Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘oncologica’

Prevenzione Oncologica

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 marzo 2020

“I malati oncologici non sono soli, LILT continua ad essere al loro fianco, anche in questa difficile situazione” ha detto il presidente nazionale della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori prof. Francesco Schittulli “la nostra linea verde nazionale SOS LILT è attiva per fornire ai malati oncologici e ai loro famigliari supporto e assistenza psicologica, una voce amica, in questo difficile momento, più che mai necessaria a chi è già più vulnerabile a causa della malattia”. Con l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, e nel rispetto degli ultimi decreti del governo, LILT ha inoltre deciso di rimandare a data da destinarsi la consueta Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, iniziativa che prevede visite di prevenzione in tutta Italia e che coinvolge oltre 500 piazze italiane, dove volontari LILT forniscono alla cittadinanza materiale informativo ed il tradizionale simbolo nutraceutico della SNPO, l’olio extravergine di oliva italiano. “Nonostante questo importante appuntamento rinviato, restiamo in prima linea contro il cancro: SOS LILT risponderà al numero 800998877 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 15, la chiamata è anonima e gratuita”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rete oncologica nazionale

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 luglio 2019

Omiche, Clinical Trials e strutturazione delle Banche dati sono le tre grandi linee di intervento sulle quali muoverà, nel prossimo triennio, l’azione di Alleanza Contro il Cancro, la Rete Oncologica Nazionale fondata nel 2002 dal Ministero della Salute oggi presieduta dal professor Ruggero De Maria. Lo ha deciso il Consiglio Direttivo al termine dell’intervento del coordinatore scientifico del network, professor Pier Giuseppe Pelicci che ha relazionato in occasione dei due giorni di lavoro organizzati all’IRST IRCCS di Meldola.
La genomica resta un capitolo fondamentale per Alleanza Contro il Cancro «dov’è necessario proseguire con gli investimenti per sviluppare tecnologie affidabili e low-cost come quella per la biopsia liquida». Pelicci ha informato inoltre che lo studio sulla generazione di dati omici proseguirà il naturale percorso di sviluppo «con particolare attenzione a Microbiomica e Radiomica (rispettivamente lo studio delle popolazioni batteriche dell’organismo e delle loro interazioni/funzioni e la possibilità di convertire in dati numerici le immagini mediche ottenute dagli esami TAC, RM o PET). Dati che – ha detto ancora il coordinatore scientifico della Rete – possono e potranno essere integrati con quelli provenienti dalle altre scienze omiche come supporto conoscitivo e/o decisionale».Clinical Trials osservazionali effettuati in collaborazione con gli IRCCS della Rete hanno caratterizzato l’attività dei Working Group dell’ultimo biennio, «abbiamo letteralmente guardato e studiato alcuni parametri legati alla sovrapposizione dei Pazienti; ora la sperimentazione entrerà nella sua fase più importante con Trials concepiti per testare la capacità della stratificazione genomica di migliorare il trattamento. In parallelo – ha detto ancora Pelicci – saranno effettuati Trials di raccolta dati Real World, ossia di come e quanto, effettivamente, queste terapie stanno modificando la storia naturale delle malattie».La messa a fattor comune dei dati di omiche e delle informazioni cliniche dei 25 IRCCS associati è il terzo grande capitolo su cui si lavora stabilmente in ACC. «L’obiettivo, grazie al trasferimento costante dei dati – ha concluso Pelicci – è che ogni singolo Paziente possa essere valutato grazie alle conoscenze acquisite dall’incrocio delle informazioni di altre migliaia di Pazienti. Per fare ciò occorre una costante attività di strutturazione e networking delle banche dati di ogni Istituto da mettere poi in collegamento con altre organizzazioni nel mondo».Ulteriori capitoli di approfondimento saranno dedicati, dalla Rete, alla qualità della vita – con particolare attenzione agli aspetti nutrizionali in chirurgia – ai lungo sopravviventi e ai tumori rari di cui peraltro il network si occupa già parzialmente nell’ambito del WG Sarcomi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La ricerca oncologica italiana al vertice nel mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 giugno 2019

Chicago. Sono in totale sette le presentazioni orali di ricercatori italiani selezionate alla più importante assise internazionale sul cancro, il 55° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago in questi giorni. Tra queste due sono studi sul tumore del seno condotti dall’Ospedale Policlinico San Martino di Genova. La prima è relazione è della prof.ssa Lucia Del Mastro (Coordinatrice della Breast Unit dell’Ospedale) e riguarda il trattamento adiuvante della neoplasia. La seconda invece è del dott. Matteo Lambertini e affronta il delicato tema della preservazione della fertilità per le donne colpite da questa forma di cancro. “E’ un grande onore poter esporre ai colleghi, provenienti da ogni parte del mondo, i risultati importanti che abbiamo ottenuto – afferma la prof.ssa Lucia Del Mastro -. Viene presentato uno studio condotto all’interno del Gruppo Italiano Mammella che ha coinvolto oltre 2.000 pazienti. I risultati contribuiscono a migliorare il trattamento ormonale effettuato dopo la chirurgia. La ricerca è stata svolta in 62 centri italiani e coordinata dal San Martino di Genova che rappresenta un’assoluta eccellenza italiana per quanto riguarda la ricerca, in particolare quella sul carcinoma mammario. Grazie alle importanti collaborazioni che siamo riusciti ad attivare con altri centri italiani, e internazionali, lavoriamo per individuare nuove strategie terapeutiche utili a contrastare la neoplasia femminile più diffusa nel nostro Paese. Il tumore della mammella, infatti colpisce, ogni anno oltre 52mila donne. Nonostante i risultati in termini di sopravvivenza sia in forte aumento la patologia è ancora la prima causa di morte da cancro tra le italiane. Bisogna quindi riuscire a migliorare la pratica clinica quotidiana degli specialisti e l’assistenza alle pazienti”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rete oncologica nazionale

Posted by fidest press agency su domenica, 4 novembre 2018

Oltre un petabyte (1.027 TB) di informazioni relative a 1.000 pazienti oncologici condivise con il network oncologico mondiale: è il patrimonio che Alleanza Contro il Cancro, la rete oncologica nazionale, mette oggi a disposizione della comunità scientifica internazionale per alimentare il confronto quotidiano con le altre carte di identità molecolari – 15 mila in tutto, per ora. Lo ha detto stamane nell’ambito dell’Annual Meeting di ACC il Direttore Scientifico della Rete, Piergiuseppe Pelicci, intervenuto per fare il punto e descrivere le traiettorie sviluppo dei programmi dell’organizzazione fondata nel 2002 dal Ministero della Salute. «Le informazioni digitali – ha detto lo scienziato – si trovano fisicamente al CINECA, a Casalecchio (BO), in un mega server al quale tutti gli IRCSS associati e l’Istituto Superiore di Sanità possono facilmente accedere e condividere informazioni con omogeneità. C’è bisogno di nuova informatica, reati neurali, intelligenza artificiale – ha aggiunto – questa è un’alleanza sacra della conoscenza in cui si utilizza la conoscenza del mondo per decifrare il tuo Paziente. Nei prossimi tre anni le profilature disponibili aumenteranno in modo esponenziale raggiungendo diverse centinaia di migliaia di unità, basi pensare che nel solo Regno Unito il solo progetto genoma ha un primo plafond di 100 mila schede».
Pelicci, noto al grande pubblico per avere scoperto il cosiddetto gene dell’invecchiamento, ha spiegato che l’attività di Alleanza Contro il Cancro «è giunta a buon punto, in due due anni sono stati perfezionati pannelli che consentono di analizzare simultaneamente, a basso costo, i geni del rischio tumorale e per la stratificazione terapeutica. Il primo punto di arrivo della traiettoria è che entro i prossimi tre anni ogni paziente degli Istituti Associati possa essere profilato sia sotto il profilo del mantenimento della salute, sia della guarigione. Per fare questo – ha concluso Pelicci – abbiamo creato una facility mettendo tutti gli IRCSS nelle condizioni di poter sequenziare i propri Pazienti».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seconda Giornata Nazionale della Ricerca oncologica

Posted by fidest press agency su sabato, 12 maggio 2018

Milano, 16 maggio 2018 ore 9,00 Istituto Nazionale dei Tumori Aula Magna “Gianni Bonadonna” Via Venezian 1. Quali sono gli orizzonti per la ricerca oncologica e qual è la situazione italiana? Quali sono le iniziative di prevenzione in atto e come si può fare prevenzione a 360 gradi, anche per evitare le recidive? Sono queste alcune delle domande che guideranno il dibattito nel corso della Seconda Giornata Nazionale della Ricerca promossa dalla LILT, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. La giornata sarà un’occasione per un dibattito e un approfondimento con esperti del settore e con i rappresentanti delle sedi LILT, sugli orizzonti della ricerca oncologica nel nostro Paese e sulle attività di prevenzione, così come avvenuto nel 2016 durante la prima edizione. I lavori saranno suddivisi in tre sessioni: nella prima sessione si discuterà sugli orizzonti futuri della ricerca, nella seconda si presenteranno alcuni progetti su prevenzione e diagnosi precoce contro il cancro portati avanti concretamente dalle Sezioni Provinciali della LILT anche grazie al sostegno del 5×1000, nella terza sessione si terrà un focus particolare sulla prevenzione terziaria finalizzata a combattere le recidive.L’iniziativa è dedicata alla memoria della giornalista Rai Maria Grazia Capulli, testimonial per alcune campagne nazionali LILT e scomparsa nel 2015 a causa di una patologia oncologica.
Tra i relatori figurano Francesco Schittulli presidente LILT Nazionale, Marco Alloisio, Presidente LILT Sezione di Milano; Enzo Lucchini, Presidente Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori; Giovanni Apolone, Direttore Scientifico Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano; Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori; Massimo Casciello, Direttore generale della vigilanza sugli enti e della sicurezza delle cure del Ministero Salute; Giovanni Leonardi, Direttore Generale della ricerca e dell’innovazione in sanità del Ministero Salute; Giulio Gallera, Assessore al Welfare di Regione Lombardia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna “Prevenzione oncologica al femminile”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 novembre 2017

tumore-al-seno-2Roma 4 novembre 2017, ore 11.15 Sala Giunta CONI (Piazza Lauro De Bosis 15) presentazione Campagna “Prevenzione oncologica al femminile” con la partecipazione del prof. Francesco Cognetti (Presidente della Fondazione Insieme contro il Cancro), di Federica Pellegrini, Giovanni Malagò (Presidente CONI) e Nicoletta Luppi (Presidente e Amministratore Delegato MSD Italia).
Il 40% dei tumori può essere evitato seguendo uno stile di vita sano. Ma le italiane ignorano le regole della prevenzione oncologica: il 20,8% fuma, il 23,8% è in sovrappeso e il 34,3% è sedentario. Insufficiente anche l’adesione ai programmi di screening oncologico. Nel 2015 solo il 55% delle donne (50-69enni) ha aderito all’invito a sottoporsi alla mammografia, fondamentale per individuare il tumore del seno in fase precoce. E solo il 39,8% (25-64enni) si è sottoposto al Pap-test per l’individuazione del tumore della cervice uterina, uno dei più frequenti nelle giovani donne (under 50). Per sensibilizzare tutte le italiane sull’importanza degli stili di vita sani, la Fondazione “Insieme contro il Cancro” lancia la campagna “Prevenzione oncologica al femminile”, con una testimonial d’eccezione, la campionessa olimpionica di nuoto Federica Pellegrini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica

Posted by fidest press agency su domenica, 5 marzo 2017

duomo-milanoMilano dal 18 al 26 marzo prossimi la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano promuoverà la sedicesima edizione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica. Istituita con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, ha l’obiettivo di diffondere la cultura della prevenzione e della diagnosi precoce. Arrivare “prima” di fronte ad una malattia è fondamentale per aumentare la sopravvivenza. Lo scopo principale è la sensibilizzazione della popolazione sull’importanza di adottare uno stile di vita sano e corretto per prevenire alcune patologie tumorali. Protagonista indiscusso è l’olio extravergine d’oliva, noto per le sue qualità benefiche.
Tra le iniziative in favore della popolazione, per tutta la Settimana, l’Unità Mobile LILT offrirà a Milano e Provincia la possibilità di sottoporsi gratuitamente a visite di diagnosi precoce oncologica. Un modo per portare la prevenzione sotto casa dei cittadini. Diverse le prestazioni offerte sull’Unità Mobile e negli Spazi Prevenzione LILT Milano: visite dermatologiche, senologiche, al cavo orale, alla prostata e consulenze alimentari, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Chi deciderà di prendersi cura del proprio corpo, grazie ad uno screening preventivo, potrà richiedere la shopper della salute, con olio extravergine d’oliva, pomodori pelati e pasta, alimenti simbolo della tradizionale dieta mediterranea, preziosa alleata contro i tumori.Anche quest’anno, inoltre, per ricordare l’importanza di una regolare attività fisica, LILT Milano ha deciso di istituire una partnership con “Ciclobby”, Associazione ciclo-ambientalista aderente alla Federazione Italiana Amici della Bicicletta (FIAB onlus). Inoltre, ha aderito, in qualità di charity partner, alla storica corsa ciclistica Milano-Sanremo. Lo scopo di queste iniziative è sottolineare, ancora una volta, l’importanza del movimento per restare in forma; l’ideale sarebbero 10mila passi quotidiani, l’equivalente di una breve passeggiata la mattina e la sera. Recenti studi condotti in Europa e Stati Uniti, infatti, hanno dimostrato che chi fa esercizio fisico ha il 7% di probabilità in meno di ammalarsi, ma in un quarto delle neoplasie il rischio crollerebbe di oltre il 20% fino, ad esempio, al meno 42% nell’adenocarcinoma all’esofago.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riabilitazione oncologica: Investimento per sanità

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

Cancro-sintetizzata-molecola-che-blocca-proteina-tumorale“La pubblicazione dell’ottavo rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici in Italia offre a tutti noi una importante occasione per riflettere su una delle più importanti evoluzioni di quello che una volta veniva chiamato un brutto male. Di fatto non veniva neppure nominato, perché il solo evocarlo evocava vissuti di morti. Oggi, fortunatamente, non è più così: molti malati di cancro guariscono; e moltissimi assistono alla parziale cronicizzazione di una malattia che pone però nuovi problemi di cura e di assistenza. Ancora una volta il cancro ci sorprende, perché riesce a regalare una nuova opportunità di vita alle persone che a vario titolo ne sono state affette. E’ un po’ la metafora del nascere due volte, tanto utilizzata in altri contesti. “
Lo afferma l’onorevole di Area popolare (Ncd-Udc) Paola Binetti, che continua: “Una volta usciti dalla fase critica, che include necessariamente anche terapie molto pesanti, il soggetto vuole ricominciare a vivere la sua vita nella massima normalità possibile. Ma è proprio allora che scopre uno dei buchi neri dell’attuale assistenza: la mancanza di accesso ad un progetto di riabilitazione, che faccia parte integrante del suo piano terapeutico. Come si diceva una volta, non basta aggiungere anni alla vita se non si aggiunge vita agli anni. E questo oggi è molto difficile per un malato di cancro. E’ vero ha diritto a cure anche molto costose, tra le più costose di quelle che le farmacologia rende disponibili per i malati. Ma una volta terminato l’iter caratterizzato da interventi chirurgici, radioterapie e chemioterapia, è come se il sistema assistenziale si chiudesse a riccio e dicesse al malato: ora basta. Hai avuto tutto quello di cui avevi bisogno; tutto quello che potevo darti. Ma non è così. Proprio quando il malato intravede la fine del tunnel scatta in lui prepotentemente non solo la volontà di vivere, ma la volontà di vivere la sua vita tornando al lavoro, agli impegni sociali e familiari, alle attività sportive. Ha voglia di normalità, anche perché ha imparato ad amare la sua normalità e ad apprezzarla più che mai come un dono. Ma per questo serve un vero e proprio progetto di riabilitazione che lo accompagni fino al pieno reinserimento sociale, altrimenti, paradossalmente si ammalerà di nuovo. Cambierà la sintomatologia, e ogni piccolo sintomo aprirà la strada al sospetto di una ripresa della malattia; si creerà la necessità di nuovi ed estenuanti accertamenti; si accentuerà il disagio psicologico con nuove manifestazioni di tipo ansioso-depressivo; e si farà ricorso ad esigenze come un pensionamento anticipato; il ricorso a forme socio-assistenziali che supportino il senso di fragilità esistenziale. Tutto ciò ce lo insegnano i malati-guariti e questo nuovo termine non sembri un ossimoro, perché in realtà rappresenta il vissuto di malati non ancora guariti, perché li abbiamo defraudati di quel complemento della loro terapia che si chiama riabilitazione. Per questo è nostra intenzione chiedere al Ministro della Salute, onorevole Beatrice Lorenzin, un drg specifico per la riabilitazione oncologica, perché ha aspetti del tutto peculiari. Vorremmo ovviamente che rientrasse tra i LEA e che per le persone che se ne faranno carico ci fosse un iter formativo ad hoc. E in questo iter chiameremmo a fare da maestri proprio quei malati-guariti, ormai diventati esperti in qualità di vita, capaci di marcare un itinerario che solleciti costantemente la responsabilità del malato e alimenti la sua voglia di vivere fornendogli al tempo stesso gli strumento necessari per ottenere i migliori risultati possibili nei tempi più brevi possibili”, conclude la Binetti.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2016

milanodavedereMilano Giovedì 3 marzo 2016 ore 11.30 Eataly Smeraldo – Piazza XXV Aprile, 10 Lilt e BikeMi insieme per promuovere il movimento come stile di vita salutare nella prevenzione per la lotta ai tumori. Riuscire a diffondere l’importanza dell’attività fisica come uno dei principi cardine per prevenire alcuni tipi di patologie è uno dei temi della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica. Insieme al movimento, però, è importante continuare a sensibilizzare sull’importanza di adottare uno stile di vita corretto, oltre alla diffusione della cultura della diagnosi precoce. Mangiare sano, rinunciare alla dipendenza dal fumo e praticare ogni giorno attività fisica, contribuendo per esempio anche alla sostenibilità dell’ambiente con il bike sharing; piccole “regole” quotidiane che permettono di prendersi cura della propria salute.Intervengono: Marco Alloisio, presidente Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano Pierfrancesco Maran, assessore alla Mobilità del Comune di Milano Paolo Dosi, CEO Clear Channel ItaliaViviana Varese, chef Alice Ristorante Modera l’incontro Francesca Senette, giornalista e happiness coach.Nel corso della conferenza verranno inoltre presentate le iniziative organizzate dalla Sezione Milanese della LILT per la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La ricerca oncologica italiana

Posted by fidest press agency su domenica, 22 febbraio 2015

Cancro-sintetizzata-molecola-che-blocca-proteina-tumoraleE’ tra le migliori e più produttive nel mondo industrializzato. Ma le regole del sistema Italia ingessano i ricercatori, provocano ritardi nell’approvazione degli studi, impediscono l’arrivo di nuove molecole e la collaborazione con l’industria del farmaco e favoriscono la fuga di cervelli. L’allarme viene dal convegno del Gruppo Oncologico Italiano di Ricerca Clinica (GOIRC), che si svolge oggi a Firenze. “La ricerca cooperativa rappresenta una delle risorse da mettere in campo per migliorare la situazione – spiega il prof. Francesco Di Costanzo, Direttore dell’Oncologia Medica del ‘Careggi’ e Membro del Direttivo Nazionale GOIRC, durante un incontro con i giornalisti -. Ma l’Italia è svantaggiata nella competizione internazionale sia nei confronti degli Stati Uniti che dell’Europa. La riorganizzazione dei gruppi cooperativi ha portato negli USA a ridurne il numero e ad accorparli per formare un National Clinical Trial Network, dotato anche di una piattaforma comune per la scoperta e la validazione di biomarcatori. In Italia non si è realizzato ancora nulla. Se non si interviene subito, la ricerca accademica, indipendente, sparirà”. In cinque anni si è registrato un calo preoccupante del numero complessivo delle sperimentazioni: nel 2009 erano 761, nel 2013 l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ne ha autorizzate 583, 204 relative ai tumori. Una diminuzione sostanziale è stata quella degli studi indipendenti, calati dal 41,8% (318) del 2009 al 23,8% (139) del 2013. Il GOIRC, il più antico fra i gruppi cooperativi italiani, ha condotto nel gennaio 2015 un’indagine fra i principali gruppi oncologici attivi nel Paese per capire le difficoltà e le aree prioritarie su cui intervenire. “Hanno partecipato all’indagine oltre 10 gruppi cooperativi, fra cui GOIRC, GOIM, GONO, GISCAD, GIM, ITMO, IMI, MITO, Italian Sarcoma Group, SICOG – sottolinea il prof. Rodolfo Passalacqua, Presidente GOIRC e Direttore dell’Oncologia Medica degli Istituti Ospitalieri di Cremona -. Sono emersi tre ostacoli principali. Innanzitutto la mancanza di un sostegno finanziario pubblico ai gruppi in modo che possano mantenere un’infrastruttura organizzativa necessaria per la ricerca. Va evidenziata inoltre la ridondanza e la diversità dei Comitati Etici con regole e disposizioni diverse, che rendono massacrante e dispendioso l’iter di approvazione di uno studio. Basti pensare che negli Stati Uniti il tempo di approvazione è meno di un mese e il Comitato Etico è unico per tutto il gruppo cooperativo. Invece in Italia ogni ospedale deve approvarlo separatamente e spesso non si riesce nemmeno a partire con le sperimentazioni in cui l’arruolamento è competitivo a livello internazionale. Il terzo ostacolo è costituito dalle differenze legali e burocratiche post-approvazione con ulteriori ritardi e blocchi ingiustificati”.“I gruppi cooperativi – continua il prof. Andrea Ardizzoni, Segretario GOIRC e Direttore dell’Oncologia Medica al Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna – possono svolgere un’azione di ricerca e diffusione delle conoscenze unica, anche in campi dove l’industria non può o non ha interesse a intervenire. Sono una risorsa per il Paese e per il Sistema Sanitario Nazionale, vanno considerati un bene pubblico e preservati, dando loro finanziamenti rapportati alla loro capacità e impatto”. In Europa e in Italia la ricerca cooperativa è nata negli anni 70-80 e ha rappresentato un modello importante per la diffusione della ricerca clinica in senso capillare, per stabilire standard di cura omogenei nel Paese e favorire la crescita culturale dei ricercatori e dei centri oncologici. Ma in Italia non è mai stata sostenuta e finanziata con fondi pubblici. Dopo gli anni 2000, in tutto il mondo incluso il nostro Paese, si è registrata una crisi della ricerca cooperativa legata a molti motivi. Da un lato l’irrigidimento delle regole autorizzative per gli studi clinici con la necessità da parte dei singoli centri della creazione di uffici o nuclei dedicati alle sperimentazioni, data manager e altro personale. Dall’altro l’arrivo di nuovi farmaci a bersaglio molecolare, le cui sperimentazioni sono molto costose e vengono direttamente gestite dall’industria che detiene il brevetto tramite specifiche organizzazioni. Questo ha spinto nel 2010 l’IOM (Institute Of Medicine) americano a lanciare un piano per “implementare un sistema nazionale per la ricerca oncologica cooperativa per il 21° secolo”. Una delle raccomandazioni chiave dello IOM è rivolta verso una maggiore collaborazione fra i vari stakeholder nel campo della ricerca: Gruppi Cooperativi, NCI (National Cancer Institute), FDA (Food and Drug Administration) e Industrie Biofarmaceutiche. “La collaborazione fra questi – afferma il prof. Passalacqua – è cruciale per lo sviluppo di nuove cure specialmente se si considera che al momento sono oltre 800 le nuove molecole in fase di sperimentazione. I settori identificati dallo IOM come appannaggio della ricerca pubblica cooperativa sono molteplici, ad esempio confronto fra diverse molecole per sottocategorie di tumori, studi in neoplasie con specifiche mutazioni, pazienti anziani, combinazioni di più farmaci, identificazione di rare mutazioni con necessità di screening di molte migliaia di persone, studi di prevenzione”.
Uno dei temi centrali del convegno GOIRC 2015 è il confronto con gli altri gruppi europei, il titolo del meeting infatti è “La Ricerca Oncologica cooperativa italiana nel network europeo della ricerca”.Oltre agli USA, in altri Stati europei, come Germania e Olanda, i gruppi sono sostenuti direttamente dal servizio sanitario nazionale, perché vengono percepiti come un vero e proprio ‘braccio armato’ della ricerca. La consapevolezza che gli studi finanziati con fondi pubblici sono vitali per lo sviluppo di nuove conoscenze e la disseminazione dei risultati nella comunità medica e nel pubblico ha spinto anche l’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) recentemente a proporre la creazione di una “Federazione Italiana dei Gruppi Cooperativi Oncologici”. “Nel convegno – conclude il prof. Ardizzoni – vogliamo confrontarci con i coordinatori dei maggiori gruppi cooperativi oncologici italiani ed europei per capire quali difficoltà stanno incontrando e le modalità con cui superarle. La speranza è quella di identificare strategie comuni per promuovere la sperimentazione clinica indipendente nei Paesi europei e identificare strumenti che favoriscano la collaborazione tra gruppi nazionali europei nell’ambito di trial clinici intergruppo, linea sulla quale il GOIRC ha già incominciato a lavorare”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rete oncologica del Lazio

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 marzo 2012

Assicurare un accesso uniforme dei pazienti colpiti da tumore in tutti i centri del Lazio, offrendo loro la migliore qualità e innovazione nelle prestazioni, nella diagnosi e nella cura. È l’obiettivo dei 30 gruppi interdisciplinari, formati da 300 esperti, che hanno stilato un documento con 20 linee guida suddivise per patologia. La pubblicazione viene presentata oggi in un convegno nazionale a Roma all’Istituto Tumori Regina Elena, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “È dimostrato – sottolinea il prof. Francesco Cognetti, coordinatore scientifico del progetto e direttore dell’Oncologia Medica del Regina Elena – che l’appropriatezza delle prestazioni mediche può significativamente influenzare i risultati dei trattamenti oncologici, le possibilità di sopravvivenza dei pazienti e la loro qualità di vita. Vogliamo ridurre le liste di attesa del 30% nei prossimi 24 mesi e individuare i centri di eccellenza in grado di offrire un servizio sanitario certificato di assoluto livello”. Il documento sarà ora consegnato al governatore Polverini perché diventi uno strumento operativo, di confronto e di pianificazione.Ogni anno nel Lazio si registrano 34.000 nuovi casi di tumore e 16.000 decessi. E sono 216.000 le persone che vivono nella Regione con una diagnosi di cancro. Il documento è il primo atto della Rete Oncologica del Lazio (ROL), istituita nel luglio 2011. Essenziale il ruolo delle Università nell’implementazione del network oncologico. “Il valore della rete – spiega il prof. Luigi Frati, Rettore della ‘Sapienza’ di Roma – è quello di creare una stretta sinergia fra le strutture oncologiche del territorio, anche le più piccole, in modo da coordinare l’approccio diagnostico e terapeutico e mettere a disposizione di tutti i cittadini le tecnologie più sofisticate presenti nei centri più grandi”.
“L’obiettivo finale di tale pubblicazione – afferma il prof. Rocco Bellantone, Preside della Facoltà di Medicina della Cattolica di Roma – è anche quello di produrre indicazioni delle dotazioni strutturali, tecnologiche, di expertise ed organizzative che dovranno essere presenti in ciascuna unità ospedaliera ai fini dell’accreditamento ad eseguire diagnosi e terapia in ogni patologia. I documenti saranno quindi estremamente utili ai fini della stesura dei piani strutturali e dei percorsi terapeutici nell’ambito delle quattro Macroaree di cui si compone la Rete Oncologica Regionale”. Il progetto prevede misure di verifica, per disporre di una mappa chiara anche delle liste di attesa e della loro evoluzione nel tempo, a livello delle singole Istituzioni ospedaliere e dell’intera Regione Lazio. “In caso di riscontro di non appropriatezza da parte delle Commissioni di controllo – continua il prof. Cognetti -, le Istituzioni potranno prevedere ulteriori meccanismi di verifica ed eventuali provvedimenti sanzionatori, come l’abbattimento dei rimborsi o la temporanea sospensione dell’accreditamento”. “L’adeguamento ai criteri uniformi stabiliti dalle linee guida del documento – conclude il prof. Renato Lauro, Rettore dell’Università ‘Tor Vergata’ – deve diffondersi, pur in relazione alle potenzialità tecnologiche, strutturali e di qualificazione del personale dei singoli centri, a tutte le strutture del Servizio Sanitario Regionale che, in assenza di indicazioni e raccomandazioni da utilizzare nella pratica clinica da parte delle autorità sanitarie centrali, potrebbero invece produrre prestazioni disomogenee e non in linea con i migliori standard riconosciuti a livello internazionale”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno: rete oncologica

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 marzo 2012

Roma 28 marzo dalle 9 alle 14, presso l’Istituto Tumori “Regina Elena” (Via Fermo Ognibene, 23), si terrà il convegno “Rete oncologica del Lazio: presentazione dell’attività ed evoluzioni future” in cui interverranno, tra gli altri, il prof. Francesco Cognetti, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica del “Regina Elena”, il prof. Stefano Cascinu, presidente dell’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e il prof. Francesco De Lorenzo, presidente della FAVO (Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia). Ai giornalisti verrà distribuita la cartella stampa.
Ogni anno nella regione Lazio i nuovi casi di tumore sono 34.000 e i decessi circa 16.000. Tra gli obiettivi principali della Rete c’è quello di ridurre le liste d’attesa, creando percorsi assistenziali uniformi, efficienti ed innovativi che permettano ai pazienti un equo accesso ai servizi e ai trattamenti.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenzione oncologica

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2011

Busto Garolfo L’appuntamento è il 13/3/2011 dalle 10 alle 13.30 e dalle 14 alle 18 sul piazzale antistante la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, e mercoledì 16 torna a l’Unità Mobile itinerante della Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, che offrirà ai cittadini controlli gratuiti al seno e alla cute, effettuati da personale altamente specializzato nell’ambito oncologico.  Grazie all’iniziativa, sostenuta dalla Bcc per la sesta volta consecutiva, negli anni scorsi centinaia di persone hanno potuto sottoporsi agli esami preventivi eseguiti da un’équipe medica specializzata. Per l’occasione sarà distribuito materiale informativo e si potrà sostenere la Lilt anche acquistando bottiglie di olio extravergine, elemento essenziale per un’alimentazione sana e corretta.L’Unità Mobile è lunga 17 metri e dotata di due sale per le visite, in cui opera personale specializzato in ambito oncologico, in modo da accogliere il maggior numero possibile di cittadini, che vorranno sottoporsi a dei preziosi controlli preventivi. L’allungamento della vita inizia dalla prevenzione.Ogni anno in Italia si riscontrano 270mila nuovi casi di cancro, e nel nostro Paese i malati sono due milioni e mezzo. Prevenire, curare e guarire dal tumore è possibile: l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che si possa prevenire almeno il 30 % dei nuovi casi e curarne un ulteriore 30 %, con elevata possibilità di guarigione (oggi al 58% circa) se individuati tempestivamente attraverso la diagnosi precoce. Non esporsi ai fattori che provocano il cancro, fare attività fisica regolarmente, alimentarsi in modo salutare e programmare con costanza gli esami di controllo sono le mosse vincenti nella lotta contro i tumori.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Rete Oncologica Laziale

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 dicembre 2010

Roma 2 dicembre 2010 ore 08.30 – 17.00 Via della Mercede, 55 Camera dei deputati Palazzo Marini – Sala della Mercede. L’iniziativa ha lo scopo di mettere a confronto gli specialisti del settore oncologico con le Istituzioni relativamente alla fase applicativa del Decreto di istituzione della Rete Oncologica Laziale. Si aprirà anche un dibattito che coinvolgerà i responsabili delle reti oncologiche di altre regioni con l’obiettivo di evidenziare punti di convergenza e possibili differenze operative. La tavola rotonda sulla efficacia ed efficienza del “modello rete” consentirà di dibattere sulla criticità e sulle proposte utili ad implementare il modello organizzativo e gestionale dei network oncologici regionali, chiamati a garantire la centralità del malato.  Alle ore 9.00 interverrà l’On. Paola Binetti con una lettura magistrale sul tema della sedazione palliativa.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contributo per assistenza domiciliare oncologica

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 settembre 2010

La Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato rinnova il suo sostegno per la lotta a favore dei malati oncologici. Lo dimostra la recente assegnazione di un contributo pari a 2mila euro ad Astro (Associazione per il sostegno terapeutico e riabilitativo in oncologia) per il finanziamento delle attività di assistenza domiciliare di tipo sanitario e psicologico per chi è affetto da tumore.
L’ultima novità nella serie di interventi  posti in atto da Astro è la pubblicazione della guida “Diritti dei malati oncologici” che è in distribuzione, gratuitamente, nel reparto di oncologia dell’ospedale “San Giuseppe” di Empoli. L’opuscolo informativo raccoglie in sintesi l’insieme delle opportunità di cui può usufruire un malato oncologico in merito alle agevolazioni legislative messe a sua disposizione. Fra i progetti futuri dell’Associazione, inoltre, c’è l’intenzione di acquistare un macchinario per il lipofilling utile per la ricostruzione del seno nelle donne che sono state affette da neoplasie della mammella.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricerca oncologica

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2010

Armonk, NY.  Grazie al World Community Grid, il progetto Help Conquer Cancer ha creato un sistema in grado di riconoscere con accuratezza quando i campioni di proteine subiscono un processo di solidificazione, denominato cristallizzazione, che le rende pronte per ulteriori esami mediante una speciale tecnica a raggi X. Il processo serve a identificare, e infine ad esplorare, l’eventuale ruolo della struttura, della forma e dell’interazione di alcune proteine nella genesi del cancro.  Utilizzando il Grid, gli scienziati hanno fatto in modo che tale sistema sia in grado di riconoscere con successo l’80% delle immagini contenenti cristalli e il 98% delle gocce limpide di soluzione proteica esistente prima della cristallizzazione. Ciò consente di esaminare un numero di immagini per proteina sei volte maggiore rispetto all’esame umano, e in un tempo drasticamente ridotto.  L’automatizzazione del processo di identificazione dei cristalli potrebbe accelerare la ricerca in numerosi progetti nell’ambito delle scienze biologiche e della genetica, poiché la cristallizzazione è determinante per studiare diversi processi biologici. Potrebbe inoltre convalidare gli sforzi di altri progetti finalizzati ad ottenere le strutture delle proteine, come ad esempio il progetto Nutritious Rice for the World, che utilizza il Grid per contribuire a creare ceppi di riso più resistenti e più sani.  La cristallizzazione consente a fasci di raggi X di bombardare il campione e diffrangere la luce in molte direzioni, producendo un profilo tridimensionale e rendendo i campioni più facili da studiare. Tuttavia il processo di cristallizzazione è laborioso: un singolo campione di proteina può richiedere migliaia di tentativi per stimolare la cristallizzazione introducendo composti chimici tramite un robot. Inoltre, fino ad ora, era comunque necessaria, successivamente, una meticolosa osservazione umana per verificare l’effettiva formazione dei cristalli.
Il progetto Help Conquer Cancer (http://www.worldcommunitygrid.org/research/hcc1/overview.do) è stato avviato il 1° novembre 2007 grazie alla collaborazione tra l’Ontario Cancer Institute al Princess Margaret Hospital presso la University Health Network a Toronto, Canada, e l’Hauptman-Woodward Medical Research Institute di Buffalo, New York.
Help Conquer Cancer è un progetto del World Community Grid, sostenuto dalla IBM. Il World Community Grid è la più grande rete umanitaria pubblica del mondo, equivalente in termini di potenza a uno dei più potenti supercomputer a livello mondiale. IL WCG aggrega il tempo di calcolo inutilizzato di 1,5 milioni di personal computer, donato da centinaia di migliaia di volontari in oltre 80 paesi. Più di 22.000 nuovi dispositivi si sono aggiunti alla rete solo nell’aprile 2010. Un articolo su questo argomento, a cura dei ricercatori principali del progetto Help Conquer Cancer, è stato pubblicato di recente sul Journal of Structural and Functional Genomics (http://www.springerlink.com/content/750430466h336142/fulltext.pdf).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori vertebrali

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2010

Bologna il 18 e 19 giugno 2010, presso il Centro Congressi Codivilla Putti di Bologna. il dottor Stefano Boriani, Direttore della Struttura complessa di Chirurgia Vertebrale Oncologica e Degenerativa dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, centro d’eccellenza in Italia per le patologie della colonna vertebrale, parlerà anche di uno degli approcci chirurgici di maggiore successo per intervenire sui tumori spinali, la resezione in blocco, e dei vantaggi in termini di riduzione del rischio di “recidive”.Il convegno, sponsorizzato da Medtronic, azienda leader nel campo delle tecnologie medico-terapeutiche, sarà presieduto da uno dei maggiori esperti del settore a livello internazionale, il dottor Stefano Boriani, Direttore della struttura complessa di chirurgia vertebrale Oncologica e Degenerativa dell’istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, e costituirà l’occasione per discutere su alcune patologie della colonna vertebrale che maggiormente incidono sulla qualità di vita dei pazienti, a causa del forte dolore, della ridotta mobilità, delle complicazioni neurologiche che comportano.
Sabato 19 giugno il dottor Boriani parlerà del trattamento dei tumori primari della colonna vertebrale, focalizzando l’attenzione sulla tecnica chirurgica della resezione in blocco, una delle strategie terapeutiche che negli ultimi anni ha ottenuto le maggiori evidenze scientifiche in termini di appropriatezza della cura.  Nel 2009 è stato completato uno studio condotto su 1072 pazienti affetti da tumori vertebrali trattati negli ultimi vent’anni presso l’Ospedale Maggiore e l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, di cui 95 trattati chirurgicamente per tumore primitivo con la tecnica della resezione in blocco.  Proposta per la prima volta negli anni Settanta, la resezione in blocco è una procedura chirurgica di grande complessità, che richiede una preparazione specifica da parte di specialisti esperti: in Italia è praticata in pochissimi centri, tra cui il reparto di Chirurgia vertebrale oncologica e degenerativa dell’Istituto Ortopedico Rizzoli.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Prevenire è vivere”

Posted by fidest press agency su domenica, 23 maggio 2010

Busto Garolfo (Mi), 26 maggio inizio alle 21 via Busto Arsizio 23.  in sala Don Besana incontro promosso dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate in collaborazione con la Lilt La prevenzione è al centro dell’incontro che la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate propone. E’ stato organizzato in collaborazione con il Circolo Culturale e Ricreativo della Bcc e la sezione Lilt – Lega italiana per la lotta contro i tumori – di Legnano. Vuole porre l’attenzione, ancora una volta, sulla necessità di “fare prevenzione”. Una convinzione che la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate ha sposato già cinque anni fa, promuovendo la tappa di Busto Garolfo (nel piazzale davanti alla Bcc) dell’Unità Mobile itinerante durante la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica. «Penso che la salute sia la più importante fonte di ricchezza di ogni persona», commenta Lidio Clementi, presidente della Bcc. «La nostra attività si basa sull’offerta di credito alle famiglie e piccole imprese, ma sa anche andare oltre, garantendo il sostegno alle associazioni del territorio ed iniziative per la salute e la prevenzione, come in questo caso». All’incontro interverranno Flavio Giranzani, pediatra, sul tema: “Prevenzione e salute in campo pediatrico”; Marina Pericoli, ginecologa: “Prevenzione in campo ginecologico” ed Antonio D’Elia, chirurgo: “Prevenzione oncologica – seno e colon”. La serata sarà moderata da Anna Daverio, coordinatrice Lilt della sezione di Legnano.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenzione oncologica

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 marzo 2010

Busto Garolfo (Mi), 22 marzo a nel piazzale davanti alla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, in via Manzoni, verrà ospitata l’Unità Mobile itinerante per la prevenzione oncologica. È l’occasione per tutti gli abitanti della zona di effettuare visite gratuite al seno e alla cute/nei con il personale medico specializzato della Lilt – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.  La Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate per il quinto anno consecutivo ha deciso di sostenere la Lilt nella Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, organizzata sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. «Penso che la salute sia la più importante fonte di ricchezza di ogni persona», commenta Lidio Clementi, presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. L’iniziativa «vuole ribadire ancora una volta quanto sia fondamentale per tutti intraprendere un percorso di salute, in particolare ci preme porre l’accento sulla prevenzione e la diagnosi precoce che sono ancora oggi le armi più efficaci contro i tumori», spiega Franca Fossati-Bellani presidente della Sezione Provinciale di Milano della Lilt. Adottare un corretto stile di vita, seguendo semplici regole quali non fumare, mangiare sano e fare attività fisica, oltre a sottoporsi a controlli preventivi periodici, sono le indicazioni da seguire per imparare a prendersi cura della propria salute. Prosegue Fossati-Bellani: «La Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica vuole essere dunque un appello alla popolazione affinché trasformi la prevenzione in un imperativo personale adottando stili di vita corretti e facendo regolari visite ed esami di controllo». Dopo dieci tappe tra Milano e provincia, il tour della prevenzione approda a Busto Garolfo con un’Unità Mobile itinerante, appositamente allestita con due sale per le visite, dove la popolazione potrà sottoporsi a controlli gratuiti al seno e alla cute/nei, effettuate da personale altamente specializzato nell’ambito oncologico. Inoltre sarà possibile contribuire al sostegno delle attività di prevenzione e diagnosi precoce della Lilt con l’olio extravergine di oliva, scelto ancora una volta come simbolo della campagna di prevenzione per le sue qualità protettive, non solo nei confronti delle malattie cardiovascolari e metaboliche ma anche per alcuni tipi di tumore.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La ricerca oncologica ha bisogno di una “rete”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 marzo 2010

Di Marco Malagutti. Il sogno? «Una tessera magnetica con le proprie caratteristiche genetiche per scegliere la terapia farmacologica più adatta». È questo l’auspicio del Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, intervenuto alla tavola rotonda “Ricerca oncologica e sperimentazione clinica: confronto competitivo e collaborazione internazionale” svoltasi a Milano nella mattina di ieri e organizzata da Nerviano medical sciences e da Farmindustria. In attesa che il sogno si realizzi la tavola rotonda è stata l’occasione per affrontare problemi quali la compatibilità della spesa in uno scenario difficile come quello attuale. «Il nostro problema – ha spiegato Sergio Dompé, presidente di Farmindustria – è quello di rendere compatibile la spesa con quelle che sono le possibilità di un paese che in questo momento, come accade in tutto il resto del mondo, ha ridotto la propria capacità» Un problema più che mai sentito nell’ambito di una ricerca onerosa come quella oncologica, dove, come spiegato da Pier Giuseppe Pelicci, co-direttore del dipartimento di oncologia sperimentale allo Ieo, nell’ambito della ricerca sui farmaci molecolari, prima che si arrivi dal target al mercato «occorrono almeno due decenni, con centinaia di migliaia di euro di spesa. Un periodo nel corso del quale il 99% dei progetti intrapresi si inabissa. Il tutto per arrivare a una spesa, una volta che la terapia è stata approvata, che è, per un ciclo di terapia coi farmaci molecolari di 400 euro, contro una spesa di 0,45 euro per un ciclo di chemioterapia. Un costo 9.000 volte maggiore». Per questo si devono trovare nuove forme di interazione che rendano il processo più semplice e meno costoso. Ed è per questo che nel mondo le industrie farmaceutiche si rivolgono sempre più spesso a Centri indipendenti di grande specializzazione, come Nerviano medical sciences, sia per lo sviluppo delle ultime fasi della ricerca di nuovi medicinali sia per la sperimentazione attraverso reti organizzate, come la Rete oncologica lombarda. Un concetto quello di rete enfatizzato anche da Marco Pierotti, direttore scientifico della Fondazione Irccs Istituto nazionale dei tumori «quello che manca in Italia è la cultura del trasferimento tecnologico. Il sistema funziona ed è ai vertici a livello di pubblicazioni e di “produzione” scientifica, scende inesorabilmente quando si prendono in considerazione i brevetti biotech. E questo – spiega Pierotti – proprio per la mancanza di integrazione tra mondo accademico e pharma». La Rete oncologica lombarda cerca di perseguire, tra gli altri, anche questo obiettivo.(fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »