Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘oltranza’

Liberalizzazioni farmacie: trattativa ad oltranza

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 febbraio 2012

English: Palazzo Madama in Rome, seat of the I...

Image via Wikipedia

Week end di straordinari in commissione Industria del Senato per trovare l’intesa sull’articolo 11 del decreto liberalizzazioni. Straordinari e notturni, perché ormai il confronto ha i toni di una trattativa a oltranza, costellata da tensioni e crisi di nervi. Le carte in gioco rimangono quelle già note ma combinazioni e rimescolamenti si susseguono di ora in ora: sul quorum sembra ormai essere un tiro alla fune tra 3.300 e 3.500 abitanti per farmacia, ma il Governo avrebbe già fatto sapere che l’obiettivo delle 5mila nuove aperture non è trattabile. Sul comma 3 (aperture in deroga in stazioni, centri commerciali eccetera) è spuntata fuori l’ipotesi di un tetto regionale pari al 5% delle sedi che si aprirebbero sul rispettivo territorio, ma i no sono parecchi. Sull’ipotesi di un concorso per quote riservate, invece, si registrerebbe nelle ultime ore un raffreddamento del Pd, in precedenza favorevole alla proposta: l’eventualità che le parafarmacie divengano in blocco farmacie sembra improvvisamente preoccupare, perché toglierebbe all’ala liberista del partito quello che viene considerato un suo fiore all’occhiello. In attesa degli sviluppi, dentro e fuori della categoria dei farmacisti proseguono interventi e prese di posizione sul decreto. Venerdì in una nota il Conasfa (Federazione nazionale delle associazioni dei farmacisti non titolari) ha bocciato la proposta del concorso per quote riservate «perché apertamente in contrasto con il principio meritocratico» e con l’obiettivo «di garantire al cittadino la qualità del servizio». Dai medici veterinari dell’Anmvi, invece, arriva un no all’ipotesi di autorizzare la vendita dei farmaci veterinari nelle parafarmacie: «Si tratterebbe» si legge in un comunicato «di uno stravolgimento gravissimo della filiera del medicinale veterinario. La liberalizzazione dei medicinali veterinari comporta problematiche peculiari rispetto ai medicinali per l’uomo, tanto è vero che questa categoria di farmaci conosce, sia a livello europeo che nazionale, legislazioni diverse. La materia pertanto non può pertanto rientrare nell’articolo 11 del Decreto liberalizzazioni senza adeguati approfondimenti che vanno discussi con i medici veterinari italiani».(fonte farmacista33)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sciopero in val di Susa

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2011

Torino. Presidio sotto il Comune di Torino per oggi pomeriggio alle ore 16.00 in solidarietà con la popolazione della Valsusa che resiste alla devastazione del proprio territorio contro la costruzione di un’opera del tutto inutile e dannosa e chiama tutti i militanti e iscritti a far sentire la propria vicinanza al popolo Valsusino scendendo al suo fianco in difesa delle proprie ragioni.
La USB Piemonte, ha indetto da oggi uno sciopero ad oltranza, a sostegno della popolazione Valsusina, in deroga all’art. 4 della legge 146/90 e successive modificazioni per tutti i settori di lavoro pubblico e privato per i comuni della Val di Susa interessati dalla TAV. La proclamazione di sciopero è dovuta al fatto che migliaia di agenti hanno di fatto militarizzato il territorio e questa mattina all’alba sono cominciate le operazioni di sgombero attraverso cariche e lanci di lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La lotta dura paga

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 agosto 2009

La conclusione della vicenda INNSE- con un risultato parziale, ma positivo per i lavoratori- dimostra che la lotta radicale paga. Dimostra che una lotta ad oltranza, disposta a travalicare i “diritti di proprietà” e i vecchi rituali, pur di difendere il lavoro, è capace di strappare risultati: allargando il campo della solidarietà, reggendo alle intimidazioni poliziesche, piegando l’arroganza del padrone. E’ un’indicazione preziosa per tutti i lavoratori italiani, alla vigilia dell’autunno: solo la radicalità operaia può sconfiggere la radicalità del padrone. Per questo, l’occupazione operaia di tutte le aziende che licenziano, sostenuta da una cassa nazionale di resistenza, è l’unica via per imporre il blocco dei licenziamenti. Proponiamo l’immediato coordinamento nazionale tra le rappresentanze dei lavoratori delle aziende già oggi presidiate o occupate, in funzione della generalizzazione delle occupazioni. Proponiamo a tutte le sinistre politiche e sindacali di unirsi attorno a questa indicazione, collegandola alla rivendicazione anticapitalista della nazionalizzazione senza indennizzo e sotto controllo operaio delle aziende che licenziano. Il PCL- presente costantemente nella lotta di queste settimane alla INNSE- lavorerà in ogni caso per la generalizzazione e l’unificazione delle lotte in direzione di un’autentica esplosione sociale contro Governo e Confindustria. Marco Ferrando (portavoce nazionale del Partito Comunista dei Lavoratori)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »