Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Posts Tagged ‘pausa’

Centrali nucleari e “pausa di riflessione”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2011

“La pseudo pausa di riflessione-moratoria di un anno è una presa per i fondelli, visto che il ministro Romani ha oggi confermato il programma del governo sul nucleare. Cade la maschera dell’ipocrisia: la verità è che vogliono svuotare e depotenziare il referendum” lo ha dichiarato Renato Cambursano, capogruppo di IDV in commissione Bilancio della Camera, durante il question time di oggi a Montecitorio. “Il fatto che il ministro abbia liquidato l’esistenza di fenomeni corruttivi per condizionare le tecnologie nucleari a mere illazioni la dice lunga sulla serietà con la quale stanno affrontando una questione tanto delicata. Mentre Romani fa Ponzio Pilato, per fortuna che la magistratura indaga” ha aggiunto Cambursano. “Le notizie aggiornate che arrivano da Fukushima sono sempre più gravi: lo iodio radioattivo trovato nell’acqua marina antistante l’impianto atomico è di 7,5 milioni di volte il limite legale. Nonostante la cappa di silenzio mediatico costruita ad arte, gli italiani andranno in massa a votare il 12 e il 13 giugno e voteranno sì all’abrogazione di questa legge che crea solo tangenti e che mette a forte rischio vite umane” conclude Cambursano.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Defibrillatori nei luoghi aperti al pubblico

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 marzo 2011

Quante vite si potrebbero salvare se nei luoghi aperti al pubblico ci fossero apparati defibrillatori, punti di primo soccorso e semplici cittadini che conoscono le regole di primo intervento? Diverse migliaia di cittadini ogni anno potrebbero essere tempestivamente salvati se si pensa solo alle spaventose cifre delle morti per arresto cardiaco che secondo alcune stime sarebbero pari a 60.000 ogni anno, in media una ogni 19 minuti con percentuali di sopravvivenza minime e pari al 2 % per chi subisce, appunto un arresto cardiaco, anche perché l’urgenza dell’intervento in loco è fondamentale perché, come è noto anche ai profani, la percentuale di sopravvivenza in causo di arresto cardiaco è strettamente legata al tempo: diminuisce del 7-10% per ogni minuto di ritardo nella somministrazione dello shock elettrico.  E così, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” riporta alla ribalta la necessità di una legge che garantirebbe la presenza in ogni luogo aperto al pubblico e quindi  locali da ballo, porti, aeroporti, treni, campi sportivi, spiagge, scuole, università, ecc. di un defibrillatore automatico o semiautomatico e di persone correttamente formate ed in grado di utilizzarlo. In ogni caso, la spesa per l’acquisto di tali indispensabili strumenti per il salvataggio di vite umane e quella per insegnare il primo intervento a tutte le categorie che hanno responsabilità nei luoghi aperti al pubblico sarebbe di gran lunga inferiore ai costi sociali derivanti dalle conseguenze degli arresti cardiaci. Peraltro, l’utilizzo di questi strumenti sempre più evoluti e semplici da usare così come l’apprendimento delle manovre di BLSD (Basic Life Support Defibrillation), cioè le procedure da attivare in caso di perdita di coscienza dovuta ad arresto cardiaco, è sufficiente un semplice corso di formazione di poche ore che attribuisce l’autorizzazione all’utilizzo del dispositivo senza la necessità di ulteriore esperienza medica.  Per tali ragioni abbiamo pensato ad una legge dello Stato che sancisca l’obbligatorietà di corsi autorizzati di primo intervento riconosciuti a livello nazionale e la presenza di dispositivi di defibrillazione nei luoghi aperti al pubblico che senza alcun dubbio limiterà i decessi conseguenti ad arresto cardiaco e contribuirà a ridurre il gap tra il Nostro Paese e gli altri stati industrializzati dove da anni sono state approntate stabili strategie per garantire il pronto intervento nei luoghi della vita quotidiana.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforme concrete sulla supervisione finanziaria

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 luglio 2010

I deputati europei a grande maggioranza, hanno inviato un forte segnale ai governi nazionali affermando che la sola possibilità  per avere una supervisione finanziaria efficace è una riforma sostanziale del sistema esistente e la creazione di autorità europee con poteri adeguati ad affrontare crisi e evitare salvataggi ai danni dei contribuenti.  La dichiarazione dei gruppi politici afferma che il Parlamento é intenzionato a continuare i negoziati col Consiglio, ma senza rinunciare al punto principale, ossia garantire che le nuove autorità europee abbiano i giusti poteri per prevenire crisi future e rinforzare il mercato interno.  Il testo approvato chiede inoltre ai relatori di spingere per la creazione di un fondo di stabilità collegato a ognuno dei tre settori finanziari in considerazione per evitare l’utilizzo di denaro pubblico in caso d’interventi futuri. Un’altra proposta é che le autorità europee lavorino per rafforzare il sistema europeo dei regimi nazionali di garanzia dei depositi (RGD). Infine, le AES avrebbero anche il potere di proibire temporaneamente alcune tipologie di attività finanziarie che potrebbero colpire negativamente il corretto funzionamento del sistema finanziario. Per migliorare la comprensione dei rischi, la risoluzione legislativa chiede inoltre che l’ESRB stabilisca un sistema basato su un codice cromatico corrispondente ai livelli di rischio. Qualora l’autorità individui un rischio che potrebbe mettere gravemente in pericolo il corretto funzionamento dei mercati finanziari o la stabilità del sistema finanziario dell’Unione, l’ESRB emetterebbe una segnalazione di emergenza. Il Parlamento europeo in tal caso avrebbe il potere di invitare il destinatario della segnalazione a uno scambio di opinioni per valutare le azioni intraprese per rispettare i commenti del Comitato.   Infine, il testo propone che sia il Presidente della BCE a presiedere il Comitato europeo per il rischio sistemico.  La risoluzione adottata ha la funzione di mandato, sostenuto dalla plenaria, per i negoziatori del PRE che continueranno cosi le discussioni col Consiglio per cercare di raggiungere un accordo nel prossimo futuro, possibilmente prima della pausa estiva.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università: La pausa di riflessione

Posted by fidest press agency su domenica, 23 agosto 2009

Le università hanno chiuso i battenti per le vacanze estive e le notizie che di solito i loro uffici stampa diffondono stanno subendo un sostanziale esaurimento. Sembra che tutti, studenti, docenti, amministrativi hanno staccato la spina per qualche settimana a ridosso di ferragosto e non hanno nessuna intenzione di parlare di scuola, di insegnamenti di problemi contingenti. Forse è il momento di divagare portando la riflessione dentro noi stessi, senza esternarla. E il pensiero vola su ciò che avremmo voluto da questa scuola e che non abbiamo, e come sarebbe possibile ottenerlo in qualche modo. Una scuola fonte del sapere, ma anche un edificio costruito per prepararci ad una migliore conoscenza del mondo che ci circonda e ci compenetra, con i suoi problemi e su quelli che diventeranno ben presto nostri, se non lo sono di già, in qualche misura. Forse siamo sin troppo esigenti, eccessivamente perfezionisti. Forse. Sta di fatto che il primario ruolo dell’insegnamento è quello di mettere i discenti nelle condizioni di conoscere in maniera ordinata e metodica i fatti della vita e che essi non avrebbero senso se escludessimo il loro passato. Ma vi è anche, in pari tempo, una risposta che si proietta nel futuro e ci impone determinate scelte di vita di relazione e di lavoro. Abbiamo imparato a stare insieme per conoscere ed ora dobbiamo imparare a stare insieme per vivere in comunità avendo la consapevolezza che l’unico modo per dirimere i possibili contrasti sta nel dialogo tra le parti che si contendono un qualsivoglia primato. Ed allora impariamo a vivere insieme non per censo o per colore della pelle, ma per i valori di cui siamo i titolari indiscussi e capaci di trasfonderli negli altri. Se nella scuola e con la scuola impariamo ad essere solidali con noi stessi, perciò che siamo e non certo per quello che rappresentiamo, potremo aspirare a diventare buoni cittadini nei nostri rapporti sociali. Ed anche a comprendere meglio il significato di certe parole e a respingerle, se del caso, sostituendole con altre più appropriate come ad esempio la solidarietà in luogo della carità, il garantismo in luogo del giustizialismo, e via di questo passo. Anche le parole hanno una “storia”, ma è pure vero che per talune vi è meno futuro rispetto ad altre.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sulla sicurezza il Coisp boccia il Governo

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 agosto 2009

“Come accade ad Archimede Pitagorico nei migliori fumetti di Topolino ad un tratto ci si è accesa la lampadina. Per giorni ci siamo arrovellati il cervello chiedendoci a cosa servissero le ronde, – esordisce ironicamente Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia – come potevano essere utilizzate al meglio queste associazioni di cittadini che vogliono prodigarsi per la salvaguardia della sicurezza altrui. Ed a un tratto l’illuminazione. Visto che c’è un’inversa proporzione tra l’emergenza di questi giorni dettata dal grande esodo estivo e le risorse finanziarie messe a disposizione dal Governo ai vari Compartimenti della Polizia Stradale di tutta Italia, allora facciamo una proposta. Mandiamo le ronde ad aiutare gli uomini e le donne impegnati in queste ore, senza pausa, sulle strade italiane ad assicurare il regolare scorrimento del traffico. Sarebbero utilissime nel dar la caccia a chi commette infrazioni, a chi guida con un tasso alcolemico oltre la norma ed a chi non rispetta il Codice della Strada.” – Continua provocatoriamente il Segretario Generale del Coisp – “Ottimizziamo le risorse di questi volontari che hanno tanta voglia di scendere in strada e magari mandiamoli in autostrada. Il loro impegno sarà sicuramente ripagato e meglio utilizzato.  Ci concedano i Ministri Maroni e La Russa almeno, se proprio dobbiamo convivere con le ronde, almeno di fare come si fa con i neo assunti, ossia un periodo di stage, di gavetta. Capiranno così cosa significa davvero garantire la sicurezza. E, questo senza ovviamente voler offendere il sacrificio e la professionalità degli amici dell’Esercito italiano, ma soltanto per lanciare una provocazione al Ministro La Russa a proposito degli uomini armati nelle città, – conclude il leader del Sindacato Indipendente di Polizia – visto che notoriamente d’estate nei centri urbani c’è poca gente, invece di sprecare uomini e risorse impiegandoli a controllare magari una banale bega tra cani e gatti, di mandare l’Esercito fuori dalle discoteche, nei luoghi di ritrovo dei ragazzi, purtroppo poli attrattivi per spacciatori senza scrupoli. Così il Governo forse renderebbe un servizio senza precedenti all’intera comunità!”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Benvenuto re calamaro

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2009

Firenze, 11 luglio 2009 Piazza San Firenze angolo Via della Condotta dalle 12 alle 20 benvenuto re calamaro! Re Calamaro è una giovane catena di raffinate friggitorie di pesce, luogo per eccellenza dove rivivere la tradizione del cibo di strada. Il Re Calamaro è anche luogo del mito perché in questi bellissimi negozi fatti come chiglie di pescherecci si rinnova la storia di Italo Parodi, ristoratore ligure inventore della frittura di calamari “costretto” a trasferirsi a Torino per prestare servizio a Sua Altezza Reale. Ma soprattutto è il luogo dello sfizio: una vera frittura di mare per una pausa pranzo diversa, un break o un piatto da portare a casa per una cena indimenticabile. E il Re Calamaro, dopo i tre negozi torinesi di Via Carlo Alberto e di Piazza Palazzo di Città e quello romano di Piazza delle Vaschette, inaugura una nuova sede a Firenze! Sabato 11 luglio in Piazza San Firenze angolo Via della Condotta, in pieno centro città, si festeggia la nuova apertura con tantissimi assaggi gratuiti! Tante le proposte con cui deliziarsi: dagli anellini di calamari, ai gamberetti sgusciati, senza tralasciare i succulenti cubetti di baccalà, la tempura di verdure, la pasta cresciuta, le patatine più fragranti e tanto altro ancora! Al Re Calamaro tutto è preparato davanti ai vostri occhi e servito in pratici cartocci take away. Chi ha fretta li porta via mentre chi lo desidera si può fermare a mangiare nell’area lunch che ha la suggestiva forma della chiglia di un peschereccio, mentre i tavoli d’appoggio sono le casse di legno grezzo con cui i pescatori trasportano il pesce e le luci sono le lampare della pesca notturna.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »