Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘oncologico’

In campo oncologico: successo dei Molecular Tumor Board

Posted by fidest press agency su martedì, 10 settembre 2019

Siamo in una fase storica dell’oncologia: sta emergendo il “modello mutazionale” che consente di trattare i pazienti con farmaci capaci di intervenire sulla alterazione di specifici geni presenti nelle cellule tumorali. Finora è stato il modello istologico a orientare i trattamenti, ma le nuove terapie, per lo più farmaci a bersaglio molecolare, si rivelano sempre più efficaci. Strumenti e metodi innovativi (sequenziamento del genoma, approcci bioinformatici, intelligenza artificiale, biobanche, ecc.) consentono di studiare migliaia di alterazioni dei geni presenti in un tumore o in un singolo paziente e di ottenere la profilazione genomica tramite biopsia solida e liquida, nonché di verificare l’efficacia di alcuni farmaci anche al di fuori delle indicazioni terapeutiche standard.
L’FDA, l’ente regolatorio statunitense, ha infatti autorizzato di recente 3 nuovi farmaci (Pembrolizumab, Larotrectinib e Entrectinib) per il trattamento dei tumori in pazienti affetti da una neoplasia caratterizzata da specifiche mutazioni, indipendentemente dall’età, dal sesso e dalla localizzazione del tumore.
I Molecular Tumor Board (MTB), gruppi interdisciplinari che integrano le competenze oncologiche, ematologiche, della biologia molecolare, delle anatomie patologiche e delle farmacie ospedaliere, sono stati istituiti un anno fa presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) – IFO e il Polo Oncologico della Sapienza (POS), per fornire a medici e pazienti gli strumenti per gestire situazioni complesse e particolari attraverso un accesso omogeneo, equo, governato e sostenibile, alle nuove modalità terapeutiche in oncologia.
Il Regina Elena dal 2017 effettua di routine, a circa 1000 pazienti/anno, la profilazione molecolare NGS (Next Generation Sequencing) al fine di identificare mutazioni geniche predittive delle risposte terapeutiche. Con l’istituzione del Molecular Tumor Board (MTB) l’IRE-IFO ha ottenuto risultati interessanti: negli ultimi 12 mesi ha studiato casi clinici molto complessi di pazienti in cura presso l’IFO o inviati da altre istituzioni sanitarie e ha offerto una opportunità terapeutica innovativa e aggiuntiva a pazienti che erano ancora in buone condizioni generali, nonostante la malattia neoplastica fosse in stato avanzato. Dall’analisi di almeno 40 casi clinici, si è riusciti a proporre una terapia non convenzionale (off label) in 11 casi. La risposta clinica nella maggioranza dei pazienti trattati è stata entusiasmante, in alcuni si è registrata la remissione completa. Sono stati trattati e osservati soggetti che non avevano altra opzione terapeutica praticabile e avrebbero avuto una evoluzione rapida e fatale, ma, come in un caso di carcinoma del polmone a stadio avanzato, si è osservato quello che in letteratura si chiama Lazarus’ resurrection. Il successo del MTB IRE-IFO testimonia che la strada è giusta, va perseguita, e se possibile ampliata.
L’esperienza del Polo Oncologico della Sapienza (Policlinico Umberto I e Ospedale Sant’Andrea) basata su piattaforme Foundation One e Nanostring ha consentito, dal dicembre 2018 a oggi, la valutazione della espressione genica su un totale di 89 pazienti con caratteristiche cliniche analoghe a quelle utilizzate nello studio dell’IFO-IRCCS. I report mutazionali dei 75 campioni valutati sono stati decisivi per l’individuazione di target molecolari e la scelta del trattamento mirato in oltre il 40% dei casi (67 relativi a pazienti affetti da neoplasia del polmone in fase metastatica, 1 relativo a melanoma metastatico, 1 relativo a carcinoma squamocellulare dell’ano metastatico e 6 relativi a neoplasia del colon).
Inoltre, dalla collaborazione tra Sapienza Università di Roma, Fondazione Ricerca e Salute (ReS) e Cineca, parte la realizzazione, configurazione e gestione di un sistema informatico (piattaforma mutazionale) per assicurare la discussione collegiale dei casi clinici di particolare complessità, sulla base della profilazione genomica, costituendo un supporto digitale e un data base di fondamentale rilevanza per il confronto tra esperti. La piattaforma agevolerà l’analisi ’epidemiologica, la classificazione delle mutazioni e le attività della ricerca oncologica. L’utilizzazione di queste informazioni consentirà di mettere a disposizione della ricerca e delle autorità regolatorie informazioni di straordinaria importanza, raccolte in modo omogeneo e prospettico nella vita reale e non solo nell’ambito di studi clinici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina di precisione in campo oncologico

Posted by fidest press agency su sabato, 7 settembre 2019

La collaborazione scientifica in campo oncologico fra Sapienza Università di Roma e Istituto Nazionale Tumori Regina Elena – IFO, si concretizza attraverso i Molecular Tumor Board (MTB) delle due istituzioni, rappresentando un modello esemplare nella Regione Lazio.
Gli MTB, gruppi interdisciplinari che integrano le competenze oncologiche, ematologiche, della biologia molecolare, delle anatomie patologiche e delle farmacie ospedaliere, condivideranno, un anno dopo la loro istituzione, oltre alle piattaforme per la profilazione genetica dei tumori, le esperienze e i risultati ottenuti in 12 mesi di sperimentazione su un numero cospicuo di casi clinici. L’obiettivo è quello di assicurare in concreto a ogni paziente il giusto farmaco e la cura personalizzata in base al proprio profilo molecolare.
I Molecular Tumor Board (MTB), gruppi interdisciplinari che integrano le competenze oncologiche, ematologiche, della biologia molecolare, delle anatomie patologiche e delle farmacie ospedaliere, sono stati istituiti un anno fa presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) – IFO e il Polo Oncologico della Sapienza (POS), per fornire a medici e pazienti gli strumenti per gestire situazioni complesse e particolari attraverso un accesso omogeneo, equo, governato e sostenibile, alle nuove modalità terapeutiche in oncologia.
L’esperienza del Polo Oncologico della Sapienza (Policlinico Umberto I e Ospedale Sant’Andrea) basata su piattaforme Foundation One e Nanostring ha consentito, dal dicembre 2018 a oggi, la valutazione della espressione genica su un totale di 89 pazienti con caratteristiche cliniche analoghe a quelle utilizzate nello studio dell’IFO-IRCCS. I report mutazionali dei 75 campioni valutati sono stati decisivi per l’individuazione di target molecolari e la scelta del trattamento mirato in oltre il 40% dei casi (67 relativi a pazienti affetti da neoplasia del polmone in fase metastatica, 1 relativo a melanoma metastatico, 1 relativo a carcinoma squamocellulare dell’ano metastatico e 6 relativi a neoplasia del colon).
“Solo le sinergie di scala – concludono il Rettore Gaudio e il Direttore generale Ripa di Meana – e l’impegno assiduo e congiunto di pazienti che acconsentono a questa nuova forma di sperimentazione clinica, di oncologi, medici e di ricercatori clinici, potrà contribuire a partire da Roma alla diffusione di un network di MTB sul territorio nazionale. La condivisione attiva di strumenti, risorse, metodologie e la possibilità di consultazioni anche online, ci permetterà di compiere passi avanti rapidi e significativi per assicurare in concreto a ogni paziente il giusto farmaco e la cura personalizzata in base al proprio profilo molecolare.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terapia nutrizionale nel paziente oncologico?

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 marzo 2019

Negli ultimi anni è diventato chiaro, anche grazie a studi italiani e internazionali, come adeguati interventi nutrizionali aumentino tolleranza e outcome dei trattamenti oncologici e migliora la qualità di vita.“E’ di difficile comprensione come mai la valutazione nutrizionale dei malati di tumore (che in oltre il 50% dei casi già al momento della diagnosi mostrano una perdita di peso del 5% secondo lo studio italiano PreMio) sia considerata facoltativa e lasciata alla buona volontà di qualche oncologo preparato se non proprio illuminato” commenta il Prof. Maurizio Muscaritoli Presidente SINuC.“Ed è ancor più sorprendente che in alcuni casi l’opportunità di avviare il paziente ad uno screening nutrizionale non sia parte di una buona pratica consolidata, ma affidata a personale non medico. Situazione aggravata dal fatto che sul territorio sembrano esistere 20 sistemi sanitari che non garantiscono uniformità degli standard di prestazione. Ma se è vero che un paziente su 5 non sopravvive alle cure oncologiche a causa delle conseguenze della malnutrizione ecco che si configura un vero e proprio paradosso” prosegue Muscaritoli. La malnutrizione calorico-proteica (MCP) infatti è un processo reversibile e mette il paziente nelle condizioni di affrontare la malattia nelle migliori condizioni possibili, aumentando le probabilità di sopravvivenza. Il percorso metabolico nutrizionale nel resto del mondo viene avviato parallelamente alla diagnosi di tumore e ne rappresenta un tassello fondamentale. Lo screening e la valutazione dovrebbe essere eseguito entro quattro settimane dalla diagnosi (se non addirittura alla prima visita oncologica). Contestualmente all’elaborazione del piano terapeutico e della terapia di prima linea (chirurgia, chemio o radio) andrebbe studiato il piano nutrizionale di primo livello che può prevedere la prescrizione di supplementi orali. La rivalutazione periodica è un altro tassello fondamentale che segue la progressione delle terapie e il loro andamento: le cure infatti, ancorché necessarie, possono avere effetti diretti su appetito e capacità di alimentarsi. In una percentuale variabile di casi possono essere messi in atto interventi nutrizionali avanzati: uso di nutrienti specifici, nutrizione enterale o parenterale. “Va detto che esiste ancora un forte pregiudizio e l’idea che la nutrizione artificiale sia associata a malattie terminali e fine vita” prosegue il Prof. Muscaritoli “al contrario, deve essere considerata una terapia salvavita e temporanea”.La valutazione nutrizionale è un percorso a tappe che prevede l’utilizzo di strumenti e scale per lo screening (NRS-2002, MST, MUST ecc.) oltre a regolari annotazioni sulla cartella clinica di altezza, peso, Indice di Massa Corporea, variazioni del peso e apporto nutrizionale. In caso di screening anomalo si passa all’analisi della massa muscolare, test che analizzano la performance e la forza fisica, valori di infiammazione secondo la Scala di Glasgow ed esami ematici in funzione sia dell’apporto nutrizionale che dei sintomi correlati alla malattia o alla terapia e che possono influenzare l’alimentazione (come la presenza di disfagia, nausea, disturbi digestivi sino all’anoressia). E’ a questo punto che è possibile determinare il fabbisogno energetico e/o proteico per stabilire l’intervento più adatto: dieta, supplementi orali, nutrizione enterale o parenterale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per una migliore presa in carico e cura del paziente oncologico

Posted by fidest press agency su sabato, 2 febbraio 2019

Recepito integralmente in una mozione presentata al Senato dal coordinatore dell’Intergruppo “Insieme contro il Cancro”, il Senatore Massimiliano Romeo, l’Accordo di legislatura siglato il 7 febbraio scorso dal progetto “La Salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” con i partiti politici candidati alle elezioni.
L’Accordo di legislatura è un documento in 15 punti – relativi a temi molto attuali dell’oncologia quali l’attuazione delle reti oncologiche e le Breast Unit, le disparità regionali in tema di accesso alle cure, i Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) e i Centri di Accoglienza e Servizi per la presa in carico dei pazienti – che intende rappresentare un percorso ideale per la presa in carico e la cura del paziente oncologico all’interno del perimetro della sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale.«La presentazione di questa mozione ci fa ben sperare per il prosieguo della nostra attività – dichiara Annamaria Mancuso, Presidente di Salute Donna Onlus e coordinatrice del progetto – l’Accordo di legislatura non deve essere un libro dei sogni ma un percorso concreto e realizzabile condiviso con tutte le forze politiche nazionali e regionali. Le 23 associazioni aderenti al nostro progetto hanno infatti ideato e scritto questo documento per dare una struttura portante e un contenuto strutturato al nostro costante dialogo con le Istituzioni».«Ho raccolto con favore questa iniziativa di confronto con le associazioni pazienti – spiega il Senatore Massimiliano Romeo – credo che la società civile e il mondo del volontariato possano davvero contribuire ad una più compiuta riflessione da parte della politica e delle istituzioni e, come coordinatore dell’Intergruppo “Insieme contro il cancro”, mi impegnerò con tutte le forze politiche per accrescere questi momenti di dialogo».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I nuovi bisogni del paziente oncologico

Posted by fidest press agency su martedì, 27 febbraio 2018

Roma 28 febbraio 2018, ore 10.30-13 Sala degli Atti parlamentari, Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” Piazza della Minerva, 38. Nel nostro Paese vivono più di 3 milioni e trecentomila persone dopo la diagnosi di tumore, una percentuale in costante aumento, addirittura il 24% in più rispetto al 2010. Questi cittadini presentano nuovi bisogni, impensabili fino a dieci anni fa, di fronte ai quali sia gli oncologi che i medici di famiglia si trovano spesso impreparati. Piccoli disturbi di carattere psicologico (come ansia, nervosismo o difficoltà ad addormentarsi) oppure fisico (ad esempio gonfiore addominale, spossatezza e secchezza) possono compromettere la qualità di vita e le relazioni sociali. Da un lato gli oncologi non vengono coinvolti dai pazienti oppure tendono a minimizzare questi piccoli effetti collaterali, dall’altro i medici di famiglia non sono preparati a fornire risposte adeguate. Con la conseguenza che i pazienti e i loro familiari si muovono troppo spesso in modo autonomo cercando soluzioni prive di basi scientifiche.
Fondazione AIOM e AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) promuovono il primo progetto nazionale per fotografare i nuovi bisogni dei pazienti oncologici e delineare gli strumenti indispensabili per rispondere a queste esigenze. Sono stati infatti realizzati quattro sondaggi (su pazienti, oncologi, medici di famiglia e farmacisti) i cui risultati saranno presentati nel convegno nazionale “I nuovi bisogni del paziente oncologico e la sua qualità di vita”. Interverranno, fra gli altri, Stefania Gori (presidente nazionale AIOM), Fabrizio Nicolis (presidente Fondazione AIOM), Elisabetta Iannelli, (vicepresidente Aimac, Associazione Italiana Malati di Cancro), Rita Vetere (vicepresidente “Salute Donna”), Claudia Santangelo (presidente “Vivere Senza Stomaco (si può!), Claudio Cricelli, (presidente SIMG, Società Italiana di Medicina Generale) e Annarosa Racca (presidente Federfarma Lombardia).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XII Giornata del malato oncologico

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Humanitas Centro Catanese di Oncologia

Humanitas Centro Catanese di Oncologia

Roma. Anche quest’anno, in occasione la XII Giornata del malato oncologico organizzata dalla FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia), sono assegnati i premi Cedro d’Oro. Ogni anno vengono assegnati a personalità del mondo istituzionale, accademico, imprenditoriale e del volontariato come riconoscimento per alte benemerenze acquisite in campo oncologico. Quest’anno il Cedro viene consegnato a:
A Leonardo Cenci: Maratoneta che con forza e passione ha saputo superare le criticità della sua esperienza di malattia, promuovendo la pratica sportiva come parte integrante dei protocolli di terapia antitumorale
Ad Antonio Delvino: Per l’appassionato impegno nella promozione della Rete Oncologica Pugliese, premessa essenziale della presa in carico globale dei malati di cancro e dei loro famigliari
A Michele Emiliano: Per aver intuito e realizzato con sensibilità politica l’istituzione della Rete Oncologica Pugliese, in piena sintonia con le richieste del volontariato oncologico.
Ad Oscar Bertetto: Per l’illuminata, sensibile e lungimirante direzione e promozione della Rete Oncologica del Piemonte, modello di riferimento in Italia per l’accoglienza dei malati e la loro presa in carico globale
Ai ragazzi e gli operatori del Progetto Giovani della Pediatria Oncologica della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano: Per la capacità di testimoniare con gioia e caparbietà, attraverso la loro canzone “Palle Di Natale”, la possibilità di vivere, anche in corsia, un Natale sereno e gioioso
L’albero del cedro, con i suoi frutti e i suoi fiori tipicamente mediterranei, definito nella Bibbia “l’albero più bello”, è il simbolo della Giornata dei malati oncologici che celebra la forza di quanti, colpiti dal tumore, lottano per la vita.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assistenza domiciliare malati oncologici

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 dicembre 2011

Grafica: Medicina, Epidemiologia, Patologia, M...

Image via Wikipedia

La Regione Lazio, su proposta dell’Assessorato Politiche sociali e Famiglia, ha approvato con delibera n. 518 del 4 novembre 2011 un finanziamento di 1 milione e mezzo di euro finalizzato alla prosecuzione e allargamento a tutte le province del Lazio del modello di continuità assistenziale ai pazienti seguiti da strutture ospedaliere romane coinvolte nella gestione dei pazienti ematologici. Nella Città di Roma, dai primi anni 90, presso il Dipartimento di Biotecnologie Cellulari ed Ematologia dell’Università “La Sapienza” – UOC Ematologia Policlinico Umberto I – e presso l’UOC di Ematologia dell’Ospedale S. Eugenio, sono state condotte esperienze significative di cure domiciliari. Tale pratica – grandemente anticipatoria dell’evoluzione cui il Sistema Sanitario è attualmente giunto – è stata avviata e sostenuta anche economicamente dalla Sezione di Roma dell’Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma (RomAIL). Attualmente sono attivi servizi di cure domiciliari ematologiche con il sostegno di AIL presso le seguenti strutture ospedaliere del Lazio: Policlinico Umberto I, Sant’Eugenio, Azienda San Camillo Forlanini, Azienda San Giovanni Addolorata (Provincia di Roma); ASL Viterbo (UOC Ematologia, Ronciglione); ASL Frosinone. Sono inoltre in via di implementazione servizi analoghi presso le strutture ematologiche della Provincia di Latina. Il progetto intende creare una Rete regionale di Cure Domiciliari Specialistiche Ematologiche, erogate da specifiche équipe multi-professionali, che operano in continuità assistenziale con le Unità Operative Complesse di ematologia della Regione Lazio.  La durata del progetto è prevista in 12 mesi con data inizio 1° gennaio 2012 e data finale 31 dicembre  2012, estendibile a 5 anni.  Il Policlinico Umberto I, l’Università Sapienza e l’AIL Nazionale svolgeranno il ruolo di Centro Coordinatore del Progetto, riservando la competenza/responsabilità clinica assistenziale al Policlinico, la competenza/responsabilità scientifica/formativa all’Università, la competenza/responsabilità di collegamento gestionale e monitoraggio/osservatorio all’AIL Nazionale. In particolare AIL redigerà report periodici sull’andamento delle cure, sul numero dei pazienti assistiti nei vari Centri della Regione, eseguendo il monitoraggio degli interventi, anche tramite il Centro raccolta dati provenienti dalle cartelle. L’AIL inoltre, sosterrà i costi dell’assistenza ai pazienti non coperti dal co-finanziamento regionale.
Il progetto è rivolto a pazienti che non sono in grado di accedere autonomamente alle prestazioni offerte dalle strutture ambulatoriali e di Day Hospital della U.O.C. di Ematologia a causa dell’età avanzata, di invalidità o di impedimenti sociali. La terapia trasfusionale è erogata a domicilio, garantendo al paziente un “percorso protetto” (richiesta preliminare delle unità di globuli rossi da trasfondere, comunicazione al paziente della loro l’acquisizione e trasfusione domiciliare un orario preciso): in tal modo la prestazione viene erogata senza attese, direttamente a domicilio con notevoli benefici anche per la famiglia. Si realizza in tal senso un modello a rete, basato sulla reversibilità in cui il servizio di cure domiciliari rimane collegato funzionalmente alle altre articolazioni dell’Ematologia (Ambulatori, Day Hospital, Reparto di Degenza), consentendo le soluzioni organizzative più appropriate e funzionali alle esigenze assistenziali del paziente nelle diverse fasi evolutive dell’emopatia neoplastica.
I pazienti beneficiano presso il proprio domicilio di un programma di cure palliative specialistiche ematologiche. L’obiettivo è di migliorare la qualità di vita e di accompagnare la progressione irreversibile della patologia e delle complicanze quali infezioni ed emorragie. Al paziente ematologico in fase terminale viene assicurato un monitoraggio continuo dei sintomi con interventi programmati e d’urgenza nelle 24 ore, garantiti da una pronta reperibilità medica e infermieristica. Non tutti i pazienti con malattia in fase avanzata o terminale possono beneficiare di un programma di cure a domicilio, a causa di impedimenti sociali o problemi clinici. Per tale motivo, è previsto un coordinamento con le strutture residenziali (Hospice) della rete regionale delle cure palliative.
Questa modalità  assistenziale è rivolta a:
1. Pazienti sottoposti a chemioterapia di induzione e di consolidamento della remissione, dimessi precocemente in fase di citopenia;
2. Pazienti sottoposti ad alte dosi di chemioterapia e trapianto di cellule staminali, dimessi precocemente in fase di citopenia;
3. Pazienti temporaneamente non autosufficienti che ricevono a domicilio trattamenti non intensivi (antiblastici per via orale e/o combinazioni terapeutiche comprendenti anche antiblastici per via endovenosa il cui impiego sia consentito a domicilio);
4. Pazienti clinicamente stabili che necessitano di terapie di supporto, quali terapie antibiotiche, antivirali ed antifungine, somministrazione di emocomponenti, terapia nutritiva e di idratazione ecc., per complicanze da trattamento (infezioni, mucositi, citopenie).
Il team di cure domiciliari esegue in questa fase controlli clinici e di laboratorio, con cadenza periodica, erogando prestazioni secondo protocolli definiti. Gli obiettivi sono rappresentati dal miglioramento della qualità di vita, dalla prevedibile riduzione sia delle complicanze infettive sia del numero delle giornate di degenza non strettamente necessarie al conseguimento dell’obiettivo terapeutico, in strutture ospedaliere ad alta specializzazione. Per tali pazienti è assicurata una reperibilità infermieristica e medica nelle 24 ore, integrata da un necessario rapporto di collaborazione continua con le strutture di degenza del Centro per la gestione condivisa delle problematiche e per una pronta ospedalizzazione in caso di complicanze non gestibili con le stesse garanzie di sicurezza e di efficacia in ambito domiciliare.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Menopausa e malattie cutanee

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2011

Empoli.15 marzo si svolgerà dalle ore 16 alle ore 18, nei locali del Palazzo delle Esposizioni, in piazza Guido Guerra, incontro informativo, Ad illustrarlo saranno Marco Filippeschi, direttore del dipartimento materno infantile dell’Asl 11 e il dottor Paolo Bruscino, dermatologo. Nel mese di marzo sono previsti altri due appuntamenti con il ciclo di incontri dedicati alla salute organizzati dall’Associazione dei Cittadini per la Salute in collaborazione con Astro (Associazione per il sostegno terapeutico e riabilitativo in oncologia), il Delfino Azzurro, Avis e Asl 11. Il 22 marzo si parlerà de “Il cervello malato, corpo e mente”; il 29 marzo, infine, si tratteranno “Le novità in oncologia” e “Il rischio trombotico”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Qualità della vita nel paziente oncologico

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2011

Roma 3 Marzo ore 10,30 Palazzo Giustiniani, Via Dogana Vecchia presso il Senato della Repubblica, Palazzo Giustiniani, si pone l’obiettivo di affrontare le tematiche riguardanti le terapie odontoiatriche nei pazienti oncologici auspicando nella collaborazione e nel supporto tra team oncologico e odontoiatri. L’attenzione costante e crescente delle Istituzioni e del mondo clinico e scientifico nei confronti della qualità della vita del paziente oncologico, in questi ultimi anni ha portato in evidenza l’importanza della prevenzione, interazione e cura degli effetti collaterali delle terapie salvavita quali chemio e radioterapia. Il convegno ha l’obiettivo di creare un momento di confronto e riflessione sulla sinergia tra oncologi e odontoiatri al fine di creare linee guida condivise a beneficio del paziente  oncologico e, più in generale, con importanti criticità terapeutiche.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contact center oncologico

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Firenze. Oltre 1.200 chiamate in sette mesi al Centro di counseling oncologico regionale: per chiedere informazioni, esprimere difficoltà, avere ascolto e sostegno psicologico. A chiamare sono gli stessi pazienti, oppure i familiari. All’altro capo del filo rispondono figure professionali specializzate, psicologi con esperienza nel campo dei servizi oncologici, counselor laureati e qualificati, con competenze all’ascolto e all’orientamento delle persone. Il Centro di counseling oncologico regionale è stato istituito dalla Regione in collaborazione con l’Istituto toscano tumori e il Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Il numero verde – 800880101 – è attivo 7 giorni su 7, dalle 8 alle 20. Chi lo preferisce, può inviare una mail all’indirizzo: ascolto.oncologico@regione.toscana.it. “E’ un’esperienza pilota in Italia e anche a livello internazionale – spiega Patrizia Fistesmaire, responsabile del progetto per il Mes – E’ una metodologia di lavoro: non è escluso che si possa provare anche per altre patologie croniche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata nazionale del malato oncologico

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 Mag 2010

Domenica 16 maggio si celebra la quinta edizione della Giornata nazionale del malato oncologico, istituita dalla Favo (Federazione italiana della associazioni di volontariato in oncologia) con direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri. La giornata, dedicata all’informazione e alla sensibilizzazione verso questa patologia, rappresenta l’occasione utile per Astro (Associazione per il sostegno terapeutico e riabilitativo in oncologia) per ricordare i servizi che mette a disposizione di coloro che si trovano ad affrontare un tumore, una malattia in continuo aumento, ma di cui è diminuita fortemente la mortalità. Astro, associazione onlus che opera sul territorio dal 2004, interviene non solo in ambito sanitario, ma anche psicologico e riabilitativo, occupandosi del malato e dei suoi familiari.Con la collaborazione della Misericordia e della Pubblica Assistenza di Empoli, nonché della Pubblica Assistenza “Vita” di Castelfranco di Sotto, Astro promuove il progetto Arco per l’assistenza domiciliare oncologica. Telefonando al numero verde 800 33 55 00, servizio attivo 24 ore su 24, dal lunedì alla domenica, il paziente riceverà le informazioni e l’assistenza richiesti, quali un  aiuto nella mobilizzazione, deambulazione, cura di sé del malato; nel disbrigare pratiche e attività esterne quali fare la spesa, ritirare e trasportare materiale; nel disbrigo di pratiche amministrative; nel garantire la presenza temporanea e programmata di un volontario in sostituzione del familiare che si debba assentare. Queste funzioni saranno svolte ad integrazione delle attività mediche fornite dal personale sanitario. A disposizione del malato e dei familiari che lo accompagnano nella battaglia contro la malattia, Astro offre anche un supporto psicologico, finanziando le attività di professionisti dedicati per l’istituzione di percorsi psicologici individuali e di gruppo.Nell’ottica di fornire un servizio di assistenza completo, l’associazione Astro promuove anche corsi di riabilitazione fisica e psichica come “In piscina” per le donne operate di tumore al seno ed il corso di canto e musicoterapia.Infine, da Astro è nato un gruppo di volontarie formato da donne che hanno vissuto e superato l’esperienza della patologia oncologica e che sono a disposizione di quanti avessero bisogno di una guida e di un orientamento per superare questo difficile periodo della propria vita.Le volontarie sono disponibili il lunedì, il mercoledì e il venerdì, dalle ore 17.30 alle ore 19.00, nella stanza n. 305, al terzo piano del blocco H dell’ospedale “San Giuseppe” di Empoli.Forniranno informazioni sui servizi che Astro offre e sui servizi che le strutture esistenti sul territorio possono erogare. Risponderanno a quesiti che riguardano le pratiche per ottenere certificazioni di invalidità, protesi e parrucche.Le volontarie di Astro possono essere contattate anche telefonando al numero 346 6276826 oppure inviando un’e-mail all’indirizzo info@donnediastro.net.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata nazionale del malato oncologico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 Mag 2010

Il 16 maggio si celebra la quinta edizione della Giornata nazionale del malato oncologico, istituita per iniziativa della Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia con direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri. A partire dal 13 maggio si svolgeranno a Roma una serie di manifestazioni e presso l’Auditorium di Santa Cecilia ci sarà la cerimonia conclusiva, con la consegna del premio Cedro d’oro destinato a persone che si siano impegnate nel sostegno ai malati di cancro. L’impegno del Governo nella definizione delle finalità prioritarie da perseguire nella lotta contro il cancro, si è concretizzato nei lavori di un Tavolo tecnico presso il Dipartimento per il coordinamento amministrativo. Dialogando con le associazioni del volontariato, le autorità politiche hanno deciso di programmare azioni concernenti, fra l’altro, la salute e le politiche sociali, la normativa sull’impiego pubblico e privato, le campagne di comunicazione e sensibilizzazione, oltre alla ricerca scientifica. La campagna di comunicazione ha l’obiettivo di informare sulle tutele di cui possono disporre i lavoratori affetti da patologie oncologiche e di sensibilizzare le imprese e l’opinione pubblica ad un approccio non discriminatorio nei confronti dei malati di cancro, in particolar modo nel contesto lavorativo. Secondo l’attuale normativa i lavoratori del settore pubblico e privato affetti da patologie oncologiche, nonché i familiari che prestano loro assistenza, possono trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno in part-time.
Dossier “Giornata nazionale del malato oncologico”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il benessere nel paziente Oncologico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 novembre 2009

Roma 3 dicembre 2009, Ore 10.30 – 13.30  Palazzo Taverna Via di Monte Giordano 36, Incontro per affrontare la malattia nel paziente oncologico. Parteciperanno  il Prof. Paolo Marchetti  Ordinario di Oncologia Medica e Dir. UOC Oncologia Medica  Osp. Sant’Andrea, Consulente Clinico Scientifico IDI,  il Dr. Ferruccio Fazio  Vice Ministro della Sanità,  il Prof. Luigi Frati   Rettore “Sapienza” Università di Roma,  il Prof. Guido Rasi  Dir. Gen. Agenzia del Farmaco,  il Prof. Piergiorgio Donatelli  Prof. Ass. Facoltà di Filosofia “Sapienza” Università di Roma,  la Dott.ssa Anna Costantini  Dir. U.O Dip. Psico-Oncologia Osp. Sant’Andrea,  Monsignor Lorenzo Leuzzi  Dir. Ufficio per la Pastorale Universitaria – Vicariato   e molti altri esponenti del mondo scientifico, politico e religioso.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »