Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘neutralità’

Neutralità carbonica

Posted by fidest press agency su sabato, 3 luglio 2021

Parma università. Si è parlato di neutralità carbonica, requisito essenziale per un futuro davvero sostenibile, nella riunione del Tavolo di Coordinamento della Ricerca Industriale dell’Università di Parma – TACRI che si è tenuta al Campus Scienze e Tecnologie. Il TACRI ha ospitato per la prima volta i rappresentanti dell’Alleanza Territoriale Carbon Neutrality di Parma, per avviare la discussione sui temi economico-ambientali legati alla neutralità carbonica nel territorio, insieme a imprese e istituzioni, con particolare attenzione alle principali azioni concrete da intraprendere. Ad aprire e chiudere i lavori sono stati il Rettore Paolo Andrei e il Pro Rettore per la Terza Missione Fabrizio Storti, che ha condotto la mattinata. Numerosi gli interventi, in presenza o in collegamento. Per la Regione Emilia-Romagna la Vicepresidente Elly Schlein, l’Assessora alla Montagna, Aree interne, Programmazione territoriale, Pari opportunità Barbara Lori e l’Assessore allo Sviluppo economico e Green economy, Lavoro, Formazione Vincenzo Colla. Per la Provincia di Parma il Presidente Diego Rossi. Per il Comune di Parma l’Assessora alle Politiche di sostenibilità ambientale Tiziana Benassi e l’Assessore al Bilancio con delega ai Rapporti con l’Università Marco Ferretti. Sono intervenuti anche Cesare Azzali, Direttore dell’Unione Parmense degli Industriali, Agostino Maggiali, Presidente dell’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale (Parchi del Ducato), Maria Paola Chiesi, Presidente del Consorzio Kilometroverde Parma, Andrea Zappettini, Direttore di CNR-Imem, Eriberto De Munari, Direttore della Sezione di Parma di Arpae Emilia-Romagna, Attilio Raimondi del Servizio Politiche Energetiche della Regione Emilia-Romagna, Marina Silverii, Direttrice di ART-ER, Massimo Mazzer di CNR-Imem, Davide Bollati, Presidente di Davines e socio di “Parma, io ci sto!”, Michela Bolondi, Vicepresidente di Legacoop Emilia-Ovest, Enzo Bertolotti, Energy Manager del Comune di Parma. Nel corso dell’incontro più volte è stata rimarcata l’importanza delle sinergie e del gioco di squadra, nell’ottica della sostenibilità come imperativo per tutti e nel quadro di un progetto, l’Alleanza Territoriale Carbon Neutrality Parma, che può fare da apripista per altre realtà.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

PE: l’industria navale deve contribuire alla neutralità climatica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2020

Brussels. Per decarbonizzare il trasporto marittimo, il Parlamento ha votato per includere le emissioni di CO2 del settore marittimo nel sistema per lo scambio delle quote di emissione dell’UE.Con 520 voti favorevoli, 94 contrari e 77 astensioni, il Parlamento ha adottato mercoledì la sua posizione sulla proposta della Commissione per riformare il sistema UE per il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di CO2 generate dal trasporto marittimo (il Regolamento UE MRV).I deputati concordano sulla necessità di allineare gli obblighi di comunicazione dell’UE e dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO), così come proposto dalla Commissione, osservando tuttavia come l’IMO abbia compiuto progressi insufficienti per raggiungere un accordo sulle emissioni di gas a effetto serra (GHG).Hanno poi chiesto alla Commissione di esaminare l’integrità ambientale delle misure decise dall’IMO, anche alla luce degli obiettivi dell’accordo di Parigi. Secondo i deputati, è necessario con urgenza un ambizioso accordo globale sulle emissioni di gas serra provenienti dal trasporto marittimo.Il Parlamento chiede che le navi di stazza lorda pari o superiore a 5 000 tonnellate siano essere incluse nel sistema per lo scambio delle quote di emissione dell’UE (ETS UE)Tuttavia, tali politiche di riduzione delle emissioni basate sul mercato non sono considerate sufficienti e si chiede alle compagnie di navigazione di ridurre di almeno il 40% le emissioni annue di CO2 per attività di trasporto entro il 2030.
I deputati chiedono un “Fondo per gli oceani” per il periodo 2022-2030, finanziato con i proventi della vendita all’asta delle quote nell’ambito dell’ETS, per rendere le navi più efficienti dal punto di vista energetico e per sostenere gli investimenti in tecnologie e infrastrutture innovative come i combustibili alternativi e i porti ecologici. Il 20% delle entrate del Fondo dovrebbe essere utilizzato per contribuire alla protezione, al ripristino e alla gestione efficiente degli ecosistemi marini colpiti dal riscaldamento globale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strategia europea per l’idrogeno per raggiungere la neutralità climatica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Il Comitato europeo delle regioni ha adottato il parere Verso una tabella di marcia per l’idrogeno pulito – Il contributo degli enti locali e regionali a un’Europa climaticamente neutra . La relatrice è Birgit Honé (DE/PSE), ministra degli Affari federali ed europei e dello sviluppo regionale del Land Bassa Sassonia. Il parere presenta un’ampia gamma di misure legislative e non legislative specifiche per lo sviluppo di un’economia dell’idrogeno verde come elemento essenziale della decarbonizzazione, in particolare nell’industria e in alcuni settori dei trasporti. L’idrogeno rappresenta attualmente meno dell’1 % del consumo energetico dell’Europa e per la maggior parte non viene prodotto da fonti energetiche rinnovabili.Il Green Deal europeo deve essere un elemento chiave della ripresa europea post Covid-19, e l’idrogeno verde è una fonte energetica prioritaria per conseguire la neutralità climatica. Questo è il messaggio principale emerso dal dibattito sul parere sull’idrogeno pulito, condotto da Birgit Honé (DE/PSE) , ministra degli Affari federali ed europei e dello sviluppo regionale del Land Bassa Sassonia.Nell’ambito della nuova strategia industriale per l’Europa , il CdR esorta la Commissione a promuovere mercati di riferimento per le tecnologie e i sistemi dell’idrogeno verde, in particolare nei settori dell’acciaio, del cemento e della chimica, dove l’idrogeno verde è un’opzione fondamentale per la decarbonizzazione.Il CdR esorta vivamente la Commissione europea a sostenere lo sviluppo e l’attuazione di strategie e programmi regionali per le catene del valore e i poli dell’idrogeno verde, compresa una tabella di marcia integrata di misure legislative e non legislative volte a creare un mercato unico dell’UE per l’idrogeno verde, e obiettivi ambiziosi per stimolare la capacità di produzione. Il parere sottolinea il ruolo delle città e delle regioni come elementi propulsivi della ricerca e degli investimenti in questa tecnologia e invita a sostenere i progetti a favore dell’idrogeno a livello regionale.L’Assemblea delle città e delle regioni dell’UE invita la Commissione europea a creare un quadro giuridico per importanti progetti di comune interesse europeo nel campo dell’idrogeno verde e chiede agli Stati membri di utilizzare tale quadro per progetti di dimostrazione su vasta scala.I leader locali e regionali sostengono una revisione della direttiva sulla tassazione dell’energia che allinei tale tassazione agli obiettivi del Green Deal europeo, e invitano gli Stati membri a ridurre la pressione fiscale sull’elettricità a basse emissioni di carbonio.Il CdR chiede di migliorare la dotazione finanziaria del programma che succederà all’impresa comune Celle a combustibile e idrogeno , in modo che possa sostenere un maggior numero di progetti dimostrativi e la cooperazione con il partenariato Valli europee dell’idrogeno , un’associazione europea dedicata, che comprende oltre 30 regioni di 13 paesi europei (fra cui Piemonte, Emilia-Romagna, Umbria e la Provincia autonoma di Bolzano).A margine dell’adozione del parere si è svolto un dibattito ad alto livello sul Green Deal europeo, la strategia di crescita dell’UE volta a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Il 15 giugno il CdR ha lanciato il gruppo di lavoro Il Green Deal a livello locale . Composto da 13 rappresentanti eletti a livello locale e regionale , ha l’obiettivo di trasformare il Green Deal in progetti concreti e finanziamenti diretti alle città e alle regioni per attuare sul campo la transizione sostenibile.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grohe Zero – Obiettivo: neutralità CO2 entro il 2020

Posted by fidest press agency su domenica, 17 novembre 2019

Düsseldorf. Da circa 20 anni il tema della sostenibilità ambientale è considerato un elemento imprescindibile nella strategia aziendale di GROHE. Già nel 2000 il brand internazionale, leader nelle soluzioni complete per il bagno e sistemi per la cucina, aveva deciso di adottare “principi e linee guida per la sostenibilità ambientale” al fine di migliorare costantemente tutti i prodotti, i processi produttivi e i servizi a tutela dell’ambiente. Da allora, GROHE ha imposto nuovi standard di settore, adottando un approccio alla sostenibilità a 360 gradi, che coinvolge i propri impiegati, fornitori, clienti, processi produttivi e prodotti, così come e il contributo sociale fornito dall’azienda. Con l’obiettivo di diventare il primo produttore nel settore idrotermosanitario a raggiungere la neutralità nell’emissione di CO2 entro il 2020, GROHE ha ancora una volta rafforzato il proprio impegno: lo scorso luglio infatti, tutti i cinque stabilimenti GROHE, così come i centri logistici presenti in Germania, sono stati riconvertiti e sono oggi alimentati con energia elettrica verde, come parte dell’iniziativa “GROHE ZERO”. Il prossimo aprile 2020, con l’inizio del nuovo anno fiscale, GROHE controbilancerà le emissioni di CO2 inevitabili, realizzando due progetti di compensazione.Questa iniziativa è direttamente ricollegabile alle diverse misure attivate presso gli stabilimenti GROHE, finalizzate alla riduzione a lungo termine delle emissioni di carbonio e alla conservazione delle risorse: GROHE ha investito in impianti di cogenerazione, ha ricevuto la certificazione Silver dal German Sustainable Building Council per l’ampliamento dello stabilimento di Klaeng, in Tailandia, e ha costruito un laboratorio sperimentale all’avanguardia a Hemer, in Germania. Inoltre, GROHE utilizza tecnologie avanzate che favoriscono l’aumento della sostenibilità, come per esempio la stampa 3D su metallo, introdotta quest’anno, che permette di risparmiare sui materiali utilizzati.Come risultato, GROHE ha aumentato del 24% la propria efficienza energetica e dal 2014, anno in cui l’azienda si è dotata di un programma per la sostenibilità ambientale, ha ridotto del 40% le emissioni di gas serra, superando ampiamente di almeno il 20% gli obiettivi prefissati per il 2021.
GROHE supporta due progetti di compensazione per controbilanciare le emissioni di CO2: nel nord dell’India, il funzionamento di una centrale idroelettrica consente di rimpiazzare l’energia elettrica derivante da centrali a carbone. In Malawi, stato africano privo di sbocchi sul mare, è stato avviato un progetto per consentire la riparazione e la manutenzione di pozzi trivellati utilizzati per ottenere acqua potabile. Grazie ad alcuni progetti accuratamente selezionati, GROHE sostiene attività che si basano su criteri estremamente rigorosi, come ad esempio lo Standard Gold, sviluppato sotto l’egida del WWF. Oltre a evitare la produzione di CO2, queste misure contribuiscono a favorire uno sviluppo più sostenibile, ecologico e sociale nell’ambito dei progetti ambientali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Candidatura presidente C.R.I.

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 gennaio 2010

Dichiarazione della senatrice Mariapia Garavaglia (PD) “Spero proprio che la notizia della candidatura del Prof. Massimo Barra, presidente della Croce  Rossa Internazionale e della Mezza Luna Rossa, nelle liste dell’Udeur a sostegno di Renata Polverini nel Lazio sia destituita di fondamento. Sarebbe infatti gravissimo se un’istituzione internazionale così importante che ha come fondamento il principio di neutralità venisse coinvolta in questioni politiche locali. Per questo mi auguro di cuore che la notizia venga smentita “. Lo dichiara la senatrice del PD Mariapia Garavaglia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sri Lanka: liberare 280.000 civili tamili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2009

L’Associazione per i popoli minacciati (APM) ha protestato insieme a profughi temili residenti in Germania, contro l’internamento di oltre 280.000 donne, uomini e bambini innocenti in Sri Lanka. I civili sono tenuti prigionieri in condizioni disumane e rischiano la catastrofe umanitaria quando in dicembre arriveranno le piogge monsoniche. Già oggi la situazione nei campi profughi sovraffollati sono insopportabili. L?Unione europea si deve impegnare urgentemente per lo scioglimento immediato di questi campi profughi. Inoltre l’UE deve chiedere il libero accesso ai profughi in tutti i campi per i cooperanti internazionali. Lo Sri Lanka viola il diritto internazionale umanitario, anche se si impegna con rigorosa neutralità negando l’accesso ai campi al Comitato internazionale della Croce Rossa. Anche altre agenzie umanitarie vengono ostacolate nel loro lavoro. Nei campi profughi manca l’assistenza sanitaria, l’acqua potabile e i servizi igienici. Anche le Nazioni Unite che avevano sostenuto gli approvvigionamenti per i profughi nei campi, ora premono per l’immediato smantellamento dei campi. A favore dello smantellamento si è pronunciato recentemente anche l’Arcivescovo di Colombo, il cingalese Malcolm Ranjith, e il Vescovo cattolico della città di Jaffna, Thomas Sauvdraayagam. Profughi temili ci hanno raccontato in prima persona delle condizioni catastrofiche dei campi di internamento. Nei campi ci sarebbero ancora profughi malati gravi, sebbene avessero già chiesto da settimane di poter lasciare i campi per poter essere ospitati da parenti. Dalla fine della guerra civile nel maggio 2009 gli appartenenti alla Minoranza Tamil che vivono nel nord dello Sri Lanka vengono internati dalle autorità in campi di concentramento solamente a causa della propria appartenenza etnica. Ancora in maggio il governo dello Sri Lanka aveva promesso che avrebbe consentito ai rifugiati di tornare nei loro villaggi d’origine nell’arco dei successivi sei mesi. Ma non vi è alcuna indicazione che questa promessa sarà effettivamente rispettata. Purtroppo alle molte affermazioni di alleviare il dramma dei profughi il governo dello Sri Lanka non lascia seguire alcuna azione concreta.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »