Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 27 n° 320

Posts Tagged ‘performance’

Mostra di Guendalina Salini dal titolo The End of Geography

Posted by fidest on Saturday, 17 October 2015

guendalinaRoma giovedì 22 ottobre 2015 alle ore 17.00 nei suggestivi spazi della Società Geografica Italiana, che ha sede nel Palazzetto Mattei di Villa Celimontana a Roma mostra di Guendalina Salini dal titolo The End of Geography. Curata da Raffaele Gavarro, la mostra è un percorso che si snoda nelle sale della Società e che racconta di uno spaesamento spazio-temporale che induce un nuovo orientamento dell’animo, determinando a sua volta un diverso stare nel mondo riconducibile all’Esserci, quel Dasein heideggeriano che indica la concreta esistenza dell’uomo che è inerente al mondo ed è parte indissolubile di esso.
The End of Geography, un’espressione usata in riferimento alla globalizzazione e all’omologazione contemporanea, prende il via dalle immagini di un viaggio fotografico nel quale Guendalina Salini negli ultimi anni si è fatta ritrarre di fronte a paesaggi e luoghi italiani tenendo tra le mani un foglio bianco. Queste immagini sono una mappatura sentimentale, un’esplorazione geo-empatica, che trova continuità di senso con le altre installazioni in mostra e con la performance che si svolgerà durante la serata d’inaugurazione, alle ore 19.
The End of Geography vedrà la pubblicazione di un catalogo edito da Yard Press (Roma) con testi di Raffaele Gavarro e Franco Arminio, che sarà presentato giovedì 19 novembre 2015 nella sala del Consiglio della Società Geografica.
Guendalina Salini è nata a Roma nel 1972, dove vive e lavora. (foto guendalina)

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli, Roma | Tagged: , , , | Leave a Comment »

How business contacts can harm a company’s performance

Posted by fidest on Friday, 9 October 2015

National Basketball AssociationNew research has suggested the adage ‘it’s not what you know, but who you know’ is one to avoid in business. Networking is seen as the way to progress a career, but companies hiring through business contacts could be harming their performance.
By using the data-rich world of professional basketball researchers analysed the signings and performance of every team in the National Basketball Association (NBA) in the US from 1977 to 2011. In the paper Managers’ external social ties at work: Blessing or curse for the firm?, published in the Journal of Economic Behavior & Organization, Leif Brandes, of Warwick Business School, and Marc Brechot and Egon Franck, of University of Zurich, found that those teams who signed players through their managers’ contacts at his old clubs produced a lower winning percentage than those sides that didn’t do this.Far from the manager’s contacts giving them inside information it seems to have produced a negative effect on the team.Dr Brandes said: “We found teams with ‘tie-hired-players’ – that is those where the manager signed the player through former colleagues on the coaching staff or among the owners at one of their old clubs – win 45.2 per cent of their regular season games, while teams without such players win 50.2 per cent of their games. And that is after controlling for a team’s budget and quality differences in teams and managers.“Anecdotally it seems firms often seek well-connected employees, but our industry-wide analysis shows the hidden costs of such hiring practices.“Pre-existing strong social ties to colleagues at a former business in the same industry are potentially very influential as they create opportunities for various deals and transactions. But our study found evidence that such external business contacts interfere with a company’s ability to select the best transaction partner.”Such was the negative result in the NBA that teams risked losing a place in the play-offs when signing a player from a side with ties to their manager as in 64 per cent of the seasons studied the five per cent fall in the win ratio would have been the difference between a team finishing eighth and ninth, just outside the play-off spots. In spite of this negative performance effect, Dr Brandes and colleagues found that the 146 active managers between 1977 and 2011 were on average 32 per cent more likely to acquire players from teams they had been at before than from unrelated teams, resulting in a total of 190 tie-hired-players.“We also found the negative performance effect is entirely driven by managers under team owners who do not have strong incentives to scrutinise their manager’s decisions,” said Dr Brandes. “These are owners who have brought in the manager, so will give them more leeway as firing them means they are admitting to a mistake. If the owner arrives after the manager, the manager is scrutinised more as he is easier to fire, because they are correcting somebody else’s hiring mistake, and not their own.”Information on manager turnover in the NBA supports the idea that new owners engage in stronger monitoring: within one year of an ownership change, 48 per cent of pre-existing managers are replaced. This would suggest under new ownership a manager would come under far more scrutiny.The findings suggest managers use their social network to reduce time and expense in looking for a business partner in the short-term and not to maximise performance in the long-term – which would be in the best interest of shareholders or owners.Dr Brandes added: “While the setting of this analysis is unusual, the results of our study have fairly broad implications. Several studies in the management and economics literature reveal that employees’ external social network influences their decision-making on behalf of the firm, for example, in connection with hiring, financing or investing.“The fact that these business ties persist beyond shared working experiences makes them potentially influential in decisions made on behalf of the company. Basketball provides a data-rich environment to explore what effect these ties outside the company have on performance and we find the negative effect of a manager’s business contacts is large. It is something managers and companies need to consider when making decisions in both hiring and in other transactions.”

Posted in Estero, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Why damaging nepotism persists in business

Posted by fidest on Saturday, 12 September 2015

Even when seemingly putting family connections aside while considering succession, leaders of family firms still tend to favour their relatives and friends when making a final decision, new research has found. This is often to the detriment of their company with evidence to suggest more than 70 per cent of them fail after the first generation primarily due to poor succession decisions.
Chengwei Liu, Associate Professor of Strategy and Behavioural Science at Warwick Business School, believes succession is one of the most important decisions a leader can make to ensure sustainable business performance, and yet research shows firms often stick with what they know, rather than taking a risk on an unknown quantity. Dr Liu said: “One common characteristic of leaders’ succession decisions in family businesses is that they tend to assign offspring as their heir, a form of nepotism. Nepotism in family business succession tends to lead to decline or even bankruptcy. “In our research, we argue even when a leader can overcome individual decision biases, a bias from their strong ties with family can still allow a leader to wrongly conclude family members are better qualified than external candidates, when often the opposite is true.” Dr Liu, alongside Dawn Eubanks and Nick Chater, of Warwick Business School, use the example of Jack, a family business owner, to illustrate their argument in the paper The weakness of strong ties: Sampling bias, social ties, and nepotism in family business succession published in The Leadership Quarterly. Jack is considering two candidates to succeed his position, his nephew Tom, and another non-related candidate Sam. Although in the example neither get the job initially, Jack later hears Tom is doing well in a new job and then offers him the role. The same luxury is not afforded to the second candidate, however, as he is not part of Jack’s social network. The researchers used computer simulation models to explore the implications of a decision-making scenario focussed on a leader’s decisions about succession planning in a family business. Dr Eubanks added: “In the case of Jack, it is likely threats were identified when selecting an outside CEO. Because of this, leaders become more risk averse and decide to stick with the ‘safer’ option of selecting a family member. “They focus on the positive aspects of selecting a family member and the threats associated with selecting an external candidate.” The researchers used the simulation analysis to show leaders may wrongly conclude that family members are more qualified than external candidates due to the sampling biases resulting from strong family ties. Based on the research, Professor Chater suggests some ways in which family firms can look to avoid making such errors.He said: “Information from strong ties makes family members less likely to be underestimated than their external counterpart. Strong ties have advantages, but tend to be weak in terms of accessing information on candidates outside the family.“If leaders can use some contacts that enable information to be collected about external candidates, the sampling bias induced nepotism can be weakened. So looking back at our example, Jack may have given Sam the same second chance he gave Tom.“Re-arranging organisations to facilitate updating their records on how external candidates who failed to get the job are getting on in their career can in turn help avoid the weakness of strong ties.“Our results suggest leaders have to act against their natural tendency and sample those external candidates with initial negative impressions to avoid hidden gems being wrongly dismissed.”Dr Liu argues leaders of family firms have to allocate resources to formalise the evaluation processes because succession decisions are crucial for the long-term survival of family businesses. He said: “It makes sense to introduce staff with weak ties to the family, but whether a leader who understands such dynamics will be willing to adopt it is an issue that requires more research.” Another possible solution to nepotism is to draw lessons from Japanese family businesses. Family businesses in Japan have taken to adoption to find an appropriate successor, with adoption of males between 25-30 making up 98 per cent of total adoptions. “For these Japanese firms the proof is in the pudding as research shows Japanese family businesses outperform professionally run businesses,” added Professor Chater. “The opposite is true for the rest of the developed world. “The new heirs can either spur on their new siblings, or displace those that are unworthy. Of course whether such a solution works across cultures needs further investigation, however.”

Posted in Estero, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Aruba Networks migliora la collaborazione mobile per il Digital Workplace attraverso i nuovi Access Point 802.11ac Wave 2

Posted by fidest on Tuesday, 9 June 2015

ArubaNetworksPartnersAruba Networks, azienda di HP (NYSE: HPQ), aumenta le performance di rete all’interno del Digital Workplace presentando la nuova serie di access point (AP) Aruba 320. La serie 320 propone i primi AP 802.11ac Wave 2 del settore dotati di grouping MU-MIMO (multi-user multiple input/multiple output) dinamico, accorgimento che incrementa in modo significativo la capacità di rete. Questi access point Wave 2 sono gli unici nella propria classe a integrare i beacon BLE per gestire direttamente dal cloud gli Aruba Beacon alimentati a batteria per poter aggiornare il firmware, monitorare l’autonomia delle batterie e modificare le configurazioni. Si prevede che entro il 2018 il 75% dei lavoratori appartenenti a grandi aziende interagirà con contenuti video più di tre volte al giorno, portando, come conseguenza, i dipartimenti IT a supportare una crescente richiesta di capacità Wi-Fi. Inoltre, l’introduzione di un’infrastruttura 802.11ac Wave 2 più performante impone la disponibilità del giusto tipo di intelligence di rete in modo da sfruttare i vantaggi dei nuovi dispositivi mobili compatibili con MU-MIMO concentrandoli e raggruppandoli insieme. Netflix Inc., il maggior network televisivo mondiale su Internet con oltre 62 milioni di abbonati in oltre 50 Paesi, è un cliente beta Aruba Wave 2 che sta seguendo da vicino gli sviluppi della tecnologia 802.11ac per supportare i requisiti di banda e la capacità delle applicazioni emergenti.

Posted in Economia, Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Yokohama Rubber Company ha annunciato di aver siglato un accordo di sponsorizzazione con il Chelsea Football Club

Posted by fidest on Thursday, 2 April 2015

yokohamaLa sponsorship con l’attuale capolista della Premier League partirà da luglio 2015 e avrà durata quinquennale. Il contratto prevede la presenza del brand Yokohama come main sponsor sulle divise ufficiali del team e all’interno dello stadio londinese Stamford Bridge, nonché l’utilizzo dell’immagine e il coinvolgimento diretto dei giocatori della squadra e dell’allenatore José Mourinho per attività di comunicazione e la creazione di materiali promozionali legati agli pneumatici Yokohama.Yokohama Rubber, fondata nel 1917, concentra il proprio business in due principali categorie di prodotto: da un lato l’azienda produce, sia in Giappone sia in numerosi siti in Asia e America, pneumatici dedicati ai segmenti vettura, truck e movimento terra. Dall’altro, Yokohama produce all’interno della divisione Multiple Business parabordi marini, tubi per l’estrazione del petrolio ed equipaggiamenti per il golf. Il settore dei pneumatici rappresenta oltre il 70% del fatturato e vanta collaborazioni importanti con prestigiose case automobilistiche come Mercedes.
In Italia Yokohama Rubber è rappresentata da Yokohama Italia S.p.A., con sede in provincia di Brescia. I modelli di pneumatico di punta per la stagione estiva alle porte sono lo sportivo High Performance Yokohama ADVAN Sport V105 e il nuovo pneumatico per SUV Geolandar G056. Fondato nel 1905, il Chelsea FC è oggi considerato uno dei più forti club al mondo: nel suo palmarès annovera 4 vittorie del campionato inglese, 7 FA Cup e negli ultimi due anni è riuscito a conquistare una UEFA Champions League e una UEFA Europa League (rispettivamente nel 2011/2012 e nel 2012/2013).Con questa importantissima sponsorship Yokohama punta ad accrescere la propria notorietà legandola al nome e ai successi di una delle più blasonate squadre di calcio della storia recente, accelerando inoltre il proprio cammino verso il raggiungimento degli obiettivi di crescita prefissati nel programma Grand Design 100, il manifesto programmatico dell’azienda che fissa determinati target da raggiungere in vista del centenario della fondazione, nel 2017. (foto: Yokohama)

Posted in Economia, Estero | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Italia: efficienza energetica

Posted by fidest on Monday, 16 March 2015

energiaQuello dell’efficienza energetica è un settore dove l’Italia ha una indiscussa leadership tecnologica a livello europeo e mondiale. Lo conferma il bilancio dell’efficienza energetica tracciato da Avvenia (, leader nazionale nel settore della White Economy, che osserva come nel 2014 l’Italia ha collocato sulle aste di quote europee di emissione oltre 61 milioni di quote EUA (European Union Allowances), ricavando oltre 361 milioni di euro.Queste aste sono un meccanismo di assegnazione delle quote di emissione valide per adempiere agli obblighi EU ETS (European Union Emissions Trading Scheme), un sistema per lo scambio di quote di emissione di gas serra finalizzato alla riduzione delle emissioni di CO2 nei settori energivori che è parte integrante del Pacchetto Clima-Energia, strategia comune europea che pone in stretta connessione l’efficienza energetica e le emissioni di gas ad effetto serra.La collocazione dell’Italia in questo contesto corrisponde a oltre 61 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti, che costituiscono il 13,11% delle risorse generate dalle aste di quote EUA nel 2014. Insomma un’ottima performance dell’Italia che però, secondo gli analisti di Avvenia (, dovrà ancora continuare a investire sull’efficienza energetica per raggiungere gli obiettivi al 2020.
«Il nostro Paese ha conosciuto uno sviluppo considerevole e costante nel tempo dell’efficientamento energetico, il che non implica solo ridurre i costi e quindi una maggiore competitività delle imprese, ma anche rilanciare l’intera economia nazionale» puntualizza l’ingegnere Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia. Senza dimenticare che l’efficienza energetica è anche fondamentale sul piano ambientale per la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra e la lotta ai cambiamenti climatici. Analizzando poi i risparmi energetici conseguiti nel 2014, Avvenia osserva che il settore industriale ha raggiunto ottimi risultati. La maggior parte delle imprese ha infatti scommesso su innovazione, ricerca e qualità per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2.Un orientamento che si rivela strategico tanto che, secondo le previsioni di Avvenia, la White Economy sarà in grado di generare quest’anno 100 miliardi di euro di valore aggiunto. E, oltre alla ricchezza, l’«economia bianca» produce anche lavoro: già oggi in Italia ci sono circa 2 milioni di «white jobs», un numero considerevole che secondo gli analisti di Avvenia è destinato ad aumentare di 200 mila lavoratori entro la fine del 2015. Dal bilancio tracciato da Avvenia emerge anche una elevata propensione all’efficientamento energetico in tutti i settori della nostra economia, da quelli tradizionali a quelli high tech, dall’agroalimentare alla chimica. Ma anche nel settore residenziale, dove nel 2014 sono stati raggiunti ottimi risultati, con molti progetti che hanno dato luogo a interventi di recupero e di riqualificazione degli edifici.
Secondo Avvenia, player chiave in questo settore, l’edilizia ha infatti sperimentato una radicale trasformazione grazie alle nuove tecnologie per l’efficienza energetica e potrebbe così diventare per l’Italia un volano per l’economia e per l’occupazione, a partire dai grandi gruppi bancari e dalle poste, fino ai musei e agli edifici pubblici, perché in questo settore anche la Pubblica Amministrazione può ottenere notevoli risparmi energetici ed economici.E Avvenia, proprio su questo fronte, si è impegnata a collaborare con la Pubblica Amministrazione rendendosi anche disponibile a finanziare progetti per migliorare l’efficienza energetica che consentano di implementare le esclusive metodologie di analisi firmate Avvenia, che rappresentano il fiore all’occhiello dell’industria italiana.

Posted in Cronaca, Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

I temi macroeconomici impattano in misura crescente sulla performance del segmento obbligazionario

Posted by fidest on Thursday, 11 September 2014

londraLondra. i temi macroeconomici sono sempre più rilevanti nel generare la performance obbligazionaria poiché il rischio sistemico continua ad arretrare, secondo quanto sostiene Ken Leech, CIO di Western Asset, società affiliata di Legg Mason, nonché gestore del fondo Legg Mason Western Asset Macro Opportunities Bond Fund, con masse gestite per un valore di 1,4 miliardi di dollari. Mentre la gestione del credito si è dimostrata determinante nel contesto di bassi tassi d’interesse degli ultimi anni, Ken Leech, ritiene che le posizioni sulla curva dei rendimenti e sui tassi d’interesse – le quali generalmente rappresentano oltre la metà del budget di rischio del comparto da lui gestito – saranno decisive nel prossimo periodo. “L’esposizione ai tassi d’interesse e il posizionameto sulla curva dei rendimenti sono tradizionalmente fattori di primaria importanza sui mercati obbligazionari, ragione per la quale la maggioranza dei CIO responsabili della gestione di comparti a reddito fisso proviene spesso da questo tipo di formazione”, afferma Leech. “Più di recente, tuttavia, poiché abbiamo assistito alla grande moderazione dei rendimenti e, dopo la crisi finanziaria, alle ingenti misure di allentamento monetario e fiscale, è stata la gestione del credito ad assumere un ruolo trainante. La situazione potrebbe però capovolgersi presto, in quanto il rischio sistemico è in calo sui mercati e il rialzo dei tassi appare più vicino. In un contesto di maggiore normalità dei tassi, Leech sottolinea l’importanza di una presenza globale, con un enorme differenziale di performance tra i titoli obbligazionari dei diversi Paesi.
“La globalizzazione ha comportato certamente una maggiore correlazione tra i cicli economici dei vari Paesi ma ciò non significa che il loro andamento sia sincronizzato: i gestori obbligazionari che adottano strategie macro possono quindi individuare moltissime opportunità interessanti”, afferma Leech. “Adottare una view di portata globale ci permette di analizzare e volgere a nostro favore le diverse fasi del ciclo di attività di ogni Paese”. Il Legg Mason Western Asset Macro Opportunities Bond Fund combina un approccio value di lungo periodo agli investimenti obbligazionari con una gestione macro attiva, caratterizzata da un raggio di esposizione alla duration che può spaziare da meno cinque a più dieci anni. “Molti gestori sono riluttanti ad adottare una duration negativa in quanto si tratta di una strategia di carry negativo, ma laddove siamo convinti che i mercati stiano scambiando al disotto del fair value, solitamente non esitiamo ad assumere posizioni corte”, ci dice Leech. “Negli ultimi mesi abbiamo ridotto la duration, dopo l’annuncio della manovra di tapering della Fed l’anno passato. All’inizio pensavamo che i mercati stessero reagendo in maniera eccessiva, prezzando uno scenario di rapido rialzo dei tassi d’interesse che in realtà non trovava riscontro nella moderata ripresa dell’attività economica e in un tasso d’inflazione al livello più basso degli ultimi cinquant’anni. Ultimamente riteniamo che i corsi obbligazionari si siano avvicinati al prezzo corretto, scontando effettivamente un contesto in cui l’andamento dei tassi è coerente con l’inflazione e la crescita sottostanti”.
Al momento, il portafoglio resta esposto ai settori a spread che mostrano fondamentali solidi in un quadro di moderata ripresa economica. Riguardo al credito investment grade, Leech sostiene che, sebbene gli spread abbiano fatto molta strada, le valuazioni dell’asset class siano vicine più al fair value che non a livelli eccessivi. “Tornando alla crisi finanziaria, l’investment grade ha forse rappresentato la classe di attivi prezzata nel modo meno corretto, con tassi di default implicito superiore al 30%”, afferma. “In realtà il tasso ha raggiunto solo il 5% negli anni ’30 e il miglioramento degli spread da allora è stato gratificante”.
Altre posizioni chiave includono dal 2012 un’esposizione corta sullo yen giapponese, adottata prima che le banche centrali annunciassero l’ingente programma di allentamento quantitativo, e una posizione sempre più ampia nei titoli dei mercati emergenti. Leech ritiene che un’allocazione sul debito dei Paesi emergenti costituisca un tema macro e sottolinea la flessibilità di poter investire in quest’area in via d’espansione come un ulteriore vantaggio offerto da un portafoglio globale.
“Sui mercati emergenti continuano a spirare venti contrari ma siamo del parere che la regione presenti ancora numerosi vantaggi di lungo periodo rispetto al mondo sviluppato: crescita elevata, debito inferiore, migliori condizioni demografiche – e le valorizzazioni sono allettanti”, sostiene Leech. Il Messico è stata una delle posizioni favorite ma il team di recente ha anche diversificato orientandosi verso mercati quali la Turchia, la Polonia e il Brasile.

Posted in Economia, Estero | Tagged: , , , | Leave a Comment »

NH Hoteles risultati finanziari secondo trimestre

Posted by fidest on Saturday, 7 September 2013

La crescita del 3,2% dei ricavi complessivi del primo semestre del 2013, per un totale di 673,6 milioni di euro (inclusi i ricavi non ricorrenti), ha portato il miglior profitto netto del Gruppo dalla chiusura dell’anno 2011. Nelle attività ricorrenti i ricavi si restringono al 3,1% per un totale di 631,5 milioni di euro, principalmente a causa dell’uscita di alcuni hotel che non fanno più parte del Gruppo e del cambiamento nel regime operativo di alcune altre strutture. Il clima economico sfavorevole continua a influenzare alcuni mercati in cui il Gruppo opera toccando direttamente i segmenti di ristorazione, meetings, convention ed eventi, con un rallentamento nei ricavi del primo semestre.Nel primo trimestre il RevPar su base comparabile è diminuito dell’1,48%, procedendo a stabilizzarsi ad aprile, maggio e giugno, quando il parametro si è allineato a quello riportato nel secondo trimestre 2012. Il RevPar è aumentato a 1,89% a giugno e a 2,39% a luglio. Questo incremento di business si è consolidato ulteriormente ad agosto, anticipando un’inversione di rotta che non si vedeva dall’ultimo trimestre del 2011.Nonostante la crescita su base comparabile del tasso di occupazione delle camere del 3,48% rispetto al primo semestre del 2012 e l’impatto della strategia di assorbimento dell’inflazione, gli sforzi per dotare di maggiore efficienza la Compagnia si sono tradotti in spese operative stabili.Allo stesso tempo NH Hoteles è riuscita a ridurre le sue spese di locazione dello 0,9% nel primo semestre del 2013, compensando l’impatto degli aumenti d’affitto negoziati negli anni precedenti e gli aggiustamenti dell’inflazione. Il management ha lavorato attivamente nei primi sei mesi dell’anno per limitare queste spese negli hotel con EBITDA negativo, riuscendo a ottenere la cancellazione quattro accordi di locazione. L’Europa centrale è stata ancora una volta la business unit del Gruppo che cresce più rapidamente, alimentata dall’intenso aumento dei tassi di occupazione delle camere, in rialzo in tutte le città tedesche, con un incremento del RevPar a Monaco di oltre il 20%. I risultati provvisori per i primi mesi estivi indicano una crescita più significativa nel prossimo trimestre.Nonostante un livello di redditività stabile, la business unit Italia ha registrato una crescita del 43,6% di EBITDA e dell’8,1% nel profitto operativo su base comparabile. Vale la pena di sottolineare il margine di miglioramento di questa business unit, che ha già considerevolmente tagliato le sue spese operative.La Spagna rimane il mercato più influenzato dal clima economico sfavorevole, come evidenziato dal sostanziale calo dei ricavi, che non è stato compensato dalla riduzione nelle spese operative. Nonostante questo i ricavi di questa business unit sono migliorati rispetto al primo trimestre, con cadute dei prezzi meno pronunciati.
La business unit Benelux ha visto calare significativamente i suoi ricavi sulla scia di una forte caduta dei prezzi medi. Durante l’anno questa unit ha lavorato per invertire questo trend: l’inversione di rotta è avvenuta a luglio, anticipando un terzo trimestre positivo.
La performance dei ricavi nel mercato chiave America latina è stata fortemente eterogenea. Il Messico spicca con una crescita in termini di RevPar di oltre il 9%, sostenuta da un aumento significativo nel tasso di occupazione delle camere. L’Argentina, invece, ha registrato una performance più debole sia per i prezzi sia per i tassi di occupazione camere, perché la domanda dei suoi due mercati di riferimento (Brasile e Spagna) è crollata. La flessione dell’1,6% nei ricavi in questo mercato è dovuta prima di tutto al deprezzamento del peso argentino. La spirale inflazionistica dell’Argentina continua a far aumentare i costi della business unit nonostante la diminuzione dei ricavi. Le previsioni per il terzo trimestre vedono un miglioramento in Argentina e un mantenimento della buona performance messicana.
Lo sviluppo più significativo che ha influito sul business immobiliare del Gruppo si riferisce a un cambiamento contabile: l’efficacia dal 1° gennaio 2013 del International Financial Reporting Standard 11, Joint Arrangements elimina l’opzione di contabilizzazione con il consolidamento proporzionale per le entità controllate congiuntamente come Residencial Marlin e Alcornoques de Sotogrande che devono, invece, usare il metodo equity. Questo cambiamento ha un impatto significativo sui ricavi del 2013, in quanto i ricavi di queste aziende non sono più inclusi nelle entrate consolidate del Gruppo.Il settore immobiliare ha registrato un ricavo di 4,81 milioni di euro nel primo semestre, rispetto ai 9,64 milioni dell’anno precedente. Nella prima metà del 2013 sono stati siglati accordi per cinque appartamenti al Residencial Marlin per un totale di 1,13 milioni di euro*, rispetto ai 4,49 milioni di euro per 11 case del primo semestre del 2012.Calcolando il cambiamento dei criteri contabili nel primo semestre 2013, i ricavi sarebbero diminuiti del 6,6%, che equivale 0,3 milioni di euro.Sostenuto dai buoni risultati di luglio e agosto, il numero totale di appartamenti venduti arriva a 14.

Posted in Economia, Viaggia | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Asl, si misurano le performance e poi non se ne fa nulla

Posted by fidest on Tuesday, 18 June 2013

Nelle Asl italiane, le misure di performance dei servizi di assistenza primaria si fanno, solo che poi non si utilizzano. È questa l’estrema sintesi dei risultati di una ricerca su 59 aziende sanitarie locali coordinata da Antonella Cifalinò, vicedirettrice del Centro di ricerche e studi in management sanitario (Cerismas). Se ne è discusso nei giorni scorsi a Milano, in una tavola rotonda che ha riunito diversi direttori di Asl e che è stata presieduta da Americo Cicchetti, di rettore dell’Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari (Altems). «Dall’indagine sono emerse essenzialmente due cose» spiega Cicchetti «La prima è che le aziende ritengono che vi siano indicatori per la misurazione delle performance più che sufficienti, ovvero che i flussi di dati per misurare le performance delle strutture dedicate all’assistenza primaria non sono così limitate come si potrebbe pensare. La seconda, e qui sta il problema, è il loro utilizzo: tutti hanno concordato sul fatto che è molto limitato». Le misure di performance dei servizi del primary healthcare risultano presenti nel 92% dell’assistenza medica primaria, nel 90% della farmaceutica territoriale e dell’assistenza domiciliare, nell’85% della specialistica ambulatoriale e dell’assistenza residenziale e semiresidenziale. C’è dunque un potenziale di informazioni non sfruttato. Quali sono i motivi? «È emerso in maniera ch iarissima che è un problema di cultura organizzativa» riferisce Cicchetti. «Su un’altra cosa importante si è rilevata una certa convergenza: c’è poca chiarezza sui modelli organizzativi; mentre negli ospedali è tutto molto chiaro, sul territorio i modelli organizzativi adottati dalle asl non permettono di chiarire in maniera esatta chi fa cosa e chi è responsabile di cosa».
È un peccato, perché in questo modo è difficile innescare processi di miglioramento: «come accade sempre, c’è un po’ di ritrosia al cambiamento organizzativo per la paura delle diverse categorie di perdere il proprio ruolo all’interno di un sistema. Si pensa che il processo di miglioramento colpisca le persone invece di introdurre miglioramenti vantaggiosi per tutti».(fonte doctornews33)

Posted in Medicina | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Luciad Brings High Performance Situational Awareness to the Cloud

Posted by fidest on Thursday, 26 April 2012

Leuvwen, Belgium,(PRNewswire) Luciad, the market leader in high performance visualization, is pleased to announce its support for Cloud based Geospatial Situational Awareness applications and services.Cloud computing is a rapidly emerging technology in the Defense, Security and Aviation domains, and an essential element of Geospatial Situational Awareness applications and services. Cloud computing brings many benefits in terms of flexibility, scalability and cost of maintenance which are essential in today’s world.Luciad has a complete product portfolio that enables the development of Cloud based Geospatial Situational Awareness applications and services. This offering ranges from mobile and web-browser applications to full desktop applications and Geospatial services:
LuciadFusion enables management of large Geospatial data sets which can be offered through the Cloud, for example through the support for standard web services from the Open Geospatial Consortium (OGC).
LuciadLightspeed runs on a user’s desktop or mobile computer and can access data and services in the Cloud. LuciadLightspeed can also be used for Situational Awareness as a Service, by offering its wide range of analysis and visualization capabilities in the Cloud.
LuciadMobile runs on mobile devices and enables in-the-field users to instantly access data and services from the Cloud. LuciadRIA, Luciad’s Rich Internet Application product, enables easy access to Cloud based resources for both data and computing through the web browser.
Luciad is the supplier of choice for leading Systems Integrators, at both the National and International level, for their Situational Awareness applications in mission-critical C4ISR and ATC/ATM systems. Luciad’s International customer base includes AENA, Belgocontrol, Boeing, Cassidian, DFS, EADS, ENAV, EUROCONTROL, FAA, Frequentis, Lockheed Martin, LVNL, NATO, NATS, NavCanada, NLR, Saab, SAIC, Sagem, STNA, Thales and Thales Raytheon Systems.

Posted in Estero | Tagged: , , , | Leave a Comment »

The results of the seventh European HR Barometer

Posted by fidest on Tuesday, 7 February 2012

Royal Palace of Brussels

Image via Wikipedia

London/Brussels,on 21 February in Brussels. Special presentation – Aon Hewitt(, the global human resource consulting and outsourcing business of Aon Corporation (NYSE:AON), has announced that on 21 February it will present the results of its seventh European Human Resource Barometer(, the survey of senior HR professionals from leading companies in Europe. The event will take place in Brussels at the premises of the European Club for Human Resources (EChr), Avenue de Cortenbergh, 168. The survey, which Aon Hewitt conducted in partnership with the EChr, took place between December 2011 and January 2012 and gained views from more than 50 leading organisations from a wide range of industries and executives across Europe. The event in Brussels on 21 February will be an opportunity to review new pan-European trends and perspectives emerging from the survey results, and in particular:
the changing business drivers and priorities of people management for 2012 to 2014;
the impact of actions taken to face a volatile economic environment, new investment plans and HR leaders’ expectations for 2012;
an assessment of the performance of HR-related activities and changes foreseen in the respondents’ organisations; and
the priorities expressed by HR leaders for changes to the EU policy agenda for overcoming unemployment and skills mis-matches.
Leonardo Sforza, head of Research at Aon Hewitt and chair of the EChr Scientific Committee will give a preview and analysis of the HR Barometer results. Jean Dominique Perret, senior vice-president for Human Resources and member of the board at Rexel, will share his board’s perspective for translating the learnings from the 2012 survey results into more efficient corporate practices. Leonardo Sforza, who has pioneered the HR Barometer since its launch in 2005, said:
“This year’s results will yield fresh insights to the business community and to EU policy makers on the key challenges faced by people managers in a tough economic environment. The results will also shed more light on the changes in management approaches that are required to strengthen the impact and adequacy of HR practices in the pursuit of sustainable business performance.”

Posted in Estero | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Traporto e mobilità sostenibile

Posted by fidest on Friday, 18 November 2011

Assalto al treno

Image by Luigi Rosa via Flickr

Milano – Sodexo Motivation Solutions, leader mondiale nelle Soluzioni per la Qualità della Vita Quotidiana punta alla valorizzazione e al sostegno delle pratiche di responsabilità ambientale, e per farlo sceglie di coinvolgere le aziende milanesi, “responsabili” dei tanti pendolari che dalle aree urbane ed extraurbane si spostano al mattino per raggiungere il luogo di lavoro. Il progetto, realizzato in collaborazione con ATM si chiama Pass Mobility e ha rappresentato uno dei punti chiave della tavola rotonda tenutasi oggi al “Mobility & Business Travel Day” organizzato da Acquisiti & Sostenibilità presso la prestigiosa location dell’ Hotel Nhow. Un evento ideato per esplorare e condividere le iniziative di sostenibilità in corso nel settore della mobilità e del business travel, analizzando tecnologie, idee e nuovi progetti.
Attualmente sono già 100 le aziende coinvolte per oltre 2.500 dipendenti che utilizzano il servizio. Pass Mobility è una soluzione pensata con l’obiettivo primario di garantire il benessere e la motivazione dei lavoratori e che permette inoltre una gestione dei trasporti casa-lavoro in un’ottica eco-sostenibile e a basso impatto ambientale. Il servizio Pass Mobility si sostanzia quindi in abbonamenti annuali a tariffa dedicata da utilizzare sull’intera rete ATM per tragitti andata e ritorno tra casa e luogo di lavoro; esiste inoltre la possibilità di sottoscrivere un’Integrazione Full ai suddetti abbonamenti, per poter usufruire del servizio anche durante il tempo libero. Grazie a Pass Mobility le imprese potranno motivare i propri dipendenti contribuendo ai loro costi di trasporto da casa al luogo di lavoro e viceversa: il dipendente è sollecitato a rinunciare al trasporto con mezzo proprio, optando per il servizio pubblico offerto dall’azienda (totalmente o in quota parte), con evidenti vantaggi ambientali derivanti dalla diminuzione del traffico e dell’inquinamento atmosferico. “La motivazione e il rispetto per l’ambiente sono il punto di partenza di Pass Mobility” spiega Paolo Corno, Sales&Marketing Director di Sodexo Motivation Solutions. “Questo progetto dimostra l’impegno di Sodexo e ATM a favore dei lavoratori, che devono sentirsi parte attiva della propria azienda. Offrire il trasporto casa-lavoro equivale a migliorare la vita del dipendente, ma anche l’ambiente cittadino grazie alla diminuzione del traffico in favore dei mezzi pubblici con un considerevole calo delle emissioni di CO2”. Anche le aziende possono impegnarsi attivamente contro l’inquinamento” afferma Paolo Corno “e il primo passo è sicuramente incentivare i propri dipendenti all’uso dei mezzi pubblici. Oltre a sottolineare gli aspetti di sostenibilità ambientale Sodexo Motivation Solutions Italia, è da sempre convinta che la motivazione sia la chiave per aumentare e migliorare le performance all’interno di un’organizzazione. Quality of Daily Life Solutions, non solo come dichiarazione e pay off aziendale ma vera e propria filosofia e valore che ispira tutte le attività e dà vita ai servizi. Le soluzioni Sodexo hanno come obiettivo primario il benessere e l’impegno degli individui per ottimizzare lo sviluppo e le performance dei clienti. Un’offerta completa e integrata, dalla costruzione alla gestione di strategie e programmi di motivazione personalizzati fino alla fornitura di vantaggi e premi sviluppati per incrementare l’incentivazione e il benessere. Il ventaglio di servizi proposti contribuisce inoltre ottimizzare e migliorare il rendimento e i vari processi produttivi perché opera sulle persone assegnate a questi processi. Partendo dall’ascolto e dall’analisi delle necessità del cliente, per rispondere ai reali bisogni dei beneficiari, Sodexo propone idee e strumenti sempre nuovi per gestire al meglio la relazione fra azienda e personale.
In Italia, Sodexo, che conta oggi oltre 12.000 dipendenti, dal 1974 fornisce soluzioni globali di servizio On-Site a differenti tipologie di clienti: Aziende, Scuole, Sanità e Senior e soluzioni di Motivazione tramite la gestione di benefit per le risorse umane, programmi di incentive e gratificazione e servizi di assistenza sociale (fra i quali, il buono pasto Pass Lunch, Pass Mobility, Pass Gift, Pass Promotion e Pass Assistance)
Sodexo, leader mondiale nelle Soluzioni per la Qualità della Vita Quotidiana La Qualità della Vita gioca un ruolo importante nel progresso degli individui e nella performance delle aziende. Basandosi su questa convinzione, Sodexo è il partner strategico per aziende e istituzioni che pongono al primo posto performance e benessere, così come ha fatto Pierre Bellon quando fondò l’azienda nel 1966. Condividendo la stessa passione per il servizio, i 380.000 collaboratori in 80 paesi, progettano, gestiscono e forniscono un ventaglio di Soluzioni di Servizio On-site e di Soluzioni di Motivazione senza pari. Sodexo ha creato una nuova forma di business di servizio che contribuisce alla realizzazione dei dipendenti e allo sviluppo economico, sociale e ambientale delle comunità, delle regioni e dei paesi in cui opera.

Posted in Economia, Spazio aperto | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Trina Solar in Formula 1: Lighting the way…

Posted by fidest on Saturday, 24 September 2011

robot for solar industry

Image via Wikipedia

A worldwide leader in the global solar industry, the Chinese-based company is also one of the top companies in this field with regards to corporate social responsibility. Trina Solar has a global distribution network in more than twenty countries and believes that Formula 1 may serve as the pinnacle showcase for green technology thinking – proving that performance does not have to be compromised by environmentally-effective solutions. This coming weekend, the spectacular Singapore F1 night race will be screened to millions of viewers marvelling at the impressive track – which is illuminated by more than 1500 projectors. More than 108 km of cable, which is twenty times the length of the circuit, has been strategically placed between 230 steel pylons with 12 twinpowered generators combining an output of a staggering 3.2 million-watt – the equivalent to lighting up 70 football stadiums. The lighting is four-times brighter than a typical stadium with enough blanket coverage to eliminate any shadows cast from the vehicles on the track – but it is this sort of technology Trina Solar believes it could help develop in the future. “In most cases wherever you have electric, there is an opportunity for solar energy to be used instead. Trina Solar are already providing technology and solar power to large scale installations around the world. It is a big undertaking but it is absolutely possible. With Trina Solar, you get the best $/kWh and large-scale projects is what we constantly look at”, said Dr. Haiyan Sun, Trina Solar‟s Vice President of Sales for the APAC/MEA region. The long term future of motorsport, including circuit facilities, may rely on renewable energy sources, and although solar energy may never be the primary source of power on an F1 car, solar power is one technology that may prove inevitable as part of the sport‟s ecosystem and environmental solution. “Our panels have shown superior performance time and again in independent tests around the world”, states Dr. Sun.
In 2010, Trina Solar launched a strategic partnership with the Lotus Renault Grand Prix F1 Team because of their demonstrated commitment to green automotive technologies.This engagement is in line with the Renault group‟s philosophy of providing “sustainable mobility for all”. Renault and the Lotus Renault GP Team represent the ultimate in „green‟ automotive innovation, contributing to the development and deployment of electric cars, more efficient engines, biofuels, and other cutting-edge racing technologies. Trina Solar and Lotus Renault GP have been working together to incorporate solar and other sustainable technologies into the Team‟s activities, both on and off the track. Most recently, this includes having installed a 1.8 kW solar system on the high-spec Lotus Renault GP motorhome, allowing the monitoring of how the system impacts the environment in tangible terms.
The company works alongside Lotus Renault GP and F1 to bring renewable energy to motorsport and opening the door for a range of other industries to progress along the path towards sustainability. “This is the basis for Trina Solar‟s engagement with The Lotus Renault GP team – a partnership that is poised to raise awareness of „green‟ technologies and demonstrate how solar energy can be a commercially viable solution globally today, and in the years to come”, states Dr. Sun.

Posted in Economia, Estero | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Torino: body art al Regio

Posted by fidest on Monday, 4 July 2011

Le performance dell’artista italo-ucraina Natali Grunska sono sempre più gettonate e, pur essendo ormai note al pubblico le sue esibizioni, è impossibile non stupirsi davanti a tanta eleganza e bellezza. Questa volta l’abilità della talentuosa pittrice nata a Kiev ma residente nel milanese è approdata nella prestigiosa cornice del Teatro Regio di Torino per partecipare a “Le stagioni della vita”, evento benefico organizzato nel foyer dell’edificio a favore dell’associazione NoPain, onlus impegnata nella cura della malattia del dolore. La performance della giovane ucraina, vincitrice di un importante premio artistico in patria all’età di soli 8 anni, si è svolta a conclusione di una ricca serata di eventi alla quale hanno partecipato autorità, imprenditori e ospiti vip. Modella d’eccezione l’affascinante Amanda De Mar, neovincitrice del titolo nazionale di Miss Cinema Milano, che aveva già avuto modo di collaborare con Natali in occasione di varie iniziative legate al concorso Miss Italia. Sempre più apprezzata, la body art è un modo alternativo di fare arte. Dipingere il corpo, trasformarlo in una sinuosa tela che prende forma, catturando pienamente l’attenzione degli spettatori.

Posted in Cronaca, Recensioni | Tagged: , , , | Leave a Comment »

Artigianato veneziano, +5,4% il fatturato

Posted by fidest on Thursday, 9 June 2011

Il dato statistico fatto segnare dal secondo semestre 2010 si assesta infatti al +5,4%, che fa seguito al +0,3% dei primi sei mesi dello scorso anno: una crescita incoraggiante dopo le congiunture negative della seconda e della prima parte del 2009 (-7,2% e -8,2%). Le performance migliori vengono espresse soprattutto dal settore dell’abbigliamento, che balza dal -1,4% del primo semestre 2010 al +22,8% dei secondi sei mesi dell’anno, e da quello delle calzature, che conferma il trend positivo assestandosi al +21,1%. Crescita significativa anche per il vetro (da +3,6% a +10,6%), la meccanica (da +8,7% a +11,7%), gli impiantisti (da -0,3% a +4,6%) e i trasporti (da +4,1% a +7,2%). Da segnalare anche il ritorno al “segno più”, dopo molti semestri negativi, del comparto dell’edilizia (+5,9%), anche se i servizi ad essa legati scontano ancora la crisi economica, assestandosi al -4,4%. Passo del gambero, invece, per il settore del legno, sceso dal +1,7% del primo semestre 2010 al -0,3% della seconda parte dell’anno. Più in generale, la crescita del fatturato interessa tutti i comparti: in primis le imprese del manifatturiero (+8,0%) e, a seguire, quelle delle costruzioni (+4,5%, dopo il -3,2% della prima metà del 2010) e del terziario (+4,1%). Nel territorio provinciale la palma del “migliore” spetta al mandamento di Mirano con +17,9%, seguito da Chioggia e Dolo entrambi con +8,7%. Fanno da contraltare il -2,0% di Portogruaro e il -0,3% di San Donà di Piave. Nonostante la ripresa economica si affacci con forza sull’artigianato veneziano, gli imprenditori dimostrano però di avere ancora il “freno a mano tirato” in tema di investimenti strutturali (in prevalenza per l’acquisto di macchinari), che segnano infatti un netto -28,7% nella seconda parte del 2010. In testa il settore degli alimentari (-79,4%), seguito dai servizi (-62,8%), dalla meccanica (-61,8%) e dalla grafica (-61,5%). Segno decisamente positivo, invece, per l’abbigliamento (+291,1%), seguito dalle calzature (+97,2%).
Il report di Confartigianato provinciale di Venezia evidenzia, a fianco di una risalita complessiva del fatturato delle PMI, una flessione degli investimenti strutturali e una conseguente contrazione degli oneri finanziari pari al -19,8%, risultato che, seppur negativo, “migliora” in parte il -33,7% del primo semestre 2010. Gli oneri finanziari sono i costi sostenuti dall’impresa per l’ottenimento di finanziamenti: si tratta di interessi ed altri costi degli istituti di credito (spese e commissioni bancarie) legati ad operazioni finanziarie quali interessi passivi su mutui, prestiti, fidi, anticipo fatture, oltre alle perdite su cambi e titoli e a interessi passivi verso altri (esempio fornitori, erario, interessi di mora). I settori in cui gli oneri finanziari sono scesi maggiormente in provincia di Venezia sono quello del vetro (-38,2%), degli alimentari (-34,8%), degli impiantisti (-32,5%) e dei servizi all’edilizia (-23,8%). Segno “più”, invece, per grafica (+8,7%), calzature (+2,7%) e abbigliamento (+2,2%). Per quanto riguarda i mandamenti, guida il gruppo quello di Mirano (-36,0% di oneri finanziari nel secondo semestre 2010) seguito da San Donà di Piave (-26,8%) e Portogruaro (-24,9%). Risulta in calo del 19,5% il ricorso alle formule di leasing da parte delle PMI per l’acquisto di prodotti e/o macchinari utili al lavoro d’azienda. In primis il settore degli impiantisti (-432,2%) e dell’abbigliamento (-41,2%). Ribaltamento positivo invece, tra gli altri, per i servizi alla persona (+78,3%). Il periodo di crisi economica ancora in fase di superamento, con le problematiche aziendali che ne conseguono, si riflette infine sullo stock delle imprese artigiane veneziane, il cui numero continua a registrare una contrazione, che riguarda però i comparti del manifatturiero e delle costruzioni e non quello sempre più rilevante dei servizi. Le aziende artigiane in attività in provincia di Venezia nel secondo semestre 2010 risultano pari a 20.935 unità, contro le 21.023 censite nella prima metà dello scorso anno

Posted in Economia | Tagged: , , , | Leave a Comment »


Get every new post delivered to your Inbox.

Join 1,144 other followers