Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘panettone’

Pinerolo: Panettone in vetrina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2016

pineroloPinerolo Sabato 3 e domenica 4 dicembre Pinerolo tornerà a essere la capitale del panettone, accogliendo all’Auditorium Baralis i più grandi nomi specializzati nel lievitato festivo da forno per eccellenza. “Panettone in vetrina”, giunto alla dodicesima edizione, è ormai diventato un appuntamento tradizionale per i piemontesi e non solo, organizzato dal Settore turismo e manifestazioni del Comune di Pinerolo con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino.
Nelle due giornate pinerolesi verrà dunque celebrato il delizioso prodotto dolciario, il panettone, che affonda le sue radici proprio a Pinerolo, dove nacque, nel 1922, nella versione bassa con glassa di nocciole Piemonte firmata Galup. Lo scopo dell’iniziativa è quello di valorizzare e promuovere il panettone artigianale, proposto e interpretato in varie forme: come alimento principe di una colazione di qualità, genuina e nutriente, come dolce da gustare dopo il pasto o come spuntino per una merenda sana e gustosa. Di particolare interesse l’abbinamento con il Moscato d’Asti docg.Maestri panificatori e pasticcieri provenienti da tutta Italia saranno a disposizione dei visitatori per soddisfare ogni curiosità: dai segreti della produzione alle proprietà nutrizionali, dai diversi momenti e modi in cui è possibile consumarlo ai numerosi abbinamenti possibili. Il consumo del panettone artigianale cresce sensibilmente di anno in anno, a dimostrazione di come i consumatori, anche in un momento di difficoltà generale, sappiano riconoscere e apprezzare la qualità e la ricerca, magari acquistando meno prodotti ma puntando sulla qualità del panettone artigianale, che può essere un’ottima idea per un regalo.A Pinerolo si potranno incontrare gli specialisti del lievitato festivo da forno, molti dei quali segnalati dal “Gambero Rosso” fra i migliori panettoni artigianali in Italia e non solo. “Panettone in vetrina” sarà visitabile a ingresso libero sabato 3 dicembre dalle 15,30 alle 19 e domenica 4 dalle 9,30 alle 18,30.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La pasticceria Cucchi nella tradizione milanese

Posted by fidest press agency su domenica, 27 novembre 2016

panettone-cucchipanettone-cucchi1Milano Corso Genova, 1 pasticceria Cucchi Tutti i giorni dalle 7 alle 22 Lunedi chiuso. Oggi 27 novembre torna a Milano per la sua nona edizione “Re Panettone” (Spazio MegaWatt, via Giacomo Watt, 15). Si tratta della spettacolare kermesse dei panettoni artigianali d’eccellenza, realizzati senza ingredienti che ne prolunghino artificialmente la “vita”, né semilavorati che ne facilitino la produzione omogeneizzandone i sapori. Il dolce che ha accompagnato nel mondo i Natali della più golosa tradizione meneghina, a Milano ha un nome dal 1936: Cucchi. Una bottega storica luogo di incontro di intere generazioni pronte a gustare una prelibatezza unica, miscela di un’arte sopraffina lavorata da sapienti mani di maestri pasticceri che si tramandano nel tempo. Un panettone prodotto rigorosamente con lievito madre e doppio impasto in tempi che variano dalle 60 alle 72 ore. Pasticceria Cucchi sarà presente a “Re Panettone” con le sue 5 stelle: il panettone tipico della tradizione artigiana milanese e le sfiziose versioni “Perle di cioccolato Valrhona”, “Perle di cioccolato Valrhona e arancia candita Giuso”, “Solo uvetta 5 corone”, “Cecca all’amarena”.
Da tempo entrata a far parte dei Locali Storici d’Italia e recentemente delle Botteghe Storiche di Milano, la Pasticceria Cucchi si trova da sempre allo stesso indirizzo, all’angolo tra Corso Genova e Piazza Resistenza Partigiana, nel cuore di Milano. Fondata nel 1936 come “caffè concerto” da Luigi Cucchi e dalla moglie Vittorina, la Pasticceria Cucchi diventò presto uno dei ritrovi alla moda di Milano, offrendo ai suoi avventori serate animate da un’orchestrina spagnola che suonava fino a tardi balli appena arrivati dagli Stati Uniti con servizio di cucina. Raso al suolo da un bombardamento delle forze alleate nell’agosto del 1943, il locale venne ricostruito in poco tempo assumendo la sua definitiva identità di pasticceria, pur conservando nella sua essenza tracce del suo passato. Gli arredi, rinnovati completamente nel 1945 e poi un’ultima volta nel 1954, conferiscono al locale quell’atmosfera così particolare che, unitamente alla genuinità della pasticceria dolce e salata e alla qualità del servizio, ha permesso alla Pasticceria Cucchi di attraversare sostanzialmente immutata decenni di storia milanese, silenziosa testimone di un’evoluzione sociale e culturale che negli anni ha visto avvicendarsi panettone-cucchi2ai tavolini della sua piccola e accogliente sala da tè artisti di varia fortuna (citarne solo alcuni sarebbe ingiusto nei confronti degli altri), ma anche manager, professionisti e artigiani, nonni con i nipotini. Nell’estate del 2013 la Pasticceria si è ampliata acquistando spazio su corso Genova e ripensando l’esposizione del banco del bar in modo da renderlo visibile dalle due vetrine che si affacciano sul corso, conservando in tutto e per tutto i motivi di arredo e lo stile caratteristico del negozio, condizione essenziale per la decisione presa. Il locale ne ha guadagnato in spazio e luminosità, non cedendo nulla in fascino e tradizione. La proprietà del locale è tuttora della stessa famiglia che, giunta alla terza generazione, prosegue con passione il lavoro avviato dai nonni paterni, caratteristica sempre più rara tra gli altri locali della stessa città e che, unita ad una costante ricerca e attenzione alle esigenze della clientela, è testimonianza concreta del valore che esperienza e arte, gelosamente custodite, hanno nel campo artigianale. Cesare, Vittoria e Laura Cucchi pensano che la valorizzazione della tradizione dolciaria milanese è il principale obiettivo. Tutte le materie prime sono selezionate attentamente dal team di pasticceria, i prodotti sono privi di conservanti affinché i sapori giungano inalterati. E’ il lievito madre a donare a tutti in grandi lievitati della Pasticceria Cucchi una caratteristica inconfondibile e irripetibile. (foto: panettone cucchi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il panettone artigiano tiene a Venezia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

La corsa alle tavole imbandite per le festività natalizie è entrata nel vivo: panettoni, pandoro, dolci e specialità gastronomiche non mancheranno nemmeno quest’anno nelle case degli italiani. In provincia di Venezia, come nel resto d’Italia, i prodotti artigiani continuano a essere in cima alle preferenze dei clienti attenti all’acquisto di articoli di qualità preparati nel rispetto della tradizione nella lavorazione e con l’impiego di ingredienti sani e certificati.  Che le aziende artigiane alimentari siano riuscite a far fronte alla crisi economica lo dimostrano i dati forniti dalla Confartigianato Provinciale di Venezia: nel III trimestre 2010 sono 1.131 le aziende attive nel settore, per un +1,9% sullo stesso periodo del 2009 (1.110 le imprese in attività a settembre dello scorso anno). Il totale di 4275 addetti (l’1,3% del montante nazionale) è distribuito soprattutto in pasticcerie, panifici e gelaterie (626 addetti) e in servizi di ristorazione e cibi da asporto (431).Questo in un contesto regionale che, sempre nel III trimestre 2010, ha visto una crescita del numero di imprese del 2,8% sullo stesso periodo dello scorso anno, per un totale di 6.343 aziende alimentari artigiane e 22.179 addetti, di cui 3.035 operanti in pasticcerie, panifici e gelaterie (7,2% del totale nazionale). Panettoni, pandoro, prodotti dolciari e alimentari artigiani continuano dunque a essere simbolo del “Made in Italy” più genuino. A tal proposito, il nome “pandoro” o “panettone” (come quello di altri dolci tipici) può essere riportato sulla confezione solo quando il prodotto rispetti la specifica legge del 2006 che regolamenta la produzione e gli ingredienti secondo norme restrittive. E se la qualità dei prodotti artigiani non si discute, anche i prezzi rimangono sotto controllo: Confartigianato fa rilevare che, nonostante i rincari del 28,3% delle materie prime alimentari, ad ottobre 2010 la dinamica dei prezzi dei prodotti di pasticceria si è mantenuta all’1,6%, al di sotto del tasso d’inflazione dell’1,7%.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »