Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘palestine’

Cycling For Palestine

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 Maggio 2015

Haakon Gullvaag mentre dipinge il muro in Ramallah Dopo tre mesi, 6.000 chilometri, tanta fatica (ma anche molte soddisfazioni) Cycling For Palestine e il capitano Tom No sono arrivati in Cisgiordania. L’iniziativa è partita lo scorso 15 febbraio da Roma per raggiungere in bicicletta Ramallah in Palestina. L’obiettivo? Dare un messaggio di speranza e abbattere il muro del silenzio e dell’indifferenza che circonda i palestinesi, un popolo oppresso da un’occupazione che dura da oltre 67 anni. In queste settimane Tom No ha attraversato, una pedalata dopo l’altra, l’Italia, i Balcani, la Grecia e la Turchia. Adesso la biciclettata toccherà le principali città della Cisgiordania.“E’ un viaggio per la pace e contro l’occupazione e le violenze – afferma Tom No -. Attraversiamo Paesi, città, villaggi in bici per la gente comune, per i palestinesi e per ogni essere umano sia esso cristiano, musulmano o ebreo. Cycling For Palestine vuole essere un occasione di incontro tra culture. In queste settimane ho parlato con moltissime persone, sono stato intervistato da giornali e media italiani, turchi, greci, albanesi. Nelle piazze di Bologna, Istanbul, Atene, Tirana e Dubrovnik persone incuriosite dalla mia strana bicicletta mi hanno avvicinato e chiesto i motivi del mio viaggio. In molti mi hanno aiutato o manifestato il loro appoggio. Adesso incontrerò la gente di Ramallah, Nablus, Betlemme, Jenin e Gerusalemme. Non vedo l’ora di rivedere questa bellissima e troppo spesso martoriata terra. Spero di poter riabbracciare le fantastiche persone nei Comitati per la resistenza popolare nei villaggi e nelle città palestinesi che ho conosciuto la scorsa estate nel viaggio di conoscenza e solidarietà organizzato da AssoPace Palestina ,accompagnato da Luisa Morgantini, che da anni anche solo perchè respirano e restano su quella terra , resistono all’occupazione militare israeliana”.
Può una bicicletta cambiare il mondo? Forse sì, forse no – aggiunge Tom No -. Sicuramente può dare un messaggio di speranza e abbattere il muro del silenzio e dell’indifferenza. Può contrastare l’islamofobia, anche se i palestinesi non sono solo musulmani, che sta crescendo in tutta Europa anche per colpa di politici a cui piace buttare benzina sul fuoco dell’intolleranza”.
E’ un’idea nata nell’agosto del 2014 quando un gruppo di persone si è recato in Cisigiordania con Luisa Morgantini in uno dei viaggi organizzati da Assopace Palestina. Proprio in quei giorni Israele lanciava l’operazione Margine di protezione attaccando militarmente Gaza. Durante la visita delle città e dei villaggi palestinesi abbiamo potuto osservare le violenze continue, le sopraffazioni e i soprusi che i sionisti infliggono ai palestinesi. Ma abbiamo visto anche la resistenza pacifica dei palestinesi: già sopravvivere all’interno dei campi di concentramento o dietro alle mura o in fila ai check point è una forma di resistenza all’occupazione; lo dice assai bene la loro parola d’ordine, esistere è resistere. Cycling for Palestine vuole sostenere questa battaglia quotidiana dei Comitati Popolari per la Resistenza Non Violenta. La lotta contro l’occupazione di Israele in quei luoghi passa anche attraverso il teatro, i circoli dei ragazzi che lottano contro gli insediamenti a Hebron o a Ramallah; passa dai campi di lavoro, dalla raccolta di firme, dagli scioperi, dalle lotte sindacali, dai boicottaggi.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Economist in edicola domani

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

I temi della settimana:
Nella sezione Europe, l’articolo sul vacillante governo italiano e l’ostinazione di Berlusconi Slipping into darkness.
Nella sezione Europe, la rubrica Charlemagne High noon over Palestine sulla posizione dell’Europa di fronte alla richiesta palestinese di riconoscimento dello stato palestinese, tema che viene ripreso anche nella sezione Leaders con l’articolo Yes to Palestine statehood.
Nella sezione Leaders, la copertina sulla tassazione alle persone più agiate Hunting the rich.
Nella sezione Leaders, l’articolo sulle economie emergenti e sulla difficoltà di replicare la straordinaria crescita dell’ultimo decennio Catching up is so very hard to do.
Across the rich world the horns have sounded and the hounds are baying – and the wealthy are the quarry. In our cover leader we argue that, even though deficit cutting governments should focus on public spending, the rich will have to pay more tax, but we make clear that there are good and bad ways to make them do so.
The Palestinians at the UN Efforts to stop them winning statehood at the UN are misguided and self-defeating
Silvio Berlusconi’s last stand How much longer can the old lothario go on?
China’s leaders v Happy Girl The Communist Party shuts down a television programme where viewers chose the winner
A special report on the World economy The consequences of the accelerating shift in economic power from West to East
Reading the runes of red gold What copper tells you about the future

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palestine bids for UN membership

Posted by fidest press agency su martedì, 20 settembre 2011

Cropped photo of Prime Minister Mahmoud Abbas'...

Image via Wikipedia

Palestine – President Mahmoud Abbas is preparing to bid for full UN membership this Friday during the UN’s 66th General Assembly session in New York.
• The vote would move Palestine from a nonvoting observer entity to observer state within the United Nations.
• More than 120 countries globally recognize Palestine as an independent state. To gain approval in its bid for full membership, at least 129 of the 193 members of the UN General Assembly must support the bid.
• Full membership would afford Palestine the right to sign certain international treaties.
• Israel does not support the bid under the argument that the Palestinian statehood drive violates the 1993 Oslo Accords, which stipulates that self-government was to be granted by Israel in phases.
Original sources: Reuters; AFP; CNN; BBC; Al Jazeera; CBS News; Mosaic News Link TV; Xinhua; The Guardian; Le Monde; Montreal Gazette; The New York Times; Seattle Post Intelligencer; People’s Daily; Tehran Times; Al-Arabiya; Jerusalem Post; Detroit Free Press; The National; Tico Times; Oman Tribune; Radio Free Europe/Radio Liberty.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »