Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘percorrenza’

FlixBus inaugura collegamenti nazionali con Roma ed espande la rete

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2015

autostradeFlixBus, la start-up degli autobus verdi che dallo scorso luglio offre viaggi a media e lunga percorrenza in Italia e in Europa, approda per la prima volta a Roma con 5 linee nazionali, dopo l’apertura della linea internazionale Roma – Monaco di Baviera, che collegheranno la Capitale a 12 città italiane a partire dal prossimo 12 novembre: Bergamo, Brescia, Bologna, Firenze, Genova, Grosseto, Livorno, Milano, Modena, Novara, Pisa, Reggio Emilia. Ecco il dettaglio delle linee:
MILANO – ROMA (Via Livorno)
Milano – Genova – Pisa – Livorno – Grosseto – Roma
MILANO – ROMA diurna (Via Bologna)
Milano – Bologna – Firenze – Roma
MILANO – ROMA notturna (Via Bologna)
Milano – Bologna – Firenze – Roma
BERGAMO – ROMA
Bergamo – Brescia – Reggio Emilia – Modena – Roma
NOVARA – ROMA
Novara – Milano – Roma
In questo modo, Roma e Milano saranno collegate tutti i giorni, fino a cinque volte al giorno, a prezzi vantaggiosi e con autobus moderni dotati di tutti i comfort. I passeggeri infatti troveranno a bordo degli autobus FlixBus Wi-Fi gratuito, prese di corrente, toilette, e potranno portare con sé fino a due bagagli gratuiti, oltre a un bagaglio a mano.
I biglietti si possono già acquistare su http://www.flixbus.it, presso le agenzie di viaggio affiliate e attraverso l’app gratuita di FlixBus. E in occasione delle nuove aperture, FlixBus metterà a disposizione dei viaggiatori un contingente limitato di biglietti al prezzo di lancio di 1 €. E con un piccolo sovrapprezzo, in fase di acquisto si potranno compensare le emissioni di CO2, rendendo il viaggio completamente green. Nel caso in cui vi siano ancora posti liberi, inoltre, i passeggeri last-minute potranno acquistare i biglietti a prezzo pieno dal conducente al momento della partenza.Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia, ha commentato: “Sono felice che l’ingresso di Roma all’interno della nostra rete non si sia fatto attendere: da un lato, offriremo a chi desidera visitare la Capitale un mezzo comodo ed economico per raggiungerla, e dall’altro potremo finalmente consentire anche ai cittadini romani di beneficiare di questo servizio per i propri viaggi o spostamenti verso un numero crescente di destinazioni in tutta Italia”.
L’offerta di FlixBus è caratterizzata da un modello di business unico, basato sulla collaborazione con una rete di aziende partner e una chiara distinzione dei ruoli. Con gli attuali 190 partner basati in Germania, Paesi Bassi, Belgio, Austria, Svizzera e ora anche in Italia, questo modello è ormai consolidato: da un lato la start-up FlixBus, che si occupa della pianificazione delle linee, del marketing, e del servizio pre e post vendita. Dall’altro i partner locali, piccole e medie imprese di autobus italiane, che si occupano dello svolgimento del servizio operativo, rispettando gli standard qualitativi stabiliti da FlixBus e assicurando un servizio eccellente grazie alla loro impareggiabile esperienza. In questo modo FlixBus garantisce che aziende, autisti e manutenzione siano italiani al 100%: un aspetto che si concretizza anche nella creazione di nuovi posti di lavoro presso le aziende partner, oltre all’indotto che si genera intorno a questo contesto. Con un network di linee sempre più esteso, gli italiani potranno viaggiare in tutto il Paese e in Europa a prezzi accessibili, e in totale sicurezza e comfort.
Con FlixBus, operatore di servizi autobus a lunga percorrenza, è possibile viaggiare in tutta Europa in modo sostenibile, confortevole e piacevole: con oltre 20.000 collegamenti giornalieri verso oltre 400 destinazioni in 15 paesi, gli autobus verdi rappresentano un’alternativa moderna e adatta a tutte le tasche. FlixBus offre nuovi standard di comfort in viaggio, con WiFi a bordo, posto garantito e trasporto gratuito di due bagagli. Grazie alla collaborazione con partner locali nella fornitura di autobus – spesso aziende familiari con una lunga tradizione alle spalle – FlixBus provvede alla creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro in Europa. In tal senso, FlixBus contribuisce concretamente a rafforzare l’economia locale, strategia di successo che ora si rivolge al mercato internazionale. L’obiettivo di FlixBus è arrivare a 1000 autobus entro la fine dell’anno, con una rete diffusa in tutta Europa.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: Ultimo week end di agosto

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 agosto 2010

E’ caratterizzato principalmente dai rientri, quello compreso fra venerdì 27 e lunedì 30 agosto, con traffico molto sostenuto soprattutto durante le giornate di sabato 28 e domenica 29. Nessun cantiere attivo sulla rete autostradale, come del resto è stato per tutta l’estate, con l’unica eccezione dello scambio di carreggiata tra il casello di Udine Sud e Via Verdi, in località Basaldella (Udine), dove è in fase di realizzazione un incrocio a livelli sfalsati. Code e tempi di percorrenza superiori alla media, dunque, lungo tutta la A4 da Trieste verso Venezia.
Venerdì 27 agosto  il traffico sarà intenso durante tutta la giornata con code in entrata e in uscita alla barriera di Trieste Lisert. Traffico molto sostenuto, in particolare, in direzione Milano – Venezia sulla A4. Sabato 28 agosto sulla A4 Venezia – Trieste e sulla A23 Tarvisio – Palmanova traffico critico, in entrambe le direzioni, con code in entrata in barriera a Trieste – Lisert fin dalle prime ore del mattino. Una situazione che si manterrà per tutta la giornata, con una temporanea  diminuzione del flusso durante le ore centrali. Nel tardo pomeriggio, ripresa della circolazione sostenuta che proseguirà fino  alla tarda serata. Il traffico proveniente dal confine di Stato con la Slovenia provocherà code anche al tratto autostradale tra Sistiana e Trieste Lisert. In mattinata, previste code anche a Latisana, San Stino di Livenza, San Donà di Piave e Portogruaro sia in entrata che in uscita dall’autostrada. Situazione analoga sulla A23 Palmanova Tarvisio, in entrambe le direzioni, con possibili code in direzione della A4  durante tutta la giornata, così come sulla la A4 in direzione Venezia e Milano. Dalle ore 7 del mattino alle ore 23, i mezzi pesanti non potranno circolare.
Domenica 29 agosto traffico intenso in entrambe le direzioni sulla A4 Venezia – Trieste con intensificazioni in entrata alla barriera di Trieste Lisert e al casello di Latisana. Rallentamenti e code a tratti sulla A4 in direzione Venezia e Milano durante la mattinata e nel tardo pomeriggio. Il divieto di circolazione per i mezzi pesanti sarà in vigore dalle ore 7 alle ore 24.
Lunedì 30 agosto, infine, traffico intenso in A4 in direzione Venezia con rallentamenti e code in entrata alla barriera di Trieste Lisert nelle prime ore della giornata. Previsti rallentamenti e code a tratti nei pressi dei principali nodi di interconnessione con le altre autostrade. Autovie Venete invita gli utenti a informarsi sulle condizioni della viabilità prima di partire e di prendere in considerazione anche eventuali percorsi alternativi. Qualsiasi informazione sulla situazione del traffico e sulla viabilità della rete autostradale è  sempre disponibile, 24 ore su 24, al numero telefonico a pagamento 89.24.89, gestito dal Centro Informativo Viaggiando, da dove gli Operatori rispondono alle richieste dei viaggiatori, oppure chiamando il centralino di Autovie Venete (0432 925 111 o 040 31 89 111). Sul sito internet http://www.autovie.it, oltre alle informazioni aggiornate in tempo reale, è disponibile la rappresentazione grafica degli eventi principali e i percorsi alternativi.  Autovie Venete raccomanda agli utenti di mantenere la distanza di sicurezza e il rispetto dei limiti di velocità. Si ricorda anche che in autostrada deve essere sempre occupata la corsia di marcia, e che la corsia di sorpasso deve essere utilizzata solo per la manovra di sorpasso di altri veicoli: viaggiare costantemente in corsia di sorpasso lasciando libera per lunghi tratti la corsia di marcia, diminuisce, infatti, la capacità, cioè il numero di veicoli l’ora, che possono defluire in autostrada.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infortuni in itinere

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 agosto 2010

Niente indennizzo se il lavoratore si reca sul posto di lavoro con il motorino  Il componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del consumatore” di Italia dei Valori Giovanni D’AGATA, ritiene opportuno riportare l’attenzione sulla sentenza della Suprema Corte n° 17752 del 29 luglio 2010 che in materia di infortunio sul lavoro, ha stabilito che non spetta indennizzo per infortunio in itinere al lavoratore che sceglie il motorino al posto dei mezzi pubblici per esigenze familiari. La decisione in esame ha statuito che” Il lavoratore che si reca a lavoro usando un mezzo proprio per dimezzare i tempi di percorrenza e bilanciare così le sue esigenze lavorative con quelle familiari, quando invece potrebbe usare i mezzi pubblici, non ha diritto all’indennizzo per infortunio in itinere “.  E’ quanto ha stabilito la Suprema Corte che, respingendo il ricorso di un lavoratore contro l’Inail per ottenere l’indennizzo per infortunio in itinere.   L’uomo aveva fatto un incidente con il motorino mentre si recava dalla propria abitazione alla sede in cui lavorava.   L’indennizzo gli era stato negato perché non vi era necessità da parte sua di usare un mezzo proprio, avrebbe infatti potuto prendere l’autobus che passava a breve distanza dalla sua abitazione. Il lavoratore sottolineava che l’autobus ci metteva più di 50 minuti ad arrivare, e, facendo molte ore di straordinario, era costretto a prendere il motorino per poter conciliare le esigenze lavorative con quelle della sua famiglia. La sezione lavoro ha respinto la sua tesi difensiva, richiamando molti precedenti giurisprudenziali per cui, ai fini del riconoscimento dell’indennizzo, gli spostamenti con un mezzo proprio del lavoratore devono essere necessari, e la valutazione deve prescindere dall’esigenza di bilanciare gli interessi lavorativi con quelli familiari.  Infatti, “in materia di indennizzabilità dell’infortunio “in itinere” occorso al lavoratore che utilizzi il mezzo di trasporto privato, non possono farsi rientrare nel rischio coperto dalle garanzie previste dalla normativa sugli infortuni sul lavoro situazioni che senza rivestire carattere di necessità – perché volte a conciliare in un’ottica di bilanciamento di interessi le esigenze del lavoro con quelle familiari proprie del lavoratore – rispondano, invece, ad aspettative che, seppure legittime per accreditare condotte di vita quotidiana improntate a maggiore comodità o a minori disagi, non hanno carattere solidaristico a carico della collettività”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soppressi dodici treni a lunga percorrenza

Posted by fidest press agency su domenica, 7 marzo 2010

Il viceresponsabile per la Tutela dei Consumatori dell’Italia dei Diritti: “Servizio che prescinde dal riscontro finanziario” La soppressione di 12 treni a lunga percorrenza che sino al mese di febbraio hanno collegato Reggio Calabria al nord Italia ha scatenato la reazione dell’Unione Nazionale Consumatori, pronta ad avviare una class action contro la Ferrovie dello Stato S.p.a. per la violazione degli standard minimi qualitativi del servizio. “Mi pare opportuno questo proposito anche al fine di testare la valenza del nuovo strumento di tutela degli utenti”. Questo il commento di Emiliano Varanini, viceresponsabile per la Tutela dei Consumatori dell’Italia dei Diritti, che aggiunge: “Il trasporto ferroviario rappresenta un’offerta pubblica tutelata dalla Costituzione che prescinde dal riscontro dell’utile finanziario. In funzione di ciò andrebbe valutata la bontà del riassetto attraverso un’attenta lettura della carta dei servizi e – termina l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – un rigoroso ascolto dei bisogni dei cittadini, fondamentale logica gestionale per qualsiasi disposizione tecnica”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disagio pendolari piemontesi

Posted by fidest press agency su sabato, 13 febbraio 2010

Con un’Interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti l’On. Mario LOVELLI (PD) ha chiesto l’intervento del Governo di fronte  alla situazione determinatasi in Piemonte a causa del rifiuto di Trenitalia di rinnovare la carta “Tutto treno” per i pendolari.  “Si tratta di una scelta inaccettabile che penalizza gli utenti ferroviari piemontesi rispetto a quelli di altre regioni. Oltre ad avere cancellato col nuovo orario ferroviario molti collegamenti Intercity, per esempio sulla linea Torino-Genova, ora Trenitalia impone costi supplementari ai pendolari che si recano nelle Regioni limitrofe e che non possono più usufruire delle precedenti facilitazioni.  L’atteggiamento di Trenitalia è ingiustificabile, soprattutto perché la Regione Piemonte ha già dato la sua piena disponibilità a finanziare il rinnovo della carta a fronte di un servizio che continua a presentare pecche ed inefficienze evidenti.  L’intervento del Ministro è a questo punto necessario anche per verificare il rispetto degli obblighi derivanti dal contratto di servizio finanziato dallo Stato per garantire il servizio universale sulle tratte a media e lunga percorrenza.”

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I tempi di percorrenza dei treni in Sicilia

Posted by fidest press agency su sabato, 22 agosto 2009

Con l’innovazione arrivano i ritardi. La modernizzazione di alcuni tratti (il 12% a doppio binario su 1378 km.) delle ferrovie in Sicilia, avrebbe dovuto accorciare i tempi di percorrenza nelle due dorsali Jonica e Tirrenica di almeno un 20%, ma ciò negli anni non è avvenuto, anzi, ad ogni cambio di orari si è avuto un netto e sensibile aumento dei tempi di percorrenza. Facendo, in questo caso, riferimento alla relazione Messina-Catania-Siracusa, nonostante il completamento di alcuni tratti di doppio binario, la sostituzione delle vecchie traversine di legno con quelle di cemento, la sostituzione dei binari, l’arrivo in Sicilia dei nuovi locomotori E 464, dei treni Minuetto (cofinanziati con 50 milioni di euro dalla Regione Siciliana) e con la continua innovazione tecnologica della rete di questi ultimi anni, non è stata minimamente migliorata la percorrenza di molti treni, addirittura è stata ulteriormente allungata. E’ possibile verificare questo continuo allungamento dei tempi di percorrenza, attraverso i raffronti con i vecchi orari ufficiali di Trenitalia, degli ultimi 10/15 anni.  Da una nostra veloce analisi effettuata, abbiamo calcolato che è possibile ridurre i tempi di percorrenza almeno di un 10-15%, ovvero di 8/15 minuti per ogni ora di percorrenza. La tendenza agli allungamenti di percorrenza prosegue in realtà da anni, e c’è chi la attribuisce alla volontà di Trenitalia di minimizzare, in presenza di treni Intercity e/o Espressi spesso in ritardo, i rischi di penali per i ritardi da pagare ai viaggiatori. Allungamenti che si manifestano in tutta la loro drammaticità con i vari cambi di orario e fanno seguito a scelte strane e sconsiderate sul trasporto pubblico ferroviario siciliano, andando a penalizzare persino i treni diretti e, per di più un treno è considerato “puntuale” pur avendo un ritardo compreso tra i 5 minuti. Si da molto spesso la precedenza, sulle spalle di centinaia di migliaia di pendolari, che costituiscono la stragrande maggioranza dei viaggiatori giornalieri, a treni Intercity, Espressi, e persino ai treni merci. Tutto ciò è inconcepibile e dimostra ancora una volta l’assoluta mancanza di attenzione, verso il mondo del pendolarismo, della dirigenza di Trenitalia e di Rete Ferroviaria Italiana, di fare funzionare decentemente il servizio pubblico, compito cui le due aziende pubbliche hanno nei confronti dello Stato e dei cittadini-utenti. Per i pendolari siciliani viaggiare è sempre più un’odissea, sui treni ormai si bivacca visti i lunghi tempi di attesa nelle varie fermate (3/8 minuti di attesa), incroci calcolati senza un senso logico, coincidenze con altri treni non previste, comporti mancati e, guarda caso viene annunciata da Trenitalia, che la puntualità dei treni è in netto miglioramento, cioè che le cose vanno meglio. Per quanto riguarda il contratto di servizio, sarebbe ora di smetterla con questo rimpiattino di responsabilità tra la Regione, il Governo e le Ferrovie dello Stato, alla fine indipendentemente dai soldi destinati al servizio regionale, il trasporto è effettuato sempre e solo da Trenitalia. Continueremo come sempre con ogni mezzo legale nella nostra battaglia per una mobilità sostenibile che veda uscire finalmente la Sicilia da questa gogna di arretratezza in cui la totale assenza di un’attenta programmazione politica regionale in materia di trasporti e di infrastrutture, l’ha relegata. (www.comitatopendolari.it fonte comitato pendolari siciliani) -(n.r. a parte il fatto che l’intera rete ferroviaria siciliana andrebbe modernata l’unica possibilità che Trenitalia possa impegnarsi a ridurre ì ritardi è quella delle penali: ogni cinque minuti di ritardo 50 euro di rimborso ai viaggiatori.)

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »