Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘onestà’

La sete di onestà degli italiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 aprile 2018

Giorni fa ho letto sul blog delle stelle una selezione del discorso di Sandro Pertini che nello specifico faceva riferimento alla sete di onestà degli italiani. Eravamo nel giugno del 1968. Era il tempo in cui Amintore Fanfani affrontava il tema della corruzione e dei suoi tentacoli che avviluppavano il mondo politico e fu anche il cavallo di battaglia di Aldo Moro e di Enrico Berlinguer i quali pensavano di porvi, in qualche modo, riparo con il “compromesso storico”. Furono uomini saggi e lungimiranti ma come i profeti del buon senso e d’innata saggezza restarono inascoltati e fu un errore grave che nemmeno la stagione di mani pulite riuscì ad emendare. Il cancro era diventato una metastasi colonizzando altri organi del tessuto sociale e istituzionale italiano. Antonio di Pietro, anni dopo lo rilevò facendoci sapere che vi è stata una legislatura del nostro parlamento dove il 30% dei suoi componenti risultava inquisito per affari poco puliti e per voti di scambio con la malavita organizzata.
Stavamo toccando il fondo e la sete degli italiani avrebbe dovuto portarci alla disidratazione acuta ed invece ci siamo ritrovati nel peggiore dei modi dimenticando la nostra aridità per inseguire il pifferaio di turno e facendoci precipitare nella logica perversa di una escalation senza precedenti.
Se andiamo ad analizzare cosa non ha funzionato, in questi ultimi anni, posso dire che l’aspetto che mi appare più evidente è il non aver saputo capire quella logica che i napoletani, maestri di antica saggezza, hanno riassunto con il detto: ‘O pesce fète d’ ‘a capa. (Il pesce puzza dalla testa) intendendo dire che il buon esempio viene da chi ci governa da palazzo Chigi al sindaco del più piccolo comune d’Italia. Ma se affidiamo tale compito lungo questa catena di comando a chi ruba, a a chi intrallazza, a chi fa scempio delle regole e persino le assoggetta ai suoi personali interessi cosa possiamo aspettarci di buono? E questa tanta decantata sete di onestà, che pure esiste, sembra proprio che abbia perso la sua carica ideale non per colpa dei politici o dei vari comitati d’affari in odore di mafia, ma da parte degli stessi italiani quando si sono recati alle urne e non hanno saputo fare i doverosi distingui tra il grano e la gramigna e hanno votato a grande maggioranza per quest’ultima. Come si dice in questi casi: chi è causa del suo male pianga se stesso. A quanto un ravvedimento?
Nel frattempo la nostra sete diventa arsura trasformandoci di fatto in un popolo di masochisti. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il governo dell’onestà

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 febbraio 2018

Roma 23 febbraio 2018 dalle ore 9.15 Cnel Viale David Lubin 2 convegno su “Il governo dell’onestà. Come le istituzioni, le imprese e i cittadini possono sconfiggere la corruzione e il malaffare e dare un futuro al paese”. Lo ha dichiarato in una nota stampa il Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Angelo Deiana. “L’iniziativa – ha ricordato Stefano AMORE, Direttore dalla rivista giuridica “Nova Itinera. Percorsi del diritto nel XXI secolo” che promuove il convegno in collaborazione con 3M-Italia, Acea, CONFASSOCIAZIONI e Konsumer – si propone di evidenziare l’importanza dei valori nel governo del paese e di stimolare, anche culturalmente, tutte le iniziative in grado di contrastare efficacemente la corruzione, vera piaga sociale fondata, come ha recentemente ricordato il Santissimo Padre, “sull’idolatria del denaro che ferisce la dignità umana”.“La corruzione – ha continuato il Dott. AMORE – viene, spesso, banalizzata, ma la verità è che i fenomeni di corruttela sono alla base dei crimini più ignobili: dalla compravendita dei minori, al commercio di organi umani, a quello delle armi. Per questa ragione – ha sottolineato Fabrizio PREMUTI, Presidente di Konsumer – appare indispensabile fornire ai cittadini, soprattutto a quelli più giovani, una adeguata informazione sul fenomeno e riflettere, attentamente, sugli strumenti normativi e culturali da utilizzare per combattere il fenomeno”.In questa prospettiva, il convegno, a cui parteciperanno esponenti di primo piano del mondo dell’impresa, della magistratura, della politica, delle professioni e dell’associazionismo, intende fare il punto della situazione in Italia e sviluppare una serie di proposte che possano essere riprese dal Parlamento e dal Governo. “Un momento di confronto essenziale per il nostro Paese – ha concluso il Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Angelo DEIANA – affinché si possa delineare la soluzione per uscire dal circolo vizioso di cui la corruzione è il veleno silenzioso”.
Ad aprire i lavori il Presidente del CNEL, Tiziano TREU che sarà seguito dai numerosi relatori che hanno confermato la loro presenza durante la giornata divisa in tre momenti, una sezione di interventi introduttivi e due tavole rotonde coordinate da Stefano AMORE, Direttore Nova Itinere_Percorsi del diritto nel XXI secolo”. La parte introduttiva vede la partecipazione di Mariagrazia PEREGO, Responsabile Ufficio Legale 3M Italia, Cristiana PAOLUCCI, Compliance Manager 3M Italia, Paolo CATALFAMO, Presidente NIAF Italia, Luca Alfredo LANZALONE, Presidente Gruppo ACEA, Francesco TOMASONE, Presidente sezione Corte dei Conti, Angelo DEIANA, Presidente CONFASSOCIAZIONI, l’Avvocato Fulvio SARZANA DI S. IPPOLITO.La prima tavola rotonda “Problemi e proposte di soluzione” vede seduti al tavolo l’Avvocato Guido CARLI, Fausto CARDELLA, Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Perugia, Piercamillo DAVIGO, Presidente della seconda sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, Maurizio LUPI, Coordinatore nazionale Noi con l’Italia, Giulia SARTI, Capogruppo 5 Stelle della Commissione Antimafia della Camera, Giuseppe VALENTINO, Presidente Fondazione Alleanza Nazionale, Walter VERINI, Capogruppo PD della Commissione Giustizia della Camera. “Dalla parte dei cittadini” è il tema della seconda tavola rotonda (ore 15.30) cui partecipano Vito Filippo BARONE, Sindaco di Ciminna, Giuseppe BIANCO, Procuratore presso la Repubblica di Roma, Angelo DEIANA, Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Giovanni LIOTTA, Presidente di Federnotai, Flavia MARZANO, Assessore Roma Semplice, Fabrizio PREMUTI, Presidente di Konsumer, Fulvio SARZANA DI S. IPPOLITO, Avvocato, Isabella Maria STOPPANI, Vice Presidente di A.N.A.I.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terremoto: Ripartire da Norcia con onestà e competenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 ottobre 2016

norcia“Il decreto terremoto non può attendere, anzi va aggiornato e adeguato alle nuove circostanze, senza tentennamenti, senza false economie, senza inutili ruberie. Impossibile non riempirsi di tristezza oggi, facendo un lungo e tortuoso giro per l’Umbria, soprattutto nell’area della ValNerina. Contrastava con la bellezza della giornata, l’immagine delle chiese e delle case ridotte in macerie. Si prova una sensazione di sgomento e di impotenza, che fa dubitare che si possano ricostruire in un prossimo futuro gli splendidi edifici, ricchi di arte ma soprattutto cari alla pietà popolare, dei devoti di San Benedetto e di Santa Rita. Parlando con la gente del posto, qualcuno attribuiva alla loro intercessione, oltre che all’esperienza drammatica dei giorni precedenti, il fatto che non ci siano state vittime. Sembrava un miracolo che la popolazione della zona avesse colto subito i segnali di allarme legati alle nuove scosse e si fosse messa al riparo senza indugi, reagendo istintivamente alla paura con coraggio”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Ma ciò non impedisce di rattristarsi, pensando alla qualità di vita che attenderà nei prossimi mesi le decine di migliaia di sfollati, dai più piccoli ai più anziani, che ora per ora si aggiungono, alla schiera di quanti chiedono aiuto. Eppure questa gente chiede di poter restare accanto alle proprie case, per vegliare sulla loro ricostruzione. Temono lo sciacallaggio veloce di alcuni e l’indifferenza delle istituzioni, che operano al rallentatore. Accettano il terremoto come fatto incontrollabile, ma non si rassegnano alle lentezze burocratiche e non sopportano la sola idea che ci si possa infiltrare la corruzione dei soliti furbi. Davanti allo tsunami geologico allargano le braccia, davanti ad un possibile ripetersi dello tsunami morale alzano i pugni. Ed è questa la vera battaglia con cui la classe politica dovrà misurarsi: si possono ricostruire questi paesi se si ricostruisce con onestà e competenza, dicendo un no deciso anche alla più piccola manifestazione di conflitto di interessi e di corruzione. Forse questo è il nuovo segno e la nuova opportunità di far ripartire l’Italia, ancora una volta sulle orme di San Benedetto, patrono d’Europa”, conclude Binetti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finalmente vedo chiaramente

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2011

La fine della crisi, la normalizzazione della giustizia, l’affermarsi della solidarietà nazionale,  il consolidarsi dell’etica in politica e della morale nell’intimità della vita dei cittadini italiani, il successo della meritocrazia tanto nella vita lavorativa che nelle cariche istituzionali, il trionfo dell’onestà, …..  e guardo solo da un occhio, pensate, cribbio, cosa vedrei se li aprissi entrambi !!! (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lezioni di dignità ed onestà intellettuale

Posted by fidest press agency su martedì, 7 dicembre 2010

“E’ abbastanza sorprendente dover ascoltare lezioni di coerenza, di dignità e di presunta onestà intellettuale dall’On. Fini”. Così dichiara Mario Mantovani, sottosegretario alle Infrastrutture e dirigente nazionale PdL.  “Il leader di FLI nella sua lunga storia politica –sottolinea Mantovani- è passato dal sostegno alla famiglia tradizionale alle coppie di fatto, dall’impegno contro l’immigrazione clandestina alla cittadinanza breve, dalla battaglia contro i referendum per il maggioritario nel 1994 a sostenitore, notizia di oggi, dei collegi uninominali, dal Mussolini statista al Mussolini male assoluto”. “Credo piuttosto che la gente continui a preferire chi –prosegue Mantovani- al di là dei giochi di palazzo, mantiene le promesse: affrontare l’emergenza Napoli, ridurre lo sbarco dei clandestini, arrestare i delinquenti, riformare la scuola e l’università, salvaguardare le imprese e le famiglie di fronte alla crisi”. “La coerenza, la dignità e l’onestà intellettuale –conclude Mantovani- si dimostrano innanzitutto sul campo, lavorando giorno dopo giorno per concretizzare gli impegni, come ha ampiamente dimostrato in questi anni il Premier Berlusconi”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gioco calcio: veicolo di fraternità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 dicembre 2009

Roma 18 dicembre p.v., alle ore 18, nell’Aula Magna della LUMSA, in Borgo Sant’Angelo 13 incontro sulle parole di Benedetto XVI: «Possa il gioco del calcio essere sempre più veicolo di educazione ai valori dell’onestà, della solidarietà e della fraternità, specialmente tra le nuove generazioni». L’iniziativa promossa dall’Amministratore Delegato di Elea, Domenico Temperini, e il Direttore degli Eventi, Piero Schiavazzi è stata programmata alla vigilia del 2010, anno dei mondiali di calcio. Interverranno il Cardinale José Saraiva Martins,  Prefetto Emerito della Congregazione per le Cause dei Santi, Mons. Josef Clemens, Segretario del Pontificio Consiglio per i Laici, Giancarlo Abete, Presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio, Maurizo Beretta, Presidente della Lega Nazionale Professionisti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I talenti che lasciano l’Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2009

«Se ne parla ogni giorno, ormai. E qualcosa si muove». È quanto afferma Alessia Mosca, deputato del PD e segretario della Commissione Lavoro, a proposito della fuga dei nostri talenti all’estero.  «Oggi, su “la Repubblica”, un altro appello di giovani professionisti che tornerebbero nel nostro Paese, ma a determinate condizioni. Sedici talenti che, dal blog di Sergio Nava, chiedono al presidente Napolitano concretezza – continua Alessia Mosca – come la compensazione tra tasse alte e retribuzione bassa, ma anche serietà, e rispetto di valori come l’onestà, la meritocrazia. Richieste più che lecite, da non poter assolutamente ignorare».  «Insieme all’Associazione TrecentoSessanta e nell’ambito dell’Intergruppo Sussidiarietà, da tempo – aggiunge Alessia Mosca – stiamo portando avanti “Controesodo. Talenti in movimento”, un progetto composto da cinque proposte di legge che mira a valorizzare il contributo dei talenti in movimento, favorendone il loro eventuale ritorno e attraendo capitale umano di qualità».  «Attraverso proposte di legge adeguate – conclude Mosca – incentrate non solo sul ritorno, ma anche sulla partenza, sullo scambio, da intendere come momento costruttivo per la persona e per il Paese di provenienza, è necessario che ci attiviamo come sistema paese, mettendo in moto tutti meccanismi necessari».

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La famiglia Mastella

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2009

Il Segretario Partito dell’Alleanza Sante Pisani in una nota ha dichiarato: “Un’inchiesta giudiziaria si è abbattuta sulla Campania per la gestione delle assunzioni all’Arpac, l’agenzia dell’ambiente della Regione. Il risultato è un’ordinanza di custodia cautelare per 63 indagati. Tra le persone coinvolte, anche i coniugi Mastella, ai quali sono stati contestati diversi reati, tra cui quello di concorso in abuso di ufficio in merito alle assunzioni all’Arpac. Siamo all’emergenza democratica? L’Italia Conosce da oltre trenta anni Mastella e la sua famiglia e nessuno dubita dell’onestà personale sua e della sua famiglia.  Ora il caso è nelle mani della magistratura inquirente.  Aspettiamo, ed in attesa che si chiariscano i fatti, va data solidarietà e fiducia a Sandra Lonardo e a Clemente Mastella.  A nome mio e del Partito dell’Alleanza esprimo tutta la mia solidarietà umana e politica per la vicenda giudiziaria che li vede coinvolti”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gianfranco Fini tra “buoni e cattivi”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2009

Fino a due mesi fa pensavo che Gianfranco Fini, nell’eterno gioco dei buoni e dei cattivi, svolgesse il ruolo del poliziotto buono e Berlusconi quello del poliziotto cattivo ma che, in realtà, fossero le facce di una stessa medaglia. Su questo tema ci ho fatto pure un post. In queste ultime settimane, tuttavia, qualcosa è cambiato e sarebbe scorretto non prenderne atto. Il presidente della Camera ha infatti dimostrato una determinazione e una coerenza sorprendente. Ha alzato il tono del confronto, ha smosso le acque nel suo schieramento politico, ha messo il dito nella piaga, ovvero, in quel cesarismo dilagante che caratterizza ormai il centrodestra, ha sferzato l’alleato storico, ha risposto con parole chiare ed inequivocabili alle domande sui temi etici per i quali i politici sono soliti usare infiniti giri di parole per approdare al nulla. Ha mostrato, insomma, un’onestà intellettuale di cui gli va dato atto e per la quale sta già pagando il conto, arrivato puntuale sul suo tavolo sotto forma di editoriali infamanti pubblicati dai giornali di famiglia del premier.
Ora, però, resta un ultimo ma decisivo passaggio. Se davvero Gianfranco Fini ha intenzione di fare sul serio, e di riportare la democrazia nello schieramento di centrodestra, deve combattere a viso aperto questa ormai imperante videocrazia, che ha annullato il confronto politico e ha ridotto la politica ad uno spot vuoto e fasullo. Deve pronunciarsi con chiarezza e passare, un minuto dopo, dalle parole ai fatti. Chi, come il presidente della Camera, ha conosciuto entrambe le stagioni, ovvero quella dell’oro, che gli ha permesso di abbeverarsi all’impero mediatico di Berlusconi, e quella del piombo, ovvero della cacciata dall’Eden perché divenuto scomodo, sa bene di cosa parlo. Passare dalle parole ai fatti significa dire no a questa videocrazia spregevole; significa contribuire concretamente a ripristinare i livelli minimi di terzietà della comunicazione; significa favorire in Parlamento una seria legge sul conflitto di interessi che ponga rimedio a questo fascismo mediatico prima che sia troppo tardi; significa prendere una posizione netta ed inequivocabile a favore del pluralismo dell’informazione; significa, insomma, contribuire ad improntare un complesso di regole che ponga una barriera invalicabile tra potere politico e potere dell’informazione. Lo scatto di reni del presidente della Camera è encomiabile, ma ancora non basta. Oggi, chi davvero ha a cuore il futuro della nostra democrazia, a qualsiasi schieramento appartenga, deve aver il coraggio di battersi al di la di ideologie e di schieramenti politici per mettere al centro dell’agenda politica italiana l’approvazione di una legge sull’informazione che stronchi definitivamente la videocrazia imperante.  Da questo capiremo se davvero, per un futuro non troppo lontano, nel nostro paese si può sperare in un ritorno alla normalità democratica. (Massimo Donadi parlamentare Idv)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »