Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘operazione’

21Shares ha completato l’operazione di frazionamento azionario su 10 dei suoi ETP sulle criptovalute

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 aprile 2021

Zurigo. 21Shares, società con sede a Zurigo leader negli ETP sulle criptovalute, è lieta di annunciare che ha completato il suo evento di corporate action, che consiste in un processo di frazionamento azionario (stock split) per 10 dei suoi ETP. È la prima volta che si verifica un avvenimento del genere nel settore degli ETP sulle criptovalute.Il motivo per cui è stata presa questa decisione è quello di aumentare l’accessibilità, ricorrendo a ulteriori frazionamenti azionari per la maggior parte degli ETP, le cui criptovalute di riferimento hanno registrato un rally superiore al 50% negli ultimi 4 mesi.Il consiglio d’amministrazione di 21Shares monitora attentamente lo stato di salute dei suoi prodotti per assicurarsi che stiano registrando le performance previste, così come monitora costantemente lo sviluppo dei cripto asset. Un frazionamento azionario fa in modo che gli ETP continuino a essere scambiati a prezzi efficienti e accessibili.Questa operazione ha avuto luogo il 12 aprile e ha ridotto il valore netto per security di un ETP, aumentando al contempo il numero di ETP circolanti:“Questo evento rappresenta una pietra miliare molto importante per la nostra società” – ha dichiarato Laurent Kssis, Managing Director di 21Shares e responsabile dell’operazione – “dimostrando le ottime performance dell’asset class sottostante e anche la nostra abilità nel realizzare un frazionamento azionario in uno stadio ancora iniziale del ciclo di vita della società.” “Con le criptovalute che stanno avendo sempre più successo e che suscitano un interesse enorme negli investitori istituzionali, l’operazione di stocks splitting ci ha permesso di raggiungere 2 obiettivi chiave: innanzitutto, abbiamo ridotto lo spread tra prezzo bid e prezzo ask a vantaggio degli investitori e, in secondo luogo, abbiamo abbassato il prezzo dei nostri prodotti per consentire un investimento minimo inferiore, dato che il valore delle criptovalute continua a raggiungere nuovi record” ha concluso Hany Rashwan, CEO di 21Shares.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione Atalanta: la nave “Carabiniere” della Marina Militare assume il ruolo di flag ship

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 marzo 2021

By Christian Flammia. La nave Carabiniere è assegnata alla missione dell’Unione Europea EUNAVFOR Somalia – Operazione Atalanta, a presidio della zona compresa tra il Mar Rosso meridionale, il Golfo di Aden e bacino somalo. La missione per la fregata italiana terminerà il prossimo agosto. Per la nona volta il Comando dell’Operazione Atalanta sarà affidato a un ufficiale ammiraglio della Marina Militare, il Contrammiraglio Luca Pasquale Esposito. Sotto il suo comando, la task force aeronavale europea della quale il Carabiniere svolgerà il ruolo di nave sede di comando (flagship), assicurerà il pattugliamento nelle aree di interesse e nei corridoi di transito delle unità mercantili e la lotta alla pirateria, cooperando con le altre forze marittime presenti nell’area. L’Operazione Atalanta, decisa dal Consiglio Europeo nel novembre del 2008, è stata la prima operazione militare a carattere marittimo a guida europea, nata con l’obiettivo di prevenire e reprimere gli atti di pirateria nell’area del Corno d’Africa (Golfo di Aden e bacino Somalo) che continuano a rappresentare una minaccia latente per la libertà di navigazione del traffico mercantile e in particolare per il trasporto degli aiuti umanitari del World Food Programme (WFP) in Somalia e Yemen. Partita dal porto di Taranto domenica 14 marzo al comando del Capitano di fregata Alessandro De Lucia, la nave e il suo equipaggio saranno anche impegnati in attività di Civilian and Military Cooperation (CiMIC), per fornire supporto e beni di prima necessità alle popolazioni locali in difficoltà rispettando le restrizioni anti-COVID in vigore. https://www.difesa.it/

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione antiterrorismo della polizia austriaca

Posted by fidest press agency su sabato, 21 novembre 2020

Si è conclusa con trenta persone arrestate la maxi operazione antiterrorismo eseguita dalla polizia austriaca. Denominata “Ramses”, l’operazione è stata caratterizzata dalla perquisizione di sessanta locali, fra cui appartamenti e attività commerciali. Secondo l’accusa i soggetti finiti in manette sono legati a Hamas e Fratelli Musulmani.Il blitz antiterrorismo è non direttamente collegato alla serie di attentati che ha colpito Vienna la sera del 2 novembre scorso, ma è il risultato di più di un anno di indagini, il cui compito è stato quello di far venire a galla i finanziamenti al terrorismo e il riciclaggio di denaro sul territorio austriaco.Il ministro dell’Interno, Karl Nehammer, ha così commentato l’alacre lavoro della polizia: “Stiamo agendo contro queste organizzazioni criminali, estremiste e disumane con la massima severità e con tutte le possibilità dello Stato di diritto. È stato inferto un colpo al terreno fertile dell’estremismo”.Nella mente e nella coscienza del governo austriaco c’è il dolore del recente attentato alla capitale, che ha causato la morte di cinque persone. In questo senso vanno le lette queste dichiarazioni del cancelliere Kurtz:“L’attacco terroristico islamista ci ha dolorosamente ricordato che non siamo un’isola felice. Ma una cosa è chiara: non saremo intimiditi da questo odio! Difenderemo la nostra società libera con tutti i mezzi. Difenderemo con ogni mezzo gli ebrei in Austria. E difenderemo gli ebrei in tutta Europa con tutti i mezzi. Questo è il nostro compito come Repubblica d’Austria”.Cosa ci fanno persone collegate a Fratelli Musulmani e Hamas in Austria? Hamas, il gruppo terroristico che guida la Striscia di Gaza, che dice di battersi per i diritti del popolo palestinese, cosa ci fa in Europa (vedi post su Hamas in Spagna)? Che tali diritti siano fumo da gettare agli occhi dell’opinione pubblica? Noi ci battiamo da anni per dire che Hamas non ha alcun interesse a salvaguardare il popolo palestinese, anzi, lo sfrutta per i propri disegni di potere.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non è prevista alcuna operazione straordinaria sul capitale del Gruppo Viasat

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 ottobre 2020

Le voci si rincorrevano da qualche tempo, per quanto smentite a varie riprese dal Gruppo Viasat. Come è noto, la Società ha avviato un processo di acquisizioni delle aziende europee del settore, a partire dal 2014, sviluppando una presenza diretta in Europa nei principali paesi a più alto tasso di crescita nel mercato della Telematica Satellitare e IoT (oltre all’Italia, UK, Francia, Belgio, Polonia, Romania, Bulgaria, Portogallo, Spagna e Cile) e, tramite Distributori Partner, in 60 paesi nel mondo. Qualcuno deve aver pensato che, dietro tutto questo dinamismo, potesse esserci anche altro. Per questa ragione, Marco Petrone, amministratore delegato della controllante Exefin (holding della famiglia Petrone), ha deciso di farsi portavoce degli azionisti di Viasat Group per ribadire che “la Società non è oggetto di alcuna operazione straordinaria che comporti, in tutto o in parte, la cessione di azioni o l’aumento del capitale sociale”. La strategia di Viasat Group resta sempre la stessa: crescere per capacità interne, sviluppando e diversificando il proprio business su tutti i mercati geografici presidiati dalle società del Gruppo, dando priorità al progetto evolutivo del ricambio generazionale che punta a valorizzare le capacità ed esperienze delle proprie eccellenze operative e manageriali, perseguendo i propri Valori & Principi storici.“Crediamo sia una precisazione doverosa e utile per la comunità economico-finanziaria, per la mia famiglia e per tutti i nostri Stakeholder” commenta Domenico Petrone, Fondatore e Presidente di Viasat Group. “Nel corso degli ultimi due anni si sono intensificate le richieste di contatto e di confronto da parte di fondi di investimento e di gruppi industriali internazionali. Del resto non abbiamo mai escluso di considerare eventuali partnership, in ottica di ‘Business Combination’, per posizionare la nostra realtà in un quadro di maggiore sinergia tecnologica e commerciale con l’obiettivo di guadagnare ulteriore competitività sui nostri prodotti e servizi nel mondo. In ogni caso il nostro benchmark di riferimento restano i grandi marchi italiani, legati a famiglie che da generazioni correlano con orgoglio la propria storia a una forte vocazione alla territorialità e alla sostenibilità di lungo termine. È altrettanto vero che, per scelta, cerchiamo sempre di essere flessibili nell’adattamento delle strategie e aperti nel valutare le possibili alternative sottoposte da soggetti terzi. In questi ultimi mesi, abbiamo valutato alcune nuove progettualità con l’obiettivo di verificare se potessero rappresentare un acceleratore della nostra crescita. A valle di queste analisi, possiamo affermare che il nostro progetto industriale originario rappresenti tuttora la scelta preferibile e migliore per tutti gli Stakeholder, inclusi il Management e le oltre 800 risorse specializzate che, in tutta Europa, contribuiscono allo sforzo comune, secondo la nostra filosofia del ‘Glocale’: pensare Globale e agire a livello Locale. Una strategia che coniuga le diverse intelligenze presenti nel nostro Gruppo per fare sistema e costruire valore e sviluppo nei diversi mercati con professionalità, tenacia e passione. Da sempre siamo ‘Interconnessi’ con il futuro e vogliamo che i nostri ‘Sogni’ si realizzino, così come nel passato, trasformandosi in straordinari fatti concreti e duraturi nel tempo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione Irini blocca nave sospetta diretta in Libia

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 settembre 2020

Violazione dell’embargo di armi, questa è la ragione per cui alle 07:00 circa di oggi una Unità navale dell’Operazione EUNAVFOR MED Irini ha bloccato ed ispezionato il mercantile Royal Diamond 7 in acque internazionali a circa 150 km a nord della città libica di Derna (Cirenaica). La nave, segnalata dal Panel of Experts dell’Onu per la Libia, è partita dal porto di Sharjah negli Emirati Arabi verso Bengasi in Libia con un cargo di kerosene per aerei, destinato presumibilmente a scopi militari. Tale carburante viene considerato alla stregua di “materiale militare” dall’ONU e quindi trova applicazione la risoluzione 2292 (2016) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’embargo delle armi verso la Libia, confermata e prorogata dalla risoluzione 2526 (2020). La nave tedesca Hamburg, supportata dalla nave italiana Margottini da cui l’Ammiraglio Ettore Socci – comandante in mare degli assetti assegnati all’Operazione IRINI – ha condotto l’attività, ha impedito al mercantile l’accesso alle acque territoriali libiche e la sta dirottando verso un porto dell’Unione europea per ulteriori verifiche ed indagini.
Operazione Irini è la concreta dimostrazione dell’impegno dell’Unione europea a favore del processo di Berlino, per contribuire alla stabilizzazione della Libia e garantire la pace alla sua popolazione.
L’Operazione Irini (in greco “pace”) è stata pianificata in pochissimo tempo e lanciata il 31 marzo a seguito di una decisione del Consiglio dell’Unione Europea.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione Open Banking Alliance

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 agosto 2020

Banca del Piemonte e Banca di Asti prendono parte all’operazione Open Banking Alliance lanciata a giugno da Banco Desio, istituto brianzolo tra le più solide realtà bancarie, e Credimi, azienda fintech leader europeo del finanziamento digitale alle imprese, al fine di liberare ulteriori 30 milioni di euro per la ripresa delle PMI italiane, che vanno ad affiancarsi ai 50 milioni stanziati da Banco Desio.I fondi verranno utilizzati per dare liquidità alle imprese attraverso la sottoscrizione di titoli rappresentativi di finanziamenti erogati da Credimi. Si amplia così una collaborazione, tra istituti bancari e fintech, che unisce l’esperienza e la conoscenza delle realtà imprenditoriali locali con la digitalizzazione volta a semplificare i processi di accesso al credito.Le PMI potranno richiedere finanziamenti coperti al 90% dal Fondo di Garanzia, per un ammontare fino al 25% del fatturato 2019. I finanziamenti, erogati da Credimi, hanno durata di 5 anni e 1 anno di preammortamento con inizio di rimborso previsto per l’ultimo trimestre 2021, sono accessibili a imprese con meno di 500 dipendenti e un fatturato sopra i 100mila euro, che siano Società di Capitali con almeno un bilancio depositato e Società di Persone con almeno una dichiarazione fiscale. La procedura è completamente digitale, la richiesta è effettuabile online su http://www.credimi.com, in pochi minuti, da qualsiasi device, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, con documenti firmati digitalmente a fronte di una risposta che arriva in 3 giorni lavorativi. Dalla partenza dell’operazione, lo scorso giugno, oltre 1.100 aziende hanno richiesto il finanziamento a Credimi per un totale di 294M€.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Operazione Vanilla Notes: da Assoholding

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 luglio 2020

E’ un’idea innovativa per una veloce iniezione di liquidità alle Imprese. Si chiama Vanilla Notes (https://vanillanotes.it/), ed è l’innovativa operazione, incentivata dal Decreto “Cura Italia”, ideata e promossa da Assoholding – l’Associazione che rappresenta le holding di partecipazione presieduta da Gaetano De Vito –, in collaborazione con Cerved e Studio De Vito, e presentata in diretta nel talk “Operazione Vanilla Notes: art. 55 D.L. n.18/2020 e cartolarizzazione per iniezione di liquidità alle imprese”.Vanilla Notes non è un nome scelto a caso. Semplice come un gelato alla vaniglia è infatti l’operazione per l’utente finale, che si vedrà consegnare “chiavi in mano” le soluzioni espresse dallo strumento. Una specie di “magia” – l’ha definita il Presidente di Assoholding – che andrà a tutto vantaggio delle imprese, in linea con l’attività istituzionale dell’Associazione, tradizionalmente diretta a contrastare le pratiche di evasione fiscale, ma per contro anche ad offrire alle holding approfondimenti e studi sulle migliori opportunità e sui migliori strumenti a salvaguardia della economicità delle loro società. Una “alchimia finanziaria” invece per Igor Dalle Molle, Ceo di Cerved, capace di far evolvere la ‘cartolarizzazione’ in un’attività flessibile, divisa, e vendibile, attraverso le note, appunto. L’operazione Vanilla Notes è quindi uno strumento strutturato, che si poggia saldamente su una norma esistente, l’art. 55 del Decreto “Cura Italia”, permettendo però di potenziarne gli effetti attraverso la messa a sistema di più attività: acquisizione di liquidità, fruizione del credito d’imposta, recupero del credito scaduto, fruizione di consulenza specifica da parte dei professionisti. Questi gli obiettivi di Vanilla Notes: ottenere liquidità immediata dalla cessione allo SPV dei crediti non incassati nei termini e/o incagliati; organizzare una vigorosa attività di recupero di questi crediti; ottenere il credito d’imposta previsto dal decreto “Cura Italia”; rendere possibile la deducibilità fiscale delle perdite sui crediti ceduti.Saranno i professionisti a selezionare tra la propria clientela i soggetti idonei a poter cogliere i vantaggi resi disponibili dall’operazione, attestando la ricorrenza di tutti i suoi presupposti, e ricevendo a tal fine specifico incarico da parte della società veicolo di cartolarizzazione (SPV). Assoholding, Cerved Master Services e Studio De Vito & Associati hanno già presentato l’iniziativa ad una serie di investitori, che hanno manifestato interesse ad investire liquidità immediata. Rimandando infatti al sito http://www.vanillanotes.it per gli aspetti squisitamente tecnici dell’Operazione, qui rileva sottolineare che quello che si propone Vanilla Notes – unire art. 55 e cartolarizzazione – permette di dare una risposta concreta e immediata all’esigenza attualmente più avvertita dal mondo imprenditoriale: l’iniezione di liquidità.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Operazione Irini: dall’Italia la nave ammiraglia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 luglio 2020

La nave della Marina Militare italiana, San Giorgio, entra nell’Operazione EUNAVFOR MED IRINI come flagship. Da questa nave, il Force Commander, il Comandante in mare, il Contrammiraglio Ettore Socci, guida gli assetti schierati nell’area di operazione. Oltre al San Giorgio, l’Operazione Irini può contare sulla fregata greca Spetsai e sugli aerei da pattugliamento marittimo francese, greco, lussemburghese, polacco e tedesco già attivi nell’Area. Sulla nave ammiraglia (flagship) c’è un punto medico avanzato (Role 1).Dalla metà di ottobre il Force Commander, assieme alla flagship, saranno forniti dalla Grecia.
Il San Giorgio ha a bordo un elicottero EH 101 e un team della Brigata Marina San Marco, idoneo a svolgere abbordaggi anche in caso di atteggiamento non cooperativo da parte del mercantile da ispezionare.L’Italia fornisce all’Operazione anche un Aeromobile a Pilotaggio Remoto (APR) in supporto diretto oltre alle basi militari logistiche e operative di Augusta, Pantelleria e Sigonella.Un aereo da pattugliamento marittimo P72, un aereo Air Early Warning (AEW) e un Sottomarino in supporto associato saranno inoltre disponibili occasionalmente.In totale sono una ventina i Paesi dell’Unione Europea che hanno aderito, con uomini e/o mezzi, alla missione Irini, che può contare anche sul supporto delle immagini satellitari fornite dal Centro Satellitare dell’Unione Europea (EU SatCen).“Con l’ingresso della nave ammiraglia, la missione potrà a breve arrivare alla piena operatività (denominata tecnicamente Full Operation Capability) – dice il Comandante dell’Operazione, Ammiraglio Fabio Agostini – Irini è nata in piena pandemia Covid-19, circostanza che non ha facilitato il dispiegamento delle forze. Nonostante ciò la missione, partita effettivamente solo da due mesi, ha già prodotto i primi risultati in termini di raccolta di informazioni ed effetto deterrente sia riguardo all’embargo delle armi che al monitoraggio dei traffici illeciti di petrolio e derivati. Le evidenze raccolte sono sempre state trasmesse al Panel di Esperti per la Libia delle Nazioni Unite con cui l’Operazione ha intrapreso una stretta e proficua collaborazione”.
L’Operazione Irini (in greco “pace”) è stata pianificata in pochissimo tempo e lanciata il 31 marzo a seguito di una decisione del Consiglio dell’Unione Europea. Il compito principale è quello di far rispettare l’embargo delle armi verso la Libia previsto dalle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

M5S Lombardia. Ospedale Fiera: “Dopo operazione di marketing pretendiamo operazione trasparenza”

Posted by fidest press agency su sabato, 23 Maggio 2020

“Apprendiamo dalla stampa che Guido Bertolaso avrebbe diffidato Regione Lombardia e Fondazione Milano dal chiudere l’ospedale in Fiera e che ‘quell’ospedale non è ciò che lui aveva concepito’ e che a causa del suo essere stato colpito dal Covid, sarebbe stato di fatto ‘esautorato dall’operazione’.Come M5S faremo tutti gli atti dovuti per fare chiarezza, anche rispetto alle dichiarazioni di questa mattina dell’avvocato milanese Giuseppe La Scala, uno degli azionisti dell’ospedale in Fiera, che esterrefatto chiede spiegazioni sulla chiusura e sulla gestione del denaro. I soldi sono stati donati per un fine pubblico e quindi devono seguire gli iter di trasparenza dei fondi pubblici. Questo sarà certamente uno dei temi che affronterà la commissione d’inchiesta”, così i consiglieri regionali del gruppo consiliare M5S Lombardia.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Operazione Intesa-Ubi

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 marzo 2020

By Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista. Ben venga la fusione di Banca Intesa Sanpaolo con Ubi Banca. Finalmente una mossa di valenza strategica e internazionale, che si pone all’avanguardia anche del processo di consolidamento del sistema bancario europeo. Non può ne deve essere un accordo per mettere delle pezze di appoggio a un sistema bancario italiano in difficoltà, com’è avvenuto in passato. L’operazione ci sembra limpida.Si tratta di un’offerta pubblica di sottoscrizione (ops)che l’Ubi Banca può accettare o rifiutare. A nostro avviso è un’opportunità da non perdere, che può giovare al paese.La fusione farebbe nascere un player economico e finanziario che si porrebbe, per dimensioni, al settimo posto nell’Unione europea. Con oltre 1.100 miliardi di euro di risparmi gestiti e impieghi per 460 miliardi, conterebbe su circa 110.000 dipendenti, di cui 20.000 dell’Ubi Banca, che con i suoi 3 milioni di clienti è già il terzo istituto bancario d’importanza nazionale L’operazione prevede un’offerta con uno scambio azionario pari a 4,9 miliardi di euro. In merito riteniamo che differenti valutazioni di prezzo non dovrebbero incidere sul risultato finale dell’operazione. Il nuovo istituto passerebbe da 44 a 48 miliardi di euro di capitalizzazione, subito dietro la francese Bnp Parisbas, e aumenterebbe i propri ricavi da 18 a 21 miliardi, appena dietro la Deutsche Bank.
Banca Intesa è già il primo gruppo bancario italiano con quasi 12 milioni di clienti e circa 3.800 filiali in Italia. All’estero ha mille filiali con 7,2 milioni di clienti. Nel 2019 ha erogato 58 miliardi di crediti a medio e lungo termine, registrando un utile pari a 4,2 miliardi di euro. Le due banche non hanno particolari problemi di gestione, sia in rapporto al livello dei rischiosi derivati otc sia per quanto riguarda i crediti non esigibili, i non performing loans. Ci sembra, entrambe hanno mantenuto nel tempo un rapporto positivo con il territorio e con i settori dell’economia reale. Sono anche molto attive a livello internazionale e in rapporto con le industrie italiane esportatrici. Con la fusione, nel periodo 2021- 2023 si ipotizzano ulteriori 30 miliardi di euro di erogazioni di crediti per supportare l’economia italiana e maggiori finanziamenti per l’economia verde per ben 10 miliardi. A fronte di queste previsioni positive, a farne le spese sarebbe l’occupazione poiché dovrebbero essere assunti solo 2.500 giovani a fronte di 5.000 uscite. Questa, purtroppo, è una negatività che l’intero sistema bancario mondiale sta soffrendo. L’operazione riteniamo rientri nei desiderata e nell’ottica della Banca d’Italia, che chiede un rafforzamento del sistema bancario attraverso aggregazioni virtuose per superare la debolezza e, a volte, la provincialità del nostro sistema. Ci sembra rispondi anche alle considerazioni del Copasir (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) circa l’esposizione dell’Italia rispetto a eventuali ingerenze e a interessi esterni. Si ricordi che presso il Comitato sono in preparazione audizioni dedicate ai settori economici d’interesse nazionale, in particolare quelli bancari, finanziari e assicurativi che stanno vivendo un’intensa trasformazione tecnologica e innovativa. Da ultimo la valutazione del Copasir ha riguardato l’impatto del 5G in Italia, che ha determinato l’invito al governo di escludere le aziende cinesi dalla banda ultralarga.L’indipendenza economica e finanziaria italiana assumono un’importanza cruciale. A questo proposito si consideri il peso del debito pubblico e che circa 400 miliardi di euro di obbligazioni pubbliche siano detenute dalle banche italiane. E’ nota la debolezza del nostro sistema bancario nel mondo finanziario globalizzato in cui sono emerse delle mega banche capaci di dettare le condizioni di mercato a tutti e di “fagocitare gli attori economici più piccoli e deboli”, quando vogliono. Negli anni passati, infatti, molte banche italiane sono state “attenzionate” da interessi esterni, anche di altri paesi europei, che non hanno sempre giovato al nostro paese. E’ triste notare che, purtroppo, l’Europa non è ancora in grado di operare come un’entità unica e sovrana. La libertà di azione da parte degli attori economici europei è fondamentale e sacrosanta. Non possono, però, essere tollerati gli abusi che mirino a favorire interessi di qualcuno a discapito di quelli collettivi dell’Unione europea. Anche l’applicazione della regola europea nei processi di aggregazioni economiche che disciplina il golden power (i poteri speciali per salvaguardare gli assetti proprietari delle società operanti in settori reputati strategici e di interesse nazionale) è stata a volte irresponsabilmente violata da certe aziende europee. Non sfugge la delicatezza del problema. Si ricordi, per esempio, che gli Usa hanno sollevato una questione di sicurezza nazionale riguardo ai Treasury bond posseduti dalla Cina.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Operazione antipirateria: stop 5 mln utenti in Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 settembre 2019

La polizia postale sta eseguendo la più vasta operazione antipirateria mai condotta nel settore delle Iptv (web tv) illegali, che consentono di usufruire gratuitamente di canali satellitari a pagamento. In Italia sono coinvolti 5 milioni di utenti, che saranno ora oscurati.”Bene, ottima notizia! Ben vengano operazioni come queste della Polizia Postale che mettono in luce quanto il fenomeno della pirateria sia radicato non solo tra chi diffonde illegalmente i contenuti protetti dal diritto d’autore ma tra gli stessi fruitori. E’ fondamentale un salto culturale affinché i consumatori prendano atto che non si tratta di un innocuo tentativo di risparmiare qualche euro ma di un vero e proprio reato gestito da organizzazioni sofisticate e ampie, che danneggia lo sport ma anche gli stessi consumatori che non sempre sono consapevoli di quello che rischiano” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Da tempo siamo in prima linea per promuovere questa cultura della legalità con campagne di informazione in collaborazione con la stessa Polizia Postale, con l’obiettivo di fornire ai consumatori le corrette informazioni per riconoscere i siti illegali e le indicazioni su come comportarsi in caso di problemi” conclude Dona.Di seguito alcuni consigli per gli utenti:
· Verifica che la connessione sia sicura controllando nella URL che il sito utilizzi il protocollo HTTPS.
· Assicurati che il sito sia legale cercando recensioni che lo riguardano e controllando le informazioni di registrazione (nome dell’azienda, ubicazione del server, indirizzo fisico e data di creazione).
· Installa un antivirus sul tuo pc: se ti imbatti in contenuti pirata online il tuo dispositivo rischia di essere “infettato”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Operazione “Girasole” lanciata dal Capitano Ultimo

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 settembre 2019

Giorni fa l’Italia da Nord a Sud ha commemorato il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, la sua giovane moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo.Il girasole era il fiore preferito dal Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, e come lui, nella sua semplice fisicità rappresenta l’essere onesto e retto.I volontari di tutta Italia hanno accolto l’invito di Ultimo a commemorare diversamente il Generale, barbaramente trucidato mentre serviva la collettività, deponendo un girasole nelle vie o piazze a lui intitolate.“All’inizio l’idea mi sembrava folle – spiega un volontario – ma poi ho notato come le nostre chat si siano animate di tante persone che volevano aderire all’iniziativa. E così giorno 3 settembre, oltre le normali commemorazioni istituzionali, i veri protagonisti sono stati i cittadini di ogni età, che hanno dimostrato con la loro azione che il Generale è Vivo”.
A dimostrare che l’azione “Girasole” è andata in porto le centinaia di foto con l’immagine del fiore deposto che stanno “intasando” la mail di Ultimo e dimostrando che il web, se ben utilizzato, unisce le persone e non crea odio, ma fratellanza.I cittadini che hanno contribuito all’iniziativa hanno superato i tanti intoppi della vita quotidiana per realizzarla, in nome della semplicità e nel silenzio.Infatti sono tante le foto che mostrano come grandi e piccini hanno commemorato il Generale Dalla Chiesa in tutta Italia: dal bimbo che suona il tamburello sotto la targa di via dalla Chiesa a Galatina (Le), al padre di Amatrice che ha perso i suoi figli nel terremoto e che si è inventato una via apponendo un cartello al palo pur di commemorare il Generale Dalla Chiesa, non essendocene attualmente una dedicato a lui in quella terra martoriata dalla natura.
E ancora, la signora anziana a Brescia in carrozzella che ha voluto indossare l’abito della festa perché il Generale non va pianto ma ricordato per i suoi valori che in tanti ancora portano avanti come i volontari del Centro Internazionale di Documentazione sulla Mafia e del movimento Antimafia (C.I.D.M.A.) di Corleone che hanno contribuito all’iniziativa.
E poi Alice, la bambina di Udine che dopo aver ascoltato la storia del Generale dalla mamma ha voluto disegnare il girasole “fronte- retro – ha spiegato la piccola Alice – perché così se c’è il vento, si vede sempre”, sino a chi si è recato a Parma sulla tomba del Generale.
Anche Rita Dalla Chiesa, la figlia del Generale, ha apprezzato l’iniziativa, che e’ stata un concreto esempio di generosità sulla scia dell’insegnamento del Generale che invitava a dare senza volere nulla in cambio. Il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa è l’emblema “dell’amore per il servire e non per esercitare il potere”, valori che ha incarnato fino alla fine e ha tramandato a noi. Lui, vive sempre nei cuori dei cittadini italiani e del Capitano Ultimo che, come il Generale, non manca mai di ricordare che “la Fiamma è una sola e appartiene al popolo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Operazione scuole pulite

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 settembre 2017

Diaco DanieleOperazione “Scuole Pulite”, Diaco (M5S): “Importante azione di Roma Capitale a tutela della salute degli alunni romani” “Nel corso delle ultime settimane, Roma Capitale ha lavorato per tutelare l’inalienabile diritto degli scolari romani a frequentare ambienti scolastici salubri e privi di rischi per la loro incolumità. I dati dell’operazione ‘Scuole Pulite’ testimoniano l’impegno profuso da questa Amministrazione in tal senso: 800 gli istituti scolastici interessati dagli interventi di Ama, 105 gli operatori e 55 i mezzi utilizzati per la pulizia e lo sfalcio dell’erba presso gli asili nido, le scuole dell’infanzia, elementari, medie e superiori. Numeri importanti, attraverso i quali abbiamo voluto dare un segnale importante in vista della riapertura dei plessi scolastici del territorio. È nostro dovere salvaguardare la salute dei bimbi e garantire loro un contesto in cui studiare e svolgere attività ricreative in tutta serenità. A tutti gli alunni di Roma auguro un buon inizio anno e un percorso scolastico colmo di soddisfazioni e successi”. Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale Daniele Diaco.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Operazione anti-abusivismo sulle spiagge romane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 agosto 2017

spiaggia_litorale_castelporzianoRoma “Continua alla grande la capillare azione di contrasto al commercio abusivo di merci, soprattutto alimentari, sulle spiagge del X Municipio di Roma. E’ dallo scorso mese di giugno che il Gruppo Mare della Polizia Locale di Roma Capitale conduce con successo la sua azione di ripristino della legalità sul territorio: questo weekend gli agenti sono intervenuti sulle spiagge libere del Porto turistico, del lungomare duca degli Abruzzi e lungomare Toscanelli di fronte all’ex colonia Vittorio Emanuele III, quindi in piazzale Magellano e si sono poi spostati sugli arenili pubblici di Castelporziano, effettuando ben 25 sequestri di merci alimentari deteriorate e prive di etichettatura. Una netta e limpida azione di legalità lontana anni luce dalla violenza squadrista di un determinato gruppo politico che con illecite coercizioni e pseudo manifestazioni non autorizzate tenta di inquinare il regolare svolgimento della vita democratica e civile nel nostro Municipio”.
Lo dichiarano in una nota congiunta il Capogruppo capitolino del M5S Paolo Ferrara e la Delegata della Sindaca per il X Municipio Giuliana Di Pillo (M5S).

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SACE e Deutsche Bank: € 46,5 milioni per Bottero in Turchia

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2015

Deutsche-Bank-Sede-MilanoNell’ambito dell’operazione, SACE ha garantito un finanziamento del valore di 46,5 milioni di euro erogato da Deutsche Bank in favore di Park Cam a supporto della fornitura di macchinari per la produzione di contenitori in vetro per l’industria alimentare destinati a un impianto integrato nella regione di Bilecik, nella Turchia nord-occidentale.L’intervento consolida la relazione commerciale tra Bottero e Park Cam, già positiva e avviata nel 2013, e rafforza la penetrazione del gruppo italiano in un mercato a elevato potenziale per l’impiantistica italiana, dove ha conseguito commesse con altri operatori chiave del settore.Caso unico al mondo, Bottero è da cinquant’anni leader mondiale in tutti i comparti dell’industria del vetro (vetro cavo, impianti speciali, vetro piano, laminato e monolitico). L’azienda opera prevalentemente sui mercati esteri, dove realizza oltre il 90% del fatturato, con una presenza commerciale in Europa, Cina, Sud America e Nord America.SACE, al fianco di Bottero dal 2003, ne ha assicurato forniture e ha sostenuto i piani di crescita per un valore complessivo che, con quest’operazione, arriva ai 35 milioni di euro in diversi mercati emergenti, come Kazakistan e Brasile oltre alla Turchia. L’operazione, che si è avvalsa della rete internazionale e del know how specifico di Deutsche Bank, testimonia ancora una volta il concreto supporto della Banca alle aziende italiane con vocazione all’export e all’internazionalizzazione che rappresentano, come il Gruppo Bottero, le eccellenze del paese Italia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione antibracconaggio a Ischia

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 aprile 2012

Intervento della senatrice Radicale Donatella Poretti E’ notizia di oggi che sei persone sono state bloccate dal personale del Nucleo Operativo Antibracconaggio (NOA) del Corpo forestale dello Stato con la collaborazione della Lipu, mentre cacciavano di frodo a Punta Pelara, in località Panza di Forio d’Ischia. Questa è la conferma di ciò che abbiamo denunciato lo scorso 16 Aprile con un’interrogazione rivolta ai Ministri delle politiche agricole alimentari e forestali, dell’interno e dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, evidenziando come a dispetto della legislazione europea e nazionale a tutela della fauna selvatica e delle rotte migratorie, nelle isole di Ischia e Procida pur essendo aree fondamentali per il transito e la sosta degli uccelli migratori, il bracconaggio risulta un fenomeno consolidato nel tempo e ancora in grado di incidere pesantemente sui contingenti migratori. Mi sento di dire, bene l’intervento del nucleo operativo che pur rilevando l’esistenza del problema spiana la strada per una possibile soluzione.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riciclaggio nel settore edile?

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 dicembre 2011

“Una centrale d’allarme sul riciclaggio e l’obbligo di registrazione per le società con fatturato superiore ai 100.000 euro annui.”. È la proposta lanciata da Ranieri Razzante, presidente dell’AIRA (Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio) e consulente della Commissione Parlamentare Antimafia, durante il convegno: “FIAIP per la legalità” organizzato dalla federazione degli agenti immobiliari, nei giorni scorsi, a Reggio Calabria.
Quando la categoria ha lamentato la scarsa attenzione del legislatore sulle imprese costruttrici prima che sugli agenti immobiliari, ricordando le infiltrazioni mafiose nel settore edile, il prof. Razzante ha ribadito che la normativa antiriciclaggio è lacunosa sotto questo profilo, e che gli obblighi di registrazione degli intermediari finanziari andrebbero per l’appunto estesi alle imprese commerciali con un certo fatturato. Tali controlli si affiancherebbero a quelli antimafia e risulterebbero particolarmente utili nel settore degli appalti pubblici e privati, dove sono sempre più’ forti e frequenti le infiltrazioni della criminalità organizzata. L’AIRA aveva già proposto, ed invierà quanto prima una nota alle autorità competenti, l’istituzione di una “centrale rischi antiriciclaggio” che contenga i nominativi dei soggetti segnalati dal sistema per operazioni anomale, ed accessibile ovviamente solo ai soggetti obbligati agli adempimenti del Decreto 231/2007.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione Monti

Posted by fidest press agency su domenica, 13 novembre 2011

Prof. Mario_Monti

Image via Wikipedia

Di Agostino Spataro Più passano i giorni, le ore, più insorgono nell’opinione pubblica dubbi e contrarietà rispetto all’ipotesi di un governo “tecnico” affidato alla guida del prof. Mario Monti. Il Paese è smarrito, preoccupato, diviso, ma non si può profittare della situazione per calcare la mano. Il governo Berlusconi ha fallito ed è giusto che si dimetta. Al suo posto sarebbe opportuno, in via eccezionale e provvisoria, varare un governo di unione nazionale espressione delle forze parlamentari disponibili. Se proprio si vuole con qualche ministro “tecnico”. Nell’impossibilità, non resta che sciogliere le Camere e andare alle elezioni anticipate. Altre strade non sappiamo dove potrebbero portare.
Il Parlamento, anche se eletto con questa indegna legge elettorale, è la sede sovrana, perché legittimata dalla Costituzione e dal voto popolare, ad assumere le misure necessarie per fronteggiare e risolvere la crisi. La soluzione del “tecnico” è la più ambigua.
-Primo: perché si sa, per esperienza e per dottrina, che non esiste il tecnico puro, indipendente, super partes. Ciascun “tecnico” è collocato all’interno di un sistema di “valori” (meglio sarebbe chiamarli interessi economici e finanziari) che certo non può lasciare dietro il portone di Palazzo Chigi; Il precedente di Carlo Azeglio Ciampi non può essere invocato. Egli non era un “tecnico”, ma il governatore della Banca d’Italia, ossia il responsabile del più importante organismo pubblico economico nazionale, e, se permettete, un vero patriota antifascista.
-Secondo: il “tecnico” potrebbe essere usato, furbescamente, dai partiti per non assumersi direttamente le responsabilità delle dure scelte da compiere. Tanto, se le cose dovessero andar male, se ne possono scaricare le colpe sul groppone del malcapitato “tecnico” di turno. Una disavventura del genere potrebbe capitare anche al prof. Monti e rovinargli la reputazione. Per queste e altre ragioni, l’operazione-Monti potrebbe essere percepita come un altro colpo di mano dei cosiddetti “poteri forti finanziari” italiani e, soprattutto, internazionali per impadronirsi, senza elezioni democratiche, del governo dell’Italia e demolire quel che resta dello stato sociale e del patrimonio pubblico del popolo italiano. E’ vero in Italia i problemi ci sono, e sono gravi, ma è altrettanto vero che il nostro Paese, da un certo tempo, è oggetto di un attacco spudorato, pianificato e sapientemente scandito (in sintonia con gli eventi politici) di potenti gruppi di speculatori finanziari internazionali. L’obiettivo è indebolire l’euro (moneta fastidiosa, perché troppo forte) e quindi il progetto di Unione Europea (un pericoloso “terzo incomodo” nel nuovo scenario di spartizione del mondo).
Ovviamente, per attaccare più agevolmente l’euro hanno fatto leva sulle difficoltà dei Paesi di periferia della sua zona, nell’ordine: Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda, oggi l’Italia. Domani chissà, anche la Francia del signor Sarkozy che pure si atteggia a padrone di almeno la metà del mondo. Diverse sono le forze extraparlamentari concorrenti a tale disegno, interne e internazionali.
Per quanto riguarda l’Italia, il principale centro di raccolta e di polarizzazione politica sembra essere la consorteria militante sotto i vessilli di Aspen Institute Italia, derivazione di una potente e ramificata associazione straniera con sede a Washington. Tanto per non perdere l’orientamento.Non è una società d’incappucciati, ma qualche preoccupazione l’avrebbe dovuto destare.E’, infatti, un club elitario, bipartisan dove sono iscritti esponenti dei più grandi partiti italiani, dirigenti e manager di grandi aziende, di banche e di società editoriali. Tutti insieme. Appassionatamente! Per fare che cosa?Un’anomala trasversalità che si esprime già nell’ufficio di presidenza così composto: presidente Giulio Tremonti, ministro del tesoro di Berlusconi; vice- presidenti; Jonh Elkann, presidente della Fiat, e l’on. Enrico Letta vice segretario del Partito democratico I principali protagonisti dell’attuale crisi politica, che dovrebbe portare Mario Monti alla Presidenza del consiglio dei ministri, sono quasi tutti suoi colleghi del Comitato Esecutivo di Aspen Institute Italia o loro stretti parenti. Qualcuno è provvisoriamente in “sonno”. Nella lista dei nomi (vedi: http://www.aspeninstitute.it/istituto/comunita-aspen/comitato-esecutivo) non figurano gli esponenti dei partiti che non condividono l’operazione Monti. Solo un caso o c’è del losco? (Agostino Spataro)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Villesse-Gorizia. Varato il sovrapasso sulla Sp 18

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 giugno 2011

Una gru da 500 tonnellate, fra le poche operanti in Italia, ha sollevato la struttura da 140 tonnellate che è stata posata sulle due “spalle” costruite ai lati della carreggiata del raccordo Villesse-Gorizia, a circa 4 chilometri da Gradisca d’Isonzo. Fase centrale dell’operazione che ha realizzato il nuovo sovraprasso (quello vecchio era stato demolito in febbraio), il varo, ha richiesto la chiusura al traffico del tratto di raccordo compreso fra lo svincolo di Gradisca d’Isonzo e quello di Villesse durante la notte fra martedì 21 e mercoledì 22 giugno. Sul nuovo manufatto, lungo 60 metri, saranno appoggiate, nei prossimi giorni, una serie di piastre in calcestruzzo che verranno poi coperte da un getto di cemento. A quel punto l’opera potrà dirsi completata. Realizzato dalla Maeg, impresa di costruzioni trevigiana, specializzata in carpenteria metallica che sul raccordo costruirà ben 11 delle 13 opere principali, tra sovrapassi, ponti ad arco e passerelle, il sovrapasso è parte integrante della Strada Provinciale 18 (raccordo di collegamento fra Romans e Gradusca) che attraversa la Villesse Gorizia e, rispetto a quello demolito, disporrà anche di una pista ciclopedonale. Sotto l’opera, inoltre, saranno realizzate una serie di strade campestri per garantire i collegamenti fra le diverse aree coltivate. Una richiesta fortemente sostenuta dal comune e dalle associazioni di categoria e recepita dal vice commissario Riccardo Riccardi che, dopo averne verificato la sostenibilità tecnico- economica, l’ha accolta. Iniziate alle 20,00, con la chiusura del tratto di raccordo compreso fra tra lo svincolo di Gradisca d’Isonzo e quello di Villesse, le operazioni sono proseguite con lo spostamento dei new jersey centrali in calcestruzzo, la rimozione di una ventina di metri di barriere laterali e l’allestimento di 2 torri faro, in grado di illuminare tutta l’area interessata dai lavori. A quel punto è stata fatta entrare l’autogru che, verso le 22 ha iniziato le operazioni di aggancio della trave con speciali funi di acciaio. Sollevata e posizionata correttamente, la struttura, composta da più conci saldati insieme, è stata “depositata” sugli appoggi (tecnicamente “pile”) provvisori. Una ventina, complessivamente le persone coinvolte dai lavori, fra tecnici di Autovie Venete, dipendenti del Consorzio Fvg Cinque che si è aggiudicato i lavori della Villesse-Gorizia, gruisti dell’impresa Midolini e personale dell’azienda Maeg. I prossimi interventi impegnativi, che si svolgeranno tra luglio e agosto, sono la demolizione di un sovrapasso in località Romans, la posa del primo dei due ponti strallati sulla rotatoria di Sant’Andrea e il varo di un ponte nei pressi di Gradisca.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bimba muore dopo operazione tonsille

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2011

Aperta un’inchiesta sulla morte di C.M. , di soli 9 anni, deceduta all’ospedale di Lamezia Terme. La piccola, lunedì scorso aveva subito un banale intervento chirurgico alle tonsille per il quale era stata dimessa due giorni dopo. Il venerdì tuttavia Claudia aveva accusato una preoccupante febbre, tanto da indurre la madre ad accompagnarla in ospedale, dal quale veniva rimandata a casa e giudicata in normali condizioni. Gli stessi sintomi, si sono ripresentati il giorno successivo causandone però il decesso durante il trasporto in ambulanza verso il nosocomio calabrese. La famiglia di Claudia era stata già duramente provata da un episodio di presunta malasanità, l’ennesimo purtroppo in terra calabrese. Nel 2003 il padre della piccola vittima si recò, in preda a violenti dolori al petto, all’ospedale di Vibo Valentia. Visitato e successivamente dimesso dalla struttura morì il giorno dopo a causa di un infarto.“La Calabria – dichiara Smiroldo – è la vittima, è un territorio in mano alla organizzazioni criminali legate a doppio filo con le istituzioni, è come il Montenegro nei Balcani,  una regione in mano a contrabbandieri e delinquenti senza scrupoli. Parliamo chiaro: questa è la realtà, gli ospedali sono ritenuti dei mezzi per far soldi, non vengono considerate e salvaguardate le persone ammalate. Ritengo che, se siamo arrivati a questa situazione, ci sia una grande colpevolezza pubblica.  In altre regioni come Friuli, Emilia Romagna o Toscana, ad esempio,  le cose funzionano abbastanza bene. Possiamo e dobbiamo dire che è responsabilità politica, non colpa del territorio. Massimo cordoglio e affetto alla mamma della piccola – conclude l’esponente dell’Italia dei Diritti – una donna colpita al cuore, dopo gli atroci episodi capitati al marito prima e alla figlia ora, in coscienza c’è solo da abbracciarla”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »