Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘orme’

Seguendo le orme di Raffaello a 500 anni dalla sua morte

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 gennaio 2020

Nel 2020 il mondo celebra Raffaello Sanzio, uno dei più grandi pittori del Rinascimento. In occasione del 500esimo anniversario dalla morte dell’artista, avvenuta a Roma il 6 aprile 1520, Volagratis.com suggerisce un viaggio attraverso i luoghi della sua arte: da Urbino, dove il pittore è nato nel 1483, fino agli Stati Uniti, dove si possono ammirare molti dei suoi dipinti, passando per Città di Castello, Firenze e Roma, cuore pulsante della sua arte.
1 – Urbino, il museo nella casa di Raffaello. Raffaello nacque nel 1483 a Urbino, città in cui si respirava l’atmosfera artistica del Rinascimento e dove si potevano già allora ammirare le opere dei grandi artisti dell’epoca. Oggi la sua casa natale è un museo a lui dedicato, un luogo dove l’artista è raccontato a 360° e dove si possono contemplare alcune delle sue primissime opere, come la Madonna col Bambino, affrescata quando Raffaello aveva appena 15 anni. La città, all’interno del Palazzo Ducale, ospita anche la Galleria Nazionale delle Marche, uno scrigno dove sono esposte non solo alcune opere del pittore urbinate, ma anche quelle di Tiziano, Paolo Uccello e Piero della Francesca. Il tour alla scoperta dell’artista rinascimentale potrebbe partire da qui.
2 – Città di Castello, le opere di Raffaello nella Pinacoteca A Città di Castello Raffaello trascorse cinque anni della sua vita, quasi tutti all’interno della bottega del padre, anch’egli pittore. È proprio nella città umbra in provincia di Perugia che ottenne la sua prima commissione indipendente: lo stendardo della Santissima Trinità, realizzato nel 1499 e oggi conservato all’interno della Pinacoteca comunale, una galleria allestita tra le sale quattrocentesco Palazzo Vitelli alla Cannoniera. Fu proprio quest’opera, fresca e innovativa, che permise a Raffaello di farsi conoscere al di fuori delle mura paterne, dando il via a un periodo di viaggi e di commissioni che lo resero famoso in tutta Italia.
3 – Perugia, Raffaello realizza le pale d’altare. Perugia fu una delle città italiane che per prima si rese conto delle abilità straordinarie di Raffaello. Qui l’artista realizzò molte pale d’altare, come la Pala Colonna o la Pala degli Oddi, dipinti ad olio e quadri raffiguranti uno dei temi a lui più cari: quello della Vergine con il Bambino, declinato in decine di modi diversi nel corso della sua vita. Le opere oggi sono esposte in tutto il mondo, ma alcune si possono ammirare proprio nel capoluogo all’interno della Galleria Nazionale dell’Umbria: è il caso di uno dei cinque pezzi che compongono la Pala Baglioni, realizzata per la chiesa di San Francesco al Prato e oggi una delle opere di punta della Galleria.
4 – Firenze, Raffaello alla Galleria degli Uffizi. Dopo una breve sosta a Siena, città dove Raffaello affiancò l’ormai anziano Pinturicchio nella realizzazione dei cartoni per gli affreschi della Libreria Piccolomini, il pittore si trasferì a Firenze, culla del Rinascimento. Risalgono proprio al periodo toscano alcune delle opere più famose dell’artista, come la Madonna del Cardellino, il Ritratto di Agnolo Doni e quello di Maddalena Strozzi o il suo stesso Autoritratto. Oggi la Galleria degli Uffizi e la Galleria Palatina, rendono Firenze, insieme a Roma, una delle città italiane con la più alta concentrazione di opere di Raffaello.
5 – Roma, dove Raffaello è sepolto. Nei primi anni del ‘500, papa Giulio II diede il via a un’enorme opera di rinnovo, un piano ideato per ridare splendore alla città sia dal punto di vista artistico che urbanistico. Raffaello fu uno degli artisti che prese parte a questo progetto e a soli 25 anni iniziò ad affrescare le sale degli attuali Musei Vaticani, ancora oggi note come Stanze di Raffaello, e a realizzare gli arazzi per la Cappella Sistina. Le sue opere abbelliscono anche importanti palazzi come Villa Farnesina, e chiese, tra cui Santa Maria del Popolo. Il suo genio ha inoltre contribuito alla realizzazione della Cattedrale di San Pietro, per la quale progettò il corpo centrale e longitudinale della chiesa. Raffaello morì a Roma all’età di appena 37 anni e oggi è sepolto all’interno del Pantheon, dove per tutto il 2020 una rosa rossa posta sulla tomba celebrerà i 500 anni dalla sua morte.
6 – Milano, Raffaello a Palazzo della Permanente e alla Pinacoteca di Brera Anche se il pittore urbinate non raggiunse mai Milano, un’ottima occasione per visitare il capoluogo lombardo è la mostra allestita a Palazzo della Permanente, che, fino al 2 febbraio 2020, permetterà di vivere un’esperienza immersiva realizzata per approfondire la vita e le opere dell’artista a chilometri di distanza dalla sua casa natale e dai luoghi che l’hanno accolto in vita. Non solo, all’interno della Pinacoteca di Brera è ospitata in modo permanente una delle sue opere più celebri: lo Sposalizio della Vergine, realizzato a Città di Castello nel 1504; un altro buon motivo per visitare Milano.
7 – Francia, nel Louvre 14 opere di Raffaello- La Francia, dopo l’Italia, è il secondo paese al mondo che custodisce il maggior numero di opere di Raffaello e questo la rende una delle destinazioni internazionali da raggiungere se si vuole scoprire l’arte del pittore urbinate. Il solo Museo del Louvre di Parigi conserva ben 14 opere, di cui 13 dipinti ad olio e un affresco, mentre altre si trovano nel Musée Condé di Chantilly e nel Museo des Beaux-Arts di Strasburgo. Tra le opere “francesi” ci sono la Madonna di Orleans, la Belle Jardinière e il Ritratto di Baldassarre Castiglione, dei veri e propri capolavori.
8 – Londra, nel 2020 la mostra più grande mai dedicata all’artista. 16 opere di Raffaello sono esposte inoltre nel Regno Unito e la maggior parte si trova all’interno della National Gallery di Londra. Tra queste spiccano la Madonna dei Garofani, un pezzo della Pala Colonna realizzata a Perugia, il ritratto di Santa Caterina d’Alessandria e il ritratto di Giulio II. Ma chi visiterà il museo tra il 3 ottobre 2020 e il 24 gennaio 2021 potrà ammirare anche molti altri dipinti, perché la National Gallery allestirà la più grande mostra mai realizzata sull’artista: oltre 90 opere, provenienti da collezioni pubbliche e private, esposte per celebrare i 500 anni dalla sua morte. Alcune di queste, come gli affreschi delle Stanze Vaticane, saranno presenti a Londra grazie a innovative soluzioni multimediali.
9 – Stati Uniti, Raffaello in 8 musei diversi. Le opere di Raffaello sono arrivate anche oltreoceano. Per ammirare il talento del pittore, si può volare anche negli Stati Uniti, dove i dipinti sono stati accolti in 8 musei diversi: dal Metropolitan Museum of Art di New York, sulla costa orientale, fino al Norton Simon Museum of Art di Pasadena, in California, sulla costa occidentale. Tra le città in cui si può godere dei ritratti e delle opere sacre realizzate dall’artista marchigiano ci sono anche Washington, Boston, Baltimora, Detroit, Worcester (Massachusetts) e Raleigh (North Carolina).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pasqua delle orme e delle tracce

Posted by fidest press agency su sabato, 31 marzo 2018

Pasqua non è soltanto una preghiera, un sussurro, bensì è una intercessione, una spinta a fare un passo in avanti, in mezzo, dove la bufera imperversa.
Pasqua è qualcosa di più, è memoria storica di una ingiustizia rimasta a mezz’aria, come i legni e i chiodi stanno appesi alle pareti.
Pasqua è la compassione di una sofferenza, il riconoscimento di un grido che rimane strozzato in gola, la richiesta che sale alta da chi offeso, umiliato, ferito, ammazzato nella solitudine imposta.
Pasqua è giustizia per chi è rimasto senza giustizia, per chi è assente, per chi è presente più della sua lontananza.
Pasqua è finalmente il segno tangibile della speranza, della capacità di ognuno e ciascuno di appropriarsi di vista prospettica, di un progetto, di una strada in cui camminare al centro, non più ai bordi, non più con le spalle al muro.
Pasqua non è Gesù incontrato ieri, non è la Madonna vista oggi, neppure è sentiero di Damasco, ma tracce e orme sparse qua e là, di uomini spesso sconosciuti, ma impossibili da non vedere, seguire, fare proprie, passo dopo passo, in un mondo fatto di domani, domani, domani. (Vincenzo Andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Sulle orme di San Martino

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 ottobre 2016

san martino1Roma. Venerdì 7 ottobre alle ore 20.00 presso la Sala Fraknói dell’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) si terrà l’inaugurazione della mostra Sulle orme di San Martino, a cura di Ildikó Szommer ed organizzata in collaborazione con il Comune di Szombathely (Ungheria), città – sorta sulle fondamenta dell’antica Savaria – che ha dato i natali al Santo. All’evento, organizzato nell’ambito delle celebrazioni dell’Anno di San Martino previste per il 1700° anniversario della nascita del Santo, interverranno Dr. Tivadar Puskás, Sindaco della città di Szombathely e Mons. Tamás Tóth, Rettore del Pontificio Istituto Ecclesiastico Ungherese.
Al vernissage, alle ore 21.00 presso la Sala Liszt dell’Accademia seguirà il concerto del gruppo ungherese Les Jardin des Arts, Il Principe – un tour musicale nell’Europa dell’epoca di Ferenc Rákóczi II. con musiche di J.G. Conradi, D. Gabrieli, J.S. Kusser, G.F. Handel, J.D. Zelenka, J.B. Lully.  L’ensemble di musica barocca, Le Jardin des Arts si è formato nel 2004 su iniziativa di un gruppo di amici. I membri del gruppo, amanti del recital storico, provengono dal Hochschule für Music und Theater Felix Mendelssohn Bartholdy di Lipsia, nonché dalla sezione di musica antica del Centre du musique baroque de Versailles. Il repertorio del gruppo comprende le perle delle scuole italiane, tedesche e inglesi del XVII-XVIII secolo, tuttavia essi dedicano una particolare attenzione anche alla cura della letteratura francese delle cantate del XVIII secolo. Il gruppo sin dalla sua fondazione si è esibito in numerose città e festival europei, tra cui ricordiamo l’Oude Musik Fesival (Utrecht), Alte Music Fest (Lipsia), Mois Moliére (Versailles), Festival de la musique classique en latin (Parigi), Muisca Barcensis (Brassó). Nel gennaio del 2016 l’Ensemble su invito del Centre du musique baroque di Versailles si esibì in occasione della serie di concerti Jeudis Musicaux. Questa ultima esibizione del gruppo è stata realizzata con il sostegno del Fondo Nazionale Culturale, del Ministero dell’economia e affari esteri ungherese e dell’Ambasciata di Ungheria di Parigi. I membri dell’Ensemble: József Gál – tenore, direttore artistico, Helga Schmidtmayer – violino barocco, Pavel Miczka – violino barocco, Sándor Szászvárosi – viola da gamba, Julianna Bereczki – cembalo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sulle orme di Giorgione 5

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 novembre 2010

Caerano San Marco (TV) fino al 28/11/2010 via Montello, 61 Villa Benzi Zecchini 60 artisti contemporanei a cura di Roberto Scalabrin  Importante appuntamento che riunisce tutte le 5 mostre itineranti dedicate all’anno del Giorgione. Partite dalla Galleria Art&Media, sono state ospitate al Centro Porta Dieda di Bassano del Grappa (VI) e al Barco Mocenigo di Castello di Godego (TV). Quindi “Geometria d’Arte Costruita””, “Paesaggio”, “Ritratto”, “La figura” e “Copie d’Autore”, dal 6 novembre a Villa Benzi Zecchini si potranno vedere tutte assieme.  Artisti partecipanti: Franco Cilia, Piero Conz, Pietro Dente, Paolo Ferretton, Giancarlo Flati, Alessia Francescato, Ugo Gazzola, Antonio Gallina, Luigi Geremia, Floriano Gheno, Gian Paolo Lucato, Enrico Minato, Francesco Morosin, Irma Paulon, Anita Zamperin, : Oscar Alessi, Maria Teresa Barisi, Francesco Cagnin, Sandro Chia, Katia Dal Zilio, Maria Pia Fanna Roncoroni, Paul Kostabi, Antonia Lucchese, Giusy Mazzocca, Mimmo Paladino, Marzia Pieri, Michele Tombolini, Ernesto Treccani, Alfredo Truttero, Mimmo Urzia, Susanna Viale, Toni Zarpellon, Arman, Grazia Azzali, Lia Caracciolo, Luigi Carletto, Giovanni Casellato, Rocco Cosentino, Giovanni Dalle Donne, Alessandra De Barbieri, Marco Lodola, Ilario Padovan, Lisa Perini, Pony Abito, Floriana Rigo, Elena Sanzeri, Maria Pia Settin, Mario Tavernaro e Sandy Zambon, Elena Baldelli, Ewa Ceborska, Paolino Libralato, Luigina Mazzocca, Sante Mion, Rosa Pescarolo, Michele Pezzutto, Patrizia Simionato, Bruno Munari, Getulio Alviani, DadaMaino, Nino di Salvatore, Edoardo Landi, Victor Simonetti, Jesu’s-Rafael Soto, Franco DaLeffe, Gianni Colombo, Luciano Marin, Manlio Onorato, Vincenzo Pellitta, Giorgio Peretti, Marcello Morandini. (1288886041b.jpg)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sulle orme di padre Matteo Ricci

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

Macerata  dal 22 luglio al 12 settembre 2010 Museo di Palazzo Buonaccorsi. La Commissione Diocesana per le Celebrazioni del IV Centenario di p. Matteo Ricci in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata hanno invitato agli artisti a riflettere sul tema dell’amicizia, così come fece il gesuita maceratese p.Matteo Ricci scrivendo nel 1596 l’opera De Amicitia. Da questa iniziativa scaturisce la rassegna espositiva InOpera 2010-Sulle orme di Padre Matteo Ricci che si svolgerà presso il Museo di Palazzo Buonaccorsi a Macerata dal 22 luglio al 12 settembre 2010. La mostra è divisa in due sezioni. La prima è composta da 46 opere d’artisti accreditati e storicizzanti nel sistema dell’arte contemporanea, invitati a partecipare con una propria opera direttamente dal Comitato Scientifico presieduto dal direttore dei Musei Vaticani. La seconda, composta da più di una cinquantina d’opere, riunisce invece una selezione d’artisti contemporanei che sono aderiti liberamente e le cui opere sono state selezionate da un’apposita Commissione giudicatrice presieduta dallo stesso direttore Antonio Paolucci.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La figura: Sulle orme di Giorgione

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 maggio 2010

Castelfranco Veneto (TV) fino al 26/6/2010 via Roma, 38 Galleria Art&Media Artisti invitati: Arman, Grazia Azzali, Lia Caracciolo, Luigi Carletto, Giovanni Casellato, Rocco Cosentino, Giovanni Dalle Donne, Alessandra De Barbieri, Marco Lodola, Ilario Padovan, Lisa Perini, Pony Abito, Floriana Rigo, Elena Sanzeri, Maria Pia Settin, Mario Tavernaro e Sandy Zambon.  Testo di prefazione, in catalogo, a cura di Vittorio Caracuta. Figure: orme sulle tracce del Giorgione  Tornerà mai la perfezione armonica e bilanciata dei marmi greci a elevare la figura dell’uomo a immagine dell’universo superiore tradotto in forma di quel che vive in Terra? E negli oggetti d’arte tornerà mai l’espressione levigata e serena, depurata di ogni caduco limite, dei kouroi e delle Korai antiche, o degli atleti e degli eroi dell’età dell’oro, sapientemente estratti dalla mano dell’artista nell’interno della sostanza materica che li ricopriva? Risolte le proporzioni; risolto il dinamismo dei movimenti con la plasticità delle pose; amalgamati fervore e compostezza nel dominio dello spazio intorno ai soggetti; contornate le forme nel gioco certo e netto di luci ed ombre e sublimata la capacità dell’uomo nella mimesi della facoltà creatrice della natura, i corpi, i visi e i miti si consegnarono allo stupore delle innumerevoli generazioni per i millenni da venire. L’uomo nello specchio di se stesso, Narciso o Icaro, Nessuno o tutto, divinità immortale o giovanile eroe, pervaso dall’energia demiurgica dell’Eros, la quale ordina l’Universo, togliendolo dal Caos e consegnandolo alla bella distinzione. Presentazione e testo critico in catalogo a cura di Vittorio Caracuta. (figura)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gesù il salvatore

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2010

Roma 27 febbraio 2010 ore 11,00 Via Paolo VI, 25 Aula Minor Institutum Patristicum Augustinianum presentazione del volume di  Nicola Bux Gesù il salvatore Luoghi e tempi della Sua venuta nella storia Intervengono: S.E. Rev.ma Card. Raffaele Farina Archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa Dott. Vittorio Messori Scrittore e giornalista Modera: Dott.ssa Maria Antonietta Calabrò Giornalista del Corriere della Sera Sarà presente l’Autore (Nicola Bux Gesù il salvatore. Luoghi e tempi della Sua venuta nella storia (Cantagalli 2009 – 144 pagine – 18,00 euro) Un pellegrinaggio ideale seguendo le orme dei primi grandi cronachisti, santi, vescovi, ma anche un invito a seguire le orme del Salvatore nei luoghi dove Egli, i suoi genitori terreni ed i genitori della Vergine, il Battista e gli Apostoli, vissero le vicende meravigliose del Dio fattosi uomo. Un pellegrinaggio in cui fede e storia si confermano a vicenda, ravvivando il ricordo, rafforzando il legame tra quei luoghi, quei tempi e la nostra continua ricerca di Lui in noi.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione libro: Gesù il Salvatore

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 febbraio 2010

Roma 27 febbraio 2010 ore 11,00 Aula Minor Institutum Patristicum Augustinianum Via Paolo VI, 25 presentazione del libro  Gesù il salvatore Luoghi e tempi della Sua venuta nella storia Cantagalli 2009 (pp. 144 – €18,00). Intervengono: S.E. Rev.ma Card. Raffaele Farina Archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa Dott. Vittorio Messori Scrittore e giornalista Modera: Dott.ssa Maria Antonietta Calabrò Giornalista del Corriere della Sera Sarà presente l’Autore. Un pellegrinaggio ideale seguendo le orme dei primi grandi cronachisti, santi, vescovi, ma anche un invito a seguire le orme del Salvatore nei luoghi dove Egli, i suoi genitori terreni ed i genitori della Vergine, il Battista e gli Apostoli, vissero le vicende meravigliose del Dio fattosi uomo. Un pellegrinaggio in cui fede e storia si confermano a vicenda, ravvivando il ricordo, rafforzando il legame tra quei luoghi, quei tempi e la nostra continua ricerca di Lui in noi.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Epifani a Parma in memoria di Fernando Santi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 settembre 2009

Guglielmo EpifaniIl 15 settembre ricorre il quarantennale della scomparsa del grande sindacalista di origini parmigiane Fernando Santi, uno dei padri del socialismo europeo. L’attualità del suo pensiero, della sua azione, del suo modo di intendere il riformismo e l’unità sindacale saranno al centro del convegno “40 anni sulle orme di Fernando Santi”, organizzato dalla Cgil provinciale con il patrocinio della Provincia di Parma e del Comune di Parma, in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio e la Fondazione Argentina Bonetti Altobelli e il contributo del Centro Medico Sant’Apollonia. Per presentare l’iniziativa, che si svolgerà martedì 15 settembre nell’Auditorium del Carmine, e a cui interverrà il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, è convocata per domani, martedì 8 settembre, alle ore 10.30, presso la Camera del Lavoro di Parma in Via Casati Confalonieri, 5/A (Sala Riunioni 4° piano), una conferenza stampa, in cui verranno dettagliati l’articolazione dei lavori e il programma del “Ricordo in musica per Fernando Santi”, che verrà offerto alla città nella stessa serata. Alla conferenza interverranno il segretario generale della Cgil di Parma, Paolo Bertoletti e Roberto Spocci, archivista storico del Comune di Parma.  Per maggiori dettagli: http://www.lungoparma.com/cronaca_di_parma/49692.html (epifani)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »