Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 221

Posts Tagged ‘parola’

“Perseverance” è la parola inglese dell’anno 2021

Posted by fidest press agency su sabato, 18 dicembre 2021

È “perseverance” la “Parola dell’anno” 2021 (Word of the Year 2021) secondo Cambridge, che ha analizzato le ricerche effettuate dagli utenti all’interno del Cambridge Dictionary. Il termine, che si può tradurre in italiano con “perseveranza” ed è definito dal Cambridge Dictionary* come “lo sforzo continuo per fare o ottenere qualcosa, anche quando è difficile o richiede molto tempo”, è stato cercato in tutto il mondo più di 243.000 volte nel corso del 2021.Prima di quest’anno, il termine non è mai comparso in modo evidente tra le ricerche effettuate sul sito e il picco si è verificato in particolare tra il 19 e il 25 febbraio, dopo che il rover Perseverance inviato dalla NASA è atterrato su Marte il 18 febbraio 2021 per trovare e studiare tracce fossili di vita. “Perseverance non è una parola comune o particolarmente utilizzata nel quotidiano e non è strano, quindi, che ci siano dei picchi nelle ricerche in quel periodo”, ha commentato Wendalyn Nichols, Publishing Manager di Cambridge Dictionary. “Proprio come ci vuole perseveranza per far atterrare un rover su Marte, serve perseveranza anche per affrontare le sfide che stiamo trovando lungo il cammino a causa dell’emergenza sanitaria, dei disastri climatici, dell’instabilità politica e dei conflitti”.Cambridge Dictionary è il miglior sito web al mondo per studenti di inglese ed è uno strumento completamente gratuito. Il suo ricco dizionario, il thesaurus e le risorse grammaticali sono creati e messi a disposizione degli utenti dall’esperienza e dal lungo lavoro di Cambridge nel campo dell’apprendimento linguistico e dell’istruzione. “Il Cambridge Dictionary è una risorsa straordinaria per gli studenti che stanno preparando un esame di lingua inglese in quanto fornisce loro un solido punto di riferimento da utilizzare come parte della loro pratica e preparazione quotidiana”, ha commentato Nick Beer, Country Director Italy per Cambridge Assessment English. “Perseverance è una parola particolarmente appropriata per gli studenti di lingua inglese di tutto il mondo: imparare l’inglese, infatti, è molto più che memorizzare parole e frasi, ci vogliono molta motivazione e pratica costante”.Ad aiutare le persone a sviluppare e a migliorare il proprio inglese anche gli altri contenuti del sito Cambridge Dictionary, come la nuova pagina del Cambridge Thesaurus dedicata a “perseverance” che alla definizione aggiunge anche una lista di parole dedicate alla determinazione per aiutare gli utenti ad approfondire il termine e a capire le sfumature e le differenze tra i vari sinonimi. Tra questi determination e single-mindedness (entrambi traducibili in italiano con “determinazione”), ma anche persistence (persistenza), doggedness (caparbietà), tenacity (tenacia), resolve (risolutezza), will (volontà) e il termine statunitense stick-to-it-iveness (insistenza). A questo si aggiunge la nuova lista di parole legate alla determinazione creata dal team Cambridge e dedicata agli studenti di Cambridge Dictionary +Plus, piattaforma dove gli utenti possono creare, scaricare e condividere le loro liste di parole, così da memorizzarle più facilmente; la ricerca, infatti, mostra che le persone imparano nuovi vocaboli in modo più efficace quando ne tengono una traccia scritta alla quale rivolgersi in caso di bisogno. In particolare, l’elenco di parole condiviso dal team Cambridge include il vocabolario relativo alla “perseveranza” in modo che gli studenti di lingua inglese possano facilmente scoprire di più sulla parola dell’anno espandendo contemporaneamente il loro lessico.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Patti Smith: La forza della parola”

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2021

Lutti e gravi perdite hanno scandito la sua vita, lei in cambio non si è mai risparmiata e ha contribuito a cambiare il potere della parola declinandola in musica e poesia, grido e contestazione. New York e Parigi hanno accolto Patti Smith, l’hanno accudita e nutrita, restituendo al mondo un’artista in grado di ricordarci che «people have the power»; un merito che va condiviso però con tutte le persone che sono entrate nella sua vita, anche se molte di loro in maniera indiretta attraverso opere o lasciti. Patti Smith non sarebbe stata la stessa senza i versi di Rimbaud, senza quel suo personale rapporto con Dio, senza il Chelsea Hotel e la St. Mark’s Church in the Bowery, senza la relazione simbiotica con Robert Mapplethorpe, senza gli amici della Beat Generation o senza l’amore di Fred “Sonic” Smith perché la sua arte non può prescindere dall’esperienza vissuta, sempre forte della convinzione che «paths that cross will cross again». Una vita poliedrica, la sua, fatta di avvenimenti che ti segnano, per questo la sua produzione spazia dalla musica alla letteratura, dalla fotografia ai reading; il medium che si adegua alle necessità espressive dell’artista e viceversa in un nesso osmotico.PATRIZIA DE ROSSI è nata a Roma, dove vive e lavora come giornalista, autrice e conduttrice di programmi radiofonici. Nel 2020 con Diarkos ha pubblicato il suo terzo libro su Luciano Ligabue, Re Start, per celebrare i trent’anni di carriera dell’artista emiliano. In precedenza su di lui aveva scritto Certe notti sogno Elvis (1995), primo in assoluto sul Liga, con prefazione dello stesso, e Quante cose che non sai di me. Le 7 anime di Ligabue (2011). Nel 2015 pubblica Autostop Generation, aneddoti e interviste a personaggi che hanno raccontato una filosofia degli anni Settanta. Nel 2014 ha pubblicato Bruce Springsteen e le donne. She’s the one, un libro sulle figure femminili nelle canzoni del Boss e su come queste siano cambiate nel corso degli anni, rimanendo sempre una costante imprescindibile e fondamentale. Nel 2012 scrive Gianna Nannini Fiore di Ninfea, excursus critico tra rock e tradizione, musica e arte nella vita dell’artista senese. Nel 2005 – in collaborazione con Ermanno Labianca – pubblica su Ben Harper, Arriverà una luce. Dal 2006 è direttore responsabile di «Hitmania Magazine», periodico di musica, spettacolo e culture giovanili.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Patti Smith. La forza della parola” di Patrizia De Rossi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 febbraio 2021

Lutti e gravi perdite hanno scandito la sua vita, lei in cambio non si è mai risparmiata e ha contribuito a cambiare il potere della parola declinandola in musica e poesia, grido e contestazione. New York e Parigi hanno accolto Patti Smith, l’hanno accudita e nutrita, restituendo al mondo un’artista in grado di ricordarci che «people have the power»; un merito che va condiviso però con tutte le persone che sono entrate nella sua vita, anche se molte di loro in maniera indiretta attraverso opere o lasciti. Patti Smith non sarebbe stata la stessa senza i versi di Rimbaud, senza quel suo personale rapporto con Dio, senza il Chelsea Hotel e la St. Mark’s Church in the Bowery, senza la relazione simbiotica con Robert Mapplethorpe, senza gli amici della Beat Generation o senza l’amore di Fred “Sonic” Smith perché la sua arte non può prescindere dall’esperienza vissuta, sempre forte della convinzione che «paths that cross will cross again». Una vita poliedrica, la sua, fatta di avvenimenti che ti segnano, per questo la sua produzione spazia dalla musica alla letteratura, dalla fotografia ai reading; il medium che si adegua alle necessità espressive dell’artista e viceversa in un nesso osmotico.
PATRIZIA DE ROSSI è nata a Roma, dove vive e lavora come giornalista, autrice e conduttrice di programmi radiofonici. Nel 2020 con Diarkos ha pubblicato il suo terzo libro su Luciano Ligabue, Re Start, per celebrare i trent’anni di carriera dell’artista emiliano. In precedenza su di lui aveva scritto Certe notti sogno Elvis (1995), primo in assoluto sul Liga, con prefazione dello stesso, e Quante cose che non sai di me. Le 7 anime di Ligabue (2011). Nel 2015 pubblica Autostop Generation, aneddoti e interviste a personaggi che hanno raccontato una filosofia degli anni Settanta. Nel 2014 ha pubblicato Bruce Springsteen e le donne. She’s the one, un libro sulle figure femminili nelle canzoni del Boss e su come queste siano cambiate nel corso degli anni, rimanendo sempre una costante imprescindibile e fondamentale. Nel 2012 scrive Gianna Nannini Fiore di Ninfea, excursus critico tra rock e tradizione, musica e arte nella vita dell’artista senese. Nel 2005 – in collaborazione con Ermanno Labianca – pubblica su Ben Harper, Arriverà una luce. Dal 2006 è direttore responsabile di «Hitmania Magazine», periodico di musica, spettacolo e culture giovanili.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prendere la parola

Posted by fidest press agency su martedì, 28 Maggio 2019

Di fronte al riemergere di pulsioni che partono dal populismo per arrivare all’autoritarismo, “è il tempo di uscire dall’astensione, dal prendere cautamente le distanze, dalla litania dei distinguo. Questo è il tempo del coraggio”. Sono le parole del direttore di Repubblica Carlo Verdelli nell’editoriale di presentazione del restyling del quotidiano. “In questo giornale”, conclude, “abbiamo già deciso: alzeremo la voce”. Dagli striscioni contro il ministro dell’Interno Matteo Salvini esposti sui balconi (Valigia Blu) alla risposta del direttore del Tg di La7, Enrico Mentana, alle critiche sui contenuti dei telegiornali italiani (La7), emerge sempre più l’esigenza di “alzare la voce” e “prendere la parola”. E spesso sono figure femminili a farlo, inserendosi in un percorso di manifestazione del dissenso che molte donne in Italia hanno espresso, finendo in alcuni casi per essere oggetto di critiche e attacchi.La vocazione a dissentire – In questo contesto, appare cruciale allora il ruolo degli intellettuali, in particolare quelli “eterodossi”, che con il loro pensiero non allineato rendono possibile la dinamica del mutamento. Oggi chi fa ricerca, chi produce e promuove cultura deve avere il coraggio di esserci. Non per somministrare ricette salvifiche, ma per offrire un argine alla lettura propagandistica dei fatti, per non arrendersi al monologo piatto del “non c’è alternativa”, per allentare – con il potere del racconto e della condivisione di informazioni ed esperienze – la diffidenza che oggi sfilaccia il legame sociale. Di questi tempi serve restare e rimboccarsi le maniche.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Studenti: “Difendete la vostra libertà con il coraggio della parola”

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 novembre 2018

Difendere la libertà ed essere protagonisti della propria vita per un reale cambiamento e perché la comunità sia sempre migliore e più somigliante a come la si vuole. Questo il messaggio partito oggi dall’Istituto Superiore “Fermi” di Catanzaro, dove l’Fsp Polizia – Federazione sindacale di Polizia ha organizzato la presentazione del libro “Fai silenzio ca parrasti assai”, scritto dal procuratore aggiunto di Cosenza, Marisa Manzini. Il magistrato, i vertici del Sindacato di Polizia e l’associazione Fervicredo (Feriti e Vittime della criminalità e del Dovere), cui la Manzini ha scelto di destinare tutti i proventi del libro, hanno parlato agli studenti delle terze, quarte e quinte classi partendo dal volume in cui la Manzini ha raccolto tante esperienze di una vita vissuta contrastando la ‘ndrangheta, per diffondere un forte segnale di speranza e di coraggio spronando i giovani ad essere i veri autori di una svolta per una terra bellissima e ricca di potenzialità come la Calabria, imparando a fare scelte nette che testimonino da quale parte si intende stare.“Saper scegliere dalle piccole cose di ogni giorno fino ai grandi momenti della propria vita restando senza compromessi nell’alveo della legalità, rifiutando i compromessi e ribellandosi a chi vuole imporre silenzio e omertà”, questo è stato il motivo conduttore di tutti gli interventi che si sono susseguiti dopo i saluti della dirigente scolastica, Teresa Agosto, moderati da Giuseppe Brugnano, Segretario nazionale Fsp Polizia. “Sono convinta che il contrasto alla criminalità e alla cultura mafiosa non può essere limitato alla pur fondamentale azione repressiva, ma è indispensabile una rivoluzione delle coscienze, un’assunzione di responsabilità da parte di ogni cittadino, del coraggio e dell’onestà nelle piccole e grandi scelte di ogni giorno. E’ necessaria anche la rivoluzione della parola” ha aperto la strada l’onorevole Wanda Ferro, componente della Commissione parlamentare antimafia che, trattenuta a Roma per i lavori a Montecitorio, ha affidato il suo pensiero a un messaggio letto ai presenti.“E’ indispensabile capire quando dire sì e quando dire no, senza se e senza ma – ha detto poco dopo il deputato Antonio Viscomi -, sapendo riconoscere i comportamenti mafiosi che possiamo avere intorno in tutti i contesti, perché il mafioso non è più quello con la coppola, ma chiunque intenda usare un potere di condizionamento delle nostre scelte. Ma saper scegliere liberamente è indispensabile, perché non possiamo delegare ad altri le nostre scelte quotidiane. Attraverso quelle – ha concluso il parlamentare facendo un appello ai ragazzi – a voi è affidata l’opera di rigenerazione di questa società, a noi, politici in primis, quella di dimostrare la credibilità delle istituzioni”.“Due sono le cose fondamentali in cui credo specie dopo la mia esperienza di vita – ha detto poi Mirko Schio, presidente di Fervicredo, costretto su una sedia a rotelle quando, da poliziotto, fu gravemente ferito in un conflitto a fuoco con dei trafficanti di armi -. Una è l’importanza di scegliere da che parte stare, subito e sempre, specie da ragazzi quando si ha una vita di fronte a cui dare un senso; e l’altra è capire che nulla è impossibile, ma che ciascuno può e deve trovare il modo di dare il proprio contributo per cambiare le cose in meglio, come io ho imparato a fare seduto su questa carrozzina, da cui lavoro ogni giorno con tanti amici di Fervicredo per migliorare la vita di altri”.“Siamo poliziotti e oggi stiamo qui con voi per ribadire che Forze dell’ordine e magistratura sono sempre al vostro fianco in difesa della libertà – ha voluto rimarcare Franco Maccari, Vice Presidente nazionale Fsp -. E lo facciamo anche in questo modo, andando al di là del nostro servizio quotidiano, proprio come la dottoressa Manzini che, con una generosità non comune, oltre a sacrificarsi ogni giorno per la legalità si spende soprattutto per i giovani. Il senso di tutto questo è uno: e cioè che il nostro lavoro continuo e costante non può bastare senza il vostro coinvolgimento. Perché senza l’impegno delle singole persone nel fare quotidiano un vero cambiamento non si può realizzare”.“Voi siete una generazione che ha una marcia in più – ha detto ai ragazzi insistendo sul tema anche Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia -, perché avete lo strumento della parola e della denuncia rispetto a temi come la ‘ndrangheta che fino a qualche anno fa ancora qualcuno addirittura negava esistesse. Avete gli strumenti per difendere la vostra libertà, per affermare la vostra dignità, per tradurre in gesti concreti il coraggio che serve per essere protagonisti delle proprie vite, rifiutando scorciatoie e convenienze che portano alla schiavitù, magari scegliendo strade più lunghe e faticose ma che portano alla reale affermazione di se stessi. Strumenti che dovete usare con fiducia, perché troverete sempre Forze dell’ordine e magistrati al vostro fianco, troverete sempre chi vi scolta, chi vi protegge, chi vi sostiene, in qualsiasi circostanza. Avete la certezza che noi ci siamo, quindi l’unica cosa che resta da capire è se voi volete essere da questa stessa parte”.
“Abbiamo il dovere di tenere quei comportamenti che diano vita a una società così come la vogliamo, usando il dirompente potere della parola e della denuncia – ha rimarcato in una diversa maniera anche il procuratore Manzini parlando del suo volume -. E il titolo che ho scelto per il libro, riportando le parole di un boss di ‘ndrangheta, è chiarissimo in questo senso, perché se la criminalità vuole il silenzio allora noi dobbiamo fare una sola cosa: parlare. Se io non ho il coraggio di dire ciò che non accetto, e di denunciarlo, allora io quella cosa la avallo. Ma in realtà parlare e rifiutare certi comportamenti dovrebbe essere la normalità. Una normalità di cui ci dobbiamo riappropriare, con il sostegno che in questo senso ci viene dalle Forze dell’ordine e dalle altre istituzioni, perché la criminalità si crede e vuole apparire forte, ma noi, tutti insieme, siamo più forti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dimitte voces accipe sensum

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 marzo 2018

Tralascia la parola, cogli il senso. E’ questa la regola d’oro tra quanti ascoltano il “vociare” della politica, fatta di promesse, di bugie, di disinformazione, di provocazioni e chi più ne ha più ne metta.
Abbiamo tante, tantissime parole in libera uscita che è arduo dare loro un ordine, una misura, una spiegazione logica. E’ che, come nel detto latino, dobbiamo abituarci, per vederci chiaro, a capire ciò che si nasconde dietro il paravento delle parole. Le promesse elettorali di questi giorni rappresentano un campione di parole vendute al vento, raccolte dagli ingenui, smerciate dai furbi e dagli opportunisti delle opposte fazioni per gli usi di comodo. Se fossimo andati diritto alle riserve mentali che opportunamente nascondevano e ne avessimo colto il senso, con molta probabilità oggi saremmo più arrabbiati di prima, più offesi nei confronti di chi ha carpito la nostra buona fede, per aver fatto mercimonio delle nostre idee e principi.
Possibile che non siamo tanto maturi da andare oltre e fermarci solo per coglierne il senso? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Storia e storia della parola: il caso “patria”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 febbraio 2018

Perugia martedì, 13 febbraio, ore 14.00 Palazzina Valitutti, Sala professori Francesco Bruni, professore di Storia della lingua italiana all’Università Ca’ Foscari di Venezia, accademico della Crusca, dei Lincei e degli Agiati, terrà una conferenza sulla storia della parola e sul caso ‘patria. L’evento s’inserisce nell’ambito delle attività didattiche promosse dalla Scuola di dottorato in scienze umane e sociali della Stranieri, diretta dalla professoressa Giovanna Zaganelli che si articola in comunicazione della letteratura e della tradizione culturale italiana nel mondo; cooperazione alla pace e allo sviluppo; scienza del libro e della scrittura; scienze del linguaggio.
Professor Bruni sul significato di ‘patria’: si tratta di una parola importante?
“È importante perché appartiene a una famiglia di parole che dimostra, tanto per fare un esempio, come ci sia una grande elasticità nei significati che le parole che possono avere. Patria deriva da ‘pater’, quindi è una parola che, insieme con ‘madre’, ci riporta alle origini della vita. È una parola profondamente legata alla biologia. È una parola della ‘famiglia’ in senso stretto: marito moglie, padre, madre e figli. Per lo Stoicismo, una delle correnti filosofiche della cultura greca classica, la patria del sapiente è il mondo. Andiamo dallo stretto ‘privato’ della famiglia mononucleare al mondo come patria del sapiente, che non è legato ad una città, ad uno Stato, perché con la sua sapienza può abitare dappertutto. Si passa dal privato all’universale e dalla concretezza della biologia, e della realtà familiare, all’astratto”.
Francesco Bruni, nato a Perugia, è un linguista e storico della letteratura italiana. Ha studiato Lettere classiche all’Università di Napoli, allievo di Salvatore Battaglia, con cui si laureò nel 1965, discutendo una tesi di filologia romanza. Autore di importanti e numerosi libri diventati pilastri nel mondo accademico nazionale e internazionale, e soprattutto tra gli studenti e appassionati di Storia della lingua.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terrorismo: La parola e la retorica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 agosto 2017

terrorismo“Mentre l’Europa è sotto attacco da parte di fondamentalisti islamici che colpiscono le nostre società nella propria intimità, facendoci capire (se solo lo capissimo) che da nessuna parte saremo al sicuro dal loro odio, il Premier Gentiloni che fa? Rilancia con la scellerata proposta dello ius soli e con la becera retorica dei muri brutti e cattivi”. Lo dichiara l’On. di Forza Italia Sandra Savino.
“Viene da domandarsi – continua Sandra Savino – se si tratti di una presa in giro, di uno scherzo di cattivo gusto o di una forma di schizofrenia delirante. Perché davvero ce ne vuole di coraggio, con dei cadaveri di italiani ancora caldi, a fare proposte del genere. Una tempistica veramente geniale, complimenti!”“Penso – prosegue la parlamentare – che dovere di chi ricopre una carica come quella di Primo Ministro sia non solo di rispettare l’intelligenza dei cittadini evitando di dire banalità e idiozie del genere e di interpretare i sentimenti di rabbia e di sconforto che ad ogni attentato tornano naturalmente a galla ma quello di dare risposte vere e concrete, che vadano oltre la trita e ritrita, ammuffita e offensiva retorica del ‘vogliamoci bene’”. “Con quella, caro Presidente, si ottiene forse qualche consenso nei salotti della sinistra sedicente intellettuale, non si rappresenta di certo lo stato d’animo di sempre maggiore tensione, esasperazione e paura che si respira nelle periferie delle città di questo Paese”, conclude l’esponente di Forza Italia.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vita da cani. Capiscono parole e tono della voce: gli manca la parola?

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

animali_domestici“Pappaaaa!!!”. La parola e’ magica: si interrompe qualsiasi attivita’, anche quella preferita del mio amico carlino, cioe’ dormire. Mi punta in piedi sulle quattrozampe, posizione plastica, occhi sgranati fuori dalle orbite, testolina leggermente piegata sulla destra, alternata alla sinistra. Linguetta leggermente fuori, insomma espressione di facile lettura, Perry e’ pronto allo scatto per la ciotola.
I cani hanno la capacita’ di distinguere i vocaboli e l’intonazione della voce umana. Ma, e questa e’ la vera novita’ scientifica, lo fanno attraverso regioni del cervello simili a quelle che usano gli uomini. Lo dimostra un nuovo studio che appare su ‘Science’, a firma di scienziati della Semmelweis University di Budapest (Ungheria).
“Si va al bar?” Espressione miracolosa e Leon si presenta alla porta e guarda guinzaglio, bandana e attrezzatura varia utile per andare in quel luogo di delizie chiamato “bar”. Al “bar”, infatti, se ti presenti a quattrozampe e con la coda, fai la faccia da morto di fame, occhio languido e goccia che cola dalla bocca, c’e’ la certezza che dall’alto cadano una marea di prelibatezze.
Attila Andics, etologo della Eötvös Loránd University di Budapest, ha misurato l’attivita’ neurale di 13 cani addestrati per rimanere immobili in una risonanza magnetica funzionale (fMRI), mentre ascoltavano una serie di frasi pronunciate dal loro addestratore. I cani hanno udito complimenti pronunciati in tono di lode; complimenti pronunciati in tono neutrale; e parole senza significato emesse sia in tono di lode, sia neutro. L’emisfero sinistro si e’ attivato in modo preferenziale per distinguere le parole con un significato da quelle senza senso, proprio come avviene nell’uomo, e in modo indipendente dall’intonazione; quello destro e’ apparso invece attivo nel discriminare le parole pronunciate in tono di lode da quelle neutre (un meccanismo che vale per tutti i suoni umani o canini, e non solo per le parole di senso compiuto).
“Chi e’ stato?” se davanti ad un qualche danno dico questa frase con tono arrabbiato, la risposta e’ nel loro comportamento: sguardo basso o girato da un’altra parte, coda tra le gambe. C’e’ mi si struscia addosso per farmi giocare e distrarre e chi quando possibile scappa via dal luogo del misfatto! Ma dalla faccia, il colpevole si trova sempre. Indizio o prova certa che sia!
Ancora sicuri che gli manchi la parola? (Donatella Poretti, curatrice della rubrica Aduc “Vita da cani”)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Paolo Curtaz: Sul dolore

Posted by fidest press agency su domenica, 27 Maggio 2012

Parole che non ti aspetti 3ª edizione marzo 2012 Collana DIMENSIONI DELLO SPIRITO Formato 13,5 x 21 cm – BROSSURA Numero pagine 252 CDU 22H 226 ISBN/EAN 9788821572937 Prezzo copertina € 15,00 Al cuore del mistero del dolore e della sofferenza. Il saggio più intenso di Paolo Curtaz. Perché esistono il dolore e la sofferenza? Paolo Curtaz riflette su uno dei grandi misteri della vita di ogni persona. La sofferenza, specie la sofferenza dell’innocente, è l’unica seria obiezione all’esistenza di un Dio buono e compassionevole e, da sempre, rappresenta un problema serio per chi accoglie il volto del Padre che Gesù ci ha svelato. Perché soffriamo? A cosa serve il dolore? Questo saggio riflette, con semplicità , sulla sofferenza, interrogando la Parola di Dio, senza voler dare una risposta esaustiva che la Bibbia stessa non offre. Paolo Curtaz, uno degli autori spirituali più apprezzati e originali di questi anni, porta in questo volume intenso e profondo vicende personali e di altre persone segnate dal dolore, senza nessuna pretesa di dare risposte scontate, ma con il desiderio di seguire le poche tracce di luce che emergono dalla riflessione biblica e dall’esperienza di chi è passato attraverso la sofferenza riuscendo a scorgere una prospettiva di speranza.(paolo curtaz)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soffocare la “parola”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 giugno 2011

Non è solo il primato delle dittature quello di perseguire la libertà di parola con il reato d’opinione. Lo fanno anche le democrazie cosiddette compiute anche se al posto delle carceri e delle torture si adottano metodi più “raffinati e subdoli” come la calunnia, la disinformazione, il bavaglio all’informazione tramite il controllo dei mass-media e via di questo passo. Tutto ciò parte da un atto di presunzione: io solo sono il portatore della verità. Ma è anche dovuto a calcoli di più basso profilo come la possibilità di accedere a lauti profitti con il celare notizie che possono svelare manovre truffaldine. Alla fine la “parola” come testimone di verità diventa un’arma a doppio taglio: veritas odium parit. Da una parte ci apre gli occhi alla conoscenza senza veli o per lo meno ci fa meditare sulla faccia meno nota del fatto oggetto della nostra attenzione e, dall’altra, squarcia un velo, sottile ma tenace, intorno al quale si avviluppa la ricerca di soluzioni appaganti legate ad interessi partigiani.
Questa “parola” legata al bene comune è la più odiata e al tempo stesso la più amata dal genere umano. Sembra una contraddizione nei termini, ma non lo è. Quanto ad esempio affermiamo che il diritto alla vita vada assicurato, diciamo una cosa giusta ma non è tutta la verità. Che senso, infatti, ha difendere una nascita se la stessa nel corso della sua esistenza è esposta a vessazioni di tutti i generi impedendole il diritto all’istruzione, ad alimentarsi, ad avere un tetto sotto cui ripararsi, ad un lavoro. Vi pare logico che oltre tre milioni di italiani siano senza lavoro? Che lo siano centinaia di milioni in tutto il mondo? Che la povertà estrema colpisca altrettanti milioni di esseri umani? Che le malattie ogni anno falcidiano milioni di bambini e di mamme per il solo peccato di essere nati poveri e non avere i mezzi per comprare le medicine mentre i loro governanti si arricchiscono con sordidi traffici e preferiscono comprare armi e armare eserciti mercenari? Tutto questo che senso ha se a monte pretendiamo che il diritto alla vita vada garantito? Ebbene la parola ci insegna a ragionare, a confrontarci, a misurarci con la realtà e tutto questo diventa il nemico dichiarato della verità che è il bene mentre si privilegia la menzogna e l’inganno che non è la parola ma il sibilo di un serpente velenoso. Se non impariamo a rispettare la parola e a richiamarla con contenuti nobili e fonti di saggezza, non ci sarà futuro per il genere umano, perché avremo perso il senso della conoscenza e della ragione. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione: La parola del lavoro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 febbraio 2011

3 febbraio 2011, ore 11.00 Vicariato (Sala Rossa) Piazza San Giovanni in Laterano, 6 “Le parole del lavoro. Guida pratica per non sentirsi stranieri nel mondo del lavoro” è un vademecum al servizio de cittadini immigrati per l’orientamento all’inserimento lavorativo in Italia e più in particolare a Roma. Realizzata dall’Area Immigrati della Caritas, la Guida è suddivisa in tre parti che corrispondono sostanzialmente ai tre ambiti fondamentali di vita del lavoratore: “cosa serve per trovare lavoro”; “cosa bisogna sapere mentre si lavora”; “cosa bisogna fare quando si smette di lavorare o si perde il lavoro”.
Interverranno alla presentazione: monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas diocesana di Roma, L? Quyên Ngô Ðình, responsabile Area Immigrati della Caritas, Maria Assunta Rosa, vice prefetto presso il Dipartimento Libertà civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno, Fabrizio Lella, dirigente presso il Dipartimento III Servizi per la Formazione, il lavoro e la promozione della qualità della vita della Provincia di Roma, Cristina Oteri e Marco Accorinti, curatori della pubblicazione

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lettura Ecumenica della Parola

Posted by fidest press agency su sabato, 27 novembre 2010

Milano 27 novembre 2010, alle ore 18, nella centralissima chiesa di San Gottardo al Palazzo Reale in Via Pecorari, Paolo Ricca, pastore evangelico, già preside della Facoltà valdese di teologia di Roma, guiderà il prossimo incontro di Lettura Ecumenica della Parola (ascolto – annuncio – dialogo. Commenterà una lettura di Tiziano Terzani e un salmo nella prospettiva di rispondere alla domanda: Ma ho ancora tempo?Con questo incontro termina la Lettura ecumenica della Parola che riprenderà con il secondo ciclo dedicato al tema Il corpo che sei e che hai… (5, 12, 19 e 26 febbraio e 5, 12, 19 e 26 marzo). http://www.chiesadimilano.it/ecumenismodialogo

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No alla cancellazione della parola resistenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2010

Dichiarazione di Federico Fornaro (Vice Segretario PD Piemonte) “Ci risiamo. La proposta di legge dei consiglieri regionali del PdL (Marco Botta, Fabrizio Comba, Anna Costa, Francesco Toselli e Gianluca Vignale) che mira a cancellare la parola Resistenza dal nome del ‘Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana’, fondato nel 1976, dimostra come una certa destra  continui volutamente a ignorare come la Costituzione Italiana e la democrazia repubblicana siano fondate sui valori della Resistenza.  In nome di una non meglio definita “pacificazione nazionale” si vuole, in realtà, in via surrettizia, esattamente come è avvenuto per la proposta di intitolazione di una via di Alessandria a Giorgio Almirante, giungere ad un risultato moralmente e storicamente inaccettabile: l’equiparazione tra repubblichini e partigiani.  L’ottimo lavoro svolto dal ‘Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana’, oggi presieduto dal Vicepresidente Roberto Placido, deve continuare nella direzione di promuovere una cultura democratica e una conoscenza dei disastri e dei drammi prodotti dal fascismo e dai totalitarismi nel ‘900, senza però disperdere il patrimonio ideale della Resistenza e soprattutto trasmettendo alle giovani generazioni, con chiarezza e verità storica, l’esistenza del confine che nella Guerra di Liberazione divideva gli oppressi dagli oppressori e le vittime dai carnefici.  Bisogna, infatti, evitare che con il passare del tempo qualcuno cerchi di far annegare tutto nel mare dell’indistinzione: esattamente quello che succederebbe se fosse accolta la proposta di legge di Botta e degli altri consiglieri del PdL”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In the summertime

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2010

Scrive Benedetto XVI: “Siamo ormai nel cuore dell’estate…. È dunque un momento favorevole per dare il primo posto a ciò che effettivamente è più importante nella vita, vale a dire l’ascolto della Parola del Signore. Ce lo ricorda anche il Vangelo di questa domenica.  Marta e Maria sono due sorelle; hanno anche un fratello, Lazzaro, che però in questo caso non compare. Gesù passa per il loro villaggio e Marta lo ospitò… dopo che Gesù si è accomodato, Maria si mette a sedere ai suoi piedi e lo ascolta, mentre Marta è tutta presa dai molti servizi, dovuti certamente all’Ospite eccezionale. Ci sembra di vedere la scena:  una sorella che si muove indaffarata, e l’altra come rapita dalla presenza del Maestro e dalle sue parole. Dopo un po’ Marta, evidentemente risentita, non resiste più e protesta, sentendosi anche in diritto di criticare Gesù:  “Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti”. Marta vorrebbe addirittura insegnare al Maestro! Invece Gesù, con grande calma, risponde:  “Marta, Marta – e questo nome ripetuto esprime l’affetto -, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”. La parola di Cristo è chiarissima:  nessun disprezzo per la vita attiva, né tanto meno per la generosa ospitalità; ma un richiamo netto al fatto che l’unica cosa veramente necessaria è un’altra:  ascoltare la Parola del Signore. Tutto il resto passerà e ci sarà tolto, ma la Parola di Dio è eterna e dà senso al nostro agire quotidiano.  Cari amici, come dicevo, questa pagina di Vangelo è quanto mai intonata al tempo delle ferie, perché richiama il fatto che la persona umana deve sì lavorare, impegnarsi nelle occupazioni domestiche e professionali, ma ha bisogno prima di tutto di Dio, che è luce interiore di Amore e di Verità. Senza amore, anche le attività più importanti perdono di valore, e non danno gioia. Senza un significato profondo, tutto il nostro fare si riduce ad attivismo sterile e disordinato. E chi ci dà l’Amore e la Verità, se non Gesù Cristo? Impariamo dunque, fratelli, ad aiutarci gli uni gli altri, a collaborare, ma prima ancora a scegliere insieme la parte migliore, che è e sarà sempre il nostro bene più grande.  (L’Osservatore Romano – 19-20 luglio 2010)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi della parola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 novembre 2009

Lettera al direttore. Caro direttore, in previsione di una crisi anche della parola, soprattutto nel nostro Paese, non sarebbe saggio cominciare a risparmiarne un po’? Mai come in questo periodo se n’è fatto spreco. Parole, parole, parole, alle volte inutilmente cattive, offensive, altre volte inutili, ridicole, insensate. Si pensi alle chiacchiere crudeli al tempo del caso Englaro, da parte di uomini politici e di uomini della Chiesa; oppure recentemente a quelle sconsiderate di Carlo Giovanardi a proposito del povero Stefano Cucchi. E si pensi oggi alle parole pronunciate dal ministro Rotondi: “La pausa pranzo è un danno per il lavoro, ma anche per l’armonia della giornata. Non mi è mai piaciuta questa ritualità che blocca tutta l’Italia”.  Al ministro Rotondo (l’errore è necessario per la rima) che vive fuori dal mondo, vorrei far sapere che mia figlia impiega due ore per recarsi al lavoro e due ore per tornare, che aggiunte alle 8 lavorative, fanno 12, e per celebrare il “rito” (ma si può?), il pranzo è costretta a portarselo appresso… (Francesca Ribeiro)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa di Famiglia

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 settembre 2009

camilleri lRoma 28 settembre ore 12.00 Teatro India (Lungotevere Gassman 1, Roma) conferenza stampa di presentazione dello spettacolo che debutterà in prima nazionale assoluta il 5 ottobre 2009 al Teatro India.  Testo e regia  Mandracchia, Reale, Toffolatti, Torres, collaborazione alla drammaturgia Andrea Camilleri  da Luigi Pirandello  per un progetto di Mitipretese Produzione Teatro di Roma, Mercadante Teatro Stabile di Napoli, Artisti Riuniti. Saranno presenti: Andrea Camilleri e l’intero cast dello spettacolo. Camilleri e Pirandello? Due autori che hanno in comune non solo la loro sicilianità ma il gusto teatrale del racconto ad effetto, dalla voglia di appassionare il pubblico con un pizzico di ironia e di gusto della parola. (camilleri)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La casta degli editori

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2009

il dr Antonio Giangrande, presidente dell’Associazione Contro Tutte le Mafie sottolinea che: “La libertà di manifestazione del pensiero è una delle principali libertà e diritto fondamentale dell’era moderna. Tanto più se è mirata allo sviluppo socio-economico-culturale della comunità. Questa libertà è riconosciuta da tutte le moderne costituzioni. Ad essa è dedicato l’art. 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, come l’art. 10 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, ratificata dall’Italia con l. 4 agosto 1955, n. 848. L’art. 21 della Costituzione italiana stabilisce che: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. Tale libertà è, tra le altre, considerata come corollario dell’articolo 13 della stessa Costituzione della Repubblica italiana, che prevede l’inviolabilità della libertà personale, tanto fisica quanto psichica. L’interpretazione dell’art. 21 dà vita a dei principi: Il diritto di critica e di cronaca, oltre alla libertà di informare e la libertà di essere informati. Il pensiero per essere manifestato ha bisogno di formarsi come merce accessibile a tutti, quindi essere pubblicato e distribuito”. Oggi questo diritto, per Antonio Giangrande è messo in discussione in quanto l’informazione è, di fatto, filtrata dagli editori i quali assegnano una scala di priorità alla notizia che denota più un interesse commerciale che culturale e d’opinione. Se poi si considera la produzione saggistica, letteraria e quanto altro la maglia del filtro è ancora più stretta poiché l’elaborato è sottoposto al giudizio insindacabile dell’editore in base a requisiti che prescindono dal valore intrinseco dell’opera ma ne valutano solo la commercialibità che è, ovviamente, suddita alla notorietà dell’autore e alla sua capacità di attirare l’attenzione del grosso pubblico per altri meriti. Ne consegue che per Giangrande: “L’autore autoprodotto non ha benefici, né sovvenzionamenti, né visibilità. L’editoria, è quindi un’attività economica privata, ha finanziamenti pubblici e pubblicitari, benefici postali, regime speciale IVA, sostegno dei media e delle istituzioni” ma solo per porsi al servizio di un certo tipo di autore. Ne consegue che “è impossibile essere invitati o premiati a manifestazioni culturali, se non si è tutorati da qualche editore, pur avendo scritto un capolavoro. Spesso gli editori sono proprietari di testate d’informazione o di emittenti radiotelevisive, quindi si parla dell’opera o dell’autore solo se si fa parte dell’entourage. Inoltre per poter pubblicare un articolo d’informazione si è costretti a far parte di un’altra casta: quella dei giornalisti”. E ancora osserva Giangrande: “C’è da dire che non tutti gli editori sono parigrado. C’è prevaricazione dei più forti a danno dei più deboli. Alcuni di loro, operanti nel campo radiotelevisivo, sono vittime di tentativi di acquisizione illegale delle frequenze assegnatele, con mancanza di tutela reale. Qualcuno spera che le opportunità tecnologiche, social network o blog, superino la censura mediatica. Poveri illusi. Non basta una piattaforma d’elite, chiusa ed autoreferenziale, con tecnologie non accessibili alla massa, oltretutto soggetta a sequestro ed ad oscuramento giudiziario. Nulla, oggi, per arrivare a tutti, può soppiantare un buon articolo, un buon libro, una buona canzone, un buon film, o una buona trasmissione radiotelevisiva. In conclusione. Con questo sistema si può ben dire che il libero pensiero, pur lecito e meritevole di attenzione, è tale solo quando è chiuso in una mente destinata all’oblio, altrimenti deve essere per forza conformato al sistema: quindi non più libero”. http://www.controtuttelemafie.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La rassegnazione cristiana

Posted by fidest press agency su martedì, 25 agosto 2009

Le generazioni che hanno vissuto la pienezza della loro maturità gli anni che hanno composto il XIX ed il XX secolo sono state educate alla ricerca della “rassegnazione” di fronte ai tanti mali esistenziali legati alla povertà, alla sofferenza, alle ingiustizie e quanto altro. Da alcuni anni a questa parte questo sentimento è decisamente in crisi sia sotto il profilo della dottrina che della stessa pratica di vita cristiana. E’ una presa di coscienza sempre più forte e determinata. E’ la voglia di giustizia che sembra voler essere in perenne conflittualità con un modo di dividere l’umanità tra i più “fortunati” o se vogliamo più “furbi” e gli emarginati. La stessa carità si è trasformata in solidarietà, attraverso il volontariato, ed è diventata persino una parola tabù poiché significa per molti un modo d’offrire un’elemosina per mettere la coscienza a posto. E per molti cristiani tutto ciò è diventato una nuova consapevolezza, un nuovo concetto di Fede che si traduce in una missione intesa come servizio e che respinge al mittente ogni pretesa di attaccamento al potere e ai suoi privilegi. Ma non basta per dare forza a questo “movimento”. Occorre uno sforzo in più. Bisogna prestare più attenzione all’azione educativa prestata nell’insegnamento scolastico e in tutti quegli ambienti dove è possibile dialogare con le parti sociali: oratori, sindacati, volontariato, associazione di varia natura. Il tutto si deve tradurre in un itinerario metodologico secondo la scansione di una serie di tappe progressive, al cui interno si presuppongano ulteriori obiettivi intermedi. Tutto questo perché se si sconfigge la rassegnazione al suo posto non può e non deve subentrare la rabbia, la rivolta, l’anarchia.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »