Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘pedaggio’

Riforma del pedaggio stradale: garantire trasporto più pulito e equità

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 ottobre 2018

Bruxelles. Il progetto di direttiva approvato giovedì stabilisce che i Paesi dell’UE che impongono una tariffazione stradale basata sul tempo dovranno passare a quella basata sulla distanza.
Le nuove norme, se approvate in via definitiva, si applicheranno ai camion e agli autobus a partire dal 2023 e ai furgoni a partire dal 2027.La legislazione mira a contribuire al conseguimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 dell’UE nel settore dei trasporti e a rendere più equi i diritti di utenza stradale.Queste norme regolerebbero gli oneri che gli Stati membri dell’UE già impongono o stanno per introdurre sulle strade della rete stradale transeuropea dei trasporti.Per garantire che i veicoli siano tassati in funzione dell’uso effettivo della strada e dell’inquinamento da essi generato, il pedaggio autostradale imposto dagli Stati membri basato sulla distanza dovrà essere introdotto dal 2023 per i veicoli pesanti e i furgoni destinati al trasporto di merci di maggiori dimensioni (oltre 2,4 tonnellate) e dal 2027 per veicoli commerciali leggeri, ossia furgoni e minibus.Per incoraggiare un maggiore uso di veicoli a basse o zero emissioni, i Paesi dell’UE dovrebbero inoltre fissare tariffe stradali diverse in base alla quantità di CO2 emessa e alla categoria del veicolo.A partire dal 2021, se uno Stato membro applica un pedaggio per l’uso della strada ai veicoli pesanti e ai grandi furgoni per il trasporto merci, l’ammontare dello stesso dovrebbe prendere in considerazione anche gli “oneri per i costi esterni” – cioè per l’inquinamento atmosferico o acustico dovuto al traffico. A partire dal 2026, se un pedaggio per i costi esterni viene applicato a un qualsiasi tratto di strada, questo dovrebbe essere applicato anche alle altre categorie di veicoli.
Per eliminare le esenzioni consentite dalle norme attuali, il pedaggio stradale negli Stati membri dovrebbe applicarsi a tutti i veicoli pesanti e ai grandi furgoni merci, sempre più utilizzati per le operazioni di trasporto merci, a partire dal 2020. Le norme attuali consentono di esentare i veicoli di peso inferiore a 12 tonnellate e autobus e pullman.
Le nuove norme consentirebbero ai paesi di fissare sconti, ad esempio per gli utenti abituali di veicoli leggeri in zone non densamente popolate e nelle periferie delle città.
Per garantire che gli utenti occasionali e i conducenti di altri Paesi UE siano trattati equamente, il progetto di legislazione stabilisce anche dei limiti di prezzo per i bolli a breve termine che possono essere imposti ai conducenti di automobili. Infine, i deputati hanno convenuto che dovrebbero essere disponibili anche bolli per periodi brevi, come un giorno o una settimana.La relazione è stata approvata con 398 voti favorevoli, 179 contrari e 32 astensioni. Il Parlamento avvierà i negoziati con il Consiglio non appena i ministri dell’UE avranno stabilito la propria posizione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I romani pagheranno il pedaggio del g.r.a.

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2011

Icon of autostrada A90 "Grande Raccordo A...

Image via Wikipedia

Lo ha dichiarato il ministro Matteoli. “A seguito dell’audizione in commissione, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, conferma che il pagamento del pedaggio sul Grande Raccordo Anulare di Roma è previsto per legge e, dunque, nessun intervento, da parte di Regione o Comune, potrà superare quanto stabilito dalla legge. E’ impensabile che i romani non paghino il pedaggio, perché così facendo si incorrerebbe in una infrazione europea, dato che il mancato pagamento da parte dei romani verrebbe considerato dall’Europa un aiuto di Stato. Al momento non sappiamo come l’Anas provvederà ad esercitare la riscossione del pedaggio, ma è certo che tra poco inizieremo a pagare, nonostante i ripetuti proclami in difesa dei romani del sindaco Alemanno e della presidente Polverini.” Lo dichiarano, in una nota congiunta, i deputati di FLI Francesco Proietti Cosimi, Antonio Buonfiglio, Aldo Di Biagio.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torino-Caselle: contro aumento pedaggio tangenziale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 febbraio 2011

La Lega nord plaude al ricorso presentato al Tar e vinto da Saitta contro il pedaggiamento deciso dal Governo sulla superstrada per Caselle e lo sollecita ad assumere atteggiamenti decisi contro l’aumento della tangenziale e delle autostrade scattato ad inizio 2011. Il Consiglio provinciale ha discusso oggi ed approvato due mozioni – spiega il presidente della Provincia Antonio Saitta – in cui da maggioranza e minoranza c’è totale condivisione alla battaglia che ho intentato a vantaggio dei pendolari del nostro territorio contro il pagamento del biglietto sulla superstrada per l’aeroporto di Caselle. Dal 1 maggio il Governo ha annunciato l’avvio del pedaggio: chiederò con forza al ministro Matteoli di esentare i nostri pendolari che ogni giorno si muovono per studio e lavoro e non devono essere penalizzati. Sarò più forte nei confronti del Governo nazionale se anche Pdl e Lega nord mi sosterranno”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anas: pedaggio Gra di Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 novembre 2010

Un’ennesima vittoria per l’Italia dei Diritti, in quanto a seguito del preventivati incatenamenti di Antonello De Pierro, leader del movimento, c’è da registrare il passo indietro del presidente dell’ANAS Pietro Ciucci, che a margine della riunione del Cipe ha dichiarato che non verranno applicati pedaggi per coloro che utilizzeranno il Grande Raccordo Anulare per spostamenti urbani, senza imboccare autostrade.Una tregua, quindi, annunciata per sottolineare un successo considerato parziale: “Prendiamo atto di questa dichiarazione, ma all’Italia dei Diritti non basta – annuncia il fondatore del movimento extraparlamentare – Se queste parole non saranno seguite dai fatti prevediamo una mobilitazione che potrebbe arrivare anche a bloccare  la circolazione sul raccordo e non solo,  affinché venga eliminato ogni possibile richiamo ad un’imposizione ingiusta che andrebbe a ripercuotersi soprattutto sulle fasce meno abbienti della popolazione”.  Alle roboanti dichiarazioni di Alemanno, il quale aveva detto che in caso di imposizione del pedaggio avrebbe sfondato con la sua auto i caselli, De Pierro ricorda che questi non esisterebbero, non ci sarebbe nulla da sfondare con la forza. “Il sindaco pertanto prenda in considerazione atti concreti, invece di pronunciare sterili e goliardiche dichiarazioni d’intenti propagandistici, quando il suo vicesindaco Mauro Cutrufo  ha votato a favore dell’ingiusta gabella in Senato. Si levi Alemanno dalla sua genuflessione nei confronti del sovrano di Arcore”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come si finanzia il ponte sullo stretto

Posted by fidest press agency su sabato, 20 novembre 2010

“Nei 34 giorni di pedaggi sulla Siena-Firenze e sulla Bettolle-Perugia, lo Stato ha incassato 15 milioni di euro, circa 440mila euro in media al giorno. Rapportando la cifra ad un anno si otterrebbe un introito di 160 milioni di euro, una cifra tre volte superiore al budget assegnato ad Anas per gli interventi sulle strade toscane, per le manutenzioni ordinarie e straordinarie”. Ad affermarlo è Franco Ceccuzzi, deputato del Pd, commentando la risposta del Ministero delle infrastrutture all’interrogazione presentata nel mese di luglio dal parlamentare senese per sapere quante fossero le risorse che lo Stato avrebbe ricavato dal pedaggio e, di quelle, quante sarebbero state trasferite all’Anas per ammodernare e mettere in sicurezza le strade toscane. “Nel 2009 i milioni assegnati sono stati 47 – prosegue Ceccuzzi – mentre nell’anno in corso, per il momento, Anas ha ricevuto solo 16 milioni di euro. Come avevamo denunciato nei mesi scorsi, le risorse del pedaggio servono a compensare il taglio di 1,4 miliardi di euro subìto dal bilancio Anas a vantaggio del finanziamento del Ponte sullo Stretto, la cui società vede al vertice lo stesso Presidente di Anas, Pietro Ciucci. Ciò diventerebbe ancora più evidente nella malaugurata ipotesi, che faremo di tutto per scongiurare, della reintroduzione del pedaggio. Chiediamo che i 15 milioni di euro incassati dallo Stato sulle strade locali vengano immediatamente trasferiti ad Anas per la messa in sicurezza della Siena-Firenze”. Continuare la battaglia contro il pedaggio. “Che ora al danno del pedaggio ingiusto si aggiunga la beffa – continua Ceccuzzi – ovvero che i ricavi tirati fuori dalle tasche dei cittadini toscani potrebbero non andare a finanziare l’ammodernamento delle nostre infrastrutture, ci rende ancora più determinati nella nostra battaglia per scongiurare ogni possibilità di ritorno al pedaggio. I veicoli in transito ai caselli dell’autostrada A1 Firenze Certosa e Valdichiana, nel 2009, sono stati 16 milioni. La gara per l’acquisto delle apparecchiature elettroniche e dei telepass per l’inserimento del pedaggio sulla Siena-Firenze è ancora aperta. C’è una clausola, però, che obbliga il vincitore a prendere atto della variazione delle strade sottoposte a pedaggio. Possono essere ancora assunte, dunque, iniziative efficaci per opporsi ad un balzello iniquo e per giunta applicato, solo per far cassa, ad una strada come l’Autopalio, priva di banchine e con un fondo stradale dissestato e pericoloso”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi: iniziativa Zingaretti

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2010

“Non possiamo che apprendere con favore la notizia data oggi dal Presidente Ciucci il quale ha affermato che i romani, che utilizzeranno il Gra per spostamenti di tipo urbano, non pagheranno il pedaggio”. Lo afferma il senatore del Pd Raffaele Ranucci, vicepresidente della commissione Lavori pubblici e trasporti,  che così continua: “Spiace tuttavia constatare che il sindaco Alemanno bolli come ‘demagogica’ la campagna del Pd contro il pedaggi, lasciando peraltro intendere che sia stata inutile. E’ curioso questo comportamento da parte di chi aveva, solo poche settimane fa, minacciato di ‘sfondare i caselli’ qualora si fosse imposto il pagamento del pedaggio sul Gra ai romani. Al contrario, l’iniziativa del ricorso al Tar intrapresa dal presidente della provincia Zingaretti  e dai sindaci di tanti comuni,  si è evidentemente rivelata vincente”.
“Il pedaggiamento del Gra è comunque un’ulteriore tassa per gli automobilisti, anche se non romani. A questo punto – conclude Ranucci – chiediamo almeno che gli introiti da esso provenienti vengano reinvestiti nel miglioramento delle infrastrutture di servizio alla città di Roma e non servano, invece, per tappare i buchi dei mancati trasferimenti dal Governo all’Anas”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gra, Alemanno scrive a Matteoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 ottobre 2010

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha scritto oggi al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, chiedendo l’intervento del Governo in merito all’approvazione dell’ordine del giorno che esclude il pagamento del pedaggio sul Gra e l’istituzione di un tavolo tecnico di confronto composto dalle Istituzione coinvolte: Roma Capitale, Provincia di Roma, Regione Lazio e ANAS. Ecco il testo della lettera firmata dal Sindaco:
“Ti scrivo in merito all’intervenuta approvazione, in data 30 settembre 2010, dell’ordine del giorno n. 9/3725/6 con primo firmatario On.le Vincenzo Piso (nel corso dell’iter di conversione del D.l. 5 agosto 2010 n. 125, recante “Misure urgenti per il settore dei trasporti e disposizioni in materia finanziaria”) che impegna il Governo ad intervenire per escludere dall’applicazione del pedaggio determinati tratti di autostrade e raccordi autostradali in gestione diretta di Anas S.p.A., interessati da traffico prevalentemente urbano  e con caratteristiche pendolari. L’assunzione di tale impegno riguarda, in particolare, Roma Capitale, che presenta caratteristiche socio-territoriali ed una molteplicità di interazioni con le popolazioni ed i territori limitrofi, tali da conferire alla dimensione metropolitana della Città una rilevanza assolutamente significativa, soprattutto sotto l’impatto infrastrutturale. Per questo motivo mi aspetto che il Governo, in pieno accoglimento degli impegni assunti con l’ordine del giorno approvato , nonché in armonia con gli affermati principi di autonomia ordinamentale recentemente attribuiti a Roma Capitale, intervenga in via legislativa sulla materia. Ritengo, comunque, assolutamente imprescindibile che ogni decisione governativa sia preceduta da un confronto specifico con le Istituzioni coinvolte nella questione:  confronto in occasione del quale individuare soluzioni normative chiare e definitive, capaci di riconoscere appieno l’affermazione delle istanze che Ti ho sin qui rappresentato. Sono pertanto a chiederTi l’istituzione di un tavolo tecnico composto dai rappresentanti di Roma Capitale, Provincia di Roma, Regione Lazio ed ANAS S.p.A. per il concreto ed urgente avvio di quanto suindicato”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ipotesi nuovo Gra

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

A una settimana dal discusso via libera ai nuovi pedaggi, si fa strada l’idea di realizzare un secondo Raccordo Anulare. Il presidente dell’Unione industriali Aurelio Regina, durante un meeting della Cisl a Roma, ha ridato attualità infatti, alla proposta di attuare un secondo Raccordo che dovrebbe correre esternamente al primo da costruire interamente con denaro privato. In merito alla proposta avanzata, ha espresso un parere Oscar Tortosa, vicesegretario per il Lazio dell’Italia di Valori: “Dopo la vergogna sul pedaggio del Raccordo e il pranzo con il Senatur che ci insulta gratuitamente, Alemanno dà l’ennesima dimostrazione di noncuranza e di non rispetto nei confronti dei cittadini romani, approvando un progetto che incrementerebbe ulteriormente i problemi legati al traffico”. Il prospetto sopra citato trova ampio consenso da parte del Sindaco capitolino Gianni Alemanno, che a detta sua “ha sempre condiviso il progetto”. A frenare gli entusiasmi  sull’eventualità di creare una nuova autostrada tangenziale  che mette di nuovo mano alle tasche dei pendolari, è in prima linea l’associazione ambientalista Legambiente, la quale chiede con fermezza di distribuire le risorse economiche sul trasporto regionale anziché su un  vano e dispendioso nuovo Gra. “Se il progetto andrà in cantiere, vorrei domandare al Sindaco se il secondo raccordo sarà a pagamento come il primo, cosa che mi indigna, in quanto il raccordo è diventato ormai una strada interna alla città. Con il Paese che va in malora – chiosa l’esponente del partito capeggiato da Antonio Di Pietro –, di un’altra farsa non si sentiva il bisogno e quindi, chiediamo maggiore serietà all’interno della nostra città”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Via libera del governo al pedaggio sul Gra

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 ottobre 2010

Sono state vane le promesse  del  sindaco capitolino Gianni Alemanno di  bloccare la proposta di inserimento di un pedaggio sul Grande Raccordo Anulare per coloro che vi transiteranno: nella giornata di ieri infatti,  è stato votato con 268 sì e 210 no il decreto legge che dal 1 maggio obbligherà di un somma ancora da definire quanti transiteranno sulla tratta Roma – Fiumicino e sul Gra.  Duro il commento del vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori Oscar Tortosa: “Il sindaco Alemanno ha dato una bella stangata ai nostri cittadini e ai tanti pendolari che ogni giorno percorrono il Raccordo. Il governo d’altro canto è ormai appiattito e non accenna a dare risposte positive ai problemi che attanagliano le famiglie. Le conseguenze del decreto saranno pesanti: un lavoratore pagherà una somma pari a seicento euro l’anno per colpa di un esecutivo che non ha saputo imporsi e indignarsi abbastanza riguardo gli aumenti dei pedaggi”. A fronte di ciò, cercando di difendersi il primo cittadino di Roma ha garantito che varerà una norma salva-pendolari per arginare i costi dei cittadini e ha promesso di appoggiare la soluzione del declassamento presentata dalla Regione Lazio, che tramuterebbe il Grande Raccordo Anulare da autostrada a superstrada  regionale. “Quella dei salva-pendolari sarà un’altra furbata dell’attuale Giunta – conclude l’esponente del partito guidato da Antonio Di Pietro – per mantenere i consensi alle prossime primarie. Bisogna tenere alta l’energia della protesta e disobbedire di fronte all’ennesimo scempio”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggio Gra e lettori de “Il messaggero”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 ottobre 2010

Oggi su “Il Messaggero” di Roma, il giornalista Nino Cirillo torna a parlare di “oltraggio”, “pedaggio iniquo e oscuro”, per definire le scelte del Governo di pedaggiare le autostrade e i raccordi autostradali in gestione all’Anas, e in particolare, il Grande Raccordo Anulare di Roma. Senza voler giudicare o censurare le opinioni del giornalista, la redazione del giornale telematico dell’Anas http://www.lestradedellinformazione.it, nel far notare gli errori contenuti nel testo dell’articolo e la superficialità delle informazioni raccolte prima di esprimere giudizi, ha invitato i lettori ad inviare un commento, specificando che “non sarà pubblicata alcuna lettera dai toni insultanti, violenti, prepotenti o provocatori. I nostri lettori debbono pur mantenere quel rapporto tra sobrietà e correttezza che purtroppo manca ad alcuni giornalisti”. La maggior parte dei navigatori che ha risposto fino a questo momento alla richiesta, si è espressa a favore di un pedaggio che sia lo strumento necessario per effettuare una manutenzione adeguata e per migliorare l’infrastruttura autostradale. I lettori, inoltre, a differenza da quanto affermato dal giornalista de Il Messaggero, hanno compreso di non dover pagare il pedaggio sul Gra per i collegamenti dalla città verso la città, ma esclusivamente da e verso l’autostrada già a pagamento.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Pdl e Lega Nord “regalano” il pedaggio ai senesi”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 ottobre 2010

“I senesi, i cittadini toscani e umbri e tutti coloro che transiteranno sulla Siena – Firenze e sulla Bettolle – Perugia, possono amaramente ringraziare il governo e i parlamentari di Pdl, Fli e Lega Nord che questa mattina hanno riconfermato l’introduzione del pedaggio”. Con queste parole Franco Ceccuzzi e Susanna Cenni, deputati senesi del Pd commentano la conversione in legge del decreto 125, da parte della Camera, con il quale il governo ha nuovamente autorizzato Anas ad applicare il pedaggio nei raccordi autostradali di propria competenza. Il provvedimento prevede l’introduzione dei caselli autostradali in oltre 1.200 chilometri di strade tra le quali rientrano l’Autopalio e la Bettolle – Perugia.  “La situazione delle infrastrutture in Italia è disastrosa: le grandi opere sono bloccate; il Cipe non si riunisce più da mesi; il numero dei bandi di gara tra agosto 2009 e agosto 2010 sono calati del 25 per cento, rispetto all’anno presedente, e l’occupazione del settore delle costruzioni è diminuita del 15 per cento. Le stazioni appaltanti pubbliche come Anas, Rfi e Italfer hanno risorse vicine allo zero, nei propri piani triennali”. “Anche in Toscana – dicono Ceccuzzi e Cenni – la situazione non è migliore. Il compartimento Anas della Toscana ha ricevuto solo 5 milioni di euro sui 60 che servono solo per la manutenzione ordinaria delle strade. Oggi con l’approvazione del decreto il governo torna a mettere le mani nelle tasche dei senesi e dei toscani che sono costretti a utilizzare arterie vecchie e pericolose, come la Siena – Firenze. Fino ad oggi, solo grazie ai governi e alle amministrazioni locali di centrosinistra, è stato possibile reperire le risorse e avviare i lavori necessari all’ammodernamento delle nostre strade”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggio sul Gra di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 28 settembre 2010

“Noi dell’Italia dei Diritti non possiamo stare certo a guardare quello che è l’ennesimo ‘scippo’ alle tasche dei cittadini, visto che sia il nostro dna, sia la nostra ragione sociale, sono rivolti a salvaguardare i diritti in particolar modo delle fasce più deboli”. Con queste parole il presidente del movimento nazionale Antonello De Pierro dichiara guerra aperta all’idea avanzata dall’Anas circa l’istituzione del pedaggio elettronico sul Grande Raccordo Anulare di Roma e sul tratto stradale che collega la Capitale con Fiumicino. “Siamo sbigottiti e scandalizzati – continua De Pierro – di fronte al progetto dell’Anas che, sfruttando perfettamente un assist legislativo fornito su un piatto d’argento dall’ultima finanziaria del governo Berlusconi, sta per introdurre un tale, ignobile, balzello. Non abbiamo mai creduto, neanche per un secondo, all’attendibilità dell’opposizione di Renata Polverini al provvedimento, né ai proclami di Gianni Alemanno che, annunciando azioni plateali come quella di sfondare con la propria auto un casello che non si capisce nemmeno quale sia, dacché si parla di videopedaggi, sta cercando di riconquistare qualche briciola della credibilità persa fortemente per strada nel suo percorso amministrativo. È chiaro che stanno prendendo in giro i cittadini. L’intenzione di istituire il pagamento del pedaggio c’è, e se qualcuno non si opporrà realmente con vigore sarà attuato a breve. Su questo fronte noi non ci lasceremo intimorire e annunciamo battaglia, certi che i cittadini saranno dalla nostra parte. Il copione come sempre è lo stesso: raccontare favole per poi fare assimilare e accettare quasi automaticamente il nuovo esborso, come già accaduto con i parcometri o molto prima con l’Ici”.  Il presidente dell’Italia dei Diritti, pensando alle conseguenze che il videopedaggio sul Gra avrebbe sulla viabilità della Capitale aggiunge: “Tutto ciò, oltre che essere immorale nei confronti di chi è costretto per lavoro a percorrere il Gra diverse volte al giorno, obbligherà molti a evitare l’ingiusto assalto legalizzato alle proprie tasche riversandosi sulle strade consolari, già abbondantemente intasate. Chi non è di Roma non si senta estraneo e indenne da tale sopruso legislativo – avvisa De Pierro –, in quanto non è da escludere che presto cominceranno a pensare di introdurre pedaggi anche sulle strade statali. A fronte di ingenti somme di denaro sottratte allo Stato da politicanti disonesti, la parola d’ordine sembra essere ormai sempre più fare cassa con i soldi dei contribuenti. Annunciamo perciò clamorose manifestazioni di protesta – conclude il presidente del movimento nazionale –, a partire da un numero infinito di incatenamenti lungo il raccordo anulare

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggio raccordo anulare Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha incontrato i rappresentanti dei deputati del Pdl per individuare le possibili soluzioni per fronteggiare il problema dei pedaggi sugli accessi dal Gra alle autostrade, in vista della discussione alla Camera dei Deputati del decreto legge numero 125 del 5 agosto 2010. «È fuorviante e demagogico – dichiara il sindaco Alemanno – parlare di pedaggio sul Grande Raccordo Anulare, perché i cittadini romani che usano il raccordo per spostarsi da un quartiere all’altro non devono pagare assolutamente nulla».  «Rimane il problema dei pendolari – prosegue Alemanno – che quotidianamente vengono dalla provincia di Roma a lavorare in città e che non possono sopportare anche un modesto aumento di pedaggi  autostradali che di fatto consegue alla nuova tariffa Anas. Per questo motivo ho posto ai parlamentari del Popolo della libertà il problema di cancellare questa tariffazione da tutti i tratti autostradali di grande percorrenza in area urbana, tra cui il Gra».  «In subordine – spiega il Sindaco – bisogna introdurre dei forti sconti per i pendolari che usano questi tratti autostradali e garantire che le eventuali risorse rimangano sul territorio di Roma per consentire la manutenzione e lo sviluppo dei tratti stradali e autostradali di accesso alle autostrade. È comunque necessario rinegoziare il contratto di servizio con la Società Autostrade, che è un monopolista e ha ampi margini di guadagno». «Entro la prossima settimana – conclude Alemanno – il gruppo del Pdl, dopo opportuno confronto con i Ministeri dell’Economia e delle Infrastrutture, individuerà gli interventi che sono praticabili in sede parlamentari».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Senato dà il via libera al pedaggio sul Gra

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

Il Senato ha dato il via libera al decreto per la realizzazione degli impianti di rilevamento dei pedaggi sui raccordi autostradali gestiti dall’Anas. Entro il 30 aprile 2011 il governo dovrà disciplinare l’applicazione del balzello e fornire l’elenco delle strade su cui applicarlo, strade tra cui naturalmente figura anche il Grande raccordo anulare di Roma. “Viste le dichiarazioni del sindaco quando per la prima volta si parlò della possibile introduzione dei pedaggi sul raccordo – ha detto Vittorio Marinelli, responsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti – ora ci aspettiamo di vedere Gianni ‘Alemanno’ un po’ come il King Kong di New York arrampicato sopra i rilevatori del pedaggio a rompere tutto. Purtroppo in questa situazione di rotto ci sono solo le scatole dei cittadini romani e laziali che hanno preso l’ennesimo bidone”. Il compito della realizzazione degli impianti per i pedaggi spetterà all’Anas che a quanto sembra non costruirà dei veri e propri caselli ma utilizzerà il cosiddetto sistema del “free flow”, che prevede l’installazione di telecamere che riprenderanno i veicoli in entrata e in uscita, calcolando automaticamente la percorrenza e mandando il conto direttamente a casa dei cittadini. “Questo governo – ha continuato il responsabile del movimento guidato da Antonello De Pierro – che fin qui ha continuamente proposto di ridurre le tasse, sta superando ogni limite. In epoca antica i romani oltre a rubare qualche strada la costruivano pure, mentre i politici di oggi le uniche tecnologiche che riescono a pensare sono quelle per mettere le mani nelle tasche dei cittadini”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un pedaggio sull’anulare di Roma?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 settembre 2010

“L’Anas dovrebbe pensare a rendere più sicure le strade, anziché riempirsi ulteriormente le tasche con questo scempio”. Questo il commento di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, sul pedaggio elettronico voluto dall’Anas sul Grande Raccordo Anulare di Roma e sull’autostrada che collega la Capitale con Fiumicino. La società gestrice della rete stradale italiana pubblicherà oggi il bando di gara di 150 milioni per la cosiddetta “esanzione dinamica senza barriere”, una sorta di occhio elettronico in grado di leggere le targhe dei veicoli in transito e di inviare automaticamente a casa la richiesta di pagamento. Il Campidoglio, la Provincia di Roma e la Regione Lazio hanno già fatto fronte comune per impedire un progetto che – pur non riguardando chi si muove all’interno alla città, bensì solo chi vi arriva dall’autostrada o coloro i quali verso questa si dirigono – darebbe il colpo di grazia a tutti quei pendolari già penalizzati dai rincari delle tariffe autostradali scattati in estate e poi bloccati dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato. “Il Gra è utilizzato ogni giorno da migliaia di lavoratori come percorso quasi obbligato per andare a lavoro – incalza Soldà –, e altrettanto vale per la bretella Roma-Fiumicino. E’ impensabile tassare il pedaggio su strade di così vitale importanza, a maggior ragione se si calcola che quella dei pendolari già non è una delle categorie più fortunate. Se al traffico, al lungo viaggio, ai rincari della benzina, si deve aggiungere anche una tassa extra per 5 giorni settimanali, per i lavoratori che vengono dall’hinterland romano recarsi in ufficio diventerà un’impresa”. Italia dei Diritti promette battaglia nei confronti di tale progetto e invita tutti i sostenitori del movimento ad appoggiare le iniziative che verranno a breve rese note.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: autostrade a pedaggio

Posted by fidest press agency su sabato, 31 luglio 2010

Il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta ha scritto oggi una lettera ad Ativa e Anas nazionale e regionale per richiedere di sospendere fin da domani la riscossione degli aumenti delle tariffe. Dopo aver commentato positivamente questa mattina il provvedimento del Tar Piemonte, con il quale è stato accolto il ricorso della Provincia contro il Decreto del Governo che prevedeva gli aumenti di pedaggio in tangenziale, Antonio Saitta sottolinea il contenuto del testo dell’ordinanza il quale specifica che “il tratto stradale Torino–Aeroporto di Caselle non è qualificabile come autostrada e, pertanto, difettano in radice le condizioni stabilite dal decreto legge, poiché la potestà di aumento può riguardare soltanto ‘le stazioni di esazione delle autostrade a pedaggio che si interconnettono con le autostrade e i raccordi autostradali in gestione diretta ANAS’”.“Il decreto del Governo si contraddice da solo – spiega Saitta – noi avevamo già ricordato che la Torino – Caselle non è assimilabile alla viabilità oggetto del decreto, ma non ci hanno dato alcun ascolto, argomento che invece è stato fortemente ribadito dal Tar”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi raccordi autostradali

Posted by fidest press agency su sabato, 3 luglio 2010

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali/Pd. L’Anas esige illegalmente il pedaggio forfettario per i raccordi autostradali. Ho depositato una interrogazione parlamentare alla Presidenza del Consiglio dei ministri e inviato un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Roma. La legge che istituisce il pedaggio forfettario per i raccordi autostradali (articolo 15, comma 2 del decreto legge n. 78/2010) prevede che le stazioni per il pagamento del pedaggio forfettario siano individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) che deve anche stabilire “criteri e modalita’ per l’applicazione del pedaggio sulle autostrade e sui raccordi autostradali in gestione diretta di ANAS”. In un comunicato stampa in cui si annuncia l’applicazione del pedaggio a partire dal 1 luglio 2010, l’Anas afferma che tale Dpcm e’ stato emesso lo scorso 25 giugno. Ma come ha denunciato l’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori) tale decreto  non esiste o, se esiste, è ancora inefficace in quanto mai pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e forse neanche sottoposto al controllo di legittimità della Corte dei Conti. Un Dpcm, come altri decreti ministeriali,  deve essere adottato previo parere del Consiglio di Stato, vistato e registrato dalla Corte dei conti e infine pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Fino alla pubblicazione in GU, che sancisce la fine del procedimento, il decreto è inefficace ed ha il valore di una semplice circolare. Non solo l’ufficio legislativo del Governo ha confermato all’Aduc l’inesistenza di questo Dpcm in termini esecutivi, ma anche l’Anas, sempre interpellata dall’Aduc, ha confermato che non esiste. Siamo quindi di fronte ad una situazione di evidente illegalità: gli automobilisti italiani, oltre a dover già subire un tributo di dubbia legittimità mascherato da corrispettivo, sono costretti a pagare in forza di un decreto che ancora non è efficace e quindi in violazione della legge. Per questo ho presentato, col senatore Marco Perduca, un’interrogazione al Governo perche’ ordini all’Anas l’immediato blocco dell’esazione e ho denunciato la vicenda alla Procura della Repubblica di Roma affinché valuti l’opportunità di procedere nei confronti degli amministratori Anas per reati contro la PA. Ricordo, infine, che sulla materia ho anche presentato un emendamento al decreto legge che istituisce questa gabella per impedire l’esazione provvisoria in violazione di leggi e norme: http://blog.donatellaporetti.it/?p=1571

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il piano di rientro del sindaco Alemanno

Posted by fidest press agency su domenica, 30 maggio 2010

“Sindaco, quanto ancora abuserai della nostra pazienza propinando soluzioni poco atte a risolvere situazioni così delicate?”. Aspre le parole del vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori, Oscar Tortosa, con riferimento ai recenti provvedimenti proposti dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, per riassorbire in parte la voragine di bilancio dovuta al deficit finanziario del Campidoglio. Le misure previste consentiranno all’amministrazione di arrivare a 200 milioni di euro annui che si andranno ad aggiungere ai 300 milioni già previsti dal Governo per arrivare alla necessaria cifra di 500 milioni, secondo quanto stabilito dal piano di rientro. L’esponente del partito guidato da Antonio Di Pietro incalza: “Il Grande Raccordo di Roma è scampato al pagamento del pedaggio perché strada interna alla città, ma la Roma-Fiumicino è sotto tiro. Si parla di riscuotere soldi dai biglietti aerei di chi parte dall’aeroporto romano, dall’incremento dell’addizionale comunale Irpef, dall’aumento dell’Ici sulla seconda casa trascurando la recessione edilizia, persino dal turista che soggiorna nella Capitale. Ancora una volta sono i cittadini a scontare gli errori dei governanti, a risponderne con le proprie tasche”. E a tal proposito Tortosa fa un appello al sindaco affinché non sottovaluti la situazione di crisi in cui versa il cittadino, sempre più in salita nel far quadrare il bilancio familiare a fine mese. “Leggo negli occhi della gente – conclude – mortificazione e paura, lo stipendio è esiguo e per di più non varia, mentre le tasse aumentano. Ma attenzione, la pazienza di chi lavora è giunta oramai al limite”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No all’aumento del pedaggio autostradale

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 febbraio 2010

“Siamo decisamente contrari alla proposta di aumentare ulteriormente i pedaggi delle autostrade e delle tangenziali. Bisognerebbe, invece, vigilare con molta attenzione su questi continui e ingiustificati rincari dei pedaggi stessi.  Al costante aumento per gli automobilisti del costo del pedaggio delle autostrade e delle tangenziali, purtroppo non abbiamo potuto riscontrare un pari miglioramento della rete. Noi siamo per una politica strutturale, ma si devono evitare ulteriori balzelli per i cittadini”. Lo dichiara Vincenzo Chieppa,  Segretario Regionale e Consigliere Regionale dei Comunisti Italiani

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autostrade: Code ai caselli autostradali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 gennaio 2010

Adiconsum ha contestato l’aumento delle tariffe dei pedaggi autostradali non giustificati sia per l’inflazione zero sia a maggior ragione per la diminuzione dei prezzi dei prodotti industriali del 5%. In occasione dell’esodo del rientro ancora una volta abbiamo verificato le consuete code. Ogni anno abbiamo denunciato il problema e indicato anche alcuni possibili soluzioni (pagamento all’entrata o presso le stazioni di servizio). Non tutti, infatti, dispongono del Telepass. La situazione si è aggravata con i caselli automatizzati i quali sono molto più lenti di quelli manuali. Adiconsum chiede all’Anas di prevedere delle normative che impongano ai concessionari la possibilità di pagare il pedaggio all’entrata in autostrada o nelle aree autogrill e potenziare il personale ai caselli nei periodi di grande esodo. Adiconsum chiede all’Anas di prevedere delle sanzioni per le società autostradali per le code che vanno oltre i 15-20 minuti. Adiconsum chiede inoltre all’Anas di realizzare un call center per permettere agli automobilisti di segnalare le criticità riscontrate, così come già realizzato da altre Autorità di regolazione. Adiconsum in una lettera al Governo e all’Anas e ai ministeri ha chiesto anche un incontro per riesaminare i criteri che comportato aumenti di tariffe.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »