Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘pattugliamento’

Libia: Attendiamo dettagli operazione pattugliamento coste

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

schengenDichiarazione congiunta di Renato Brunetta e Paolo Romani, Capigruppo di Forza Italia alla Camera ed al Senato, di Maurizio Gasparri ed Elio Vito, responsabili della Consulta sicurezza di Forza Italia e di Laura Ravetto, Presidente del Comitato Schengen: “Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha annunciato ieri che l’esecutivo stava per varare l’avvio di una missione unilaterale nelle acque libiche per un contrasto deciso e determinato ai trafficanti di esseri umani, su richiesta e in coordinamento con il governo libico del Presidente Sarraj.La missione, apprendiamo sempre dalle parole del Presidente Gentiloni nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri, dovrebbe comprendere attività di supporto alla guardia costiera libica. Dalla fine della prossima settimana mezzi militari italiani, con modalità ancora tutte da definire, dovrebbero essere dunque impiegati in specifiche missioni di contrasto agli scafisti nel Mediterraneo all’interno delle acque territoriali libiche.Ripetevamo da tempo questo mantra, come ha giustamente ribadito ieri il Presidente Silvio Berlusconi: l’accordo con le autorità libiche era e resta l’unica soluzione, disponendo lungo le coste un numero adeguato di mezzi e uomini per contrastare all’origine l’attività criminale.Forza Italia valuterà senza pregiudizi i dettagli della missione che ci attendiamo siano illustrati in Parlamento dal governo, e deciderà in maniera responsabile con il solo scopo di difendere il Paese da un’invasione divenuta ormai insostenibile per la nostra società e per i nostri territori.Dall’esecutivo ci attendiamo altrettanta responsabilità e chiarezza: le deve al Parlamento e agli italiani. Soluzioni inefficaci o incerte non servono”. (n.r. In questi casi anche un rinvio di un giorno può essere foriero di grossi guai. Come dire: Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati e pattugliamenti coste

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2011

“Le parole pronunziate in aula dal ministro Maroni appaiono dilatorie e contraddittorie di fronte alla drammaticità  dell’emergenza umanitaria che si sta consumando nel canale di Sicilia. Non è sufficiente invocare responsabilità altrui  o salvarsi la coscienza sostenendo che appena giunte le richieste abbiamo inviato i soccorsi. Anziché stare ad aspettare che la situazione, già critica e dalle conseguenze disastrose, si trasformi in una disgrazia epocale, sarebbe utile rafforzare e concentrare al massimo le  pattuglie di controllo, attraverso l’utilizzo di  tutte le navi italiane arruolabili sul Canale di Sicilia. È fondamentale vigilare – con radar se necessario – sugli spostamenti degli immigrati fino al confine con le acque internazionali, per individuare in modo più preciso i barconi in mare aperto, e permettere ai soccorsi di giungere in maniera tempestiva. Se il ministro Maroni di concerto con il Ministro della difesa non può decidere in questa direzione per impedimenti politici, allora farebbe bene a rassegnare le sue dimissioni. Diversamente, porterà sulla coscienza le stragi di innocenti, tra i quali donne incinte e bambini, che sperano in un Paese più libero. E se proprio tiene a riabilitarsi, mi auguro che il ministro trovi il tempo e la possibilità di partecipare ai funerali dei profughi i cui corpi continuano a essere recuperati sulla costa di Lampedusa. Farebbe bene a lui e all’Italia”. Così Guglielmo Vaccaro, deputato del PD, dal sito di Trecentosessanta, l’Associazione di Enrico Letta.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sospendere legittimità Libia

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2011

Dichiarazione dei Senatori Radicali Marco Perduca e Donatella Poretti: “Oltre ai 20 milioni di Euro recuperabili dal decreto missioni stornando quanto destinato all’Unione del Mediterraneo e al pattugliamento congiunto coi libici, occorre da subito ipotizzare un accantonamento preventivo estraordinario dell’8×1000 che, tra gli altri fini, e’ fonte di finanziamento alle attività pei rifugiati. Lo Stato lanci subito campagna pubblicitaria per richiesta 8×1000 e contestualmente modifichi la denominazione dei Cie facedoli tornar a essere centri di permanenza temporanea. Resta pero’ il gravissimo problema del mantenimento della legittimita’ politica bilaterale – occorre congelare l trattato anche se, come dice La Russa al momento non e’ applicato – e unirsi agli USA nel richiedere la sospensione della Libia dal consiglio dei diritti umani dove e’ stata eletta l’anno scorso fino al 2013. Tollerare all’Onu di Ginevra la presenza di un governo che ammazza I propri cittadini ricorrendo a mercenari stranieri sarebbe l’ultimo atto del discreditamento del sistema delle nazioni unite in materia di diritti umani”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lombardia cronaca nera: sei morti in due giorni

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2010

“Da una parte abbiamo una recrudescenza criminale senza precedenti, tra l’altro aggravata pesantemente dalla problematica dell’immigrazione clandestina completamente fuori controllo, che, solo per fare un esempio, in tre giorni ha fatto registrare ben sei omicidi in Lombardia (due morti ammazzati al giorno tra Milano, Varese, Brescia, Como e Monza).  Dall’altra parte abbiamo una dichiarazione assolutamente rivelatrice del nostro stimabile Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che ci ha illuminati spiegando come ‘a Milano le forze dell’ordine sono state integrate con dei militari che fanno pattugliamento anche a piedi nelle zone a rischio: dal punto di vista dei cittadini la copertura è effettiva. Il numero degli addetti alla sicurezza è esattamente quello che era stato richiesto: non importa se sono carabinieri, agenti della polizia o militari’. Mi pare che, dopo questo accostamento, ci sia ben poco da aggiungere”. E’ l’indignata analisi di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato indipendente di Polizia, a proposito di una situazione che “vede il comparto sicurezza – aggiunge – sempre più abbandonato sul piano degli interventi seri ed efficienti, e sempre più in balìa di trovate clownesche che insultano l’intelligenza degli operatori delle Forze dell’Ordine, e la buona fede ed il sacrosanto diritto dei cittadini ad essere tutelati”. “Come può il Ministro ignorare gli appelli che provengono dagli amministratori radicati sui territori, cosa farà? Dirà anche a loro che sono pazzi visionari, o che inventano esigenze che non sono reali, come fa puntualmente con i Sindacati? A ben vedere, è proprio questo che ha fatto. Ha tranquillizzato tutti spiegando che il problema è risolto con i militari che pattugliano a piedi le zone a rischio. Peccato che non abbia spiegato che i militari, preziosi e valorosi nello svolgimento dei compiti che gli sono propri e per i quali sono addestrati e preparati, hanno invece veramente ben poco da fare per le strade del Milanese e dell’Italia in generale. Non ha spiegato che essi non hanno la possibilità di esercitare neppure le più banali attività che sono proprie degli Operatori delle Forze dell’Ordine che, invece di fare (ci si passi il termine colorito) da ‘balia’ ai militari, dovrebbero essere messi in condizione di operare, con una risposta adeguata alle gravissime carenze di uomini e mezzi che li affliggono. Mi domando, chi ci governa quanto pensa che potranno ancora sopportare i cittadini?

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »