Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘pasolini’

Scatti durante le riprese del film Medea

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 ottobre 2017

medeaRoma 20 ottobre 2017, ore 19.30 Accademia d’Ungheria (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) Attraverso gli straordinari fotogrammi di Mario Tursi, questa mostra restituisce più ancora che l’emozione del momento catturato, l’esperienza del sogno della camera oscura, e del potere che essa possiede nelle mani di un poeta. Si tratta degli scatti fatti durante le pause e le riprese del film Medea (1969) di Pier Paolo Pasolini, interprete Maria Callas, e del loro incontro.
Maria Callas viene scelta da Pasolini per interpretare il ruolo di Medea proprio quando la sua parabola esistenziale sembra coincidere tragicamente con quella dell’antica eroina: smarrito il potere magico della sua voce, da poco abbandonata dall’uomo che pensava l’amasse e per il quale ha sacrificato tutto (Onassis si è appena sposato con Jacqueline Kennedy sancendo dopo nove anni la fine definitiva del loro amore), da maga e regina delle scene, divina e potente, è divenuta all’improvviso fragile e vulnerabile: per molti è ormai inesorabilmente avviata sul viale del tramonto, non ha più poteri né regalità né incantamenti.
Per Pier Paolo Pasolini l’incontro con Maria Callas si rivelerà un incontro numinoso, che farà risorgere visioni, susciterà allucinazioni: tutta l’impresa del film Medea prenderà la forma di un viaggio, di una discesa nel regno delle madri. È lo stesso Pasolini a chiedere al fotografo Tursi di catturare, nel volto, nei gesti, nel biancore della pelle di Maria Callas, la visione e il baluginare del terribile, la fine, come sulle soglie di un abisso, di ogni consolazione femminile e di ogni rassicurazione materna.
Le sedute, le riprese, gli scatti, si rivelano una cerimonia evocativa e incantatoria: raramente la macchina fotografica ha mostrato così chiaramente il suo portentoso potere stregonesco.
Fotografie di Lucia Gőbölyös, Eszter Herczeg A cura di Tamás Torma e István Puskás.
L’altra sezione della mostra è costituita dalle immagini di Lucia Gőbölyös e Eszter Herczeg (fotografe ungheresi) che reinterpretano il mito in chiave contemporanea. Le loro opere delineano contesti e situazioni di ruoli femminili e di problematiche legate alla famiglia, sottolineando la presenza/assenza del corpo. Le fotografie sono accompagnate da installazioni site specific. (foto. medea)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Teatro: Sono Pasolini

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

giovanna mariniRoma 27 ottobre – 1 novembre Teatro India in Prima Nazionale Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi). Una drammaturgia cantata con Enrico Frattaroli, che legge I giovani infelici, e il Coro Favorito della Scuola Popolare di Musica di Testaccio, che mette in canto le poesie della Nuova Gioventù, produzione del Teatro di Roma.Lo spettacolo è uno dei tasselli del progetto IL TEATRO DI ROMA PER PASOLINI che si compone di sette titoli. L’inedita partita di pallone Pier Paolo! di Giorgio Barberio Corsetti “giocata” nel campo di Pietralata a Roma (31 ottobre e 1 novembre), una produzione Fattore K. Si continua al Teatro India con La stanza della tortura ispirato a Salò/Sade con Francesca Benedetti (4/7 marzo); Il vantone, ovvero la traduzione in romanesco di Pasolini del Miles di Plauto, diretto da Federico Vigorito, con Ninetto Davoli (8/13 marzo); Dopo Pasolini, in rito in roulotte per sei spettatori, proposta del Teatro delle Ariette (17/22 maggio). Mentre al Teatro Argentina Federico Tiezzi firma la regia del Calderón, che Pasolini ambienta nella Spagna franchista durante gli anni del regime (20 aprile/8 maggio). L’ultima creazione di ricci/forte, PPP Ultimo inventario prima di liquidazione, chiude la stagione dell’Argentina (14/16 giugno). L’anno pasoliniano si completerà nell’ottobre 2016 con la messa in scena di Ragazzi di vita diretta da Massimo Popolizio con uno folto gruppo di giovani interpreti.
Oltre ai sette titoli in programma, continuano gli omaggi del TEATRO DI ROMA PER PASOLINI con l’evento speciale il 2 novembre al Teatro Argentina con Testimone carnale, una serata a cura di Dacia Maraini, Antonio Calbi e gruppo pasoliniFrancesco Siciliano. Una maratona di letture da Petrolio, frammenti del suo ultimo romanzo incompiuto, interpretati da 22 artisti: Urbano Barberini, Giorgio Barberio Corsetti, Bernardo Bertolucci, Francesca Benedetti, Paolo Bonacelli, Ascanio Celestini, Ninetto Davoli, Giuliana De Sio, Piera Degli Esposti, Iaia Forte, Massimo Foschi, Dario Franceschini, Lino Guanciale, Monica Guerritore, Roberto Herlitzka, Roberto Latini, Lorenzo Lavia, Luigi Lo Cascio, Antonio Piovanelli, Massimo Popolizio, Francesco Siciliano, Carla Tatò.Continuano gli omaggi all’Argentina con l’Atelier per Pasolini Aubade, “cantata della Dopostoria” di Carla Tatò e Carlo Quartucci (2 novembre); e la video-opera Pier Paolo Poeta delle Ceneri, ripresa live dello spettacolo del 2012 di Irma Immacolata Palazzo e Gianni Borgna (1/15/29 dicembre). Mentre gli spazi esterni del Teatro India accolgono l’intervento di street art dell’artista Frederico Draw che realizzerà un’opera murale dedicata a Pasolini (inaugurazione 1 novembre). Inoltre, l’intera area esterna di India sarà intitolata Paesaggio Pasolini, in sintonia col gasometro, il fiume, il canneto, le rovine, la fabbrica.Infine, il sogno di un’idea: un Treno Corsaro, un convoglio vero e proprio che attraverserà la dorsale della penisola, dal Friuli nativo a Matera, la città scolpita del suo celebre Vangelo. Una “drammaturgia viaggiante” a tappe realizzata dal Teatro di Roma con il CSS di Udine. «E’ il progetto cui più teniamo ma anche il più ardito e complesso – dichiara il direttore Antonio Calbi – Ci piace considerarlo un sogno da concretizzare. Nasce dal viaggio che Pasolini fece seguendo il periplo delle coste italiane nel 1956. E noi vorremmo ripercorrere l’Italia, dai paesaggi arsi del Friuli ai calanchi della Lucania, con il suo spirito, attraverso i suoi occhi». (foto: giovanna marini, gruppo pasolini)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omaggio a Pasolini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

ennioCivita Castellana 23 luglio 2015, ore 21.30 – Cortile Maggiore Forte Sangallo grande chiusura della XXVII edizione del Civitafestival è affidata a Ennio Fantastichini con “Tra la Carne e il Cielo”: un toccante omaggio a Pier Paolo Pasolini, a 40 anni dalla sua scomparsa, accompagnato dalle note di Bach, eseguite dall’Orchestra Sinfonica Città di Fondi, con immagini dai set dei film diretti dall’intellettuale friulano.Scelto da Fabio Galadini, Direttore Artistico del Civitafestival, da un’idea di Valentino Corvino, prodotto da Valentino Corvino e Teatro di Volterra, con la partecipazione straordinaria di Ennio Fantastichini, “Tra la Carne e il Cielo” è un omaggio inedito a Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi – e controversi – intellettuali italiani dell’ultimo secolo.Memorie, lettere, poesie ed interviste di Pier Paolo Pasolini estratti dai “Quaderni rossi”, da “Vita attraverso le lettere”, dalla sceneggiatura di “Accattone” e l’intervista concessa a Furio Colombo poche ore prima di morire, bellissime pagine il cui filo conduttore è proprio il motivo per cui Pasolini amava cortileBach: la convivenza a volte pacifica, a volte sofferta, tra le pulsioni terrene ed un’elevatissima spiritualità.Le letture si intersecano con tutti i brani di Johann Sebastian Bach che lo stesso Pasolini ha usato come colonna sonora dei suoi film, capolavori immortali che continuano a conservare tutta la loro grande potenza evocativa. Durante lo spettacolo viene proiettata una selezione di rare e preziose immagini tratte dai set dei film “Teorema”, “Uccellaci e uccellini” e “Vangelo Secondo Matteo”, tre vette della cinematografia pasoliniana.
A ingresso gratuito, il 23 luglio alle 21.30, per il XXVII Civitafestival diretto da Fabio Galadini, musica, note, parole e poesia nella maestosa scenografia del Cortile Maggiore di Forte Sangallo di Civita Castellana, la poderosa rocca a pianta pentagonale tra gli esempi più notevoli di architettura militare italiana a cavallo dei secoli XV-XVI (foto: ennio, cortile)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »