Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘partito radicale’

Congresso degli iscritti italiani al Partito Radicale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2019

Napoli dal 31 ottobre al 2 novembre prossimi nella Basilica di San Giovani Maggiore, con inizio dei lavori alle ore 15. In questa occasione saranno eletti altri 25 membri del consiglio generale, che si aggiungeranno ai 25 eletti nel congresso di luglio e che si riuniranno a Napoli il 4 novembre per eleggere il presidente del Consiglio generale. All’ordine del giorno del Congresso c’è la centralità del Caso Italia a partire dalla questione giustizia e informazione. Questione Giustizia che trova in alcune delle 8 proposte di legge del Partito, sulle quali si è lavorato negli scorsi anni, centralità della nostra azione: amnistia e indulto; revisione del sistema delle misure di prevenzione e delle informazioni interdittive antimafia e delle procedure di scioglimento dei comuni per mafia; riforma del sistema di ergastolo ostativo e del regime del 41 bis e abolizione dell’isolamento diurno; abolizione degli incarichi extragiudiziari dei magistrati. Senza dimenticare la responsabilità civile dei magistrati, l’abolizione dell’obbligatorietà dell’azione penale, la separazione delle carriere dei magistrati. Mentre sul fronte informazione rilanciamo la nostra proposta sulla riforma della RAI “fuori i partiti dalla RAI” e la campagna per la vita del servizio pubblico Radio Radicale. Dal Congresso partirà la campagna per la chiusura delle carceri minorili coordinata da Don Ettore Cannavera e Irene Testa. Mentre la Professoressa Carla Rossi illustrerà la proposta di distribuzione controllata di eroina quale misura sanitaria per il trattamento dei tossicodipendenti refrattari a qualsiasi altro trattamento. Infine, è stato costituito il “Comitato promotore del referendum contro la riduzione dei parlamentari”. Appena sarà votata per la quarta e ultima volta la riforma costituzionale, vi restano tre mesi di tempo per raccogliere 500mila firme: un impegno molto gravoso, oggi anche molto impopolare, ma dovuto, alla ulteriore degenerazione e putrefazione della democrazia italiana. La richiesta di referendum sarà accompagnata da una proposta per l’elezione diretta del presidente della Repubblica, e per l’elezione del parlamento in collegi uninominali.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno/Assemblea del Partito Radicale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 Mag 2018

Palermo. Sabato 5 maggio, a partire dalle ore 15:00, si svolgerà a Palermo, presso la Sala De Seta dei Cantieri della Zisa, un Convegno/Assemblea del Partito Radicale che avrà a oggetto la revisione del sistema delle misure di prevenzione e delle informazioni interdittive antimafia, al fine di una migliore e più efficace strategia di contrasto della criminalità organizzata.
La intenzione del Partito Radicale è di apportare dei correttivi all’attuale sistema – anche attraverso una proposta di legge di iniziativa popolare che abbiamo elaborato – volti a coniugare le necessarie e sacrosante attività per impedire i tentativi di infiltrazione mafiosa nel sistema economico con l’altrettanto necessaria e sacrosanta necessità di salvaguardare l’economia di una comunità, la continuità aziendale e i posti di lavoro, i principi dello Stato di Diritto e i diritti umani fondamentali.Il tema, specie a Palermo, come è noto, è di grandissima attualità e di peculiare importanza per i risvolti che l’applicazione delle misure di prevenzione provoca sul tessuto economico locale e la vita delle persone.Per il Partito Radicale saranno presenti i coordinatori della Presidenza Rita Bernardini e Sergio D’Elia, e abbiamo invitato a relazionare avvocati, docenti universitari, imprenditori, giornalisti, tra cui: il Prof. Giovanni Fiandaca, il Presidente della Camera Penale di Marsala Giacomo Frazzitta, il Presidente della Camera Penale di Palermo Vincenzo Zummo, il Presidente del PLI Stefano De Luca, gli avvocati Patrizia Aucelluzzo, Andrea Dell’Aira e Salvatore Galluzzo, il giornalista Massimo Martini, il Presidente di “Rete No Mafie” Enrico Colajanni, gli imprenditori Aurelio Alfano, Pietro Cavallotti, Andrea Cuzzocrea, Francesco Lena e Massimo Niceta. La manifestazione di Palermo è aperta a tutti, ma il nostro auspicio è che chi decida di partecipare lo faccia da iscritto al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, impegnati come siamo per il raggiungimento dei 3.000 iscritti entro la fine dell’anno per salvare, con il Partito Radicale, le nostre lotte, le nostre ragioni, le nostre speranze!

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dichiarazione di Marco Perduca, membro di giunta Associazione Luca Coscioni e rappresentante all’ONU del Partito Radicale

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 settembre 2015

droga cannabis-vicinoIn apertura della 30esima sessione del Consiglio dei Diritti umani delle Nazioni unite, l’Alto Commissario ONU per i diritti umani, il principe giordano Zeid Ra’ad Zeid Al-Hussein, ha reso note una serie di raccomandazioni per limitare gli impatti negativi che l’attuale sistema internazionale del “controllo delle droghe” ha sui diritti umani. Il documento è il frutto di una consultazione con altre agenzie del sistema delle Nazioni unite e una trentina di paesi. Non è la prima volta che il sistema onusiano si interessa di stupefacenti, ma mai come questa volta le raccomandazioni dell’Alto Commissario son state così puntuali e in radicale rottura con quanto l’Ufficio di Vienna delle Nazioni unite, competente sulle droghe e il crimine, ha promosso per anni. Il documento, che verrà discusso il 28 settembre prossimo a Ginevra in tre ore di dibattito pubblico, chiede la totale depenalizzazione dell’uso e del consumo personale delle sostanze, senza far distinzione tra “leggere” e “pesante”; misure alternative a qualsiasi tipo di restrizione della libertà personale per i tossicomani con problemi penali; la promozione delle politiche di “riduzione del danno” a partire dalle terapie sostitutive (senza auspicare dosaggi a scalare); una piena informazione per i minori sull’uso delle sostanze; politiche che non discriminino gruppi etnici o le donne, nonché ampio accesso alle medicine essenziali a base di oppio (quindi fortemente ristrette nella produzione e la circolazione) specie per i paesi in via di sviluppo. Altro grande passo avanti, il riconoscimento che le droghe possano esser “usate” e non se ne faccia, sempre solo e comunque, “abuso”. Il documento si inserisce nel quadro della attività che le Nazioni unite stanno portando avanti da una ventina d’anni in materia di “droghe” e che nell’aprile del 2016 porteranno alla convocazione di una Sessione Speciale dell’Assemblea generale dell’Onu interamente dedicata agli stupefacenti. L’Italia, che da oltre un anno ha una nuova direzione tecnica del Dipartimento sulle dipendenze, ancora non ha chiarito quali siano i suoi orientamenti politici in materia, sia a livello nazionale visto che non c’è un sottosegretario competente e occorre convocare la sesta conferenza nazionale sulle droghe, sia a livello internazionale dove occorre creare un fronte trans-regionale per far sì che queste raccomandazioni del principe Zeid Al-Hussein divengano la base per il dibattito nella primavera dell’anno prossimo a New York. Prima il Governo si pone il problema meglio saprà affrontarlo.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corte penale internazionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2011

Dichiarazione di Matteo Mecacci, Deputato Radicale – PD e Relatore OSCE su Democrazia, Diritti Umani e Questioni Umanitarie. “L’approvazione di oggi, e speriamo presto al Senato, del ddl di adeguamento delle norme italiane allo Statuto della Corte Penale Internazionale, rappresenta il coronamento di una campagna ultradecennale del Partito Radicale, e cioè della forza politica che più si è battuta per l’istituzione della Corte, non solo in Italia, ma anche nel mondo, insieme a decine di attivisti, militanti, dissidenti e organizzazioni non governative che avviarono questa campagna, all’inizio degli anni Novanta. Fu, fin dal principio, una campagna pienamente politica che aveva come orizzonte quello del raggiungimento della pace nel mondo, non come mera petizione di principio, ma grazie alla creazione di strutture e di norme di diritto che consentano alle persone di avere un rimedio e giustizia quando siano vittime di violazione dei diritti umani. Tutti noi come cittadini, come politici, quando ci troviamo di fronte a gravi crimini contro l’umanità, a crimini di guerra, pronunciamo un impegno morale affinché questo non accada più. Credo che oggi si sia riusciti a fare un passo avanti in questa direzione e questo e’ un fatto di cui il nostro Parlamento deve andar fiero.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »