Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘pareggio’

Il pareggio di bilancio e la verità storica

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 febbraio 2017

corte costituzionaledi Pietro Di Muccio de Quattro del Comitato Scientifico Società Libera. La verità è che ciò che fa dell’Italia la schiava di Bruxelles, nonché di se stessa, non è il pareggio di bilancio, ma il debito pubblico, ben superiore a quello pur iscritto nel bilancio dello Stato.
Il pareggio di bilancio fu voluto da Einaudi ed inserito nella Costituzione del 1948; purtroppo la politica interpretò a comodo suo l’espressione “mezzi per far fronte alle spese”, che significava “niente spese a debito”, e stabilì che “mezzi” significasse non solo tributi, ma anche cambiali pubbliche. La Corte costituzionale, per parte sua, avallò la legittimità costituzionale delle spese pluriennali coperte solo il primo anno. Il “combinato disposto” di questi due vizi capitali, insieme alla promulgazione presidenziale di spese non coperte, ha prodotto la valanga distruttiva incombente sull’Italia che suona irresponsabilmente la grancassa della persecuzione europea.
Come dimostrano i dati storici, i presidenti della Repubblica, i parlamenti, i giudici costituzionali succedutisi dal 1963, i quali tutti hanno contribuito a dissestare le finanze pubbliche aggirando ed eludendo il vincolo costituzionale del pareggio di bilancio (che, al contrario, avrebbero dovuto preservare), ci hanno reso politicamente schiavi ben prima che all’orizzonte scorgessimo Maastricht eccetera.
Fino a quell’anno, stabilità monetaria e oculatezza finanziaria produssero il miracolo economico. Da allora inflazione e debiti sono considerati virtù pubbliche. Il nostro Maestro di libertà e saggezza, David Hume, insegna che o la nazione distrugge il debito pubblico o il debito pubblico distrugge la nazione. Come in effetti sta accadendo anche a noi. Perché nuovi debiti dovrebbero farci arricchire, se finora i debiti pregressi ci stanno impoverendo?

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La manovra sale a 68 miliardi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2011

Napolitano invoca l’unità tra governo e opposizione parlamentare sulla stangata Bersani, Di Pietro e Casini pronti a “collaborare”. Tregua armata tra Berlusconi e Tremonti per “calmare” i mercati. Ora che ne è stato reso noto il testo definitivo, dopo che Napolitano l’ha firmata il 6 luglio e contemporaneamente Tremonti l’ha illustrata alla stampa, la manovra governativa appare ancor più devastante di quanto già sembrava dalle anticipazioni dei giorni scorsi: a regime, cioè per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2014, la stangata non sarà di 47 ma di ben 68 miliardi. Il capo dello Stato, infatti, nel firmare il decreto, l’ha accompagnato con una nota in cui osserva che per conseguire quell’obiettivo mancano alla manovra governativa ancora 15 miliardi, per trovare i quali “si dovrà procedere con gli ordinari strumenti di bilancio per il triennio 2012-2014 e i relativi disegni di legge collegati”. E in conferenza stampa Tremonti non solo ha concordato con le osservazioni del Quirinale, ma ha rincarato la dose fornendo le cifre definitive della manovra, che sono ancor più elevate di quanto era stato riportato in precedenza sui giornali: 2 miliardi per quest’anno; 6 nel 2012; 18 nel 2013, a cui si aggiungeranno però altri 2 miliardi “risparmiati” dall’assistenza (pensioni di invalidità e reversibilità, accompagnamento, ecc.); e altri 25 (e non 20, come era stato detto) nel 2014. Più, appunto, i 15 miliardi mancanti lamentati da Napolitano, il che porta il totale della manovra a ben 68 miliardi di euro. Dove pensa Tremonti di trovare i 15 miliardi non previsti nel decreto? Il ministro dell’economia ha spiegato solo che saranno rastrellati col “riordino” delle detrazioni e agevolazioni previsto nel disegno di legge delega fiscale e assistenziale che accompagna il decreto, il cui testo però è ancora sconosciuto. Cioè pescando tra le oltre 400 voci che consentono detrazioni fiscali, alcune anche assurde e anacronistiche, ma per la maggior parte legate a condizioni disagiate e oneri assistenziali: tra cui per esempio le detrazioni per carichi familiari e per lavoratori dipendenti, per spese sanitarie, interessi sui mutui casa, per assicurazioni sulla vita e antinfortunistiche, per spese assistenziali di portatori di handicap, e così via. Si parla di un bacino potenziale di oltre 100 miliardi di euro su cui il superministro intende affondare il bisturi. O meglio, farlo fare al governo che ci sarà a quel momento. Tremonti ha anche aggiunto che questa “riforma” dell’assistenza è “blindata”, nel senso che è stata prevista una clausola di salvaguardia che farà scattare tagli di pari importo e in maniera indiscriminata se il disegno di legge delega non andrà a buon fine. Ossia, come ha suggerito anche Napolitano, i 15 miliardi saranno in quel caso inseriti nella legge di stabilità ordinaria per l’anno in corso. Se non è macelleria sociale, questa, che cos’è mai?
Un’altra misura espunta dal documento definitivo, dopo il lungo tira e molla tra la Lega e il ministro dell’Ambiente Prestigiacomo, è quella sulla cancellazione degli incentivi alle energie rinnovabili. In compenso è rimasta la scandalosa cancellazione delle multe sulle quote latte difesa a spada tratta dalla Lega. Ma sono spuntate fuori altre brutte sorprese, come la supertassa dell’aumento dei bolli sui BOT, che oltretutto puzza anche di incostituzionalità perché in percentuale va a punire maggiormente i piccoli depositi di titoli in banca rispetto a quelli più grossi. E così crescono nella maggioranza i malumori per l’impatto negativo che la manovra ha anche sull’elettorato del “centro-destra”. La Lega teme conseguenze per il federalismo fiscale provenienti dai tagli a Regioni ed Enti locali, che sono sul piede di guerra perché tra la manovra dell’anno scorso e l’attuale, sono ben 22 i miliardi tagliati. Solo per i Comuni il taglio è di 7 miliardi, sottratti a sanità, asili nido, trasporti e altri servizi. Lo stesso Berlusconi è scontento per la mancata riforma fiscale subito, con la quale sperava di rialzare le sue sorti elettorali, e non nasconde tutta la sua ostilità a Tremonti, che a detta sua “è l’unico nel governo che non fa gioco di squadra”, ossia non apre i cordoni della borsa e non si sottomette ai suoi capricci, ma si comporta ormai come un superministro, l’unico di cui i mercati “si fidano” e capace di fare argine alla speculazione internazionale. (in sintesi da Il Bolscevico”)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pd: Cambiare ora si può. Insieme

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Mag 2011

Pier Luigi Bersani scrive: “A risultati definitivi possiamo dire vinciamo noi e perdono loro. Tra vittorie al primo turno e ballottaggi che si terranno tra due settimane su 35 candidati sono 28 quelli del PD. Hanno perso il PDL, la Lega, Berlusconi che ha voluto trasformare il voto in un referendum sul suo governo. Ho riso di gusto quando ho sentito i coordinatori del PDL dire che alle amministrative c’è stato ‘un pareggio’. Se per loro 3-0 è un pareggio, per me va bene così. Gli elettori hanno dato al PDL una scoppola micidiale, e non è solo il risultato ottenuto nelle grandi città a renderci orgogliosi: avevamo chiesto in questa campagna elettorale un segnale di cambiamento ed e è arrivato in maniera inequivocabile. Dal nord soffia un vento su tutto il Paese, come ho detto in conferenza stampa vinciamo a Torino e Bologna, andiamo al ballottaggio a Milano e Trieste e sono importanti le affermazioni ottenute dai candidati democratici negli altri centri della Lombardia ai danni della Lega, proprio a casa loro.
Sono felice per Piero Fassino e Virginio Merola, eletti al primo turno a Torino e a Bologna, dove l’ultima volta c’era stato il ballottaggio. Due rappresentanti del PD scelti dagli elettori del centrosinistra alle primarie. A Milano c’è stato uno straordinario successo di Giuliano Pisapia e al tempo stesso una straordinaria affermazione del Partito Democratico, primo partito in città. Non c’è niente di strano, le primarie si fanno apposta per scegliere il candidato che ha più possibilità di vincere. Ora nei ballottaggi di Milano e Napoli questo segnale va confermato per far capire a tutti che nell’azione di governo si può e si deve essere democratici, come in tutti i paesi del mondo che non si sono messi in vena il ‘ghe pensi mi’. Sono convinto che anche a Napoli e negli altri luoghi in cui non è stato possibile avere il centrosinistra unito al primo turno troveremo la chiave per compattarci e vincere”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tremonti e i conti pubblici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2011

“Esame superato? Fa male il ministro a cantar vittoria perché, in realtà, gli esami non finiscono mai. Se, infatti, il rapporto parla di una ripresa dell’economia italiana la definisce comunque di forza incerta” lo dichiara in una nota Antonio Borghesi, vicepresidente del gruppo IDV alla Camera.
“Se il rapporto Ocse, nonostante i forti dubbi, parla di una generale ripresa quello di Bankitalia dice nero su bianco che sarà necessaria una manovra da 35 miliardi di euro per raggiungere l’obiettivo di pareggio di bilancio. A ciò, si aggiungano le criticità dovute ai 300 miliardi di euro di tasse accertate e non incassate dallo stato, alle problematiche di un debito pubblico, che solo una sostanziale dismissione del patrimonio pubblico, che ammonta a 700 miliardi di euro, può ricondurre ad un livello accattabile” aggiunge Borghesi.
“Tremonti continua a dire che proseguirà nel percorso di riduzione del debito ma senza dire dove reperirà le risorse per farlo. Noi presenteremo a breve il nostro pacchetto di proposte per il risanamento dei conti senza aggiungere nuove tasse. Ci auguriamo che a luogo e tempo debito il ministro Tremonti saprà ascoltarle e confrontarsi con noi” conclude il vicepresidente del gruppo IDV alla Camera.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il pareggio tra Milan e Napoli a 3,30

Posted by fidest press agency su sabato, 26 febbraio 2011

Nel fine settimana si gioca per l’ottava giornata di ritorno del campionato di serie A. Ecco le quote Better. Un unico anticipo del sabato: alle 20:45 all’Olimpico di Torino, la Juventus (a 1,45) parte con i favori del pronostico contro il Bologna (a 7,50). La “vecchia signora” è alla ricerca di un pronto riscatto dopo la meritata sconfitta di Lecce. Domenica s’inizia alle ore 12:30: il Catania (a 2,30) ospita il Genoa (a 3,10). Etnei alla ricerca dei punti salvezza. Alle ore 15:00 altre partite. Il Bari (a 3,50) contro la Fiorentina (a 2,10) cercherà i tre punti per tenere ancora acceso un lumicino di speranza per la salvezza. Sempre per le zone di bassa classifica: scontro diretto allo stadio Rigamonti tra il Brescia (a 2,10) e il Lecce (a 3,75) mentre il Cesena (a 2,45) ospita l’ostico Chievo (a 2,90). Grande equilibrio in lavagna Better nel match del “Renzo Barbera” tra il Palermo e l’Udinese stessa quota per la vittoria, a 2,20. La Roma (a 1,55) parte nettamente favorita contro il Parma (a 6,25). Partita importante per i due mister, Montella e Marino, forse per quest’ultimo sarà determinante per il suo futuro. Al Sant’Elia il Cagliari (a 2,60) di Donadoni affronterà la Lazio (a 2,75) di Edy Reja. Partita equilibrata secondo le quote Better. Chiude la domenica il posticipo serale allo stadio Ferraris tra la Sampdoria (a 3,85) e l’Inter (a 1,95). L’ottava giornata termina con il big match di lunedì, allo stadio Meazza, il Milan (a 1,85) riceve il Napoli (a 4,50).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Better, serie A: il pareggio tra Inter e Roma a 3,40

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 febbraio 2011

In questo fine settimana si gioca per la quinta giornata di ritorno del campionato di serie A. Ecco le quote Better. Nei due anticipi del sabato, il pomeriggio la rivelazione Udinese (a 1,60) riceve la Sampdoria (a 5,75) che nelle ultime quattro partite ha ottenuto un solo punto; nel serale il Cagliari (a 3,00) ospiterà la Juventus (a 2,40) dell’ex Matri. Domenica s’inizia alle ore 12:30 con la partita del Dall’Ara tra il Bologna (a 2,15) del bomber Di Vaio e il Catania (a 3,80) di stampo argentino. Alle 15:00, il Brescia (a 2,05), il Lecce (a 3,20) e il Parma (a 2,40) cercheranno di sfruttare il fattore campo e prendere punti preziosi per la salvezza rispettivamente contro il Bari (a 3,60) fanalino di coda, il Palermo (a 2,30) dei giovani e la Fiorentina (a 3,10) del ritrovato Mutu. La Lazio (a 1,80) e il Napoli (a 1,25) cercheranno in casa i punti Champions, rispettivamente contro il Chievo (a 4,50) e il Cesena (a 14,00). Il capolista Milan (a 2,00) è atteso dalla trasferta del Marassi contro il Genoa (a 3,75) di Ballardini. Chiude la quinta giornata il posticipo serale che è anche il big match, tra l’Inter (a 1,90) di Leonardo e la Roma (a 4,00) di Ranieri.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Champions League: quotazione Milan e Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 19 ottobre 2010

Questa sera scendono in campo due squadre italiane per la Champions League. La Roma, impegnata in casa contro il Basilea per il terzo turno del girone E e il Milan, a Madrid contro il Real, per il girone G. Ecco le quote Better su alcune tipologie di giocata diverse dal classico 1X2. Per chi crede in una partita con pochi gol all’Olimpico è interessante la quota UNDER 2,5 (a 2,0) o Somma gol finale 2 GOL (a 3,20). Il risultato esatto 1-0 (a 7,00), 2-0 (a 7,50), 2-1 (a 7,50), con una vittoria sofferta per la squadra di Ranieri ha quote interessanti. Per la trasferta del Milan sul campo del Real Madrid di Mourinho, il pareggio a reti inviolate è quotato a 11,00. Le vittorie di misura delle “merengues” per 1-0 o per 2-1 sono quotate rispettivamente a 7,00 e a 7,50. Il successo in trasferta dei rossoneri per 0-1 è quotato a 13,00 e l’1-2 è a 15,00. Il pareggio spettacolare, con gol ed emozioni, per 2-2, è in lavagna Better a 15,00. Quote avvincenti anche sull’ESITO 1 TEMPO/FINALE: l’ X-1 (a 4,15) o l’X-2 (a 8,00), con un primo tempo combattuto ed equilibrato e un secondo tempo concretizzato da una delle due squadre con un’invenzione di una delle sue stelle.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Calcio europei: secondo turno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 settembre 2010

Secondo turno delle qualificazioni per gli Europei. L’Inghilterra di Fabio Capello, dopo la netta vittoria contro la Bulgaria, è chiamata ad una prova non facile a Basilea contro la temibile Svizzera, unica squadra a battere ai Mondiali la Spagna campione del Mondo. Per i quotisti Better gli inglesi sono i favoriti. Per chi cerca una scommessa diversa dall’esito finale 1X2, è interessante il pareggio con il risultato esatto per 2-2 tra le due compagini, quotato a 15,00. Un primo tempo combattuto che si chiude con un pari è quotato a 2,15. Le due squadre che segnano almeno un gol per parte, a prescindere dal risultato finale, è quotato a 1,75.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mondiali: due partite due pareggi

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2010

Durante la partita sul campo di Nelspruit d’Italia-Nuova Zelanda si sono visti solo due gol, uno per parte ad opera di Smeltz e di Laquinta. La doccia fredda è venuta al 7’ del primo tempo con la rete neozelandese su calcio piazzato e solo al 29’ l’Italia ha raddrizzato il tiro con un rigore. Ora nel nostro girone è il Paraguay a guidare la classifica con 4 punti seguita da Italia e Nuova Zelanda con due e la Slovacchia con uno. Significa in pratica che se l’Italia non vince nel prossimo incontro con la Slovenia può fare le valige e tornarsene a casa. Ma cosa non ha funzionato? E’ mancato, secondo molti osservatori, quel tocco di fantasia in attacco per permettere alle punte di tirare in porta con efficacia e continuità. In pratica il nostro attacco è apparso “statico” per non dire inconcludente. Ha insistito con i numerosi corner tirati a giocare la palla alta sul mucchio dei giocatori che si addensavano nell’area del portiere neozelandese senza capire che erano tutti facile preda dei difensori molto alti ed atletici. Ciò che non ci è andata giù, per dirla con franchezza, è che una squadra di professionisti super pagati, con qualità atletiche e professionali di alto livello hanno dovuto subire per novanta minuti l’attacco di undici dilettanti, e per dirla alla Corrado, mandati allo sbaraglio. Onore ai neozelandesi, ovviamente, ma la nostra critica è per quel calcio che sta perdendo sempre più il suo sapore di sana competizione, di forza e di generosità per diventare qualcosa di diverso che non ci piace.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mondiali: L’Italia non va oltre il pareggio

Posted by fidest press agency su martedì, 15 giugno 2010

Mondiale: gli azzurri contro il Paraguay pareggiano 1 a 1. A segnare per primo è il paraguayano Alcaraz. Bisogna attendere il secondo tempo con il pareggio di De Rossi. Cosa non ha funzionato? Probabilmente la mancanza di idee. Gilardino è lasciato solo con pochi passaggi. Alcaraz può segnare per un pallone perso da Cannavaro. Negli spogliatoi Buffon dà forfè per il riacutizzarsi della sua sciatica e lo sostituisce Marchetti, il suo secondo. Dopo il gol del pareggio l’Italia cerca invano il gol della vittoria, ma inutilmente. Le occasioni non mancano ma vengono, una dietro l’altra, sprecate. I Paraguayani provano una reazione ma per nostra fortuna la difesa regge. Ora siamo in attesa della seconda partita del girone tra la Nuova Zelanda e la Slovacchia. Tutto non è perduto ma siamo riusciti a complicarci la vita.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso il pareggio energetico del settore

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 Mag 2010

“Le preoccupanti notizie sul maltempo di queste ore dimostrano, una volta di più, che c’è, per il territorio, un urgente “mercato del bisogno”, nel quale i consorzi di bonifica si inseriscono con un piano di progetti, immediatamente cantierabili che, non solo darebbero una concreta risposta alle emergenze idrogeologiche, ma fornirebbero un fattivo contributo al problema occupazione. A questa “cultura del fare”, dobbiamo affiancare la “cultura dell’informare” per sancire un nuovo patto associativo con i consorziati nel nome dei “valori della persona.”>  Lo ha affermato il presidente, Massimo Gargano, concludendo a Squillace, nel catanzarese, i lavori della 5° Conferenza Organizzativa dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni, da cui parte un’altra sfida.  <I consorzi di bonifica e di irrigazione – ha affermato Gargano – potrebbero essere il primo settore a bilancio energetico in pareggio, grazie ad esperienze nel campo delle energie rinnovabili, già presenti in singoli consorzi e che vanno estese all’ambito nazionale. Sarebbe un ulteriore concreto contributo alle sfide del “sistema Paese” al cui dibattito, il nostro mondo – ha proseguito il presidente A.N.B.I. – deve partecipare anche sui grandi temi. Chi, più dei consorzi di bonifica che quotidianamente applicano principi quali autogoverno e sussidiarietà, ha titolo per intervenire sulla questione nazionale del “federalismo cooperativo”? E’ un tema, che ci deve vedere protagonisti nel territorio e nelle comunità, verso le quali deve continuare lo sforzo per garantire efficacia ed efficienza operativa, garantendo tutela e gestione delle risorse idriche ed incentivando la partecipazione degli utenti.> Temi questi, al centro di tre giorni di serrato dibattito, organizzati dall’Unione Regionale Bonifiche Calabria che, proprio in questa occasione, ha  dimostrato efficacemente il proprio rapporto con il territorio. <Il nostro futuro – ha concluso Gargano – sarà quello, che sapremo costruirci.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coppa Italia, snobbato il pari

Posted by fidest press agency su martedì, 4 Mag 2010

La finale di Coppa Italia tra Roma e Inter propone una sfida accesissima dopo le tante polemiche degli ultimi giorni. Con queste premesse, quasi nessuno sembra credere in un pareggio: in casa Matchpoint gli scommettitori si dividono tra chi crede nel “riscatto” giallorosso e chi nella supremazia nerazzurra. Attualmente il 35% dei pronostici raccolti da Matchpoint sono per rivolti ai capitolini,mentre per l’undici di Mou le preferenze toccano il 55%. Praticamente identiche le quote, con la Roma a 2.6 e l’Inter a 2.65. Solo uno scarso 10% per il pareggio (a 3.2), che solitamente invece domina nelle sfide così equilibrate.  Discorso diverso per le altre tipologie di scommessa, dove si gioca a senso unico su una gara ricca di gol: il goal (1.62) e l’ over (1.85) la fanno da padroni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campionato di calcio in Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 3 aprile 2010

Il campionato è vivo e appassionante non solo in Italia. In Inghilterra e Germania la lotta è apertissima e questo weekend, ricco di scontri diretti, potrebbe rivelarsi decisivo.  In Premier, il Chelsea di Ancelotti, forte del 7-1 rifilato all’Aston Villa, proverà ad espugnare l’Old Trafford di Manchester per portarsi a -1 dai Reds (e con una partita da recuperare). Con Rooney sarebbe favorito lo United, ma la sua assenza pesa sulle quote, praticamente alla pari: per Matchpoint Blues a 2.7, Reds a 2.65.  Scontro al vertice e quote alla pari anche per il big match di Bundelsliga, dove si affrontano Schalke e Bayern, prime pari merito con 55 punti a testa. La lavagna Matchpoint “vede” equilibrio totale, con quota a 2.65 per il segno 1 e per il segno 2, mentre un pari è a 3.2. Pareggio che farebbe felice il Leverkusen (2.2), terzo a -2 dalla vetta, impegnato a Francoforte (3.2).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elettori e candidati alle urne

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2010

Roma 28 marzo. La giornata di domenica si sta concludendo in maniera tranquilla. Al cronista non resta da fare che inseguire i politici per una dichiarazione al foto-finish. Non mancano, ovviamente, le battute ad effetto. Sul taccuino annota che Berlusconi si è presentato al seggio alle 11,40 e si è trattenuto giusto il tempo di votare e di scambiare qualche battuta con i giornalisti. Di Pietro, da Curno, non trascura qualche sua “frecciatina” con la punta al vetriolo nei confronti del capo del governo reo, a suo avviso, di violare le leggi e la democrazia”. Bersani ci regala un quadretto familiare mentre si reca al seggio a Piacenza con la moglie Daniela e la figlia Elisa. Poi vengono Formigoni, la Polverini e la Bonino. Il primo a Milano e si preoccupa di far sapere che auspica una forte partecipazione degli elettori, e le altre a Roma rispettivamente nel quartiere San Saba e alla scuola “Virgilio”. Sono serene e ci dicono, nonostante l’ora legale che ha fatto spostare le lancette in avanti, d’aver dormito bene e a lungo. In modo più discreto si muove la candidata alla presidenza della Regione Piemonte Mercedes Bresso recandosi nel seggio della Scuola Olivetti a Torino. Vendola, il governatore uscente della Puglia, si fa sorprendere dai fotografi mentre mette la scheda nell’urna dispensando, al tempo stesso, un largo sorriso. Domani mattina avremo un’altra tornata elettorale e nel pomeriggio incomincerà lo spoglio delle urne e la ricorsa degli exit pool nel tentativo d’anticipare le linee di tendenza dell’elettorato e di indicarci la vittoria degli uni e la sconfitta degli altri o un possibile pareggio.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »