Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Posts Tagged ‘papa’

Il Papa all’Angelus ha chiamato tutti a favorire un’alleanza tra generazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 luglio 2020

Anche alla luce della pandemia, che sta colpendo il mondo in modo globale, appare oggi la strada da percorrere se si vuole costruire un futuro più umano e solidale. La “fantasia dell’amore”, di cui ha parlato Francesco, è un’urgenza necessaria per raggiungere, prima di tutto, chi – a causa del lockdown – è rimasto solo negli istituti, privato della vicinanza dei propri cari e di contatti con il mondo esterno. Si può e si deve, nel rispetto delle dovute precauzioni, rompere questo isolamento e proteggere gli anziani dal “virus” della solitudine che era già diffuso prima ancora del covid-19.Per la Comunità di Sant’Egidio è anche un incoraggiamento a continuare, con ancora più forza e convinzione, la diffusione dell’appello internazionale “Senza anziani non c’è futuro” che ha già raccolto migliaia di firme su http://www.santegidio.org

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Papa prega per studenti e insegnanti

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 aprile 2020

Il Pontefice dice di stare vicino ai docenti “che devono lavorare tanto per fare lezione via internet e altre vie mediatiche”. La viceministra all’Istruzione si sofferma sullo svilimento della professione degli insegnanti che continuano ad essere “bistrattati”. Anche studenti e famiglie si dicono grati a chi sta facendo i salti mortali, anche con mezzi tecnologici di fortuna, a proprie spese e di notte, per portare avanti l’offerta didattica. Marcello Pacifico (Anief): “Cosa altro dobbiamo attendere per dare il giusto merito ai nostri straordinari insegnanti, che con il personale Ata e i dirigenti scolastici, anche senza avere indicazioni tempestive e chiare dall’amministrazione, stanno portando avanti la didattica online? Perché, invece, di essere stabilizzati i nostri maestri vengono addirittura licenziati, pure dopo essere stati immessi in ruolo? Appena terminata questa emergenza, il Governo convochi i sindacati per arrivare a sottoscrivere un contratto che dia finalmente il giusto merito, economico e organizzativo, a questi professionisti della formazione che operano in silenzio sempre e comunque”.È diventata ancora più forte l’attenzione delle massime istituzioni per la scuola: oggi, Papa Francesco, nell’introduzione della messa a Santa Marta, ha dedicato un pensiero ad alunni e docenti, alle prese con lockdown imposto dall’emergenza coronavirus. “Preghiamo oggi – ha detto il Pontefice – per gli insegnanti che devono lavorare tanto per fare lezione via internet e altre vie mediatiche. E preghiamo per gli studenti che devono fare gli esami in un modo nel quale non sono abituati”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carta del papa Francisco a los movimientos populares

Posted by fidest press agency su domenica, 12 aprile 2020

foto fabioEl papa Francisco se ha dirigido mediante carta (se anexa), hoy Domingo de Resurrección, a los movimientos populares del mundo, haciendo memoria de sus tres encuentros que “me hace bien, me acerca a ustedes, me hace repensar en tantos diálogos”; y para “recordar de modo especial y estar cerca” de las organizaciones de trabajadores y trabajadoras más empobrecidos, precarizados y excluidos, ante la dureza de la pandemia de la COVID-19. Los movimientos populares “están ahí, poniendo el cuerpo (…) para hacer las cosas menos difíciles, menos dolorosas”. En este tiempo de “tanta angustia y dificultad”, los movimientos populares “son un verdadero ejército invisible que pelea en las más peligrosas trincheras (…) sin más arma que la solidaridad, la esperanza y el sentido de la comunidad que reverdece en estos días en los que nadie se salva solo”, construyendo poesía social “desde las periferias olvidadas crean soluciones dignas”, con apenas recursos y donde no llega “las soluciones del mercado y escasea la presencia protectora del Estado”, subraya Francisco. Esta actitud de lucha por “el bien común” y por los sagrados derechos a tierra, techo y trabajo, que sintetizan los criterios de justicia social, “me ayuda, cuestiona y enseña mucho”, dice el Papa, en un contexto donde se les “mira con desconfianza por superar la mera filantropía a través la organización comunitaria o reclamar por sus derechos en vez de quedarse resignados esperando a ver si cae alguna migaja de los que detentan el poder económico” que sigue generando enormes desigualdades y sosteniendo privilegios.En la carta, Francisco tiene un recuerdo y reconocimiento especial de “las mujeres, que multiplican el pan en los comedores comunitarios cocinando” con escaso material “para cientos de niños”; de los enfermos y a los ancianos, tantas veces olvidados en esta sociedad enferma de soledad; de campesinos y agricultores familiares “que siguen labrando para producir alimentos” cuidando la casa común y atendiendo las necesidades del pueblo humilde y trabajador. “Los males que aquejan a todos, a ustedes los golpean doblemente”, denuncia Francisco. Un pueblo con dificultades mayores para el confinamiento cuando la vivienda es precaria o “carece de un techo”, cuando se vive “el día a día sin ningún tipo de garantías legales que los proteja”, como sufren los trabajadores y las trabajadores “independientes o de la economía popular” que Francisco cita: “los vendedores ambulantes, los recicladores, los feriantes, los pequeños agricultores, los constructores, los costureros, los que realizan distintas tareas de cuidado”, y que “no tienen un salario estable para resistir este momento”. Ante esta realidad de desprotección, el papa Francisco considera que es “tiempo de pensar en un salario universal” que dignifique la “noble e insustituibles tareas que realizan” y haga realidad “esa consigna tan humana y tan cristiana: ningún trabajador sin derechos”. Un pueblo humilde y trabajador al que “nuestro Padre Celestial los mira, los valora, los reconoce y fortalece en su opción”. Las personas, en el centro de la vida. Pensar “el después” En este contexto de enorme impacto del coronavirus en todo el mundo, Francisco espera que “los gobiernos comprendan que los paradigmas tecnocráticos (…) no son suficientes para abordar esta crisis ni los otros grandes problemas de la humanidad”. Sin embargo, para el Papa “ahora más que nunca, son las personas, las comunidades, los pueblos quienes deben estar en el centro, unidos para curar, cuidar, compartir”. En la misiva, Francisco invita a los movimientos populares a “pensar en ‘el después’” y abordar las “graves consecuencias ya se sienten”. Esta experiencia de diálogo del Papa con los movimientos populares, se desarrolla desde una cultura del encuentro y la “sabiduría que se amasa con la levadura de sentir el dolor del otro como propio”. Motivo para que “pensemos en el proyecto de desarrollo humano integral que anhelamos, centrado en el protagonismo de los pueblos en toda su diversidad y el acceso universal a esas tres T que ustedes defienden: tierra, techo y trabajo” y que tuvo su máxima expresión en los tres encuentros mundiales de movimientos populares con Francisco. “Espero que este momento de peligro nos saque del piloto automático, sacuda nuestras conciencias dormidas y permita una conversión humanista y ecológica que termine con la idolatría del dinero y ponga la dignidad y la vida en el centro. Nuestra civilización, tan competitiva e individualista, con sus ritmos frenéticos de producción y consumo, sus lujos excesivos y ganancias desmedidas para pocos, necesita bajar un cambio, repensarse, regenerarse”, advierte Francisco, para destacar a los movimientos popular como “constructores indispensables de ese cambio impostergable; es más, ustedes poseen una voz autorizada para testimoniar que esto es posible. Ustedes saben de crisis y privaciones…, que con pudor, dignidad, compromiso, esfuerzo y solidaridad logran transformar en promesa de vida para sus familias y comunidades”, ha señalado el Papa. Contacto medios de comunicación Abraham Canales Oficina de Comunicación • Communication Office Encuentro Mundial de Movimientos Populares (EMMP) World Meeting of Popular Movements (WMPM)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Francesco. Il Papa delle donne: Di Nina Fabrizio

Posted by fidest press agency su sabato, 11 aprile 2020

In occasione dei 7 anni di pontificato di papa Francesco, esce il 21 febbraio in libreria un volume che per la prima volta affronta in modo completo il rapporto di Bergoglio con le donne della chiesa Francesco è il Papa che più conosce le donne. Le ha frequentate da arcivescovo a Buenos Aires, le ha incoraggiate come nessuno prima in Vaticano. Bergoglio conosce la sofferenza di tante donne che hanno lottato: per ritrovare figli, parenti, per rivendicare i propri diritti, per liberarsi dagli sfruttatori, per guadagnare la dignità. E conosce anche le donne che, fuori e dentro la Chiesa, operano per un movimento dal basso che conduca a una rivoluzione gentile grazie alla quale le donne non siano più schiave, in nessun ambito, ma consapevoli portatrici di contributi autentici e singolari nella società.A partire dagli interventi più significativi del Papa, il volume ripercorre il particolare legame e l’attenzione di Francesco nei confronti dell’emisfero femminile: da alcune nomine importanti ai vertici della Curia romana al richiamo per cui le suore non siano più confinate nel ruolo di “badanti” dai grandi temi femminili – come il femminicidio, l’aborto, la tratta delle schiave – alle storie che hanno avuto, spesso dietro le quinte, protagonisti proprio Francesco e tante donne battagliere.
Nina Fabrizio, Francesco. Il Papa delle donne, Edizioni San Paolo 2020, pp. 208, euro 18,00 Prefazione di Alessandra Smerilli Postfazionefi Giulio Maira

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola. Il Papa: i docenti svolgono un ruolo cruciale ma sono sottopagati

Posted by fidest press agency su martedì, 11 febbraio 2020

Parlando degli insegnanti, il Pontefice si sofferma sul fatto che la loro professione dedita all’educazione dei giovani, va sostenuta con tutti i mezzi e le risorse possibili. Non è la prima volta che Bergoglio affronta questo tema, bacchettando le istituzioni per non sapere valorizzare l’operato di chi garantisce la formazione delle nuove generazioni: lo scorso settembre, durante una visita al Cantiere di Mahatazana ad Antananarivo, nel Madagascar, chiese pubblicamente compensi per chi insegna a scuola commisurati al costo della vita, perché “i professori consacrino tempo a questo compito, senza aver bisogno di altre attività per la sussistenza quotidiana”. “L’articolo 36 della Costituzione non può continuare ad essere disatteso – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – assegnando una retribuzione non veto proporzionata alla quantità e qualità del loro lavoro, nonché insufficiente per assicurare a loro e alle loro famiglie un’esistenza libera e dignitosa. Un insegnante che percepisce meno di 1.300 euro per tutto il periodo di precariato e i primi otto anni di servizio è una vergogna da cancellare. Bene ha fatto Bergoglio a ribadirlo”.“Davanti alle sfide dell’educazione ruolo cruciale è quello dei docenti, sempre sottopagati”. Papa Bergoglio, riferisce Adnkronos, torna sul tema dei docenti italiani e sulla funzione importantissima che svolgono, in cambio di compensi inadeguati: lo fa nel corso di un intervento tenuto in un seminario organizzato in Vaticano dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali sul tema Istruzione: il Patto globale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dove va la giustizia

Posted by fidest press agency su martedì, 26 novembre 2019

Durante il viaggio del Papa in Thailandia e Giappone non è andato trascurato un discorso da lui pronunciato il 15 novembre scorso in occasione del Congresso mondiale sul diritto penale, perché esprime un giudizio critico e fortemente innovativo sullo stato attuale della giustizia penale. Intanto egli nota che l’attuale situazione economica, caratterizzata dalla globalizzazione del capitale speculativo, e dal “principio di massimizzazione del profitto”, è esso stesso punitivo e porta ad eccessi di irrazionalità punitiva come reclusioni di massa, affollamento e torture nelle prigioni, arbitrio e abusi delle forze di sicurezza, criminalizzazione della protesta sociale, abuso della reclusione preventiva, ripudio del sistema delle garanzie.Nello stesso tempo non vengono sanzionati i delitti dei più potenti, in particolare la macro-delinquenza delle corporazioni (o imprese) che offende le persone e l’ambiente e colpisce l’economia di intere Nazioni. Spesso si tratta di crimini contro l’umanità che provocano fame, miseria, migrazioni forzate, mancanza di cure, disastri ambientali e etnocidio di popoli indigeni.
Il papa critica poi recenti aggravamenti della legislazione sulla legittima difesa e la giustificazione, in nome del dovere, di crimini commessi dalle forze di sicurezza (l’America Latina ne sa qualcosa!). Francesco denuncia poi come la cultura dello scarto stia degenerando nella cultura dell’odio (a volte, dice, sembra di sentir parlare Hitler!) ed evoca non a caso le persecuzioni contro gli ebrei, gli zingari e le persone (uomini e donne) omosessuali. Il papa critica anche l’abuso dei mezzi giudiziari col pretesto della lotta contro la corruzione per rovesciare governi, combattere politici (si pensi a Lula!) e promuovere l’antipolitica.Papa Francesco annuncia poi che nel catechismo della Chiesa cattolica sarà introdotto il peccato ecologico, ed esorta a non fare della funzione giudiziaria penale un meccanismo cinico e impersonale e ad instaurare invece una “giustizia penale restaurativa” nella quale il fare giustizia alla vittima è tutt’altra cosa che giustiziare l’aggressore.
Sul piano delle novità nella vita della Chiesa sono da segnalare gli sviluppi della Dichiarazione di Abu Dhabi, con la costituzione di un Comitato interreligioso per attuarla, in cui sono entrati anche gli Ebrei dando luogo così a una simbolica “casa abramitica”, e una dichiarazione della Santa Sede che conferma la linea dei “due popoli in due Stati” in Palestina, contro la decisione di Trump che legittima l’annessione israeliana delle colonie nei Territori Occupati.È uscito anche un manifesto delle “sardine” il movimento che riempie le piazze contro Salvini. Non è ancora politica ma è la riapparizione, rovesciata, di quella che una volta era chiamata la “maggioranza silenziosa”; questa volta essa ha soprattutto la funzione di togliere credibilità alla pretesa dei populisti di parlare a nome “degli italiani”, “dei cittadini”: italiani e cittadini sono di là, ma anche, e in maggioranza, dall’altra parte. La seconda cosa significativa è che quest’altra parte si raccoglie e manifesta non su una opzione di partito, ma su una posizione identitaria e morale: essa è contro la cultura, la politica e il linguaggio dell’odio, del disprezzo, dei respingimenti, della rissa; l’Italia non è questa, ed è su questo che Salvini già da tempo, già durante il suo esercizio del governo, è stato e viene sconfitto, come allora scrivemmo. E quando le “sardine” dicono: “avete il diritto di parola, ma non il diritto di avere qualcuno che vi stia ad ascoltare”, espressione che è stata criticata come “fascio-comunista”, non negano in realtà alcun “diritto all’ascolto”, che non esiste, perché se esistesse significherebbe che altri avrebbero “il dovere” dell’ascolto, cosa che non c’è in nessuna Costituzione, c’è solo negli Stati totalitari e di polizia che mettono gli altoparlanti in tutte le piazze. Invece quella frase vuol dire un’altra cosa: che c’è parola e parola, e c’è una parola dell’odio che non passa, di cui la maggioranza rigetta l’ascolto. (fonte: http://www.chiesadituttichiesadeipoveri.it)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’inviato del Papa nei ghetti agricoli del Foggiano

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 ottobre 2019

“Accogliere, proteggere, promuovere, integrare”. Sono i quattro verbi intorno ai quali, secondo papa Francesco, va costruita la risposta al fenomeno delle migrazioni. Lo ha ribadito venerdì 27 il cardinale Konrad Krajewski, Elemosiniere del Papa, visitando gli insediamenti di Borgo Mezzanone e Torretta Antonacci nel Foggiano, in compagnia dell’arcivescovo di Foggia Vincenzo Pelvi, del vescovo di San Severo Giovanni Checchinato e degli operatori della Caritas, alla vigilia della Giornata mondiale del Migrante e del rifugiato. Il cardinale ha incontrato i lavoratori che a migliaia affollano i due insediamenti, sottolineando come sia stato proprio Francesco a volere questa visita perché il Papa “desidera essere vicino a tutte queste persone vittime dello sfruttamento, dell’emarginazione e dell’esclusione”. Krajewski ha affermato che “gli sgomberi non servono a niente, se non crei vere alternative, hanno solo un effetto mediatico. Hanno speso tanto per abbattere. Per nulla”.A Torretta Antonacci l’Elemosiniere del Papa si è intrattenuto nella sede sindacale del Coordinamento lavoratori agricoli USB nelle campagne puntando il dito sulla necessità che i lavoratori ottengano quanto prima riconoscimenti formali, a partire dai documenti necessari per i permessi di soggiorno e i contratti di lavoro. “Bisogna far uscire i braccianti dall’anonimato, fargli avere una residenza e in questo la Chiesa intende dare una mano, insieme alla diocesi di San Severo, alle parrocchie della zona e alla Caritas. Riporterò al Papa quanto visto nelle mie visite di oggi”.Accolto con favore dagli abitanti degli insediamenti, Krajewski ha tenuto a specificare che “accogliere, proteggere, promuovere, integrare” è una formula che deve essere valida non soltanto per gli invisibili delle campagne ma per tutti gli abitanti di quelle che ha definito “periferie esistenziali”. USB, da anni impegnata tra i braccianti della Capitanata e non solo rivendicando dignità e diritti per tutti, saluta con favore l’iniziativa papale e auspica che quanto prima anche le istituzioni nazionali e locali, anziché frapporre assurdi ostacoli ai percorsi d’inserimento, facciano finalmente la loro parte per assicurare ai lavoratori le giuste condizioni di vita e di lavoro.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Papa invita a pregare per i cristiani perseguitati

Posted by fidest press agency su sabato, 9 marzo 2019

L’intenzione di preghiera del Santo Padre per il mese di marzo è dedicata ai cristiani che soffrono a causa della propria fede, come annuncia lo stesso Pontefice in un video prodotto dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa in collaborazione con la Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre.«Forse sembrerà difficile da credere – esordisce Papa Francesco nel videomessaggio – ma oggi ci sono più martiri che nei primi secoli. Sono perseguitati perché dicono la verità e annunciano Gesù Cristo a questa società». Come documentato anche dal recente Rapporto ACS sulla libertà religiosa nel mondo, in molte parti del mondo farsi il segno della croce, andare a messa la domenica o recitare il rosario significa rischiare la propria vita, essere assassinati, lapidati o finire in campi di lavoro forzato.«Questo avviene – nota il Papa – in particolare laddove la libertà religiosa non è garantita. Ma anche in Paesi che in teoria e sulla carta tutelano la libertà e i diritti umani».Il 2019 è iniziato con un attentato durante una Messa nella cattedrale di Jolo, nelle Filippine, che è costato la vita a 23 persone. L’anno scorso nel mondo sono stati assassinati 40 missionari, 35 dei quali erano sacerdoti, come Blaise Mada e Célestine Ngoumbango massacrati il 15 novembre insieme a 80 fedeli nel campo profughi di Alindao.
Non bisogna poi dimenticare Asia Bibi, la madre pachistana che è stata condannata a morte con l’accusa di blasfemia e che è stata liberata dal carcere solo dopo 9 anni. Si stima che oltre 25 cristiani siano attualmente in carcere in Pakistan con le stesse accuse.Anche i cristiani copti in Egitto soffrono persecuzione. Tutti ricordiamo le immagini dei 21 egiziani decapitati in Libia nel 2015. Ma non mancano altri episodi ignorati dall’opinione pubblica, come l’uccisione di pellegrini copti in due attacchi a Minya avvenuti nel 2017 e nel 2018.Vi sono migliaia di casi di persecuzione e discriminazione che passano inosservati perché non vengono segnalati dai media. Secondo il Rapporto ACS sulla libertà religiosa nel mondo, il Cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo. Questo fondamentale diritto umano è gravemente minacciato in 38 Paesi; 21 dei quali sono addirittura classificati come paesi in cui si verifica la persecuzione.ACS è grata al Santo Padre per il suo messaggio e in questo mese di marzo si unisce in particolar modo a lui pregando per questa particolare intenzione. «Preghiamo per le comunità cristiane, in particolare quelle che sono perseguitate, perché sentano la vicinanza di Cristo e perché i loro diritti siano riconosciuti».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Ail in occasione dei suoi 50 anni in udienza da Papa Francesco

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 febbraio 2019

Roma Sabato 2 marzo alle ore 12 la comunità di AIL, con i volontari delle sue 81 sezioni provinciali, pazienti e familiari, medici e ricercatori, arriverà da tutta Italia per incontrare Papa Francesco, guidata dal professor Sergio Amadori, Presidente Nazionale AIL e dal dottor Francesco Gesualdi, Direttore generale dell’Associazione, presso l’Aula Paolo VI della Città del Vaticano. Il 2019 è un anno molto importante per l’Associazione Italiana contro le Leucemie, i linfomi e il mieloma, l’anno nel quale ricorre il cinquantenario dalla sua fondazione, occasione per ripercorrere le tappe che hanno portato AIL a crescere e diventare punto di riferimento per i pazienti ematologici e le loro famiglie.
Il via alle celebrazioni sarà dato dall’incontro di Papa Francesco con i 6.000 volontari, pazienti e amici di AIL che con gioia e grande emozione affolleranno l’Aula Paolo VI per l’udienza generale. “Ringrazio sentitamente Sua Santità per averci concesso l’onore di incontrare la nostra Associazione in occasione di questa, per noi, importantissima ricorrenza. Questi primi 50 anni di storia della nostra organizzazione sono costellati di importanti successi – ha ricordato il professor Sergio Amadori – abbiamo contribuito allo sviluppo della ricerca scientifica in campo ematologico; abbiamo moltiplicato i servizi offerti ai pazienti; abbiamo incrementato le interazioni con i centri ematologici e abbiamo visto crescere il numero dei nostri volontari, per noi patrimonio irrinunciabile. È stato un percorso non sempre semplice ma grazie al confronto continuo col territorio e le istituzioni, siamo diventati un punto di riferimento nel nostro Paese. L’AIL è un’Associazione con un passato importante e che guarda al futuro con fiducia”.Il Pontefice darà il Suo sostegno ed esprimerà la Sua vicinanza ai malati ematologici e saluterà i volontari e i medici che ogni giorno danno valore all’opera di AIL rendendo possibile la sua missione: migliorare la qualità di vita dei pazienti, sostenere la ricerca scientifica e sensibilizzare l’opinione pubblica al tema della lotta ai tumori del sangue.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consegna del sale di Cervia al Papa

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 settembre 2018

Roma Sabato 29 settembre partenza da Cervia. Alle ore 9.00 l’appuntamento è alla torre San Michele da cui il corteo dei pellegrini con i salinari e il carriolo carico di sale si avvierà verso Piazza Garibaldi. Qui il saluto delle autorità e la benedizione del sale alla presenza del sindaco Luca Coffari e delle delegazioni delle città gemellate con Cervia Aalen ( Germania) e Jelenia Gora ( Polonia). Insieme anche la delegazione di La Baule (Francia).
La prima giornata prevede una camminata attraverso le saline alla volta della pieve di Santo Stefano di Pisignano. Visita alla pieve e tappa per il pranzo, poi il cammino proseguirà alla volta di Forlimpopoli e Bertinoro.Di seguito attraversando gli appennini il gruppo giungerà a Roma per la consegnare il sale il giorno mercoledì 10 ottobre.La consegna al Papa del salfiore di Cervia iniziò quando il cardinale Pietro Barbo (diventato poi papa Paolo II) divenne vescovo di Cervia nel 1444. La tradizione venne sospesa nel 1870, in seguito agli eventi della breccia di Porta Pia, che interruppero i rapporti diplomatici tra il Vaticano e l’allora giovane Regno d’Italia. Il cardinale Pietro Barbo aveva pensato di inviare il salfiore a papa Eugenio IV (al secolo Gabriele Condulmer, zio del Barbo per parte di madre) per ringraziarlo della nomina a vescovo di Cervia, allora ricca diocesi, proprio per la produzione del sale, dello Stato Pontificio.La tradizione della consegna del sale in Vaticano è ripresa nel 2003, grazie anche all’interessamento del cervese monsignor Mario Marini, segretario aggiunto della Pontificia Commissione Ecclesia Dei.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il gelato del Papa

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 aprile 2018

Oggi, 23 aprile, la Chiesa fa memoria di san Giorgio. Per il suo onomastico Papa Francesco offre il gelato a circa 3000 poveri di Roma, come ha reso noto l’elemosiniere apostolico, mons. Konrad Krajewski. Nel pomeriggio, centinaia di gelati saranno distribuiti ai poveri amici della Comunità in diversi luoghi: al termine della preghiera per la pace con i senza dimora, che si tiene nella chiesa di San Calisto a Trastevere, seguita – come sempre – da una cena comune. Potranno gustare il “gelato del papa” anche i migranti e i rom che vengono al centro Genti di Pace in via di San Gallicano per ricevere assistenza, aiuto legale, cure mediche e anche i malati ospiti della casa “San Francesco di Assisi”. Già ieri 150 immigrati anziani, soprattutto dalle Filippine, hanno concluso il pranzo nella mensa di Via Dandolo con il dessert offerto da Papa Francesco.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello a papa Francesco

Posted by fidest press agency su sabato, 23 settembre 2017

papa francescoQuesto papa mostra d’avere un carisma particolare e lo deve alla sua sensibilità nel percepire gli umori popolari e di farsene interprete come nel caso recente dei preti pedofili e dei loro fiancheggiatori.
A ben considerare si tratta di un discorso che va avanti da secoli nel quale la Chiesa ha sempre voluto dimostrare la sua vicinanza alla povera gente per consolarla, per affidarla alla felicità che non è di questo mondo. Ciò che oggi chiediamo alla Chiesa di Roma e a tutte le professioni di Fede è di essere conseguenti ai loro insegnamenti e di pensare all’oggi e non al mondo dei morti. Quando si afferma che esiste un altro diritto che è quella di vivere perché le religioni tentennano limitandosi a pregare sui cadaveri di milioni di bambini che ogni anno muoiono di fame e per mancanza di medicine e non escono invece dalle loro ridotte per ribellarsi alla logica imperante di chi considera aberrante l’equa ripartizione delle risorse, vivendo del superfluo, mentre manca il necessario a miliardi di esseri umani?
Se incontrassi il papa gli direi: Santo padre oggi non è più il tempo della sola preghiera o dei moniti verbali. Occorre essere conseguenti poiché diventa sempre più stridente quel diritto a metà che dona la vita per riprendersela imponendo la miseria e l’abbandono a miliardi di suoi figli. Oggi la sofferenza non è il frutto del sacrificio individuale ma la conseguenza degli egoismi di una minoranza di satrapi che fa delle proprie ricchezze il risultato di uno sfruttamento indecoroso dei propri fratelli sino a condurli alla morte. E’ il tempo delle scelte di campo e del risveglio delle coscienze e delle azioni concrete. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come sarà la Chiesa dopo Papa Francesco?

Posted by fidest press agency su domenica, 26 marzo 2017

lateranense_ingressoMentre il Papa celebra la sua visita all’arcidiocesi di Milano alla Pontificia Università Lateranense si discute dei segni dei tempi e del suo magistero;”creativa” e “contenta”, la Chiesa in uscita del pontefice argentino sarà una Chiesa che non avrà paura di confrontarsi con la cultura del business: “Gesù ha detto a San Pietro “pasci le mie pecore”, non “conta le mie pecore”. Cosa metterà radici del pontificato di Papa Francesco? Mentre si celebra la visita apostolica del Santo Padre presso l’arcidiocesi di Milano se ne è discusso con padre Enzo Fortunato (Sacro Convento di Assisi); don Fabio Rosini (direttore della Pastorale vocazionale della Diocesi di Roma), Michael Castrilli (Docente di Church Management alla Villanova University, Pennsylvania) e don Stephen Fitcher (Centro di ricerca applicata all’Apostolato della Parrocchia del Sacro Cuore di Haworth, New Jersey) in una conferenza pluriprospettica, parte del programma del secondo giorno del Festival Internazionale della Creatività nel Management Pastorale: “La proposta della Chiesa è spesso volta a ricordare delle regole, non all’autonomia”, ha detto don Fabio Rosini: “Questo non va bene. Un buon padre spirituale non è colui che ti dice quale è la volontà del Signore: questo è paternalismo; un buon padre è colui che ti mostra il modo di trovare gli strumenti per camminare da solo”.
La Chiesa del futuro dovrà dunque essere creativa, che pratichi “la risposta d’amore ad una chiamata: perché la Chiesa non vive di progetti, ma di mete”, ha continuato don Rosini: “E i giovani di oggi sono una generazione senza padre che improvvisa la propria esistenza; un buon cuoco non è colui che cerca di fare un piatto perfetto, ma chi apre il frigorifero e improvvisa una cena con quel che c’è”. In questo senso, dunque, la Chiesa non deve avere paura di coltivare un dialogo con la cultura del mondo, del business, un dialogo fecondo: “La Chiesa fra vent’anni la penso come un luogo di coinvolgimento spirituale, di ascolto; che parli meno, che ascolti di più”, ha detto Mike Castrilli: “Che cammini nel senso dato da Papa Francesco: quando penso a lui penso subito alla frase “non abbiate paura”. E la Chiesa non deve avere paura di imparare dal business, e il business deve imparare dalla Chiesa: perché Gesù non ha detto a San Pietro “conta le mie pecore”, ma gli ha detto “pasci le mie pecore”; ciba il mio gregge, fallo crescere”.Papa Francesco sta ponendo l’attenzione sulla testimonianza: chiede che i pastori siano più esemplari che meritevoli. E le resistenze al cambiamento sono normali in ogni processo”, ha detto padre Enzo Fortunato: “Serve la consapevolezza di star facendo bene, di andare avanti nonostante tutto. Serve trovare un modo per far agire dentro di sé la grazia di Dio, trovare un modo perché si esprima nel mondo. Solo così la Chiesa potrà essere una chiesa contenta: voi siete contenti?”, ha interrogato il pubblico, nell’allegria, il frate francescano di Assisi. “La Chiesa non è perfetta, non esistono cristiani perfetti, nemmeno il Papa è perfetto; siamo tutti in cammino. Proprio per questo”, ha detto il rev. Steven Fitcher, “mi preoccupano le divisioni fra i vescovi”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vittime banche dal Papa

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2016

vaticanoL’invito del Papa è “un giusto riconoscimento e una speranza per le tante persone umiliate dal sistema bancario e abbandonate dallo Stato italiano”. E’ quanto afferma il coordinatore dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli commentando il ricevimento in udienza dal Santo Padre previsto per il prossimo 19 ottobre. “Siamo felici che Papa Francesco dia udienza alle vittime del ‘salva-banche’ – commenta Donzelli – abbiamo seguito da vicino le loro battaglie e crediamo che abbandonare queste persone al loro destino sia un gesto immorale, oltre che ingiusto, da parte del governo. Ci auguriamo che l’incontro con il Santo Padre – conclude Donzelli – sia l’occasione per portare una volta per tutte all’attenzione la vicenda e rispondere adeguatamente alle sofferenze che ne derivano”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello del Papa per nuovo dialogo interreligioso e nuovo percorso integrazione

Posted by fidest press agency su sabato, 24 settembre 2016

papa_woir“Siamo sicuri che questi momenti di dialogo e confronto costituiscano uno stimolo alla coesione e alla condivisione di valori e diritti nel rispetto della Costituzione italiana. Al nostro Paese potrebbe spettare il compito, attraverso un’oculata politica integrazionista, per lo più da creare e pensare, di diventare quel punto di riferimento, quel faro che illumina il percorso, di cui tutti, a livello internazionale, hanno un disperato bisogno sì da smetterla una buona volta dal procedere a tentoni in un ambito dove troppo spesso è calpestata o ignorata la dignità dell’Uomo. Il nostro Paese, erede di una tradizione giuridica millenaria, ha tutte le carte in regola per affrontare tali problematiche”. Ha aperto così il suo intervento il presidente dell’Ainc associazione italiana notai cattolici Roberto Dante Cogliandro dopo le parole del cardinale Parolin nel corso del Seminario sul dialogo interreligioso promosso dall’Università Lumsa in collaborazione con l’Ucsi (Unione Cattolica Stampa Italiana) del Lazio e l’Ordine dei giornalisti del Lazio.
“Bisogna assolutamente regolamentare la presenza e l’inserimento degli immigrati con leggi appropriate. Solo così si potranno affrontare i tanti timori, comprensibili sia psicologicamente che oggettivamente, che pervadono vasti settori del nostro Paese, e che prendono corpo quando del diverso, dell’altro da sé, non si fa un’esperienza di carta e di carne, vale a dire: non lo si incontra con lo studio e nella fatica del condiviso vivere quotidiano, dove lo Stato, con le sue Leggi, si fa garante dell’ordine sociale”, ha proseguito Cogliandro seguendo le indicazioni di papa Francesco in una fase in cui anche da Assisi la Comunità di Sant’Egidio in queste stesse ore rilancia un messaggio di dialogo. “La non regolamentazione del rapporto (Intesa) tra l’Islam e lo Stato Italiano costituisce sotto il profilo giuridico e civile, un elemento di debolezza che determina il permanere dell’Islam allo status di ‘religione degli immigrati’ pur essendo numericamente la terza religione del Paese e la religione di una minoranza consistente di cittadini italiani. A difetto di un organismo che rappresenti unitariamente le comunità musulmane d’Italia, nel loro complesso, le organizzazioni islamiche rappresentano il concreto tentativo di aggregazione dei musulmani per trovare un dialogo con le istituzioni italiane al fine di evitare che la mancata regolamentazione con lo Stato italiano possa avere ricadute negative sulla società civile e sul corretto processo d’integrazione delle comunità musulmane d’Italia.
Per ovviare a tali difficoltà, ad una sorta di deficit normativo, sarebbe auspicabile che dal punto di vista politico si possa stimolare una forma di cittadinanza attiva e al contempo un processo autonomo di aggregazione dell’Islam, o almeno di alcune sue parti, in vista del riconoscimento giuridico. Anche in relazione ai recenti problemi della radicalizzazione, il problema della formazione degli imam (piuttosto che gli imam fai da te) è di particolare importanza e delicatezza, considerato il ruolo e l’influenza che essi esercitano all’interno delle rispettive comunità”, ha concluso Cogliandro. (foto:Cogliandro)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Viaggio del Papa in Armenia

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 giugno 2016

armeniaIn occasione del viaggio apostolico di Papa Francesco in Armenia, Aiuto alla Chiesa che Soffre ha donato alla Chiesa cattolica locale oltre 50mila euro per la preparazione e la realizzazione della visita.I fedeli armeni attendono con ansia di ricevere il Pontefice che sarà nel paese caucasico da domani fino a domenica. E ACS ha donato loro il necessario per prepararsi a questo evento e per raggiungere i luoghi della visita ed incontrare il Santo Padre. «Abbiamo ricevuto moltissime richieste da parte di persone che vogliono assistere alla messa in Piazza della Repubblica a Yerevan – spiega monsignor Raphael Minassian, ordinario per gli Armeni cattolici dell’Europa Orientale – tanto che abbiamo dovuto predisporre dei maxischermi in una piazza attigua che il Santo Padre visiterà dopo la funzione. Ci aspettiamo più di 50mila persone». Ad occuparsi dei preparativi saranno oltre 300 volontari. «Tutte le nostre 40 parrocchie parteciperanno alla visita – aggiunge il presule – che speriamo ci rafforzerà nella fede».La fondazione pontificia sostiene da molti anni la comunità cristiana dell’Armenia, alla quale nel 2015 ha donato oltre 93mila euro. Una particolare attenzione è rivolta a progetti pastorali quali la formazione di sacerdoti e seminaristi, e i campi estivi e momenti di raccoglimento per bambini e ragazzi. Come il corso domenicale offerto a 280 bambini di Artik, nel nord del paese, dove i piccoli hanno potuto studiare catechismo, leggere la Bibbia e conoscere la storia del Cristianesimo in Armenia.ACS dona inoltre di che vivere ai siriani cristiani rifugiatisi in Armenia, che ricevono anche un sostegno psicologico e spirituale. Quaranta piccoli rifugiati hanno partecipato lo scorso anno ad uno dei campi estivi, finanziati da ACS, nella città di Tsaghkatzor, nella cosiddetta Valle dei Fiori. I campi estivi sono organizzati dalle Suore dell’Immacolata Concezione di Gyumri, che la fondazione aiuta dal 1997. Sabato mattina il Papa farà visita al loro convento che ospita anche un orfanotrofio ed un centro diurno per anziani.
L’impegno di ACS in Armenia non trascura la diffusione della fede attraverso i mezzi della comunicazione. Per questo la fondazione ha donato nel 2015 un contributo per l’estensione della ricezione di Radio Maria. Infine un importante apporto è stato dato anche alla pubblicazione di testi religiosi, quali la Dottrina sociale della Chiesa cattolica.“Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2015 ha raccolto oltre 124 milioni di euro nei 22 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato 6.209 progetti in 148 nazioni. (foto: armenia)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Papa: Premio Carlo Magno

Posted by fidest press agency su domenica, 8 maggio 2016

papa francesco“E’ un discorso toccante, che scuote l’Europa dalla sua rassegnazione e dalle sue paure invitando tutti a unirci al suo sogno e a lavorare per un nuovo umanesimo europeo”. Così Andrea Riccardi commenta il discorso di Papa Francesco durante il conferimento del prestigioso premio Carlomagno. Dalla Sala Regia del Palazzo Apostolico Vaticano, il fondatore della Comunità di Sant’Egidio – insignito anche lui del “Karlpreis” nel 2009 – parla di un forte messaggio di speranza che guarda al futuro e alle nuove generazioni: “L’appello di Francesco, la sua accorata domanda, ‘Che cosa ti è successo Europa’, richiede una risposta larga e generosa, lontana dagli egoismi e i muri a cui stiamo assistendo negli ultimi tempi. Il suo ‘Sogno’ sull’Europa, ripetuto più volte – che ricorda l’’I have a Dream’ di Martin Luther King – ci sollecita a riprendere a sognare, insieme a lui, un’Europa senza muri, ma con tanti ponti da costruire. Un’Europa in cui – come ha ci ha esortato – ci sia posto per tutti: giovani, anziani, migranti e famiglie, insieme al diritto per ogni cittadino ad una vita più dignitosa e al lavoro. Ma Francesco ci ha anche indicato gli strumenti per realizzare il sogno: essere capaci di integrare, dialogare e generare, le tre capacità di cui deve nutrirsi il nuovo umanesimo. In definitiva, al di là di ogni populismo e mancanza di visione, le uniche vie su cui incamminarci se vogliamo dare un futuro e una nuova giovinezza alla nostra Europa”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invito del Papa in Pakistan

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 marzo 2016

pakistan«Siamo venuti a Roma per invitare il Santo Padre in Pakistan e lui ha accettato». Così il ministro federale per la navigazione del Pakistan, Kamran Michael, ha dichiarato ieri al fondatore dell’Associazione Pakistani Cristiani in Italia, il prof. Shahid Mobeen, durante un incontro informale in Vaticano in occasione del quinto anniversario dell’assassinio di Shahbaz Bhatti. Michael, unico ministro cristiano dell’attuale governo, è venuto a Roma assieme al ministro per gli Affari Religiosi, Sardar Muhammad Yousaf, appositamente per consegnare al Santo Padre una lettera di invito da parte del Primo Ministro del Pakistan Nawaz Sharif. L’invito al Papa è avvenuto ieri durante l’udienza generale in Piazza San Pietro. Questo pomeriggio Michael e Yousaf incontreranno anche il Segretario di Stato, il Cardinale Pietro Parolin, per ribadire l’invito e discutere di eventuali dettagli. La visita non è ancora certa, ma il probabile viaggio del Papa a settembre in India, per la canonizzazione di Madre Teresa, è stato visto dal governo pachistano come un’occasione preziosa. L’ultimo viaggio apostolico di un Pontefice in Pakistan è stato quello di Giovanni Paolo II nel 1981. Il Papa Santo si fermò soltanto un giorno nel paese.
Michael e Sardar hanno raccontato al prof. Mobeen la grande attesa in Pakistan per un possibile arrivo di Papa Francesco. «Il Premier Sharif stima molto il Pontefice e desidera fortemente riceverlo in patria». Un desiderio che si estende all’intera comunità pachistana. Bergoglio è infatti molto apprezzato anche dai musulmani, che in Pakistan rappresentano circa il 96% della popolazione. «Siamo sicuri che il Papa potrà dare anche un importante contributo al dialogo interreligioso». Un ambito, quello dei rapporti tra le fedi, nel quale il governo pachistano ha intenzione di investire maggiormente in futuro e per questo ha chiesto espressamente il contributo del prof. Mobeen, docente di Pensiero e religione islamici presso la Pontificia università Lateranense.
Come già avvenuto in Repubblica Centrafricana, la visita del Pontefice in Pakistan favorirebbe certamente un nuovo corso nel dialogo tra le religioni in un paese fortemente afflitto dal terrorismo e dal fondamentalismo islamico. La piccola minoranza cristiana – appena il 2% della popolazione – che affronta quotidianamente discriminazioni e persecuzioni soprattutto a causa della cosiddetta legge antiblasfemia, trarrebbe dalla visita del vescovo di Roma grande forza per continuare a testimoniare la propria fede nonostante le gravi difficoltà. «Per noi cristiani del Pakistan – ha detto Michael a Mobeen – sarebbe una vera e propria benedizione».
Nell’occasione ieri a Roma il ministro cristiano ha ricordato assieme all’Associazione Pakistani Cristiani in Italia il ministro Shahbaz Bhatti. «Shahbaz era come un fratello per me – ha affermato il politico – Era un vero leader carismatico, votato alla causa di rendere il Pakistan un Paese in cui regnino pace e armonia. E noi continueremo sul cammino da lui iniziato».

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno sul Collegamento Nazionale Santuari

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

padre magroRoma dal 23 al 27 novembre presso la sede del CNS, (Hotel “Casa Tra Noi”, Via Monte del Gallo 113) si terrà il Convegno e l’Assemblea Generale che si prepareranno all’avvio dell’Anno giubilare che coinciderà con l’Anno della Misericordia indetto dal Pontefice, un momento per fare memoria della storia e progettare con speranza il futuro dell’Associazione.«La scelta di svolgere a Roma il Convegno in questo preciso anniversario – prosegue padre MARIO MAGRO – è scaturita dal fatto che nel giubileo della nostra storia vogliamo confermare la nostra fede accanto alla Cattedra di San Pietro, simbolo dell’autorità del Papa, nostro Pastore e guida, del suo magistero e dell’insegnamento evangelico che, quale successore di Pietro, è chiamato a custodire e trasmettere alla comunità cristiana. Insomma un ritorno alle origini della nostra fede cristiana.
Lo specifico tema scelto – “Santuari: Giubileo di una storia. Memoria grata, vicina, profetica”– cercherà di facilitare il confronto tra i Rettori e tutti gli Operatori che quotidianamente prestano la loro opera nei santuari con il preciso intento di guardare con gratitudine al passato per leggere ciò che è stato attraverso gli occhi della fede e interpretare i segni di questi tempi così particolari, da rispondere con creatività alle necessità della Chiesa. Siamo chiamati a vivere il presente con passione – seguita padre MARIO MAGRO – e la grata memoria del passato ci spinge in attento ascolto di ciò che lo Spirito dice alla Chiesa, per essere autentici testimoni di Cristo. Auspichiamo per noi rettori dei santuari una vita sacerdotale più semplice, vicina a chi, accanto a noi, necessita di un gesto di amore e di carità, secondo l’invito del Papa. Dobbiamo diventare artefici di una prossimità che si esprima accanto agli altri. Ecco perché nel tema abbiamo inserito la frase “memoria vicina”: per fare tesoro di una Chiesa in uscita, in missione, accanto agli ultimi, che oggi sono i migranti, gli emarginati».
Operare nel nome della Misericordia, seguendo le indicazioni che vengono da un Papa arrivato dalla “fine del mondo” che ha scelto il nome di Francesco per tracciare, chiara, la via. Questo il compito riservato ai Rettori dei santuari: accogliere e mettere in risalto il Prossimo. I sacerdoti debbono essere guida e pastore per quanti affluiscono al Santuario, in pellegrinaggio, in raccoglimento di fede.Una sfida non da poco in questo momento storico e sociale tanto delicato in cui la Chiesa ripensa se stessa; così come l’altra sfida da cogliere è quella di ribadire il ruolo della Chiesa in un contesto sociale dominato dalla tecnologia. Webcam, siti internet, social media dirette televisive portano la fede direttamente nelle case: come rafforzare il significato del pellegrinaggio, di una fede vissuta fisicamente con l’accedere al Santuario?
Tra i momenti più intensi dei cinque giorni di Convegno nazionale, la prolusione di Sua Eminenza Cardinale BENIAMINO STELLA, Prefetto della Congregazione per il Clero, (lunedì 23 novembre ore 18); la celebrazione eucaristica sulla tomba di San Pietro presieduta da Sua Eminenza Cardinale ANGELO COMASTRI, Arciprete della Basilica di San Pietro (martedì 24 novembre ore 8); la visita alla Cappella Sistina con la guida d’eccezione del Professor ANTONIO PAOLUCCI, Direttore dei Musei Vaticani, mercoledì 25 novembre (ore 8).
Durante i lavori del Convegno inoltre, nella giornata di giovedì 26 novembre (dalle ore 15) si svolgeranno le elezioni per il Consiglio Direttivo del Collegamento Nazionale dei Santuari per il triennio 2016–2019. A sottolineatura dell’elezione del nuovo Presidente del CNS, seguiranno le relazioni finali sul triennio di mandato del Consiglio di padre MARIO MAGRO Rettore del Santuario di Sant’Antonio di Messina, e di padre ENZO POIANA Rettore della Basilica di Sant’Antonio a Padova. (foto: padre magro)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il papa e le prerogative del matrimonio: nessun cambiamento

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2015

vaticano“Ieri sera Piazza San Pietro era davvero uno spettacolo: la veglia di preghiera era già cominciata da almeno due ore con le testimonianze di tante famiglie quando si è sentita la voce del Papa. Era sua la voce che tutti volevano ascoltare, per capire una volta di più che modello di famiglia il Papa presenterà durante i lavori del sinodo. Far famiglia appare sempre più difficile e i racconti di tante coppie, pur unite da un vincolo di reciproca fedeltà, hanno evidenziato la complessità di gioie e di dolori attraverso cui passa ogni famiglia nel corso degli anni. Ma la crisi della famiglia ha un prezzo altissimo, perché ne aggredisce l’identità, ne spegne la vitalità e la condanna ad una solitudine senza precedenti, che di fatto ricade su tutta la società, riducendone la coesione e la naturale solidarietà”. Lo afferma Paola Binetti, deputato del Gruppo Area popolare (Ncd-udc).
“Il dibattito mediatico, a distanza di oltre un anno, – continua – sembra ancora polarizzato su due aspetti: la comunione ai divorziati e il matrimonio per le coppie omosessuali. Le interviste che oggi trovano un’eco mediatica più intensa, e forse più sconcertante, sono quella al Cardinal Ruini e quella a monsignor Krzysztof Olaf Charamsa. La prima perché ribadisce la dottrina di sempre, con la chiarezza dei suoi valori e delle sue posizioni, ma anche con la prospettiva della misericordia, tipica della paternità e della maternità della Chiesa. L’altra, quella di Monsignor Charamsa, per la sua confessione pubblica e per le sue dichiarazioni provocatorie con cui interpella il papa, sollecitandolo a schierarsi durante il sinodo dalla parte degli omosessuali.
E conclude: “Il tempismo di entrambe non sorprende: sappiamo già che accanto al sinodo dei padri sinodali ci sarà un sinodo che si svolgerà sui giornali, sui social media, nella pubblica opinione, che inevitabilmente prenderà posizione in un senso o nell’altro. Eppure il Papa è stato chiarissimo anche a Filadelfia, dove ha ribadito che le prerogative del matrimonio, e non solo del matrimonio cattolico, sono quelle di sempre e non possono essere cambiate neppure da un sinodo straordinario sulla famiglia a cui fa seguito un sinodo ordinario. Ciò che può cambiare è il nostro atteggiamento di accoglienza e di inclusione, concretamente verso i divorziati risposati e verso gli omosessuali, dal momento che sono loro ad essere stati messi al centro della scena mediatica. Un atteggiamento di inclusione e di apprezzamento per tutto ciò che fanno di bene, e spesso di molto bene, in tanti campi della nostra società. E’ questo il senso di sentirci tutti Chiesa, con la prospettiva del Giubileo della misericordia, che non giudica, non condanna, ma non stravolge neppure le categorie della verità consolidata della tradizione”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »