Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘numero’

Numero verde per gli anziani soli

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2020

Dopo le numerose chiamate ricevute durante il primo periodo del lockdown, il numero verde di Senior Italia FederAnziani, WINDTRE e SIPEm SoS, la Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza, nato all’inizio della pandemia per supportare gli anziani soli, è di nuovo attivo da oggi, 26 novembre. Il servizio continuerà, pertanto, ad offrire aiuto a coloro che abbiano bisogno di ascolto e sostegno psicologico in questo prolungato periodo di isolamento.Una recente indagine di Senior Italia FederAnziani, condotta sull’universo dei centri sociali per anziani aderenti alla federazione, ha mostrato come l’80% degli over 65 viva una condizione di difficoltà legata all’attuale scenario pandemico, e come il 57% della popolazione senior abbia praticamente azzerato la propria vita sociale e di relazione in questi mesi.Da qui la decisione di proseguire nell’iniziativa riattivando il numero verde 800.99.14.14, che sarà raggiungibile da telefono fisso e mobile, operativo dal lunedì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 19.00. Il numero è attivo anche nei giorni festivi e continuerà ad esserlo durante le festività natalizie, giornate più difficili per l’emergenza solitudine.«Quattordici milioni di anziani in Italia in questi mesi hanno visto le loro vite cambiare radicalmente, hanno limitato fortemente ogni loro relazione sociale, anche con la famiglia; sono preoccupati, disorientati, non hanno nessuno con cui parlare e chiedono di non essere abbandonati in questo momento di grande difficoltà. E’ per supportare loro, specialmente quelli più soli e fragili, privi di reti sociali o supporti familiari già prima della pandemia, che Senior Italia FederAnziani e SIPEM SoS Federazione hanno deciso di rinnovare l’iniziativa del numero verde gratuito, già operativo nei mesi del lockdown, dal 6 aprile scorso fino al mese di luglio, offrendo loro un supporto psicologico attraverso una rete di qualificati professionisti» ha dichiarato Roberto Messina, Presidente Nazionale di Senior Italia FederAnziani. «WINDTRE ha l’obiettivo di eliminare le distanze tra le persone. – afferma Tommaso Vitali, Direttore Marketing B2C di WINDTRE – Per questo, confermiamo il nostro impegno al fianco di Senior Italia FederAnziani e SIPEM SoS Federazione per fornire supporto agli anziani che stanno affrontando l’isolamento a causa dell’emergenza sanitaria. Abbiamo da subito creduto in questo progetto perché sostiene i nostri valori di vicinanza e di inclusività e siamo felici di mettere a disposizione la nostra rete per facilitare le relazioni sociali, anche a distanza».

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I numeri del cancro in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 6 ottobre 2020

Roma 8 ottobre 2020, ore 11.30 Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299. Il volume sarà presentato a Roma in una conferenza stampa con gli interventi di Silvio Brusaferro (Presidente Istituto Superiore di Sanità), Massimo Rugge (Presidente AIRTUM), Giordano Beretta (Presidente Nazionale AIOM), Anna Sapino (Presidente SIAPEC-IAP), Stefania Gori (presidente Fondazione AIOM), Maria Masocco (Responsabile scientifico PASSI e PASSI d’Argento, Istituto Superiore di Sanità) e Franco Locatelli (Presidente del Consiglio Superiore di Sanità)È stato invitato il Ministro della Salute, Roberto Speranza. Il numero di posti disponibili per seguire la conferenza stampa in presenza è limitato, per le norme sul distanziamento fisico. Quanti nuovi tumori saranno diagnosticati in Italia nel 2020? Saranno più colpiti gli uomini o le donne? Quanti saranno i decessi? Quanti sono oggi i giovani malati? Quante persone vivono dopo la diagnosi? Sono alcune delle domande a cui risponde il volume “I numeri del cancro in Italia 2020”, il censimento ufficiale in grado di offrire una panoramica aggiornata sui numeri delle neoplasie relativi all’anno in corso. Questa pubblicazione, firmata dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), dalla Società Italiana di Anatomia Patologica e di Citologia Diagnostica (SIAPEC-IAP), da Fondazione AIOM, PASSI (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) e PASSI d’Argento rappresenta un appuntamento annuale, indispensabile sia per gli addetti ai lavori che per i cittadini per conoscere l’impatto dei tumori con i dati epidemiologici relativi agli ultimi 12 mesi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dal 14 ottobre 2020 sarà disponibile il primo numero di Relazioni

Posted by fidest press agency su martedì, 6 ottobre 2020

Il nuovo progetto editoriale di Luca Sossella editore. Un progetto per stimolare il pensiero e la crescita di chi crede che le relazioni siano una risorsa personale, sociale ed economica la cui gestione può favorire la nascita di una società più giusta ed equilibrata.La pubblicazione trimestrale, diretta da Stefano Lai, giornalista, per molti anni direttore della comunicazione di grandi aziende, prende vita a seguito del dibattito avviato da un gruppo di pensiero, gli Aprilanti, professionisti delle relazioni pubbliche e della comunicazione, durante il lockdown.Ognuno di essi, pur provenendo da esperienze diverse, ha sentito l’esigenza di ridiscutere la gestione delle relazioni in modo più attento e critico, così da favorire una società che fosse più attenta alle disuguaglianze e mirasse all’equilibrio economico recuperando anche la progettualità e la visione di lungo periodo che si sono perse negli ultimi anni. Vuole essere prima di tutto uno stimolo per la riflessione e il dibattito tra comunicatori, ma non solo. Vuole parlare ai decisori, pubblici e privati, alle università e agli studenti, e lo vuol fare attraverso una molteplicità di strumenti fisici e digitali. Così a fianco della pubblicazione cartacea, ci saranno media digitali (social, sito, podcast), ma anche incontri dal vivo in teatro.Ma per sua stessa natura Relazioni: poteva originarsi solo dalla forma fisica della carta, una pubblicazione trimestrale da leggere, conservare, collezionare, rileggere… Il progetto grafico è stato realizzato da Maiarelli Studio di New York, con la direzione artistica di Giona Maiarelli e Alessandra Maiarelli. Grande attenzione alle immagini con una selezione di grandi fotografi e di giovani talenti internazionali. Il primo numero di Relazioni: si intitola “Gli Stati Uniti, domani”: approfondimenti, analisi, pensieri, immagini e visioni verso (e oltre) le elezioni americane del 3 novembre, “le più importanti della storia umana”, secondo Noam Chomsky, uno dei più prestigiosi intellettuali al mondo. Proprio l’esclusiva intervista a Noam Chomsky di Luca Mastrantonio apre la prima sezione del numero. Gli altri contributi della sezione sono firmati da Marco Bardazzi, Maria Pia Rossignaud, Derrick de Kerckhove, Simone Pieranni, Franco Berardi Bifo, Alessandro Carrera, con immagini e illustrazioni di Holly Andrés, Broomberg&Chanarin, Gianluca Costantini, Aaron Tilley, Ruby Okoro, Li Wei, Laura Alandes, Arianna Arcara, Luca Santese, Lauren Greenfield. La seconda sezione, “La prossimità e la distanza”, riflette su come l’esperienza dell’epidemia sta modificando la nostra idea dello spazio, pubblico e privato, e le nostre pratiche relazionali; i contributi sono firmati da Alberto Abruzzese, Aldo Bonomi, Patrizia Luongo, Gloria Manzelli, Stefano Lai, Pierfrancesco Maran, Stefan Kaegi, Giacomo Pedini, Maura Latini, Susanna Stefani, con immagini e illustrazioni di Roger Ballen, Stefano Vaja, Luca Strano, Carlo Valsecchi. A firmare i contributi della terza sezione, “La comunicazione al tempo del Covid-19”, in cui i professionisti della comunicazione raccontano dall’interno il modo in cui gli individui, le istituzioni, le aziende hanno comunicato dentro la tempesta dell’emergenza sanitaria, sono Adriana Mavellia, Stefano Rolando, Valentina Parasecolo, Walter Bruno, Luca Barbieri, Massimo Tafi, Biagio Oppi, Luca Sossella, Davide Rampello, con immagini e illustrazioni di Fontanesi, Mattia Balsamini, Putput, Stefano Massei, Marcus Maddox.Non mancheranno, naturalmente, rubriche, racconti, poesie, consigli di scrittura, recensioni, in questo numero a cura di Guido Vitiello, Paolo Gervasi, Giacomo Pedini, Elisabetta Gola, Mario Pireddu, Rip Bulkeley, Sally Swainston, Giona Maiarelli. Il futuro non è scritto: non solo perché vivremo nel mondo che avremo costruito, ma anche perché sarà modellato da saperi, competenze e relazioni diversi da quelli della cultura alfabetica tradizionale. Relazioni: sarà un’esplorazione dei linguaggi coi quali stiamo scrivendo, oggi, il futuro.La versione cartacea di Relazioni: (formato 170×240 mm, 176 pagine, stampa a 4 colori, diffusione 10.000 copie) sarà disponibile in libreria dal 14 ottobre al prezzo di 20,00 euro.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cresce in Italia il numero di nuovi casi di tumori genitourinari

Posted by fidest press agency su sabato, 3 ottobre 2020

Nel 2019 in totale 81.500 uomini e donne sono stati colpiti da cancro della prostata, vescica, rene e testicolo. Rispetto allo stesso dato del 2015 si è evidenziato un aumento del 7%. I pazienti che vivono con una di queste quattro neoplasie sono oltre 932mila pari a ben il 27% di tutti i malati oncologici residenti nel nostro Paese. E’ quanto emerge durante l’ultima giornata del XXX congresso nazionale della SIUrO (Società Italiana di Urologia Oncologica) che quest’anno si svolge esclusivamente on line a causa della pandemia da Covid-19. “Negli ultimi anni registriamo anche un aumento delle neoplasie urologiche nei pazienti con meno di 50 anni – afferma il dott. Alberto Lapini, Presidente Nazionale SIUrO. Dal congresso virtuale della SIUrO arriva anche un appello per rendere disponibile un nuovo trattamento per il carcinoma del rene metastatico. “A nostro avviso va riconosciuta quanto prima la rimborsabilità alla combinazione nivolumab ed ipilimumab – aggiunge il dott. Giario Conti, Segretario Nazionale SIUrO -. Fin dal 2017 i due farmaci immunoterapici hanno ottenuto risultati clinici importanti che sono stati poi confermati da numerosi studi. Il vantaggio si è reso evidente nel sottogruppo di pazienti definiti a prognosi intermedia e sfavorevole che hanno una malattia più aggressiva e una minore attesa di vita. Rappresentano circa il 75% di tutti i casi registrati nel nostro Paese. Si tratta di un trattamento non certo risolutivo ma sicuramente capace di aumentare la quantità e qualità di vita nonché le possibilità di guarigione. Chiediamo quindi a tutti gli attori coinvolti: Agenzia Italiana del Farmaco, Ministero della Salute e azienda produttrice di riprendere le trattative. Questo permetterebbe inoltre alla comunità oncologica italiana di innalzare gli standard di cura a livello di quelli degli altri paesi europei e nordamericani”. “Nel tumore del rene la ricerca medico-scientifica sta facendo grandi passi in avanti dopo anni di sostanziale immobilismo – sottolinea il dott. Renzo Colombo, Vice Presidente SIUrO -. E’ una neoplasia che ogni anno fa registrare oltre 3.100 casi tra uomini e donne con meno di 50 anni. Si rende quindi necessario rendere quanto prima disponibili, anche nel nostro Paese, terapie innovative in grado di dare nuove chances a tutti i pazienti, anche quelli più ‘giovani. Quello dell’attenzione ai malati di queste neoplasie è uno degli obiettivi della SIUrO anche attraverso il portale tumorigenitourinari.it che SIUrO ha promosso e che sta riscuotendo grande successo”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I numeri del cancro in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 24 settembre 2019

Roma Il volume sarà presentato nell’Auditorium del Ministero della Salute (Lungotevere Ripa 1) martedì 24 settembre alle 11 in un convegno nazionale con gli interventi, tra gli altri, di Stefania Gori (Presidente Nazionale AIOM), Massimo Rugge (Presidente AIRTUM), Pierpaolo Sileri (Viceministro della Salute) e Silvio Brusaferro (Commissario Straordinario Istituto Superiore di Sanità). È stato invitato il Ministro della Salute, Roberto Speranza.Un’analisi a 360 gradi sui numeri del cancro relativi all’anno in corso permette a tutti gli attori della sanità di pianificare al meglio gli interventi necessari. Quanti nuovi tumori saranno diagnosticati in Italia nel 2019? Saranno più colpiti gli uomini o le donne? Quanti saranno i decessi? Quanti sono oggi i giovani malati? Esistono differenze nella incidenza, mortalità e sopravvivenza tra Nord, Centro e Sud? Sono solo alcune delle domande a cui risponde il volume “I numeri del cancro in Italia 2019”, il censimento ufficiale in grado di offrire una panoramica aggiornata sui numeri delle neoplasie relativi all’anno in corso. Questa pubblicazione, firmata dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), da Fondazione AIOM, PASSI (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia), PASSI d’Argento e dalla Società Italiana di Anatomia Patologica e di Citologia Diagnostica (SIAPEC-IAP), rappresenta un appuntamento annuale, indispensabile sia per gli addetti ai lavori che per i cittadini per conoscere l’impatto dei tumori con i dati epidemiologici relativi agli ultimi 12 mesi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il numero di cyber attacchi

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 marzo 2019

Negli ultimi tre anni, il numero di cyber attacchi ha avuto un incremento di 17 punti percentuali (dal 62% nel 2014 al 79% nel 2017), cifra destinata ad aumentare. Se ne parla alla seconda edizione di Hermeneut, il progetto di ricerca europeo Horizon 2020 di cui Cefriel è partner, che propone un approccio innovativo alla sicurezza informatica e integra l’analisi tra costi e benefici alla valutazione delle vulnerabilità e probabilità di attacchi informatici e degli impatti economici sui beni immateriali aziendali.
Considerando che il 91% di questi attacchi utilizza la tecnica dello spear phishing, per sottrarre dati o per installare malware sul computer preso di mira e del social engineering, che spinge l’utente a lanciare un file infetto o ad aprire un collegamento a un sito web infetto, tutti gli esperti concordano nell’attribuire al fattore umano (un errore, una distrazione, un click su un link di phishing, ecc) il principale fattore abilitante (90%). Gli attacchi altamente targettizzati (che ormai sono il 60% del totale) sono quellli che agiscono a colpo sicuro in un’azienda, scegliendo accuratamente le “vittime” che di solito sono selezionate per una elevata esposizione sui social (30%) a causa della loro suscettibilità al phishing. I dipendenti sono la categoria più esposta agli attacchi, (23%) e il numero di email ingannevoli è aumentato del 36%.In questi casi il tempo medio di individuazione dell’infrazione informatica è di 146 giorni a livello globale e di 469 giorni a livello EMEA. Questo vuol dire che gli hacker rimangono mediamente nascosti e liberi di agire per almeno 15 mesi.Mentre le stime sull’aumento di cyber minacce e sul numero di attacchi varia, le previsioni indicano che i danni per attacchi globali ammonteranno a circa 6 trilioni di dollari entro il 2021, rendendo il crimine informatico economicamente più dannoso del traffico di droga mondiale.Negli ultimi anni inoltre aumentano gli attachi informatici che vanno a colpire gli asset intangibili o i beni immateriali come la reputazione del marchio e dell’azienda, la fidelizzazione dei clienti, la proprietà intellettuale ecc, che rappresentano tra il 60% e l’80% del valore aziendale globale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Torna a salire il numero delle case all’asta

Posted by fidest press agency su martedì, 29 gennaio 2019

Il numero delle case all’asta in Italia è aumentato del 21,8% in sei mesi: le procedure attualmente in corso sono infatti 17.899 a fronte delle 14.701 rilevate a luglio 2018. Si tratta del primo incremento dopo un biennio di costante calo: il valore assoluto si mantiene comunque assai distante dal picco registrato all’inizio del 2017, quando gli immobili residenziali in vendita forzata ammontavano a 33.304 unità. Lo riferisce il Rapporto semestrale sulle aste immobiliari del Centro Studi Sogeea. Come accaduto costantemente in tutte le precedenti rilevazioni, la maggioranza delle abitazioni all’asta ha un prezzo iniziale di vendita assai contenuto: il 68% di esse non supera i 100.000 euro, quota che sale addirittura fino all’89,3% se si prendono in esame anche quelle comprese nell’intervallo tra 100.000 e 200.000 euro. Considerato che si tratta nella stragrande maggioranza di immobili appartenenti a cittadini che non sono riusciti a fare fronte a un impegno finanziario, di solito il mutuo per l’acquisto della prima casa, si conferma come gli anni della crisi abbiano colpito con particolare severità le fasce di reddito medio-basse, costrette in molti casi a sacrificare il bene-rifugio per eccellenza.Il dato rilevato non è però geograficamente uniforme. A trascinare l’inversione di tendenza rispetto agli ultimi due anni è stato il Mezzogiorno: le procedure nelle isole maggiori sono aumentate del 49,6%, passando da 1.476 a 2.207, mentre quelle nelle regioni continentali hanno fatto registrare un balzo in avanti addirittura del 68%, attestandosi a quota 3.399 rispetto alle 2.023 di luglio 2018. Sostanzialmente stabile il Centro Italia (3.441 gli immobili attualmente all’asta contro i 3.284 di sei mesi fa), mentre al Nord si è verificato un incremento più sensibile ma comunque contenuto (8.852 le abitazioni al momento in vendita a fronte delle 7.918 dell’ultima rilevazione, +11,8%).Un quinto del totale delle case si trova in Lombardia (3.721), la regione che ne conta di più con ampio margine rispetto a Sicilia (1.815), Lazio (1.671), Veneto (1.669) e Piemonte (1.562). Si attestano al di sopra del muro delle mille unità anche la Campania (1.096) e la Toscana (1.007). A livello di province, invece, spiccano le 1.047 abitazioni in vendita di Catania, che precede Roma (935), Bergamo (856), Brescia (677), Torino (660), Pavia (645) e Padova (547).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sale il numero dei totem digitali che permettono di trovare lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 13 gennaio 2019

A Modena arriva un’iniziativa unica per i giovani e per tutti coloro che cercano lavoro. Nella galleria del Centro Commerciale I Portali arriva “Jobbi”, il totem digitale di ManpowerGroup, che permette di accorciare le distanze fra la domanda e l’offerta di lavoro mettendo in contatto chi cerca lavoro con l’assistenza di operatori specializzati.
I totem Jobbi si contraddistinguono per il loro innovativo sistema Multi-Touch che consente agli utenti di consultare in maniera diretta ed efficace le offerte di lavoro disponibili e di gestire le pratiche amministrative legate ai contratti. La particolarità del Job Digital Kiosk sta nella possibilità di accedere ai servizi sia in modalità self-service, sia contattando in tempo reale un recruiter per ogni approfondimento e supporto nella ricerca, nel processo di candidatura o gestione di pratiche amministrative.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medici: incongruità drammatica nella programmazione all’accesso alla specializzazione medica

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 settembre 2017

Male doctor writing medical prescription or certificate

“La protesta messa in campo è sacrosanta e giusta. Mi piacerebbe che fosse ancora più corale e che tutti i medici, insieme, rappresentassero al governo del Paese una situazione che non si può più trascinare in queste condizioni. Da anni c’è un’incongruità drammatica nella programmazione all’accesso alla specializzazione medica. Non capisco come si possa rimandare oltre una soluzione razionale e lungimirante”. Questo il commento del presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Giuseppe Lavra, a seguito delle proteste dei giovani medici per i ritardi sull’emanazione del bando di concorso per l’accesso alle specializzazioni mediche. “Con il numero chiuso a Medicina- prosegue Lavra- costringiamo tutti coloro che vogliono intraprendere la professione a sottoporsi a una selezione con metodi discutibili per poter accedere alla facoltà, diventando medici solo dopo un percorso lungo e duro, anche se non sempre efficace, anzi a volte dispersivo e nebbioso. Poi dopo si mette un vero e proprio collo di bottiglia all’entrata nel mondo del lavoro, dando la possibilità di specializzarsi soltanto a circa la metà dei laureati. Ma che senso ha? Non è solo ingiusto, è persino incivile. Per questo sono perfettamente d’accordo sulla protesta“.
Il presidente dei medici capitolini fa quindi sapere di volersi muovere a livello istituzionale: “L’Ordine di Roma non intende restare a guardare- annuncia- e come Ente, che deve tutelare la professione, e personalmente come suo rappresentante ci muoveremo anche presso gli organi istituzionali competenti e, se necessario, quelli di più alto livello”. La vicenda, intanto, sta montando “in maniera sempre più importante” anche all’interno dei vari Ordini provinciali d’Italia e Lavra intende associarvisi “proprio perché credo sia giusto determinare appunto una coralità– precisa il presidente di quello più numeroso d’Italia- Si tratta di una vicenda che non si risolve, come qualcuno pensa di fare, con qualche provvedimento tampone o qualche banale e inutile sottoscrizione di intenti. Aumentare i posti di 500 o 1.000 unità, per esempio, non risolve affatto il problema ma lascia intatto un aspetto vergognoso per il sistema formativo e occupazionale del nostro Paese, proprio in un settore fondamentale e critico come quello della Sanità, sia dal punto di vista del bene-salute della collettività sia da quello dell’investimento strategico in capitale umano e professionale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I numeri del cancro in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2015

tumoriRoma, 24 settembre 2015, ore 11.30 Ministero della Salute (Auditorium), Lungotevere Ripa 1 un’analisi a 360 gradi sui numeri del cancro relativi all’anno in corso permette a tutti gli attori della sanità di pianificare al meglio gli interventi necessari. Quanti nuovi tumori saranno diagnosticati in Italia nel 2015? Saranno più colpiti gli uomini o le donne? Quanti saranno i decessi? Quanti sono oggi i giovani malati? Esistono differenze nella incidenza, mortalità e sopravvivenza tra Nord, Centro e Sud? Sono solo alcune delle domande a cui risponde il volume “I numeri del cancro in Italia 2015” (Intermedia Editore), il censimento ufficiale in grado di offrire una panoramica aggiornata sui numeri delle neoplasie relativi all’anno in corso. Questa pubblicazione, firmata dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), rappresenta un appuntamento annuale, indispensabile sia per gli addetti ai lavori che per i cittadini per conoscere l’impatto dei tumori con i dati epidemiologici relativi agli ultimi 12 mesi.
Il volume sarà presentato a Roma nell’Auditorium del Ministero della Salute (Lungotevere Ripa 1) il 24 settembre alle 11.30 in una conferenza stampa dal prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM, dal prof. Emanuele Crocetti, segretario AIRTUM, e dalla dott.ssa Stefania Gori, segretario AIOM. Sarà presentato anche il libro “Si può vincere”, le storie di 16 pazienti che hanno sconfitto la malattia grazie a una nuova arma, l’immunoterapia. Interverrà in conferenza stampa il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Yemen: cresce il numero degli sfollati interni

Posted by fidest press agency su domenica, 11 marzo 2012

Sana'a from the roof

Image via Wikipedia

Sono decine le migliaia di civili in fuga dagli scontri tribali nel nord del paese e dai nuovi combattimenti tra truppe governative e gruppi di miliziani nel sud, nella nuova ondata di esodi interni che sta interessando lo Yemen. Particolarmente difficile la situazione nel governatorato di Haradh, a nord della capitale Sana’a, dove secondo le autorità yemenite, sporadici scontri tribali hanno provocato 52.000 sfollati negli ultimi 3 mesi. Che sono andati ad aggiungersi ai circa 314.000 sfollati già presenti nel nord e ancora impossibilitati a rientrare nelle loro case nel governatorato di Saada. Nonostante l’accordo di pace siglato dal governo yemenita e Al-Houtis nel giugno 2010, la situazione nel nord del paese resta precaria. L’insicurezza ostacola un rientro su vasta scala e limita seriamente l’accesso da parte delle agenzie umanitarie. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) continua a gestire 2 campi per gli sfollati yemeniti nel nord e presta assistenza agli sfollati nei campi e nelle comunità locali che li accolgono. Nel sud, invece, sono almeno 1.800 le persone sfollate nelle ultime due settimane a causa dell’ultima escalation nei combattimenti tra truppe governative e miliziani nel governatorato di Abyan. Gli sfollati provenienti dalla città di Jaar adesso si aggiungono agli oltre 150.000 sfollati nel sud. Questa cifra comprende quasi l’intera popolazione delle città di Zinjibar, Khanfar e Al-Kud, sfollate dall’inizio del conflitto lo scorso maggio. Sono altre 120.000 – secondo le stime UNHCR – le persone a rischio di esodo forzato. Molti residenti di Jaar sono fuggiti a causa dell’avvicinarsi del conflitto. Sugli autobus locali non erano disponibili abbastanza posti, di conseguenza i prezzi del noleggio di veicoli si sono triplicati. Per il viaggio verso Aden, che normalmente dura 30 minuti, sono state necessarie oltre 5 ore su malmesse strade alternative su sovraccarichi minibus. Ogni giorni arrivano nuove persone.
Dallo scorso maggio la maggioranza degli sfollati nel sud ha trovato un alloggio ad Aden e in altre città, oltre che in aree di Abyan dove hanno forti legami famigliari e tribali. Altri hanno trovato una sistemazione in scuole. Attualmente 74 scuole pubbliche di Aden ospitano oltre 20.000 sfollati.L’UNHCR nello Yemen assiste oltre 80.000 sfollati in 5 governatorati meridionali. L’Agenzia ha inoltre ripristinato diversi edifici inutilizzati per fornire alloggio temporaneo a circa 2.000 sfollati e liberato 2 scuole per oltre 3.000 studenti. In collaborazione con le agenzie partner l’UNHCR sta predisponendo scorte di aiuti e coordinando le operazioni per far fronte alle necessità dei nuovi sfollati. La sfida maggiore resta quella degli alloggi. Le scuole di Aden che ospitano gli sfollati sono già alla capienza massima e le comunità locali non sono in grado di accoglierne di più. Con i recenti arrivi attualmente in alcune scuole vi sono quasi 20 persone per stanza. Alcuni sfollati sono riusciti a trovare spazio sul pavimento delle scuole o nelle hall.Alla luce del crescente esodo e del peggioramento delle condizioni di sicurezza che limitano i movimenti degli operatori UNHCR sia nel sud che nel nord del paese, l’Agenzia ha stabilito reti di monitoraggio locali addestrate per individuare i rischi di protezione e le necessità urgenti degli sfollati, in modo da segnalarle all’UNHCR e contribuendo così a fornire protezione e assistenza senza interruzioni. Quest’anno l’UNHCR ha in programma di raddoppiare il numero di reti.
Nell’ambito della sua partecipazione al team nazionale delle Nazioni Unite, l’UNHCR sta inoltre preparando una proposta di finanziamenti per una risposta d’emergenza che faccia fronte all’aggravarsi della crisi umanitaria e ai nuovi esodi nelle regioni settentrionali e meridionali dello Yemen. Per il 2012 l’Agenzia ha richiesto 60 milioni di dollari necessari a far fronte ai bisogni umanitari di circa 216.000 rifugiati e quasi un milione di sfollati all’interno dello Yemen

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: consiglieri comunali

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 marzo 2011

«È fuorviante, se non strumentale, scaricare solo su Roma Capitale la responsabilità politica della norma per mantenere inalterato a 60 il numero dei consiglieri nelle città con più di un milione di abitanti. Questa norma è già contenuta nel progetto di legge per il Codice delle Autonomie, perché fa parte di una logica razionale di gradualità numerica nella rappresentanza democratica dei Consigli comunali.  Per quanto riguarda la nostra città, questa norma è inserita anche nei decreti legislativi per Roma Capitale in corso di approvazione, in virtù del particolare ruolo di Roma e del numero dei suoi abitanti superiore al doppio di quelli degli altri grandi Comuni. La necessità di inserire l’articolo in questione  all’interno del decreto legge varato mercoledì dal Governo, nasce solo dalla necessità di accelerare l’iter del Codice delle Autonomie in vista delle votazioni che si svolgeranno a maggio a Milano e a Napoli. È sull’utilizzo di questa procedura d’urgenza che il Quirinale ha sollevato le sue obiezioni che porteranno con ogni probabilità alla cancellazione della norma dal decreto legge. Il nostro unico interesse è stato quello di evitare disparità tra la situazione di Roma e quella di Milano e di Napoli, con il rischio di alimentare ancora una volta inutili tensioni e conflitti tra la diverse aree geografiche dell’Italia. Infine, non si può attribuire a questa vicenda il ritardo nella firma del decreto legge, in cui sono contenute norme estremamente importanti come quella sul rifinanziamento del Fus. In realtà un serie di problemi tecnici nella stesura definitiva del decreto ha costretto il Governo a rinviare la firma al rientro del Capo dello Stato dagli Usa».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: aumenta il numero degli assessori

Posted by fidest press agency su martedì, 15 febbraio 2011

“Dopo il voto siamo rimasti schifati”. Così i senatori del Pd Vincenzo Vita e Luigi Zanda commentano il voto a favore dell’emendamento al Dl Milleproroghe, a firma Cutrufo, che eleva da dodici a quindici i membri di Giunta delle città con più di un milione di abitanti. “La verità è persino peggiore di quella già terribile del testo votato dalla maggioranza e – spiegano Vita e Zanda – si evince dal titolo dato all’emendamento: ‘Disposizioni in materia di composizione dell’Assemblea capitolina’. Dopo avere sbandierato proclami contro i costi della politica, il Senato viene piegato a una pura esigenza ‘familiare’ della maggioranza: la tutela del ‘Cencelli’ di Alemanno. Un sindaco che ha fatto più male a Roma dei barbari si riduce a pietire, attraverso il suo vicesindaco-senatore, un obolo spartitorio. Vergogna”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo numero di “Sorridiamo”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 novembre 2010

Da oggi è disponibile nelle sale d’aspetto degli studi dentistici italiani il nuovo numero di Sorridiamo. Anche in questo numero tanti argomenti interessanti e interviste speciali: – il dossier dedicato al diabete, con approfondimenti su cure tradizionali, innovazione tecnologica e consigli su stile di vita e alimentazione; – tra eros e agape: un viaggio nella vita sessuale delle donne italiane con un divertente test per scoprire “Cosa cerchi nella coppia?”; – l’intervista a Marisa Laurito, una vera testimonial del sorriso; – lo speciale dedicato alla cefalea, per imparare a conoscerla meglio e trovarne rimedio. E ancora: l’incontro con Cristina Merlino, direttrice di Starbene, i suggerimenti di Diego Dalla Palma per affrontare l’autunno in bellezza e un servizio dedicato alla micropigmentazione come nuova frontiera del make up. Sorridiamo è distribuito in 70.000 copie, principalmente attraverso il dentista di famiglia e online su http://www.sorridiamo.info. Nato per ricreare, migliorare e consolidare il rapporto tra medico e paziente, ogni uscita si avvale della collaborazione di esperti in diversi ambiti: dall’odontoiatria, alla psicologia, dalla medicina all’estetica. Un mezzo di comunicazione innovativo, autorevole e familiare al tempo stesso, ricco di informazioni utili e novità, con un linguaggio semplice e comprensibile per il grande pubblico, pur mantenendo un profilo medico-scientifico nei contenuti. (sorridiamo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Numero verde per le malattie del sangue

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 ottobre 2010

Uno sportello telefonico dedicato ai pazienti affetti da leucemie e da altre malattie ematologiche: è il Numero Verde 800.550.952, promosso dalla SIE, la Società Italiana di Ematologia. Un servizio di consulenza gratuita dedicato alle malattie del sangue già attivo in tutta Italia e realizzato con il supporto di Novartis.   Per avere informazioni e assistenza in campo ematologico, basta chiamare il Numero Verde, da telefono fisso o cellulare, per ottenere spiegazioni su sintomi, esami e terapie e sapere a chi rivolgersi, se non si è già seguiti presso una struttura ematologica.  Specialisti ematologi rispondono alle chiamate e forniscono informazioni generali sulle malattie ematologiche, un primo orientamento sulle strutture e sugli esami di laboratorio, e un supporto psicologico. Il Numero Verde non sostituisce infatti la visita dallo specialista e non surroga l’attività delle strutture sanitarie che hanno in cura il paziente, ma rappresenta un vero e proprio sportello informativo telefonico.  Il Numero Verde della SIE è attivo tutti i martedì  ed i giovedì dalle ore 15.00 alle 18.00

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo numero di Intelligent Life

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 settembre 2010

Nel numero autunnale di Intelligent Life, pubblicato il 1° settembre, la rubrica ambientale Going Green di Robert Butler racconta di come si può contribuire alla salvaguardia di Venezia mangiando una pizza a Londra. Il fondo “Venice in Peril”, creato per il risanamento e la conservazione del patrimonio artistico danneggiato dall’alluvione del 1966, ha ricevuto negli anni circa 2 milioni di sterline dal fast food britannico Pizza Express, nel cui menù c’è una pizza ispirata dalla tipica ricetta veneziana del saor. Parte del ricavato dalla vendita della pizza Veneziana confluisce nel fondo e negli anni ha finanziato 46 progetti di conservazione, tra i quali il restauro della Porta della Carta del Palazzo Ducale e della Cappella Emiliani nel cimitero di San Michele in Isola.Nella rubrica dedicata ai libri, Jakub Figurski recensisce Pugni, la raccolta di tre racconti del 32enne fiorentino Pietro Grossi, pubblicata nel 2006 e ora tradotta in inglese con il titolo Fists. Le tre storie hanno tutte come protagonisti degli adolescenti che fanno una profonda scoperta sulla vita e sull’età adulta — segnando il passaggio alla maturità anche della superba nuova voce che li racconta. La prosa chiara, sobria, non sentimentale, tralascia “quella valanga di cose non dette che bruciavano come tizzoni”. Grossi dice di non pianificare, di evitare “l’architettura” della narrazione. Per questo, sostiene Figurski, i suoi racconti sono ancora più autentici.
La guida agli appuntamenti culturali della stagione autunnale presenta in primo piano la mostra Venezia: Canaletto e i suoi rivali, alla National Gallery di Londra dal 13 ottobre al 16 gennaio, dedicata al pittore veneziano, ai suoi rivali, precursori e seguaci. La pittura di vedute ha un forte impulso quando il Grand Tour porta a Venezia visitatori bramosi di souvenir. Fino agli anni 20 del XVIII° secolo i maestri sono Luca Carlevarijs e Vanvitelli. Canaletto, discepolo del Vanvitelli, si impone rapidamente sulla scena e, tramite il console britannico a Venezia Joseph Smith, suo mecenate e agente, nel 1762 vende molti dipinti a re Giorgio III. Tra le opere esposte anche quelle dei contemporanei che minacciano la supremazia artistica di Canaletto. Tra di loro Michele Marieschi, Francesco Guardi e Bernardo Bellotto, di cui è zio e che costrinse per la prima volta Canaletto a firmare i propri dipinti per distinguerli da quelli del nipote.
Inoltre, in questo numero di Intelligent Life:  La storia di copertina è dedicata a Hilary Mantel, scrittrice di best seller vincitrice del Man Booker prize, che racconta cosa significa vivere tra i premi letterari, anche come perdente. Dice, infatti, di essere stata una perdente seriale e di aver provato, finalmente vincitrice, “una gioia primitiva”. Lane Greene di The Economist riporta il diffondersi incontrollabile degli acronimi e si chiede: “Quando abbiamo iniziato a parlare in maiuscole?”  Fotografia: Jehad Nga, una star tra i fotografi emergenti, è da anni affascinato dai club di box di Kibera, sobborgo di Nairobi. Ce lo abbiamo mandato di nuovo. Stile: nella rubrica Applied Fashion, la scrittrice Rebecca Willis, ex Vogue, ci dice come coprirci a strati a mano a mano che l’autunno avanza. Cultura: il poeta Andrew Motion rivela la magia dei manoscritti. Luoghi: Emma Williams, medico e scrittrice, racconta cosa significa far crescere i propri figli a New York, in un villaggio palestinese nei pressi di Gerusalemme, in Senegal e ora a Belgrado. Il numero autunnale di Intelligent Life è stato pubblicato il 1° settembre.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immatricolazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 18 luglio 2010

Parma università. Il 19 luglio si apriranno le immatricolazioni per l’a.a. 2010-11 ai Corsi di Studio che compongono la vasta offerta didattica dell’Ateneo parmense. Nella stessa data, per chi è già immatricolato, si apriranno anche le iscrizioni agli anni successivi al primo.
Gli studenti che si iscriveranno al primo anno potranno scegliere tra 41 Corsi di Laurea, di cui uno Interfacoltà (di cui 28 a libero accesso e 13 a numero programmato), e 6 Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico, di cui 5 a numero programmato.  A questi si aggiungono, per gli studenti che hanno già conseguito una Laurea, 39 Corsi di Laurea Magistrale, di cui due Interfacoltà (38 a libero accesso e 1 a numero programmato), e 1 Corso di Laurea specialistica delle professioni sanitarie a numero programmato (già istituito ai sensi del D.M. 509/99).  Novità di quest’anno, che segna un passo importante nel processo di internazionalizzazione dell’Università di Parma, è il Corso di Laurea Magistrale “International business and development”, della Facoltà di Economia, che sarà impartito interamente in lingua inglese.
Anche quest’anno sarà attivo il servizio di immatricolazioni on line, che permetterà di iscriversi all’Università di Parma, sia ai Corsi a libero accesso che a quelli a numero programmato, in maniera semplice e veloce, senza doversi recare di persona agli sportelli delle Segreterie Studenti. Prima di effettuare la scelta, è necessario verificare nel sito web del Corso le specifiche indicazioni per l’immatricolazione, le conoscenze richieste per l’accesso e le modalità di verifica delle stesse.
Per immatricolarsi sarà sufficiente collegarsi al sito web dell’Università e quindi cliccare sul banner UNIPARMA click: sarà possibile immatricolarsi direttamente da casa o, più in generale, da qualsiasi PC collegato a Internet, e in qualsiasi momento della giornata.  Per ogni informazione è inoltre possibile rivolgersi al Numero Verde 800-904084.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce il numero dei detenuti

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2010

Secondo le ultime rilevazioni statistiche aggiornate a questa mattina, i detenuti presenti negli Istituti penitenziari delineano una situazione italiana da terzo Mondo: 68.026 i detenuti presento e 13 Regioni ‘fuori legge’. E’ la denuncia della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, la prima e più rappresentativa della Categoria, che con il segretario generale Donato Capece commenta: “I detenuti presenti sono 68.026, il record nella storia del Paese. E salgono a 13 le Regioni “fuori legge” che ospitano un numero di persone superiore al limite “tollerabile”: Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Sicilia, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto. A queste si aggiungono tutte le altre che superano comunque il limite “regolamentare” ed una carenza complessiva negli organici della Polizia Penitenziaria di oltre 6mila unità. Tutto questo si concretizza in una quotidiana realtà penitenziaria nazionale fatta sempre più frequentemente di tentativi di suicidio, risse, aggressioni e atti di autolesionismo. Cosa si aspetta ad intervenire? Quali strategie urgenti si vogliono mettere in atto per risolvere queste gravi criticità? Cosa prevede il Piano carceri che il Comitato di sorveglianza, costituito dal ministro della Giustizia Angelino Alfano, dal ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli e dal Capo del Dipartimento della Protezione civile Guido Bertolaso, istituito tramite ordinanza del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi risalente al 28 marzo 2010, ha approvato il 24 giugno scorso? Quali sono i dettagli del crono-programma che si pone il preciso obiettivo di fare fronte, in tempi brevi, all’emergenza carceri, coniugando certezza della pena, processo di rieducazione del detenuto e condizioni di vivibilità nel rispetto degli standard europei?” Capece ritiene che una sola possa essere la soluzione: “Un incontro con il Ministro della Giustizia Alfano, il SAPPE e le altre Organizzazioni sindacali di Categoria per affrontare le strategie di intervento alle crescenti criticità del sistema carcere. Incontro che torno oggi a sollecitare e che sono certo, stante la riconosciuta sensibilità del Ministro Guardasigilli e del Capo DAP Ionta, non tarderà ad arrivare”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Auto blu: nessuna immunità, si riduca il numero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 maggio 2010

“La proposta di esentare gli autisti delle auto blu dal ritiro dei punti della patente ci vede assolutamente contrari”. Così l’avvocato Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), commenta l’emendamento al Codice della Strada in discussione in questi giorni al Parlamento. “In questo momento di grave crisi economica -incalza Dona-  il Parlamento dovrebbe occuparsi di come tagliare gli sprechi della Pubblica Amministrazione e non di evitare multe e sanzioni per gli autisti ‘indisciplinati’ ”.  “Si pensi piuttosto ad un provvedimento che riduca il numero delle auto blu -conclude il Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori- visto che in Italia ne circolano circa 600mila: un numero spropositato rispetto ad altri Paesi europei come Francia, Gran Bretagna e Germania”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola di dottorato di Unicam

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 settembre 2009

La Unicam School of Advanced Studies non delude le aspettative e anche quest’anno conferma l’eccezionale numero di domande ottenute dal bando di concorso inerente i corsi di dottorato attivati da Unicam. Sono state infatti oltre 1300 le richieste di registrazione provenienti da tutte le parti del mondo per l’accesso alla piattaforma on-line predisposta per consentire di compilare e spedire per via telematica la form per l’iscrizione ai corsi. Il termine per essere ammessi alla School of Advanced Studies di Unicam è scaduto lo scorso 21 agosto e sono pervenute ben 485 domande, numero notevolmente superiore rispetto allo scorso anno e circa il doppio delle domande pervenute due anni fa.  “I restanti contatti – ha affermato la prof.ssa Cristina Miceli, ProRettore Unicam al Dottorato e Direttore della School of Advanced Studies – hanno probabilmente preso solo informazioni, ma siamo comunque soddisfatti perché hanno avuto modo di conoscere il nostro Ateneo ed in particolare la nostra scuola di dottorato, che credo rappresenti una delle migliori sintesi  del successo dell’impegno internazionale di Unicam”. “Sono infatti circa 400 – prosegue la prof.ssa Miceli – i candidati stranieri provenienti principalmente da Asia, India in particolare, e Africa, aree geografiche nelle quali Unicam vanta un considerevole numero di accordi di collaborazione con Atenei, istituzioni ed enti di ricerca. Questi, insieme ai programmi in consorzio con istituzioni internazionali come quello con il WHO (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) specificamente dedicato alla malaria, hanno sicuramente rappresentato un incentivo in più per gli aspiranti provenienti da quei paesi. Con soddisfazione però abbiamo notato che sono arrivate candidature anche da paesi europei non sempre relazionati con le università italiane quali l’Islanda e la Russia, probabilmente correlabili agli accordi in consorzio e co-tutela con Atenei europei”.  I curricula e le proposte di ricerca presentate dai candidati saranno ora sottoposti ad un vaglio preliminare da parte di revisori italiani e stranieri anonimi, che svolgeranno la valutazione attraverso una piattaforma on-line appositamente predisposta. Solo i migliori saranno poi intervistati per l’ammissione e il conferimento della borsa di studio.  Le attività della School of Advanced Studies di Unicam, istituita nel 2005 con l’obiettivo primario di incrementare la partecipazione di candidati stranieri ai propri programmi di dottorato di ricerca, sono tenute in lingua inglese, fattore che facilita ancora di più non solo le opportunità lavorative ma anche la mobilità all’estero una volta completato il percorso di studi. Diverse sono le aree di ricerca proposte, fra le quali Architettura e design, Scienze chimiche e farmaceutiche e biotecnologie, Scienze della terra, Scienze informatiche e dei Sistemi complessi, Scienze giuridiche, politiche e sociali, Scienze della vita, Fisica e Scienze veterinarie. Il corso di dottorato Unicam ha durata triennale e prevede lo svolgimento di attività  di ricerca e di studio nei laboratori dell’Ateneo, di attività didattiche che riguardano principalmente seminari e brevi corsi su argomenti sia interdisciplinari che specifici ed infine anche esperienze di ricerca effettuate in laboratori pubblici o privati esterni all’Ateneo. Al termine dei tre anni di corso i candidati che hanno superato l’esame finale conseguono il titolo di Dottore di ricerca.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »