «Vuoto Totale è la risposta che diedi al mio maestro, Antonio Neiwiller dopo una lunga improvvisazione – racconta l’interprete e drammaturgo – Lui ci chiedeva sempre le impressioni provate durante il lavoro. Oggi questo “vuoto totale” lo sento intensamente intorno a me, in tutti i campi, dalle arti alle scienze, dalla politica alla fede. Viviamo in un appiattimento totale, in una società malata, dove i valori e le virtù non servono più. Non ho mai lasciato l’arte dell’improvvisazione anzi, il suo codice mi accompagna da sempre. È evidente in tutti i miei lavori». Da questo sentimento trae spunto un lavoro sulla poetica di artisti come James Joyce e Gustav Meyrink, persone tenute ai margini della società per le proprie convinzioni e per il proprio modo di essere. «L’attrito dello spirito con la realtà… la necessità di mangiare non giustifica la prostituzione dell’arte. L’arte è necessità dello spirito» diceva Andrej Tarkovskij principale nume ispiratore di questo percorso – insieme con suo padre Arsenij – famoso per essere l’autore del film di fantascienza “Solaris”, realizzato in epoca sovietica, e considerato uno dei più grandi capolavori della cinematografia di tutti i tempi, delle cui opere verrà proiettato un video-collage. Azione n.0 è parte di un progetto di sperimentazione sull’attore in scena nell’ambito del quale sono già state concepite tredici azioni performative, sviluppate a partire dal 1985 con l’Azione n.1 “Nurage” presentata al Festival Internazionale di Sant’ Anna Arresi, in Sardegna. Rilevanti in tutta la produzione di Cantalupo risultano l’Azione n.3 “Fame”, allestita al Castello di Arcidosso di Grosseto, l’Azione n.4 “Liberi” su installazione dell’artista napoletano Salvatore Vitagliano, l’Azione n.9 “Quegli angeli tristi” presentata al festival di Gibellina e l’Azione n.10 “Li cunti della Bibbia”, rappresentata lo scorso anno proprio all’AvaNposto Numero Zero.Contributo associativo 12€. Ingresso riservato ai soci.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Camilla Borghese: Orizzonte Verticale

Posted by fidest press agency su martedì, 17 aprile 2018

Napoli Sabato 21 aprile 2018 ore 12.00 fino al 12 maggio 2018 sarà inaugurata nelle Sale Espositive di Castel dell’Ovo, per la prima volta a Napoli, la mostra personale della fotografa romana Camilla Borghese dal titolo “Orizzonte Verticale”, a cura di Marina Guida. Ingresso gratuito. Il progetto espositivo è organizzato dalla galleria diretta da Paulo Pérez Mouriz e Guillaume Maitre, Spazio Nuovo, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.
Come nel libro di Stefano Bartezzaghi, docente di Semiotica e di Teorie della Creatività, da cui mutua il titolo, l’Orizzonte Verticale di Camilla Borghese si presenta in forma di caleidoscopio metropolitano, in cui si frammentano e ricompongono in griglie cartesiane nella retina dell’osservatore, elementi eterogenei: forme architettoniche classiche, frammiste a quelle contemporanee. In esposizione circa 25 fotografie di grandi dimensioni, stampate su carta cotone, che restituiscono la visione, che è al contempo reale e metafisica, di tre di città: Napoli, Roma, New York. I particolari architettonici ritratti da Camilla Borghese diventano quasi nature morte, quinte scenografiche, pure astrazioni, giochi di linee perpendicolari ed orizzontali che formano patterns visivi, oltre il tempo lo spazio. Il suo linguaggio fotografico nasce dall’amore per le architetture. Attraverso un gioco di rimandi formali, dall’antichità alla modernità, fa in modo che passato e presente si congiungano in visioni che trascendono il tempo. Ne sono esempio i dittici, nei quali dialogano antichi colonnati della Roma imperiale con pilastri di architetture moderniste, grattacieli scintillanti e ruvidi colonnati classici o chiese barocche.
Il suo sguardo sosta su particolari architettonici, studiandone connessioni ed analogie, angolazioni e simmetrie. Particolare attenzione è dedicata alla condizione di luminosità più idonea, che le consente di rendere in forma visibile un’immagine mentale. La sua fotografia non è mai estemporanea ma costruita, strutturata in diverse fasi. L’artista, infatti, seleziona visivamente l’immagine da realizzare, e successivamente si reca più volte sul luogo prescelto, per intercettare la luce naturale che le consente di arrivare alla costruzione dello scatto definitivo, che raggiunge dopo una lunga e complessa gestazione con il banco ottico. Nelle sue opere vi si rintracciano senza soluzione di continuità, l’armonia della prospettiva rinascimentale, l’astrazione metafisica e le volumetrie di Piero della Francesca, l’assoluto rigore nella costruzione, descritto nel trattato che dall’antichità, ha condizionato il modo di vedere, conoscere, costruire ed abitare lo spazio dell’uomo contemporaneo, che è il De Architettura di Marco Vitruvio Pollione.Grande attenzione è riservata dall’artista alla qualità del supporto fotografico utilizzato, che rende alla perfezione la qualità tattile dei materiali ritratti: dalla fredda e liscia scivolosità delle superfici del vetro e cemento del Seagram Building di Mies Van Der Rohe, alla rugosità del piperno piramidale della Chiesa del Gesù Nuovo di Napoli. I suoi lavori, raccontano delle forme nello spazio, ma soprattutto del tempo e delle condizioni di luminosità in cui sono realizzati, e con questi due parametri istituiscono un dialogo continuo, fino ad arrivare ad un tipo di astrazione, che parte dal dato reale, per approdare ad una dimensione più propriamente metafisica.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“A Napoli si combatte una guerra quotidiana che fa decine di vittime”

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 aprile 2018

“Non c’è giorno in cui non si spari nelle strade, non c’è giorno in cui i poliziotti non mettano a rischio la propria vita. Quanto estrapolato da poche brevi immagini deve essere accertato nei modi previsti, e non accettiamo processi sommari nei confronti di chi giornalmente mette la propria stessa vita al servizio dei cittadini per difenderli da un’aggressione criminale sempre più cruenta. Non accettiamo processi sommari, e neppure le immancabili reprimende dettate più dalla volontà di schierarsi dalla parte della ‘critica a prescindere’ che dalla conoscenza dei fatti e della realtà in cui essi avvengono. Non si può prescindere dall’accertare cosa sia realmente accaduto, in maniera compiuta, per avere una ricostruzione completa che consenta una valutazione dei fatti; non si può prescindere dalla reale e profonda conoscenza del contesto sociale in cui si svolge l’attività di donne e uomini che quando vanno in strada sanno perfettamente di potersi trovare di fronte a qualsiasi cosa, a pericoli che per i più sarebbero inimmaginabili, a situazioni che solo all’apparenza sembrano banali e persino innocue ma che, la storia ce lo insegna, arrivano ad avere conseguenze tragiche e gravissime. E’ bene ricordare che a poche ore di distanza dal momento in cui volava un inopportuno schiaffo contro un soggetto che era appena scappato all’alt fregandosene di avere di fronte dei Poliziotti, in una delle vie centrali della città, invasa da centinaia di persone inermi, sono stati esplosi ben sette colpi di arma da fuoco forse addirittura per una banale questione di viabilità. Questa è Napoli, ed è perfettamente inutile fingere che si tratti di una città in cui le comuni regole civili e legali, le più condivise convenzioni sociali, il più ovvio buonsenso appartengano ai più. E’ una delle città più importanti d’Italia, e aggiungiamo anche una delle più belle e con maggiori potenzialità, ma è ancora letteralmente schiacciata da una vera e propria barbarie che dilaga nei comportamenti criminali e antisociali che mettono a dura prova tutti, primariamente gli Appartenenti alle Forze dell’ordine che combattono giornalmente, e sono pochi, sguarniti, senza mezzi adeguati, con un’età troppo elevata, senza tutele, senza supporti, ma a cui si chiedono quotidianamente veri miracoli”.
Così Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, a proposito delle polemiche seguite al breve video messo in rete che mostra pochi concitati momenti in cui una pattuglia del Nibbio inveisce con un giovane appena fermato ma precedentemente scappato all’alt.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto di musiche della Grecia

Posted by fidest press agency su domenica, 8 aprile 2018

Napoli Mercoledì 11 aprile 2018, ore 21.00 AvaNposto Numero Zero. Napoli, Via Sedile di Porto 55 (Corso Umberto-Via Mezzocannone). Un tuffo nel Mediterraneo, in quella “Terra di Mezzo” fatta di mare, viaggi, storie, umanità e culture che si sono incontrate per millenni, tanto da creare un’unica identità mediterranea. Middle Earth (Μέση γη) è anche il nome del progetto artistico fondato dai musicisti Michalis Papadakis (violino e voce) e Vangelis Giannitsoudakis (lauto cretese) che mercoledì 11 aprile 2018, alle ore 21.00 si esibirà all’AvaNposto Numero Zero in un concerto acustico di musiche della Grecia e del Mediterraneo, il primo in Italia, per il quale i due artisti hanno fortemente voluto Napoli, città che sentono vicina alle loro radici. Nati e cresciuti a Kissamos, cittadina sulla costa nord-occidentale dell’isola di Creta permeata da una forte tradizione musicale, il duo ha maturato le prime esperienze agli inizi degli anni ’90 arrivando a collaborare con artisti connazionali e stranieri lavorando per il teatro, la televisione e il cinema indipendente, questi ultimi ambiti per i quali hanno composto diverse colonne sonore. Propongono un viaggio culturale nel quale l’Oriente e l’Occidente si incontrano, rigenerandosi con le contaminazioni moderne. Un itinerario lungo un percorso storico che comincia con i veneziani e gli ottomani che a Creta hanno lasciato, rispettivamente, il violino e il lauto, continua con le gesta narrate nel poema cavalleresco “Erotokritos”, scritto da Vincenzo Cornaro all’inizio del XVII e prosegue in Tracia e Macedonia per ballare al ritmo della Baiduska, una danza diffusa in tutti i Balcani per spingersi fino a Rodi e all’Asia Minore perseguendo una contaminazione fra generi che trasforma le sonorità meno note al pubblico occidentale e le ritmiche più complesse, rendendole familiari, mediterranee.
Appassionato di musica fin da bambino, Vangelis Giannitsoudakis (1982) inizia a quattordici anni a suonare il violino nella maniera orientale, ma dopo un anno lascia per dedicarsi a bouzouki, chitarra, synth e percussioni avvicinandosi, al tempo stesso alle sonorità greche, al rebetiko e alla musica occidentale, in particolare fusion e jazz. A diciassette anni compra il suo primo lauto cretese. Dal 2001 al 2008, lavora con numerosi gruppi diversi. Michalis Papadakis (1981) ha cominciato da bambino a studiare il violino tradizionale con il maestro Alifieris Stelios e l’acclamato violinista Michalis Kounelaki e il violino classico presso il Conservatorio di Kissamos e Selinou classificandosi, per due anni di seguito secondo al Concorso Nazionale per studenti nella categoria “musica tradizionale” e vincendo, nel 1999, il primo premio al concorso per giovani musicisti PAGKRITIO. Ha imparato a cantare da autodidatta e nel 2009 ha fondato la band Nostodia.Contributo associativo 12€. Ingresso riservato ai soci.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eugenio Bennato in «Qualcuno sulla Terra»

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 aprile 2018

Napoli Martedì 3 aprile 2018, ore 21.00 AvaNposto Numero Zero Via Sedile di Porto 55 (Corso Umberto-Via Mezzocannone) torna ad esibirsi sul palco del teatro di Via Sedile di Porto Eugenio Bennato in una tappa del suo tour «Qualcuno sulla Terra»; un concerto di canzoni inedite sulla natività insieme con “Le Voci del Sud” l’ensemble canora composta da Letizia D’Angelo (soprano), Daniela Dentato (mezzosoprano), Laura Cuomo (contralto), Francesco Luongo (tenore), Angelo Plaitano (baritono) e Edoardo Cartolano (basso). Uno spettacolo diviso in due momenti distinti dedicati rispettivamente alla Creazione e all’Accoglienza, in cui ogni brano contribuisce allo sviluppo narrativo, tramite una formula compositiva che si ricollega alla struttura popolare del “canto cumulativo”, una tecnica in base alla quale ogni strofa si dilata man mano, per contenere tutte le precedenti. A cominciare dalle canzoni “L’amore che muove la Luna” e “Fiat Lux” l’una richiamo alla Genesi, l’alta alla sua favola poetica; dalla scintilla primigenia da cui sono scaturiti luce, movimento e soprattutto bellezza, valore assoluto e indefinibile che supera la ragione e gli sbandamenti dell’umanità, al racconto dell’umanità che, all’alba della civiltà, si guarda intorno e prende coscienza della grandezza e della perfezione dell’Universo e niente, più della Luna, possiede e conserva un più incontaminato segno di bellezza. Il pezzo “L’Arca di Noè” propone una riflessione sul genere umano e la responsabilità che deriva dal suo incontrastato dominio sugli altri esseri viventi. La narrazione prosegue con uno sguardo sul presente e sulla svolta epocale rappresenta dalla Primavera Araba che ha visto, per la prima volta, l’irruzione della volontà giovanile capace di scalzare pacificamente, alla parola d’ordine “Kifaya!” ovvero “Basta!” un potere che sembrava inamovibile; pur con tante incertezze e contraddizioni, è la trasposizione attualizzata della leggenda biblica del piccolo Davide che sconfigge il gigante Golìa. La forza dell’umanità è la sua ragione; così inizia il suo cammino e questo è anche il tema del brano corale dal titolo “Non c’è ragione”. La ballata finale dal titolo “Qualcuno sulla Terra” ripropone i temi attraversati e, in particolare, la responsabilità di ciascuno di fronte alla Storia fatta di guerre e incertezze. Contributo associativo 12€. Ingresso riservato ai soci.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo: Quegli Angeli Tristi

Posted by fidest press agency su martedì, 27 febbraio 2018

Napoli Venerdì 2 marzo 2018, ore 20.30 Sabato 3 marzo 2018, ore 20.30 AvaNposto Numero Zero Via Sedile di Porto, 55 (Corso Umberto-Via Mezzocannone) Spettacolo di e con Salvatore Cantalupo. Testi di Andrej Tarkovskij, James Joyce, Gustav Meyrink. Aiuto regia, Amelia Longobardi. Montaggio video, Francesco Albano. Datore luci, Giuseppina Farella. Una produzione Teatro del Sottosuolo, Teatri Sud Sardegna. Raccontare la vita di poeti tenuti ai margini della società, dare nuova luce ad autori che a tutti i costi anelavano alla bellezza dell’arte e che hanno pagato con l’esilio ed enormi sofferenze le proprie convinzioni. È il filo conduttore di «Quegli Angeli Tristi» lo spettacolo prodotto dal Teatro del Sottosuolo di Carbonia, in cartellone venerdì 2 e sabato 3 marzo (ore 20.30) al Teatro AvaNposto Numero Zero. Un monologo di e con Salvatore Cantalupo tratto dai diari di Andrej Tarkovskij racchiusi nella raccolta ‘Martirologio’ (1970-1986), a cui sono accostati versi del padre Arsenij e, per affinità elettive scritti di alcuni giganti della letteratura come James Joyce e Gustav Meyrink. Assistente alla regia Amelia Longobardi, il montaggio video è affidato a Francesco Albano, datore luci Giuseppina Farella. In esilio volontario dall’amata Russia, Tarkovskij – famoso per essere l’autore del film di fantascienza ‘Solaris’, realizzato in epoca sovietica e considerato in assoluto, uno dei più grandi capolavori della cinematografia di tutti i tempi – raccoglie nei suoi diari il racconto del suo tormentato percorso di artista alla ricerca della libertà, la fatica di portare avanti il proprio impegno, le difficoltà di resistere alla mercificazione dell’arte di fronte alle ristrettezze economiche e alle limitazioni imposte dal potere costituito, con una forte tensione verso la bellezza e il Divino. La rappresentazione che l’attore napoletano porta in scena, vuole essere un tentativo di dare luce alla vita di un uomo e di un poeta dai tratti profetici il quale, pur lontano dal figlio, continua a elogiare la vita con speranza e fede: «l’uomo non è stato creato per essere felice – scrive lo scrittore al figlio – Vi sono cose ben più importanti della felicità. La ricerca della verità è quasi sempre un percorso doloroso. Imparare ad accettare la sofferenza, trasformandola nella nostra anima in conoscenza, è l’unico mezzo necessario al raggiungimento della verità». Contributo associativo 10€. Ingresso riservato ai soci.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoli: ancora bagarre e scontri. Feriti gli appartenenti alle Forze dell’ordine

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 febbraio 2018

“Un nuovo giorno, il solito bollettino di guerra. Stavolta a Napoli sono ben cinque gli appartenenti alle Forze dell’ordine rimasti vittime delle ‘idee pacifiste’ dei gruppi antagonisti che, a ogni buona occasione, manifestano per una libertà di pensiero che ritengono di essere gli unici a poter avere. L’ennesima incredibile situazione verificatasi nel capoluogo partenopeo, e che segue a stretto giro i gravissimi fatti di Piacenza e Bologna, testimonia con chiarezza come sia in atto, su tutto il territorio nazionale, una strategia finalizzata a turbare l’ordine pubblico. Il pericolo legato ai gruppi antagonisti che non si fermano di fronte alla legge né a chi la rappresenta, e che non a caso è stato in passato specificamente segnalato anche dagli organismi di intelligence, non può essere sottovalutato, né si può continuare a lasciare che queste violenze si ripetano approfittando delle continue occasioni legate a manifestazioni politiche. Né, su tutto, si può lasciare che continuino a pagare sulla propria pelle gli appartenenti alle Forze dell’ordine rei solo di svolgere il proprio dovere. E’ inaccettabile che i colleghi continuino a subire ad ogni servizio svolto nel doloso silenzio generale e nell’assoluta mancanza di coraggio nel mettere un argine a tutto questo”.
Così Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo la bagarre avvenuta ieri sera a Napoli in concomitanza con una manifestazione elettorale di Casapound organizzata in un hotel nei pressi della Stazione centrale. La contro-manifestazione degli attivisti dei centri sociali, infatti, si è presto tramutata in scene di guerriglia urbana, durante la quale sono scoppiate anche bombe carta, creando il caos nella zona della stazione fra passanti e automobilisti spaventati, ed è terminata con scontri con le Forze dell’ordine, circa 20 attivisti portati in Questura e denunciati e quattro poliziotti ed un carabiniere feriti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Napoli scontri con le Forze dell’Ordine dopo l’accensione dei fuochi in strada per Sant’Antonio

Posted by fidest press agency su sabato, 20 gennaio 2018

napoli“Napoli assediata dalle baby gang? Napoli è assediata da una subcultura dell’illegalità e dell’inciviltà che governa le vite di pochi e stritola quelle di molti. Una situazione talmente stratificata da richiedere sforzi straordinari, perché con gli strumenti ordinari non si riesce più a fronteggiare la diffusa criminalità che inquina una delle più belle città italiane, popolata da una maggioranza di persone perbene desiderose di essere liberate dalla soffocante e schiacciante prevaricazione di chi vive letteralmente al di fuori di ogni regola legale e civile, che frena ogni decisivo sviluppo economico e sociale. Lo Stato deve fare un investimento strategico su Napoli sul piano della sicurezza in termini di uomini e di mezzi, e soprattutto anche nel sociale. Ecco perché il Coisp propone un arruolamento straordinario di mille poliziotti per disarticolare i sistemi criminali e rinforzare in modo corposo e permanente il controllo del territorio”.
Così Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo che ieri notte, a Napoli, la ricorrenza di SantAntonio Abate si è trasformata nell’ennesima occasione di scontri e aggressioni contro le Forze dell’Ordine intervenute per via dei numerosi fuochi accesi per le strade cittadine secondo una vecchia tradizione ormai fuori controllo. Polizia e Carabinieri, però, sono stati accolti dalla reazione violenta non solo dei numerosi giovani che avevano appiccato gli incendi e che hanno fra l’altro scagliato contro di loro dei sassi, ma anche di molti residenti che dai balconi hanno lanciato oggetti di vario genere. Nella confusione una poliziotta è stata colpita a un piede da una pietra, mentre un carabiniere è caduto provocandosi delle contusioni per le quali è stato necessario medicarli in ospedale, mentre alla fine gli operatori hanno sequestrato ingenti quantitativi di legname e altro materiale.
“I fatti accaduti nella notte – insiste Pianese -, sono di una gravità assoluta e denotano un profondo spregio di ogni regola, al di là di ogni insostenibile richiamo a presunte tradizioni religiose. A Napoli, stanotte, sono stati commessi dei reati, e non di poco conto, che vanno a sommarsi agli episodi di violenza che quotidianamente riempiono le cronache e giungono, oltre tutto, proprio all’indomani della visita del Ministro Minniti in città, dove si è recato per discutere dell’emergenza criminalità. Sono la risposta che si fa beffe delle dichiarazioni di impegno di uno Stato che deve fare di più, molto molto di più di quanto si è fin qui prefisso, di fronte a un problema che non si può circoscrivere al fenomeno baby-gang, solo adesso esploso sul piano mediatico, espressione di una questione di cultura dell’illegalità e del mancato rispetto persino di ogni civile convenzione profondamente radicate e diffuse”.(n.r. L’emergenza criminalità si combatte, a nostro avviso, in un solo modo: rendendo certa la pena e con sentenze emesse in tempi brevissimi. Quante volte sentiamo i commenti dei poliziotti che arrestano qualcuno in flagranza di reato e se lo ritrovano il giorno dopo allo stesso posto a deriderli. Inoltre non si tratta solo di condannarli ad una pena detentiva ma per i reati minori, e per i minorenni nello specifico, è necessario non solo prevedere un periodo di tempo da assegnare ai servizi sociali ma anche la frequenza a lezioni di educazione civica.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giò Cristiano e Dean Bowman in concerto

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 dicembre 2017

AvaNpostoNapoli Venerdì 8 dicembre, ore 21.00 Via Sedile di Porto, 55 (Via Mezzocannone) AvaNposto Numero Zero si esibiranno sul palco dell’AvaNposto Numero Zero Giò Cristiano e Dean Bowman, nell’unica data napoletana del loro «Jazz Gospel Project Tour». Un viaggio alle radici della black music, un percorso che attraversa tutta la storia della musica Afro-Americana. Una tappa del percorso cominciato nel 2010 e già approdato all’album Voodoo Miles (2015), che ha visto la partecipazione del sassofonista Daniele Sepe. Il viaggio, questa volta è declinato in chiave acustica, proponendo un tuffo nella vocalità black gospel più autentica, accompagnato solo dalla chitarra e dal piano dello special guest Lorenzo Natale, per la prima volta con il duo. Uno spettacolo intimo molto lontano dalle sonorità elettriche del disco, per un pubblico attento. L’evento, nasce dall’intesa e dalla collaborazione con la direzione artistica del teatro che, con questo concerto, che verrà registrato e diffuso come produzione AvaNposto, si propone come un luogo di riferimento del jazz a Napoli, con l’obiettivo di dare vita ad una rassegna in tema e che, a partire da gennaio, ospiterà corsi di chitarra e pianoforte, organizzati in collaborazione con la casa discografica Aspro Cuore Recording.
Dean Bowman è uno degli artisti più rappresentanti della scena jazzistica Newyorkese. La poderosa tecnica vocale e la profondità delle sue interpretazioni, lo hanno reso uno dei più importanti musicisti della scena mondiale. Il “jazz vocalist con l’animo da rocker” è, infatti, stato al fianco di musicisti del calibro di John Scofield, Don Byron, Screaming Headless Torsos, Mingus Big Band, Brass Fantasy, Lester Bowie, Uri Cane e molti altri.
Giò Cristiano, chitarrista napoletano classe ’79, ha lavorato al fianco di musicisti del calibro di Reggie Washington. È un musicista enigmatico, costantemente alla ricerca di nuovi percorsi in territori, al confine fra diverse tradizioni e culture, in grado di esplorare diverse regioni sonore, immergendosi con naturalezza nelle sonorità del blues gospel, della tradizione popolare mediterranea e del jazz contemporaneo. Nel corso del tempo, si è impadronito di diverse tecniche, che lo hanno portato a definire uno stile molto personale, lontano da manierismi e stilemi. Contributo associativo AvaNposto Numero Zero 12€. Ingresso riservato ai soci. (foto: AvaNposto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coisp: emergenza criminalità a Napoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 novembre 2017

domenico pianeseA due mesi dal suo ultima viaggio in città, il Segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia è tornato a Napoli per analizzare assieme ai Dirigenti del Coisp della Campania le problematiche relative alle drammatiche condizioni in cui versa la sicurezza sul territorio.
Domenico Pianese di nuovo nel capoluogo campano, trascinato dalla necessità di un incalzante confronto con i colleghi in tema di “quella che non si può più chiamare ‘emergenza criminalità’ – spiega – perché la violenza e l’illegalità diffusa che spadroneggiano a tratti sul territorio hanno i connotati di un fenomeno endemico. Un fenomeno che continua quotidianamente a manifestarsi con episodi efferati, tutti generati da una mentalità che promana dall’esistenza di realtà criminali che, nel corso del tempo, hanno continuato a incidere profondamente nella vita della comunità”.
“Ho detto a settembre – aggiunge Pianese – che questa battaglia contro la criminalità e l’illegalità diffusa lo Stato deve decidere di vincerla e deve dimostrarlo con una risposta ferma, severa, organizzata, lungimirante. E lo ripeto oggi che, purtroppo, ci troviamo a dover rispondere alla medesima gravissima situazione, ancora senza i numeri, i mezzi, le dotazioni e le risorse adeguate. In queste stesse ore il Capo della Polizia, a pochi chilometri da qui, ribadisce come le risposte che la cittadinanza chiede e che le circostanze impongono debbano manifestarsi sul territorio, con la presenza delle Forze dell’Ordine. E nello stesso contesto, però, Gabrielli non può che rilevare quanto pesi il fatto che abbiamo organici ‘non più aderenti ai tempi’, e che paghiamo problemi che vengono da lontano e ancora si trascinano. Ebbene, riportare ordine e sicurezza in territori in cui la civile convivenza è talmente compromessa obbliga ad adottare contromisure massicce. Non è possibile c
he continuiamo a parlare di ‘emergenza’ criminalità senza che si reagisca di conseguenza. I colleghi che pure si sacrificano al limite della resistenza, mettendo continuamente a rischio la propria incolumità per rispondere al loro senso del dovere, hanno bisogno di un sostegno forte ed evidente delle Istituzioni, che non possono mettere la sicurezza fra le voci dei ‘costi’ per lo Stato. E’ tempo di investimenti straordinari che rispondano a un preciso ordine di priorità in cui la sicurezza, da cui dipende il funzionamento e lo sviluppo in tutti gli altri settori, deve essere al primo posto. Il nostro dovere di appartenenti alle Forze dell’Ordine – conclude Pianese – è fare del nostro meglio per garantire ordine e sicurezza. Il dovere di chi prende decisioni per l’intero Paese è metterci in condizione di farlo al meglio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nomina Melillo a capo dell’ufficio inquirente di Napoli

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 luglio 2017

melillo giovanni‘La scelta del CSM di nominare a capo dell’ufficio inquirente di Napoli il dottor Giovanni Melillo premia un magistrato che ha dimostrato sul campo di possedere le doti necessarie per dirigere con autorevolezza l’ufficio di Procura partenopeo. “Il neo Procuratore, dichiara l’On. Amedeo Laboccetta deputato napoletano di Forza Italia, al quale va il mio augurio di buon lavoro, ha profonda conoscenza del territorio avendovi operato con brillanti risultati prima da Pretore e poi da sostituto Procuratore e da coordinatore della DDA’ e già componente della commisione parlamentare antimafia. ‘Saluto con piacere – soggiunge – questa nomina perchè con essa si pone fine ad una periodo di precarietà nella gestione del vertice dell’ufficio che ora sotto la guida di Melillo riprenderà con rinnovato vigore la lotta alla criminalità organizzata e comune.” “Colgo nella scelta di Melillo – prosegue il parlamentare – un significativo cambio di passo da parte del Consiglio Superiore che, forse per la prima volta, affida ad un magistrato relativamente giovane un incarico di questa importanza, rompendo con una prassi che vedeva collocati in posti di così alta responsabilità magistrati il più delle volte prossimi alla pensione. Il Procuratore Melillo ha davanti a sé un lungo periodo di responsabilità nella conduzione dell’ufficio che contribuirà a dare un assetto direzionale di largo respiro e di ampia visione programmatoria.”

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Art Performing Festival

Posted by fidest press agency su domenica, 23 luglio 2017

Cristina CianciUltima Fila ContemporaneaNapoli Lunedì 24 luglio 2017 ore 18.00 inaugurazione dell’installazione di Cristina Cianci ore 20.00 performance di Lucio DDTart Mercoledì 26 luglio 2017 ore 20.00 opera performativa VESUVIO2 del collettivo Ultima Fila Contemporanea Via Sedile di Porto, 55 (Via Mezzocannone, C.so Umberto) Ingresso libero a tutti gli eventi
Fra le sedi che ospitano la seconda edizione dell’Art Performing Festival, c’è anche l’AvaNposto Numero Zero. Ideato dallo storico dell’arte Gianni Nappa e organizzato in collaborazione con i curatori Emiliano Aiello, Dario Di Sessa, Pantaleo Musarò e Gino Quinto, la società di marketing e comunicazione Global Strategies di Ester Esposito e gli Assessorati alla Cultura e al Turismo e alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli, l’unico festival italiano delle arti performative animerà la città di Napoli fino al 7 agosto con mostre, concerti e rappresentazioni sui temi Femminile, Mediterraneo e Terra Madre.
Tre, le iniziative in calendario, presso il teatro di Via Sedile di Porto. Si comincia lunedì 24 luglio con un doppio appuntamento; alle 18.00 inaugurazione dell’installazione dell’artista Cristina Cianci, che sviluppa un progetto sul Femminile proponendo un trittico realizzato in tessuto basato sul culto degli ex-voto in cui, oggetto di devozione sono elementi legati alla maternità del corpo femminile, che assume un valore sacro nella sua stessa materialità, intendendo la Materia derivata da Mater, Madre. Un richiamo alle origine, alla forma che ha contenuto e protetto tutti noi, sublimata nell’idea di Grande Madre Terra. Cristina Cianci si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Napoli, specializzandosi in seguito in Grafica e Incisione. Finalista nel 2004 al Premio Nazionale delle Arti del MIUR, la sua opera L’Albero è stata inserita nella collezione del Museo d’Arte Religiosa Contemporanea di Napoli, nel Complesso Monumentale di Santa Maria la Nova. Ha all’attivo numerose personali e collettive, anche all’estero.
Lucio DDTartAlle 20.00, si esibirà il Giuseppe Labriola, in arte Lucio DDTart che porterà sul palco, dopo un’assenza di sette anni, la performance Disastro, un’improvvisazione di denuncia sull’inquinamento, la distruzione del pianeta, l’assenza di rispetto del genere umano per l’ambiente. Un personaggio eremita, sopravvissuto all’ecatombe nucleare porterà, con una sorpresa, il proprio messaggio di speranza, per invogliare tutti noi ad una riflessione. Scultore, pittore e performer, Lucio si è laureato all’Accademia di Belle Arti di Napoli ed è docente di Arte e Immagine. Alla base della sua ricerca artistica c’è una grande curiosità naturalistica che lo ha portato a studiare Ornitologia e, soprattutto Entomologia dal momento che sono proprio gli insetti, in particolare gli scarabei per le loro forme e i colori dai riflessi metallizzati, i modelli principali delle sue opere, realizzate spesso con materiali riciclati. Da questo interesse deriva il nome d’arte, quello del primo veleno insetticida. Ha presentato i propri lavori in diverse sedi prestigiose, anche all’estero e nel 2016 le sue sculture sono state esposte presso l’atelier Hamak-Ho durante le sfilate di Pitti Uomo a Firenze.
Ispirata dalla cronaca di questa estate di roghi la performance VESUVIO2 del collettivo Ultima Fila Contemporanea in programma mercoledì 26 luglio alle 20.00 che pone il pubblico in diretto contatto con quanto è avvenuto in queste settimane e con la mediaticità delle nostre sensazioni amplificate dai social network e la concretezza della terra, delle piante e della vita distrutte dalle fiamme. Il collettivo nasce nel 2016 grazie alla collaborazione tra Giovanni De Feo, Simone D’Alterio, Lucrezio Catapano e Salvatore Ianniello, in scena insieme con Luigia Conte, tutti ancora studenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli conosciutisi alle lezioni di Storia dell’Arte Contemporanea sedendo, per l’appunto, in ultima fila. Il loro campo di ricerca spazia dall’arte digitale alle pratiche performative, passando dalle sperimentazioni pittoriche, musicali e installative spesso incentrate sulla relazione tra spazio pubblico e individui. (foto: cristina cianci, Lucio, Ultima Fila Contemporanea)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoli: Maradona day

Posted by fidest press agency su martedì, 4 luglio 2017

maradonaNapoli mercoledì 5 luglio nella grande piazza che sarà invasa dai tifosi e dagli appassionati provenienti da tutta La regione e non solo conferimento della cittadinanza onoraria a Diego Armando Maradona. Canale 21 trasmetterà in esclusiva ed in diretta la manifestazione cogliendo anche gli aspetti più reconditi e spettacolari.
La mega diretta di Canale 21 avrà inizio dalle ore 19.30 con studio centrale, un salotto su Palazzo Reale, inviati in piazza Plebiscito e nel backstage per vivere insieme la lunga attesa, con interviste esclusive ai protagonisti, di un momento magico atteso con trepidazione da milioni di tifosi del Pibe de Oro. Una maratona tv, coordinata in studio dal direttore editoriale del Vg21 Gianni Ambrosino con Titti Improta e una serie di collegamenti in diretta con i giornalisti Peppe Iannicelli, Veronica Bencivenga, Antonio Salamandra e Davide Uccella.
Alle ore 21.30 via alla serata con il conferimento della cittadinanza onoraria di Napoli a Diego Armando Maradona dal sindaco Luigi De Magistris. Subito dopo parte la festa: un fantasmagorico mix di spettacolo, amarcord, emozioni, grandi protagonisti. Sul palco si alterneranno i conduttori Gigi e Ross, la magnifica Belen Rodríguez che annuncia un tango con il più grande calciatore della storia, Nino D’Angelo che intonerà “I ragazzi della curva B” canzone simbolo del tifo azzurro, i campioni del primo scudetto, Lina Sastri, Serena Rossi, i grandi sportivi napoletani e tanti ospiti dello sport e dello spettacolo che saranno confermati nelle prossime ore. Continue le incursioni sul palco del direttore artistico Alessandro Siani che porterà in scena i grandi miti napoletani: spaghetti, caffè, sfogliatelle e…. Diego Armando Maradona.
Nessuna limitazione di pubblico quindi per un evento destinato a passare alla storia della città di Napoli e del Calcio che resterà nel cuore dei presenti ma anche dei milioni di tifosi che vi parteciperanno attraverso la diretta televisiva esclusiva di Canale 21 e tramite i social. Tutto in diretta su Canale21, la tv dei grandi eventi.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Torna in scena al San Carlo, dopo 23 anni di assenza, Manon Lescaut

Posted by fidest press agency su domenica, 11 giugno 2017

Teatro di San Carlo. 2009

Teatro di San Carlo

Napoli giovedì 15 giugno alle 20.30. Sei recite (fino al 21 giugno) che vedranno Orchestra e Coro del Massimo napoletano diretti da Daniel Oren, maestro con cui le compagini sancarliane possono vantare un’intesa di lunga data, e un legame consolidato. La regia è di Davide Livermore che insieme a Giò Forma firma anche le scene, i vivacissimi costumi del talento di Giusi Giustino. Nel ruolo del titolo Maria José Siri – molto applaudita lo scorso anno in un altro titolo pucciniano, Suor Angelica – che si alternerà con Ainhoa Arteta (impegnata il 16, 18 e 20 giugno); Renato Des Grieux avrà la voce di Roberto Aronica e Murat Karahan (16, 18 e 20 giugno); il baritono Alessandro Luongo sarà Lescaut, fratello della sensuale protagonista, mentre Carlo Striuli interpreterà il vendicativo Geronte di Revoir che per la recita del giorno 20 avrà invece il volto e la voce di Gianvito Ribba (a margine la locandina completa).Daniel Oren torna al Massimo napoletano a pochi mesi dal successo di Adriana Lecouvreur di Cilea, in scena lo scorso ottobre. Un legame consolidato, quello tra Oren e il San Carlo, Teatro dove il maestro israeliano ha esordito nel 1980 e dove ha regalato esecuzioni memorabili, tra queste ricordiamo, nel 1982 la prima opera diretta al San Carlo, Tosca di Puccini con Raina Kabaivanska, che ha guidato in seguito ne La vedova allegra e Falstaff del 1985, in Manon di Massenet nel 1990, Adriana Lecouvreur nel 1992 e nuovamente in Tosca nel 1996. In quest’ultimo allestimento venne scritturato anche Luciano Pavarotti, con cui Oren ha portato in scena Un ballo in maschera di Verdi (1994) e Messa da Requiem nel 1996 (al Palasport di via Argine). E ancora, Don Carlos del 1984 (con Renato Bruson e Ghena Dimitrova), Nabucco del 1991, Otello e La Forza del destino del 1992, Carmen per la regia di Pappi Corsicato (2000), La Bohéme con la regia di Franco Zeffirelli (1996), Lucia di Lammermoor (1993) e Aida (1998).Davide Livermore, torinese, classe ’66, è dal gennaio 2015 General Manager e Direttore Artistico del Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia. La sua ventennale carriera lo ha portato a calcare i palcoscenici di tutta Europa, pur non dimenticando Torino. Artista poliedrico è regista scenografo, costumista, cantante, attore, autore e insegnante. È riconosciuto a livello internazionale come uno dei registi più talentuosi della sua generazione e ha firmato produzioni dei più importanti teatri e festival: Maggio Musicale Fiorentino, Regio di Torino, Carlo Felice di Genova, La Fenice di Venezia, Rossini Opera Festival di Pesaro, i teatri d’opera di Philadelphia, Montpellier, Avignone, Tokyo e Seoul. Al Teatro di San Carlo Livermore è stato applaudito per Demetrio e Polibio di Rossini, in scena nella stagione 2012/2013.Questa nuova produzione, che arriverà nel 2018 a Barcellona e nel 2019 a Valencia, pone ad incipit del I atto un Des Grieux anziano, che nel 1954 ritorna a Ellis Island, porta d’ingresso per coloro che approdavano negli Stati Uniti, e ricorda l’amore antico e le vicende narrate nel 1892 con l’escamotage del flash back i ricordi e la vicenda di Manon vengono rivelati con i costumi tradizionali e dal sapore antico di Giusi Giustino e con le scene (disegnate da Davide Livermore e Giò Forma) che, all’interno di un contenitore ben definito, fanno riemergere man mano la stazione di Amiens, il boudoir di Manon, la prigione, un porto, lo spazio di quarantena di Ellis Island e tutti i complessi ed infiniti dettagli della vicenda.
In attesa del debutto di Manon, grande successo ha riscontrato il progetto #MA_NON, iniziativa della Direzione Marketing e Affari Istituzionali del Teatro di San Carlo, tesa a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della tratta delle schiave, ovvero dello sfruttamento delle donne nigeriane che giungono nel nostro Paese in cerca di un avvenire migliore e che invece si ritrovano nel mercato italiano della prostituzione. Lo scorso lunedì 5 giugno e martedì 6 giugno migliaia di persone, lungo le strade del centro di Napoli, hanno raccolto l’appello delle giovani attrici vestite da Manon (anch’essa deportata come prostituta nelle Americhe) e hanno scritto, per oltre 35 metri, su un grande rotolo di carta bianca il proprio pensiero o augurio rivolto a queste giovani donne e ai loro sogni, utilizzando l’hashtag #MA_NON. L’iniziativa si è avvalsa della collaborazione con importanti associazioni del territorio, tra le quali ricordiamo Casa Ruth.Manon Lescaut, primo vero successo (in una cronologia che si estenderà fino al 1924) del giovane Giacomo Puccini, andò in scena per la prima volta al Teatro Regio di Torino il 1°febbraio del 1893. Suscitò consenso unanime e immediato di pubblico e critica, contrariamente a capolavori successivi, come La Bohéme, Tosca, Madama Butterfly, che ebbero invece debutti più incerti. Un esito particolarmente felice grazie anche ad una partitura che vede fondersi mirabilmente la grande scuola italiana con la lezione wagneriana. L’autore, per nulla spaventato dal confronto con l’omonima opera di Massenet, scrisse: “Lui la sentirà da francese, con la cipria e i minuetti. Io la sentirò all’italiana, con passione disperata”.
Prima eroina pucciniana che ancora oggi commuove il pubblico dei teatri di tutto il mondo, Manon ebbe una gestazione lunga e travagliata, a cominciare dal libretto, ispirato al romanzo Histoire du chevalier des Grieux et de Manon Lescaut di Antoine François Prévost, che passò di mano in mano, tanto che Ricordi stampò la prima edizione senza i nomi degli autori. A redigere i versi erano stati principalmente Domenico Oliva e Luigi Illica, con interventi di Marco Praga, Ruggero Leoncavallo, gli stessi Giacomo Puccini e Giulio Ricordi e ancora Giuseppe Adami. Fu proprio con l’aiuto di Illica che Puccini eliminò l’atto dell’idillio amoroso e trasformò i due quadri dell’atto III in atti separati (III e IV).La vicenda narrata è quella dell’avvenente Manon, indecisa tra l’amore dello studente Renato Des Grieux e quello del ricco tesoriere Geronte di Ravoir. Le attenzioni e le ricchezze di Ravoir la conquisteranno più che la spontaneità di Des Grieux con cui tuttavia sarà colta in flagrante proprio da Geronte. Manon dunque viene denunciata come prostituta e condannata all’esilio negli Stati Uniti, terra dove arriverà con il fedele Des Grieux, tra le cui braccia, stremata dalla fatica, si spegnerà.
Manon Lescaut fu rappresentata l’ultima volta al Teatro di San Carlo nel 1994 proprio con la direzione di Daniel Oren e per la regia di Beppe De Tomasi. Tra gli interpreti Miriam Gauci (Manon), Nicola Martinucci (Des Grieux), Anthony Michaels Moore (Lescaut), Alfredo Mariotti (Geronte).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »