Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Posts Tagged ‘omeopatia’

Omeopatia, coronavirus e gli stracci che volano tra esperti virologi

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2020

di Gino Santini. Mentre stiamo scrivendo l’Italia è spaccata in due da un virus che, come tutti i virus che si rispettano, viene circoscritto a fatica e ha riscoperto l’italico vizio di farsi cogliere impreparati. Eppure i segnali provenivano forti e chiari, amplificati da “esperti” che però non sono stati presi sul serio. Verrebbe da chiedersi se cotanta veemenza, abitualmente addizionata a buone dosi della solita arroganza, non abbia amplificato in modo eccessivo un rumore di fondo che, alla fine, ha coperto anche il segnale utile.
Se ci riportiamo indietro nel tempo, ma parliamo di neanche qualche mese fa, gli autorevoli di cui sopra tuonavano con analoga e medesima arroganza, mostruose inesattezze contro l’omeopatia e i loro utilizzatori, definendo come cialtroni dei professionisti seri e preparati e come sciocchi creduloni i pazienti guariti e soddisfatti, addirittura scrivendoci anche qualche libro sopra. Con l’improvviso cambio di scenario dettato dal COVID-19, questi stessi personaggi scarsamente competenti in omeopatia, ma molto desiderosi di vetrine mediatiche, si sono ovviamente affrettati a dire la loro: cambia il messaggio, quindi, ma rimane invariato il tono e il livello di prosopopea. Al punto che, con l’inevitabile attrito provocato dalle colte esternazioni dei soliti noti, nella casa dello scientismo sono cominciati a volare i consueti stracci. Incidentalmente, anche Bill Gates, noto esperto di virus informatici, si è sentito in dovere di dire la sua dalle colonne del prestigioso New England of Medicine, allungando a sua volta la lista degli esperti in ovvietà.
Fortunatamente gli operatori sanitari italiani che si sono trovati in prima linea si sono tappati le orecchie e rimboccate le maniche: mentre il virologo di vaglia sfornava a tempo di record l’ennesimo libro sull’argomento (quando si dice avere il tempismo editoriale nel sangue), medici e infermieri si dannavano l’anima per circoscrivere l’area di contagio, districandosi con buon senso e fatica in mezzo alle numerose decisioni tra il drastico e il superfluo che provenivano dai piani alti, indicazioni adesso fortunatamente più organiche e mirate.
E gli omeopati? Dal canto loro le associazioni omeopatiche più rappresentative, quella indiana e l’europeo ECH, in mancanza di alternative valide si sono orientati su medicinali come Arsenicum album e Gelsemium, senza alcuna pretesa certo di risolvere il problema, ma con il sincero intento di fornire solo indicazioni di massima. Indicazioni, vale sottolinearlo, fornite con adeguata umiltà scientifica e in piena sintonia fra loro, dimostrando ancora una volta che “il metodo proposto da tanto tempo, è quello di d’osservare, ascoltare, paragonare, pensare, prima di parlare. Ma parlare… è talmente più facile di tutte quell’altre insieme, che anche noi, dico noi uomini in generale, siamo un po’ da compatire”, come scrive Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi al capitolo XXXII, si, quello della peste. (fonte: omeopatia33)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omeopatia SIMOH, Progetti socio-sanitari 2020

Posted by fidest press agency su martedì, 10 marzo 2020

L’Omeopatia è una disciplina medica metodologicamente fondata sulle sperimentazioni farmacologiche ad alte diluizioni e dinamizzazioni e sul continuo confronto tra i dati sperimentali ottenuti e i dati fisiopatologici e biomolecolari specifici di ciascun malato. L’omeopatia è dedicata al curare il paziente cronico, affetto da una o più patologie, orientando la terapia soprattutto alle cause remote di patologia, e non solo a quelle più recenti, oltre che ai sintomi di malattia. L’omeopatia interviene nelle forme acute in particolare nelle prime fasi dei processi patologici (che non siano ovviamente di competenza dell’emergenza sanitaria), sia per l’adulto che per il neonato, per il giovane, così come per l’anziano o la donna in gravidanza. Da anni Centro di formazione per gli specialisti del settore, l’Istituto SIMOH organizza incontri culturali, corsi e convegni per medici, odontoiatri e promuove iniziative sociali e scientifiche per i pazienti e per i cultori della medicina omeopatica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omeopatia, malattia paradontale e diabete mellito

Posted by fidest press agency su domenica, 16 febbraio 2020

Di Silvia Cocci Grifoni (fonte: Omeopatia33 Braz Dental J, 2019, 30, (2), 139) La malattia parodontale (MP) è una condizione infiammatoria cronica che induce formazione di tasche gengivali, riduzione della matrice ossea e, nella fase più avanzata, perdita dell’elemento dentale. Il primo approccio è solitamente quello della terapia periodontale non chirurgica (NSTP) e prevede adeguata igiene dentale, ridimensionamento sotto/sopra gengivale delle tasche, ablazione ad ultrasuono. Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 (DM2) la MP è più severa ed i diabetici con MP hanno più facilmente uno scarso controllo dei parametri laboratoristici (Hb glicata e glicemia).In uno studio randomizzato e controllato in doppio cieco 80 pazienti diabetici con MP sono stati sottoposti a NSTP; 40 di essi sono stati sottoposti anche a terapia omeopatica: Berberis 6CH associato a medicinali della fase acuta (Mercurius solubilis, Belladona, Hepar sulphur) alla dinamizzazione 6CH e al bioterapico Pyrogenium 200CH a singola dose settimanale. Ai rimanenti 40 pazienti è stato somministrato un placebo. A 12 mesi tutti i pazienti hanno mostrato un miglioramento dei parametri laboratoristici (glicemia ed Hb glicata), con il primo gruppo che ha mostrato un miglioramento molto più significativo rispetto al secondo, soprattutto per quanto ha riguardato il significativo miglioramento a carico dell’adesione della gengiva sull’elemento dentale, con riduzione della profondità della tasca gengivale.Questo studio dimostra pertanto come nei pazienti diabetici con MP l’omeopatia, in aggiunta alla NPTS, possa contribuire al miglioramento tanto del pattern metabolico-laboratoristico che delle problematiche parodontali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omeopatia al primo posto nella scelta degli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

omeopatiaOltre un italiano su 5 (il 21,2% della popolazione) fa uso di Medicinali Non Convenzionali (con un +6,7% rispetto al 2012) e l’omeopatia risulta essere la cura alternativa più diffusa. Quando si decide infatti di non affidarsi alla medicina tradizionale, ci si orienta prima di tutto all’omeopatia (76,1%), seguita dalla fitoterapia (con il 58,7%), l’osteopatia (44,8%), l’agopuntura (29,6%) e, infine, la chiropratica (20,4%).I dati del Rapporto Italia 2017 di Eurispes – rilanciati oggi da AMIOT, l’Associazione Medica Italiana di Omotossicologia – sottolineano una crescita esponenziale che si allinea con i trend europei di diffusione delle Medicine Non Convenzionali. L’aumento della fiducia nei confronti delle cure alternative è stato tale che se si fa un raffronto con i dati storici si scopre che in questi anni sono più che raddoppiati: oggi scelgono, infatti, le Medicinali Non Convenzionali ben 12.861.000 di cittadini, mentre nel 2000 erano poco più di 6 milioni.Il rapporto offre uno spaccato sui comportamenti, gli usi e le tendenze degli italiani nei confronti di un settore che, nonostante la crisi, continua a crescere ed essere utilizzato sempre di più da parte dagli italiani.
“Come rilevato dal rapporto Eurispes l’incremento del ricorso alle Medicine Non Convenzionali è un dato assodato a livello nazionale grazie a una presa di responsabilità sempre più rilevante delle famiglie e degli individui sul proprio stato di salute, all’autodeterminazione della scelta terapeutica, ma soprattutto a modalità relazionali medico/paziente più sensibili alle esigenze del paziente”, ha commentato il Dr. Marco Del Prete, a nome dell’AMIOT – Associazione Medica Italiana di Omotossicologia. “E’ stata recentemente pubblicata la nuova edizione del nuovo volume ‘Low Dose Medicine. Omeopatia e Omotossicologia. Le prove scientifiche’, edito da GUNA Editore, che permette di far conoscere l’efficacia terapeutica dei medicinali non convenzionali sia agli addetti ai lavori sia a coloro che vogliano documentarsi su un argomento di stretta attualità e di interesse pubblico sempre maggiore”, ha concluso Del Prete.
L’Italia, quindi, con questo dato rientra a buon titolo tra i Paesi Europei che hanno maggiormente sviluppato nella popolazione questa consapevolezza: secondo i dati del Consorzio UE CAMbrella, in Europa, non meno di 100 milioni di persone fanno regolarmente uso di prestazioni sanitarie di Medicine Non Convenzionali a livello preventivo e curativo.Dalla ricerca, infine, emerge un altro dato interessante che è quello che riguarda la ricerca delle informazioni che conferma il primato della Rete (con il 47,7%) come mezzo di ricerca sui disturbi della salute: più di tutti (col 64,4%) sono i giovani tra i 18 e i 24 anni a consultare Internet per risolvere i dubbi su questo argomento: soprattutto per capire a che cosa siano dovuti i sintomi/disturbi che si avvertono (91,5%), ma anche sulle buone pratiche/abitudini utili alla salute (79,9%). Il 50,7% usa internet per capire quali esami fare e il 47,4% invece per capire quali farmaci assumere per il proprio disturbo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omeopatia e “febbre da fieno”, conferme di efficacia

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 dicembre 2016

omeopatiaDi Rosaria Ferreri. Nella Health Clinic di Wimbledon di Londra nell’arco di due anni (2012 e 2013) è stato effettuato uno studio osservazionale su otto pazienti con sintomi di “febbre da fieno” utilizzando il MYMOP, un questionario di autovalutazione somministrato a tempo zero, dopo due e dopo quattro settimane di terapia omeopatica. I pazienti erano principalmente bambini e donne di mezza età (tra 9 e 50 anni), età media di 34,2. I pazienti sono giunti alla clinica con sintomi molto fastidiosi e non completamente risolti dall’uso di antistaminici e spray nasali steroidei. I punteggi del MYMOP sono stati rilevati durante il periodo di trattamento con rimedi omeopatici in granuli, scelti secondo la totalità dei sintomi di ogni paziente: se tutti i sintomi erano coperti da un singolo rimedio, veniva prescritto un unico rimedio, altrimenti due o più rimedi per coprire la totalità dei sintomi; nella casistica quindi è stato prescritto un rimedio costituzionale nel 25% dei casi, una associazione tra rimedio clinico e costituzionale nel 12,5%, tra clinico e miasmatico nel 50%, e tra costituzionale e miasmatico nel 12,5%. I rimedi più utilizzati sono stati Silicea, Euphrasia, Psorinum, Allium cepa, Sulphur, Tubercolinum, Sabadilla, Gelsemium, Natrum muriaticum, Kali phosphoricum e Carcinosinum. La maggior parte dei pazienti al controllo dopo 14 giorni o al massimo entro un mese dall’inizio del trattamento omeopatico già avvertivano un sensibile miglioramento generale dei sintomi. Gli Autori concludono che questo piccolo studio pilota incoraggia l’utilizzo di una terapia omeopatica individualizzata nelle patologie allergiche e affermano che l’uso del questionario MYMOP rappresenta un ausilio semplice ed efficace per il monitoraggio dell’efficacia terapeutica di questi pazienti. (fonte: omeopatia33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La malattia è frutto di una risposta

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2015

La malattia cronica è frutto di una memoria, di un ricordo “quasi indelebile” di cui è depositario un particolare tipo di cellule del nostro apparato di difesa, i linfociti citotossici. Su questa memoria si deve concentrare l’attenzione dei medici per prevenire e curare al meglio le patologie croniche. È il messaggio chiave del congresso “La Malattia è una risposta: la tradizione omeopatica in un profilo scientifico moderno” che si terrà sabato 28 novembre nella sala dell’Ordine dei Medici di Torino.L’incontro è organizzato dall’Istituto Malattie Croniche – S. Hahnemann, Associazione di medici omeopati nata con lo scopo di sensibilizzare i medici e le Istituzioni, ma anche l’opinione pubblica, sull’enorme potenziale terapeutico di tale Medicina nell’ambito delle patologie cronico-degenerative. Il Presidente è il Dottor Angelo Micozzi, la vice presidente per il Nord la Dottoressa Giovanna Bardellini e il Vice Presidente per il Centro-Sud il dottor Marco Mancini.Spiega Marco Mancini: «Il limite della medicina tradizionale è che, purtroppo, vengono presi in considerazione soltanto gli aspetti clinico-sintomatologici del paziente al momento della sua malattia, elemento, questo, che porta a prescrivere farmaci per controllare i sintomi e non la causa etiologica della malattia». Invece, conta moltissimo quanto è successo prima, spesso molto tempo prima. Come spiega la dottoressa Bardellini: «Una persona ha, nel corso della vita, una malattia infettiva, ad esempio una mononucleosi e nel suo organismo si attivano linfociti anti Epstein Barr virus (il virus responsabile della malattia), che saranno presenti per tutta la vita; si tratta di una memoria permanente. Ora, supponiamo che questa persona abbia un corredo genetico che la predispone all’Artrite Reumatoide (HLA DR4), abbia cioè espresse tali molecole DR4 a livello delle sue articolazioni. Ebbene, una parte dei linfociti attivati nella prima infezione, detti citotossici, per una somiglianza molecolare tra l’EBV e il DR4 aggrediranno le articolazioni, provocando l’Artrite. Tale fenomeno si chiama “mimetismo molecolare” e sta alla base di tutte le malattie croniche autoimmuni».Si tratta di un modello di studio nuovo delle malattie: la comparsa di una patologia cronica è legata a un meccanismo di innesco avvenuto anche molto tempo prima, sempre di natura infettiva. «L’aspetto inedito della questione – puntualizza il Dottor Micozzi, noto per aver tradotto l’intera opera di Samuel Hanneman – sta nel considerare le diverse malattie croniche come un mosaico di una malattia unica, la quale si manifesta diversamente a seconda dell’individuo. Per noi (ma per la medicina di oggi, in generale), l’individuo manifesta le diverse patologie nell’ambito di un costituzionalismo immunogenetico, ossia nell’ambito di una predisposizione facilmente individuabile. In termini molecolari, l’individuo si ammala in base a un corredo genetico, denominato HLA. Nella medicina accademica, invece, manca un modello diagnostico condivisibile di malattia cronica, a prescindere dalla terapia che si voglia perseguire». Questa impostazione diagnostica a quali strategie terapeutiche porta? «Esistono in medicina omeopatica farmaci specifici, scelti in base ad un criterio di similitudine tra la tossicologia della sostanza e i sintomi della sperimentazione sul volontario sano, in grado di negativizzare i linfociti citotossici – afferma la Dottoressa Bardellini -. Il principale errore commesso dalla medicina accademica è considerare il sistema immunitario come un modello puramente di difesa, per cui i colleghi non capiscono perché noi richiediamo determinati esami; per loro è solo indice di avvenuta infezione e quindi di immunità. Il secondo errore è non ascoltare il paziente, credere di essere sempre nel giusto, mentre a volte è proprio l’individuo a guidarci verso la diagnosi più corretta. E, infine, l’eccessiva specializzazione, l’oculista che vede solo l’occhio, il ginecologo che vede solo l’apparato riproduttivo, l’endocrinologo che vede solo la tiroide mal funzionante. Il rischio è di non rendersi conto che quell’occhio, quell’utero, quella tiroide non sono organi a sé stanti, ma fanno parte di un sistema creato per lavorare in sincronia. È inutile e dannoso continuare a prescrivere farmaci sintomatici; quando il loro effetto sarà concluso il sintomo si ripresenterà tale e quale, se non aggravato».In pratica, la terapia omeopatica si basa sul criterio della similitudine utilizzando, a tale proposito, la diagnosi e i dettami della medicina accademica, ma evitando la terapia dei contrari. Le malattie che l’omeopatia può affrontare, pertanto, sono molteplici, «in quanto sposta il livello di attenzione verso l’individuo, dall’aterosclerosi alla malattia demielinizzante, fino a numerosi disturbi neurologici, quali il parkinsonismo e le allergie» – conclude il Dottor Micozzi. «Avere un modello di malattia su cui tutti possono fare riferimento, per tutta la malattia autoimmune, porterebbe alla scomparsa definitiva di questa confusione diagnostica. Ma questo non deve essere una critica alla medicina ufficiale, al contrario, dovrebbe servire come monito per approfondire le proprie conoscenze mediche e lavorare per ottenere la guarigione dei malati» – aggiunge il Dottor Mancini.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Omeopatia, sempre più diffusa ma manca informazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 maggio 2012

Omeopatici sempre più presenti tra i farmaci usati dagli italiani, in particolare, lo scorso anno un cittadino su sei ne ha fatto uso, e quasi tutti ormai li conoscono, ma in modo superficiale: le informazioni non arrivano né dai medici né dai farmacisti. Sono questi i risultati di un’indagine realizzata da DoxaPharma, presentata da Omeoimprese, l’associazione italiana che rappresenta il 90% delle aziende distributrici e produttrici di questo genere di medicinali. Dall’indagine è emerso che oltre l’82% degli italiani li conosce e oltre il 16% della popolazione li ha usati nell’ultimo anno, mentre il 2,5% li usa almeno una volta la settimana. Tuttavia un’ampia forbice di italiani ha una conoscenza superficiale del farmaco omeopatico. Uno su due è al corrente della provenienza naturale e dell’assenza di effetti collaterali ma vorrebbe saperne di più. Inoltre la notorietà dell’omeopatia è dovuta molto più passaparola tra amici e parenti che al ruolo scientifico di medici e farmacisti. Il 40% degli intervistati accetterebbe la prescrizione di un farmaco omeopatico dal proprio medico senza fare domande. Tra gli abituali utilizzatori dell’omeopatia, è importante lo strumento del web per aumentare il livello di informazione e soprattutto la sponsorizzazione da parte dei medici di famiglia.(fonte frmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omeopatia: non “un’altra medicina”

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 febbraio 2012

Milano 21 febbraio 2012dalle ore 10:00 alle ore 12:30 Sala Camino Circolo della Stampa Corso Venezia, 48 La FIAMO, Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopati, indice una conferenza su Media Tutorial dal titolo “Omeopatia: non un’altra medicina”. Numerosi gli argomenti: cos’è l’omeopatia, a chi è rivolta, omeoterapia e bambini e omeoterapia e veterinaria.Programma:
Ore 10:15 Saluto di benvenuto e introduzione a cura del Dott. Giuseppe Fagone, Consigliere FIAMO
Ore 10:30 “L’omeopatia, cos’è e cosa non è”, a cura della Dottoressa Antonella Ronchi, Presidente FIAMO
Ore 11:00“Decalogo per il cittadino: informazione per la sicurezza delle medicine complementari e non convenzionali”, a cura della Dottoressa Giuliana Stolfi, membro FIAMO
Ore 11:30 Il Registro dei medici omeopati, a cura del Dott. Giuseppe Fagone, Consigliere FIAMO
Ore 12:00 Dibattito e conclusioni

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omeopatia: impegno accademico

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 novembre 2011

The Temple of Antoninus and Faustina is locate...

Image via Wikipedia

Si è svolta a Roma, lo scorso venerdì 11 Novembre, nella splendida cornice della Collegiata di San Lorenzo in Miranda, al Foro Romano, la cerimonia d’inaugurazione del 65° Anno Accademico di Studi della Scuola Italiana di Medicina Omeopatica Hahnemanniana, S.I.M.O.H. All’interno dell’antico Tempio dedicato ad Antonino e Faustina – e che dal 1429 è sede del Nobile Collegio Chimico-Farmaceutico – è più volte risuonata, forte, una parola, forse ormai desueta, ma sempre ricca di un fascino imperituro: maestro. Usando questa espressione, infatti, il Prof. Leonardo Antico, Presidente del Comitato Scientifico della SIMOH e già Docente dell’Istituto di Clinica Medica dell’Università Cattolica di Roma, ha aperto la seduta inaugurale rivolgendosi alla memoria del prof. Antonio Negro, caposcuola dell’omeopatia italiana scomparso a Roma nel 2010 alla veneranda età di 102 anni. E’ il grande Maestro Prof. Antonio Negro che spiritualmente presiede questa seduta inaugurale – ha dichiarato l’illustre Clinico – Io sono un semplice coordinatore. Alla presenza di moltissimi medici, accademici, studiosi di varie discipline, ma anche di una numerosa cittadinanza, si è celebrato uno degli eventi annuali più attesi nel mondo medico e scientifico che opera in Italia nell’ambito dell’omeopatia hahnemanniana, in quanto occasione preziosa di riflessione e di approfondimento di temi scientifici di sempre particolare rilievo e valore culturale.Intense hanno risuonato nell’Aula di San Lorenzo in Miranda le parole della Prof.ssa Maria Letizia Salvi, Presidente dell’Istituto SIMOH, nel corso della sua relazione: Oggi è innanzi tutto un giorno di festa – ha detto la Professoressa, già Docente di Biologia Molecolare alla Cattolica – ma anche un giorno di memoria. Memoria riconoscente rivolta al Prof Antonio Negro e alla forza del suo spirito, della sua mente e del suo grande cuore.
Molta commozione ed interesse c’è stato tra i presenti quando l’illustre Ricercatrice ha voluto rievocare in un passaggio veloce, ma significativo, i tanti collaboratori medici che nei diversi decenni hanno affiancato il Prof. Negro nella sua Scuola: la dr.ssa Fontana, la Pavignano, la dr.ssa Paciotti, il dr Galeazzi, il dr Leoni, il dr Antonio Santini, la dr.ssa Alma Rodriguez con il suo staff di Napoli e di Roma; e poi soprattutto il dr Sergio Mosso, tra i primi allievi del Professore e oggi illustre docente e medico della SIMOH. Al caloroso applauso dei partecipanti – era presente in sala anche il figlio del Professore, il Prof. Paolo Negro, Ordinario di Chirurgia Generale dell’Università La Sapienza – la Prof.ssa Salvi ha voluto ricordare come il ”fare memoria” non sia il semplice ricordare, ma è il riconoscimento di un senso di appartenenza. Di appartenenza ad una Scuola. Rivolgendosi ai tanti giovani presenti, la Salvi ha sottolineato come in un’epoca di profonda crisi, come è la nostra, che è soprattutto crisi di valori morali e crisi di cultura, l’esempio luminoso di Antonio Negro deve essere guida sicura per chi voglia veramente determinare un cambiamento profondo del nostro essere società, del nostro essere cittadini. Nel nostro fare cultura. La SIMOH guarda al sapere – ha detto ancora la Salvi – e alla promozione sociale. Entrambi, infatti, cultura e promozione sociale, possono contribuire in modo importante al progresso della persona e della comunità e devono pertanto essere sempre al centro dell’operato di un Istituto che operi per il bene della persona umana.Venti anni fa abbiamo cominciato la nostra avventura accanto al Prof. Negro – ha aggiunto ancora l’illustre Medico – impegnandoci per far convergere tutta l’esperienza accumulata nei decenni precedenti verso un’organizzazione comune, verso una realtà d’Istituto a tutto tondo, che consentisse di coniugare insieme formazione e pratica medica. Oggi è giunto il momento di dedicarsi alla ricerca. Si apra, quindi, spazio alla conoscenza, alla ricerca, ha detto la Prof.ssa Salvi. Si faccia ricerca medico-scientifica in campo omeopatico. E ci si impegni in questo senso, con l’aiuto di tutti. E’ una sfida importante, questa, da far tremare i polsi a molti, ma che alla Scuola Omeopatica fondata 65 anni fa da Antonio Negro viene vissuta con serenità, con calma e sempre con modestia. Come nelle tante giornate passate in Istituto insieme al Professore – ci dice una sua ex allieva – in Ambulatorio così come nell’aula didattica. E’ certo. Una memoria riconoscente ed un cuore che la animi, sanno sempre dare coraggio e forza alle menti che vi si esercitano. (Alessandro Cenci)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Buttiglione su medicine complementari

Posted by fidest press agency su sabato, 14 maggio 2011

Dichiarazione dell’On. Buttiglione (Presidente dell’UdC e vice presidente Camera dei Deputati) relativamente alle polemiche nell’area delle medicine complementari: “Dobbiamo assolutamente evitare che l’Europa emani provvedimenti sanzionatori nei confronti dell’Italia a causa delle inadempienze giuridiche del Ministero della Salute”. “Omeopatia? Questione di natura politica, e non solo scientifica, anzi – aggiungerei – questione giuridica”. “Una Direttiva Europea disattesa in alcune sue parti, con milioni di cittadini e medici che vedono limitate le loro possibilità di cura, e – non ultimo – un comparto produttivo profondamente colpito dal 1995, anno dal quale non è stato più possibile inserire sul mercato nuovi medicinali omeopatici: questi sono tutti elementi che devono trovare una soluzione di tipo politico.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La Regione Sicilia apre all’omeopatia

Posted by fidest press agency su domenica, 13 febbraio 2011

L’opuscolo “Medicina Omeopatica e cenni di Omotossicologia” è un vademecum edito dall’A.I.O.T. (Associazione Medica Italiana di Omotossicologia), stampato con il contributo di GUNA S.p.a., azienda farmaceutica leader italiana del comparto biologico-naturale, per promuovere una maggiore conoscenza in materia sul territorio siciliano.   Grazie alla collaborazione con LAMB – Libera Accademia di Medicina Biologica – e all’impegno della Provincia di Palermo, l’opuscolo verrà veicolato tramite la rivista BeneInforma, edita dalla stessa LAMB, e sarà disponibile gratuitamente  in tutte le farmacie di Palermo e Provincia.  La mini-guida all’omeopatia e all’omotossicologia spiega in modo semplice e comprensibile ai non addetti ai lavori i concetti fondamentali di queste disclipline: le origini dell’omeopatia, la legge dei simili, le modalità di preparazione dei farmaci, le varie tipologie in cui sono presenti sul mercato, le modalità di assunzione, le nuove possibilità offerte dall’omotossicologia come anello di congiunzione con l’allopatia.
In un momento in cui le spese sanitarie sono frequentemente messe all’indice per il loro continuo lievitare, il sostegno dell’amministrazione palermitana alla diffusione dell’opuscolo è un chiaro segnale della volontà di invertire la tendenza, promuovendo tipologie di cure esenti dal rimborso del Servizio Sanitario Nazionale. L’augurio è che altre province e regioni d’Italia possano seguire l’esempio di Palermo, nell’interesse della salute dei cittadini e delle casse dello Stato.
L’11 aprile, in occasione dei festeggiamenti per la Giornata Internazionale della Medicina Omeopatica, anche in Sicilia – come su tutto il territorio nazionale – gli studi medici convenzionati con l’A.I.O.T. apriranno le loro porte per un check-up medico gratuito a tutti gli interessati. Per saperne di più, è possibile contattare il numero verde del Centralino della Salute 800/385014.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omeopatia. In Italia cresce la richiesta

Posted by fidest press agency su sabato, 29 maggio 2010

“In omeopatia, la diagnosi sta nel determinare il giusto preparato adatto alla patologia del paziente”. Così l’On. Dott. Domenico Scilipoti (IDV), in riferimento a questa scienza antica. “Il principio attivo che è presente nei farmaci tradizionali, nei farmaci omeopatici è costituito da una quantità di molecole risultanti da successive diluizioni in acqua. – Continua il deputato di Italia dei Valori – L’Italia, terzo mercato europeo, ha 25.000 medici che li prescrivono. Questi medicamenti omeopatici sono dichiaratamente atossici e non contengono additivi. Per questo, l’omeopatia si presenta come valida alternativa o complementare alla medicina tradizionale.” Conclude l’On. Dott. Scilipoti (IDV: “Per alcuni medici, l’omeopatia è inefficace. Intanto, negli ultimi 15 anni, i pazienti che ne fanno uso sono cresciuti del 60 % e oltre. E’ necessaria e urgente una legge che disciplini la materia”.
Sì ai tagli ma senza compromettere l’assistenza
«Si prospetta una manovra finanziaria dai tagli cospicui. E quando si parla di tagli, la sanità ne è sempre coinvolta. E di questo siamo molto preoccupati sia come medici, sia come cittadini» A dirlo è il presidente del Sindacato nazionale autonomo medici italiani, Angelo Testa, che all’inaugurazione del 29esimo Congresso nazionale dell’associazione dei categoria, ieri a Palermo, dice sì ai tagli purché non si comprometta l’assistenza.  «Quando si parla di sforbiciate – continua Testa – si va a toccare non solo la quantità dei servizi erogati ma anche e soprattutto la qualità. Quando i fondi poi sono già limitati e se ne decurtano degli altri, i servizi al cittadino si assottigliano sempre di più fino a scomparire. E il cittadino potrebbe trovarsi dall’oggi al domani senza». Oggi, continua Testa, «il medico di famiglia passa la metà della giornata a eseguire procedure amministrative su carta e online e solo la restante metà ad assistere i propri pazienti. Basta. Non è più possibile continuare così. Vogliamo tornare a fare i medici, quelli veri, che visitano, ascoltano e consigliano il paziente». In ogni caso, però, i medici di famiglia, conclude Testa, «non si sottrarranno ai sacrifici richiesti dal Governo come faranno tutti gli altri italiani, ma al contempo non staranno di certo a guardare gli sprechi che ancora minano la nostra sanità». (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seminario sulla Fibrosi Cistica

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 maggio 2010

Verona, 15 maggio a ore 10.15 nell’auditorium del Centro Marani (Ospedale Borgo Trento).  Vi saranno due importanti contributi sullo stato di avanzamento degli studi clinici con discussione e approfondimento in merito a ciò che si ritiene più prioritario nella ricerca clinica: nuove terapie e ottimizzazione delle terapie tradizionali.  Questi temi verranno trattati da illustri ricercatori internazionali che operano nel campo della fibrosi cistica:  il Prof. Alan Smith (Inghilterra) e il Prof. Patrick Flume (USA). Sarà dedicato ampio spazio al problema delle “cure alternative e complementari” alle quali spesso ricorrono fiduciosi molti malati di FC: una pratica che talvolta può rivelarsi rischiosa e che può compromettere la qualità e la durata della vita del malato. Il Prof. Luciano Vettore di Verona, luminare nella ricerca medica, autore di oltre 300 pubblicazioni, sarà il relatore di questa seconda parte del seminario e lancerà un’interessante sfida.  L’intervento sarà integrato da un’inchiesta sul campo realizzata dal Dr Ermanno Baldo  dell’Ospedale di Rovereto che ha coinvolto 103 pazienti in diverse regioni da cui è emerso che la maggior parte di essi fa ricorso a terapie alternative.  L’intervento del Dott. Baldo farà luce sulle pratiche utilizzate, dall’agopuntura all’omeopatia, dalle tisane alla pranoterapia e molte altre ancora. Al seminario verrà inoltre distribuito in omaggio un libretto informativo sulla FC pensato e scritto per pazienti,  familiari e operatori sanitari http://www.fibrosicisticaricerca.it

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omeopatia in Ostetricia e Ginecologia

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2009

Palermo 21 Novembre 2009 Dalle ore 9.00 alle ore 13.00 Via Terrasanta, 39  Sala Convegni dello Studio Progetto MED.I.CO seminario dal titolo: “Argomenti di  Omeopatia in Ostetricia e Ginecologia”  Relatore Prof. Giuseppe Scaglione Ginecologo oncologo omeopata. Scopo del seminario è affrontare la complessità dell’universo femminile  secondo la chiave interpretativa propria della medicina omeopatica, fornendo sia una lettura universale della medicina dei simili, sia la  proposta pragmatica di alcuni medicinali omeopatici specifici per le singole affezioni dell’apparato genitale femminile.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli allarmismi del prof. Garattini

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 ottobre 2009

Perché ad intervenire sui giornali sono sempre le stesse “autorevoli” persone appartenenti alla Medicina classica? Perchè si dà voce solo agli stessi personaggi? Perchè si vuole intimorire “il grande pubblico” con affermazioni del tipo: “le medicine alternative possono avere effetti letali”? Mentre ammiriamo lo scrupolo con il quale il farmacologo Garattini esprime il suo giudizio negativo sull’efficacia terapeutica dell’Omeopatia e di altre medicine complementari, noi pazienti di APO Italia – grande schiera di aspiranti suicidi, sic! (quasi il 20% della popolazione italiana si affida alle cure dei medici chiamati, dall’emerito signore, “alternativi”) – vorremmo rassicurarlo del fatto che non scambiamo un innocuo globuletto di “acqua fresca” per un rimedio efficace, perchè sappiamo benissimo che “non è acqua fresca” ma un farmaco a tutti gli effetti, dato che lo sperimentiamo sulla nostra pelle da tantissimi anni, curando patologie di tutti i tipi, anche quelle che la medicina accademica ritiene che l’omeopatia non sia in grado di curare. Vorremmo, inoltre, indirizzare l’attenzione del professore sul fatto che i pazienti omeopatici (colti, residenti soprattutto al nord o al centro Italia – dati ISTAT) sono stanchi ed indignati di sentir ripetere sempre la stessa tiritera. Si ritira fuori “il caso”di un bambino, purtroppo morto nel 2006 per una patologia infausta, addebitandone il decesso alle medicine “alternative”; mentre non si danno quasi mai notizie di centinaia, direi migliaia di morti dovute all’impotenza della medicina classica. Avete forse letto qualche volta sui giornali delle infinite guarigioni ottenute grazie proprio alla medicina omeopatica? Mai! Noi, pazienti omeopatici, ci chiediamo ancora una volta come mai ci siano ancora taluni farmacologi che insistono a spargere tendenziosi allarmismi… “di parte”! Ma quali interessi intercorrono che possano spiegare questo accanito ostracismo ad una Medicina dolce, economica, non violenta e non tossica? Sono a conoscenza costoro che i medici che praticano la Medicina omeopatica sono laureati in Medicina e Chirurgia, specializzati e, talvolta, con più di una laurea? Sono a conoscenza, costoro, che in molti Paesi europei come Germania, Francia, Inghilterra, Olanda, Belgio, ecc., questa Medicina non soltanto è riconosciuta ma è anche parzialmente rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale? O ritengono che i loro governanti non abbiano a cuore la salute dei cittadini? Detto questo, il nostro augurio – al contrario di quanto chiede il Professore – è che la Medicina omeopatica sia regolamentata ed al più presto riconosciuta dal SSN (come avvenuto nella Regione Toscana dove, grazie ad una amministrazione sensibile, i cittadini sono riusciti ad ottenere prestazioni  di medicina: omeopatica, fitoterapica ed agopuntura nel SSR, integrandole con quella accademica). Ciò ad evitare che improvvisatori e ciarlatani – o persone senza una laurea in medicina, oppure senza conoscenza della materia, pratichino abusivamente questa preziosa e indispensabile terapia senza esserne all’altezza. (Daniela Salvucci Vicepresidente APO Italia Associazione Pazienti Omeopatici)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Scilipoti (idv) e le cure palliative

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 settembre 2009

“Ritorno volentieri sul tema cure palliative, proprio per porre l’accento sulla necessità di inserire altre pratiche, quali l’agopuntura, l’ortomolecolare, la fitoterapia e l’omeopatia, nel prospetto delle cure per la terapia del dolore”. Così l’On. Dott. Domenico Scilipoti dell’Italia dei Valori sul DdL cure palliative e le terapie del dolore, ora in discussione al Senato. “E’ importantissimo che in Senato, in sede di modifica ed approvazione del testo, vengano inseriti emendamenti integrativi, formulati sempre e soltanto nell’interesse della salute dei pazienti, ed a supporto della medicina allopatica tradizionale”. Sul delicato argomento è intervenuto anche il dott. Mauro Cucci, Direttore dell’Istituto Superiore di Agopuntura, che ha dichiarato:”In relazione a quanto affermato dall’On. Scilipoti sulla necessità di inserire nei protocolli di cure palliative e terapie del dolore anche le medicine complementari, non posso che ribadire, come già sostenuto da altri, che ciò è, oltre che giusto, anche doveroso. Vorrei ricordare inoltre come l’Agopuntura, secondo recenti studi presentati in ambito internazionale, sia un efficace, economico e sicuro strumento nel trattamento del ‘dolore centrale’ di natura oncologica e non”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assenza della medicina integrativa

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2009

“Finalmente si è fatto un primo passo in avanti per la terapia del dolore ma non è sufficiente”. Così l’On. Domenico Scilipoti dell’Italia dei Valori sul DdL cure palliative e le terapie del dolore, approvato oggi in Parlamento. “Sarebbe opportuno incrementare il ventaglio di possibili interventi – prosegue il deputato IDV – con l’inserimento di altre pratiche quali l’agopuntura, l’orto molecolare, la fitoterapia e l’omeopatia, che potrebbero essere disciplinate ad integrazione della medicina allopatica, per migliorare la qualità di vita del paziente oncologico. Si è visto che in alcuni casi associazione di agopuntura, fitoterapia e somatostatina, hanno dato ottimi risultati nel ridurre la velocità di crescita delle cellule neoplastiche e nella patologia dolorosa del malato oncologico. In altri casi si è visto che l’utilizzo di protocolli fitoterapici associati all’acido retinoico ha migliorato in alcuni casi la morfologia della membrana cellulare, diminuito la velocità di crescita delle cellule e rallentato il processo di evoluzione della malattia tumorale. A sostegno di tale posizione si è espresso il Dott. Carlo Maria Giovanardi- Presidente della Federazione Italiana delle Società di Agopuntura (FISA), che ha ricordato come numerosi trials clinici abbiano dimostrato come l’Agopuntura sia efficace nel trattamento della nausea e del vomito nel paziente sottoposto a chemioterapia, come pure nel ridurre l’astenia. Nell’interesse dei malati – conclude Scilipoti – spero vivamente che il Parlamento vorrà tener conto di questi suggerimenti nella fase di approvazione del DdL al Senato”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omeopatia

Posted by fidest press agency su martedì, 15 settembre 2009

Reggio Calabria 22 Ottobre. L’associazione Adimo, Associazione di Informazione sulla Medicina Omeopatica, informa che avrà inizio il trimestrale ciclo di visite omeopatiche riservate agli associati (associazione annuale Euro 20,00), grazie alla disponibilità dei medici dottor Mohamed Bahà El-Din Ghrewati e dottor Ahmed El Beick.
Adimo è una associazione senza fini di lucro composta da volontari, che opera senza sponsor e si finanzia con le sole tessere degli associati. Si occupa di Omeopatia organizzando incontri, conferenze, discussioni e dibattiti centrati sui principi generali dell’Omeopatia e sui metodi di preparazione, di confezionamento e di distribuzione dei rimedi omeopatici, basati sui principi della farmacopea tedesca. Il fine è quello di far conoscere tale disciplina a un pubblico sempre maggiore.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Aquila: L’Omeopatia e le altre Medicine

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 luglio 2009

La Protezione Civile ha recentemente stipulato un contratto con la FIAMO (Federazione Italiana delle Associazioni e dei Medici Omeopati), membro della LMHI (Liga Medicorum Homeopathica  Internationalis), per fornire alla popolazione terremotata il sostegno delle Medicine Non Convenzionali, prima tra tutte l’Omeopatia.  Il contratto prevede l’impiego di un container di 60 mq., da cui è possibile ricavare 1 sala d’ attesa e 2 studi medici, oltre ai servizi igienici.  Il merito di questa iniziativa si deve alla tenacia e discrezione della dr.ssa Annarita Aquilio (medico omeopata ed odontoiatra aquilana nonché responsabile del Dipartimento Odontoiatrico FIAMO), la cui opera preziosa in loco è stata coordinata centralmente dal dr. Francesco V. Marino, Vicepresidente FIAMO. La particolare situazione delle popolazioni colpite da cataclismi configura pienamente un ambito di intervento privilegiato per gli approcci medici sistemici che pongono la persona nella sua unicità al centro della cura, assicurando trattamenti individualizzati e realizzando una cura veramente centrata sulla persona.  Cessata l’emergenza, con tutto il clamore mediatico che ne è derivato, stanno infatti emergendo con sempre maggiore evidenza i postumi traumatici del terremoto, postumi che non risparmiano nessuna categoria, dai bambini agli anziani. I soggetti colpiti necessitano quindi di un particolare ascolto, in quanto la sintomatologia fisica è molto spesso espressione di un disagio ben più profondo. E’ in situazioni come questa che un approccio sistemico, quale quello espresso dall’Omeopatia e dalle altre MNC, può giocare un ruolo decisivo sulla salute globale della popolazione.  Una recente indagine del Censis (gennaio 2009) ha rilevato che oltre il 23% degli italiani, nel 2008, ha fatto ricorso a medicine non convenzionali o complementari e alternative. Si tratta di una fetta significativa di cittadini che, convinti dell’efficacia delle cure non convenzionali (MNC), le utilizzano in modo consapevole, ben sapendo cioè che sono interamente a loro carico.  Attualmente in Italia si contano molti operatori (medici, odontoiatri e veterinari) di MNC. Di questi, circa 12.000 sono rappresentati dal Comitato Permanente di Consenso per le MNC in Italia. Questo organismo rappresenta tutte quelle Medicine Non Convenzionali che la Federazione dei medici (FNOMCeO) e la Federazione dei veterinari (FNOVI) riconoscono come di esclusiva competenza del medico e dell’odontoiatra (agopuntura, fitoterapia, medicina antroposofica, medicina ayurvedica, medicina omeopatica, medicina tradizionale cinese, omotossicologia-medicina fisiologica di regolazione, osteopatia e chiropratica).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’omeopatia si confronta sulla ricerca e la bioetica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2009

Orvieto 30-31 maggio 2009  si svolgerà il Convegno “Medicina Omeopatica e Medicina convenzionale: paradigmi a confronto per una medicina centrata sulla persona” che vedrà la presenza di prestigiosi nomi del mondo omeopatico e della medicina ufficiale, presentare i risultati in ambito umano e veterinario, affrontare il problema della ricerca in medicina omeopatica e della bioeticità dell’uso della medicina omeopatica. Con il Patrocinio di:  FNOVI-  Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari Italiani –  Ordine Provincial dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di TERNI-  Ordine Provinciale dei Veterinari di TERNI –  Regione Umbria –  Provincia di Terni –  Comune di Orvieto-  Liga Medicorum Homoeopathica Internationalis  –  Federazione di Noopolis-  Associazione per la Medicina Centrata sulla Persona-  Comitato di  Consenso e Coordinamento per le Medicine Non Convenzionali in Italia-  UMNCV – Unione Medicina Non Convenzionale Veterinaria ed in presenza delle più prestigiose associazioni omeopatiche, i dottori Roberto Petrucci e Massimo Mangialavori per l’omeopatia umana e i dottori Mauro Dodesini e Francesca Pisseri per l’omeopatia veterinaria nella giornata di sabato 30 maggio parleranno della esperienza clinica in casi complessi con lunghi follow-up, mostrando alcune delle possibilità di applicazione della medicina omeopatica.  Nella giornata di domenica 31 maggio si affronteranno, invece i temi della ricerca in ambito omeopatico con le relazioni della professoressa Lucietta Betti e della professoressa Flora Ippoliti, della sperimentazione delle medicine omeopatiche con una relazione del dottor Gustavo Dominici, delle opportunità di confronto tra le metodologie omeopatica e della medicina ufficiale e delle linee guida nella ricerca clinica e farmacologica con le relazioni del professor Bruno Silvestrini e del dottor Salvatore de Masi. L’importanza di questo evento sta proprio nel confronto fra metodi e paradigmi scientifici fatto tra pari, l’eccellenza della medicina omeopatica pone sul tavolo del confronto scientifico la propria esperienza e l’eccellenza della ricerca e della metodologia della medicina ufficiale raccoglie l’invito per affrontare il nodo di una questione scientifica ed etica non più eludibile. Oltre dieci milioni di italiani che usano le medicine omeopatiche necessitano di risposte chiare e valide, non hanno bisogno di posizioni preconcette, di dichiarazioni che offendono la loro intelligenza e l’evidenza dei fatti, perché nella loro esperienza quotidiana i risultati della medicina omeopatica sono sovrapponibili ai risultati della medicina ufficiale. Infatti moltissimi pazienti usano ora l’una ora l’altra, mostrando forse più giudizio dei detrattori dell’omeopatia e accettando l’idea che un altro modo di curarsi è possibile.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »