Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘pediatra’

Centralità del pediatra di libera scelta nella cura del bambino e dell’adolescente

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

Si chiede: il prolungamento dell’assistenza sanitaria pediatrica sino alla maggiore età, vantaggi derivanti dall’impiego di personale di studio, applicazione e rispetto delle norme contenute negli accordi collettivi nazionali come segno di affidabilità della controparte amministrativa e politica. Sono questi i principali spunti, e allo stesso tempo le richieste messe sul tavolo dai pediatri di famiglia, emersi dal convegno “I pediatri e le sfide del nuovo millennio: denatalità e organizzazione sanitaria”, organizzato dalla sezione regionale Puglia di Simpef – Sindacato Medici Pediatri di Famiglia nel weekend a Bari.
Durante i lavori, che hanno affrontato il tema denatalità e le sue ripercussioni sul sistema delle cure pediatriche, il dibattito tra pediatri di libera scelta, clinici, esperti e decisori politici regionali e nazionali ha fatto emergere alcune proposte che Rinaldo Missaglia, Segretario nazionale Simpef illustra. “In primo luogo – premette il Segretario – è opportuno ricordare come da anni non si sottoscrivono convenzioni rinnovate, nel senso di un adeguamento alle radicalmente mutate condizioni sociali e sanitarie dell’infanzia e dell’adolescenza, ma non solo. Intere parti di sostanza degli Accordi collettivi nazionali vigenti non sono ancora applicate o sono unilateralmente ed improvvidamente disattese dalle amministrazioni regionali. Inoltre, l’ultimo accordo, siglato pochi mesi fa, è scaduto il 31 dicembre; siamo nuovamente in una situazione di vacatio. Ed è per questo che, con grande senso di responsabilità civile oltre che professionale, ci rivolgiamo al rinnovato Comitato di Settore Sanità perché si attivi per avviare le procedure per la riapertura del tavolo di discussione, indicando a SISAC – Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati, nella sua eventualmente rinnovata composizione, di procedere alla relativa convocazione, quanto mai opportuna.”Venendo quindi alle proposte, Missaglia chiarisce: “È sotto gli occhi di tutti, la montante criticità della fase di vita adolescenziale, stretta tra un crescente complesso di inadeguatezza, ansia, ma anche de-responsabilizzazione delle figure adulte di riferimento, compresi i genitori, e stili e condizioni di vita inappropriati, dalla sedentarietà all’abuso di quanto le moderne tecnologie di comunicazione mettono a disposizione. In questa situazione, oggi il ragazzo è di fatto, assistenzialmente, ‘abbandonato a sé stesso’. Andrebbe accolta e perseguita la disponibilità dei pediatri di famiglia ad assicurare la propria competenza assistenziale a tutti gli assistibili, fino al compimento della maggiore età posta, sia scientificamente sia legalmente, al diciottesimo anno di vita. In questo modo si garantirebbero, in maniera appropriata, le cure necessarie in un’età socio-sanitariamente problematica.” Secondo il Segretario nazionale Simpef: “Sotto questo punto di vista, la figura e il ruolo del pediatra, considerato dalle famiglie un punto fermo nella cura e nell’assistenza, sono fondamentali e la nostra attività professionale dovrebbe essere sostenuta e ampliata. Occorrerebbe migliorare e rendere maggiormente efficiente la presa in carico dei piccoli assistibili, grazie soprattutto alla messa a loro disposizione di pediatri di libera scelta che possano avvalersi dell’opera di collaboratori di studio infermieristici ed amministrativi per lo svolgimento della propria attività professionale.” “Nel corso dell’incontro di Bari – conclude Missaglia – su questi temi sono stati sensibilizzati tanto rappresentanti della società civile, di authority a tutela dell’infanzia e adolescenza quanto autorevoli esponenti delle Istituzioni parlamentari, quali l’On. Francesca Galizia e il Sen. Ubaldo Pagano. Tutti hanno condiviso la necessità di approfondire queste problematiche al fine di ottenerne l’opportuna risoluzione. Ci auguriamo che alle parole seguano fatti concreti.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pediatra di famiglia: firmata la preintesa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 marzo 2018

La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) firma in SISAC una preintesa che attraverso un “Primo Accordo” su alcuni temi importanti avvia in modo concreto il rinnovo organico dell’Accordo Collettivo Nazionale (ACN) da raggiungere entro il 2018. Dopo un troppo lungo periodo di infruttuosi incontri, le parti si sono finalmente accordate su alcuni temi normativi e sull’erogazione degli arretrati economici fermi al 2010. “Le parti normative concordate riguardano le modalità di accesso e le graduatorie, articoli importanti perché permettono da un lato di facilitare l’entrata dei giovani pediatri nel rapporto convenzionale e dall’altro di correggere le tempistiche e modalità nell’assegnazione degli incarichi – dichiara il dott. Giampietro Chiamenti Presidente FIMP -. Inoltre le parti sindacali e le Regioni hanno individuato e condiviso gli obiettivi prioritari di salute e i problemi assistenziali su cui focalizzare gli Accordi Regionali. L’obiettivo principale è la vaccinazione che ha nel pediatra di fiducia l’operatore sanitario più idoneo a sostenerla e, sempre più sistematicamente, eseguirla attraverso la valorizzazione del ruolo fiduciario e la sinergia di azione con i centri vaccinali del servizio sanitario nazionale”. “Il secondo obiettivo è l’assistenza al paziente cronico che per il pediatra significherà supporto ed intervento nei confronti della popolazione infantile affetta da malattie rare o croniche, disturbi della sfera neuro-cognitiva, obesità e sue conseguenze – prosegue Chiamenti -. La diagnosi precoce e gli interventi sugli stili di vita nonché l’educazione sanitaria dovranno essere sempre più i corollari indispensabili dell’intervento socio-sanitario finalizzato al contenimento di queste problematiche”. “Finalmente ci sono stati riconosciuti il recupero economico della vacanza contrattuale fermo dal 2010 ed anche gli arretrati riferiti agli aumenti per gli anni 2016-17, stabiliti dalle più recenti leggi finanziarie – sottolinea il presidente FIMP – anche se per ora dobbiamo accontentarci di considerarli come arretrati poiché la messa a regime come aumenti dovrà aspettare la firma definitiva della ACN, si auspica, entro il 2018. Vogliamo cogliere questo preaccordo come un segnale di buona volontà resosi tuttavia possibile solo in fase elettorale grazie al costante supporto del Ministro Lorenzin che tra l’altro si è prodigata in questi anni per significative innovazioni nel servizio sanitario nazionale, come i nuovi lea che valorizzano anche le malattie rare, il piano per la cronicità, le leggi sull’autismo e sull’obbligo vaccinale e ha valorizzato l’alleanza tra salute e scienza. Importanti sono stati anche l’impegno e disponibilità di Massimo Garavaglia, coordinate del Comitato di settore per la salute delle Regioni. Ovviamente non riteniamo il percorso a seguire facile o scontato anche perché, passato il periodo elettorale, non sappiamo quali saranno i nuovi interlocutori e neppure se il servizio sanitario continuerà il suo attuale percorso o sarà soggetto a pericolosi reflussi verso un maggiore peso della privatizzazione in Sanità”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il pediatra di famiglia e i vaccini

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 luglio 2017

donna-medico

“Il pediatra di famiglia è la figura professionale che in Italia sviluppa e garantisce l’assistenza sanitaria a bambini e adolescenti in tutti i suoi aspetti, in particolare per tutto quanto attiene alla prevenzione ed al mantenimento del buono stato di salute. In queste ore invece, nell’ambito della discussione degli emendamenti alla legge sull’obbligo vaccinale in corso all’interno della XII Commissione del Senato, sembra che ci sia dimenticati di questa evidenza. Va modernizzato il sistema vaccinale integrando in rete gli studi dei pediatri di famiglia e dei medici di medicina generale”. È la presa di posizione del dott. Giampietro Chiamenti, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) sul testo relativo al decreto vaccini in discussione al Senato. “La vaccinazione di un bambino – spiega il dott. Chiamenti – è un atto sanitario che non può non far parte della professionalità del pediatra di famiglia che dei piccoli pazienti cura ogni aspetto di tipo sanitario e sociale e rappresenta il principale, ed in molti casi esclusivo, riferimento per le famiglie che ogni giorno si rivolgono ai nostri studi per qualsiasi informazione, consiglio, cura e supporto in situazioni di difficoltà. Vaccinare non è solo fare una puntura, ma è un’attività che richiede competenze professionali, formazione continua, sensibilità, organizzazione, capacità relazionali, facilità di accesso, che le famiglie possono trovare solo nell’ambito delle cure primarie e dell’organizzazione capillare che i pediatri di famiglia e i medici di medicina generale offrono in Italia. La vaccinazione non può essere demandata ad altre figure professionali non altrettanto adeguatamente formate e che non possono mettere in campo quel rapporto diretto e fiduciario con le famiglie che rappresenta un fiore all’occhiello del nostro Servizio Sanitario Nazionale. In Italia abbiamo negli anni garantito ad ogni bambino il suo pediatra di famiglia, crediamo che i bambini abbiano il diritto di essere vaccinati dal loro pediatra e le famiglie di potersi rivolgere per questo allo specialista che hanno scelto per la salute dei loro figli”. “Facciamo un appello – continua il dott. Chiamenti – che è anche un suggerimento alle istituzioni politiche e sanitarie che con grande serietà stanno affrontando un tema così delicato e alle quali la FIMP manifesta ancora una volta la propria soddisfazione per l’attenzione alla salute dei nostri assistiti, a non disperdere queste energie positive e reali che il nostro paese può vantare e che deve avere il coraggio e la responsabilità di coinvolgere ed impiegare al fine di modernizzare il sistema vaccinale che ha dato negli anni passati risultati importanti ma che ora ha necessità di nuove energie e nuovi stimoli di cui il Decreto Legge in approvazione ha bisogno per realizzarsi nei suoi obiettivi”. “Ci aspettiamo – conclude il dott. Chiamenti – che finalmente anche l’ambito delle cure primarie pediatriche possa essere coinvolto nelle attività vaccinali attraverso una programmazione che deve essere avviata in ogni regione e che riconosca nel pediatra di famiglia una figura di riferimento essenziale per fornire una corretta informazione, aumentare l’adesione alle vaccinazioni e raggiungere le coperture vaccinali previste”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Prevenzione e assistenza alle disabilità infantili

Posted by fidest press agency su domenica, 18 giugno 2017

medico_famiglia“Il pediatria è sempre più il punto di riferimento per la prevenzione e l’assistenza alle disabilità infantili. Può far da tramite con le famiglie e gli insegnanti ed essere il perno di un’alleanza virtuosa”. E’ quanto ha affermato il dott. Giampietro Chiamenti presidente nazionale della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) durante la presentazione dell’ebook Tutti diversi, Tutti uguali (TdTu) scaricabile gratuitamente all’indirizzo http://www.leggerepercrescere.it/TDTU/. Si tratta di uno strumento utile per le famiglie ma anche per pediatri, educatori e tutte le figure professionali che si occupano dell’infanzia. La pubblicazione fa parte del progetto “Leggere per Crescere”, il programma di responsabilità sociale di GSK per promuovere la lettura ad alta voce a tutti i bimbi in età prescolare. “Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un vero e proprio boom di disturbi specifici dell’apprendimento tra i bambini residenti nel nostro Paese – afferma il dott. Chiamenti -. Dislessia, disgrafia o discalculia possono essere dei campanelli d’allarme di problemi psico-fisici ben più seri e comunque andrebbero intercettati il più presto possibile. Le segnalazioni ai genitori arrivano di solito dagli insegnanti a scuola. Ma nella metà dei casi a queste non fa seguito l’apertura di un dialogo con la famiglia. Il pediatra può intervenire e favorire un’intesa tra queste due parti. Bisognerebbe inoltre avere strumenti per distinguere fra problemi non importanti e veri segnali di allarme”. La FIMP ha partecipato al progetto TdTu con 60 pediatri della provincia di Verona. Questi professionisti sono stati informati e sensibilizzati sull’uso dell’ICF-CY come metodologia di approccio e rilevazione dei bisogni speciali dell’infanzia. “E’ un progetto pilota molto interessante che andrebbe esteso ad altre provincie italiane – prosegue il dott. Chiamenti -. Il sistema di prevenzione ipotizzato dal progetto TdTu individua nella figura del pediatra di famiglia una risorsa fondamentale per intercettare precocemente le condizioni di bisogno educativo speciale da cui, in assenza di interventi mirati, possono derivare le disabilità. La nostra professione negli ultimi anni è molto cambiata e il pediatra di famiglia da figura sanitaria che individua le malattie più gravi sta sempre più acquisendo un ruolo di monitoraggio del corretto sviluppo psico-fisico di un bambino. Dobbiamo quindi aggiornare le nostre competenze e per questo siamo lieti di aver partecipato a quest’iniziativa”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Valorizzare maggiormente il ruolo e le funzioni del pediatra di famiglia

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

sorrentoSorrento. “Per garantire a tutti i bambini e adolescenti italiani la migliore assistenza sanitaria è necessario valorizzare maggiormente il ruolo e le funzioni del pediatra di famiglia. Non c’è bisogno di una riorganizzazione della rete assistenziale, è sufficiente dare maggiore peso e certezza operativa al lavoro di migliaia di professionisti che sono presenti in modo capillare su tutto il territorio nazionale. Inoltre chiediamo alle Istituzioni più investimenti e risorse per la formazione degli specialisti”. E’ quanto afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) in occasione dell’apertura del 43° Congresso Nazionale della Federazione. L’evento vede riuniti a Sorrento fino a martedì delegati di tutte le province italiane. “Un altro aspetto sul quale possiamo contare di più è quello della prevenzione – prosegue il dott. Chiamenti -. Proprio a partire dall’infanzia, e dai primi anni dell’adolescenza, troppi italiani iniziano a seguire stili di vita non corretti. Un bambino su tre è obeso o in sovrappeso, il 16% invece è completamente sedentario e il 13% dei 15enni fuma regolarmente tutti i giorni. Esiste poi il sempre più delicato e controverso tema delle vaccinazioni. Per diverse gravi patologie infettive le percentuali di immunizzazione, in età pediatrica, sono scese sotto la soglia limite di sicurezza del 95%. Anche per questo, di recente, le autorità sanitarie federali statunitensi hanno inserito l’Italia nell’elenco dei Paesi “a rischio salute” per il morbillo. Grazie al rapporto di fiducia che abbiamo instaurato con i genitori italiani la figura del pediatria di famiglia può favorire una corretta cultura della salute e dare il suo contributo per contrastare la sempre crescente diffidenza verso i vaccini. Attualmente però solo in Toscana i pediatri possono eseguire direttamente l’intero calendario vaccinale presso i loro ambulatori”. La regionalizzazione dell’assistenza sanitaria ai giovanissimi è uno degli altri temi al centro del Congresso di Sorrento. “In un Paese che si sta sempre più impoverendo tutte le famiglie devono avere sempre a disposizione un professionista che possa dare assistenza qualificata a bambini e adolescenti – aggiunge il Presidente FIMP -. L’universalità del nostro sistema sanitario è per noi un valore imprescindibile e va difeso assicurando oggi pari opportunità di offerta assistenziale e di presa in carico di ogni bambino che dovrebbe diventare un adulto sano domani”. Al congresso di Sorrento partecipano alcuni esponenti delle istituzioni medico-sanitarie italiane, di altre sigle sindacali e rappresentati di associazioni di cittadini. Oggi pomeriggio sarà presentato un sodalizio che la FIMP ha avviato con ANTER, un’associazione di famiglie per la difesa dell’ambiente e della salute dei bambini residenti nel nostro Paese.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prevenire i malanni di stagione

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2009

Con l’arrivo della stagione fredda, e il timore del virus influenzale pandemico, aumentano i consumi di prodotti, come vitamine e integratori per rinforzare il sistema immunitario, che prevengono i classici malanni stagionali. “Possiamo stimare che, tra i bimbi da 1 a 6 anni, 500 mila assumano questi prodotti, più altri 300 mila dai 7 ai 14 anni” sono le stime fornite da Italo Farnetani, pediatra dell’Università di Milano. Tuttavia, secondo il pediatra a 1-2 anni è normale che un bambino si ammali con tosse, raffreddore e febbre 5-6 volte l’anno, a 3-4 anni si scende a 4-5 volte, a 5-9 anni a 3-4 volte, e a 10-18 anni si arriva a 2-3 volte. “Ogni anno che passa i bambini si ammalano sempre di meno. D’inverno la colpa non è dell’aria fredda, ma del fatto che si sta maggiormente al chiuso, dove è più facile trasmettersi i virus e i batteri”. Esprime inoltre perplessità su alcuni prodotti: “Per i farmaci immunomodulatori o immunostimolanti non esistono prove cliniche che dimostrino con certezza che funzionino. Lo stesso, dicasi per integratori, antibiotici preventivi, immunoglobuline e rimedi omeopatici. Attenzione ai prodotti di erboristeria: anche se naturali, non vanno usati con leggerezza”, avverte. “La vitamina A sembra prevenire le infezioni dell’apparato respiratorio e di quello digerente: se si prende come farmaco dovrà essere il medico a prescriverla – conclude Farnetani – ma per evitare carenze basterà mangiare cibi che la contengono: carote, verdure gialle, spinaci, broccoli, zucca, tuorlo dell’uovo, fegato, pesce e formaggio”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo primario del reparto di Pediatria

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2009

conterBergamo. È Valentino Conter Cinquantanove  anni,  32  dei  quali  trascorsi  in  corsia, Conter viene dall’Ospedale  San  Gerardo  di  Monza  dove  da  11  anni è responsabile dell’Unità di Ematologia Pediatrica. Specializzatosi negli Stati Uniti, è responsabile   del   protocollo  italiano  per  la  cura della  leucemia linfoblastica   acuta  nei bambini  e  coordina  un  gruppo  cooperativo internazionale impegnato nel trattamento di questa patologia. Trentino di nascita, ma milanese di adozione, Valentino  Conter  ha  trascorso  metà  dei  suoi  59 anni nei reparti di pediatria  degli  ospedali  lombardi;  da 27 anni lavora all’Ospedale San Gerardo  di  Monza,  dove  dal 1998 è alla guida dell’Unità di Ematologia Pediatrica. Laureato a Milano con doppia specializzazione in Pediatria ed Ematologia  Clinica  e  di  Laboratorio,  si  è  perfezionato  al St Jude Children’s  Research  Hospital di Memphis negli Stati Uniti. E’ questo in sintesi  il  ritratto  del nuovo  primario  di  pediatria degli Ospedali Riuniti,  che  dal  16 giugno prenderà ufficialmente il posto di Giuliano Torre, che ha lasciato i Riuniti alla fine dello scorso anno. Specializzato   nelle   problematiche  oncologiche  ed  ematologiche  dei bambini,  ad attenderlo c’è un reparto fortemente impegnato nella cura di bambini  affetti  da  queste  patologie  o  da  malattie  per  le quali è richiesto o è stato eseguito un trapianto d’organo. “Sono molto felice e onorato di questo incarico – ha commentato Valentino Conter  –.  Il  centro  di  Bergamo  è tra i migliori d’Italia sia per la tipologia  che  per la qualità delle prestazioni offerte, specialmente in campi complessi come l’oncologia e i trapianti. Metterò la mia esperienza a  disposizione  di  un’équipe che in un anno è chiamata a gestire più di  mille  ricoveri,  37.000  accessi  in  regime  ambulatoriale e 500 in Day Hospital.  Mi  aspetto  grandi  cose  e l’avventura del nuovo ospedale mi  rende ancora più impaziente di cominciare.”  Conter  è  autore  di  oltre  cento pubblicazioni su riviste scientifiche  internazionali  ed  è  responsabile di un protocollo italiano per la cura  della  leucemia  linfoblastica  acuta  nei  bambini  e coordina un gruppo  cooperativo internazionale impegnato nel trattamento di questa patologia. (foto conter)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »