Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘orecchie’

“Pagine con le orecchie”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 giugno 2011

Bologna, 7 giugno alle ore 21 presso il salone Paolo Bentivoglio dell’Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza, in via Castiglione 71, Simone Bedetti, responsabile della casa editrice digitale Area51 Publishing, donerà all’Istituto, l’intera collana di audiolibri della casa editrice prodotta in collaborazione con Ravenna Poesia e Parametri Musicali. Per sancire questo gesto, che si intende di amicizia e collaborazione reciproca, si terrà una lettura antologica di alcuni dei titoli del catalogo, intitolata “Pagine con le orecchie”: da Platone a Giovanni Pascoli, da Omero a Mario Luzi, letti dagli attori Gabriele Marchesini, Franco Costantini, Alessandra Cortesi, Renzo Morselli. Alle voci degli attori presenti sul palco si alterneranno brani registrati sempre tratti dal catalogo di Area51 Publishing/RavennaPoesia/Parametri Musicali. L’evento sarà trasmesso in diretta sulla webradio dell’Istituto Cavazza http://www.radiooltre.it e da http://www.spreaker.com/user#!/area51publishing, oppure richiedendo l’amicizia ahttp://www.facebook.com/area51editore e ascoltando il live streaming sulla bacheca del sito.
L’Istituto dei ciechi F. Cavazza è da sempre impegnato nella promozione dell’integrazione dei non vedenti nella scuola, nel mondo del lavoro e nella società. Area51 Publishing è una casa editrice solo digitale, che produce ebooks, audiolibri e applicativi per smartphones.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sturiamo le orecchie al governo!

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

Per mercoledì 14 luglio USB ha indetto una Mobilitazione nazionale contro la manovra del governo che sta per essere approvata in Parlamento. Tra le tante iniziative di protesta che si svolgeranno nelle maggiori città, a Roma USB organizza un presidio rumoroso presso il Senato con inizio alle ore 11.  Un “presidio rumoroso” con vuvuzelas e cacerolazos che intende far ascoltare al Governo lo sdegno e la protesta che sta salendo in tutto il Paese contro la “manovra” e le tante altre iniziative legislative di questi ultimi mesi. Una manovra che da una parte colpisce pesantemente le condizioni di lavoro, l’occupazione ed il salario dei lavoratori pubblici, con conseguenze su quantità e qualità dei servizi ai cittadini che nei prossimi mesi saranno sempre più evidenti, dall’altra aggrava la situazione dei pensionati e di chi dovrà andarci nei prossimi anni. Una manovra che diventerà ancor più pesante per gli italiani quando, nel prossimo autunno ad essa si aggiungeranno nuovi sacrifici previsti con la nuova legge finanziaria e si metterà mano al diritto di sciopero, allo statuto dei lavoratori ed al diritto del lavoro. Bene stanno facendo quindi i “Governatori” a denunciare il taglio alle casse delle Regioni.  Ciò che ormai è chiaro a tutti è che il Governo, per non perdere consensi, scarica le responsabilità a livello territoriale, taglia i fondi alle Regioni che a loro volta dovranno poi annullare o tagliare ferocemente servizi pubblici essenziali, quali sanità, trasporti locali ed fondi per il sostegno all’occupazione. USB da mesi denuncia che la crisi sta colpendo principalmente i lavoratori, i pensionati, i precari ed i disoccupati e che i Governi, in Grecia come nel resto d’Europa, stanno tutelando esclusivamente gli interessi di banche ed aziende. Mentre i lavoratori sono alla disperazione, c’è ancora chi riempie le proprie tasche e continua ad arricchirsi, chi specula e chi, impunito, non paga le tasse da decenni. La crisi va pagata da chi l’ha provocata!

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Benedetto XVI: perché non ride?

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 luglio 2010

Lettera al direttore. Siamo cristiani? Ridiamo e stiamo allegri! Pietro Citati, su La Repubblica del 10 luglio, scrive: “Credo che la coscienza del peccato, che colma il cuore di Benedetto XVI, possa essere pericolosa. La vita cristiana non può che essere dominata dalla gioia: gioia di esistere, di vivere, di ridere, di vedere, di passeggiare, di pensare…”. Ma sì. Il cristiano deve chiudere gli occhi e tapparsi le orecchie, deve stare allegro giacché “Gesù crocifisso è risorto, come egli aveva detto (cf Mt 28, 5-6); e deve fingere di non vedere gli altri milioni di poveri cristi crocifissi nel mondo, gli affamati, gli sfruttati, le donne uccise e maltrattate, i bambini schiavizzati. Non fa niente se il mondo oggi non è quello che Gesù sperava diventasse dopo la sua predicazione e il sacrificio; non fa niente se la Chiesa oggi non è la chiesa che avrebbe voluto Cristo. La vita cristiana deve essere dominata dalla gioia, e non si comprende davvero “la condizione d’inquietudine e d’angoscia, che occupa la mente di Benedetto XVI”. Perché non ride? (Renato Pierri)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Caso Battisti, viziato per nullità?

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 agosto 2009

“E’ provato che il processo contro Battisti in Italia è viziato per nullità? Accidenti! Ma come è possibile che abbiano aspettato tanto a dircelo, facendo così subire un ingiusto trattamento al povero ex terrorista perseguitato da questo terribile Paese! Meno male che il senatore a Brasilia per il partito Socialismo e Libertà, Josè Nery, ha finalmente chiarito le cose, illuminando noi poveri trogloditi persecutori! Credo anzi che, a questo punto, il senatore brasiliano dovrebbe proprio venire in Italia, a tirare personalmente le orecchie a quei magistrati incompetenti che hanno emesso questa sentenza nulla! Lo invitiamo ufficialmente a farlo, lo accompagneremo noi stessi da queste toghe irresponsabili a raccogliere le scuse pubbliche che Battisti merita”. Non risparmia il sarcasmo il Segretario Generale del Coisp – Sindacato indipendente di Polizia -, Franco Maccari, nel commentare le ultime notizie rese note dalle agenzie di stampa a proposito della vicenda di Cesare Battisti, ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo (Pcc) condannato per quattro omicidi commessi tra il 1977 e il 1979. Battisti si trova da più di un anno nel carcere di Papuda, vicino Brasilia. Lo scorso gennaio ha ottenuto lo status di rifugiato politico dal Brasile, con una decisione che ha provocato sconcerto in Italia, innescando un’ampia reazione di rigetto contro la decisione presa dal ministro della giustizia, Tarso Genro. Il 9 settembre prossimo il Supremo Tribunal Federal (Stf) del Brasile si pronuncerà sulla richiesta d’estradizione avanzata tempo fa dal governo italiano nei confronti dell’ex terrorista rosso, e alcuni suoi sostenitori si dicono fiduciosi che essa venga respinta. Tra loro, per l’appunto, c’è anche Nery, parlamentare del partito di sinistra Psol, che appoggia l’asilo politico concesso dal Brasile a Battisti, e secondo il quale “la richiesta di estradizione del governo italiano non è procedibile”.  “Noi, comunque – afferma ancora Maccari -, siamo d’accordo con il senatore, e con tutti gli altri i quali auspicano ‘che il Tribunale non affronti questa questione con un approccio politico’. Questa, infatti, non è affatto una questione politica, questa è solo ed unicamente una questione di giustizia! Questa è solo ed unicamente la storia di un pluriomicida che deve scontare il suo debito con i familiari delle sue vittime e con un Paese intero. Una storia in cui sono state via via assurdamente criticate e ingiuriate le Forze dell’ordine italiane, la magistratura italiana e le istituzioni tutte. Nery e tutti gli altri – conclude il leader del Coisp – devono capire una buona volta che non si può difendere l’indifendibile attaccando le Istituzioni democratiche di un Paese civile come certamente l’Italia ha sempre dimostrato di essere”.

Posted in Confronti/Your and my opinions, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »