Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘permesso’

Detenzione armi, visita medica e rilascio certificato obbligatorio ma italiani riluttanti

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

rapinaDovevano mettersi in regola con una visita medica e un passaggio in questura. Ma forse non lo sapevano o lo hanno dimenticato: tanti italiani detentori di armi ancora non hanno intrapreso l’iter imposto dalla legge comunitaria che prevede visita medica e rilascio di un certificato in Questura. E ora rischiano che la forza pubblica venga in casa loro a confiscare le armi. In alcune aree d’Italia i commissariati stanno inviando le diffide ai “renitenti”. Nel Tigullio il Questore ha spedito le lettere a 1300 cittadini: su 1800 possessori d’armi solo 500 si sono recati al Commissariato e hanno ottenuto il permesso. «Stiamo parlando di Chiavari Asl 4 – dice Angelo Canepa segretario Fimmg Genova leggendo l’articolo sul Secolo XIX- ma da noi a Genova città Asl 3 sono censiti 89 mila detentori, che dovevano per prima cosa recarsi dal medico di famiglia in base alle disposizioni del decreto legislativo e che non abbiamo visto. A occhio e croce staremmo aspettando 70 mila nostri pazienti per l’adempimento». Certo «si tratta di certificati libero professionali, nulla hanno a che vedere con l’attività convenzionata. E molti miei pazienti quando li ho avvertiti del nuovo iter mi hanno detto che preferivano consegnare direttamente le armi in questura e qualcuno credo lo abbia fatto».Secondo il decreto 121 del 2013 che recepisce la direttiva dell’Unione Europea 51 del 2008 tutti i detentori di armi regolarmente denunciate, situate in casa o in loro proprietà, ora sono tenuti a far produrre al medico di famiglia il certificato anamnestico che attesta l’assenza di problemi relativi alla capacità d’intendere e di volere o di abuso di alcol e stupefacenti, e poi a recarsi con il certificato dal medico del servizio medico legale Asl o militare o di Polizia o dei vigili del fuoco per il rilascio del nulla osta a detenere l’arma. Si può evitare il rinnovo dell’idoneità psicofisica se il certificato d’idoneità è stato rilasciato nei sei anni precedenti. Il documento prima non era richiesto. I dipendenti dei commissariati però sarebbero troppo pochi per i tanti controlli che si devono effettuare. «Sarebbe opportuna una campagna di sensibilizzazione sui media – dice Canepa – ma a chi spetta? Non al medico curante, non all’Asl né al sindaco, probabilmente alla Questura». Un rapido calcolo porta a stimare nelle zone come Genova almeno un cittadino su dieci con arma detenuta. La situazione non va confusa con il porto d’armi, per il quale il certificato da rinnovare ogni sei anni è obbligatorio. E viene richiesto dalle armerie per tutti coloro che intendono acquistare un’arma da fuoco. «Ma altra cosa – commenta Canepa – è l’archibugio ereditato nella casa di campagna. Più frequente di quanto non si pensi». (fonte doctor33)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati e permesso di soggiorno

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2010

Dichiarazione del Senatore Radicale Marco Perduca: “I Radicali casertani, Radio Radicale e oggi il sottoscritto son stati oggi gli unici soggetti politici presenti alla marcia dei partecipanti
allo “sciopero delle rotonde”. La mobilitazione, che dalla settimana prossima si spostera’ a Roma per incontri in Parlamento e un’assemblea pubblica venerdi’ 15 a Santa Maria Maggiore, chiede, tra le altre cose, che venga ampliata la platea delle regolarizzazioni con permesso di soggiorno dei cittadini non italiani oggi lavoratori saltuari in Italia. Come Radicali mettiamo a disposizione della rete anti-razzista la nostra presenza nelle due Camere per presentare un quadro normativo che possa andare incontro alle esigenze di migliaia di persone che vogliono vivere in Italia lavorando nella legalita’ che puo’ consentire loro una vita dignitosa. La nostra presenza e impegno proseguiranno anche nelle prossime settimane quando gli amici del casertano saliranno a Roma.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati: metà colf senza permesso

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 settembre 2010

Ci sono file in tutta Italia allo Sportello Colf di Contribuenti.it – Associazione contribuenti italiani per ricevere informazioni in merito alla regolarizzazione della propria colf. Ad un anno esatto di distanza, oltre 300mila lavoratori domestici immigrati sono ancora in attesa di essere convocati dalle questure per firmare il contratto di lavoro necessario per ottenere il permesso di soggiorno. La denuncia arriva da Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani che con Lo Sportello Colf assiste tutte le famiglie e i lavoratori domestici alla prese con la regolarizzazione fiscale e previdenziale. In Italia la questura di Latina ha il record assoluto negativo con il 22,71% delle colf che ha potuto sottoscrivere un contratto. Seguono Napoli con il 23,76% e Torino con il 27,83% delle pratiche lavorate. La media nazionale è fallimentare: i cont ratti sottoscritti sono stati circa 174 mila su quasi 300mila domande presentate. Vale a dire che circa il 41% delle famiglie non ha potuto sottoscrivere il contratto con la propria colf. Tra le provincie che hanno superato l’80% figurano Aosta, Campobasso, Pescara, Isernia, Imperia, Modena, Mantova, Udine, Terni e Matera.
“In Italia esistono almeno 560.000 richieste di colf e baby sitter che non si riescono ad evadere – afferma Conny Buonomano responsabile dello Sportello Colf di Contribuenti.it – Con l’attuale crisi economica, il settore del lavoro domestico è l’unico che registra un saldo positivo del 12% annuo e garantisce lavoro ad oltre un milione di italiani” Dal punto di vista geografico, le maggiori richieste di Colf e Baby sitter si registrano nel Centro-Sud del Paese con 180 mila posti liberi, seguito dal Nord est con 150 mila, Centro con 120 mila, Nord Ovest con 110 mila. Per tutti i contribuenti, l’Associazione Contribuenti Italiani ricorda che ha raddoppiato per l’o ccasione i funzionari dello Sportello Colf e potenziato il servizio on line attivo sul sito internet http://www.contribuenti.it. Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ingresso dei lavoratori extracomunitari stagionali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 aprile 2010

Saranno ammessi in Italia, per motivi di lavoro stagionale, 80.000 unità, da ripartire tra le regioni e le province autonome. È quanto prevede il Decreto, pubblicato il 20 aprile 2010 in G.U. Fino al 31 dicembre 2010, i datori di lavoro possono presentare on line le domande di nulla osta. La quota riguarda: lavoratori subordinati stagionali non comunitari di Serbia, Montenegro, Bosnia-Herzegovina, Repubblica ex Jugoslava di Macedonia, Kosovo, Croazia, India, Ghana, Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka e Ucraina; lavoratori subordinati stagionali non comunitari di Paesi che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere accordi di cooperazione in materia migratoria: Tunisia, Albania, Marocco, Moldavia ed Egitto; cittadini stranieri non comunitari titolari di permesso di soggiorno per lavoro subordinato stagionale negli anni 2007, 2008 o 2009. Come anticipazione della quota massima per l’anno 2010, è consentito l’ingresso di 4.000 cittadini stranieri non comunitari residenti all’estero, per motivi di lavoro autonomo, appartenenti alle seguenti categorie: imprenditori, liberi professionisti, soci e amministratori di società non cooperative, artisti di chiara fama internazionale e di alta qualificazione professionale ingaggiati da enti pubblici e privati, nonché artigiani purché provenienti da Paesi extracomunitari che contribuiscono finanziariamente agli investimenti effettuati dai propri cittadini sul territorio nazionale. All’interno della quota sono ammesse, sino ad un massimo di 1.500 unità, le conversioni di permessi di soggiorno per motivi di studio e formazione professionale in permessi di soggiorno per lavoro autonomo. Nell’ambito della quota, in considerazione del Trattato Italia-Libia, sono ammessi, per motivi di lavoro autonomo, 1.000 cittadini libici. Come ulteriore anticipazione della quota massima di ingresso, sono ammessi 2.000 cittadini stranieri non comunitari residenti all’estero che abbiano completato programmi di formazione ed istruzione nel Paese di origine. Dossier “Ingresso dei lavoratori extracomunitari stagionali nel 2010”

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cure palliative

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 marzo 2010

L’Associazione Scienza & Vita esprime il proprio plauso per l’approvazione alla Camera dei Deputati del ddl che garantisce l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.  “Questa legge rappresenta la risposta tangibile a qualsiasi forma di abbandono – commenta il copresidente Lucio  Romano – e riporta al centro la dignità dell’essere umano, in particolare nel momento della sua massima fragilità”. “L’aver posto le cure palliative e la terapia del dolore tra gli obiettivi prioritari del Piano sanitario nazionale,  rivela l’importanza e la necessità di una legge che va a operare in un ambito delicatissimo qual è quello della cura  della persona”. “Il valore e il significato di questo provvedimento – conclude Lucio Romano – hanno permesso che si  raggiungesse un risultato condiviso, espressione di un’amplissima maggioranza trasversale e testimonianza di civiltà  assistenziale e di presa in carico della sofferenza”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Procreazione assistita

Posted by fidest press agency su domenica, 7 marzo 2010

Oggi una coppia italiana su 7 è infertile, 55.437 sono quelle che hanno intrapreso un percorso di procreazione assistita nel 2007, 10.000 i bimbi nati. Un successo, considerato che nel nostro Paese l’età media delle pazienti che utilizzano queste tecniche è di 36 anni e un parto su 4 avviene in ultraquarantenni, con percentuali di riuscita decisamente più basse. Il cammino è iniziato 50 anni fa, con la scoperta delle gonadotropine, sostanze utilizzate in tutto il mondo per stimolare ovaio e testicoli e indurre la gravidanza. In Italia sono state usate in oltre 200.000 cicli, nel solo triennio 2005-2008, per trattare donne con difficoltà di concepimento; così la stimolazione ovarica ha permesso a oltre 21.000 bambini di venire alla luce. È un bilancio tutto positivo quello della scoperta del Prof. Bruno Lunenfeld, ancora oggi alla base delle tecniche per la procreazione medicalmente assistita.
“Lunenfeld fu pioniere nel trattamento  basato su queste sostanze in grado di indurre ovulazioni e ottenere così il concepimento di un figlio da parte di coppie infertili – spiega il Prof. Genazzani – Ha seguito nei decenni l’evoluzione di questo settore, interpretando le varie applicazioni e consentendo a tutto il mondo scientifico di avere una visione generale su efficacia e sicurezza di queste sostanze, ad oggi le sole in grado di far maturare il follicolo ovarico, creando così i presupposti per il concepimento e la nascita di un bambino.” La storia inizia nel secolo scorso. “Negli anni sono stati affinati i processi di purificazione e l’efficacia del prodotto ha potuto essere verificata nel tempo – spiega il Prof. Lunenfeld, – consentendo di testarne l’utilità nell’infertilità, con l’importante azione di stimolazione follicolare, e la sicurezza”.
I livelli di purificazione delle gonadotropine di origine umana raggiunti sono infatti assoluti, le tracce di possibili contaminanti sono talmente minime da non avere mai causato danni pur essendo state utilizzate in milioni di casi. Le donne trattate con quelle di derivazione urinaria per infertilità sono state osservate per decenni dopo la terapia e mai  è stato riportato in letteratura un solo problema relativo a contaminanti. Questo vale anche per l’utilizzo delle gonadotropine ricombinanti. Per quanto riguarda la sicurezza delle gonadotropine di estrazione urinaria, dopo quasi 40 anni di commercializzazione posso affermare che non si sono osservati casi di trasmissione di malattie; è un rischio più ipotetico che reale, e d’altra parte le tecniche di estrazione si sono molto affinate e l’agenzia del farmaco, che ne monitora l’utilizzo, non ha mai rilevato problemi. E i risultati ottenuti, in termini di gravidanze, sono buoni”. Metodiche sempre più ricercate, un numero crescente di successi e controlli sulla sicurezza anche a distanza di molti anni sono oggi elementi capaci di dare speranze e tranquillità a molte coppie infertili. Ma gli esperti sottolineano, ancora una volta, di non aspettare troppo per affrontare una gravidanza. . Il mio consiglio  – conclude il Prof. Genazzani – è ‘lavorare’ sui giovani per creare la consapevolezza che non tutto è possibile, che ognuno è libero di scegliere, ma che la biologia continua, pur con gli enormi progressi della medicina, ad imporci le sue leggi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

L’inganno

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 marzo 2010

Varie sono le correnti che illudono, ingannano o incantano, come la maga Circe, l’uomo di essere Assoluto, per ridurlo poi al misero stato di maialino. L’antropocentrismo naturalista, che ci venne suggerito nell’Eden “eritis sicut Dii” da chi aveva gridato “non serviam!”. La cabala esoterica madre di ogni gnosi occultistica, che fa di Israele una divinità, onde Dio è malvagio, avendo permesso la distruzione del tempio (70 d.C.), l’espulsione dalla Spagna (1492) e la ‘shoah’ (1945). Purtroppo ci si è messo anche il concilio Vaticano II, sulla scia di Teilhard de Chardin, cfr. Gaudium et Spes n° 14 e 24e Giovanni Paolo II in Dives in misericordia n°1 ha scritto che uno dei punti più importanti e forse il più importante dell’ultimo Concilio è l’aver fatto coincidere antropocentrismo e teocentrismo. Ma “ponere duos fines absurdum et haereticum esse”. Infatti, il fine ultimo o il centro per definizione è uno solo, lo scisso, “s-doppiato”, “s-centrato”, “s-finalizzato” o lo schizofrenico, tendono ad avere due fini e due centri ed è proprio ciò che li rende malati. Un cerchio ha un solo centro, se ve ne fossero due sarebbe mal cerchiato, parimenti vi può essere un fine prossimo e uno ultimo, ma mai due ultimi e diversi, altrimenti uno sarebbe pen-ultimo, “per la contraddizion che nol consente”. Ebbene il Vaticano II, per ammissione di Giovanni Paolo II, ha perso il centro, è una contraddizione nei termini. (Curzio Nitoglia)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La rabbia della gente

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 agosto 2009

Lettera al direttore Questo Paese è fallito per la sua vergognosa classe politica e dirigente. Non può esserci libertà con chi l’ha calpestata per interessi di fazione e ancor più personali. Non può esserci giustizia se non si ha l’aspirazione alla verità. Quante volte la verità è stata vilipesa dalla giustizia. Lo sforzo, penso, debba essere invece rivolto a costruire qualcosa fuori dagli impestati e virali sistemi che hanno ridicolizzato un Paese, che hanno permesso alla mafia di proliferare, che hanno depresso le menti e cacciato i cervelli… considerato la meritocrazia uno zerbino. Una classe politica che ha incamerato fallimenti a catena, che ha saccheggiato l’ambiente, le risorse, le menti… ha messo una nazione allo sfascio etico, prima ancora che economico.  La caduta dell’Impero Romano è stata causata dal fatto che l’élite di Roma non riuscì a proporre un nuovo modello di sviluppo. Ditemi che ha saputo fare questa élite se non tutelare i propri interessi a danno del Paese? Loro avevano accesso all’utilizzo del debito pubblico… e che ne hanno fatto? Guardate solo ora come hanno affrontato il crack finanziario mondiale! Col debito pubblico hanno finanziato le banche, cioè loro stessi, e tutelato i loro capitali. Hanno finanziato chi ha prodotto il danno! Può essere un modello per una società etica, solidale e sostenibile? Il nuovo può nascere solo dalle coscienze individuali, da un nuovo senso di consapevolezza, conoscenza, tenuta etica e responsabilità. La nuova società si sta già formando fuori dagli schemi degli attuali partiti che rappresentano solo se stessi e il peggio… della nostra Italia. (Luigi Boschi)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il caso della blogger Yoani Sanchez

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 maggio 2009

“E’ vergognoso che il Governo cubano neghi a un proprio cittadino di partecipare a un evento internazionale come la Fiera del Libro di Torino”: è quanto dichiarato dall’On. Gianni Vernetti, Deputato del Partito Democratico e già Sottosegretario agli Affari Esteri. “La blogger Yoani Sanchez potrà solo intervenire telefonicamente, il che dimostra quanto la libertà d’espressione e i diritti fondamentali degli esseri umani siano considerati dal regime castrista, che vieta ai suoi cittadini perfino di accedere liberamente a internet”.  “Ho presentato un’interpellanza urgente – ha concluso l’On. Gianni Vernetti – con la quale ho chiesto al Governo italiano di mettere urgentemente in atto le giuste e necessarie pressioni nei confronti delle autorità cubane per fare in modo che alla scrittrice Yoani Sanchez sia permesso di lasciare il suo Paese e di venire a presentare il suo libro in Italia”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »