Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘pavimento’

Visite notturne per la nuova illuminazione del pavimento del Duomo di Siena

Posted by fidest press agency su sabato, 13 ottobre 2018

Siena 22 – 28 ottobre 2018 dalle ore 18:30 alle ore 23:00. Inaugurata il 27 giugno, In Lucem Veniet, la nuova illuminazione del pavimento del Duomo di Siena è stata già ammirata da oltre quattrocentomila persone. Dato questo importante successo di pubblico e in occasione dell’ultima settimana di scopertura del pavimento l’Opera della Metropolitana, insieme ad Opera-Civita, ha pensato di offrire ai visitatori delle aperture straordinarie della Cattedrale dal 22 al 28 ottobre dalle 18.30 fino alle 23.00 con la possibilità di ammirare dall’alto, salendo al percorso Porta del Cielo, anche le tarsie illuminate grazie alla tecnologia ERCO. L’intero percorso Porta del Cielo offrirà, inoltre, l’occasione per godere delle splendide viste panoramiche notturne sulla città e sulla campagna senese. Scendendo dai tetti del Duomo sarà possibile trattenersi all’interno della Cattedrale fino alle ore 23.00 per poter vedere da vicino ogni singola tarsia in un percorso di fede e sapienza alla base dell’impianto iconografico del tappeto marmoreo del Duomo di Siena.
Il pavimento, durante le ore notturne, splenderà così di nuova luce e potrà essere ammirato da insolite prospettive grazie a un progetto di Opera Civita che, collaborando con l’Opera della Metropolitana ha contribuito, nel tempo, alla sua valorizzazione e a renderlo noto a tutto il mondo come The Wonder of Siena, la ‘meraviglia’ della città, come già avevano intuito gli artisti e i viaggiatori anglosassoni che lo recensivano sulla stampa alla fine del XIX secolo.
I giorni in cui sarà possibile prenotare la visita notturna straordinaria saranno dal 22 al 28 ottobre, con fasce orarie di mezz’ora (relativamente al percorso dei sottotetti) a partire dalle ore 18:30 con ultimo accesso alle ore 22:00 per un massimo di 18 persone alla volta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Pavimento del Duomo di Siena: Un capolavoro da scoprire

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 agosto 2017

vedutaduomo siena1Siena duomo fino al 25 ottobre 2017 La magnifica Cattedrale di Siena “ha scoperto” il suo Pavimento a commesso marmoreo straordinario, unico, non solo per la tecnica utilizzata, ma anche per il messaggio delle figurazioni, un invito costante alla Sapienza. Abitualmente, il prezioso tappeto di marmo è protetto dal calpestio dei visitatori e dei numerosi fedeli.
Si tratta del pavimento “più bello…, grande e magnifico”, che mai fosse stato fatto, secondo la nota definizione del Vasari, fra i più noti scrittori d’arte. È il risultato di un complesso programma iconografico realizzato attraverso i secoli, a partire dal Trecento fino all’Ottocento. La tecnica adoperata durante i secoli passati è quella del graffito e del commesso con marmi di provenienza locale come il broccatello giallo, il grigio della Montagnola, il verde di Crevole, ecc.
I cartoni preparatori per le cinquantasei tarsie furono disegnati da importanti artisti, quasi tutti “senesi”, fra cui il Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni, Domenico Beccafumi, oltre che da un pittore “forestiero” come l’umbro Pinturicchio, autore, nel 1505, del celebre riquadro con il Monte della Sapienza, raffigurazione simbolica della via verso la Virtù come raggiungimento della serenità interiore.
I visitatori potranno inoltre “deambulare” intorno al coro e all’abside dove si conservano le tarsie lignee di Fra Giovanni da Verona, eseguite con una tecnica simile a quella del commesso, con legni di diversi colori, raffiguranti vedute urbane, paesaggi e nature morte.
Il percorso completo OpaSiPass permette, oltre alla visita del Pavimento in cattedrale, quella al Museo duomo siena2dell’Opera ove si potranno ammirare, nella Sala delle Statue, i mosaici con i simboli delle città alleate di Siena e le tarsie originali di Antonio Federighi con le Sette età dell’Uomo. Nella Sala dei Cartoni, il cui ingresso fiancheggia la magnifica Maestà di Duccio, è visibile la celebre pianta del Pavimento del Duomo delineata da Giovanni Paciarelli nel 1884, che permette di avere un quadro d’insieme delle figurazioni e dell’itinerario che, dall’ingresso, conduce fino all’altar maggiore. Il percorso integrato prevede anche l’accesso alla cosiddetta “Cripta”, sotto il Pavimento del Duomo e al Battistero.
Contemporaneamente, per chi volesse vedere il Pavimento anche dall’alto, è possibile prenotare l’itinerario Opa Si pass Plus che, oltre all’accesso a tutti i siti museali del Complesso, permette la salita verso la Porta del Cielo. Continua infatti l’apertura straordinaria del magnifico percorso dei sottotetti: l’itinerario verso il ‘cielo’ della Cattedrale comincia da una scala a chiocciola inserita dentro una delle torri terminanti con guglie che fiancheggiano la magnifica facciata del Duomo.
Il “catalogo” relativo alla scopertura del Pavimento della Cattedrale, alla Porta del Cielo, dal titolo Virginis Templum (Siena, Cattedrale, Cripta, Battistero), pubblicato in cinque lingue, guiderà il visitatore all’interno del Complesso monumentale del Duomo. Il libro di Marilena Caciorgna contiene al suo interno un agile “percorso pavimento” graficamente segnato dai motivi ornamentali marmorei bianchi e verde scuro, una “guida” nella “guida”. Anche la pianta del Paciarelli, in maniera stilizzata, è rappresentata insieme alle altre che corredano il libro, quale utile strumento per il visitatore.
(foto: duomo siena)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scopertura del Pavimento del Duomo di Siena

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 maggio 2016

duomo sienaSiena 29 giugno – 31 luglio 2016 18 agosto – 26 ottobre 2016 «Ivi dimando Misericordia», questa è l’iscrizione, significativa per la tematica giubilare, presente nella tarsia collocata dietro l’altare maggiore del Duomo e che si unisce ai quattro tondi allegorici raffiguranti le virtù cardinali. In occasione dell’Anno Santo, L’Opera della Metropolitana di Siena, intende offrire ai visitatori di tutto il mondo una grande opportunità, la scopertura del Pavimento del Duomo di Siena dal prossimo 29 giugno fino al 31 luglio, che si aggiunge a quella consueta dal 18 agosto fino al 26 ottobre. Si tratta della prima occasione di visita al pavimento anche nei giorni del Palio dedicato alla Madonna di Provenzano, un’ulteriore opportunità per i numerosi visitatori presenti in città per la Festa senese. L’iniziativa va a valorizzare il percorso giubilare Maria Mater Gratiae, Mater Misericordiae già attivo presso il Complesso museale del Duomo di Siena e che vede come opera simbolo La Madonna col Bambino e quattro cherubini di Donatello. La magnifica Cattedrale di Siena conserva il Pavimento a commesso marmoreo, un capolavoro unico, non solo per la tecnica utilizzata e la sua organicità, ma anche per il messaggio delle figurazioni, un invito costante alla ricerca della Sapienza. Abitualmente, il prezioso tappeto di marmo è protetto dal calpestio dei fedeli, ma ogni anno, per alcuni mesi, viene “scoperto” all’ammirazione costante e in progressiva crescita dei visitatori. È il risultato di un complesso programma iconografico realizzato attraverso i secoli, a partire dal Trecento fino all’Ottocento. La tecnica adoperata durante i secoli passati è quella del graffito e del commesso con marmi di provenienza locale come il broccatello giallo, il grigio della Montagnola, il verde di Crevole e il rosso di Gerfalco. I cartoni preparatori per le cinquantasei tarsie furono disegnati da importanti artisti, quasi tutti “senesi”, fra cui il Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni, Domenico Beccafumi, oltre che da un pittore “forestiero” come l’umbro Pinturicchio, autore, nel 1505-1506, del celebre riquadro con il Monte della Sapienza, raffigurazione simbolica della via verso la Virtù come raggiungimento della serenità interiore. Il percorso completo nel Complesso monumentale del Duomo di Siena permette, oltre alla visita del Pavimento in cattedrale, quella al Museo dell’Opera ove si potranno ammirare, nella Sala delle Statue, i mosaici con i simboli delle città alleate di Siena e le tarsie originali di Antonio Federighi con le Sette età dell’Uomo. Nella Sala dei Cartoni, il cui ingresso fiancheggia la magnifica Maestà di Duccio, è visibile la celebre pianta del Pavimento del Duomo delineata da Giovanni Paciarelli nel 1884, che consente di avere un quadro d’insieme delle figurazioni e dell’itinerario che, dall’ingresso, conduce fino all’altar maggiore.
La visita al pavimento può essere effettuata con: audiovideoguide multimediali che permettono l’ascolto del testo-guida e la visione dei particolari delle tarsie; visite con guide autorizzate; Il catalogo Virginis templum edito da Sillabe presenta il percorso iconografico del Pavimento oltre a una panoramica di tutto il Complesso del Duomo. Orari di apertura Dal lunedì al sabato 10:30 – 19:00 Domenica 9:30 – 18:00 Biglietti Opa Si Pass all inclusive ticket € 15,00 Cattedrale, Pavimento e Libreria Piccolomini
Intero € 7,00 Riduzione scuole € 5,00 Riduzione gruppi più di 15 pax € 5,00 Porta del Cielo € 15,00 Opa Si Pass Plus (Porta del Cielo + Opa Si Pass all inclusive) € 20,00 (foto: duomo siena)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francesca Pasquali: Scopa/MI

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2011

Bologna 18 marzo Inaugurazione venerdì 18 marzo 2011 h 18.00  (fino al 30 aprile 2011)  Galleria OltreDimore Via d’Azeglio 35/a Nedkova  mostra personale di Francesca Pasquali dal titolo Scopa/Mi a cura di Denitza Nedkova.  Scopa/Mi è il provocatorio imperativo che titola l’installazione site specific di Francesca Pasquali che occuperà l’intero spazio della galleria creando al suo interno un ambiente nuovo, da guardare, toccare e calpestare.  Francesca Pasquali dispone sul pavimento e sulle pareti della sala espositiva 50mtq di setole di scopa: un mare luccicante e soffice sul quale sostare e procedere, attraversandolo in lungo e in largo alla ricerca di una nuova relazione tra sé, il proprio corpo e la materia. Sono in mostra anche le opere Frappe e Straws, realizzate utilizzando materiali industriali di scarto per la composizione di strutture complesse che molto devono alla ricerca optical e programmata e che danno vita ad effetti di cinetismo virtuale e di alterazioni cromatiche . Rimane centrale anche in questi lavori il ruolo attivo del fruitore, chiamato costantemente ad interagire con l’opera.  Nel 2006 Francesca Pasquali si diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna; Vivo e lavoro a Bologna. (frappa, scopa)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »