Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘oratorio’

Riapre l’Oratorio dei Colombini

Posted by fidest press agency su sabato, 14 aprile 2018

Padova Domenica 15 aprile alle ore 17:30 riaprirà al pubblico l’Oratorio dei Colombini. Le aperture dello scorso anno, nel contesto del Giugno antoniano, dopo il lavoro di ripristino operato dall’Arciconfraternita del Santo con il consenso della Famiglia Papafava de Carraresi, sono state un successo con circa 800-1000 visitatori. Domenica 15 aprile sarà la prima di una serie di aperture straordinarie, che si snoderanno nei prossimi mesi di maggio e giugno, probabilmente con l’opportunità di ampliare il calendario in collaborazione con la Delegazione provinciale del FAI. Uno degli scopi di queste aperture è porre rimedio ad un recente crollo parziale del soffitto dell’andito di ingresso. Il crollo non rende impraticabile la visita ma certamente necessita di essere riparato con celerità. Ci auguriamo che la conoscenza dei luoghi susciti numerosi benefattori, che per il tramite dell’Arciconfraternita vogliano offrire un contributo per questo intervento urgente di restauro a salvaguardia del sito.
I visitatori, lasciando una libera offerta, potranno portare con se a mo’ di souvenir una bottiglina con l’acqua limpida e fresca del pozzo del miracolo del breviario.
L’Oratorio oggi dedicato a S. Antonio fu, fino alla soppressione napoleonica d’inizio ottocento sede della Confraternita di S. Maria dei Colombini, fondata, secondo una tradizione cittadina il 27 dicembre 1227 dallo stesso Santo nella sua prima venuta in città. Dal 1810 l’Oratorio è proprietà della Famiglia Papafava de Carraresi, che nel corso del XIX secolo ha apportato ai luoghi modifiche, che gli hanno conferito l’attuale struttura a 3 campate: un vestibolo d’ingresso, una campata centrale o navatella e il sacello antico o antoniano. La semplice facciata a un timpano è decorata con una statuetta del Santo in pietra tenera. Il luogo conserva una forte memoria antoniana non solo per il sacello dove tutto parla del Santo ma anche per le due reliquie qui conservate: la pietra pulpito e il pozzo del miracolo del breviario. L’Oratorio conserva anche una bella statua lignea del Santo, un magnifico paliotto d’altare in marmo bianco attributo ai Bonazza e 4 lunette raffiguranti alcuni miracoli antoniani realizzate tra fine seicento ed inizio settecento, opere di Zanella e Mengardi. Due lunette attualmente non si trovano in sito perché in attesa di fondi per il loro restauro.Il sito http://www.arciconfraternitasantantonio.org offre una ricca sezione dedicata all’Oratorio dei Colombini, facilmente individuabile dalla home page. Calendario delle Aperture Domenica, 15 aprile 2018
ore 17:30 Visita guidata gratuita ad ingresso libero
ore 18:30 S. Messa domenicale presieduta dal M. Rev. P. Andrea Vaona, OFM Conv. – Cappellano dell’Arciconfraternita del Santo
Lunedì, 28 maggio – Martedì, 29 maggio – Mercoledì, 30 maggio – Giovedì, 31 maggio 2018
ore 20:00 apertura dell’Oratorio, ore 20:30 breve visita guidata
ore 21:00 recita del Santo rosario a cura dell’Unità Pastorale della Cattedrale
Sabato, 2 giugno – Sabato, 9 giugno 2018 – Sabato, 16 giugno – Sabato, 23 giugno 2018 apertura dalla ore 9:30 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 18:00
ore 11:00 Visita guidata preceduta dalla Preghiera della Tredicina.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il profumo della politica

Posted by fidest press agency su domenica, 6 febbraio 2011

Negli anni della costituente, un gruppo di deputati chiamati “i professorini”, si accamparono in una Roma ancora affamata e disagiata presso un ospitale  appartamento situato alla Chiesa nuova di San Filippo Neri. In questa casa e poi successivamente in un altro appartamento (e contemporaneamente in un rifugio studentesco ospitato dai Padri dell’Oratorio) si formò una comunità di studio e di politica che ebbe una certa importanza, sia nella scrittura della Costituzione, sia nel dibattito intorno ai problemi politici della nascente democrazia cristiana. Telemaco Portoghesi Tuzi, nipote di una donna straordinaria, la Signorina Laura Portoghesi, che esercitava la virtù dell’ospitalità, ci racconta la storia di questa casa e gli avvenimenti di questa stagione. Ci rivela un aspetto familiare, curioso e quotidiano di un “sodalizio di convivenza” (così lo chiamava Dossetti). Il fatto straordinario è che da questa cronaca casalinga e quotidiana esce con prepotenza e sorpresa un profumo della politica che avevamo dimenticato: nella sua semplicità questo libro è importante per capire il “dossettismo”.
Sappiamo che Dossetti aveva un identità complessa, difficile ad essere catalogata. In lui si fondano due alte concezioni: sono da un lato la coscienza della catastrofica crisi dell’umanità, e dall’altro la ricerca di uno strumento storico, adatto ai tempi, e quindi anche politico che rendesse presente ed utile e quindi salvifica, l’azione dei cattolici.. Lo strumento storico cresciuto sotto l’oppressione del fascismo era l’Azione Cattolica., che aveva raccolto l’eredità dispersa di 50 anni di azione sociale sfociata nella breve esperienza di un partito politico singolare: il Partito popolare. Nell’Azione Cattolica si era conservato il vecchio lievito e si era ammassata nuova farina. Ma tutte le intelligenze della cultura cattolica erano tese a capire di che pasta sarebbe fatto il nuovo pane.
E’ su questo terreno che avvenne lo scontro, prima con Gedda e poi con de Gasperi. La coscienza tragica della immensità delle crisi non poteva accettare la versione volontaristica e militante della organizzazione geddiana che imitava, seppure in forme migliorative, l’azione massificante di regimi totalitari. E fu forte l’accusa di quasi pelagianesimo da parte dei dossettiani.. Più imponente di tutti resta il monumento della Costituzione e dopo cinquant’anni quella sua inaspettata “discesa in campo” dettata dalla necessità di difenderla.
La cultura della crisi è oggi fonte di ispirazione e di preoccupazione negli alti documenti pontifici. Si può senz’altro affermare che la Chiesa dopo il concilio  è stata attenta a denunciare i mali della globalizzazione selvaggia e ad invocare un governo giusto dell’economia globale per difendere i più deboli  dalla fame e dallo sterminio previsti. Ed, in alcuni casi, questa è  stata l’unica voce, che si sia levata.Ma non è solo una crisi morale. E’ ancor prima una crisi culturale. Dove è la coscienza che a noi spetta il compito di salvare l’umanità ? Dove è l’impegno morale che da ciò deriva a coloro che fanno politica, la più alta azione di carità che si possa mai compiere?
Il risorgimento portò l’Italia dall’irrilevanza ad una funzione politica mondiale, assolta talvolta bene, talvolta male. Ma oggi la mancanza della cultura della crisi e della vocazione italiana, porta l’Italia a ripiegare dalla sua missione mondiale all’irrilevanza di un’ espressione geografica. Questi i pensieri e gli interrogativi che un libro curioso può ispirare ricordando il profumo della politica. (Bartolo Ciccardini, in sintesi)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Restauro oratorio S. Agostino

Posted by fidest press agency su sabato, 22 gennaio 2011

Firenze 22 gennaio 2011, si terrà l’inaugurazione del restauro dell’Oratorio della Compagnia di Sant’Agostino, nella Chiesa di Sant’Angelo a Legnaia, alla presenza dell’Arcivescovo Giuseppe Betori e del Sindaco di Firenze, Matteo Renzi. L’evento si svolgerà alle 10,30 nel complesso parrocchiale di Sant’Angelo in via Pisana, 436. I lavori di restauro sono stati promossi da Alberto Bruni e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, ed hanno avuto un costo complessivo di 200.000 euro.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Serata benefica

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 dicembre 2010

Tolentino 22 dicembre oratorio “Don Bosco” campetto di calcio singolare iniziativa benefica.  Nella sala medioevale del complesso monumentale di San Nicola gli “amici” dell’oratorio hanno organizzato una serata aperta a tutti, in particolare a chi ha vissuto esperienze al “Don Bosco”. Ci saranno i personaggi storici dell’oratorio per ricordare i vecchi tempi con aneddoti, curiosità. E’ confermata la presenza di diversi allenatori professionisti tra i quali il mister dell’Ascoli, Fabrizio Castori, che parlerà della sua nuova esperienza con i bianconeri. Il ricavato della serata, che prevede la cena con inizio alle 20.30, verrà devoluto alla parrocchia del Santissimo Crocifisso di Tolentino per la sistemazione del campetto. Nel corso dell’evento verrà così illustrato lo stato dei lavori inerenti la struttura sportiva con il progettista Massimo Valpiani. L’occasione servirà anche per presentare altre iniziative pro campetto che verranno proposte nei prossimi mesi. I lavori al campetto, iniziati lo scorso 23 agosto, momentaneamente sono fermi a causa delle rigide temperature che non permettono una perfetta stesura del manto da gioco. Ed una volta terminato l’intervento si organizzerà una grande manifestazione per il taglio del nastro alla quale parteciperanno grandi personaggi. Saranno presenti anche gli attori della squadra “Calciattori team”, capitanata da Edoardo Leo e presieduta da Ettore Bassi, compagine che lo scorso primo maggio scese in campo per la “Partita del sorriso” contro la “Rotariani and friend” all’insegna della solidarietà. L’incasso della partita, pari a 10mila euro, sono stati devoluti per la sistemazione del campetto. Il progetto è stato da subito sposato dalla Provincia di Macerata che ha così destinato 70mila euro all’intervento, mentre 60mila euro saranno finanziati dalla Parrocchia del Santissimo Crocifisso di Tolentino.  (Carla Passacantando)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo campetto dell’oratorio

Posted by fidest press agency su domenica, 17 ottobre 2010

L’allenatore Roberto Mancini si è reso disponibile a partecipare all’inaugurazione del campetto di calcio dell’oratorio “Don Bosco” di Tolentino. Nel corso di un incontro del Rotary di Jesi il past president del club tolentinate Andrea Passacantando, accompagnato dai fratelli Silvio e Giovanni Pagliari, ha illustrato al mister del Manchester City il progetto avviato lo scorso maggio dal Rotary di Tolentino con la “Partita del sorriso” attraverso la quale sono stati incassati di 10mila euro per la sistemazione del campetto dell’oratorio “Don Bosco”. Progetto che giorno dopo giorno si sta concretizzando. I lavori, iniziati lo scorso 23 agosto, stanno regolarmente proseguendo verso la fine grazie anche ai tecnici e all’impresa edile Medici costruzioni di Tolentino. Ed una volta terminato l’intervento si organizzerà una grande manifestazione per il taglio del nastro alla quale non mancherà Roberto Mancini. Saranno presenti anche gli attori della squadra “Calciattori team”, capitanata da Edoardo Leo e presieduta da Ettore Bassi, compagine che lo scorso primo maggio era scesa in campo contro la “Rotariani and friend” all’insegna della solidarietà. L’incasso del match pari a 10mila euro è stato devoluto per sistemare lo storico campetto “Don Bosco”. (Dott.ssa Carla Passacantando) (mancini andrea silvio)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: Giancarlo Sciannella

Posted by fidest press agency su domenica, 10 gennaio 2010

Roma via Flaminia 58 11 gennaio 2010; ore 18,30 (Periodo espositivo 11-29 gennaio 2010 Orario 17,30-20,00 – chiuso domenica e festivi; sabato solo per appuntamento.) Giancarlo Sciannella. Opere 1989-2009. La mostra consiste in un gruppo di sculture che abbraccia gli ultimi vent’anni di attività dello scultore e ceramista Giancarlo Sciannella: da “Tempio” del 1989 a un “Veliero” del 2009. In galleria è  disponibile la monografia di Enrico Crispolti “Giancarlo Sciannella”, uscita nel 2009 per i tipi della Eugenio Riccitelli Editore.
Giancarlo Sciannella è nato a Castelli nel 1943. Vive e lavora a Roma. Mostre personali: 1967, Galleria San Giorgio, Teramo. 1984, Centro d’Arte Labirinto, Montorio al Vomano. 1990, Oratorio di San Sebastiano, Forlì; Bottega del Quadro, Bergamo. 1991, Associazione Operatori Culturali Flaminia 58, Roma. 1995, Associazione Operatori Culturali Flaminia 58, Roma. 1996, Mari Arte Contemporanea, Imbersago. 1999, Monogramma Arte Contemporanea, Roma. 2003, Museo delle Ceramiche, Castelli. 2004, Galleria Arte e Pensieri, Roma. 2006, Galleria Miralli, Viterbo. 2007, Laboratorio Incontri d’Arte, Roma. 2009, Galleria dell’Artistico, Treviso. Hanno scritto di lui, tra gli altri: Mariano Apa, Paolo Balmas, Gian Carlo Bojani, Carlo Fabrizio Carli, Claudio Cerritelli, Manuela Crescentini, Enrico Crispolti, Giovanna Dalla Chiesa, Giorgio Di Genova, Patrizia Ferri, Luigi Paolo Finizio, Daniela Fonti, Paolo Fossati, Luigi Lambertini, Gino Marotta, Luciana Martini, Luciano Marziano, Lara Vinca Masini, Marilena Pasquali, Gabriele Simongini, Claudio Spadoni, Antonello Trombadori, Marcello Venturoli.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un oratorio laico?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 dicembre 2009

Dichiarazione dell’On. Luigi Bobba (PD) e dell’On. Marco Calgaro (API): Siamo davvero curiosi di visitare un oratorio laico, questa nuova struttura che dovrebbe fare concorrenza ai tradizionali oratori gestiti dalle confessioni religiose. Certo che le conventicole laiciste non mancano di fantasia quando si tratta di lanciare accuse alla Chiesa cattolica!  I contributi dati agli oratori nulla sottraggono a ludoteche e centri sociali, che trovano il loro riconoscimento e sostegno in altre normative regionali e nazionali. Gli oratori piemontesi hanno svolto e svolgono un ruolo fondamentale nell’educazione e formazione dei giovani, un ruolo ampiamente riconosciuto anche dai non credenti e non è un caso che la Giunta presieduta da una personalità convintamente e serenamente laica come Mercedes Bresso sostenga l’operato di queste strutture le cui radici affondano in un lontano passato, quando santi sociali come Don Bosco accoglievano i ragazzi più poveri non insegnando loro a credere in Dio, ma rendendoli consapevoli della dignità dell’essere tutti figli di Dio.  E’ poi curioso come, in un’epoca in cui la società è frammentata e la forbice della ricchezza si sta allargando in modo rilevante, non si voglia riconoscere l’enorme valore rappresentato dalla moltitudine degli oratori di periferia, fondamentali per mantenere quella coesione sociale e quell’integrazione multiculturale (quanti islamici giocano felici negli oratori cattolici!) che tutti riconosciamo come un obbiettivo sempre più difficile da raggiungere.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’oratorio San Luigi di Canegrate rimesso a nuovo

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2009

Canegrate (Mi) 20 settembre alle 17 apre il nuovo ingresso su via Volontari della Libertà realizzato grazie anche al contributo della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate L’oratorio San Luigi di si rinnova. Un primo passo al quale faranno seguito altri interventi per arrivare, tra qualche anno, ad una ristrutturazione completa. L’obiettivo, come spiega il parroco don Gino Mariani, è quello di «razionalizzare gli spazi interni ed esterni, puntando ad una maggiore funzionalità e sicurezza». Domenica quindi viene ufficialmente inaugurato il nuovo ingresso della struttura lungo via Volontari della Libertà.  Con uno stanziamento di 15mila euro, la Bcc ha infatti voluto far sentire la propria vicinanza alla parrocchia di  Canegrate «nel ricordo di quelle che sono le origini della banca, nata più di 110 anni fa sotto la guida di don  Giovanni Besana, e nella consapevolezza dell’importanza che gli oratori hanno sul territorio in ambito educativo»,  osserva il presidente della Bcc, Lidio Clementi.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »